Filosofia della religione

Active filters

Il sacro

Otto Rudolf
SE

Disponibile in libreria

22,00 €
"Questo libro di Rudolf Otto" scrive lo storico del cristianesimo Ernesto Buonaiuti (1881-1946), a cui si deve questa traduzione "di una potente ricchezza di contenuto. Esso racchiude le prime linee di una filosofia della religione destinata - noi lo crediamo fermamente - a una singolare larghezza di ripercussioni e di applicazioni". Apparso per la prima volta in Germania nel 1917, indaga "ciche costituisce l'intima essenza di ogni religione", di ogni fenomeno religioso, ossia la categoria del sacro, il cui dato fondamentale e originale il "numinoso", il razionalmente indeducibile, il concettualmente inesplicabile. In esso il divino si manifesta come "mysterium tremendum" e "fascinans", come il nascosto, il non rivelato, l'"assolutamente altro", che terrorizza e al tempo stesso affascina, che sconvolge e sbigottisce con la sua "tremenda majestas", dinanzi a cui ogni creatura schiacciata nella propria nullit nel suo essere "fango e cenere e nient'altro". Il sacro dunque essenzialmente, originariamente, "tremendum" e "fascinans" e solo pitardi la religione - al suo livello pialto nel cristianesimo - si autofonda come autonoma esperienza, si razionalizza, dando corpo da una parte alle idee di giustizia, di legge morale, di peccato e di redenzione, e dall'altra all'immagine della divinitcome provvidenza, come misericordia, come amore.

Il capro espiatorio

Girard Ren?
Adelphi

Disponibile in libreria

14,00 €
Dice Heidegger che ogni vero pensatore pensa un solo pensiero: nel caso di René Girard è quello del «capro espiatorio». In questo saggio egli prende per mano il lettore e, passo per passo, illumina in modo definitivo quel meccanismo della persecuzione e del sacrificio a cui già aveva dedicato La violenza e il sacro. Ed è impossibile sottrarsi alla luce cruda e netta che in queste pagine viene gettata su alcuni temi che per forza ci riguardano tutti. In particolare, colpiranno per la loro radicale novità le interpretazioni di parabole ed episodi dei Vangeli, dove secondo Girard si compie quell'oscillazione decisiva per cui la vittima sacrificale non consente più alla colpa che le viene attribuita, ma diventa l'innocente che come tale si rivendica: così il capro espiatorio si trasforma nell'agnello di Dio.

Teoria della religione

Bataille Georges
SE

Disponibile in libreria

19,00 €
La morte di Dio non è stata soltanto l'«evento» che ha suscitato, nella forma che noi conosciamo, l'esperienza contemporanea: essa ne disegna indefinitamente il grande sostegno scheletrico. Bataille sapeva bene quali possibilità di pensiero questa morte poteva aprire, e in quale impossibilità essa impegnava il pensiero. Cosa vuol dire, infatti, la morte di Dio se non una strana solidarietà tra la sua inesistenza che esplode e il gesto che lo uccide? Ma cosa vuol dire uccidere Dio se non esiste, uccidere Dio che non esiste? Probabilmente, vuol dire ucciderlo perché al tempo stesso non esiste e affinché non esista (è la risata). Uccidere Dio per liberare l'esistenza da questa esistenza che la limita, ma anche per ricondurla ai limiti che questa esistenza illimitata cancella (è il sacrificio). Uccidere Dio per ricondurlo a quel nulla che egli è; per manifestare la sua esistenza nel cuore di una luce che la fa fiammeggiare come una presenza (è l'estasi). Uccidere Dio per perdere il linguaggio in una notte assordante, e perché questa ferita lo faccia sanguinare fino a che zampilli un «immenso alleluia perduto nel silenzio senza fine» (è la comunicazione). La morte di Dio non ci restituisce a un mondo limitato e positivo, ma a un mondo che si snoda nell'esperienza del limite, si fa e si disfà nell'eccesso che lo oltrepassa. (Michel Foucault) Testo stabilito da Thadée Klossowski. Con uno scritto di Paola Alberti.

L'arte del simbolo. Ediz. illustrata

Panikkar Raimon
Jaca Book

Disponibile in libreria

50,00 €
Per Pannikar la mancanza di una vita simbolica la pigrande lacuna delle nostre societ L'uomo menomato, non ha ponti con il senso del vivere quotidiano e con l'infinito. L'uomo riconosce il simbolo anzitutto nella natura. Il Kailash la montagna sacra degli induisti e di altre religioni; l'eccellenza, il simbolo che unisce l'uomo al cielo e al destino. Panikkar stesso, in tarda ete a rischio della sua stessa vita, ha compiuto un pellegrinaggio al Kailash, nell'attuale Tibet. L'uomo riconosce i simboli nella natura (montagne, alberi, fuoco, acqua), e ne costruisce con le proprie mani, ha l'arte del simbolo per creare i ponti con il significato. L'uomo simbolico diviene uomo artista, da lui nascono immagini, costruzioni, miniature, architetture, musiche. Viva, che danzando crea l'universo simboleggiato da un cerchio da cui brillano dei fuochi, una delle immagini picoinvolgenti dell'umanit Dai grandi templi dell'India scavati nella roccia alle guglie della Sagrada Familia del catalano Gaud conterraneo di Panikkar, l'arte fonte e veicolo di simboli. Per la prima volta vengono raccolti gli scritti di Raimon Panikkar sul simbolo insieme con le immagini che permettono di contemplare quanto espresso dalla sua parola.

Jan Assmann. I monoteismi in questione

Colagrossi Elisabetta
Morcelliana

Disponibile in libreria

22,00 €
Il volume rappresenta la prima introduzione italiana al pensiero di Jan Assmann. Suddiviso in tre capitoli, il lavoro esplora la ricerca dell'egittologo tedesco sui monoteismi, muovendo da un'analisi dei concetti di fondo (monoteismo, politeismo, cosmoteismo, distinzione mosaica), per arrivare al tema della teologia politica. Ne risulta il quadro complessivo di una delle piaudaci e innovative proposte ermeneutiche sui monoteismi degli ultimi decenni, che ha suscitato nel mondo della filosofia, della teologia e della storia delle religioni innumerevoli dibattiti e polemiche che proseguono ancora oggi e di cui il libro rende puntualmente ragione. In gioco il tema del superamento della violenza religiosa in un contesto pluralistico, dove ogni religione combatte innanzitutto con il proprio demone che la spinge all'assolutezza.

Scritti di filosofia e religione

Cotta Sergio
Rubbettino

Disponibile in libreria in 5 giorni

22,00 €
Prefazione di Lorenzo Scillitani Sergio Cotta (1920-2007) è ampiamente noto, in sede nazionale e internazionale, per essere stato un'autorità nel campo della filosofia del diritto e della politica. Il costante richiamo a opere come Il diritto nell'esistenza e I limiti della politica ne attestano la significativa, persistente influenza sul dibattito scientifico-culturale. Tuttavia, gli aspetti più direttamente legati alla dimensione specificamente religiosa della vita e della produzione intellettuale di uno degli ultimi Maestri del Novecento rischiano di restare in ombra. La raccolta dei 22 scritti che qui vengono riproposti, elaborati con una grande chiarezza espositiva e un rigore argomentativo che li rendono accessibili anche a lettori non specialisti, intende pertanto contribuire a colmare una lacuna di ordine ermeneutico, suscettibile di pesare sul senso di una rivisitazione complessiva del percorso di ricerca cottiano, impegnato con le dimensioni giuridiche e politiche dell'esistenza non meno che, su di un piano altrettanto filosofico, con l'elemento religioso.

La memoria di Dio

De Benedetti Paolo
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

5,00 €
Siamo di fronte a una sorta di testamento spirituale di questa figura di biblista, professore, traduttore, uomo di confine. Servendosi di un'ermeneutica marrana, il rabbi di Asti riflette su "La memoria di Dio", ove il genitivo è oggettivo e insieme soggettivo: è la memoria di Dio nei confronti dell'uomo e dell'uomo nei confronti di Dio. Un rapporto da leggersi in chiave bilaterale e che già è preludio del dialogo tra il Creatore e la sua creatura. Di qui il darsi della Sacra Scrittura in termini di un racconto ove gli attori sono Dio e l'uomo e insieme l'esplicazione della storia ebraica in quanto toledot.

Volti d'altri, tra finito e...

Ferretti Giovanni
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
La secolarizzazione ha fatto valere con forza la dignitautonoma del finito, a tal punto da ritenere cosa ovvia che esso o l'immanenza siano il tutto della nostra esistenza, e che ogni rimando alla trascendenza non faccia che compromettere la libertumana. Il volume affronta questo risvolto della secolarizzazione confrontandosi per un verso con le posizioni antimetafisiche di filosofi come Natoli, Rusconi e Vattimo, per l'altro con chi propone forme nuove d'intendere la relazione finito-infinito, rispettose della dignite della libertdel finito. Si offrono cosesempi concreti di dialogo filosofico-teologico e al contempo un significativo spaccato della filosofia e della teologia italiana.

Erich Auerbach e Walter Benjamin...

Arigone Leonardo
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Nel 1892 Erich Auerbach e Walter Benjamin nascono nel quartiere berlinese di Charlottenburg da famiglie dell'alta borghesia ebraica. Dell'amicizia personale e della stima intellettuale tra i due rimangono diverse tracce nelle rispettive opere e sei lettere scambiate tra il 1935 e il 1937, nelle quali si conserva il ricordo di un passato ormai annichilito dal nazionalsocialismo. Contro l'abolizione della storia operata da quest'ultimo, rileggendo Paolo di Tarso e Dante, Auerbach e Benjamin formulano i concetti di figura, la prefigurazione del Nuovo Testamento nell'Antico, e di Jetztzeit, l'attualizzazione del passato nel presente. Figura e Jetztzeit delineano coscostellazioni dialettiche tra finito e infinito, storia ed eternit creazione e redenzione opposte al dualismo gnostico. L'accusa di gnosticismo che Jacob Taubes, pure ottimo lettore di Auerbach, muove a Benjamin, quindi, si rivela contraddittoria e lascia spazio a una diversa interpretazione del rapporto tra Benjamin e Auerbach giintuita da Giorgio Agamben.

La mia testimonianza

Podo Franca
Gruppo Albatros Il Filo

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,90 €
Nel ventennio fra le due guerre mondiali, il matematico e fisico nettunese Luigi Trafelli (1881-1942) scrisse una serie di saggi di natura storico-filosofica sul radicale mutamento che il cristianesimo e il messaggio evangelico avevano introdotto nella Weltanschauung comune e nelle speculazioni dottrinali. Composti fra il 1924 e il 1938, questi scritti, raccolti sotto il titolo di "La mia testimonianza" conducono ad una riflessione profonda sulla Dottrina Cristiana e sulla ricerca di una libertà spirituale che l'autore per primo compie con passione e ricerca spasmodica. Curato da Franca e Carlo Podo, questo libro vuole aprire alla conoscenza di un pensatore che per circostanze storiche avverse ha rischiato l'oblio e che invece può, ancora oggi, con il suo pensiero e i suoi contenuti, aprire alla visione di largo respiro di quelli che saranno gli innovativi orientamenti della Chiesa postconciliare.

Etnologia del sacro. Religione e...

Pàtron

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Il volume propone alcuni dei testi classici della scuola francese sulla questione metodologica della partecipazione sul campo ponendo l'accento sul coinvolgimento a livello teorico scientifico dello studioso. Tutti gli articoli rileggono la problematica di metodo all'interno del fenomeno magico-religioso, al di là del fattore religioso propriamente detto, pratica di partecipazione emotivamente condivisa o, come dice splendidamente Daniel Fabre all'interno di questa stessa raccolta, «momento di alta intensità collettiva». Si sollevano questioni soggettive, legate alla percezione e al ricordo. La difficoltà interpretativa del fatto religioso è emersa soprattutto nel momento di 'ritorno' dell'antropologia in Europa, quando lo studioso ha dovuto confrontarsi con l'estraneità all'interno del suo stesso contesto di appartenenza.

Dio: mistero unico e possibilità di...

Germano Fausta
Cantagalli

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
La ricerca di un Fondamento ultimo, l'aspirazione verso un ordine trascendente che dà compimento e pienezza all'ente contingente, è un anelito innato nell'uomo. In questo senso, la riflessione sistematica della filosofia della religione, con il suo apporto, può offrire risposte a reali interrogativi del singolo. Con quale criterio conciliare l'anelito di libertà e di desiderio inappagato della natura umana nel suo desiderare illimitato? In che modo armonizzare l'ansia di comprensione del reale e l'ambizione di una portata conoscitiva che appaghi le attese dell'uomo? Grandi richieste che vengono affrontate nella complessa problematica della filosofia della religione, con riflessioni adeguate di metafisica e antropologia, come strumento di approfondimento e di indagine della Verità ontologica, per un rinnovato e qualificante esistenzialismo antropologico. La risposta al mistero di Dio: "Solo gli occhi dell'anima possono riconoscere l'Essere Eterno esistente".

Sradicamento

Sestov Lev
Morcelliana

Disponibile in libreria in 3 giorni

23,00 €
In seguito all'uscita dei suoi primi saggi - su Shakespeare, Tolstoj, Dostoevskij, Nietzsche - Sestov «ne ha abbastanza di andare curvo» e decide di pubblicare una raccolta di aforismi rivoluzionaria per il contesto russo, ispirandosi a Umano, troppo umano. Il volume raccoglie impressioni fulminee che teorizzano una corrente di pensiero scevra da dogmatismi - una Apoteosi dello sradicamento appunto - tendente alla ricerca di una visione personale sulla vita e sul sapere, cui si aggiungono Le ultime parole, Filosofia e teoria della conoscenza e Dieci aforismi: lo stacco dal pensiero russo dell'epoca è definitivo. Una voce spezzata che risuona tuttora moderna, indice dello spirito universale di uno scrittore disposto a «ripartire da un atto di distruzione e affrancamento».

Jean Baudrillard. Il male,...

Altobelli Dario
Mimesis

Disponibile in libreria in 5 giorni

10,00 €
Nell'imponente letteratura critica dedicata a Jean Baudrillard, un tema sembra ancora poco approfondito e considerato: il ruolo e il significato del motivo religioso nella sua opera. Lungi dall'essere un aspetto secondario, esso decisivo per misurare la profonditstorico-culturale di molti dei suoi concetti piimportanti e per interpretare alcune delle principali questioni da lui poste. Questo studio indaga le molteplici rifrazioni del religioso nel pensiero di Jean Baudrillard, concentrandosi in particolare su tre temi fondamentali: la dualite il principio del male, la critica al marxismo in chiave utopica, la teoria del simulacro. Questi terreni di riflessione, che attraversano l'opera e si rinviano reciprocamente, sono esplorati ponendo in luce i differenti e fecondi orizzonti culturali e simbolici inerenti alla dimensione religiosa, che in ultima istanza risulteressere una delle espressioni pichiare dell'intenzione politica nel suo pensiero.

La spiritualit? in parole....

Sbalchiero Stefano
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,00 €
Come raccontano i giovani, oggi, la loro ricerca di senso? Quali sono i modi di concepire la spiritualite qual il ruolo che gioca nella loro vita? Se nello scenario odierno stiamo assistendo a una generale e diffusa perdita di appeal delle istituzioni religiose tradizionali, quali sono le modalitdi raccordo tra l'esperienza di vita dei giovani e le sfere del sacro? Nell'affrontare queste domande, il libro restituisce, attraverso ampie tranches de vie, uno spaccato sui modi in cui le giovani generazioni raccontano la spiritualit Corpo, benessere, valori, religione, meditazione, pratica: sono alcune delle parole che accompagnano questi moderni esploratori nell'interpretazione della propria esperienza all'incrocio tra le province di significato della religione e della spiritualit I racconti dei giovani che abbiamo intervistato parlano proprio di una certa "autonomia degli stili", e per questo abbiamo scelto tale espressione come sottotitolo del nostro libro: le pratiche a cui i giovani fanno riferimento rimandano a una individualizzazione del credere dove le scelte individuali originano stili di vita orizzontali che si differenziano alquanto da quelli verticali e tradizionali. E in questa cornice il confine tra il sacro e il secolare, tra identitatee, religiose e spirituali negoziato attraverso stili di vita autonomi che stanno alla base della dinamica culturale secolare che caratterizza il mondo contemporaneo.

Frammento su Dio

Mancini Italo
Morcelliana

Non disponibile

21,00 €
Il libro, pubblicato in edizione critica a cura degli allievi di Italo Mancini, presenta una summa della sua riflessione filosofica e teologica su Dio in confronto con la tradizione classica e contemporanea.

L'antivangelo. Radici filosofiche...

Sambruna Marco
Edizioni Radio Spada

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
"Scegliere Dio significa elaborare il lutto di ciò che si abbandona; di contro, scegliere l'uomo è molto più comodo, dal momento che il relativismo nichilista libera dagli scrupoli di coscienza considerando le azioni tutte fungibili e permutabili".

?Homo Religiosus? forme e storia....

Stagi Pierfrancesco
Studium

Disponibile in libreria in 3 giorni

29,00 €
Il pensiero filosofico dell'inizio del nuovo Millennio ci consegna la rinnovata attualitdella figura dell'homo religiosus, che sembrava ormai relegato nel periodo pioscuro del vecchio Millennio. L'homo religiosus, studiato dall'antropologia e dalla storia delle religioni (Eliade, van Leeuw, Ries), quella particolare modalitdell'essere uomo, che interpreta il suo stare nel mondo come il dialogo con una Alterite una Trascendenza, che gli sfugge ma con cui sempre di nuovo in dialogo. Sono all'opera nell'uomo religioso una molteplicitdi direzioni storiche di senso e di significati vitali. Alla complessitstorica dell'homo religiosus si lega la sua dimensione fenomenologica, per cui il sapere dell'uomo religioso si articola non solo in una storia ma in forme, comportamenti, riti, in un'etica in generale, che la sostanza stessa di questa storia. Di questa doppia dimensione, ermeneutica e fenomenologica, interpretativa e descrittiva, questo volume vuole essere una testimonianza, ripercorrendo le principali forme con cui l'esperienza religiosa si manifestata nell'esistenza dell'uomo (preghiera, rito, mito, sacrificio, sacro naturale, trascendenza/ immanenza) e considerando le modalitcon cui queste forme sono state pensate a patire dalla modernitnella loro dimensione personale, sociale, etica e politica (Schelling, W.F. Otto, Kreuzer, Bachofen, Durkheim, Heidegger, Caillois, Bataille, Blumenberg, Jesi).

Destino dell'uomo e religione...

Ghia Guido
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

26,00 €
Il volume è diviso in due parti: nella prima, condotta in dialogo con Lessing, ci si focalizza su una concezione della religione che trova nella libertà il suo momento sorgivo e rivelativo nella coscienza di ogni uomo, e che, nel suo dinamismo, si contrappone con decisione alla fissità del confessionalismo dogmatico; nella seconda, condotta in dialogo con Fichte, il concetto di trascendentale viene declinato nella sua valenza specificamente etico-religiosa, nel senso di una mistica oscillante tra i poli di un'identitas entis e di un'alterità della Trascendenza incomprensibile alla ragione calcolante umana e intuibile unicamente con il sentimento. Ne risulta, così, una tensione - fissata sintomaticamente nella categoria concettuale della "religione secondo l'Illuminismo" - tra la volontà dell'individuo di cercare incessantemente la verità e la consapevolezza dei limiti della ragione umana in questa ricerca, sicché il destino dell'uomo consiste non soltanto in un costante perfezionamento etico, ma anche nell'abbandono a una Provvidenza e a uno spazio di Trascendenza che il cuore percepisce, agostinianamente, intimior intimo meo.

Il dono del desiderio. In dialogo...

Galimberti Davide
Aracne

Non disponibile

12,00 €
Il volume si compone di due parti: la prima ospita un confronto tra Bruaire e Lafont - di cui si presentano testi inediti -, la seconda una proposta di filosofia del corpo. Quest'ultima è intesa secondo le categorie del dono e del desiderio, mutuate dal confronto tra i due autori, e tenendo presente alcuni dati psicanalitici offerti da Recalcati nel suo studio su Lacan. Emerge una lettura dinamica del corpo che è in quanto desidera e, esistendo al di là dei propri bisogni, conduce verso quella trascendenza che viene chiamata "dono". L'universalità del desiderio è l'altro perno su cui si struttura l'itinerario e che permette di considerare il dono anche come "origine": il dono del desiderio è sia genitivo soggettivo che oggettivo.

Romano Guardini e i suoi paesaggi....

Aracne

Non disponibile

12,00 €
Abituati a una teologia dogmatica, si può trovare sorprendente la concezione cattolica di Romano Guardini, che guarda il mondo, lo vive e lo invita a guardare e vivere nella presenza di Cristo liberatore. Non, quindi, scenari ideali o concetti astratti, bensì presenza e comprensione del mondo immerso nel mistero di un male già riscattato e di un'umanità redenta. È il Guardini umano che qui è raccontato, il Guardini che viveva in uno spazio intimo profondo, che possiamo chiamare anima o libertà. Un Guardini che invita a seguirlo, sulla via già tracciata.

Della religione, considerata nella...

Constant Benjamin
Storia e Letteratura

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Il volume contiene la traduzione della Prefazione e del Libro I dell'opera di Benjamin Constant (1767-1830) - teorico della democrazia liberale, storico e filosofo nel dominio delle religioni, romanziere, politico che debutta nella Rivoluzione francese, matura sotto il regime napoleonico, invecchia durante la monarchia della Restaurazione - De la Religion, pubblicata in cinque tomi tra il 1824 e il 1831. Corredato di un ampio saggio introduttivo del curatore, il libro colma una lacuna della cultura filosofica italiana, ossia l'assenza di una traduzione dell'opera religiosa di Constant, di cui viene proposta la parte iniziale contenente l'introduzione generale alla vasta storia comparata delle religioni antiche - dal feticismo al politeismo - che compone il lavoro constantiano. «Opera capitale per intendere compiutamente il Constant - scrive Fulvio Tessitore nella Presentazione - e, ancor più, l'età nevralgica in cui essa apparve e della quale è uno dei vertici letterari e teoretici».