GIURISPRUDENZA E ARGOMENTI D'INTERESSE GENERALE

Filtri attivi

  • Categorie: Diritto costituzionale e amministrativo

Nazione e politica nazionale. Breve...

Ramaioli Federico Lorenzo
Greco e Greco 2017

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
La storia del Giappone è sempre stata una storia del tutto peculiare, a partire dalla sua leggendaria fondazione sino alla sua ascesa come potenza globale del mondo contemporaneo. Questa peculiarità si riflette anche nella struttura legale dell'ordinamento istituzionale e costituzionale nipponico, nelle sue varie fasi di evoluzione e di cambiamento. Il volume non vuole tracciare un'analisi giuridica del sistema legale giapponese, quanto piuttosto ripercorrere le più salienti fasi della storia dell'Arcipelago, a partire dalla trasformazione della sua struttura istituzionale e giuridica e dall'unificazione del Giappone a opera dello Shogun Tokugawa, passando per la creazione dello Stato di Meiji in seguito alla Restaurazione e alla conseguente introduzione della prima vera Costituzione del Paese, sino a giungere alla controversa elaborazione della vigente Legge fondamentale nel contesto dell'occupazione statunitense.

Piano di Costituzione, 1793. Testi...

Condorcet Nicolas de
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Combinare il moderno istituto della rappresentanza con un'idea non meno nuova di democrazia; immaginare votazioni oggi chiamate referendarie per difendersi dagli eccessi, o dagli errori, dei poteri elettivi; configurare il rapporto governanti-governati come conviene a «una Nazione illuminata sui suoi diritti»: il Piano di Costituzione che Condorcet presenta alla Convenzione affronta queste e molte altre sfide. Alla loro elucidazione è dedicata l'"Esposizione dei princìpi e dei motivi" che precede il progetto vero e proprio. Non ancora tradotta nella nostra lingua, sebbene ampiamente citata, è ora presentata insieme al testo costituzionale: così da restituirla alla sua funzione introduttiva, la stessa per cui Condorcet l'aveva ideata.

Il diritto al nome nella propria...

Troilo Silvio
Giappichelli 2017

Disponibile in 5 giorni

18,00 €
Estratto da "L'uso della lingua negli atti e nella comunicazione dei poteri pubblici italiani" a cura di Paolo Bonetti.

Manuale delle ADR. I sistemi...

Scianatico Vincenzo
Primiceri Editore 2017

Disponibile in 3 giorni  
ARBITRATO CONCILIAZIONE

20,00 €
Il volume rappresenta una guida pratica e completa a tutte le procedure, alternative al processo, di risoluzione delle controversie: mediazione, conciliazione, negoziazione assistita, arbitrato. Ogni capitolo si correda di questionario e di tabelle riassuntive.

Unione europea. Trattati

Nascimbene Bruno
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Le modifiche introdotte in questa quarta edizione riguardano il Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell'Unione europea e, in particolare, l'attribuzione al Tribunale dell'Unione europea delle competenze già del Tribunale della funzione pubblica, che ha cessato di esercitare le proprie funzioni. Altre modifiche riguardano le norme sulla partecipazione del nostro Paese alla formazione e all'attuazione del diritto dell'Unione europea, prevedendo norme di dettaglio e (auspicate) semplificazioni. Infine, si è ritenuto opportuno riprodurre in una Appendice, dedicata alla c.d. Brexit, alcuni documenti ritenuti maggiormente rilevanti. Il procedimento di recesso dall'Unione, avviato dal Regno Unito ex art. 50 TUE (norma, cui viene fatto ricorso per la prima volta, introdotta dal Trattato di Lisbona) avrà conseguenze importanti sia sul piano giuridico, politico, economico dell'Unione, sia nel più ampio contesto delle relazioni internazionali dell'Unione e dello Stato non più membro, una volta che il procedimento verrà portato a termine. Le modifiche più recenti, come di consueto, sono contraddistinte dal carattere corsivo-grassetto.

Diritto pubblico dell'economia

Conti Giorgio
SBC Edizioni 2017

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Il diritto pubblico dell'economia concerne e regola i rapporti tra Stato e cittadino in ambito economico soprattutto per quanto riguarda i diritti di proprietà, impresa, commercio e ambiti connessi. Il testo, oltre ad illustrare il quadro normativo generale, ne approfondisce i singoli aspetti anche alla luce dei più recenti provvedimenti legislativi e di sentenze dei diversi gradi della magistratura che hanno introdotto significative innovazioni soprattutto negli strumenti di semplificazione e liberalizzazione dei rapporti economici.

Appunti per le lezioni. Parlamento....

Azzariti Gaetano
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
"La scelta di esaminare Parlamento, Presidente della Repubblica e Corte costituzionale, privilegiando questi organi costituzionali rispetto ad altri, ha una ragione di fondo che è opportuno esplicitare. Il dibattito pubblico ma anche gran parte della letteratura giuridica, nonché il sentire comune appare dominato dal tema della "governabilità". Una governabilità perduta per molteplici e concorrenti ragioni, più sociali, politiche e culturali che non giuridiche o istituzionali. Fatto è che l'avvitamento della crisi politica e l'incapacità di trovare un'effettiva stabilità ai rapporti tra i poteri di governo rischiano di travolgere l'equilibrio complessivo del sistema costituzionale. Sbilanciati nella ricerca di garantire una governabilità ad ogni costo, non ci si avvede che si rischia di travolgere quelle istituzioni che legittimano (Parlamento) e controllano (Presidente e Corte) lo stesso governo del Paese. Almeno in un ordinamento costituzionale qual è il nostro. È così che a forza di auspicare maggiori poteri per i Governi ci si è scordati di rafforzare i poteri del Parlamento, che ha invece subito un'emarginazione insopportabile e pericolosa per la conservazione degli equilibri necessari alla stabilità della nostra forma di governo parlamentare." (Dalla Premessa)

Il costituzionalismo dei diritti

Pino Giorgio
Il Mulino 2017

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
Il volume analizza il discorso dei diritti come elemento portante del costituzionalismo contemporaneo. Dopo aver ricostruito le idee che lo caratterizzano (la centralità e perfino l'affollamento dei diritti fondamentali nel discorso giuridico-politico, il crescente ruolo politico della giurisdizione ordinaria e costituzionale, l'aprirsi degli ordinamenti alla dimensione sovranazionale, il «dialogo» tra le corti...), vengono affrontati i principali nodi problematici: l'inflazione dei diritti fondamentali, l'elaborazione di nuovi diritti fondamentali per via giudiziaria, la contrapposizione e conflittualità tra diverse categorie di diritti, i rapporti fra tutela dei diritti fondamentali e democrazia.

Codice breve dell'Unione europea....

Curti Gialdino C.
Edizioni Giuridiche Simone 2017

Disponibile in libreria  
COMUNITARIO

24,00 €
Il Codice breve dell'Unione europea giunge alla sua decima edizione all'indomani della ricorrenza dei sessant'anni dalla firma dei Trattati di Roma del 1957. Ci troviamo in presenza di un momento particolare per il percorso dell'integrazione europea, contrassegnato da un triplice ordine di problemi. In primo luogo, il mancato superamento della quasi decennale crisi economica, che ha comportato, specie in Italia, una intollerabile crescita del tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile. Inoltre, si registra il problema di una forte pressione migratoria dall'Africa, che si riversa sulle nostre coste meridionali e rispetto alla quale non si manifesta alcuna reale solidarietà da parte della maggior parte degli Stati membri dell'UE. Infine, la recente notifica dell'intenzione di recedere dall'Unione che il Regno Unito ha effettuato lo scorso 29 marzo, ha evidenziato, in modo definitivo, la crisi profonda del sistema dell'Unione. Essendo trascorsi circa due anni dalla precedente edizione è stato, ovviamente, necessario tener conto delle molteplici modifiche, nel frattempo intervenute, in svariati atti di diritto secondario dell'UE di valenza istituzionale. Il volume mantiene inalterate le caratteristiche evidenziate fin dalla prima edizione del luglio 2004: costituire, in pratica, una editio minor del Codice costituzionale dell'Unione europea, da me curato, nel 2000, per il medesimo Editore e, pertanto, raccogliere sistematicamente i testi fondamentali che disciplinano l'assetto istituzionale-organizzativo dell'Unione. Per quanto riguarda il TUE ed il TFUE, come noto «rinumerati» dal Trattato di Lisbona del 2007, si è ritenuto utile fornire, accanto all'attuale numerazione, indicazioni circa quella dei trattati previgenti (secondo le modalità precisate nella Guida alla consultazione del Codice), al fine di consentire di ricostruire la «storia» delle disposizioni che si sono nel tempo succedute.

Garanzie e limiti del potere...

Calamandrei Piero
Marietti 2017

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Nella discussione attuale sulla riforma della Costituzione e nel dibattito sui problemi istituzionali più rilevanti della stagione politica in corso è divenuta cruciale la questione del potere giudiziario: la sua legittimazione, le sue garanzie, i suoi limiti. Il disegno politico e giuridico in cui si colloca la Magistratura è stato delineato nella Costituzione grazie alle proposte e agli interventi di Piero Calamandrei, effettuati nel corso del suo mandato parlamentare all'Assemblea costituente: una Magistratura che «costituisce un ordine autonomo» e «provvede da sé, e senza alcuna ingerenza del potere esecutivo, al proprio governo», vigilata e tutelata da un Consiglio superiore. Una indipendenza funzionale, una Magistratura unitaria, un giudice precostituito per legge. Accanto ad essa, una Corte costituzionale che sindaca la conformità delle leggi al testo costituzionale. Così il grande giurista, letterato e uomo politico scriveva nel suo progetto sottoposto alla Commissione per la Costituzione nel dicembre 1946. Nelle sedute dei mesi successivi si sarebbe ritagliato, sulla base della sua proposta, il testo oggi vigente.

Le trasformazioni istituzionali a...

Ciancio A.
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

27,00 €
"Il volume 'Le trasformazioni istituzionali a sessantanni dai Trattati di Roma' raccoglie i risultati scientifici del Convegno omonimo, svoltosi presso il dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Catania il 31 marzo e il 1° aprile del 2017. L'occasione è universalmente nota e comunque resa evidente dall'intitolazione, che esplicita l'opportunità di destinare (almeno) un momento di riflessione agli effetti del processo di integrazione europea sull'organizzazione e il funzionamento delle istituzioni italiane, in un percorso che dura ormai da ben oltre mezzo secolo dall'originaria sottoscrizione degli Accordi istitutivi della Comunità europea e dell'Euratom. L'interrogativo da cui ha preso le mosse l'incontro concerne quello che avrebbe potuto essere oggi l'assetto istituzionale se quella sottoscrizione non vi fosse mai stata e quanto profondamente, viceversa, essa vi abbia inciso, dando luogo a risposte, a dir poco, impressionanti." (dalla Presentazione)

La lingua come fattore di...

Caretti P.
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

31,00 €
Il volume "La lingua come fattore di integrazione sociale e politica" raccoglie gli atti del Convegno svolto a Firenze il 18 marzo 2016, a conclusione del Progetto di ricerca di interesse nazionale (PRIN) 2010-11 omonimo. I contributi offrono una panoramica sullo studio giuridico della lingua come fattore di integrazione sociale e politica e della tutela del multilinguismo. Gli Autori sono esperti provenienti da numerose Università italiane e centri di ricerca impegnati nello studio della materia. In particolare, i contributi riprendono le analisi condotte sui vari livelli di governo (enti locali, Regioni ordinarie e speciali, Stato, Unione europea) all'interno di specifici settori, quali istruzione, salute, immigrazione, pubbliche amministrazioni, rapporti di lavoro, processo, comunicazione dei pubblici poteri, internet, con particolare attenzione non solo alle minoranze storiche stanziate sul territorio, ma anche alle "nuove minoranze" derivanti dai recenti fenomeni migratori.

Lineamenti di diritto pubblico per...

Bin Roberto
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

32,00 €
Il progetto di questo manuale è di offrire, in un unico volume, gli elementi fondamentali del diritto pubblico italiano e le nozioni specialistiche relative al sistema dei servizi alla persona. Il lettore potrà ricavare una conoscenza sia del contesto istituzionale e amministrativo generale, sia dell'ordinamento di settore in un percorso unitario che si pone in linea con la struttura di molti corsi universitari (e di tante prove concorsuali) che, pur non essendo specificamente dedicati ai profili giuridici, richiedono una buona conoscenza anche di questi elementi. Il testo è stato concepito assumendo il punto di vista di chi, per motivi di studio o professionali, voglia arrivare non solo a comprendere l'impianto normativo e giurisprudenziale della materia nella sua declinazione teorica, ma anche interpretare in modo concreto le regole e i limiti che, quotidianamente, danno forma al lavoro in questi ambiti. La nuova edizione, chiusa a fine luglio 2017, contiene importanti aggiornamenti sia nella parte generale (capitoli I-XI), che traccia le linee generali del diritto pubblico, sia nella parte speciale, che esamina i profili più strettamente attinenti ai servizi del welfare (capitoli XII-XIV). Molti infatti i cambiamenti intervenuti: dalla legge Madia e decreti di sua attuazione, che hanno cambiato molto tratti dell'organizzazione della pubblica amministrazione, alla nuova disciplina del terzo settore; dai nuovi LEA alla riforma della responsabilità in campo sanitario; dalla legge sul contrasto alla povertà all'e-health.

Lezioni di ordinamento giudiziario

Dal Canto Francesco
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

32,00 €
L'ordinamento giudiziario è quel settore dell'ordinamento giuridico statale ove si disciplinano, sotto il profilo organizzativo, le attività dei giudici, dei pubblici ministeri e dei loro collaboratori, ovvero quella parte del diritto pubblico che si occupa, da un punto di vista statico, dell'insieme di principi, regole e istituti al funzionamento degli organi che esercitano l'attività giurisdizionale. Il volume, con le sue quindici lezioni, affronta in modo sistematico l'intera materia con particolare attenzione alla prassi applicativa affermatasi, soprattutto grazie agli interventi del CSM, all'indomani della riforma del 2005-2007. L'autore, in particolare, dopo essersi soffermato sulle vicissitudini che l'insegnamento di tale disciplina ha conosciuto nell'università italiana, mette a fuoco i principali modelli di ordinamento giudiziario, le vicende storiche delle leggi che lo hanno riguardato dall'unità ai nostri giorni, la tematica delle fonti, nonché i principi costituzionali dedicati alla magistratura. Viene poi esaminata la disciplina riguardante l'accesso, la formazione, la progressione e le valutazioni di professionalità dei magistrati, il sistema tabellare e l'organizzazione dei diversi uffici giudicanti, nonché il tema del pubblico ministero, il cui incerto statuto costituzionale riflette la sua natura tradizionalmente "anfibia". Ancora, viene dedicata attenzione all'organizzazione degli uffici requirenti, alla magistratura onoraria, soprattutto alla luce della riforma organica del 2016, e alla responsabilità del magistrato, sia quella civile, di recente riformata con legge n. 18/2015, sia quella disciplinare. Il volume si completa con una parte dedicata a una panoramica sull'assetto organizzativo delle magistrature speciali, amministrativa, contabile, militare e tributaria, a un quadro complessivo delle trasformazioni del ruolo del giudice nell'ordinamento statale e sovranazionale e al delicato rapporto tra il magistrato e la politica.

Manuale di istituzioni di diritto...

Saltari Lorenzo
Neldiritto Editore 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

32,00 €
Il volume si articola in sette parti: la prima è su "Il diritto e lo Stato", la seconda su "La normazione", la terza sui "Diritti e doveri", la quarta sugli "Organi e momenti della democrazia parlamentare", la quinta sugli "Organi ausiliari e tutele giurisdizionali", la sesta sulle "Autonomie territoriali e pubbliche amministrazioni", l'ultima sulla "Giustizia costituzionale". L'appendice è dedicata a favorire l'organizzazione dello studio. La tavola sinottica del Manuale (parti, capitoli, pagine) può essere utilizzata per programmare i momenti di lettura, memorizzazione e ripetizione degli argomenti. Le parole chiave e i quesiti di autovalutazione possono servire a verificare come proceda il processo di "interiorizzazione" della materia. I riferimenti bibliografici essenziali, presenti nell'appendice, possono servire a chi voglia o debba svolgere approfondimenti su determinati profili dell'esame o della prova concorsuale.

Autorità indipendenti e soft law....

Bucalo M. Esmeralda
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
"Autorità Indipendenti e soft law" è una monografia scientifica che vuole indagare il fenomeno della soft law, limitando il campo di indagine ad alcune Autorità Indipendenti che. per la loro autorevolezza e per l'importanza dei settori cui sono proposte, si sono imposte nel panorama italiano. In particolare lo studio evidenzia come esse, attraverso i loro atti spesso non dotati di efficacia formalmente vincolante, siano in grado di intervenire nel sistema delle fonti in modo significativo. Ciò accade perché il legislatore pare aver scelto di abbandonare il campo di gioco in settori molto rilevanti dal punto di vista economico e sociale e caratterizzati da alta tecnicità, delegando a questi organismi la loro governance generale. Il lavoro, partendo dalla nozione di soft law e dalle sue origini, procede indagando dapprima la funzione normativa delle Autorità indipendenti in generale e analizza poi nello specifico le funzioni normative e paranormative di AGCM, ANAC e Commissione di garanzia dello sciopero nei servizi essenziali ed infine, per mezzo dell'esame della loro più recente prassi e della giurisprudenza, vorrebbe identificare quali possano essere i limiti e le possibili forme di tutela avverso un fenomeno che è capace di scardinare il sistema gerarchico delle fonti e condizionare fortemente diritti costituzionalmente sanciti.

Il giudizio disciplinare dei...

Campanelli Giuseppe
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Il volume "Il giudizio disciplinare dei magistrati ordinari: procedimento o processo?" affronta il tema del giudizio disciplinare dei magistrati ordinari sia dal punto di vista teorico, sia dal punto di vista pratico. A più di dieci anni dall'entrata in vigore della normativa di riferimento, il dlgs. 109/2006, l'autore analizza, in primo luogo, la natura dell'attuale giudizio disciplinare, attraverso un'analisi teorica che, prendendo spunto dalla dicotomia procedimento-processo, esamina il rapporto tra le cosiddette teorie "fondative" o "formalistiche" e quelle che sono identificate come teorie "sostanzialistiche". Il passaggio successivo si sposta su un piano più pratico nell'ambito del quale l'Autore evidenzia le innovazioni e le principali criticità del giudizio disciplinare alla luce del vigente sistema normativo. A questa prospettiva si connette poi la valutazione in merito alla "tenuta costituzionale" dello stesso giudizio, sulla base dell'andamento giurisprudenziale interno e nell'ottica di un possibile, differente, sindacato della Corte EDU. L'ultima parte del volume è dedicata al tema delle riforme, secondo un approccio costruttivo, individuando, cioè, le possibili modifiche istituzionali e sostenendo la necessaria sistematizzazione di un procedimento disciplinare concretamente garantito per il magistrato.

Lineamenti di giustizia costituzionale

Ruggeri Antonio
Giappichelli 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

34,00 €
La sesta edizione dei "Lineamenti di giustizia costituzionale" offre un quadro degli istituti della giustizia costituzionale, con riguardo alla struttura della Corte e alle attività svolte in occasione dei giudizi sulle leggi (in via incidentale e in via d'azione), in sede di risoluzione dei conflitti di attribuzione (tra organi e tra enti), di ammissibilità del referendum abrogativo, dei giudizi sui reati presidenziali. Una particolare attenzione è prestata alle esperienze della giustizia costituzionale, considerate alla luce delle più salienti novità di legislazione, dottrina e, soprattutto, giurisprudenza, segnalandosi tanto "conferme" quanto "svolte" d'indirizzo in tema di rilevanza, oggetto e parametro dei giudizi di costituzionalità, vizi delle leggi, effetti delle decisioni, rapporti con le Corti europee, ai quali ultimi è dedicata la nuova Sez. II della Parte III. L'opera è corredata di schemi illustrativi, vecchi e nuovi.

Lezioni di diritto amministrativo...

Carullo Antonio
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Il volume di Antonio Carullo "Lezioni di diritto amministrativo dell'economia", analizza i soggetti e gli atti, le fonti del governo dell'economia, il mercato come mezzo dell'azione amministrativa, mercato, deroghe, sovvenzioni ed aiuti, il mercato mobile ed immobiliare, la finanza pubblica, i servizi pubblici, il partenariato pubblico e privato, il mercato dell'energia elettrica, del gas naturale e il trasporto pubblico terrestre.

La nozione costituzionale di...

Masera Luca
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

36,00 €
Il lavoro intende indagare il problema dell'area di applicabilità delle garanzie che la Costituzione specificatamente appresta alla materia penale: sono da riconoscere solo in caso di sanzioni formalmente quantificate come penali dal legislatore, o al contrario tali garanzie (o almeno alcune di esse) devono essere applicate in relazione a tutte le misure che hanno natura lato sensu punitiva? Nel lavoro vengono analizzate le soluzioni presenti in sede giurisprudenziale (con un'analisi delle decisioni della Corte costituzionale italiana, della Corte europea dei diritti dell'uomo, e di alcune giurisdizioni straniere) e dottrinale, e si perviene all'auspicio che si voglia adottare una nozione differenziata in materia penale, per cui il riconoscimento di una garanzia costituzionale ad una misura punitiva formalmente non penale non dipenda da una nozione rigida di materia penale, ma debba essere deciso alla luce della ratio della garanzia di cui si discute l'applicazione.

Lezioni di diritto costituzionale...

Di Giovine Alfonso
Mondadori Education 2017

Disponibile in 3 giorni

38,00 €
Queste Lezioni di diritto costituzionale comparato nascono dal confronto fra le esperienze di insegnamento maturate da un gruppo di docenti dell'Università di Torino. Similitudini e differenze fra i più significativi ordinamenti costituzionali vengono presentate ai lettori in un quadro d'insieme che dedica grande attenzione alle evoluzioni istituzionali e politiche più recenti. Una parte del manuale è dedicata alla trattazione orizzontale, per «temi», che consente al lettore di familiarizzare con i concetti fondamentali dell'analisi pubblico-comparatistica e con le diverse possibili classificazioni degli ordinamenti. Le esperienze politico-istituzionali contemporanee sono qui poste in relazione con quelle storiche più rilevanti, affinché le caratteristiche di istituti ed organi non vengano dal lettore esclusivamente assimilate in un'ottica di confronto sincronico, ma siano piuttosto interpretate come gli esiti di processi complessi ed in costante evoluzione. Un'altra parte delle Lezioni è invece dedicata all'analisi dei singoli ordinamenti contemporanei. Accanto alle democrazie cosiddette «consolidate», gli autori hanno scelto di analizzare anche gli altri Paesi, in ragione della rilevanza che essi assumono nel contesto contemporaneo. Specifica trattazione è infine dedicata all'architettura istituzionale dell'Unione europea ed alle principali organizzazioni internazionali.

Il diritto dell'integrazione...

Cannizzaro Enzo
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

38,00 €
I problemi emersi nei paragrafi precedenti sembrano quindi dettare l'architettura di questo libro, dedicato, già dalla sua intitolazione, a descrivere i tratti essenziali di un ordinamento complesso e sfuggente quale quello dell'integrazione europea. Nelle prime tre parti, si descriverà, sulla base di una analisi critica, l'ordinamento dell'Unione nei suoi aspetti sistematici, attinenti, cioè, all'organizzazione delle sue funzioni fondamentali. La prima parte tratterà della struttura istituzionale. Un posto rilevante dell'analisi sarà dedicato alla ricostruzione dei rapporti fra Istituzioni composte da rappresentanti degli Stati membri e Istituzioni indipendenti, che operano nell'esclusivo interesse dell'Unione. Una attenzione particolare sarà prestata alle complesse dinamiche attraverso le quali si dipana il processo di legittimazione democratica delle decisioni dell'Unione. La seconda parte tratterà del sistema delle fonti del diritto dell'Unione e degli effetti prodotti da tale sistema negli ordinamenti nazionali. Una parte specifica tratterà, quindi, delle fonti dei diritti fondamentali, alla ricerca dei difficili intrecci fra meccanismi europei e meccanismi nazionali di tutela. Nella terza parte, si passerà ad illustrare la funzione giudiziaria dell'Unione e il ruolo che essa ha svolto nel promuovere lo sviluppo dell'integrazione. Una attenzione particolare sarà quindi dedicata ai rapporti diretti che si instaurano fra organi giudiziari nazionali e Istituzioni giudiziarie dell'Unione e alle loro implicazioni sistematiche. Nella parte quarta si tratterà del sistema delle competenze dell'Unione, del processo dinamico che esso ha subito nel corso dei decenni, e dei limiti che gli Stati membri stanno frapponendo a una espansione, a tratti irresistibile, del diritto dell'integrazione. La parte quinta sarà dedicata ad un problema classico del processo di integrazione: quello dei rapporti fra ordinamento dell'Unione e ordinamenti nazionali. In tale problematica si riassumono molti dei nodi dell'analisi svolta nelle parti precedenti, relativi, in particolare, alla tensione fra la tendenza "autonomista" della Corte di giustizia e la tendenza degli organi giudiziari nazionali ad affermare forme di controllo sul processo di integrazione. Nell'ultima parte, si tratterà, infine, della proiezione esterna dell'integrazione e del ruolo che l'Unione ha assunto nell'ambito delle relazioni internazionali. Il rilievo di tale problematica appare significativo sia sul piano tecnico che su quello teorico. Dal punto di vista tecnico, essa prospetta la difficoltà di stabilire una corrispondenza fra la ripartizione interna e la ripartizione esterna delle competenze. Dal punto di vista teorico, la proiezione esterna dell'integrazione pone il problema della coesistenza sul piano internazionale di più enti, l'Unione e gli Stati membri, ciascuno dei quali possiede una sfera limitata di competenze, ma nessuno dei quali possiede la pienezza delle prerogative generalmente riassunta con la formula della sovranità.

L'apertura delle Costituzioni degli...

Salvino Tiziana
Giappichelli 2017

Disponibile in 5 giorni

38,00 €
"L' analisi si concentrerà sulle clausole costituzionali di apertura all' ordinamento comunitario ed a quello internazionale, nell' ottica della comparazione del punto di vista profondamente differente dei Paesi dell'Ovest e dell'Est d'Europa. L'indagine cercherà di dimostrare che il processo di integrazione europeo ha avuto un impatto notevole sul contenuto dei Testi costituzionali e, di conseguenza, sulle modalità di risoluzione delle antinomie fra norme all'interne degli ordinamenti nazionali, in particolare in seguito al Trattato di Maastricht, con il quale si inaugura, fra l'altro, l'integrazione politica, che obbliga; rivedere il concetto di sovranità nazionale. L'Unione Europea, diventando un'integrazione sempre più stringente, impone ai suoi membri di legittimarla, di menzionarla nei loro Testi, al fine di farla divenire pratica e realtà concreta ma, soprattutto, nell' obiettivo di farne riconoscere le peculiarità che essa presenta rispetto ad ogni altra organizzazione internazionale. Sono, dunque, numerosi Stati membri che revisionano le rispettive costituzioni al fine di introdurre delle 'clausole europee', capaci di offrire una base più solida al processo di integrazione, ma, altresì, con l'obiettivo di mettere ordine nel rapporto tra ordinamento nazionale e comunitario. Per tale ragione, si è scelto di partire dalla ricostruzione delle teorie dottrinarie relative a rapporto tra ordinamenti; ciò ci consentirà, infatti, di dimostrare che il rapporto con l'ordinamento dell'Unione Europea non può ascriversi ad alcuna delle teorie classiche, imponendo allo studioso un'analisi prospettica profondamente differente. Il metodo comparatistico, applicare in particolare ad alcuni ordinamenti costituzionali dell'Est e dell'Ovest d'Europa, diviene, dunque, uno strumento fondamentale per comprendere le differenti vedute nella teoria del rapporto tra ordinamenti, mettendo in luce come Paesi diversi si aprono in maniera diversa ai medesimi fenomeni. Peraltro, è noto che non tutti gli ordinamenti costituzìonali contemplano una "clausola europea"; dunque, in fase di compara zione, sarà necessario concentrarsi particolarmente sulla giurisprudenza interna, al fine di cogliere qual è il trattamento 'domestico' riservato alle fonti prodotte all'esterno." (dall'introduzione)

Corso di diritto pubblico. Con...

Barbera Augusto
Il Mulino 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

39,00 €
Aggiornato alle ultime novità legislative e giurisprudenziali, il manuale offre un panorama articolato ed esaustivo dell'ordinamento costituzionale italiano. Vengono descritti in dettaglio i principali istituti, di cui si illustrano il funzionamento, i rapporti reciproci e la evoluzione nel tempo, senza mai tralasciare l'inquadramento storico-istituzionale. Sono forniti inoltre gli elementi essenziali dell'ordinamento internazionale e del diritto dell'Unione europea. Un ricco apparato di materiali utili per lo studio integra la trattazione. Edizione digitale su Pandoracampus.

Diritto pubblico

Pinelli Cesare
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

39,00 €
Il manuale individua i princìpi fondamentali, gli istituti e le regole del diritto pubblico italiano alla luce dell'esperienza di una Repubblica che ha ormai superato i settanta anni e tenendo conto delle trasformazioni della convivenza giuridica. Nell'analizzare i procedimenti di produzione normativa così come le interpretazioni giurisprudenziali, una attenzione particolare è riservata alle crescenti interazioni fra diritto costituzionale e diritto amministrativo.

Mercati e istituzioni in Italia....

Cardi Enzo
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

39,00 €
Argomenti trattati: La relazione tra mercati e istituzioni: il segno della "contemporaneità"; Diritto ed economia. Le analisi teoriche e le scelte di metodo; I fondamenti giustificativi delle regole; L'impresa e le istituzioni allocative; I mercati e le istituzioni regolatrici; Le politiche e le istituzioni distributive.

Istituzioni di diritto dell'Unione...

Villani Ugo
Cacucci 2017

Disponibile in libreria  
COMUNITARIO

40,00 €
"Ho predisposto questa nuova edizione tenendo conto dei mutamenti avvenuti nell'Unione europea, dei significativi apporti della giurisprudenza e dei contributi, sempre stimolanti, della dottrina. Non vi è dubbio che l'evento più appariscente è rappresentato dal recesso del Regno Unito, che ha bruscamente invertito un processo caratterizzato, sinora, da un costante ampliamento della partecipazione all'Unione europea e che, in tempi non lontani, priverà quest'ultima di un membro forse mai molto entusiasta, ma certo di grande rilevanza politica. Tale evento, peraltro, non è l'unico segnale di uno stato di crisi dell'Unione europea, che si trascina da vari anni, con serie implicazioni economiche, sociali, politiche. La perdurante incapacità di affrontare in maniera efficace - e fedele ai principi di solidarietà e di scrupoloso rispetto dei diritti umani - il fenomeno migratorio e, per altro verso, il prevalere del metodo intergovernativo nell'affrontare (spesso senza risolverli) i gravi problemi che l'odierna realtà presenta sono anch'essi prova di uno stato di malessere e, forse, di una involuzione del processo di integrazione europea."

Il sistema costituzionale spagnolo

Gambino Silvio
CEDAM 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO INTERNAZIONALE

40,00 €
Dopo il regime autoritario del Generale Franco, la Costituzione del 1978 ha istituito un nuovo sistema costituzionale in Spagna che si pone come un compendio dell'intera storia costituzionale europea della fine del secolo XX. Muovendo da una breve premessa storica, il testo affronta il sistema dei valori su cui si fonda la Costituzione (lo Stato sociale e democratico di Diritto), le relative fonti del diritto, i diritti fondamentali e le loro garanzie, la disciplina della organizzazione costituzionale dello Stato (Parlamento, Governo, Corona, Potere giudiziario e Corte costituzionale) e le forme della distribuzione territoriale del potere, le problematiche sollevate dai rapporti fra lo Stato e le Comunità Autonome, in particolare con riguardo al loro finanziamento. Il libro si propone come strumento di conoscenza anche per coloro che vogliono approfondire le problematiche poste dalla realtà politico-costituzionale spagnola. A tale scopo, dopo lo studio sistematico delle regole fondamentali dell'ordinamento costituzionale, il libro ne esamina il concreto funzionamento, non trascurando le pretese sovranistiche di alcune Comunità autonome.

Codice delle comunicazioni...

Contessa Claudio
La Tribuna 2018

Disponibile in 3 giorni  
INFORMAZIONE COMUNICAZIONE

40,00 €
Il Volume reca un commento organico alle disposizioni del Decreto legislativo n. 259 del 2003 (Codice delle comunicazioni elettroniche) a quindici anni circa dalla sua emanazione e nel ventennale dell'istituzione dell'Autorità delle Garanzie delle Comunicazioni (AGCOM) che costituisce il vero 'motore' e la protagonista pressoché assoluta della realizzazione del disegno codicistico. L'opera vede la luce in una fase storica cruciale: l'attuazione del Codice nella fase della sua piena maturità consente una riflessione ormai compiuta sulle sue principali scelte ispiratrici e sul grado di effettiva realizzazione degli obiettivi che il Legislatore si era prefisso con la sua adozione. D'altra parte, i lavori ormai avanzati per l'adozione del futuro Codice europeo delle comunicazioni elettroniche impongono all'operatore nazionale di guardare avanti, nella prospettiva di una profonda rivisitazione del quadro normativo di settore. La scelta dei curatori è stata nel senso di suddividere il volume in due parti. Nella prima, alcuni dei più autorevoli studiosi della materia (ivi compresi il Presidente in carica dell'Autorità e i suoi precedenti Presidenti) hanno offerto una panoramica generale sui contenuti e sull'evoluzione del 'Codice'. Nella seconda parte autorevoli esponenti dell'Accademia, del Foro e della stessa Autorità di settore hanno commentato, secondo un modello sostanzialmente omogeneo, l'intero corpus normativo di cui si compone il 'Codice'. Siccome i principali volumi di esame generale delle previsioni del 'Codice' del 2003 - pur se validissimi - risentono ormai del peso del tempo, l'opera si propone di fissare lo 'stato dell'arte' della materia per gli anni a venire. Prefazione di Angelo Marcello Cardani.

La sussidiarietà orizzontale nel...

CEDAM 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

42,00 €
La presente pubblicazione degli Atti del Convegno, arricchiti da una introduzione e da una postfazione, dimostra che il suddetto dettato costituzionale non ha solo una valenza utopica, la cui eventuale realizzazione richiederebbe comunque tempi lunghi, ma può trovare oggi una sua valenza strategico-operativa, se esso viene qualificato come un'urgente possibile risposta sia alla crisi della democrazia rappresentativa (Duret, Millon-Delsol, Zagrebelsky, Antonini, Arena), sia alla necessità di individuare un "nuovo paradigma" di scambio sociale, un nuovo modo di leggere la realtà, necessario per superare i gravi squilibri in atto dopo la crisi del 2008 (Magatti).

Ricerche sul «Consiglio di Stato e...

Aimerito Francesco
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

42,00 €
Il Consiglio distato e dei Memoriali del Regno di Sardegna, così ufficialmente denominato nel 1749, costituisce l'evoluzione d'un preesistente Consiglio di Stato riorganizzato intorno al 1559, a sua volta erede del medievale "Consilium cum domino" dei Duchi di Savoia. In linea di principio, esso doveva consigliare e all'occorrenza coadiuvare il principe in tutti gli atti di governo di particolare importanza, fossero essi di natura politica, giurisdizionale o legislativa. La pratica di governo autocratica della dinastia determinò tuttavia un progressivo appannamento del suo ruolo politico, mentre ne rimase in stato di costante operatività - sino al 1831 - la 'sezione giuridica': un corpo polifunzionale di giuristi - i Referendari - posti agli ordini del Gran Cancelliere, prima carica della monarchia, anch'esso giurista. Destinato a generali funzioni di consulenza giuridica, l'attività primaria e quotidiana di quest'organo fu, lungo tutto il corso della sua storia, soprattutto quella dello studio e della relazione al principe dei ricorsi/suppliche ad esso direttamente indirizzati: i "memoriali", donde il nome di Consiglio dei Memoriali assunto nella prima metà del '700. Questi ricorsi consistevano in massima parte in richieste di deroga in via di grazia a specifiche previsioni del diritto positivo, ed involvevano in quanto tali l'esercizio d'una prerogativa riservata esclusivamente al principe, secondo le modalità tipiche della "giustizia ritenuta": in linea di principio, il Consiglio doveva verificare se, nei singoli casi, sussistesse una "iusta causa" idonea a giustificare l'esercizio da parte del sovrano delle proprie eccezionali e riservate potestà derogatorie. Si perpetuarono così per secoli, nel cuore dell'apparato di governo della monarchia, le teorie sulla "absoluta potestas" del princeps elaborate dai giuristi medievali.

Contributo alla riflessione sul...

Teotonico Vittorio
Cacucci 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

42,00 €
La presente Collana di Studi di diritto pubblico ha il suo ascendente storico-scientifico e si inserisce in piena continuità nel solco fecondo tracciato dalla precedente, recante lo stesso titolo, che, fondata e diretta nell'anno 2000 dal prof. Francesco Gabriele in stretta collaborazione con il già istituito "Dottorato di ricerca in diritto pubblico e cultura dell'economia" anche al fine di parteciparne i risultati della ricerca scientifica, ha al suo attivo numerose ed apprezzate pubblicazioni. Sempre con la direzione del Prof. Gabriele (e con la collaborazione attiva degli studiosi del diritto pubblico con lui via via formatisi), la Collana, in veste parzialmente rinnovata, è caratterizzata da una nuova struttura tecnico-scientifica e dall'adozione di rigorose procedure di valutazione degli Studi destinati alla pubblicazione, in linea con le esigenze manifestatesi nel corso dei tempi più recenti.

Diritto pubblico

Politi Fabrizio
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

43,00 €
Le esigenze di garanzia e del pluralismo costituiscono la base di ogni riflessione giuspubblicistica. Il diritto pubblico trova infatti la sua ragione più profonda nella funzione di "limitazione del potere" e lo studio dei princìpi di legittimazione del potere e delle forme di estrinsecazione dello stesso deve essere indirizzato alla costruzione di un reticolo di garanzie volte alla tutela delle libertà e dell'autonomia dei singoli. In ogni visione del diritto (così come in ogni visione del mondo) è sempre ravvisabile un nucleo di valori e principi nei quali il giurista si riconosce. I valori a cui è ispirato questo manuale sono quelli della tutela dell'individuo e dei principi democratici e del pluralismo.

Elementi di diritto costituzionale

Dogliani Mario
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

44,00 €
"Non sono trascorsi nemmeno due anni dalla precedente edizione di questo manuale. Eppure da allora lo spirito del tempo è cambiato in modo profondo. Allora scrivemmo che concepivamo questo manuale come una sorta di palinsesto, pronto a ricevere una sovrascrittura, necessaria per più motivi, il più urgente dei quali sarebbe stato la necessità di adeguarlo alle modificazioni che le leggi di revisione costituzionale ed elettorale, allora in corso di discussione, avrebbero eventualmente introdotto. Ribadivamo però che questo è un manuale che «sta dentro la cultura del Novecento e non concede niente di sostanziale alla novità dei tempi, perché la polvere è ancora troppo spessa». L'idea centrale era - e rimane - quella di riproporre le ragioni della Costituzione del 1947 come grande progetto di organizzazione politico-sociale complessiva. Un progetto che porta dentro di sé il conflitto dal quale è nato (si può dire che la Costituzione avrebbe voluto ridefinire i termini del conflitto politico così come si era configurato negli ultimi decenni dell'Ottocento), e che era stato concepito da autori che erano perfettamente consapevoli della lotta che sulla sua interpretazione/attuazione si sarebbe immediatamente scatenata. Che dire ora, dopo che il processo di revisione costituzionale si è schiantato contro l'esito del referendum del 4 dicembre 2016 e con esso il progetto di un nuovo sistema elettorale, entrambi frutto di una concezione della politica e delle istituzioni che - dicevano i suoi fautori - sarebbe stata "rigeneratrice" e che avrebbe gettato alle spalle la zavorra Otto-Novecentesca che ancora grava sulla società italiana? Si potrebbe dire che non è cambiato nulla. Dalla retorica insistita, martellante, del revisionismo costituzionale si è passati al silenzio totale. L'intera vicenda riformistica, quarantennale, non è stata oggetto di un minimo di riflessione. Da parte di (quasi) nessuno. Non dai vinti, che avrebbero dovuto sforzarsi di comprendere perché una visione generale della politica, e conseguentemente delle istituzioni, pensata come palingenetica, non sia riuscita a farsi strada. Ma nemmeno dai vincitori. Che si sono comportati come se avessero vinto una partita a braccio di ferro. Finita la partita, finito tutto. Come se si fosse evitato di essere cacciati da un paradiso perduto." (Dalla Premessa)

Lezioni di diritto cosituzionale

Bifulco Raffaele
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

44,00 €
"Ho dato a queste pagine il titolo di lezioni perché consapevole di tutti i loro limiti. Il proposito è certo quello di migliorarle col tempo, nelle prossime edizioni. Felicemente costretto ad insegnare diritto costituzionale al primo anno e un diritto costituzionale progredito al secondo, con particolare attenzione ai diritti fondamentali, ho sentito l'esigenza di disporre di uno strumento didattico attento soprattutto agli sviluppi dell'Unione europea e all'attuazione dei diritti fondamentali. Convinto, come tanti, che il futuro del diritto costituzionale italiano incroci il destino dell'Unione europea, ho provato a trattare, per quanto in maniera sintetica, i profili centrali di quest'ultima, dal punto di vista sia organizzativo che funzionale. Anche i diritti e i doveri costituzionali hanno ricevuto una particolare attenzione. Il libro si rivolge, dunque, agli studenti universitari. Nello scriverlo, ho dovuto selezionare i materiali con i quali chi si occupa di diritto costituzionale si confronta quotidianamente: sentenze, atti normativi del più vario genere, la dottrina e, soprattutto, i fatti, la pressione delle cose. Mettere a disposizione dello studente una trama sulla quale possa crescere e maturare, anche attraverso il confronto a lezione con il docente, è stata l'idea di fondo del progetto. Se si prescinde dalla parte prima, l'impianto del volume è abbastanza tradizionale anche perché, pensando alle esigenze dello studente, ho cercato di rimanere quanto più aderente all'impianto della Costituzione." (Dalla prefazione)

Istituzioni di diritto pubblico

Barile Paolo
CEDAM 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

44,00 €
Questa XVI edizione del manuale di Istituzioni di diritto pubblico, dettato da Paolo Barile nel 1972, conserva l'impianto originario di quel corso, così come condiviso nella rilettura effettuata con gli allievi Enzo Cheli e Stefano Grassi nella VII-VIII edizione (rispettivamente del 1995 e 1998). La struttura del manuale resta pienamente attuale perché immutate sono la forza e la capacità di fondare lo studio del diritto pubblico che caratterizzano l'impianto della Costituzione del 1948. Sono stati ridotti i riferimenti giurisprudenziali e alle questioni dottrinali ormai superate; sono state riviste le parti che hanno subito maggiori modifiche sul piano legislativo (e in particolare quelle derivanti dalle importanti leggi di revisione costituzionale approvate nel corso delle ultime legislature e quelle connesse con le modifiche del sistema elettorale, fino alla recente legge n. 165 del 3 novembre 2017). In Appendice, oltre al testo della Costituzione, sono state aggiornate alcune tabelle riassuntive delle vicende degli organi costituzionali ed una nota per la guida alla ricerca bibliografica.

Diritto costituzionale

Cariola Agatino
CEDAM 2018

Disponibile in 3 giorni

45,00 €
Le trasformazioni che riguardano i processi di integrazione politica ed economica in Europa e le vicende istituzionali che attraversano l'assetto italiano incidono in maniera profonda sul diritto costituzionale. Il presente volume, nato dall'esperienza didattica degli autori sulla scorta dell'insegnamento di Luigi Arcidiacono svolto per anni presso l'Università di Catania, intende unire la considerazione delle regole giuridiche e dei valori costituzionali con l'attenzione agli svolgimenti istituzionali. La finalità didattica ha richiesto di mantenere uno stile semplice e discorsivo, rivolto soprattutto a spiegare agli studenti le dinamiche del diritto costituzionale.

Diritti culturali e modello...

Cavaggion Giovanni
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

47,00 €
"Ai fini di affrontare il tema dei diritti culturali, si impone una preliminare (e necessariamente sommaria) ricostruzione del ruolo che la cultura è venuta ad assumere nel costituzionalismo contemporaneo. Il concetto di cultura, infatti, salvo sporadiche eccezioni, ha fatto il suo ingresso a pieno titolo nel dibattito giuspubblicistico solo nel corso del XX secolo, ed è storicamente caratterizzato da una polivalenza semantica che rende estremamente complessa la sua perimetrazione. Il rischio è da un lato quello di sminuire il concetto di cultura, sposandone un'accezione eccessivamente restrittiva e limitandolo alla mera tutela del patrimonio culturale e alla promozione delle attività 'alte' dell'intelletto, e dall'altro quello di espanderlo a dismisura, così da permeare in senso trasversale l'intero spettro del diritto costituzionale..."

Diritto costituzionale e pubblico

Caretti Paolo
Giappichelli 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

47,00 €
"Questa terza edizione del manuale è nata, è stata predisposta e viene data alle stampe nel segno dell'incertezza. All'inizio del lavoro era in discussione una proposta di revisione costituzionale che avrebbe inciso fortemente non solo sulla nostra forma di governo, modificando in profondità i rapporti tra Governo e Parlamento, nonché l'assetto del Parlamento, ma anche la forma di Stato, procedendo ad una completa ridefinizione del contenuto delle autonomie regionali. Il referendum del 4 dicembre 2016 che ha respinto questa proposta ha cambiato del tutto la prospettiva, lasciando peraltro sul tappeto una serie di rilevanti problemi da risolvere: infatti, durante il lungo periodo nel quale si è elaborata la proposta di revisione costituzionale e si è atteso l'esito referendario, non si è intervenuti, come pure era possibile, a dare soluzione ad alcuni di tali problemi mentre si è sviluppata una critica corrosiva su molti aspetti dell'ordinamento costituzionale vigente. Un secondo elemento di incertezza è stato rappresentato dagli sviluppi della legislazione elettorale. La nuova legge elettorale 52/2015, successiva alla sentenza 1/2014 della Corte costituzionale, è stata concepita per la sola elezione della Camera dei deputati, dando per scontata l'approvazione della revisione della Costituzione in discussione con la trasformazione del Senato in un organo ad elezione indiretta. Essendo stata la proposta respinta dal voto popolare ed essendo stata parzialmente dichiarata illegittima la legge 52/2015 dalla Corte costituzionale con la sentenza 35/2017, si è aperta una nuova fase volta alla faticosa ricerca di una ulteriore legge elettorale in grado di operare per entrambe le Camere. Si tratta di elementi che non hanno certo semplificato la revisione del testo che, in ogni caso, cerca di dar conto dei vari passaggi di questa complessa vicenda istituzionale e del suo significato. Naturalmente il testo è aggiornato anche alle principali novità giurisprudenziali e normative che in questi ultimi tre anni sono intervenute. Sul primo punto, si pensi soprattutto alla giurisprudenza costituzionale non solo in materia elettorale, ma a quella in tema di rapporti tra ordinamento interno, ordinamento internazionale e ordinamento dell'Unione europea, e all'interpretazione della teoria dei contro limiti alle possibili cessioni di sovranità che essa contiene. Sul secondo versante, basti accennare alla riforma dell'amministrazione centrale, regionale e locale, a quella della giustizia contabile, a quella delle misure di prevenzione, alla disciplina delle unioni civili. Si segnala che, su suggerimento di alcuni colleghi che da tempo si avvalgono di questo strumento didattico, abbiamo pensato di predisporre un'appendice in formato elettronico che contiene materiali normativi (testi costituzionali e di leggi ordinarie) e giurisprudenziali che risultano particolar-mente utili al docente per la spiegazione di alcuni passaggi del testo e allo studente per comprenderne a pieno il significato. Da ultimo, ringraziamo ancora una volta i tanti collegi che con le loro critiche e i loro consigli ci aiutano da sempre a migliorare il nostro manuale."

Manuale di diritto costituzionale

Mazziotti Di Celso Manlio
CEDAM 2018

Disponibile in 3 giorni

48,00 €
Si tratta della settima edizione, aggiornata rispetto alla precedente del 2014. Resta un testo agile e chiaro. Scopo del Manuale è offrire agli studenti un'esposizione il più possibile sintetica e chiara del nostro diritto costituzionale. Questo intento è giustificato dal fatto che la complessità dell'ordinamento è ormai tale che uno sforzo di sintesi e di chiarezza appare necessario, affinché chi si cimenta con lo studio di esso non perda nella molteplicità delle norme e dei problemi la visione delle sue grandi linee e dei suoi principi fondamentali. L'ordine degli argomenti trattati segue l'ordine che si ritrova nella Costituzione, senza assumere le vesti di un commentario. Questa scelta facilita lo studioso assicurando una costante ed immediata corrispondenza dell'ordine di trattazione dei vari istituti con quello dei dati di diritto positivo.

Diritto pubblico e costituzionale

Nicotra Ida Angela
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

49,00 €
Il volume contiene le ultime novità normative e istituzionali: La legge per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica (c.d. Rosatellum) L'avvio della VIII legislatura e le vicende che hanno portato alla formazione del governo sostenuto dai partiti del Movimento Cinque Stelle e della Lega. La riforma organica del Regolamento del Senato approvata dall'Aula, a larghissima maggioranza, il 20 dicembre del 2017. Il tentativo di secessione della Comunità Autonoma della Catalogna dalla Spagna e il referendum per l'indipendenza dell'ottobre del 2017. Il Regolamento europeo (UE 2016/679) in materia di protezione dei dati personali, in vigore in Italia dal 28 maggio 2018. La delibera dell'ufficio di presidenza della Camera dei deputati contenente il nuovo sistema di ricalcolo dei vitalizi percepiti sulla base del sistema contributivo dagli ex parlamentari (12 luglio 2018). La decisione della Corte Costituzionale sul tema delle ex - Province e delle Città metropolitane (sent. 20 luglio 2018, n. 168).

Lineamenti di diritto...

Dogliani M.
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

50,00 €
La Collana di Diritto costituzionale regionale intende ospitare, e rinnovare nel tempo, studi dedicati agli ordinamenti delle singole Regioni italiane: in ciò, peraltro, rifuggendo da localismi alla moda o, comunque, asintonici rispetto al disegno costituzionale repubblicano, pur dopo le profonde riforme legislative e costituzionali avutesi a cavallo tra il secolo passato e quello presente, e, tuttavia, con la convinzione che, al di là delle linee generali comuni, i valori attribuiti e riconosciuti all'autonomia territoriale, soprattutto nei termini di una più efficiente organizzazione dell'apparato pubblico e di una miglior tutela dei diritti e delle aspettative individuali e collettive, possano trovare realizzazione solo nel concreto e virtuoso operare degli istituti e delle procedure della democrazia locale e partecipativa.

Funzioni e responsabilità del Capo...

Gianello Simone
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

50,00 €
"Funzioni e responsabilità del Capo dello Stato nelle giurisprudenze costituzionali" si pone l'obiettivo di offrire al lettore una rivisitazione in chiave sistemica dell'interazione vigente tra le decisioni delle più alte magistrature, chiamate a definire in ultima istanza l'insorgenza di conflitti istituzionali nelle loro diverse accezioni, e gli aspetti evolutivi della carica presidenziale, in modo tale da poter comprendere in che misura e secondo quali linee di tendenza le decisioni delle prime abbiano inciso sullo statuto di responsabilità del secondo condizionandone, inoltre, l'evoluzione all'interno dell'architettura istituzionale, nonché la stessa forma di governo nel suo complesso.

Diritto pubblico italiano ed europeo

Guzzetta Giovanni
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

54,00 €
Il presente Manuale si propone di descrivere le nozioni fondamentali del diritto pubblico alla luce della sempre maggiore integrazione tra l'ordinamento italiano e quello europeo. Una prospettiva che si è rafforzata, sotto il profilo tanto giuridico quanto culturale, nel corso degli ultimi anni anche a seguito dell'allargamento dell'Unione europea, con la conseguente necessità di elaborare un diritto pubblico comune che consenta ai vari sistemi giuridici di "dialogare". Partendo da un'introduzione sui concetti fondamentali della teoria generale, vengono affrontati gli argomenti relativi alle fonti, all'organizzazione, alla giurisdizione, al sistema delle autonomie, al governo multilivello ed alla tutela dei diritti, nell'ordinamento positivo italiano ed europeo e nei reciproci rapporti.

Diritto costituzionale

Mazzaroli Ludovico A.
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

59,00 €
"Riferiscono persone vicine al Presidente Giorgio Napolitano che egli, negli anni del suo mandato, cercava suggerimenti e informazioni sull'estensione dei suoi poteri e sui modi corretti del loro esercizio leggendo frequentemente la voce 'presidente della Repubblica' scritta per 'L'enciclopedia del diritto' da Livio Paladin. È questa una notizia che riesce utile per aprezzare la riproposizione in edizione riveduta e corretta del 'Diritto costituzionale' di Livio Paladin, che Ludovico Mazzarolli e Dimitri Girotto si sono assunti generosamente il compito di curare." (Dalla prefazione di Sergio Bartole)

Diritto costituzionale della...

Fattori Gabriele
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

65,00 €
La Costituzione italiana è tra le più attente al fenomeno religioso. Ma l'affermarsi di nuovi diritti e pratiche religiose mette alla prova sia l'efficienza della disciplina costituzionale, sia l'efficacia delle elaborazioni dottrinali. In che modo, allora, gli studiosi della Costituzione italiana guardano oggi alla religione? Quando, quanto e perché la religione è considerata un fenomeno a rilevanza giuridica dalla dottrina costituzionalistica? Come cambia l'interpretazione della disciplina costituzionale delle religione davanti alla crisi dei tradizionali paradigmi di gestione politica e giuridica del fenomeno religioso? Alla luce degli attuali processi di pluralizzazione e ricomposizione della demografia religiosa il punto di vista degli studiosi del diritto costituzionale e pubblico capovolge e affianca la tradizionale prospettiva degli specialisti del dritto ecclesiastico e dei rapporti Stati/Chiese. Gabriele Fattori osserva i risultati dell'approccio della dottrina costituzionalistica al fenomeno religioso attraverso i riferimenti della manualistica costituzionale alla religione selezionati e tematizzati in un ampio repertorio di appendice. Il repertorio analitico della manualistica costituzionale individua così le intersezioni tra diritto costituzionale e diritto ecclesiastico e mette a disposizione di tutti i cultori delle discipline giuridiche e delle scienze sociali interessati alla tematica religiosa uno strumento inedito di analisi delle traiettorie e delle prospettive del diritto costituzionale della religione.

Diritto costituzionale

Vignudelli Aljs
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

72,00 €
Il manuale è ispirato all'obiettivo di formare gli studenti al ragionamento giuridico nell'ambito del diritto pubblico e, in tale prospettiva, contiene ampi riferimenti di taglio storico e filosofico, specialmente per quanto concerne alcune problematiche che costituiscono il substrato culturale della materia, come quella dell'interpretazione oppure quella concernente il concetto di Stato. Su questo sfondo vengono poi affrontati i profili di natura più propriamente istituzionale, a cominciare dal tema delle fonti del diritto che, pur non essendo oggetto di una disciplina organica nell'ambito della Costituzione, da un lato trova in essa le proprie coordinate essenziali e, dall'altro lato, ne costituisce, per certi versi, la struttura portante. Dopodiché, seguendo la successione degli argomenti nell'ambito del testo costituzionale, vengono ricostruite le fattispecie dei diritti fondamentali previsti nella Parte I ("Diritti e doveri dei cittadini") per trattare in seguito dei diversi Poteri contemplati nella Parte II ("Ordinamento della Repubblica"), dal Parlamento, al Presidente della Repubblica, al Governo, alla Magistratura, fino ad esporre i tratti essenziali della normativa sulle autonomie territoriali (Regioni, Province, Comuni) e sulla Corte costituzionale.

I controlli della Corte dei Conti

Gribaudo Adriano
Maggioli Editore 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO AMMINISTRATIVO

78,00 €
L'idea di procedere alla stesura di un testo dedicato ai controlli svolti dalla Corte dei conti nasce dalla riscontrata accresciuta importanza, nel corso degli ultimi anni, della funzione di controllo esercitata dalla magistratura contabile. Si tratta di una funzione articolata e composita che ricomprende molteplici aspetti dell'attività amministrativa delle pubbliche amministrazioni e abbraccia il vasto panorama della finanza pubblica, nelle sue componenti della disciplina di bilancio, dei relativi equilibri, dei saldi finanziari e del risanamento degli enti nel quadro generale dell'armonizzazione contabile (d.lgs. 23 giugno 2011 n. 118). Nell'ambito di un contesto così articolato ed eterogeneo, il testo mira a fornire una trattazione di tutte le essenziali funzioni assegnate alla Corte, secondo il criterio del raggruppamento di argomenti ratione materiae; ciò al fine di garantire una piena fruibilità e utilizzabilità anche a fini operativi dei contributi forniti dagli autori, evitando rischi dispersivi derivanti dalla oggettiva parcellizzazione della disciplina delle funzioni di controllo di cui trattasi. Il lavoro di analisi della funzione di controllo, nonché della funzione consultiva, è arricchito da una rassegna giurisprudenziale di quasi 300 massime, per offrire un quadro sistematico e complessivo delle stesse, in particolare a beneficio degli enti controllati, primi tra tutti gli enti locali, ma anche delle regioni, delle amministrazioni statali e degli enti del Servizio sanitario. L'auspicio è che l'opera possa rappresentare un valido ausilio per tutti gli operatori che svolgono la propria attività nelle amministrazioni pubbliche interessate dai controlli e dall'attività consultiva, nonché nell'ambito della stessa Corte dei conti, intestataria delle funzioni. Il testo, per la completezza, ma anche per il taglio operativo, può costituire un efficace strumento altresì per la preparazione alle prove concorsuali per l'accesso alla magistratura contabile.

Kit Codice MIUR: Codice MIUR....

Neldiritto Editore 2018

Disponibile in 3 giorni

115,00 €
Il kit è composto da: "Codice MIUR. Raccolta normativa 2018-2019", "Codice civile. Con sistema di collegamenti normativi e storici sotto ciascun articolo", "Codice amministrativo. Con sistema di collegamenti normativi e storici sotto ciascun articolo".

Liber amicorum Antonio Tizzano. De...

Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

136,00 €
Il Liber Amicorum, intitolato «De la Cour CECA à la Cour de l'Union: le long parcours de la justice européenne», rende omaggio al Vice Presidente della Corte di Giustizia dell'Unione europea, il professore Antonio Tizzano, che ha dedicato tutta la sua vita professionale e scientifica allo studio del diritto e soprattuto all'esame ed allo sviluppo della giurisprudenza di questa istituzione, profondo sostenitore dei valori su cui si fonda il progetto europeo. Il volume è dedicato al Professore nel momento in cui si appresta a lasciare le sue funzioni (l'8 ottobre 2018) non solo come un ringraziamento per il suo attivo contributo alla costruzione europeista e ma anche come testimonianza di un rispetto profondo, di sincera gratitudine e di amicizia che gli portano gli autori. I saggi contenuti, a firma di docenti universitari, magistrati delle Corti superiori, avvocati e funzionari istituzionali specialisti nella materia offrono una ricostruzione, con approfondimenti monografici, del lungo percorso dell'istituzione Corte di Giustizia approfondendo temi sostanziali e procedurali. Contiene saggi in lingua francese e in lingua italiana. Prefazione di Koen Lenaerts.