Elenco dei prodotti per la marca Il Ponte Vecchio

Il Ponte Vecchio

Il medioevo in giallo nella...

Albertini Chiara
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

15,00 €
Il libro - come Chiara Albertini sottolinea nella sua prefazione - si propone come un'approfondita analisi critica di Ellis Peters (pseudonimo di Edith Mary Pargeter), una scrittrice inglese del '900 la cui produzione letteraria ha riscosso un enorme successo nel campo del poliziesco, precisamente nel filone del «giallo storico»: un risultato motivato dal fascino che promana dal «mondo» medievale magistralmente evocato dalla scrittrice. Sulla sua opera, Chiara Albertini propone un saggio ricco di riferimenti e di richiami, di ordine storico e letterario, movendosi dai generali orizzonti del «giallo storico» alla bellezza dei singoli romanzi: uno studio brillante, denso di richiami alle stesse pagine della Peters, qui largamente citate, e capace di sollecitare negli appassionati del genere e della "bella scrittura" la ricerca di romanzi come questi, capaci di così coinvolgenti fascinazioni [Roberto Casalini].

Sul filo di carta

Sangiorgi Luca
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
Valli di Comacchio, 1999: Diego e Sofia scappano dall'afa estiva della città e si rifugiano in un capanno da pesca dove trovano il corpo senza vita di un uomo avvolto nella divisa di un pilota della Royal Air Force della Seconda guerra mondiale. Nasce un'indagine che porterà i due giovani a intrecciare i fili che ricostruiranno la misteriosa vicenda collegata da una carta da gioco. Russia, 1942: Tonino, vedovo e padre di famiglia viene spedito in Russia come militare per partecipare ad una delle più fallimentari operazioni della Seconda guerra mondiale. Privo di entusiasmo e di spirito patriottico decide di scappare dall'accampamento, inizierà così un viaggio per la salvezza insieme al suo compagno di trincea Donato. Ravenna, 1944: La guerra è in corso ed i bombardamenti sono ormai all'ordine del giorno. Carl è un pilota inglese che si trova in missione notturna sulla zona, mentre Vittorio è un pescatore del posto che vive le sue giornate sulla barca. Le due storie si intrecceranno in un'unica vicenda in cui entrambi conosceranno il vero volto della guerra.

Cesenatico nella storia. Dalle...

Gnola Davide
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

15,00 €
Cesenatico ha una storia interessante: nata come porto di Cesena nei due secoli - il XIII e il XIV - che vedono il pieno sviluppo dell'età medievale, ha poi costruito nel tempo un'autonomia che è stata conquistata formalmente nella prima metà dell'Ottocento, rappresentata simbolicamente attraverso la narrazione di due "passaggi", quello di Leonardo da Vinci nel 1502 e quello di Giuseppe Garibaldi nel 1849, diventati poi i miti fondatori di una municipalità che si è realizzata nel nuovo stato unitario, e consolidata dal punto di vista economico e sociale nel secolo successivo grazie anche alla crescita formidabile del turismo balneare. Uno sviluppo travolgente che, non diversamente da quanto accaduto in altre località della costa romagnola, ha anche comportato la rimozione delle memorie di un passato nel quale la comunità faticava a riconoscersi; a Cesenatico, però, a questo fenomeno ha fatto da contraltare un'azione originale e pionieristica, per gli anni in cui è avvenuta, di recupero della propria storia e dell'identità marinara, che nei decenni successivi è diventata la chiave di una riconoscibilità e di un apprezzamento che è stato di esempio anche per altre località, in Romagna e all'estero. Questo libro ripercorre la storia e le storie di Cesenatico e della sua comunità, cercando di inserirle nel più vasto contesto geografico e storico, ma anche addentrandosi nei dettagli di vicende e questioni che potranno stimolare la curiosità del cittadino e del viaggiatore, a partire dai remoti insediamenti di età romana e dalle incerte origini medievali, sino al termine del secolo appena trascorso.

Leonardo e la sua Romagna

Collina Antonio
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
La Romagna ha avuto un ruolo fondamentale nella vita e nell'attività di Leonardo da Vinci, e ciò a cominciare dalla sua giovinezza e non solo nel 1502, come sino ad ora si è ritenuto. Una corretta ricostruzione cronologica dei suoi soggiorni in Romagna ci porta a un suo soggiorno a Imola già attorno al 1470 e fin verso la fine del 1473, e di una sua operosa presenza a Faenza dal 1474 al novembre del 1477. Leonardo era stato strategicamente collocato al servizio dei Manfredi dallo stesso Lorenzo de' Medici, signore di Firenze, allo scopo di influenzare le scelte politiche della signoria faentina e nel contempo ottenere informazioni di prima mano su quei domini. In questo ruolo, il grande artista-scienziato si rese protagonista dello sviluppo urbanistico e architettonico, oltre che militare e artistico-culturale, di questi territori, divenendo esecutore effettivo e realizzatore delle sue geniali ideazioni e invenzioni, sino ad ora ritenute prevalentemente teoriche.

Gli animali nella poesia di...

Simeone Saverio
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 10 giorni

23,00 €
Il libro di Saverio Simeone, proponendoci un'accurata indagine sulla presenze animali nella poesia pascoliana in lingua e in latino, ci permette un viaggio straordinario attraverso l'intera produzione di uno dei grandi poeti dell'Europa contemporanea: un viaggio colmo di suggestioni, di musica, di incanti della natura, di creature dell'aria, della terra e dell'acqua. Ricorda l'autore che "il vocabolario zoologico pascoliano appare ampio e di gran lunga più articolato di quello del lessico poetico italiano. Pascoli resta il poeta italiano con maggiori competenze naturalistiche. Dietro ai termini del vocabolario naturalistico, emergono precise conoscenze di piante spontanee e coltivate e di animali selvatici e domestici. Animali che spesso assumono un vero e proprio ruolo narrativo". Inseguendo passeri e merli, sgriccioli e cardellini, capinere e cappellacce, pispole e pittiere, pettirossi e assioli e le molte altre specie dei viventi, Simeone ci conduce ad una rilettura affascinante della poesia pascoliana.

A piedi per le colline e per la...

Signorini Franco
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 10 giorni

16,90 €
In un tempo nel quale l'età ci dona nuove serenità e via via andiamo scoprendo di avere più ricordi che progetti, Franco Signorini non placa la sua volontà di sapere e di partecipare, e anzi ogni giorno rinnova adesioni e programmi, in un non domato amore per la natura e la vita. Quali che siano le stagioni, e talora in avventurose giornate, Franco percorre gli orizzonti delle pianure, delle colline e dei monti della sua Cesena nativa e dei territori circostanti, attento ad ogni anche minuscolo "oggetto" che in questi spazi si presenti alla sua "sapiente" curiosità: così scopriamo con lui l'insinuarsi di sentieri tra il folto del verde, case e ruderi dimenticati, l'improvvisa apparizione di mantidi e ramarri, tassi e garzette, gruccioni e germani...; e poi l'universo infinito delle essenze vegetali: non a caso Signorini è un esperto di piante officinali, oggetto di molti suoi incontri con le scolaresche del territorio. Infine, il mondo dei fiori, cui il libro dedica un intero inserto a colori, indicandoci di quale bellezza la natura ci faccia dono, essendone così spesso inconsapevoli. Il rapporto con le scuole è uno degli impegni più umanamente e culturalmente significativi nelle giornate di Signorini, e con esso le molte adesioni e i molti impegni (a cominciare da quello con le Guardie Ecologiche Volontarie). E poi la famiglia, e i viaggi, e la città, e la dimensione politica del vivere. Per tutto questo il libro è assai più che le memorie di un escursionista e di un nonno: è la storia di un impegno di vita e della conoscenza di molti mondi. (Roberto Casalini)

Sussurri di siti silenti. Viaggio...

Timoncini Nicoletta
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,90 €
Sussurri di siti silenti propone un viaggio alla scoperta di quindici luoghi abbandonati della Romagna, a volte superandone brevemente i confini, allo scopo di dare voce a posti dimenticati o mai conosciuti dai più. È un viaggio nei siti, ma anche nella memoria, attraverso il racconto e il vissuto di chi li ha abitati. Ogni viaggio viene raccontato attraverso le visite dell'autrice, documentato dalle immagini di ieri e di oggi, arricchito dai dati storici e dalle narrazioni dei protagonisti che hanno vissuto e amato i luoghi descritti. Sono storie di vita quotidiana, che permettono di tornare alle radici delle tradizioni e del folklore romagnolo. Ogni sito ha un'anima, regalatagli da chi l'ha edificato, vissuto o semplicemente visitato. Questo viaggio nasce dal desiderio di dare voce a quei siti silenti che sussurrano al vento voci di uomini e donne, eventi storici, tradizioni del passato e storie di vita quotidiana. I sussurri vengono così catturati il tempo necessario per essere trasposti in parole, per poi essere lasciati fluire nuovamente nel loro eterno viaggio fra le fronde degli alberi e le pareti delle stanze ormai vuote. Finché c'è memoria c'è vita. Il ricordo ridona vita. Così attraverso i brevi viaggi dell'autrice - che di volta in volta le hanno permesso di incontrare persone e conoscere personaggi, tra immagini e notizie storiche - si viene accompagnati lungo un percorso che un poco è anche dell'anima.

Il terapeuta come persona....

Mori Fabrizio
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 10 giorni

13,00 €
L'autore si occupa di bambini, adolescenti e adulti. Ha acquisito una specializzazione in psicoterapia cognitivo comportamentale, una in ipnosi e psicoterapia ericksoniana, infine una in psicodramma.

L'agosto di Balafré

Nicolini Nicoletta
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Mossa da un amore intenso per la terra nativa del Montefeltro - ben nota per la suggestione di un paesaggio di rara bellezza -, Nicoletta Nicolini cala in questo orizzonte una storia d'amicizia, d'amore e di morte, narrata nel gioco delle passioni e degli affetti nei quali si svolge la favola eterna, insieme tragica e tenera, della vita. In uno stile di immediata leggibilità e nello schema di un romanzo di formazione e di ricerca (la scoperta di quel che siamo; la memoria degli accadimenti, degli amori e delle amicizie che ci hanno costruito ed esaltato), l'autrice distende una complessa e dinamica vicenda, ricca di personaggi, a cominciare dalla figura originale e complessa di Balafré, che tutti muove con la sua vitalità, nelle giornate esaltanti delle felicità e in quelle dolorose del dramma intorno al mistero di una tragica morte.

Esistenze. Cinquantun storie in...

Borcas Dino
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 10 giorni

14,00 €
«Queste 51 storie, accompagnate da disegni e dipinti dell'autore, costituiscono il naturale seguito di "Piccoli crimini quotidiani" («Il Ponte Vecchio», 2008). Trattano di vicende esistenziali e crimini relazionali, che si dipanano in vite e loro conclusioni, sorpresi a volte, i protagonisti, da alcuni significati inaspettati e "un raggio di sole". Nella ricerca dell'essenziale, come uno scultore che sottraendo materia crea una forma, la poesia sa alleggerire le frasi dal superfluo, dal dettaglio». (dalla introduzione di Paola Scacchelvo).

Sguardi d'intimità

Borcas Dino
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Esiste qualcosa di più incerto dell'amore? Cosa più dell'amore sa ferire? Cosa più dell'abbandono, della perdita, del fallimento in amore porta con sé una maggior quota di dolore? Tutti ne conosciamo l'assenza o il travaglio, ma anche la dolcezza e l'impetuosità. Ciò che ora è potrebbe non essere, domani. Ma non v'è dolore in questo, poiché ciò che solo è lasciato incerto, è vivo. Il poeta lo sa. Queste pagine sembrano traversate da un'apparente sottile malinconia, quella del ramo di melo quando lascia cadere i suoi petali nel vento... tremante attesa di allegagione, speranza di frutti e presentimento di gioia. Nostalgia, umorismo, dolore e cuore palpitante sono mescolate in queste righe, l'inquietudine si alterna al sorriso, frammenti di specchio di tutto ciò che l'amore rappresenta per l'umano (dalla introduzione di Alice Carubbi).

Le memorie di un'ottuagenaria

Baldassari Pozzesi Gabriella
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,00 €
Il 18 marzo sarà il picco... poi inizierà la discesa, e il 18 marzo 1940 nascevo io: Maria Gabriella Giuseppina Baldassari. All'annuncio della mia nascita mia nonna Domenica (Mingona, Minghena, Minghina, a seconda della finezza della gente) rispose: «Tenetevi la vostra principessa». In effetti, il 24 febbraio era nata Maria Gabriella di Savoia! "Il mio babbo era l'elettricista del teatro, quindi doveva essere presente ad ogni festa... e noi con lui. Avevamo un tavolino riservato sul palco e così io ho foto con tutte le grandi "voci" dell'epoca: Gino Latilla, Carla Boni, Nilla Pizzi, Luciano Taioli, Achille Togliani (quest'ultimo sposò la russiana Daisy, sorella di Paco, col quale lei formava uno splendido duo di rock and roll. E fu proprio Daisy, che, per il mio debutto in società, mi prestò una cappa di velluto nero foderata di raso bianco." "E così, in una fredda giornata di primo novembre, presi il treno per Parigi. [...] Arrivai a Parigi, alla gare de Lyon, dove trovai ad aspettarmi Madame e Monsieur Chagut, che mi salutarono con un bel «Bonjour!». A quel punto dentro di me pensai «A sè masé bé! In sa gnac che la sera us dis Bonsoir!». Fui io invece a scoprire poi che la prima volta nella giornata, in cui si vede una persona, bisogna augurarle il buongiorno!"

Un cuore imperfetto

Baroncelli Giuseppe
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
Claire è il personaggio femminile, è fantasia, aspettativa, comprensione, ma anche ribellione, fuga, ricerca di un destino. Claire cerca la sua strada con silenziosa determinazione e la trova in fondo a un cammino lastricato di solitudine, che diventa riflessione e capacità di stare con se stessa. Claire ha due grandi amori: il mare-oceano e le sue mani calde. Claire vi farà innamorare.

Una terra fantastica. Tra natura e...

Rivola Francesco
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
Il libro - che nasce per volontà dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità-Romagna - già indica nel titolo e nel sottotitolo con quale stato d'animo l'autore celebri la Vena del Gesso romagnola: un mondo così coinvolgente nei suoi orizzonti da suscitare in Francesco Rivola - l'aedo che qui ne descrive i percorsi e le forme - un senso incantato di leggenda. Vi vengono evocati infatti favole e folletti, storie e dicerie, meraviglie e spaventi, e insieme la fauna e la flora di un paese indimenticabile per chi per la prima volta ne incontri erte e sentieri, acque e distese boschive e il popolo delle creature della terra, delle acque e dell'aria che vi fanno soggiorno: un mondo che Veronica Chiarini - geologa e speleologa, collaboratrice dell'Ente - ha rappresentato in immagini di complice bellezza, tra favola e realtà: insomma, una originalissima presentazione di una delle meraviglie delle province romagnole. Il lettore, così, si troverà a visitare il Parco vivendone insieme le forme reali e le storie incantate della cultura popolare.

Chi vince festeggia, chi perde...

Sancisi Renzo
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Febbraio 2019. Un uomo proveniente dal mondo aziendale, da sempre lontano dalle logiche dei partiti, scende in politica con un obiettivo ambizioso: sfidare, in uno dei feudi "rossi" della Romagna, l'invincibile armata del Partito Democratico. Dopo cinquant'anni anni di governo quasi monocolore, grazie all'evoluzione dei nuovi equilibri politici nazionali, il centro-destra per la prima volta nella storia della Cesena contemporanea può aspirare a vincere le elezioni. A capo di quella coalizione c'è Andrea Rossi che, con gli occhi genuini del principiante, scopre giorno dopo giorno la forza tentacolare dell'apparato di potere al governo della città con i suoi intrecci, le sue regole e i suoi codici. Di questa coinvolgente esperienza rimane un ballottaggio storico, una sconfitta cocente ma soprattutto gli insegnamenti di un modello politico che Rossi - imprenditore, manager e consulente aziendale - decide di studiare in maniera analitica. La politica come l'economia, con i suoi «venditori», le sue filiere, le strategie commerciali, i suoi consumatori. Spigolando tra partiti e cultura d'impresa, l'esperienza di quei duecento giorni viene analizzata attraverso il Canvas, un modello di business utile sia per imprenditori, startupper e uomini d'azienda, sia per futuri candidati alle elezioni che, grazie a questo schema, avranno un innovativo manuale politico a cui ispirarsi. Per scendere in campo con la giusta consapevolezza e non dover più dire: «Sarà per la prossima volta».

Luna di cartapesta

Modesti Marina
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Ti guardo da quassù / creatura terrestre / Tu cammini senza meta / lungo i tuoi tormenti/ Luna di Cartapesta è l'ultima fatica letteraria di Marina Modesti, poetessa tenera e dolente che in questa nuova silloge con chiare parole assorte, grazie a una visuale lucida e obliqua, accende visioni capaci di cogliere scorci inediti, composti di quella materia rarefatta che intride la vita quotidiana. Un libro da tenere in tasca, da portare con sé in borsa. Un compagno di viaggio leggero e veritiero che, negli scorci del nostro alienato vivere, ci terrà compagnia: sostituto di care presenze di cui viviamo la lontananza. Nel difficile e complicato periodo che il nostro mondo sta attraversando, la poesia supplisce alla mancanza di immaginazione e mentre ce ne stiamo buoni buoni e disciplinati nelle nostre stanze, la Luna ci osserva, con il suo incessante e compassionevole luccichio, appesa come rituale atto votivo a un cielo di buio velluto.

Il Sangiovese di Modigliana. Storia...

Sangiorgi Beppe
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Modigliana, "città nobile" dell'Appennino tosco-romagnolo, riveste un ruolo importante nella storia della viticoltura romagnola ed in particolare nel campo della coltivazione e vinificazione del Sangiovese. È qui, ad esempio, che in un documento del 1671 si trova la prima citazione oggi conosciuta del termine "Sangiovese" ed è da qui che, attorno al 1980, è partita la rinascenza dei vini romagnoli con in testa il Sangiovese. Modigliana e i suoi abitanti, appartenenti alla Toscana dal punto di vista amministrativo fino al 1923 ed oggi in provincia di Forlì-Cesena, sono da sempre romagnoli per storia, lingua e costume. Lo prova anche il Sangiovese, chiamato qui con tale termine fino dal Seicento, mentre al di là dell'Appennino portava un altro nome e lo conferma il metodo della vinificazione alla romagnola, cioè in purezza, mentre in Toscana si praticava l'uvaggio. Seguendo il filo rosso del Sangiovese lo sguardo si è allargato al campo più vasto dell'agricoltura di Modigliana delineando, se pur con accenni, il quadro del lavoro e della produzione agricola lungo i secoli, nella quale spiccano l'olio d'oliva e il formaggio infossato. Oggi il Sangiovese di Modigliana, raggiunta una spiccata qualità e un'identità territoriale, è al centro di una campagna di promozione che abbraccia territorio e produzione enologica. Alla quale si affianca questa pubblicazione voluta dall'Accademia degli Incamminati.

Io & 1176 chilometri. Da Torino ad...

Perrellis Antonio
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Compiere il cammino di Santiago è stata l'idea di Antonio, ma di una Santiago tutta propria, quella che porta da Torino, la città della sua vita attuale, alla nativa Acri, nel cuore della Calabria: 1176 km, un cammino solo suo, tale da appartenergli in un modo più profondo del consueto e con uno scopo ben preciso, aiutare il prossimo, lanciare un messaggio di solidarietà e un invito all'aiuto, scegliendo tre realtà, tutte e tre realmente conosciute: la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro di Candido, la Fondazione Crescere Insieme all'Ospedale Sant'Anna, l'Associazione Piccoli Aviatori dei Falchi di Daffi di Torino. Protagonista del libro, assieme a lui, è la gente che Antonio incontra lungo la strada, quella che saluta, che lo incoraggia, che lo accoglie in casa dandogli un letto e un pasto caldo e chi invece, non avendo un letto in più, è disposto a pagargli un alloggio e un pasto caldo, chi addirittura gli trova un fisioterapista per curare i piccoli infortuni. E poi le persone conosciute per strade, che magari si aggiungono a lui e lo accompagnano negli ultimi chilometri del suo tragitto, sostenendolo e dandogli la forza di continuare, e infine la gente di Acri, che sembra risvegliarsi dal torpore di un paesino della Calabria a 700 mt di altitudine e che per un giorno diventa simbolo di una sfida entrando così di diritto a far parte del progetto dell'autore [dalla presentazione di Federica Agrimi].

Dedalo e i labirinti. Viaggio di...

Russo Emilio Paolo
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,00 €
Dedalo e i labirinti ci propone il quadro appassionante, polemico e vivace della scuola italiana tra Novecento ed oggi, in un racconto nel quale l'autore - dopo una vita intera dedicata all'insegnamento e alla direzione di istituti scolastici - ne ricostruisce lo svolgersi sdoppiandosi nei due protagonisti del libro, l'io narrante, senza nome, e Luca, professore e preside, per il quale la scuola è stata ragione di vita. La curvatura saggistica, che arricchisce il racconto, agile e vivo nello stile, si trasforma propriamente nel romanzo di un viaggio in treno, viaggio che porta i due alle terre della loro origine, il Meridione incantato delle loro nostalgia e della loro formazione. Nel racconto, l'io narrante svolge soprattutto la funzione dell'ascoltatore, tuttavia reattivo e partecipe; Luca evoca le esperienze scolastiche dall'infanzia all'Università nel tempo mitico del Sessantotto, fino alla direzione di istituti scolastici in Romagna, divenuta sua terra d'elezione: e dunque ricostruisce il labirinto dedaleo della sua vita, le polemiche, le passioni, gli uomini e le donne delle sue esperienze, specie nel luogo - la scuola - che più di ogni altro, al di fuori degli affetti familiari, ha segnato la sua esperienza d'uomo.

Romagna. Arte e storia. Vol. 118

Farina F.
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 10 giorni

13,00 €
In questo numero. Ricerche: Paola Novara: Un'epigrafe dimenticata e gli interventi medievali al monastero della Rotonda di Ravenna. Girolamo Allegretti, Delia Carlotti: Troni e dominazioni. Il castello di Santa Sofia in Valmarecchia. Federico Ugolini: Sui più antichi fari e moli di Romagna. La ricerca antiquaria dei porti romani. Stefano L'Occaso: Monsù Bernardo o Monsù Abramo? Iacopo Benincampi: Raffaele Campidori e l'oratorio "Bertoni" di Faenza. Pietro Lenzini: Antonio Trentanove: bassorilievo con la condanna di Virginia. Leardo Mascanzoni: Storia e Medioevo nella visione poetica di Giacinto Ricci Signorini (1861-1893). Claudio Riva: Nascita del Circolo Cattolico Popolare di Cesenatico (1902). Scheda: Pier Giorgio Pasini: Di un ritratto attribuibile al pittore Giuseppe Turchi.

Tutte le poesie

Galli Walter
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 10 giorni

20,00 €
Seconda edizione riveduta e ampliata dell'intera produzione di un poeta che - nella lingua tenera e aspra, secca e struggente della sua Cesena nativa - ha dato un'intensa testimonianza d'arte, nota ben oltre i confini della Romagna e apprezzata, come è avvenuto per la grande poesia romagnola del secondo Novecento, come uno degli esiti poetici più alti dell'Italia contemporanea.

Pozzanghere in affitto

Zoli Nadia
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Scrive Nadia Zoli nella sua nota introduttiva che "Pozzaghere in affitto" «è la storia di un luogo diviso in due paesi: uno grigio, dove si scrive sui muri, dove si barcolla dalla fame, e uno bianco, dove esistono ancora le cose belle, dove i piedi affondano nell'erba fresca»: una splendida sintesi, perché in un giro breve le parole dicono per intero quale sia lo spirito del racconto, tra rendiconto veristico e fuga in un mondo altro, vicinissimo e remoto, capace di darci il senso del vivere, come una nuova ed aspra parabola, genere - come sappiamo - non a caso destinata a svelare il vero mediante le trame di un racconto esemplare.

Il mare di Federico. La presenza...

Zanetti Gian Franco
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

14,00 €
Il mare è una voce della natura che ha ispirato nei secoli decine di poeti, scrittori e pittori, mentre nei cineasti, anche in quelli nati in una città balneare, non ha avuto un'influenza degna di nota all'interno della loro produzione cinematografica. Nell'opera di Federico Fellini, invece, il mare è una presenza mai ordinaria ma sempre carica di valenze significative che segnano le varie tappe della sua filmografia. Nella prima parte del libro, attraverso una carrellata dei film del Maestro riminese, viene osservato come questo elemento sia raccontato con la sfaccettatura di un personaggio vivo all'interno della sua articolata poetica, un'entità definibile come un "ponte" per l'altrove. Nella seconda parte, di taglio narrativo, vengono illustrate una serie di "Cartoline" della Rimini balneare degli anni '60, una rievocazione della memoria non nostalgica ma celebrativa, quale piccolo "Amarcord" dell'autore su quel colorato e contraddittorio, ma in fondo molto amato, decennio dell'Italia del dopoguerra. (Presentazione di Bruno Zanin)

Il sorriso della motociclista....

Bonizzato Giuliano
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

11,00 €
Questo libro narra le imprese dei discendenti dei coloni-guerrieri che fondarono le nostre città e dei tantissimi figli naturali di quel grande Principe Rinascimentale che fu Sigismondo Malatesta. Analizza cosa succede a chi passa ogni giorno sotto un Arco e sopra un Ponte Romano o va a messa in un Tempio Pagano dedicato a una adultera. Raccoglie la testimonianza di Gianciotto sulla vera storia di Paolo e Francesca falsificata da Dante. Racconta perché Vittorio Emanuele ce l'aveva tanto con la Romagna e come trovò il modo di fregarla. Esprime la certezza che la donna non sia stata creata da una costola d'Adamo. Spiega perché da noi i condottieri vengono presi a pernacchie e le statue degli imperatori imprigionate in cantina. E perché nelle favole del nonno non si parla più di orchi e di streghe ma di Covid-man sconfitto da Mago Vaccino con l'aiuto di Harry Potter. E perché non tutte le mucillagini vengano per nuocere. E come ci si possa divertire in pieno clima tropicale rinchiudendo uno squalo nello stanzino delle scope delle Pensioni sommerse. Lancia, in definitiva, un messaggio di cauto ottimismo, proiettato in un futuro dove le belle motocicliste in tuta nera su Harley 1200 Custom sorridano sempre a chi apre loro una porta.

Eppure c'era. L'invisibile amico...

Di Giorgio Andrea Pelo
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Il libro racconta di un viaggio sportivo solidale affrontato da 4 amici attraverso lo splendido stato Africano della Namibia per consegnare la cifra raccolta mediante crowdfunding per combattere la piaga del bracconaggio. Andrea Pelo di Giorgio, Rosalisa Lapomarda, Marco Marani e Gea Arico hanno condiviso 7 giorni intensi nello spazio stretto di un camper, difficilmente a suo agio nella terra di Namibia. I 4 protagonisti hanno attraverso 300 km a piedi, ed oltre 1000 sul tutt'altro che agevole e abile al ruolo mezzo motorizzato, a diretto contatto con la natura tra emozioni, risate, tensioni e una moltitudine di imprevisti che hanno messo in evidenza la loro capacità di trovare soluzioni, di scegliere la strada giusta davanti all'importante obiettivo e l'incredibile sensazione di pace e benessere nel fondersi con madre natura scoprendo la non necessità di avere chissà che cosa a disposizione per far sì che una vacanza possa, nel presente e a posteriori, esser definita veramente unica.

Chiedetemi cos'era Casal Borsetti

Vincenzi Marcello
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Quanti segreti può nascondere un giovane e piccolo Paese adagiato tra le dune ed il mare, tra le valli e la pineta , delimitato da due fiumi che riversano narrazioni e ricordi di tanta gente? Piccole storie di donne e uomini che hanno galleggiato sulle valli bonificate e poi sulle macerie della guerra sino ad affrontare il cambiamento del boom economico con la stessa tempra e l'ironia con cui si affronta una partita di "beccaccino". Il tutto riportato con il "passaparola" dei ricordi che arricchisce di romanticismo le gesta dei personaggi e rende fantasiosi e sognanti quei luoghi che si stanno spegnendo e quelle tradizioni ormai perdute. Un luogo magico che sembra dare linfa ai suoi personaggi, riuscendo a liberarli dalle loro catene e renderli, a volte per un solo momento, attori, ballerini, poeti, cantanti, eroi.

I tesori gastronomici...

Pozzetto Graziano
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
Negli anni dei suoi "vagabondaggi" e delle sue indagini, al nascere di Slow Food (di cui fu uno dei fondatori), per Graziano Pozzetto la scoperta dell'Alto Appennino tosco-romagnolo e delle Foreste del Casentino fu come un dono prezioso, l'esperienza di sapori e profumi capaci di gratificare non solo il palato - quello evocato da Tonino Guerra quando ricordava «il raviggiolo freschissimo di Casteldelci» come «una carezza del palato!» -, ma anche il cuore e l'anima: la conoscenza dell'identità montanara; una bio-diversità (antelitteram) autentica; uno spirito di appartenenza ad un'altra Romagna, più silenziosa e genuina; una cultura gastronomica non priva di storiche contaminazioni toscane, nel felice legame identitario di due regioni: tutto questo significò per il nostro grande maestro della tavola l'incontro con gli orizzonti del Casentino e dei suoi territori. Così, in questo volume - l'ultimo delle sue numerose opere, ma non ancora l'ultimo della sua vita, per la sua passione e la sua sapienza di massimo degli esperti romagnoli della cucina e tra i primi in Italia - Graziano si è proposto di codificare una cultura montanara tra le più rappresentative. Lo ha fatto concentrandosi sullo studio di tre specialità: il raviggiolo presidio Slow Food; il tipico tortello alla lastra; il caratteristico ed esclusivo ciavarro o salsiccia matta all'aglio (il sambudello del versante toscano), assumendole come rappresentative di un intero mondo: del quale, come sempre, l'autore ci rende storia e cultura, uomini e paesi, dicerie e leggende, idiosincrasie e polemiche, e insomma un intero universo, ricostruito nelle ridenti allegrezze della tavola [rc].

Uomini e lupi in Romagna e...

Baldini Eraldo
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Il lupo è un animale straordinario. Qualcuno direbbe "nel bene e nel male", ma il bene e il male, per il lupo, non esistono: quelli sono concetti tipicamente umani. Gli animali selvatici agiscono secondo natura, niente di ciò che fanno può essere giudicato con i nostri parametri e la nostra morale. Il lupo è straordinario perché è un emblema di fierezza, libertà, forza; è un predatore eccezionale, organizzato e infallibile. Ed è straordinario anche perché ha saputo adattarsi a mille cambiamenti, contendendo a lungo all'uomo spazi, risorse e il primato di dominatore dell'emisfero settentrionale del pianeta. È molto amato da chi si sente vicino alle cose della natura, e molto odiato da chi lo vede come un assassino e un avversario. Ma questi sentimenti contrapposti sono tipicamente umani, e dunque non congrui al caso. Invece, per secoli, l'uomo ha rappresentato il lupo come un crudele uccisore di animali e di persone, malvagio e antropofago, infido e letale. Una specie contro la quale era non solo lecito, ma doveroso mettere in atto pratiche di sterminio. Per contro, certe posizioni e pubblicazioni degli ultimi decenni hanno ugualmente manipolato la realtà, negando che il lupo si sia mai comportato... da lupo, e sottacendo la verità storica di momenti e situazioni in cui il rapporto uomo-animale si era fatto critico per entrambi (certo, per responsabilità dell'uomo e non del lupo). Con un'approfondita ricerca storico-documentaria Eraldo Baldini ricostruisce il millenario rapporto uomo-lupo in Romagna e dintorni. Ci fa anche conoscere come questo animale sia divenuto protagonista del mito, della cultura popolare, delle fiabe. Il co-autore Marco Galaverni, uno dei massimi esperti italiani del settore, dà poi conto della situazione odierna, della sua recente evoluzione e di come il lupo abbia potuto "riconquistare", anche da noi, presenza e spazi, nel raggiungimento di una realtà molto positiva dal punto di vista ecologico e naturalistico e, nel contempo, nel ripresentarsi di problematiche da affrontare con razionalità e con nuove sensibilità. Prefazione di Massimiliano Costa.

Malatesta Novello e Sigismondo....

Gianessi Maria Carmela
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Storia, vicende personali, quadri minimali, descrizioni d'ambiente, tratti pittorici si articolano in una biografia romanzata che ritrae le vicende di Domenico Novello Malatesta intrecciate a quelle di Sigismondo Malatesta, fratelli e alleati in numerosi avvenimenti storici dell'epopea malatestiana. Uniti nella condivisione del governo delle terre di Romagna e Marche, si troveranno ad essere ancor più spesso divisi da caratteri opposti. Il tutto sotto il clamore delle armi mitigato dalle descrizioni delle passioni e degli amori. L'autrice, nel seguirne le vicende biografiche, non si limita alla narrazione di eventi circoscritti al territorio, ma unisce dati storici con la categoria del verosimile per fornirci un interessante e piacevole spaccato di un secolo, il XV, che stravolge la concezione dell'uomo trasportandolo nella visione rivoluzionaria antropocentrica. Condottieri e uomini di cultura, Novello e Sigismondo, si muovono all'interno di un Italia frammentata con abilità consumata e, come mecenati, sono consapevoli che la loro grande eredità sarà riposta nei due grandi capolavori che ancora oggi ammiriamo: la Biblioteca Malatestiana di Cesena e il Tempio Malatestiano di Rimini. Le vicende dei protagonisti si completano con la presenza comprimaria di personaggi storici che le accompagnano. Prime fra tutti le donne: Antonia da Barignano, la madre, Violante da Montefeltro moglie di Novello, Isotta degli Atti terza moglie di Sigismondo. Le vicende nel loro svolgersi ci trasportano nella Roma papale intrisa di classicismo dove incontreremo il Cardinal Bessarione, nelle stanze urbinati di Federico di Montefeltro palcoscenico di intrighi e fatti di sangue e nella grande Milano degli Sforza.

La spada, la croce e il giglio....

Onofri L.
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Testi di: Maria Sofia Celli, Luca Onofri, Ettore Povia, Francesca Ture. Terra di confine, di spiritualità e di conquista, l'Appennino romagnolo ha vissuto nel Medioevo e nell'Età Moderna secoli cruciali, che ne hanno segnato la cultura ed il paesaggio. Le foreste selvagge e le impervie vallate furono la meta prediletta di asceti ed eremiti, che iniziarono a popolare queste montagne, innescando un processo di antropizzazione, il cui esito fu la nascita di grandi abbazie, sovraintese da potenti abati. I passi e le strade, percorsi da mercanti, pellegrini ed eserciti, divennero l'oggetto delle mire e delle attenzioni dei signori feudali, che resero l'area appenninica una scacchiera punteggiata di torri e castelli. Le stesse vie di comunicazione, che costituivano una testa di ponte verso le fertili e strategiche pianure romagnole, attrassero l'attenzione di Firenze, città potente, bramosa di commercio ed affamata di cereali, la quale ben presto valicò lo spartiacque imponendo il suo dominio sulle montagne romagnole. Tali sono state le dinamiche che hanno segnato questa terra e che hanno scandito la vita dei popoli delle sue vallate, dove ancora si possono scorgere i ruderi di antiche case coloniche, segni tangibili di una quotidianità rimasta immutata nel tempo, sino a pochi decenni fa. Monaci, signori feudali e conquistatori toscani sono i principali protagonisti di questo libro, che vuole essere non solo una raccolta di informazioni storiche sul l'Appennino romagnolo nel suo complesso, ma anche una guida per conoscere e scoprire una terra di confine, per nulla marginale nella storia della Romagna.

L'isola dei poeti. Racconti per...

Ciotti Francesco
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 5 giorni

10,00 €
Santarcangelo di Romagna, anni '60. Al Caffè Trieste, un giorno di primavera. I poeti del Circolo del Giudizio - Tonino Guerra, Gianni Fucci, Giuliana Rocchi, Flavio Nicolini, Nino Pedretti, Raffaello Baldini, ciascuno di ritorno da un luogo diverso - si ritrovano intorno a un tavolo per parlare di poesia. A turbare il loro sereno conversare arrivano due presenze inquiete, un ragazzo e un vecchio, che sconvolgono i loro piani. Il ragazzo costringe ciascuno a tornare con la memoria al ventennio fascista, quando anche loro erano ragazzi. Il vecchio, che in passato è stato il loro dottore, li porta a conoscere la parte più buia della storia di quel periodo, così oscura che su di essa qualcuno vorrebbe erigere il muro del segreto. Dal filo della memoria emergono così sette racconti sul ventennio fascista e sulla Liberazione di Santarcangelo di Romagna, segnati dal senso profondo di umana solidarietà dei protagonisti e dalla loro sensibilità di poeti. La testimonianza storica variamente raccolta nel libro, fino al vertice finale del racconto del ragazzo dalle cento bandierine rosse, potrà forse alimentare - specie nei giovani lettori - consapevolezze nuove, e tra esse l'umana necessità di partecipare alle vicende di tutti, così da collaborare alla costruzione di un futuro più bello e lieve, come la voce dei poeti.