Femminismo e teoria femminista

Active filters

Il coraggio delle donne

Maraini Dacia
Il Mulino

Disponibile in libreria

14,00 €
«Ci chiedevamo a che punto eravamo, che giudizio dare dei vecchi e dei nuovi movimenti femminili, quante delle nostre speranze si erano realizzate e quanto restava ancora da fare. In quelle discussioni su un punto ci trovavamo pienamente d'accordo, l'ammirazione per lo straordinario coraggio di donne di ogni tempo per l'affermazione di sé stesse e per i sacrifici compiuti nel cammino di emancipazione e liberazione del genere femminile» (Chiara Valentini a Dacia Maraini). Dopo secoli e anzi millenni di società patriarcali in cui sono rimaste in stato di minorità, subalterne agli uomini, senza diritti, senza identità sociale propria, nell'ultimo secolo le donne sono venute compiendo la loro rivoluzione. Ma stereotipi e ostilità continuano a essere d'ostacolo e anzi oggi sono molti i segnali che indicano come nessuna conquista possa essere data per acquisita. Due intellettuali, due amiche con alle spalle una vita di impegno e militanza sulla questione femminile riflettono insieme sul lungo cammino percorso e con una vivida serie di ritratti di donne esemplari onorano le tante che con il loro coraggio ne hanno segnato il procedere.

Feminist art. Le donne che hanno...

Grande Valentina
Centauria

Disponibile in libreria

19,90 €
Gli anni Sessanta e Settanta sono gli anni dei movimenti per i diritti civili, della guerra in Vietnam, della contestazione studentesca e del Movimento di Liberazione della Donna. In questo periodo storico le donne prendono coscienza della misoginia, ovvero di contesti culturali nei quali il loro lavoro sottovalutato, la loro arte ampiamente ignorata e i loro corpi idealizzati a dismisura, disprezzati o assoggettati a una strumentalizzazione politica. Tutto cisfocernella protesta del 1968 durante il concorso di Miss America ad Atlantic City. Le contestatrici femministe si spogliano di indumenti simbolo della sottomissione femminile: reggiseni, giarrettiere, calze e scarpe e danno loro fuoco per protestare contro i canoni ristretti della bellezza femminile. Da qui parte il racconto di questo graphic novel dedicato alla Feminist Art, che ci racconta la complessite le protagoniste (da Yoko Ono a Nan Goldin, da Cindy Sherman a Marina Abramovich) di un movimento complesso ma fondamentale per capire la storia dell'arte. E attraverso le parole e i monologhi interiori di artiste come Judy Chicago, Faith Ringgold, Ana Mendieta e delle Guerrilla Girls si rivivono i momenti fondamentali che hanno portato a una nuova storia dell'arte.

Il corpo elettrico. Il desiderio...

Guerra Jennifer
Tlön

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Canto il corpo elettrico / le schiere di quelli che amo mi abbracciano e io li abbraccio / non mi lasceranno sinchnon andrcon loro, non risponderloro / e li purificher li caricherin pieno con il carico dell'anima. CosWalt Whitman racconta il corpo umano in "Foglie d'Erba": inizio e limite di ogni nostra azione, primo confine dell'universo. Oggi il corpo messo al centro del dibattito nella societcontemporanea quello della donna, che si fa terreno simbolico, campo sui cui combattono forze diverse e in contrapposizione. In "Il corpo elettrico" Jennifer Guerra traccia un percorso che parte dall'autocoscienza del corpo femminile e arriva fino ai gender studies contemporanei, per recuperare i concetti e le lotte femministe e adattarle al nuovo millennio: il personale che politico, l'autocoscienza che passa dal desiderio e la Sorellanza, attraverso l'educazione sessuale e l'inclusione delle persone trans e non binarie. Al centro di questo percorso il corpo ribelle e desiderante, il Soggetto da cui dovremmo ripartire, l'unico bene che nessuno putoglierci.

Decolonialit? e privilegio....

Borghi Rachele
Meltemi

Non disponibile

20,00 €
Per uscire dal colonialismo non ci si pulimitare a decostruire, ma bisogna trovare il modo di agire per trasformare il mondo. Non creare un nuovo paradigma ma distruggere i paradigmi esistenti. Quante volte hai pensato a cosa ci sia dietro la parola "scientifico"? Quante volte hai dato per scontato che la scientificitdi un sapere valesse per tutti, ovvero fosse universale? La cultura europea ha stabilito quale fosse il sapere scientifico, da considerare l'unico vero, creato in relazione a epistemi occidentali. Tutto il resto stato poi derubricato a sapere subalterno. L'accademia occidentale deve rinunciare al privilegio di produrre il discorso dominante. A partire dalla sua esperienza personale, Rachele Borghi ci racconta com'possibile dare battaglia alla colonialit

Appunti per un dizionario delle amanti

Wittig Monique
Meltemi

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Il libro che avete tra le mani l'ironica risposta alla richiesta da parte della casa editrice francese Grasset di scrivere un dizionario del femminismo. Gli "Appunti per un dizionario delle amanti", nati come brouillon, come bozze, note in fieri, appunti per un dizionario ancora tutto da scrivere, tratteggiano e arricchiscono il mondo giimmaginato da Wittig ne "Le Guerrigliere" (1969) e che qui ritorna attraverso uno spregiudicato e innovativo uso della lingua. In questo dizionario i miti vengono ripresi, la storiografia rivista, il mondo riscritto attraverso una serie di lemmi le cui definizioni canoniche lasciano spazio a visioni utopiche, lesbiche, ironiche e oniriche che ribaltano i simboli e i significati del sistema eteropatriarcale.

Abbecedario della differenza....

Ceresa Maria Cristina
Nottetempo

Disponibile in libreria in 3 giorni

8,00 €
Questo libro nasce dalla volontdi ricordare e rinnovare l'impegno di Alice Ceresa nello scardinare parola per parola l'"ineguaglianza tra le ineguaglianze, quella fra uomini e donne". Filosofi, filosofe, scrittrici, scrittori, poeti e poetesse hanno contribuito alla redazione libera dei lemmi che compongono questo Abbecedario, nel quale si trovano anche due voci inedite della Ceresa stessa, Deserto e Prossimo. Questo testo, insieme con la nuova edizione de Il piccolo dizionario, contribuisce a dare nuova energia all'opera e all'impegno di una pensatrice chiave del '900 italiano, vicina ad altre grandi scrittrici come Elsa Morante, Anna Maria Ortese, Paola Masino, Alba de Cpedes, Natalia Ginzburg.

Un percorso a spirale. Teologia...

Green Elizabeth E.
Claudiana

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,90 €
«La rivoluzione nonviolenta delle donne ha portato enormi cambiamenti, tanto che il patriarcato è stato dichiarato morto. Se a un livello ciò è vero, a un altro il dominio maschile continua a riprodursi in circostanze sempre nuove. Anche come teologhe abbiamo quindi spesso la sensazione di dover cominciare da capo, riprendendo gli inizi della ricerca femminista in contesti via via diversi. La spirale costituisce dunque la figura lungo la quale possiamo salire e, talvolta, scendere. È ciò che accade in queste pagine attraverso un pensiero tessuto nel contesto mutevole degli ultimi dieci anni ma che riprende temi che hanno caratterizzato dagli inizi la teologia femminista. Gli inizi vanno ripresi più e più volte in modo che ognuna (e ognuno) possa proseguire nel proprio percorso a spirale.» (Elizabeth E. Green)

Donne disobbedienti

Rizzo Ester
Navarra Editore

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Le donne disobbedienti qui raccontate hanno contribuito al percorso dell' emancipazione femminile , hanno fatto sentire la loro voce anche per quelle costrette a rimanere in silenzio. Donne disobbedienti che infrangono norme e regole di un universo maschilista e patriarcale , che scardinano stereotipi che le vorrebbero mute e sottomesse. Donne disobbedienti che di fronte alle leggi ingiuste impongono le leggi del cuore, dell'umanità, della pietà e della fratellanza tra i popoli .

Perché non ci sono state grandi...

Nochlin Linda
Castelvecchi

Disponibile in libreria in 5 giorni

10,00 €
erché non ci sono state grandi artiste? Linda Nochlin ribalta il senso di questa capziosa domanda per denunciare con lucidità e ironia un secolare dispositivo di discriminazione. Attraverso un approccio decostruzionista, l'autrice mette in discussione il concetto stesso di "grandezza" artistica, di cui svela presupposti e meccanismi ideologici. Non solo la Nochlin scava oltre le mistificazioni della cultura patriarcale, ma corregge anche i limiti della prospettiva femminista e dimostra quali e quanti condizionamenti abbiano storicamente precluso alle donne la possibilità di eccellere nel campo dell'arte, ovvero di raggiungere risultati artistici paragonabili a quelli degli uomini. Persino in tempi più evoluti, nei casi di successo, le donne mostrano spesso un'ambivalenza irrisolta, lacerate tra aspirazioni e aspettative sociali, autostima e adesione a una distorta nozione di femminilità. Pubblicato originariamente nel 1971, "Perché non ci sono state grandi artiste" è oggi riconosciuto come testo fondante, un'indispensabile lezione metodologica di storia dell'arte.

I movimenti europei per...

Sicurezza Maria Sofia
Edizioni Efesto

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,00 €
Tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo l'attenzione di numerosi pensatori ed economisti si pone sul problema della dilagante povertà in Europa. Il problema del pauperismo viene dibattuto innanzitutto in Inghilterra, patria della rivoluzione industriale e delle sue inquietanti conseguenze sociali. Mirabeau, La Fayette, Necker sono i personaggi principali dei club patriottici frequentati da Olympe De Gouges dove si discute di monarchia costituzionale ed emancipazione femminile. Mary Wollstonecraft affianca il marito Godwin nell'opera di divulgazione scientifica e si spinge oltre, anticipando tematiche del movimento femminista dell'Ottocento. Dal dibattito europeo alla prova dei fatti: il filantropo Amilcare Corrao sottointendente di Caltagirone.

Incontri. Memorie e prospettive...

Simonelli Cristina
San Paolo Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,00 €
Si tratta del primo volume della serie Exousia. Ripensare la teologia in prospettiva di genere, che si propone appunto di attraversare l'intera teologia abbandonando la neutralità e adottando un punto prospettico preciso. La teologia femminista smaschera la presunta universalità maschile introducendo nel discorso teologico la realtà e il vissuto delle donne, i loro punti di vista e la loro parzialità. Con questa trasparenza di intenti si mette a disposizione dell'intera teologia, rifiutando il confinamento in settori specifici, piuttosto proponendosi per rielaborare ogni tema, nessuno escluso. La teologia femminista è stata ed è anche luogo di incontri molteplici fra orizzonti culturali e politici, ecumenici e di genere; in questo caso nel volume si incrociano e si incontrano anche le prospettive delle due autrici, entrambe teologhe che si esprimono da posizionamenti confessionali e ministeriali diversi. In questo volume si affrontano, in modo preliminare rispetto agli altri, i nodi e le prospettive della teologia femminista, in uno slancio verso il futuro consapevole dei problemi ma animato dalla speranza.

La teoria non è un ombrello. Dieci...

Tarantino Stefania
Orthotes

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
AdaTeoriaFemminista è un laboratorio collettivo che sperimenta nuovi punti di avvistamento sul reale a partire dalle teorie femministe. Nata a Napoli nel 2006 dalla relazione politica di Lucia Mastrodomenico e Angela Putino la rivista "www.adateoriafemminista.it" si propone come campo di sperimentazione teorico-politica tra donne (e uomini) di diverse generazioni. In questo volume sono raccolti su carta tutti numeri di AdA che in questi anni hanno prodotto riflessioni in presa diretta sugli avvenimenti che investivano le nostre vite: il neoliberalismo, la camorra, la biopolitica, la caduta dell'ordine simbolico patriarcale, i rifiuti, la nascita, la fatica, il lavoro... Una teoria non è un ombrello, non serve a proteggersi dalla realtà ritagliandosi piccoli spazi sicuri e garantiti, ma è una bussola per navigare in mare aperto. Si parte da sé, dalle proprie vite incarnate, dalla propria passione per il mondo per leggere e capire, per sperimentare nuove forme del vivere in relazione.

Dopo il femminismo

Roccella Eugenia
Ideazione

Non disponibile

5,16 €
Il femminismo dopo il femminismo: la condizione della donna e la parabola storica del movimento di emancipazione femminile di fronte alla crisi della "idea di genere". Un bilancio storico che tende a sfumare nella cultura diffusa del politicamente corretto. Contrariamente a quello che è avvenuto per il Sessantotto, che vede ancora oggi interpretazioni opposte a confronto, sul femminismo non sembra esserci più dibattito né calore dello scontro. Perché?

Le filosofie femministe

Cavarero Adriana
Mondadori Bruno

Non disponibile

14,90 €
Il volume è una raccolta di testi che consente un primo approccio alla varietà e ricchezza del pensiero femminista. Temi e figure principali vengono presentati seguendo un itinerario storico-tematico e suddivisi per aree culturali, tenendo conto degli specifici contributi teorici delle singole aree: denuncia del patriarcalismo, dicotomia sesso-genere, lesbofemminismo e femminismo etnico negli Stati Uniti; femminismo socialista integrato dalla psicoanalisi in Gran Bretagna; teoria della differenza sessuale e scrittura femminile in Francia; differenza e pensiero sessuato in Italia.

Femminismo da Abya Yala. Idee e...

Gargallo Celentani Francesca
Aracne

Non disponibile

7,00 €
Feminismos desde Abya Yala riporta un dialogo vissuto sul campo, con le donne che hanno costruito, dalla loro realtà nelle diverse comunità indigene del continente latinoamericano, un'idea sul modo di essere donna e sul ruolo politico, culturale, etico ed educativo del proprio valore sociale. Secondo l'autrice ciò rappresenta un primo passo verso l'ascolto di voci che emergono da sistemi politici e teorie della conoscenza non occidentali e da femministe le cui lingue e sistemi di genere non sono quelli imposti dalla colonizzazione cristiana, spagnola e lusitana risalenti a più di cinque secoli fa.

La grande menzogna del femminismo....

Gascò Altaba Santiago
Persiani

Disponibile in libreria in 3 giorni

19,90 €
Nel primo volume l'Autore pone delle domande per tracciare un bilancio, alla fine di una trattazione lunga oltre 600 pagine, della storia del rapporto tra uomo e donna. Il secondo volume intende invece valutare il medesimo rapporto alla luce dei processi sociali attualmente osservabili; l'opera si propone di analizzare il ruolo dell'uomo e della donna all'interno della societdi oggi. Davvero quest'ultima offre un maggiore vantaggio a tutti gli uomini? Siamo sicuri che le donne siano in ogni ambito e in ogni momento discriminate rispetto al "sesso forte"? Gremito di dati statistici - tratti da riviste, articoli, saggi o siti web femministi -, il libro vuole fornirci una base sulla quale poter seguire le riflessioni e le deduzioni dell'autore stesso che esegue un'accurata indagine di quello che realmente accade a livello sociale all'uno e all'altro sesso.

La carta coperta. L'inconscio nelle...

Moretti & Vitali

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Questo libro tratta del rapporto controverso tra femminismo e psicoanalisi a partire dalla concezione dell'inconscio. L'inconscio è la "carta coperta" delle pratiche di donne, e ne indica impreviste capacità di trasformazione. Il femminismo degli anni Settanta, prendendo le distanze dall'oppressione patriarcale, cercava forme inventive attingendo con molta libertà dalla psicoanalisi, ritraducendola in alcune pratiche. Nel nostro tempo, in cui la presenza femminile pubblica è molto diffusa e vediamo nuovi movimenti di donne, bisogna sostenere la necessità dell'ascolto dell'inconscio. Le tecnologie adoperate per il dominio sulla vita umana pongono una domanda inquietante: ci stiamo avviando verso un mondo senza inconscio? Questa domanda tocca particolarmente le donne, il cui corpo è ancora oggetto di manipolazione. In questo libro si testimonia anche la preoccupazione che riguarda le sorti della differenza femminile, la cui presenza pubblica può essere cancellata se non si rilancia la pratica dell'autocoscienza e non si fa più ricerca sui processi inconsci che ci attraversano. Si rischia di scivolare di nuovo verso un mondo fagocitato dalla finzione del neutro maschile.

Caccia alle streghe, guerra alle donne

Federici Silvia
Produzioni Nero

Non disponibile

15,00 €
La caccia alle streghe è tornata scatenare nel XXI secolo una nuova ondata di violenza, interpersonale e istituzionale, contro le donne. E anche oggi, come nel Medioevo, questa violenza misogina che demonizza la donna procede di pari passo con l'accumulazione capitalistica, che si sviluppa attraverso processi di espropriazione e distruzione dei rapporti di solidarietà e potere che regolano la vita delle comunità. Silvia Federici esamina le cause profonde della guerra in atto, fatta non solo di violenza domestica e sessuale, ma anche economica e strutturale, il cui esito è ancora una volta quello di sovvertire i processi di riproduzione sociale per spaccare le comunità e aprire la strada all'individualismo funzionale al progetto neoliberista. Caccia alle streghe, guerra alle donne è un'indagine sulle cause di questa nuova violenza e una chiamata femminista alle armi, che attraverso la memoria e l'analisi del passato offre spunti inediti per le lotte a venire. «Silvia Federici è una lettura obbligata, se si vogliono capire le politiche di genere contemporanee.» In These Times

Introduzione ai femminismi

DeriveApprodi

Non disponibile

8,00 €
Un excursus della critica femminista lungo una direttrice storica che arriva fino all'oggi. Con punti di vista differenti, le autrici propongono un'analisi di alcune tra le più importanti esperienze politiche e teoriche del femminismo, permettendo di orientarsi tra le questioni centrali poste dall'attuale mobilitazione internazionale delle donne: tra queste il nesso tra capitalismo e patriarcato, il nodo del potere, il rapporto tra razza e genere, i temi del lavoro, della sessualità e dei diritti.

Adriana Seroni

Vagli Maura
Pacini Fazzi

Non disponibile

8,00 €
«Adriana Seroni fu una madre autorevole e affettuosa per un'intera generazione di donne comuniste, quella degli anni 70/80, che visse il femminismo e fu protagonista di importanti battaglie e di grandi conquiste. (...) Nuovo diritto di famiglia, diritto al lavoro, nuovo welfare, divorzio, aborto, non erano "i temi delle donne", come di fatto ritenevano molti uomini del partito e della sinistra. Erano grandi questioni generali di cambiamento del Paese e di arricchimento della democrazia.» (dalla Prefazione di Livia Turco)

Valerie Solanas. Vita ribelle della...

Fahs Breanne
Il Dito e la Luna

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
"Un libro straordinario su una vita straordinaria. L'epica di una donna diventata un simbolo dei suoi tempi. Valerie Solanas ci racconta i crudi fatti della sua esistenza, prima e dopo che esplodesse sulla scena di New York con lo sparo che la rese famosa, alla fine degli anni '60. Una figura incontenibile, eroica, a cui la biografia di Fahs restituisce la dignità che le fu negata in vita." (Ti-Grace Atkinson)

Slovenka. Il primo giornale...

Vita Activa

Non disponibile

15,00 €
Il giornale "Slovenka" si lega non solo ai nomi più significativi dell'ambiente culturale triestino ma anche al movimento femminista che, al tempo, era ancora agli albori in gran parte d'Europa e la cui pregnanza, evidenziata nella stampa scientifica e specializzata, non era ancora radicata nella cultura popolare. Prescindendo dal contesto più ampio, è possibile affermare che nel momento in cui "il femminismo era diventato la regola" le redattrici di "Slovenka" diedero un impulso determinante alla diffusione delle sue teorie, portando avanti una politica redazionale in sintonia con un moderno illuminismo e con le nuove istanze politiche. Pertanto, il presente studio, che fornisce un'analisi puntuale e accurata di quel periodo della storia del femminismo e del giornalismo sloveno nonché della rinascita nazionale, è benvenuto e offre, aspetto non trascurabile, indicazioni di base per un ulteriore approfondimento diretto o indiretto.

Non voglio scendere! Femminismi a...

Bonomi Romagnoli Barbara
Golena

Non disponibile

12,00 €
Il sessismo impera, la sessualità tergiversa e la rivoluzione arranca. Non resta che salire al volo sulla metropolitana femminista. Sei tragitti per l'autodeterminazione e la ribellione, attraversando i femminismi in lungo e in largo, con la curiosità di inciampare in qualche evento straordinario e il piacere di riguardare le fermate della vita quotidiana. «Nel cromosoma X delle femmine non c'è implicita una propensione maggiore a caricare la lavatrice, a utilizzare l'aspirapolvere o il ferro da stiro, ad accudire mariti, amanti, figliolanza, persone anziane o disabili, animali domestici e piante in vaso, fino allo sfinimento o fino a che morte non ci separi». Sei tragitti per andare a scovare femminismi felici e appassionati, (auto)ironici e pungenti, includenti e visionari, capaci di produrre un progetto politico nella cornice del tempo che viviamo, quando tutto sembra bloccato, stereotipato e ripetitivo. Femminismi con la capacità di organizzarsi al meglio per essere efficaci, che siano eccezioni senza regole, per smantellare il patriarcato e reinventare un mondo che così per noi proprio non funziona.

I nostri corpi come anticorpi

Brignone Beatrice
People

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Il disegno di legge Pillon nasce da uomini che vedono le donne come nemiche, usurpatrici di spazi e di poteri che devono rimanere appannaggio maschile. Uomini che non accettano di essere messi in discussione, né tantomeno che gli si dica di no. Uomini che odiano le donne. Una retorica tanto falsa quanto studiata che tenta di ridare slancio al negazionismo nato negli anni Novanta, a pochi anni di distanza dalle prime e parziali conquiste delle donne. Il piano contro le donne che questi uomini stanno mettendo in atto viene da lontano, è ben radicato e sostenuto. Dobbiamo averne consapevolezza, per essere pronti a contrastarlo, tutte e tutti insieme.

L'era delle streghe. Cronache dalla...

Borgonovo Francesco
Altaforte Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Intrappolati nell'era in cui oggetti e persone acquistano valore solo attraverso la distruzione dell'opposto, o, peggio, del complementare, eccoci giunti alla narrazione della grande madre. Le donne sono vittime di violenze intollerabili? Occorre distruggere il maschio, la sua funzione, il suo ruolo, la sua virilità. Poco importa se le moderne eroine del "me too" tutto siano fuorché eroine. Tutto si può al fine di distruggere il complementare, il maschio, simbolo di violenza e sopraffazione. Si può storpiare una lingua antica con neologismi che sviliscono i ruoli; si può imporre un matriarcato senza termine dal quale le giovani generazioni non riusciranno a sottrarsi se non con gesti estremi; si può, persino, annientare un popolo perché, è risaputo, per riprodursi serve un uomo e una donna. Ma la risposta alla domanda "tutta questa guerra ha contribuito alla emancipazione, alla creazione di pari opportunità, alla "liberazione" delle donne?" fuoriesce da questo libro. La rivoluzione voluta dalle femministe che idolatravano "I monologhi della vagina" si è rivelato un colpo di stato a favore di poche elette, che poco condividono i quotidiani affanni femminili. Prefazione di Claudio Risè.

Femminismo liquido. Dalle origini...

Strazzeri Irene
Progedit

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
L'illusione narcisistica dell'autocontrollo è oggi vertiginosamente alimentata dalle seduzioni della simulazione digitale dei processi sociali, da un lato, e dal dilagare di un'euforia pseudo-libertaria al godimento pulsionale, dall'altro. La sociologia richiamata da Bauman, da una parte, non ha cessato di aiutarci a capire vite di scarto, paure endemiche e capri espiatori. Il femminismo, dall'altra, è intervenuto a liberarci da questa illusione pseudo-libertaria, in nome di una libertà più vera, inscritta in un orizzonte relazionale e politico solidale, non più narciso-individualistico. Vi è il rischio, tuttavia, che le battaglie femministe, intese come movimento, finiscano col perdere la loro carica di liberazione, per un eccesso di istituzionalizzazione nella liquida governance globale. Dinanzi a questo le femministe sono chiamate a formulare una riconsiderazione critica, non solo della realtà, ma anche dei meccanismi di lotta e della propria cultura politica.

Il paradosso di Antigone: critica...

Firinu Piergiorgio
Youcanprint

Non disponibile

10,00 €
Vi sono aspetti del conformismo che vengono proposti per progressismo e danno origine a una serie di pregiudizi che concorrono a formare il pensiero comune. Il pensiero critico non può prescindere da un esame dei fatti e delle realtà che questi fatti producono. "Il paradosso di Antigone" affronta il tema del femminismo, uno dei maggiori fenomeni sociali contemporanei. Partendo da un corretto principio di parità tra i sessi, l'estremismo femminista usa i diritti delle donne per creare uno strumento di potere, egemonizzato da minoranze. Nel far questo distorce anche la dialettica politica come già ha fatto in ambito sociale. Lo strumento delle "quote" è in aperto contrasto con la parità, infatti non trova d'accordo un gran numero di donne. Senza dubbio, visto il mainstream corrente, l'argomento è in assoluta controtendenza. C'è da sperare che il libro non susciti solo polemiche basate su non apodismi antistorici, ma soprattutto un seria riflessione nella quale, più dell'ideologia, prevalga la ragione.