Reati di strada, reati commessi con armi da fuoco

Active filters

Oltre le bande. Saggi sulle culture...

Feixa Carles
DeriveApprodi

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Questo libro raccoglie cinque saggi sulle culture giovanili scritti negli ultimi trent'anni. Dalle triburbane nella Spagna degli anni Ottanta alle bande transnazionali degli anni Duemilaventi, passando per i chavos banda nel Messico e le bande latine a Barcellona, il testo fornisce indizi teorici, percorsi metodologici ed esperienze etnografiche per ripensare le culture giovanili contemporanee. In un momento in cui i membri delle bande, soprattutto se giovani e migranti, emergono come il capro espiatorio di molti problemi politici e sociali, lo sguardo antropologico ci permette di leggere questo fenomeno senza pregiudizi e con empatia, favorendo politiche piinclusive in grado di rendere i protagonisti del problema parte della soluzione.

Ghetto Brother. Una leggenda del Bronx

Voloj Julian
ADD Editore

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Bronx, dicembre 1971. L'aria è incandescente, tutti si aspettano che stia per scoppiare la peggiore guerra tra gang. Black Benjie viene ucciso mentre cerca di fare da mediatore. Benjy Melendez, fondatore dei Ghetto Brothers, decide di non chiedere vendetta. Organizza un raduno a Hoe Avenue e, davanti ai capi di più di quaranta gang, legge un accordo di pace: "Black Benjie è morto per la pace, se dichiariamo guerra sarà stato tutto inutile. Riconosciamo che siamo tutti fratelli. Se vogliamo ricostruire la comunità e farla diventare un posto migliore dobbiamo lavorare uniti. Con questo patto promettiamo pace e unità per tutti." E da allora niente è stato più come prima. I signori della guerra facevano i dj e i ragazzi si battevano a colpi di danza: i Black Spades erano diventati la Universal Zulu Nation e il loro signore della guerra un famoso dj, il suo nome era Afrika Bambaataa. Tutti dovrebbero conoscere la storia di Benjamin "Yellow Benjy" Melendez. La sua vita si intreccia con la rinascita di New York alla fine del XX secolo, l'esperienza della grande migrazione da Porto Rico, il declino economico del Bronx, la storia di formazione di un giovane in guerra con le sue molte identità e della nascita del movimento hip hop. È una storia di identità, speranza e redenzione. Insomma, un racconto americano. Prefazione di Lorenzo Jovanotti Cherubini.

Re Marcone: tra eresia e leggenda

Reda Concetta
Erranti

Non disponibile

7,00 €
La leggenda del famigerato "Re della Sila" non può essere scissa dal periodo storico e dal luogo in cui Marco Berardi effettivamente visse, poiché, a ben vedere, possiamo ipotizzare che sia stato proprio il fiorire di restrizioni e punizioni per gli "ultramontani" con cui fin dalla fanciullezza condivideva le sue giornate a San Sisto, a far nascere in lui quella voglia di riscatto per cui è tanto caro alla Calabria tutta che, ancora oggi, ne decanta le gesta con malinconica fierezza.

Sicurezza e legalità. Le armi nelle...

Bonanno

Disponibile in libreria in 5 giorni

14,00 €
Tradizionalmente le armi sono state sempre presenti nelle case degli italiani: come strumento di caccia o come attrezzo sportivo e ricreativo, le armi hanno sempre accompagnato la cultura del nostro Paese. Ma già con il fascismo - che, come tutti i regimi totalitari, richiedeva un preciso controllo e una rigida sorveglianza sulla possibilità di portare armi - questi strumenti e attrezzi cominciano ad allontanarsi dalla quotidianità degli italiani. Nel secondo dopoguerra, con l'introduzione in Italia di elementi della cultura statunitense - i film dell'epopea del West prima, poi i film di guerra e infine i film e telefilm d'azione e i videogames - le armi cessano di essere mezzi di utilità e svago per divenire, nell'immaginario collettivo, strumento di morte. Nel contempo il terrorismo e gli "anni di piombo" portano a irrigidire ulteriormente la normativa sulle armi, rafforzando il controllo già previsto dal fascismo e a esso sopravvissuto. Le armi escono quindi dalle case degli italiani: la doppietta dietro la porta o appesa sopra il camino viene chiusa nell'armadio blindato, sparisce dalla vista. Tra gli italiani e le armi si scava un fossato, si determina una distanza cognitiva che rafforza la visione negativa delle armi generata dalla cultura dell'intrattenimento statunitense. Le armi cominciano a far paura, vengono considerate come oggetti carichi di negatività, da cui tenere lontani i giovani per evitare che ne siano corrotti. Lo stato sociale maturo ha generato un modello di tutela sociale in cui il rischio percepito prende il posto di quello reale nella progettazione delle politiche pubbliche, e qualsiasi azione individuale che possa comportare un rischio potenziale viene scoraggiata e ingabbiata in severe e complesse regole di comportamento. Così le armi detenute dai cittadini sono quindi viste come un elemento di turbativa dell'ordine pubblico, almeno potenziale, ed è patrimonio comune il pensiero che la limitazione delle armi private diminuisca i reati e aumenti la sicurezza, e che l'aumento delle armi detenute dai cittadini aumenti parimenti i reati compiuti con le armi. Queste convinzioni erano rese possibili dal fatto che mancava, finora, una ricerca sui reati compiuti con le armi legalmente detenute, e, in particolare, sugli omicidi. Questo studio colma la lacuna, e contribuisce, come primo passo, al tentativo di avviare una valutazione più serena del fenomeno, mettendo in luce elementi che smentiscono alcuni luoghi comuni, e aprono nuovi interrogativi che costituiscono un importante filone di ricerca, ancora tutto da scoprire.

Roma in cronaca nera

Rava Enzo
Manifestolibri

Disponibile in libreria in 5 giorni

14,00 €
Questo libro è la storia di una città, Roma, che tra il dopoguerra e gli anni Ottanta completa la sua trasformazione in metropoli. Rava descrive questo percorso attraverso i delitti sensazionali o misteriosi e spesso irrisolti che hanno segnato quarant'ann

Scacco al re

Hamer Birgit
15,00 €
Vi ricordate la morte del giovane Dirk Hamer, il ragazzo tedesco ucciso a 19 anni nel 1978 sull'isola di Cavallo, in Corsica, da un proiettile che sarebbe stato sparato dalla barca di Vittorio Emanuele di Savoia? Processato dalla Corte d'assise di Parigi, Vittorio Emanuele venne assolto dall'accusa di omicidio preterintenzionale. Ma l'erede al trono italiano, oggi 80enne, andrà di nuovo a processo in autunno. Il tribunale di Roma ha riaperto il caso. Ora il Savoia sarà processato con l'accusa di calunnia nei confronti di Birgit Margot Hamer. Birgit è la sorella della vittima: nel 2011 ha scritto per Aliberti insieme alla giornalista Beatrice Borromeo un libro-verità su quella vicenda, "Delitto senza castigo". Vittorio Emanuele aveva denunciato per diffamazione lei e la casa editrice. La chiave della riapertura del caso ora è l'intercettazione ambientale datata 2006 nel carcere di Potenza, dove Vittorio Emanuele era rinchiuso per l'inchiesta Vallettopoli.

I giorni di Dillinger. I tredici...

Toland John
Pgreco

Disponibile in libreria in 5 giorni

20,00 €
Completo da gangster, baffi sottili e mitra Thompson. John Dillinger ha lasciato una traccia profonda nell'immaginario comune e tutt'oggi è ricordato come il genio del crimine che terrorizzò e affascinò l'America degli anni Trenta per l'efferatezza delle sue imprese. Sono diventate celebri le sue rapine in banca e gli ingegnosi piani di evasione dal carcere. I membri della sua gang avevano soprannomi fantasiosi degni di un film: Baby Face Nelson, Machine Gun Kelly, Pretty Boy Floyd. John Toland ricostruisce la cronaca dei tredici mesi in cui la banda criminale sconvolse l'America, mettendo in crisi a tal punto le forze dell'ordine da far attribuire a Dillinger l'epiteto di Nemico Pubblico numero uno. Solo gli sforzi congiunti di polizia e FBI permisero di sgominare il gruppo criminoso. Questo è il racconto della vita di uno dei più intelligenti e temibili criminali moderni.

Marta Russo, mia sorella

Russo Tiziana
LOG (Milano)

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
La mattina del 9 maggio 1997 una pallottola colpisce alla testa Marta Russo mentre cammina in un cortile dell'Università La Sapienza di Roma. Dopo 5 giorni di coma, il 13 maggio la studentessa muore. A seguito di numerosi gradi di giudizio, la giustizia condanna Giovanni Scattone e Salvatore Ferrara, ritenuti rispettivamente assassino e complice. Oggi, dopo un lungo silenzio, Tiziana Russo mette l'ultima parola sul caso attraverso un ritratto di Marta dal punto di vista più vicino: quello di una sorella. I proventi di questo libro andranno all'associazione Marta Russo Onlus. Prefazione di Walter Veltroni e postfazione di Cristina Michitelli.

Assassino di un sindaco perbene....

Cito Cosimo
Fuorionda

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Era una splendida notte cilentana, l'aria era sottile e il profumo del mare entrava dentro l'anima, potente. L'estate finiva e insieme, fermata da sette proiettili calibro 9, la vita di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore, un estremista della democrazia, delia politica del bene, del bello, del buono. Un uomo fragile e di battaglia. I troppi no, le ambizioni, i deserti, le attese e una vita scritta sulle onde e nella schiuma del mare in faccia a Pollica e Acciaroli. L'ultimo respiro è dentro un'auto grigia, ferma sul ciglio di una strada stretta, nel buio. L'incontro di due rette parallele: la bella politica e la criminalità organizzata. L'incrocio, la lotta impari, un corpo che cade. Crocifisso alla terra con sette colpi. Prefazione di Nando dalla Chiesa.

Potere e delinquenza. Saggio di...

Comfort Alex
Elèuthera

Non disponibile

14,00 €
Dal titolo sembrerebbe uno scritto sulla realtà italiana dei nostri giorni, in realtà questo saggio di "psicopatologia del potere" è stato scritto nel 1950. Comfort argomenta e documenta come comportamenti devianti, considerati inaccettabili tra "normali" esseri umani, siano viceversa la norma nelle istituzioni politiche e militari. Andando ben oltre l'adagio secondo cui il potere corrompe, la tesi di Comfort è che il potere seleziona nell'ascesa della sua scala gerarchica personalità psicopatiche e sociopatiche.

La mia vita maledetta. La storia...

Sanchez Reymundo
Edizioni Clandestine

Disponibile in libreria in 5 giorni

14,00 €
Onore. Fedeltà. Senso di appartenenza. Sono questi i principi che legano tra loro i componenti di una gang. Reymundo Sanchez ne è stato parte - ripudiato dalla madre e dal patrigno, che lo maltrattavano, e spedito a vivere con un fratellastro del tutto irresponsabile - neppure adolescente ha imparato che la sopravvivenza sulla strada dipendeva dagli amici su cui poteva contare. La sua iniziazione, quindi l'ingresso e l'appartenenza ai Latin Kings, avvenne in concomitanza del suo primo assassinio, compiuto all'età di quattordici anni. Lil Loco - nome di battaglia che lo contraddistingueva - grazie a numerosi e brutali episodi di violenza si ritagliò ben presto un ruolo di tutto riguardo all'interno di questa organizzazione criminale, finché non ne divenne l'indiscusso leader. Per dieci anni alcuni quartieri di Chicago furono il suo regno incontrastato.

Andare ai resti. Banditi,...

Quadrelli Emilio
DeriveApprodi

Non disponibile

17,50 €
Sul finire degli anni Sessanta si materializzano in Italia gang giovanili che, in breve tempo, evolveranno in temibili "batterie" di rapinatori. La linea di condotta di questi banditi metropolitani era tutt'altro che estranea ai modelli culturali dei quart

Social killer. La rivolta dei nuovi...

Ames Mark
Isbn Edizioni

Non disponibile

29,00 €
Social killer: svegliarsi un bel mattino, caricare l'AK47 e andare al lavoro e ammazzare tutti quanti. Questo è quello che accadeva nell'America della "Reaganomics", quando alcuni impiegati postali all'improvviso si trasformavano in sanguinari assassini. Mark Ames racconta i protagonisti, analizza le loro "ragioni", passa in rassegna le spiegazioni più in voga: follia individuale, violenza diffusa, armi facili, emulazione di cattivi modelli. Ma ne manca una: il lavoro stesso. La solitudine dei lavoratori non più difesi dal sindacato, sottoposti alla crudeltà della nuova cultura aziendale, sostiene Ames, riporta la storia americana al tempo della schiavitù. Chi definirebbe oggi le rivolte degli schiavi come episodi di violenza gratuita a opera di pazzi isolati? "Social killer" ci fa riconsiderare l'idea che abbiamo del lavoratore, dello schiavo e dei padroni invisibili che governano le nostre vite, fino a convincerci che le sue scioccanti argomentazioni sono tutt'altro che paradossali.