STORIA

Active filters

Caporali tanti, uomini pochissimi....

Gentile Emilio
Laterza

Disponibile in libreria

14,00 €
Il principe Antonio De Curtis non era solito leggere i racconti degli storici. Lo appassionava solo la storia della sua famiglia, che risaliva all'imperatore Costantino. Non lo divertiva la Storia, cioè l'esistenza umana nel fluire del tempo, perché aveva una visione tragica della vita. Ma permetteva a Totò di spernacchiare tutte le persone che nella Storia, e quindi nella vita, si comportano da «caporali»: i prepotenti che tormentano gli «uomini» qualunque, costretti a vivere un'esistenza grama. Nei suoi novantasette film, ambientati nelle più varie epoche storiche, dall'Egitto dei faraoni all'Italia del 'miracolo economico' e all'Europa del Muro di Berlino, Antonio incarna nei personaggi di Totò sia i 'caporali' sia gli 'uomini', ma sempre con lo stesso proposito: «spernacchiare» i caporali, spiegando che la pernacchia «ha tanti scopi: deride, protesta, esplode con un grido di dolore». E difende così la dignità dell'uomo libero.

Nel labirinto del passato

Di Carpegna Falconieri
Laterza

Disponibile in libreria

18,00 €
«Papà, a che serve la storia?»: questa era la domanda che quasi 80 anni fa Marc Bloch poneva all'apertura di Apologia della storia, un libro che ha segnato generazioni di lettori. Oggi, di fronte a un tempo radicalmente diverso dal passato, dove le categorie di continuità tra le generazioni appaiono saltate, la risposta più semplice sembra essere: «a nulla». La storia sembra diventata nient'altro che un racconto suggestivo, da rendere il più possibile spettacolare, intrigante e misterioso. Se poi ci si inventa qualcosa, pazienza, tanto è sempre più arduo distinguere tra fatto e racconto, tra avvenimento e propaganda, tra vita reale e virtual reality. Ma è proprio per questo che la storia serve, anzi è imprescindibile. Il suo metodo critico è fondamentale per riprendere a orientarci, distinguendola da tutto ciò che le somiglia. Un libro sorprendente che restituisce alla storia il ruolo che le compete nella società contemporanea.

Vite vissute e no

Isnenghi
Il Mulino

Disponibile in libreria

24,00 €
«Immerso nei flutti, per la prima volta in vita mia ai fanghi di Abano, sono in piena anarchia della memoria. Sembra che lei ci si trovi bene, tra fumi e vapori: con quel caldo spossante, vien su di tutto, dal fondo». Storico fra i più illustri e conosciuti, intellettuale impegnato fin dagli anni universitari, Mario Isnenghi ripercorre in questo saggio autobiografico le tappe che hanno segnato la sua formazione umana, scientifica e politica: dalle origini familiari alle esperienze di scuola e università, all'apprendistato politico che attraversa il mondo cattolico e socialista nelle associazioni studentesche, nel sindacato, nell'insegnamento. E poi la lunga attività di ricerca che lo ha portato a riflettere, partendo dalla Grande Guerra, sulla storia della cultura italiana, la funzione degli intellettuali, le fragilità e le contraddizioni della costruzione statale. Tra confessione privata e memoria pubblica, Isnenghi consegna al lettore una testimonianza di rilievo sulla vicenda culturale e politica dell'ultimo mezzo secolo.

Teologia dell'insurrezione

Freiberger Martin
Red Star Press

Disponibile in libreria

10,00 €
Ai tempi della Riforma protestante, tra il 1524 e il 1526, mentre la predicazione di Lutero e lo stesso ruolo del monaco agostiniano si rivelavano perfettamente compatibili con lo status quo, nei territori di lingua tedesca del Sacro Romano Impero masse crescenti di diseredati iniziarono a recepire in modo assolutamente nuovo il senso delle Sacre Scritture. Fu così che, se ogni uomo è stato creato uguale, come il cristianesimo dice di insegnare, quell'uguaglianza iniziò a essere pretesa sul serio, accendendo una rivolta senza precedenti nel cuore dell'Europa. Alla testa dei ribelli, un pastore originario della Bassa Sassonia, Thomas Müntzer, secondo cui era possibile spiegare ogni ingiustizia commessa sulla pelle del popolo e ogni sofferenza a cui lo stesso popolo era costretto con la demoniaca alleanza che, nel nome del profitto, aveva sottratto agli ultimi persino la parola di Dio. La Riforma, in questo modo, si trasformò ben presto in rivoluzione: una guerra dei contadini a cui Martin Freiberger rende il giusto tributo storiografico, esplorando quel terreno misconosciuto in cui, insopprimibili, affondarono le radici teologiche della rivolta.

Savoia corsari e re del Madagascar

Grassia Luigi
Mimesis

Disponibile in libreria

12,00 €
Una fantasmagoria di vicende corsare, gialli storici, omicidi col veleno, principini sostituiti in culla, processi alle streghe, roghi e squartamenti, papi, antipapi e Massoneria: ci sono pagine della storia dei Savoia di cui finora si è parlato troppo poco perché il pubblico possa dirsene davvero informato, anche solo per un verdetto del tipo "io non ci credo" con cognizione di causa. Oltretutto, potrebbero essere proprio questi gli eventi più curiosi e interessanti della dinastia. In questo libro se ne tratta facendo sempre riferimento, come certificato di garanzia, a fonti edite e accreditate dalla storiografia, nonché ai documenti degli Archivi di Stato di Torino e di Cagliari, a loro volta aperti e consultabili. E ciò perché a volte i segreti si nascondono proprio là dove tutti li possono vedere. Magari ne risulterà una storia dei Savoia come non l'avete mai letta o sentita, ma se alcuni racconti vi sembreranno improbabili o persino stralunati, in nessun caso si tratta di fake news.

Cartografia e territorio nei secoli

Palagiano Cosimo
Carocci

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
La storia della cartografia è un capitolo fra i più affascinanti nell'evoluzione culturale dei popoli e delle civiltà, di cui documenta fedelmente esigenze e aspirazioni. A un ampio excursus che ripercorre la storia della cartografia dalle sue realizzazioni primitive agli atlanti contemporanei, segue nel libro l'indagine sincronica sulla carta geografica, considerata come mezzo per la conoscenza e la trasformazione d'uso del territorio nonché quale primario strumento di lavoro e ricerca per ogni attività progettuale. L'opera esamina in dettaglio la situazione tecnica della cartografia in Italia e all'estero, le implicazioni storico-culturali dei tipi di carte geografiche maggiormente diffusi, le loro classificazioni e finalità. Il testo si rivolge a tutti coloro che devono entrare in contatto con la materia per i loro studi, o per il loro lavoro didattico e professionale; è altresì indirizzato agli operatori economici regionali cui quotidianamente spetta affrontare i problemi cartografici legati all'interpretazione del territorio per fini di progettazione, nonché a quanti, interessati all'argomento, ne cercano una trattazione agile e insieme approfondita.

Fuga da Parigi

Harding
Newton Compton Editori

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,90 €
14 luglio 1943. Quattro aeroplani B-17 della flotta americana vengono abbattuti dai tedeschi sul suolo francese occupato dai nazisti, nella fatidica ricorrenza della presa della Bastiglia. Il loro destino sembra segnato, se non fosse per un gruppo di civili molto coraggiosi che li porta a Parigi, per aiutarli a fuggire dalla Francia. Nella capitale, dove le truppe tedesche pattugliano le strade e gli agenti della Gestapo si nascondono in ogni angolo, i piloti americani trovano ospitalità presso l'Hotel des Invalides, un complesso di edifici in cui i funzionari tedeschi hanno stabilito i loro uffici. Nascosti proprio sotto il naso dei nemici, insieme a decine di altri piloti alleati abbattuti e agenti della resistenza, cominciano a pianificare audaci piani di fuga.

Un uomo solo al comando

Mastrorilli Giuseppe
ilmiolibro self publishing

Non disponibile

15,50 €
"L'ha fatto Adriano, l'ha fatto Giulio Cesare, perché non posso farlo io? Cosa avevano quelli più di me? 'Io' cosa ho che non va? Tragico destino! Quello d'una mente ridotta ad aspirare al dominio su branchi di retrogradi centauri, e su semplici vittime. Ancor più tragico destino! Quello di esseri umani eventualmente aspirati nei gorghi, degradanti fino alla morte, d'una tal vicenda. Sembrerebbe evidente e indesiderabile tutto ciò. Eppure... Non vi pare che negli ultimi 100 anni - tanto per restare in tempi recenti - e dalle nostre parti - tanto per restare vicino a noi - più volte un qualcuno abbia sfilato fraudolentemente dalla testa di Cesare la corona di alloro e abbia tentato di infilarcisi sotto sotto?" (L'autore)

Storia dell'edificio scolastico di...

Tempesta Rosanna
Arbor Sapientiae Editore

Non disponibile

20,00 €
Intorno alla costruzione dell'edificio scolastico realizzato negli anni 1934-1942 si scheggiano sprazzi di legislazione, attività didattica pre e post-unitaria, ritratti nitidi ed essenziali di maestri e maestre che hanno insegnato a tante generazioni di giovani la nobile arte del leggere e dello scrivere, profili di cittadini in grado di affrontare la vita in ogni campo in patria e all'estero consapevoli che il diritto è il frutto del dovere compiuto.

Pratiche didattiche tra centro e...

Fondazione CISAM

Non disponibile

42,00 €
La tarda antichità è ormai da tempo riconosciuta non come un momento di decadenza, ma piuttosto di riassestamento e ridefinizione della tradizione classica, innervata dai nuovi apporti delle culture periferiche e dall'avvento del cristianesimo. La ricchissima produzione intellettuale di questo periodo è caratterizzata da una notevole continuità con quella dei secoli precedenti e, al tempo stesso, da un profondo ripensamento delle categorie espressive e del rapporto con la tradizione. L'insegnamento scolastico, cui erano demandate la cura e la trasmissione del prestigioso passato, assume un ruolo centrale nella cultura tardoantica, definendone le strutture espressive, i linguaggi e le funzioni sociali. Alle differenti articolazioni delle pratiche scolastiche in età tardoantica è dedicato questo volume, che affronta molteplici aspetti e problemi nell'ottica di una definizione del rapporto fra 'centro' e 'periferia' variamente inteso. Dalla dialettica fra tradizione e innovazione nell'insegnamento, al ruolo del dibattito religioso e della polemica fra pagani e cristiani, all'organizzazione delle scuole filosofiche e monastiche. Ampio spazio è riservato agli aspetti materiali dell'insegnamento, soprattutto alle forme librarie ai due estremi del mondo mediterraneo. La pluralità degli approcci e dei casi indagati permette una ricostruzione a tutto tondo della complessità dell'insegnamento scolastico tardoantico e della sua influenza sulla vita quotidiana.

Dall'Expo a Sarajevo

Tuchman Barbara W.
Res Gestae

Disponibile in libreria in 3 giorni

26,00 €
L'epoca storica i cui ultimi anni costituiscono l'argomento di questo libro non morì di vecchiaia né di morte accidentale, ma esplose in una crisi finale che costituisce uno dei fatti più importanti della storia. La Grande guerra del 1914-1918, come una striscia di terra bruciata, divise due epoche, creando un abisso psicologico e materiale tra di esse. Questo libro tenta di scoprire le caratteristiche del mondo che fu artefice del primo conflitto mondiale. Al di là di quel tortuoso strascico di trattati, di Duplici e Triplici Alleanze, crisi marocchine e intrighi balcanici, che gli storici hanno diligentemente seguito nei loro studi sull'origine della guerra, Barbara Tuchman ricerca le cause recondite e le forze più profonde entro la cornice della società intera per tentare di scoprire ciò che spinse la gente alla guerra.

Prima della tragedia

Gabrielli
Il Mulino

Disponibile in libreria

19,00 €
Le tragiche vicende di Cefalonia e di Corfù del settembre 1943 hanno dato origine a un ampio dibattito storiografico e sono state oggetto di accurate ricostruzioni. Mancavano invece, a oggi, ricerche mirate a restituire le biografie e le identità delle vittime della strage. In questo volume Patrizia Gabrielli si propone di verificare la consapevolezza della scelta compiuta dai militari italiani proprio a partire da un'indagine sulle loro aspirazioni, sui loro sentimenti e sui loro orientamenti politici così come affiorano dalle lettere inviate alle famiglie in patria dal 1940 al 1943. Sulla base di un'ampia bibliografia e di fonti d'archivio inedite, il libro pone sotto i riflettori l'esperienza dei militari, la loro vita quotidiana, le speranze di pace e il desiderio di tornare a una normale quotidianità, l'atteggiamento e le preoccupazioni destate dal cambiamento dei ruoli di genere imposto dalla guerra. Una particolare attenzione è rivolta agli orientamenti politici, pur complessi da sondare a causa della censura. Ecco così costruita una prima biografia collettiva dei soldati coinvolti nella strage, che si discosta dall'immagine codificata dell'eroe per lasciare emergere un quadro ben più articolato e umano.

1918 crolli, rivoluzioni,...

Schininà A.
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
Per l'Europa centrale, l'autunno del 1918 rappresentò non solo la fine di un'epoca incarnata dalle dinastie imperiali ma anche l'inizio di un mondo nuovo. Si mescolarono e sovrapposero elementi antichi e moderni, residui dell'ancien régime e manifestazioni della nascente società di massa e consumistica, visioni apocalittiche e utopie. Sullo sfondo della sconfitta militare, del crollo di imperi secolari, di rivoluzioni nazionali e sociali, emersero le grandi questioni del primo dopoguerra: tensioni sociali, nazionalismo ed europeismo, traumi postbellici, problematiche di genere, conflitti etnici e generazionali, avanguardie artistiche, memoria e rappresentazione. Da una prospettiva storica e letteraria, i saggi qui raccolti invitano a interrogarsi su questi temi che, a più di cent'anni da quella cesura che sconvolse l'Europa, continuano ad animare il dibattito politico e culturale della contemporaneità.

Il lago dei poveri

Giorgetti Amerigo
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

42,00 €
Il lago dei poveri racconta la storia dei laghi varesini che ha per protagonisti i popoli della riva, sopravvissuti per vari secoli esercitando la libera pesca comunitaria sui laghi e il pascolo promiscuo nelle terre comuni. Tutti questi "usi civici" convissero a lungo con il dominio della nobiltà del contado, anch'essa tenacemente radicata nei luoghi e nei laghi. Per tutto questo periodo, e oltre, pesca e agricoltura furono le due attività complementari delle varie comunità di villaggio. Con l'avvento dello Stato moderno accentrato tutto cambiò, poiché i beni un tempo comuni divennero soggetti a imposta, e infine privatizzati. La libera proprietà fu l'esito tormentato di una storia ormai contemporanea. Tutta questa vicenda viene narrata direttamente dalla fonte archivistica, che si avvale della raccolta di varie centinaia di documenti originali, riordinati, inventariati e informatizzati nell'Archivio Storico del Territorio dei Laghi Varesini, a disposizione dei ricercatori presso il Centro Internazionale Insubrico "C. Cattaneo" e "G. Preti" di Varese. Le tre parti in cui il testo è suddiviso segnano tre tappe di un'unica ricerca storica: la prima in cui viene alla luce l'antichissima epoca delle stanghe, in cui la pesca è un'agricoltura con altri mezzi; la seconda parte che scopre l'età della modernizzazione dei laghi con la nascita della pesca di mercato; la terza che esamina la definitiva espropriazione dei beni comuni nella terra della Brabbia, che dei laghi è il naturale complemento. "Il lago dei poveri" non è un'espressione poetico-patetica, ma un termine giuridico con cui nei documenti antichi si indica il campo della libera pesca comunitaria. I poveri sono quei paesani che per la loro sopravvivenza devono far conto e godere di vari usi civici che interessano le terre e le acque comuni.

La congiura immaginata

Veca Ignazio
Carocci

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
Roma, luglio 1847. Sui muri della città compaiono i nomi di alcuni presunti congiurati: la voce pubblica denuncia la tenebrosa trama di una gigantesca cospirazione contro il papa e il popolo romano. L'opinione pubblica italiana ed europea si interroga a lungo sulla verità o falsità della grande congiura, senza riuscire a risolvere davvero il dilemma. Il ricordo di quell'evento abiterà ancora a lungo le menti degli uomini del Risorgimento. Chi erano gli accusati? Perché complottavano? Ed esisteva davvero un complotto? Un evento finora trascurato dalla storiografia, ma intensamente rielaborato dagli attori del tempo, diventa così l'occasione di ripensare a una pratica sociale largamente diffusa nella cultura occidentale. Attraverso il racconto della grande congiura il libro esplora i meccanismi di funzionamento e gli effetti concreti di un'accusa di complotto nel nuovo contesto della politica moderna. Veri o falsi, i complotti sono prima di tutto immaginati. E l'immaginazione può diventare realtà.

Viaggiatori dell'utopia

Biagioni Mario
Carocci

Disponibile in libreria in 5 giorni

26,00 €
Il viaggio e l'utopia sono le dimensioni che uniscono le storie raccontate nel volume. I protagonisti provengono dal mondo della Riforma radicale del Cinquecento (Bernardino Ochino, Celio Secondo Curione, Lelio e Fausto Sozzini, Francesco Pucci, Christian Francken), ma anche dalla società 'savante' dell'Europa tra Sei e Settecento (Grozio, Spinoza, La Mothe Le Vayer, Bayle, Locke, Montesquieu). Ritenuti spesso rappresentanti di realtà culturali in conflitto tra loro (le aspettative religiose del XVI secolo contro il razionalismo e il secolarismo dell'età dei Lumi), essi risultano invece collegati da percorsi intellettuali che conducono alle origini di principi oggi ritenuti irrinunciabili nelle democrazie dell'Occidente: la libertà di coscienza e di pensiero, la dignità del relativismo e dell'ateismo, la tolleranza e l'antidogmatismo. La Riforma radicale fu uno straordinario laboratorio di idee dal quale uscirono proposte alternative alla logica di confessionalizzazione che spinse l'Europa verso le guerre di religione. In molti casi fu l'eredità di quelle idee ad alimentare la "crisi della coscienza europea" della quale conosciamo l'importanza per la nascita del mondo moderno.

La storia dietro gli scudi. Vol. 5:...

Cavallo Pasquale
ilmiolibro self publishing

Non disponibile

67,50 €
Continua il viaggio, intrapreso con i primi quatto volumi di "La storia dietro gli scudi", tra palazzi nobiliari, castelli e cappelle gentilizie in varie città dell'Italia meridionale, alla scoperta di nuove storie: amori e duelli, ius primae noctis e ribellioni, grandi ideali e spregevoli complotti, movimenti culturali e carestie; questo e altro passando in rassegna altri illustri casati con i personaggi più rappresentativi che, nel bene o nel male, hanno fatto la storia del Regno delle due Sicilie.

Carlo. L'utopia di un regno

ArtstudioPaparo

Non disponibile

30,00 €
La pubblicazione ricuce uno strappo, una mancanza altrimenti presente nell'attività del mondo della cultura nel momento in cui si vuole cogliere l'occasione per commemorare la figura e le opere di Carlo di Borbone. Un sovrano Carlo di Borbone, re di Napoli (1734) e di Sicilia (1735), dalla sua personalità, forte e moderna, sì da essere ritenuta per certi versi adeguata ai tempi e dettami dell'Illuminismo e tale da determinare un indelebile e duraturo cambiamento nel governo di questa parte dell'Italia in precedenza soggetta agli influssi negativi, o più benevolmente neutri, prodotti dai dominatori che si erano succeduti.

L'aggregazione politico-sociale...

Pacetti Massimo
Youcanprint

Non disponibile

12,00 €
L'interesse per l'edizione di questo saggio nasce dall'esigenza di accrescere la conoscenza delle condizioni sociali ed economiche che consentirono all'antifascismo di ritessere, socialmente e politicamente, le reti che portarono prima alla Resistenza e poi alla Liberazione. Il testo, infatti, riesce a fornire un'efficace sintesi tra dati di natura socio-economica, avvenimenti storici e ragioni politiche e smaschera i patetici, e talvolta strumentali, tentativi del revisionismo "buonista" di camuffare anche i fallimenti economici del regime mussoliniano. Consente poi una chiara visualizzazione delle ragioni che nello spaccato anconetano e marchigiano fecero della Resistenza un fenomeno popolare.

Araldica secolare a Galatina

Costanzo Roberto
Youcanprint

Non disponibile

44,00 €
Il libro è uno stemmario delle famiglie galatinesi. Vi si riportano, accompagnati dalla blasonatura e da brevi cenni storici, gli stemmi lapidei confrontandoli, ove possibile, con l'iconografa contemporanea desunta da repertori araldici contemporanei del Regno. Si accenna all'interesse che avrebbe un esame dei rapporti tra gli stemmi (o armi) e le imprese e una ricerca sulla attività degli scalpellini e la cultura della committenza.

Tra violenze e speranze. Racconto...

Berti Narciso
Youcanprint

Non disponibile

19,90 €
L'idea del libro nacque nel 1997: in Guatemala non c'era ancora la pace. Venti anni dopo, i rifugiati guatemaltechi raccontano qui la loro storia per salvare la memoria della tragedia vissuta. In Guatemala, a metà del secolo scorso, iniziò un'intensa instabilità politica, che peggiorò con l'avvento dei militari al potere. Differenti gruppi etnici compongono la società guatemalteca. Rilevante è la presenza d'indigeni, la cui cultura maya è spesso ignorata e per alcuni considerata estinta al pari del popolo omonimo. La violenza causò un esodo massiccio verso i paesi vicini, creandosi relazioni intense, a volte anche tese, con le popolazioni ospitanti. Lì si costruirono nuove organizzazioni tra i rifugiati e si contrattò il ritorno al Guatemala: al timore della violenza si sostituì la speranza del ritorno. Dai racconti traspare timore e rassegnazione: il desiderio di tornare si scontra col ricordo dei massacri, delle violenze, e col timore che possano ripetersi. Migliaia di rifugiati ritornarono in una patria che non era più la stessa. Vissero il dramma di sentirsi stranieri nell'esilio come nel proprio paese: le conseguenze sono ancora oggi evidenti. I soprusi e le violenze hanno forgiato questi popoli ad affrontare il futuro con speranza. Conoscere la loro storia può aiutare a comprendere il dramma dei migranti di oggi e a cercarne la soluzione.

Itagliani alla guerra

Moretti Alfredo
Youcanprint

Non disponibile

17,00 €
Questo libro è una provocazione. Ripercorre la storia italiana fuori dai condizionamenti politico istituzionali che, in ogni tempo, hanno condizionato fortemente le verità dei fatti. La "grande bugia", come la chiama l'autore, consiste nella presunzione aprioristica della combattività della gente d'Italia, caratteristica che non appartiene al dna del popolo italiano, che per indole e vocazione rifiuta la guerra in ogni sua forma e circostanza. I fatti della storia nazionale lo testimoniano abbondantemente.

Storia del makeup

Lupacchino Annamaria
Youcanprint

Non disponibile

13,50 €
Il libro ripercorre le tappe evolutive del trucco partendo dallo studio dagli antichi egizi, grandi produttori di cosmetici, legati alla cura del corpo e dello spirito, fino ad arrivare ai primi anni del '900, che grazie alla nascita del cinema e l'evoluzione del teatro hanno fatto sì che l'esigenza di truccarsi non fosse finalizzata alla copertura delle imperfezioni, ma all'esaltazione della bellezza dettata dalla moda.

Istòria sotziali de Sardigna

Farris Priamo
Youcanprint

Non disponibile

15,00 €
Il libro, scritto in lingua sarda, presenta la storia sociale della Sardegna a partire dalla preistoria con i suoi primi abitanti, mettendo in risalto la civiltà nuragica. Una parte è dedicata alla Sardegna antica con la presenza dei Fenici, dei Punici, dei Romani, dei Vandali, per concludersi con la Sardegna bizantina. Segue un capitolo attinente il medioevo sardo, in cui hanno una rilevanza particolare le strutture socioeconomiche, politiche, amministrative dei giudicati e l'arrivo dei degli ordini religiosi, dei Genovesi e dei Pisani in Sardegna. Una parte è dedicata all'età moderna sarda, periodo in cui i Catalano-Aragonesi e gli Spagnoli hanno "trasferito" in Sardegna le loro strutture governative, burocratiche e socioculturali. A seguire si espone la società dell'isola dal XV al XVII sec., e la seguente nascita del regno sardo-piemontese. Infine, l'età contemporanea sarda risalta la fase in cui la Sardegna perde la sua autonomia con la fusione perfetta del 1847 e le sue conseguenze, il periodo fascista, e termina con la nascita della democrazia in Sardegna. In conclusione, il testo presenta i presidenti delle giunte a partire dalla nascita della regione autonoma, fino a giungere ai giorni nostri; inoltre, ci sono gli elenchi storici dei presidenti del consiglio e delle legislature; infine, una parte è dedicata alla bandiera, con le sue diverse interpretazioni attinenti la sua origine.