Relazioni industriali

Active filters

Relazioni industriali

Carrieri Mimmo
EGEA

Disponibile in libreria in 3 giorni

11,90 €
"Non sono molti nel nostro paese i libri dedicati alle relazioni industriali con intenti introduttivi e didattici. Questo volume si inserisce nella scia dei pochi testi elaborati negli ultimi trent'anni, ma senza pretese esaustive. Il lettore non vi troverà un catalogo completo degli oggetti e dei problemi che attraversano il 'campo' delle relazioni industriali, ovvero quello della regolazione del lavoro nei suoi diversi aspetti, campo in cui si muovono molteplici attori, in primo luogo le organizzazioni collettive dei lavoratori e dei datori di lavoro (sindacati e associazioni datoriali) ma anche - con una presenza spesso significativa - alcuni soggetti pubblici. Quel campo che uno studioso che ha contribuito a fondare la disciplina come John T. Dunlop (1914-2003) definì nel 1958 un 'sottosistema specializzato'. Le pagine che seguono intendono fornire i concetti base della disciplina, anche alla luce delle tendenze che negli ultimi anni hanno contrassegnato le relazioni industriali nel nostro paese in rapporto ad alcuni assi tematici centrali, come conflitto, contrattazione, concertazione, rappresentanza, partecipazione. Il nostro obiettivo consiste dunque in primo luogo nel disegnare un quadro aggiornato intorno a questi temi portanti e spesso controversi, e all'evoluzione che hanno registrato negli anni successivi al 2009, data che segna l'ultimo accordo tra le parti in materia di contrattazione e regole del gioco." (dall'introduzione). In omaggio online: contenuti integrativi.

Relazioni industriali e...

Ambra Maria Concetta
Ediesse

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Il volume si basa sui risultati della ricerca internazionale Decoba condotta in cinque paesi europei: Italia, Spagna, Francia, Germania e Belgio. A partire dalla ricerca Decoba, l'opera approfondisce il caso italiano esaminando i rapidi e crescenti cambiamenti che nel corso dell'ultimo decennio hanno interessato il commercio. Lo studio ricostruisce le sfide affrontate in Italia negli ultimi dieci anni dalle organizzazioni di rappresentanza sindacale e datoriale nel settore del commercio mettendone in evidenza processi decisionali, azioni collettive intraprese ed esiti ottenuti. Emerge un quadro nel quale, se da una parte il commercio conferma le proprie specificità settoriali, dall'altra si presenta come un settore in cui le trasformazioni in atto, anche per effetto di dinamiche sovranazionali, pongono agli attori collettivi (inclusi i governi) ulteriori sfide, più difficilmente gestibili a livello nazionale. Prefazione di Massimo Carrieri.

Lavoro e relazioni industriali al...

Rotondi F.
Franco Angeli

Non disponibile

32,00 €
Crisi e ripresa. Jobs Act e Statuto dei Lavoratori. Ma anche giovani, assunzioni e staffetta generazionale. Potrebbe sembrare il consueto bollettino di guerra scandito dai tg, e invece no. Perché in questo volume si prende coscienza in maniera netta dello stato dell'arte del mercato più difficile che esista, il mercato del lavoro, ma si propone anche un'azione, propositiva e professionistica, di chi quel lavoro lo esperisce nel quotidiano. Questo è un libro di proposta puntuale, che si fa carico, grazie all'impegno dell'HRCLABLAW Welfare & Labour Committee, di raccogliere e condensare il piano d'intervento proposto da manager e uomini d'azienda per produrre il cambiamento, piuttosto che assistere da spettatori. Un cambiamento, quello a cui si guarda e che ci si auspica, che è in primissima battuta socio-culturale, che spinge a ripensare e a ricostruire il lavoro. Un cambiamento, ancora, che passa attraverso fasi successive ed integrate, indagini ed interviste di approfondimento, indizi qualitativi e quantitativi. Il tutto all'insegna di un principio: quello che vuole che, specialmente in un panorama ed in un'epoca diversamente semplice come questa, serve tutto il confronto possibile, anche tra realtà profondamente diverse, per spingere verso il miglioramento auspicabile, quello che un Paese come il nostro ha il diritto di iniziare a pretendere.

L'isola dei cassintegrati

Tellini Tino
Aliberti

Non disponibile

13,00 €
"L'isola dei cassintegrati" racconta la storia di una straordinaria lotta operaia del nuovo millennio. Una vicenda nella quale, prima di tutto, ogni forma di protesta violenta stata messa da parte per lasciare il posto all'utilizzo spregiudicato, efficace, creativo e competente di tutti i mezzi di comunicazione di massa, dai giornali alla tv, fino ai social network. Da ogni pagina di questo libro emerge l'incredibile forza d'animo degli operai della Vinyls e dei loro colleghi dell'Eurocoop di Porto Torres, "autoreclusi" nell'ex carcere di massima di sicurezza dell'Asinara per difendere il proprio posto di lavoro. Una straordinaria impresa fatta di dignit tenacia, intelligenza e passione. "Pensateci un attimo: gli operai, privati del loro lavoro, che si autorecludono per protesta. E che contemporaneamente fanno la parodia al pinoto dei format televisivi: l'isola dei cassintegrati contro l'isola dei famosi, il reale contro il futile, la veritche riprende il sopravvento sulla virtualit.. Ho una certezza: in America su una storia cosci avrebbero gigirato un film. E avrebbero fatto bene. Perchchiunque legga questo libro di Tino Te Mini o si appassioni alla storia dell'isola dei cassintegrati, non punon restare incantato dal ritmo incalzante del racconto, dalla successione drammatica degli eventi, dal tono antiretorico, da uno spirito di commedia che aleggia in queste pagine e che poi, a tratti, si fa improvvisamente dramma". (Dall'introduzione di Luca Telese)

La cooperazione operaia

Riguzzi Biagio
Storia e Letteratura

Non disponibile

50,00 €
Promuovere la "riscossa della cooperazione" dopo la repressione squadrista del movimento fra il 1922 e il 1924 era l'intento di Biagio Riguzzi e Romildo Porcari nel pubblicare presso Gobetti questo volume. Uscito nel maggio 1925, anche grazie all'interessamento di Riccardo Bauer, La cooperazione operaia nasceva dalla lunga riflessione teorica e dalla personale esperienza sul campo di due esponenti del socialismo riformista parmense e intendeva dimostrare con un'ampia documentazione che l'organizzazione cooperativistica apportava indubbi vantaggi, favorendo l'aumento dei redditi e contrastando i mali tipici del modello economico capitalistico. La ripresa delle forze popolari di opposizione, dopo l'assassinio di Giacomo Matteotti, fu tuttavia di breve durata. Il fascismo irreggimentò ben presto il movimento cooperativo nel Sindacato Italiano Cooperative, mentre la riflessione di Riguzzi e Porcari potè essere ripresa soltanto dopo la caduta del regime.

L'altalena della concertazione....

Carrieri Mimmo
Donzelli

Non disponibile

14,00 €
La concertazione è il nome-simbolo dei grandi accordi siglati tra i governi e le parti sociali sulle questioni di interesse generale, come quelle relative all'occupazione e al mercato del lavoro. Nei decenni passati, essa è stata realizzata con successo in Italia e in molti paesi europei, ma è stata anche motivo di dispute mai sopite. Dopo la battuta d'arresto negli anni del governo Berlusconi, la pratica della concertazione è ritornata di recente alla ribalta con il Protocollo sottoscritto con i sindacati dal governo Prodi nel luglio 2007. In questa ricognizione, Carrieri mostra quanto l'ultimo Protocollo costituisca il laboratorio di un nuovo profilo della concertazione, che fa seguito ai due cicli "classici" degli anni settanta e novanta. L'attuale concertazione non si limita alla definizione di politiche restrittive o alla regolazione della dinamica salariale, ma interviene in modo attivo e propositivo su aspetti cruciali del futuro welfare, al fine di renderlo più coerente con i cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro e con la richiesta di stabilità dei lavoratori precari. A dispetto della tentazione di affidarsi al mercato o alle decisioni unilaterali, il metodo della concertazione conserva importanti potenzialità e mantiene una maggiore capacità di generare scelte più eque e promuovere la coesione sociale.

Uomini e polvere. Lavoro e...

Natii Daniele
Aracne

Non disponibile

15,00 €
A Terni a partire dagli anni Ottanta dell'Ottocento sono rintracciabili le origini del capitalismo industriale italiano. Nella grande fabbrica, per il proletariato locale e per quello immigrato, si concretizzarono la speranza di uscire dalla miseria, ma, al tempo stesso, anche la certezza dello sfruttamento. La Società Italiana per il Carburo di Calcio, Acetilene ed Altri Gas costituisce un capitolo fondamentale di questa vicenda. La possibilità di occupare la manodopera di origine contadina presente sul mercato del lavoro locale, flessibile e a basso costo consentì a questa azienda chimica di raggiungere gli alti livelli produttivi che contraddistinsero il suo primo quindicennio di attività. Integrando fonti aziendali e operaie, questo lavoro ricostruisce le relazioni industriali negli stabilimenti della Carburo con l'intento di contribuire alla conoscenza della composizione di quel proletariato industriale, che, in Italia, tra Otto e Novecento, era in formazione, e delle origini di un modello, quello dell'industrializzazione calata dall'alto, che ha prodotto le profonde disarmonie che ancora oggi, tragicamente, lacerano il tessuto sociale italiano.

Governare la contrattazione. Le...

Baglioni Mirella
Franco Angeli

Non disponibile

17,00 €
La contrattazione collettiva italiana si è andata sviluppando nel corso degli anni con le caratteristiche di un sistema aperto, ove gli attori collettivi esploravano via via nuovi livelli e temi contrattuali. La progressiva definizione delle regole è avvenuta nel corso di un processo prolungato nel tempo e nel contesto di una non occasionale collaborazione tra l'attore pubblico e le parti sociali.

Made in Taiwan. Organizzazione...

Congiu Francesca
Carocci

Non disponibile

27,00 €
A partire dagli anni Ottanta, le merci made in Taiwan sono entrate nelle nostre case, inizialmente con prodotti tessili e successivamente con manufatti elettronici. Ma già dai tardi anni Sessanta si andava sviluppando una convergenza tra le necessità del capitale occidentale di sfuggire alle crisi sistemiche del capitalismo e le necessità di sviluppo dell'economia taiwanese. Il volume analizza il processo di industrializzazione, la formazione e le caratteristiche della classe dei lavoratori industriali taiwanesi, e le loro rappresentanze politiche e sindacali.

Relazioni di lavoro e forme...

Fabbri T. M.
Carocci

Disponibile in libreria in 5 giorni

23,60 €
Le trasformazioni sociali, economiche e giuridiche mettono alla prova le teorie organizzative e le pratiche manageriali e di gestione consolidate. La competizione accesa spinge alla ricerca di efficacia ed efficienza con modalità organizzative nuove e eterogenee. Le dinamiche del mercato del lavoro e le riforme del diritto del lavoro modificano lo strumentario progettuale e gestionale delle relazioni di lavoro. Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione offrono crescenti opportunità di integrazione organizzativa e di controllo, e modificano spesso la natura stessa dell'attività lavorativa. Studiosi e manager sono così chiamati a trovare nuove risposte agli interrogativi tradizionali: come disegnare e governare l'organizzazione? Come configurare le relazioni di lavoro e gestire le risorse umane? L'ambizione del volume è offrire uno spaccato - per quanto possibile rappresentativo della varietà epistemologica, teorica e pratica esistente - della riflessione organizzativa e della pratica manageriale in corso in Italia.

La Liguria e l'Unità d'Italia....

Bertorello E.
Silvana

Non disponibile

22,00 €
Luogo di nascita di Giuseppe Mazzini e di alcuni tra i più attivi patrioti risorgimentali, nonché patria adottiva di elementi di spicco dell'emigrazione politica ottocentesca, Genova e la Liguria ebbero un ruolo centrale sia nell'elaborazione politica, sia nell'organizzazione finanziaria e logistica delle spedizioni militari preparatorie all'Unità italiana. In un territorio estremamente intriso dalla propaganda mazziniana e repubblicana, i circoli politici e le Società operaie di mutuo soccorso liguri furono spesso centri di un attivismo la cui carica non si esaurì con l'unificazione, ma permeò profondamente le origini di un movimento operaio che proprio a Genova vide al tornante del secolo concretizzarsi l'idea di un partito di massa e del primo sciopero generale della storia italiana. Le biografie di noti e meno conosciuti protagonisti della scena democratica ligure ottocentesca si intrecciano in questo volume con la storia delle associazioni e degli istituti da queste promossi, dalla laica Società di Tiro a segno, alla quale si formarono i Carabinieri genovesi protagonisti delle battaglie garibaldine, alla cattolica San Vincenzo de' Paoli, la cui prima conferenza fu fondata proprio nel capoluogo ligure. Testi di: Erio Bertorello, Liliana Bertuzzi, Nicolò Bonacasa, Luigi Cattanei, Emilio Costa, Agostino Pendola, Silvio Pozzani, Sebastiano Tringali, Giovanni Battista Varnier.

Nel rispetto dei reciproci ruoli....

De Luca Marianna
Vita e Pensiero

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
"Nel rispetto dei reciproci ruoli e responsabilità" è un'affermazione che compare con diverse formulazioni in numerosi testi negoziali, con la quale i rappresentanti dei lavoratori e quelli delle imprese si dichiarano reciproco rispetto per il diverso ruol

Relazioni industriali. Con e-book....

Carrieri Mimmo
EGEA

Non disponibile

10,90 €
"Non sono molti nel nostro paese i libri dedicati alle relazioni industriali con intenti introduttivi e didattici. Questo volume si inserisce nella scia dei pochi testi elaborati negli ultimi trent'anni, ma senza pretese esaustive. Il lettore non vi troverà un catalogo completo degli oggetti e dei problemi che attraversano il 'campo' delle relazioni industriali, ovvero quello della regolazione del lavoro nei suoi diversi aspetti, campo in cui si muovono molteplici attori, in primo luogo le organizzazioni collettive dei lavoratori e dei datori di lavoro (sinlacati e associazioni datoriali) ma anche - con una presenza spesso significativa - alcuni soggetti pubblici. Quel campo che uno studioso che ha contribuito a fondare la disciplina come John T. Dunlop (1914-2003) definì nel 1958 un 'sottosistema specializzato'. Le pagine che seguono intendono fornire i concetti base della disciplina, anche alla luce delle tendenze che negli ultimi anni hanno contrassegnato le relazioni industriali nel nostro paese in rapporto ad alcuni assi tematici centrali, come conflitto, contrattazione, concertazione, rappresentanza, partecipazione. Il nostro obiettivo consiste dunque in primo luogo nel disegnare un quadro aggiornato intorno a questi temi portanti e spesso controversi, e all'evoluzione che hanno registrato negli anni successivi al 2009, data che segna l'ultimo accordo tra le parti in materia di contrattazione e regole del gioco." (dall'introduzione)

La lezione dei comitati aziendali...

Leonardi S.
Ediesse

Non disponibile

18,00 €
Le trasformazioni che di recente hanno investito molti sistemi di relazioni industriali pongono tanto l'esigenza di sviluppare maggiori capacità comparative quanto l'urgenza di rafforzare ogni canale in grado di favorire un maggior raccordo transnazionale delle politiche sindacali. Di questa duplice ambizione i CAE costituiscono un pilastro imprescindibile. A venti anni dalla loro nascita, pur fra tante difficoltà e limiti, si confermano come una delle poche acquisizioni certe e operative in uno scenario internazionale altrimenti segnato da un'erosione senza precedenti dei diritti sociali e sindacali. Se ne contano un migliaio, riguardano circa venti milioni di lavoratori e impegnano non meno di 20.000 delegati di tutti i paesi. Un'infrastruttura di competenze e capacità, l'unica in condizione di sviluppare l'europeizzazione dal basso dell'azione sindacale. Una ricerca empirica condotta dall'Associazione Bruno Trentin ne offre qui uno spaccato qualitativamente significativo, analizzandone il concreto funzionamento in alcune realtà a composizione multisettoriale. Un'analisi utile e aggiornata per capire, nella pratica e nella testimonianza di chi ci opera, le novità introdotte dalla direttiva 2009/38, la complessità dei rapporti fra i delegati europei e le strutture sindacali, il fabbisogno formativo sulla dimensione europea delle relazioni industriali. Prefazione di Fausto Durante. Presentazione di Gabriele Guglielmi.

Lavoro, diritti, democrazia. In...

D'Antona Massimo
Ediesse

Non disponibile

25,00 €
Il volume vuole essere un contributo per tener vivo il ricordo di Massimo D'Antona con una raccolta di suoi scritti - selezionati e commentati da Federica Serra - che hanno tuttora una loro profonda e per qualche verso "incredibile" vitalità. D'Antona, sia

Lavoro e competitività. Proposte...

Pellacani Alberto
Franco Angeli

Non disponibile

21,50 €
Il libro guida a valutare l'impresa con i criteri congiunti della competitività e del benessere di chi lavora, aderendo all'approccio teorico secondo cui l'organizzazione è un processo di decisioni e di attività in cui i risultati e le condizioni di lavoro sono interdipendenti. Il coinvolgimento esplicito dei lavoratori nella strutturazione delle attività aziendali, mentre riesce a garantire maggiore efficienza, costituisce la premessa di più positive condizioni di lavoro. Il testo fornisce gli strumenti per identificare i vincoli allo sviluppo e suggerisce alla contrattazione aziendale i passi per rimuoverli. In particolare fornisce le coordinate per contrattare il salario variabile e l'orario di lavoro.

Relazioni industriali. L'esperienza...

Bordogna Lorenzo
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

28,00 €
Il volume offre un articolato quadro analitico e concettuale per lo studio delle relazioni industriali, con un costante riferimento all'esperienza italiana, europea e sovranazionale, nel mutevole contesto della globalizzazione. I contributi classici della disciplina e le analisi più recenti consentono di sviluppare i temi centrali del campo di studi - rappresentanza, contrattazione, conflitto - e di affrontare la variabilità delle relazioni industriali nell'impresa, la specificità della regolazione del lavoro nel settore pubblico e la dimensione europea, con la sua crescente importanza per i sistemi nazionali di relazioni industriali.

Relazioni industriali. Un'introduzione

Bordogna Lorenzo
Il Mulino

Non disponibile

21,00 €
Il volume è indirizzato principalmente a studenti universitari del triennio, che ancora non abbiano familiarità con il tema, e a operatori del settore con qualche conoscenza in materia ma interessati ad una sistematizzazione, e parziale problematizzazione, della propria esperienza. Di qui il carattere introduttivo e una impostazione "didascalica", con numerose esemplificazioni delle nozioni presentate e degli argomenti trattati.

Fabbriche aperte. L'esperienza...

Marchetti Aldo
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

18,00 €
Poco più di dieci anni or sono, nel 2001, l'Argentina ha attraversato uno dei momenti più difficili della sua storia: una crisi profonda, sfociata in un'insurrezione spontanea che ha imposto all'intera classe politica di farsi da parte. Uno dei suoi lasciti è stato quello delle imprese fallite che sono state occupate e rimesse in attività dai dipendenti. L'esperienza è stata oggetto di grande attenzione da parte dei media ed è diventata famosa grazie a un documentario della giornalista Naomi Klein. Episodi di questo tipo tuttavia stanno avvenendo anche nell'Italia di oggi. Il libro intende colmare un vuoto di conoscenza delineando la storia di questa esperienza ed evidenziandone le caratteristiche principali secondo un approccio di sociologia del lavoro: ricostruisce la storia della crisi argentina e della nascita delle fabbriche recuperate; esamina l'esperienza alla luce delle teorie dell'autogestione e della partecipazione operaia; presenta alcune tra le più famose esperienze di aziende autogestite. Infine esamina il dibattito sociologico e politico suscitato e le posizioni dei sindacati e dei governi, nonché la diffusione di tale esperienza negli altri paesi dell'America Latina.

Verso nuove relazioni industriali

Carrieri M.
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

26,00 €
Le relazioni industriali sono sottoposte oggi a nuove tensioni e pressioni. Vengono dalle esigenze della competizione economica globale e, da ultimo, da una crisi di cui ancora non si vede la fine. Il modello tradizionale di relazioni industriali ha, nella seconda metà del Novecento, assolto un ruolo importante nell'assicurare tutele significative ai lavoratori e stabilità alle imprese, grazie alla contrattazione collettiva e alla concertazione. Ma potenti e prepotenti sono oggi i tentativi di destrutturarlo verso modelli fortemente deregolati. La riflessione collegiale degli esperti del gruppo di Astrid ha scandagliato tutte le criticità del modello tradizionale di fronte ai nuovi scenari dominati dalla crisi e dalla globalizzazione. Ma ha infine scelto una strada diversa dalla destrutturazione: disegnare proposte innovative di riforma fondate su un coraggioso ripensamento delle relazioni tra le parti sociali e su un loro rinnovato ruolo di regolatori delle traiettorie dello sviluppo. Il rapporto di Astrid mostra che esistono spazi efficaci per spostare i confini delle relazioni industriali verso l'arena sovranazionale, e nello stesso tempo per potenziare le attività contrattuali e di rappresentanza più vicine ai luoghi di lavoro e alla dimensione locale. La posta in gioco è quella di un patto rinnovato tra i grandi interessi e le organizzazioni che li incarnano in direzione di un crescita economica più sostenuta e socialmente più equilibrata.

Le nuove politiche industriali...

Bianchi Patrizio
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

20,50 €
L'eccezionale crisi che ha segnato l'intera economia mondiale negli ultimi anni ha rilanciato il ruolo delle politiche industriali. L'Unione europea ha da tempo sviluppato approcci innovativi in tale ambito. Questo manuale fornisce al lettore gli strumenti concettuali necessari per comprendere la natura e il ruolo delle nuove politiche industriali nel complesso scenario degli accordi di integrazione. Gli autori presentano l'analisi economica dell'integrazione, richiamano i momenti fondamentali della storia dell'integrazione europea, illustrando regole e istituzioni, e si concentrano poi sulle politiche industriali avviate dalla UE per realizzare il mercato unico, per fissare le regole del gioco e per rilanciare le politiche della concorrenza. Si soffermano inoltre sulle politiche strutturali destinate al sostegno dei soggetti economici più deboli, affinché essi possano partecipare effettivamente al gioco competitivo. Un insieme di azioni che diventano ora una via per ridisegnare politiche utili sia a livello territoriale che a livello di grandi regioni dell'economia globale.

Relazioni industriali e...

Cella G. Primo
Il Mulino

Non disponibile

17,00 €
Dall'inizio dell'età industriale sindacati e associazioni imprenditoriali si fronteggiano per la regolazione del lavoro e delle sue condizioni. I sindacati non sono solo organizzazioni di rappresentanza, nate e cresciute per dare voce e identità ai lavoratori dipendenti, bensì anche un soggetto collettivo che intrattiene relazioni con altri attori, in particolare le imprese, spesso in chiave competitiva, altre volte in chiave conflittuale. Nelle esperienze industriali moderne, in cui il conflitto viene gestito, normalizzato, istituzionalizzato, tali relazioni sono soprattutto di tipo contrattuale. Il volume offre un quadro completo e aggiornato delle vicende della contrattazione collettiva, in una fase di significative trasformazioni.