Economia internazionale

Filtri attivi

Discutere con gli zombie. Le idee...

Krugman Paul R.
Garzanti 2020

Disp. in libreria

24,00 €
In questo suo ultimo libro, Krugman affronta i temi decisivi al centro del dibattito pubblico dei nostri giorni: il ruolo futuro dell'Unione europea, i rischi della Brexit, le nuove strategie commerciali delle potenze mondiali; e senza mancare di offrire soluzioni originali e commenti taglienti, si scaglia contro i sovranismi e i populismi su entrambe le sponde dell'Atlantico, mette in guardia dalle riforme dell'amministrazione Trump nell'anno delle elezioni presidenziali, e con coraggio sfata tutte quelle convinzioni che le evidenze avrebbero dovuto definitivamente far mettere da parte decenni se non secoli fa, e che invece continuano a sopravvivere come zombie e a divorare il cervello di commentatori, intellettuali e di molti, troppi politici.

Geografia dell'economia mondiale

UTET Università 2010

Disp. in libreria

31,00 €
Lo scenario geografico dell'economia mondiale è profondamente mutato in questi ultimi decenni: l'emergere di nuove aree produttive, la rottura di equilibri consolidati, le trasformazioni politiche di una parte del mondo, la crescente interdipendenza tra le varie regioni del globo hanno prodotto nuovi scenari economici e geopolitici. "Geografia dell'economia mondiale", coniugando tra loro i fattori di natura politica, strategica, culturale e sociale, illustra in modo sistematico le profonde trasformazioni territoriali dell'economia dalla scala locale a quella globale e stimola alla riflessione sul significato delle tendenze in atto e sulla loro evoluzione futura. Riscritto in prospettiva delle nuove impostazioni didattiche, il libro, giunto alla quarta edizione, guida lo studente nello studio della geografia economica, delineando un quadro chiaro e completo dei rapporti tra le diverse forme dell'economia e gli spazi geografici del pianeta.

Sociologia economica

Martinelli A. (cur.); Smelser N. J. (cur.)
Il Mulino 2020

In libreria in 10 giorni

17,56 €
Il volume intende offrire un quadro dei principali sviluppi della sociologia economica contemporanea. Dopo il saggio introduttivo dei curatori che illustrano lo sviluppo delle teorie economiche della società, da Marx a Weber, da Schumpeter a Polanyi, da Parsons a Smelser, la prima parte del volume esamina la relazione tra le attività economiche e il contesto culturale e istituzionale. Essa comprende due saggi di M. Morishima e A. H. Halsey dedicati all'ideologia e ai sistemi scolastici. La seconda parte è dedicata al coordinamento e sviluppo dell'economia con saggi di J. Berger e A. Bagnasco. La terza parte affronta i problemi dell'interdipendenza tra stati nazionali ed economia internazionale con saggi di Bornschier, Stamm, Gereffi e Swedberg.

Europa a due velocità. Postpolitica...

Somma Alessandro
Imprimatur 2017

In libreria in 10 giorni

16,00 €
Nell'anno in cui ha compiuto sessant'anni, l'Europa viene diffusamente avvertita come un catalizzatore di povertà, disoccupazione e razzismo, tanto che la sua sopravvivenza non è più un dato scontato. In questo clima ha preso corpo il dibattito sull'Europa a due velocità, formula ambigua perché induce a ritenere che Bruxelles intenda mostrarsi paziente e comprensiva nei confronti di chi resiste al consolidamento dell'Unione economica e monetaria. Non è così: si concede ai Paesi riluttanti una tabella di marcia differenziata, ma si sottrae loro la possibilità di metterne in discussione la direzione. Accade ora, mentre si tenta di porre rimedio alla crisi aperta dalla Brexit, ma lo stesso è accaduto in tutte le crisi precedenti, in particolare quelle legate al varo della moneta unica, all'allargamento a Est, e al fallimento del progetto di costituzione europea. L'Europa a due velocità non è dunque una formula nuova, esattamente come gli effetti che produce l'integrazione differenziata: la riduzione della sovranità popolare a mero feticcio, la sterilizzazione del conflitto sociale, e in ultima analisi la spoliticizzazione del mercato.

Trends di economia internazionale....

Del Gatto Massimo
Rubbettino 2017

In libreria in 10 giorni

12,00 €
Flussi di commercio ed investimenti diretti esteri, imprese multinazionali, catene globali del valore: grandi temi di economia internazionale che affondano le radici nei cambiamenti strutturali che hanno interessato i sistemi economici a partire dalla rivoluzione industriale e che compongono il quadro del cosiddetto "processo di globalizzazione". Il volume si sofferma su tali aspetti concentrandosi su elementi di medio e lungo periodo. L'analisi è marcatamente descrittiva e i commenti non entrano mai, o lo fanno soltanto marginalmente, nell'interpretazione dei fenomeni: i grafici riportati descrivono "i fatti", nella maniera più obiettiva e intuitiva possibile.

Il liberalismo delle regole. Genesi...

Forte F. (cur.); Felice F. (cur.)
Rubbettino 2016

In libreria in 10 giorni

19,00 €
Questo volume antologico è il primo di due dedicati al pensiero teorico e alle linee direttive sull'economia sociale di mercato, soprattutto sulla base della tradizione di Friburgo di "Ordo". Questo primo volume è eminentemente teorico e presenta non solo il pensiero dei massimi esponenti originari della scuola friburghese di Ordo ossia Walter Eucken, Franz Böhm e Hans Grossmann-Dörth con Constantin von Dietz e Adolf Lampe, ma anche due economisti esponenti delle due scuole principali che si collegano a quella di Ordo: Wilhelm Röpke e Alfred Müller-Armack. L'antologia si chiude con un saggio di Luigi Einaudi. Il titolo, Il liberalismo delle regole, deriva dal fatto che alla base di tale teoria sta un sistema di regole di rango costituzionale per assicurare il funzionamento dell'economia di mercato ispirata ai principi liberali. La parola "Ordnung" abbreviata nel termine latino "Ordo" ha un polisenso: indica la necessità di un ordinamento, come assieme di regole ma anche un obbiettivo di "ordine" entro cui poter svolgere in modo certo e responsabile la libera espressione della persona umana. Al centro della teoria di Ordo vi è la tesi che il mercato libero è essenziale per assicurare la libertà, nel senso pieno del termine, che non include solo quella economica. Ma il libero mercato senza regole a esso conformi non può funzionare in modo corretto e non può assicurare la crescita economica e le basi per l'equità distributiva.

Il mondo del cibo sotto brevetto....

Shiva Vandana
Feltrinelli 2015

In libreria in 10 giorni

8,00 €
Questo libro di Vandana Shiva dimostra con grande concretezza come la questione apparentemente astratta della proprietà intellettuale si stia trasformando in uno strumento finalizzato al saccheggio delle risorse naturali del pianeta da parte delle grandi c

L'odissea del debito. Le crisi...

Albanese Ginammi Alessandro
in edibus 2015

In libreria in 10 giorni

15,00 €
La storia economica recente della Grecia è quella di una piccola nazione spinta da un grande desiderio di sviluppo e rinnovamento a vivere a un livello superiore nonostante le sue risorse fossero limitate. Dal revanscismo ottocentesco alla falsificazione d

Fine corsa

Leggett Jeremy
Einaudi 2006

In libreria in 10 giorni

15,80 €
Una denuncia di ciò che le compagnie petrolifere e i governi rifiutano di ammettere pubblicamente: metà delle risorse petrolifere mondiali sono già esaurite e l'era del petrolio è finita. A sostenerlo è Jeremy Leggett, geologo di fama internazionale che ha lavorato per un decennio nell'industria petrolifera, dove si è convinto che l'unica strada praticabile era altrove. Leggett racconta con chiarezza come siamo diventati petrolio-dipendenti e perché questa dipendenza ci sta portando verso un'imminente catastrofe economica e ambientale; denuncia le collusioni tra i governi e le Corporations per mantenere l'economia mondiale agganciata al petrolio.

Economia internazionale. Esercizi

Menoncin Francesco
UTET Università 2006

In libreria in 10 giorni

13,50 €
Il testo è pensato come eserciziario del volume "Economia internazionale" dello stesso autore. Gli esercizi sono suddivisi tra le due grandi parti che compongono il volume teorico: l'aspetto reale e l'aspetto monetario dell'economia internazionale. Consapevoli del fatto che non tutta la trattazione teorica si presta a essere presentata sotto forma di esercizio, si è mantenuta una suddivisione più generica rispetto a quella dei capitoli del volume teorico. Gli esercizi non sono classificati secondo un indice di difficoltà ma presentano una naturale evoluzione verso concetti sempre più complessi (che richiedono, cioè, maggiori conoscenze pregresse). Gli esercizi non sono una mera applicazione di quanto già riportato nel volume teorico; piuttosto, rappresentano uno stimolo e una sfida per il lettore che voglia mettere alla prova la propria comprensione della teoria. Nella convinzione che una eccessiva parcellizzazione degli esercizi avrebbe condotto a un errato approccio dello studente, ogni esercizio richiede la conoscenza di più paragrafi del volume teorico.

Economia internazionale

Menoncin Francesco
UTET Università 2006

In libreria in 10 giorni

22,00 €
Il volume si rivolge a coloro che sono interessati al funzionamento del commercio internazionale e alle determinanti del tasso di cambio. La prima parte del testo analizza come si determinano i flussi commerciali tra due paesi che decidono di aprire le fro

La globalizzazione smascherata....

Petras James
Jaca Book 2002

In libreria in 10 giorni

16,50 €
Due studiosi delle trasformazioni economiche e sociali in America Latina osservano i cambiamenti degli ultimi venti anni nel senso della globalizzazione, smascherandone i retroscena; evidenziano che disuguaglianza, discriminazioni di classe e di ceto sono aumentate. L'intenzione di mantenere le attuali gerarchie economiche viene spiegata anche con la conoscenza puntuale dell'utilizzo ideologico del linguaggio. Vi si trova inoltre una critica di quelle politiche di cooperazione che nascondono volontà di cooptazione e di controllo politico.

La macchina planetaria. Quali...

Radi Luciano
Franco Angeli 2000

In libreria in 10 giorni

21,00 €
E' sotto gli occhi di tutti l'accelerazione del cambiamento impressa dalla rivoluzione tecnologica, che sta portando ad una nuova economia e con essa ad una nuova società globale. L'intera macchina planetaria appare lanciata verso la globalizzazione a velocità crescente, con le grandi opportunità ma anche i gravi rischi che questa corsa comporta. Nella macchina che ci trasporta, i passeggeri si stanno triplicando, nel corso di una generazione, con impetuosi processi di crescita economica che fanno entrare nuove nazioni nell'area del benessere, mentre ne emarginano altre condannando all'arretratezza e alla povertà le loro popolazioni.

La cancellazione del debito dei...

De Blasio Guido; Dalmazzo Alberto
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

11,00 €
Perchutile cancellare il debito? Come agisce la comunitinternazionale? Quali sono i vantaggi per i cittadini degli stati beneficiari? piutile cancellarlo o trovare soluzioni intermedie? Gli autori spiegano che i fatti sono molto picomplicati a partire dai numerosi fattori in gioco: dalle politiche talvolta sbagliate dei paesi ricchi, a quelle spesso inadeguate o addirittura corrotte dei paesi poveri, fino a problemi di natura geografica e di instabilitpolitico-sociale dei paesi beneficiari. Discutono poi cosa fa, e con quali strumenti, la comunitinternazionale e, raccontando anche storie di successo o insuccesso, spiegano quanto debito stato cancellato e a quali condizioni.

Il mercato

Bertola Giuseppe
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

11,00 €
Tra gli economisti c'chi pensa che il mercato sia in grado di risolvere tutti i problemi, ma tra la gente comune, i politici, gli intellettuali sono molti quelli che lo guardano con sospetto. In realtil mercato un meccanismo potente e insieme delicato che per funzionare bene e generare benessere e sviluppo ha bisogno di regole e istituzioni. Questo volume ne descrive e spiega il funzionamento a partire da esempi concreti della vita quotidiana per poi arricchire il quadro fino ad affrontare aspetti del commercio internazionale o problemi che vanno "oltre il mercato". Il capitolo conclusivo riguarda l'Italia dove, sostiene l'autore, molti dei problemi di cui si lamentano gli italiani non derivano dal mercato ma dalla sua assenza.

Dipendenza. Capitalismo e...

Visalli Alessandro
Meltemi 2020

In libreria in 3 giorni

24,00 €
I paesi piforti drenano "surplus potenziale" da quelli pideboli e in questo modo determinano contemporaneamente il proprio sviluppo e il sottosviluppo degli altri. Cosi primi si avvicinano al proprio "potenziale", mentre i secondi ne restano distanti. il concetto di "dipendenza", che in queste pagine Visalli riesce a riassumere e definire come pochi altri. A partire dalla "banda dei quattro", Gunder Frank, Samir Amin, Immanuel Wallerstein e Giovanni Arrighi, la lunga storia della teoria della dipendenza indagata nelle sue plurime provenienze, dimostrando quanto la sua comprensione sia interessante oggi proprio per la sua natura di teoria del disequilibrio e del dominio.

Marketing internazionale

Bertoli Giuseppe; Valdani Enrico
EGEA 2020

In libreria in 3 giorni

40,00 €
La globalizzazione dei mercati impone a ogni impresa di confrontarsi con l'economia mondiale. Per le imprese italiane, in particolare per quelle di non grandi dimensioni, tradizionalmente radicate nei contesti locali, l'integrazione nei mercati globali implica perun profondo ripensamento strategico. Dopo aver delineato i tratti di fondo dello scenario economico mondiale e le caratteristiche salienti delle strategie internazionali delle imprese, il volume propone uno schema concettuale utile per analizzare e pianificare il processo di marketing internazionale. In quest'ottica, vengono cosesaminate le diverse fasi in cui puarticolarsi questo processo: l'analisi e la scelta dei mercati, la definizione delle strategie e delle modalitdi ingresso nei paesi selezionati, le politiche di marketing funzionali al consolidamento della presenza internazionale dell'impresa alla luce del posizionamento competitivo perseguito.

Rapporto sulle economie del...

Capasso S. (cur.)
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

30,00 €
Partendo dai risultati e dalle questioni aperte del convegno intitolato Mutamenti climatici, crisi socio-economiche e (in)sicurezza alimentare: un Mediterraneo in transizione organizzato dall'Istituto di Studi sul Mediterraneo in memoria di Eugenia Ferragina, esperta di geopolitica e curatrice fino al 2018 del Rapporto sulle economie del Mediterraneo, l'edizione 2019 si concentra sul tema dell'ambiente e analizza in particolare il legame esistente tra ambiente, crescita economica e stabilitpolitica nel Mediterraneo. In un contesto caratterizzato dalla scarsitdi risorse fondamentali per lo sviluppo umano, come acqua e terra coltivabile, e da una forte pressione antropica sulle risorse, il cambiamento climatico assume sempre piil ruolo di variabile determinante nell'amplificare i fattori di crisi dell'area come crisi idrica, insicurezza alimentare e flussi migratori, tutti elementi che contribuiscono a incrementare l'instabilitinterna che rischia di ripercuotersi su tutti i paesi della regione mediterranea.

Il WTO

Parenti Antonio
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

11,00 €
Sorto nel 1995 per governare e sviluppare il commercio internazionale, considerato un fattore chiave della crescita in tutti i paesi, ginel 1999 il WTO il principale bersaglio della protesta noglobal che esplode a Seattle e mette sotto accusa la sua politica di liberalizzazione. Ma come funziona realmente il WTO? Come vengono prese le decisioni al suo interno e qual il suo ruolo nelle controversie commerciali tra i vari paesi? Oltre a fornire queste informazioni di base il volume discute i costi e benefici di una politica commerciale aperta e non protezionistica, illustra le richieste che vengono avanzate dai paesi poveri e dalle Ong, presenta l'agenda dei futuri negoziati.

Un paese non ? un'azienda

Krugman Paul R.
Garzanti 2020

In libreria in 3 giorni

4,90 €
Molti - non solo negli Stati Uniti - sono convinti che un bravo manager o imprenditore, in virtdei successi ottenuti dalle sue aziende, sia automaticamente un consigliere economico attendibile o addirittura un ottimo politico cui affidare senza indugio le sorti di una nazione. Ma non cos Ripercorrendo la lezione di John Maynard Keynes, Paul Krugman smonta questo grande mito e dimostra con esempi pratici e decisivi le differenze tra il mondo aperto e aggressivo delle strategie imprenditoriali e quello chiuso delle grandi politiche nazionali.

La crisi del 1929. Negli Stati...

Vichi Marco
Fondazione Mario Luzi 2020

In libreria in 3 giorni

24,90 €
Con quest'opera l'autore affronta uno degli eventi picatastrofici della storia, una sorta di "guerra di mezzo" tra i due conflitti mondiali, individuandone gli aspetti maggiormente significativi e focalizzando la trattazione su Stati Uniti e Italia. Di particolare interesse l'analisi che identifica come una delle cause pirilevanti della crisi il disallineamento tra un'offerta industriale sostanzialmente gimoderna e una domanda assolutamente insufficiente da parte della classe media, ancora inadeguata all'esplosione tecnologica che caratterizzquegli anni.Argomento di grande attualitper la difficile situazione economica generalizzata che stiamo vivendo, la crisi del '29 rappresenta oggi una straordinaria occasione di studio e approfondimento perch come insegna Tucidide, la storia ????? ?? ????, "possesso perenne", ed necessario conoscere il passato per capire il presente e orientare, per quanto possibile, il futuro. (Fondazione Mario Luzi - marioluzi.it)

Le tre profezie. Appunti per il...

Tremonti Giulio
Solferino 2020

In libreria in 3 giorni

16,00 €
Prima gli illuminati, poi le ite sconfitte dalla storia, infine i cuochi che prendono il controllo della nave. Per capire il grande disordine che oggi investe le nostre vite, Giulio Tremonti prende spunto da tre profezie che emergono dal profondo della storia. Quella di Marx sulla deriva del capitalismo globale, la previsione del Faust di Goethe sul potere mefistofelico del denaro e del mondo digitale (dove al posto del vecchio cogito vale un categorico digito ergo sum!), infine l'intuizione di Leopardi sulla crisi di una civiltche diviene cosmopolita. Tre chiavi di lettura che l'autore, testimone diretto di tanti misteri della storia recente, intreccia con la personale esperienza di studioso e di protagonista della politica. La storia, che doveva essere finita, sta tornando con il carico degli interessi arretrati e la giovane talpa del populismo sta scavando il terreno su cui, appena caduto il muro di Berlino, stata costruita l'utopia della globalizzazione. Oggi sembra di essere tornati agli anni '20 di Weimar, in una societstravolta e incubatrice di virus politici estremi. Ma non tutto perduto, per l'Italia e per l'Europa.

L'et? dell'oikocrazia. Il nuovo...

Armao Fabio
Meltemi 2020

In libreria in 3 giorni

16,00 €
Il trionfo del capitalismo neoliberale ha assunto ormai i contorni di una clanizzazione della societe dell'economia globale. I principali protagonisti di questa fase storica non sono pigli stati-nazione, ma gruppi che agiscono come clan: mafie, gang, terroristi, signori della guerra, ma anche partiti e alte sfere della finanza e delle corporation multinazionali. Il network di questi gruppi ha dato vita a una nuova forma di governo, che Fabio Armao definisce "oikocrazia": la prevalenza degli interessi privati su quelli pubblici. Stiamo per precipitare in una nuova forma di totalitarismo, un inquietante "Behemoth globale" da cui Armao ci mette in guardia, invitandoci a cambiare la nostra visione del mondo.

Affrontare e vincere le crisi

Sassoon E. (cur.)
Mind Edizioni 2020

In libreria in 3 giorni

18,00 €
Il libro, curato dal direttore di Harvard Business Review Italia, Enrico Sassoon, composto da circa 20 saggi suddivisi in cinque sezioni che toccano tutti i principali temi di primario interesse per chi deve affrontare e risolvere le crisi, sia sotto il profilo professionale sia sotto quello personale. La prima sezione riguarda la pandemia del Coronavirus, evento eccezionale che sta comportando e comporternon solo pesanti effetti economici, ma profonde implicazioni di gestione, di nuovi rapporti di lavoro come lo smart working e di diverse relazioni all'interno delle organizzazioni. La seconda sezione affronta in modo piampio la tematica delle crisi, che riguardino sia emergenze sanitarie, sia economiche o di altro tipo. La terza concerne i nuovi approcci alla gestione dei rischi e i nuovi modelli organizzativi e di leadership per farvi fronte. La quarta sezione invita a guardare, in modo professionale e consapevole, al futuro, per essere pronti a gestire eventi inaspettati. E la sezione finale tocca i temi della comunicazione in tempi di crisi. Un libro completo e di straordinaria attualit che si avvale di contributi di altissimo livello: Nitin Nohria, Condoleezza Rice, Yuval Noah Harari, Martin Reeves, Robert Kaplan, Heidi Gardner, Andrea Granelli, Emilio Rossi e molti altri.

La nuova geografia del lavoro

Moretti Enrico
Mondadori 2019

In libreria in 3 giorni

14,00 €
Negli Stati Uniti l'economia postindustriale, basata sul sapere e sull'innovazione, sta cambiando profondamente il mercato del lavoro, sia per la tipologia dei beni prodotti sia per le modalità e, soprattutto, le località in cui vengono realizzati, creando enormi disparità geografiche in termini di istruzione scolastica, aspettativa di vita e stabilità famigliare. Per alcune regioni e città, infatti, la globalizzazione e la diffusione di nuove tecnologie vogliono dire aumenti nella domanda di lavoro, più produttività, più occupazione e redditi più alti. Per altre, chiusura di fabbriche, disoccupazione e salari sempre più bassi. E poiché questa radicale ridistribuzione di impieghi, popolazione e ricchezza è un processo destinato a diffondersi nei prossimi decenni in ogni angolo del Vecchio continente, Italia compresa, le dinamiche in atto oltreoceano offrono importanti lezioni anche per i paesi europei. Di questa "nuova geografia del lavoro" Enrico Moretti traccia una mappa dettagliata: visita città in ascesa, che vedono fiorire un virtuoso intreccio di buoni impieghi, talento e investimenti, e città in declino; passeggia per le vie di Pioneer Square, quartiere trendy di Seattle, e per quelle di Berlino, la capitale più attraente d'Europa, ma anche una metropoli sorprendentemente povera; e scopre che ogni posto di lavoro creato in centri di eccellenza dell'innovazione ne genera almeno cinque in altri settori produttivi, e tutti retribuiti meglio che altrove.

Periferie dell'Occidente. Italia e...

Ronza Rocco
Vita e Pensiero 2019

In libreria in 3 giorni

20,00 €
Periferie dell'Occidente analizza e mette a confronto lo sviluppo politicoeconomico del Sudafrica e dell'Italia dalle grandi Rivoluzioni di fine Settecento fino alle trasformazioni globali a cavallo dei secoli XX e XXI. Collocati sulla frontiera tra Primo e Terzo mondo, i due Paesi negli ultimi tre secoli presentano interessanti parallelismi nelle loro traiettorie storiche. Per entrambi, l'unificazione politico-territoriale, frutto di un progetto liberal-nazionale sviluppatosi nell'Ottocento, segna anche l'ammissione nel cerchio ristretto delle 'nazioni civilizzate' e l'inizio di una rincorsa ai Paesi leader dell'Occidente che sembra compiersi finalmente dopo il secondo conflitto mondiale - un traguardo messo oggi a rischio, con l'avvento della globalizzazione, a causa della duplice sfida della pressione migratoria dal Sud del mondo e dell'impetuosa crescita economica dell'Oriente asiatico. In un'epoca in cui, dopo cinque secoli, la centralità politica ed economica dell'Occidente è messa in questione, tuttavia, alle sue due periferie si aprono anche potenzialità interessanti. Da un lato, la prospettiva dei margini consente di leggere in anticipo l'insorgere di mutamenti difficili da percepire dal centro. Dall'altro, la contiguità con l'Africa ne fa degli avamposti verso la regione del mondo oggi con il maggiore potenziale di crescita.

La nuova Via della seta. Il mondo...

Bertozzi Diego Angelo
DIARKOS 2019

In libreria in 3 giorni

19,00 €
La storica via della seta collegava, tramite molteplici arterie terrestri e marittime, l'Impero cinese con il Mediterraneo, attraversando regni e imperi. Per molti è stata una sorta di prima globalizzazione, economica e culturale al contempo. Quella del XXI secolo, lanciata dal presidente cinese Xi Jinping nel 2013 e oggi conosciuta come Belt and Road Initiative, è certamente il progetto strategico più importante ideato dalla Cina popolare, destinato a segnare una svolta epocale negli equilibri geopolitici mondiali. Raccontare l'origine, i progetti e gli sviluppi di un'iniziativa in perenne mutazione e dai confini poco definiti, con speciale riferimento anche all'Italia (nel 2019 entrata tra i Paesi che vi aderiscono ufficialmente), significa seguire le traiettorie di una Cina divenuta ormai potenza globale.

Oltre il muro. Elogio della...

Dalzero Silvia
Liberedizioni 2019

In libreria in 3 giorni

18,00 €
Muri per difendere confini, altri realizzati per arginare flussi migratori: una mappatura mondiale che il volume esamina dal punto di vista economico, politico e sociale svelando antefatti, ragioni e intendimenti di ieri e di oggi.

Rapporto sulle economie del...

Ferragina E. (cur.)
Il Mulino 2018

In libreria in 3 giorni

24,00 €
L'edizione 2018 del Rapporto sulle economie del Mediterraneo analizza in particolare l'impatto delle disuguaglianze economico-sociali, degli squilibri territoriali e dei cambiamenti strutturali nei mercati del lavoro sulle migrazioni mediterranee. La profondità e l'estensione della crisi politica che ha investito l'intera area hanno infatti cambiato radicalmente lo scenario in base al quale la politica d'integrazione euromediterranea è stata concepita e attuata. Preso atto di ciò, il Rapporto getta le basi per lo sviluppo di nuovi modelli di analisi e di orientamenti politici in grado di rispondere alle drammatiche sfide che le regioni mediterranee stanno affrontando. In un ambiente fragile e conflittuale, in cui le variabili economiche e politiche sono strettamente correlate e si rafforzano a vicenda, è necessario un approccio multidisciplinare per rappresentare in un quadro generale le determinanti strutturali della migrazione: squilibri, cambiamenti climatici, disoccupazione, debolezza delle istituzioni, carenza di governance, mancanza di efficaci politiche redistributive. Per porre rimedio a questa situazione occorre rafforzare la coesione territoriale, ridurre i divari di reddito e migliorare l'accesso delle aree marginali alle infrastrutture di base: tutti obiettivi a lungo termine, per i quali è necessario costruire un modello di sviluppo inclusivo, in grado di garantire le stesse opportunità di istruzione e lavoro ai giovani e alle donne.

ICTEA 7, 2018. The Seventh...

L'Arco e la Corte 2018

In libreria in 3 giorni

10,00 €
Atti della settima conferenza internazionale multidisciplinare sulla gestione delle conoscenze e delle risorse umane per uno sviluppo sostenibile, svoltosi presso l'Università della Calabria (Cosenza, 28 giugno 2018).

Un mondo a tre zeri. Come eliminare...

Yunus Muhammad
Feltrinelli 2018

In libreria in 3 giorni

17,00 €
A dieci anni dall'inizio di una crisi che non è mai davvero finita, è arrivato il momento di ammettere che gli ingranaggi del capitalismo sono difettosi. Certo, l'economia non si è affatto fermata. Ma alla sua crescita corrisponde una concentrazione sempre più pronunciata della ricchezza nelle mani di pochi. La povertà aumenta in tutti i paesi del mondo, la disoccupazione emargina i giovani e la produzione industriale fuori controllo distrugge l'ambiente. Tuttavia, secondo Muhammad Yunus, un nuovo modello economico esiste già e costituisce la risposta all'economia dell'interesse personale e della diseguaglianza. Da quando Yunus ha cominciato ad articolare l'idea di una nuova forma di capitalismo con lo strumento del microcredito e l'esperienza della Grameen Bank, migliaia di organizzazioni non profit in giro per il mondo l'hanno adottata. E hanno introdotto l'energia in milioni di case bengalesi, hanno trasformato migliaia di giovani disoccupati in imprenditori, hanno finanziato imprese gestite da donne negli Stati Uniti, e hanno portato mobilità, protezione e molti altri servizi nelle zone più povere della Francia. Yunus dimostra che eliminare le diseguaglianze create da un capitalismo sfrenato con le risorse della vita di tutti i giorni è possibile. La strategia è semplice. Si tratta di riconoscere l'inganno del capitalismo classico, secondo il quale la natura umana è egoista e orientata anzitutto all'interesse personale, e di prendere parte a un nuovo sistema economico fondato su una visione più realistica, che riconosca nell'altruismo e nella generosità forze altrettanto fondamentali e potenti.

Fermare il declino. Le politiche...

Causi Marco
Armando Editore 2018

In libreria in 3 giorni

19,00 €
Il volume raccoglie scritti sulle politiche economiche italiane ed europee che derivano da nove anni di attività parlamentare dell'autore. Il filo conduttore è la drammatica crisi italiana a partire dal 2008, osservata e vissuta da un economista in Parlamento. In una prima parte vengono esaminate le imperfezioni della costruzione europea e la debolezza della crescita italiana, che dura ormai da quasi vent'anni. L'analisi si sofferma poi sulle recenti riforme tributarie, in particolare sulla fine del segreto bancario e sul tentativo di costruire nuove relazioni collaborative e non più repressive fra contribuenti e amministrazione fiscale. Altri argomenti trattati riguardano la crisi bancaria in Italia, la riforma delle banche popolari, la riforma della struttura azionaria della Banca d'Italia, la riforma del bilancio pubblico e i nuovi poteri dello Stato per la difesa degli interessi strategici (golden power). Si tratta del rendiconto ragionato del lavoro di un parlamentare, un esercizio di accountability democratica che fornisce elementi utili di informazione e riflessione su diverse questioni che hanno rilievo per la discussione pubblica del Paese.

La parola ai numeri e l'effetto Draghi

Baldassarri Mario
Rubbettino 2018

In libreria in 3 giorni

18,00 €
Questo quarto volume della collana "Centro studi economia reale" raccoglie le analisi e le previsioni presentate nei due workshop tenutisi in giugno e in novembre del 2017. La prima parte di analisi è dedicata ai "numeri" della XVII legislatura. Dal confronto dei dati ufficiali che i diversi governi hanno indicato nei documenti di economia e finanza risulta che le linee di politica economica non cambiamo sostanzialmente mai. Ma, se i governi cambiano e i "numeri" sono sempre gli stessi, allora chi scrive il Def? Si stima poi l'effetto "Draghi", mostrando che, senza la politica monetaria e valutaria della BCE, il tasso di crescita in Italia nel 2017 sarebbe stato al -0,3% invece che al +1,5%, avremmo avuto quasi 700 mila occupati in meno e la disoccupazione sarebbe rimasta al 14%. Il deficit pubblico sarebbe salito ad oltre 100 miliardi nel 2017 e al 2020 sarebbe esploso al 180% del PIL. Certamente, l'economia e la finanza pubblica italiane sarebbero state in qualche modo "commissariate" e costrette a drastiche manovre di riequilibrio finanziario che avrebbero ulteriormente aggravato la crisi reale e le condizioni occupazionali. Nella seconda parte del volume si presentano le previsioni sull'economia italiana per il periodo 2017-2020. Negli ultimi tre anni si sono disinnescate di anno in anno le previste clausole di salvaguardia per l'anno successivo aumentando il deficit pubblico (e questo è stato chiamato "flessibilità") e rinviando l'obiettivo di deficit zero. Si sono pertanto valutati gli effetti della Legge di bilancio 2018, tenendo però conto che restano in vigore le clausole di salvaguardia per il 2019 e 2020 per circa 30 miliardi di aumento di IVA e accise. In tal caso, la ripresa all'1,5% del 2017 sarebbe seguita da una crescita dell'1,3% nel 2018, ma poi si frenerebbe allo 0,7/0,6% nel biennio 2019/2020. Infine, si valutano i tempi di "uscita dalla crisi", cioè in quale anno il PIL e il tasso di disoccupazione potranno tornare ai livelli pre-crisi del 2007. Con questa timida ripresa, il PIL tornerebbe ai livelli pre-crisi nel 2024 e la disoccupazione attorno al 2028/2029. I nodi veri sono pertanto rinviati alla prossima XVIII legislatura e al prossimo governo, if any.

Noi contro loro. Il fallimento del...

Bremmer Ian
Università Bocconi Editore 2018

In libreria in 3 giorni

13,90 €
Dalla Brexit a Donald Trump, fino ai partiti estremisti in via di affermazione in Europa e nei Paesi in via di sviluppo: il populismo domina le notizie degli ultimi tempi. Ma che cosa spiega l'ascesa dei leader che alimentano la rabbia nazionalista nei loro paesi, da Le Pen a Erdogan? Quanto durerà l'ondata populista? Chi saranno i vincitori e i perdenti in questo clima e come possiamo difendere i valori della democrazia, del libero scambio e della cooperazione internazionale? Nessuno è più adatto a esplorare il tema e a rispondere a queste domande di Ian Bremmer, CEO di Eurasia Group e acclamato editorialista della rivista Time. Analizzando le forze sociali, economiche e tecnologiche che alimentano la nuova ondata di populismo, Bremmer spiega perché stiamo assistendo al rifiuto delle tendenze democratiche, globali e cosmopolite del tardo XX secolo. Noi contro di loro è una guida definitiva per navigare nel mutevole panorama politico, cercando di sopravvivere alla tempesta populista. «Quando gli esseri umani si sentono minacciati, identificano il pericolo e cercano alleati in una lotta per la sopravvivenza che oppone varie versioni di "Noi" contro differenti forme di "Loro"».

Il tesoro del sultano. L'Italia, le...

Conte Giampaolo
Textus 2018

In libreria in 3 giorni

19,00 €
Le crisi del debito sovrano nel Mediterraneo sono state un evento costante nel corso del XIX secolo. Ripercorrendo il caso "classico" del fallimento e del conseguente commissariamento dell'Impero ottomano, si vuole dare risalto, attraverso una particolare prospettiva italiana, ai problemi, politici ed economici, interconnessi alla sostenibilità e alla gestione del debito pubblico in un paese ai margini del mondo capitalista. La febbre speculativa di banche e affaristi europei, la famelica fase di espansione imperialista da parte delle grandi potenze, nonché la mala gestione finanziaria operata dalla classe dirigente ottomana, hanno condotto Costantinopoli verso il disastro finanziario. In questa cornice orientale, che si colloca all'interno delle dinamiche del mondo finanziario globale, il giovane Regno d'Italia non ha mancato di giocare le sue carte, cercando di trovare quello spazio necessario a emulare maldestramente una politica a carattere imperialista.

La sovranità appartiene al popolo o...

Rinaldi Antonio Maria; Scenari Economici
Compagnia Editoriale Aliberti 2018

In libreria in 3 giorni

9,90 €
Dal think tank Scenarieconomici.it, ecco il libro che ispira la battaglia all'Europa di Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Il sovranismo significa uscita dall'euro? Che cos'è il Piano B? Una guida semplice a tutti i temi caldi che agitano i mercati. Le analisi di un team di inflessibili euroscettici? Al contrario: «Ricontrattare il nostro rapporto con l'Europa e con la Germania è l'unico modo per eliminare le asimmetrie economiche e per salvare ciò che di buono resta di quest'Europa e annullare disoccupazione, strapotere delle banche, svendita del patrimonio pubblico, sospensione della democrazia». Prefazione di Luca Telese.

Cina. Progetto finale

Brown Kerry
LEG Edizioni 2018

In libreria in 3 giorni

22,00 €
Il libro risponde all'esigenza di un'indagine in profondità nella visione che la Cina attualmente ha del mondo esterno, e nel modo in cui questo si intreccia alle sue dinamiche domestiche e alle sue preoccupazioni. Se, da un lato, la Cina porta ancora i segni di un'epoca passata, dall'altro la sua diplomazia sta attraversando lo stesso tipo di rivoluzione che ha vissuto la sua economia negli ultimi 35 anni. Di colpo è diventata uno degli attori principali in Medio Oriente, ha fatto da battistrada con gli Stati Uniti negli accordi sul cambiamento climatico, ma al tempo stesso sta creando delle entità come la Belt Road Initiative (BRI - anche chiamata "Nuova via della seta"), che sembrano non coinvolgere affatto gli statunitensi. La nuova ambizione diplomatica cinese colpisce perché sta portando in superficie tutte le ambiguità e i dubbi su che tipo di potenza la Cina sia in realtà. A cosa mirano i vertici di Pechino? Cosa vogliono ottenere? Qual è il loro progetto finale e che ruolo avrà il resto del mondo in questo progetto? Per rispondere almeno in parte a queste domande, l'opera cercherà anzitutto di collocare il pensiero e l'attitudine alla base dell'attuale politica estera cinese di Xi in un contesto storico, per poi entrare maggiormente in dettaglio circa le zone di influenza attorno alla Cina, spaziando dal suo rapporto con gli Stati Uniti e i Paesi vicini a quelli più periferici, con i quali il grande Stato asiatico si limita a stringere accordi di natura economica. Vi saranno, poi, capitoli specifici che riguarderanno gli Stati Uniti, l'Asia (l'orbita della Belt Road Initiative), l'UE, il Medio Oriente, l'America Latina e l'Africa.

Il Venezuela tra sfide politiche ed...

Luongo G. (cur.)
Historica Edizioni 2017

In libreria in 3 giorni

15,00 €
La Repubblica Bolivariana del Venezuela rappresenta un caso di studio molto importante per tutti gli analisti dei settori politico-internazionale e politico-economico, in quanto si è posta negli ultimi anni come forte elemento di opposizione all'interventismo estero negli affari dei Paesi dell'America Latina e, al contempo, come fondamentale fulcro di aggregazione per i Paesi di quest'area geografica. In questa raccolta di testi, sviluppati da analisti di settore, si cercherà di offrire una serie di diversi punti di vista e analisi su aspetti politici ed economici del Paese, al fine di ottenere uno sguardo critico completo sulla situazione presente di questa nazione alla luce del suo passato prossimo. I contributi presenti in questo volume sono stati prodotti dallo staff IsAG - Programma di Ricerca "Africa e America Latina" - assieme ad accademici e a cariche istituzionali venezuelane e italiane.

Il coraggio della disperazione....

Zizek Slavoj
Ponte alle Grazie 2017

In libreria in 3 giorni

20,00 €
Questo il quadro generale: il capitalismo globale è giunto a un livello di sviluppo che fa disperare non solo per le condizioni in cui vive buona parte della popolazione mondiale, ma anche per il vero e proprio vicolo cieco in cui ha costretto l'umanità, Occidente incluso. Tuttavia, altrettanto senza speranza sembrano le strade di sinistra percorse da quei partiti, movimenti e regimi che tentano di contrapporsi al capitale. Ma davvero la disperazione è riducibile allo sconsolante abbandono di ogni speranza? E davvero serve la speranza per agire? Non è questa stessa disperazione un ottimo esercizio propulsivo per la lotta di classe? Nel suo libro di analisi politica forse più coraggioso e radicale, Slavoj Zizek tratta i grandi temi di questi ultimi anni con il consueto punto di vista diagonale e turbinoso, ma con un maggiore senso tragico. Dal terrorismo fondamentalista alle tensioni geopolitiche sullo scacchiere mondiale, dai movimenti radicali di emancipazione in Grecia e in Spagna alle sfide poste dai rifugiati, fino all'incognita rappresentata dalla presidenza Trump e alla possibilità di una nuova guerra mondiale, le tensioni del nostro presente e le inquietudini del nostro futuro sono affrontate senza sconti: perché è al fondo della disperazione che si può trovare il coraggio della lotta.

La sharing economy. Chi guadagna e...

Maggioni Mario A.
Il Mulino 2017

In libreria in 3 giorni

11,00 €
Affittare un appartamento con Airbnb, spostarsi con Blablacar, Uber o, più ecologicamente, con il bike sharing, cenare prenotando con Gnammo, dopo aver lasciato il cane a un dog-sitter trovato con Petme: benvenuti nel mondo della sharing economy e delle sue miriadi di applicazioni. C'è chi la vede come una soluzione alla crisi, per compensare redditi falcidiati dalla globalizzazione e per assicurare prezzi minori rispetto al mercato. Ma è anche il regno del lavoro non tutelato, della concorrenza sleale, dell'elusione di standard, garanzie e imposte. Quali conseguenze avrà tutto questo sul nostro sistema economico e sulla nostra vita quotidiana?

Libero scambio. Ceta, Ttip e non...

Rossi de Vermandois Guido
Eclettica 2017

In libreria in 3 giorni

14,00 €
Negli ultimi anni più voci controcorrente hanno sottolineato gli errori e i fallimenti insiti nelle unioni doganali, economiche e finanziarie di cui un primo esempio è certamente l'Unione Europea. Di quest'ultima conosciamo l'euro, l'unione bancaria e le politiche della BCE, ma ci viene raccontato davvero tutto? Perché proprio la Ue è al centro di accordi internazionali dalle nefaste ripercussioni economiche e sociali, trattati troppo spesso ignorati e volutamente fatti passare sotto traccia con la complicità dei principali media. Di cosa parliamo? WTO, TTIP, CETA e molte altre sigle dal significato oscuro, che promettono benessere e prosperità e che invece minacciano la salute, l'ambiente, la sanità, l'istruzione, le imprese e quindi il lavoro, col solo vantaggio delle società multinazionali, molto spesso americane. Per fortuna contrastare questi fenomeni si può, prima di tutto informandosi.

Mundus furiosus. Il riscatto degli...

Tremonti Giulio
Mondadori 2016

In libreria in 3 giorni

17,00 €
Mundus furiosus: così si chiamava l'Europa nel Cinquecento, dopo la scoperta delle Americhe e l'avvento rivoluzionario degli sterminati "spazi atlantici". Di nuovo furiosus è il mondo di oggi: dalla crisi della finanza alle migrazioni di massa, dalle macchine digitali che distruggono il ceto medio rubandogli il lavoro alle nuove guerre "coloniali ", dalla rete che, nonostante le apparenze, erode le basi della democrazia e della gerarchia trasformandole in anarchia ai nuovi emergenti tribuni politici. Scritto da chi conosce bene gli interna corporis della finanza e della politica internazionale, questo libro spiega dall'interno anche le cause profonde della crisi dell'Europa, dominata dalla tirannia della stupidità. E la cui classe dirigente fa ciò che non dovrebbe fare, ad esempio il bail-in, e non fa invece ciò che dovrebbe e potrebbe fare, contro la crisi e le migrazioni. In queste pagine, Giulio Tremonti modula la sua riflessione "non ortodossa" sugli scenari presenti e futuri al ritmo alternato della "paura" e della "speranza", tra il mundus furiosus che da fuori e da dentro si sta sviluppando in Europa, e di qui in Italia, e il forse ancora possibile prevalere dell'ordine sul disordine e della ragione sulla follia.

The ghost of Bancor. Essays on the...

Padoa Schioppa Tommaso
Il Mulino 2016

In libreria in 3 giorni

16,00 €
Nell'ultimo periodo di vita, dopo il biennio in cui fu Ministro dell'Economia (2006-2008), Tommaso Padoa-Schioppa dedicò buona parte della propria attività ad approfondire le cause e i nodi irrisolti della crisi economica internazionale e dell'Unione europea. Nel 2009, in dialogo con Beda Romano, uscì presso Il Mulino il saggio "La veduta corta". Il volume che ora vede la luce raccoglie gli altri suoi scritti più recenti, composti tra il 2008 e il 2010. Si incentrano attorno a due nuclei di particolare attualità: i profili sistemici delle banche centrali e la prospettiva di una riforma complessiva del sistema monetario internazionale; le strategie che l'Unione europea dovrebbe intraprendere per superare la crisi nella quale è incorsa.

Guerra d'Africa. Land grabbing

Di Salvo Michele
Minerva Edizioni (Bologna) 2016

In libreria in 3 giorni

15,00 €
Se ne parla pochissimo, eppure il fenomeno dell'accaparramento di terra (land grabbing) e della conseguente appropriazione delle risorse sottostanti (soprattutto idriche) nei paesi in via di sviluppo da parte di investitori rappresenta uno dei maggiori business a livello globale, con esiti negativi e allarmanti per le popolazioni locali (come emigrazione forzata, scarsità di cibo e acqua, ingerenza di Stati esteri). Quali le cause e quali gli effetti, ipotizzabili, nei prossimi decenni? Quali le logiche che ispirano il fenomeno, e quali i rischi connessi ad aree come quelle africane, principali destinatarie delle attenzioni degli investitori? Quali gli atteggiamenti e, spesso, le "miopie interessate" delle leadership dei grandi paesi importatori e investitori? Quali gli impatti in regioni devastate da guerre, conflitti etnici e terrorismo, spesso vessate da cicliche carestie e insufficienza alimentare per le popolazioni indigene? A tali domande risponde la prima organica ricerca italiana che raccoglie i pochi dati ufficiali esistenti, che rendono evidente un quadro su cui le autorità nazionali e le agenzie internazionali non possono più tacere.

Il denaro, il debito e la doppia...

Gallino Luciano
Einaudi 2015

In libreria in 3 giorni

18,00 €
"Quel che vorrei provare a raccontarvi è per certi versi la storia di una sconfitta politica, sociale, morale. Abbiamo visto scomparire due idee e relative pratiche che giudicavamo fondamentali: l'idea di uguaglianza, e quella di pensiero critico". Causa fondamentale della sconfitta dell'uguaglianza è stata, per Gallino, dagli anni Ottanta in poi, la doppia crisi, del capitalismo e del sistema ecologico, strettamente collegate tra loro. La stessa crisi del capitalismo ha molte facce: l'incapacità di vendere tutto quello che produce; la riduzione drastica dei produttori di beni e servizi; il parallelo sviluppo del sistema finanziario al di là di ogni limite. A questa crisi il capitalismo ha reagito accrescendo lo sfruttamento irresponsabile dei sistemi che sostengono la vita - il "sistema ecologico"-. Il tutto con il ferreo sostegno di un'ideologia, il neoliberalesimo, che riducendo tutti a mere macchine contabili dà corpo a una povertà dell'azione politica quale non si era forse mai vista nella storia.

Un paese non è un'azienda

Krugman Paul R.
Garzanti 2015

In libreria in 3 giorni

9,00 €
Molti sono convinti che un bravo manager o imprenditore, in virtù dei successi ottenuti dalle sue aziende, sia automaticamente un attendibile consigliere economico o addirittura un ottimo politico a cui affidare senza indugio le sorti di una nazione. È una falsità che continuamente si alimenta nonostante la storia recente in tutto il mondo, Italia compresa, ne abbia mostrato l'inconsistenza. Con lo stile brillante e la logica serrata che hanno fatto di lui uno dei pochi economisti letti e apprezzati dal grande pubblico, Paul Krugman smonta questo grande mito contemporaneo, dimostrando con esempi pratici e decisivi le enormi differenze tra il mondo aperto e aggressivo delle strategie imprenditoriali e quello chiuso delle grandi politiche nazionali. In un periodo in cui la fiducia negli economisti, nelle loro analisi e nelle loro previsioni, sembra calare drasticamente, Paul Krugman ripercorre la lezione di John Maynard Keynes e rivendica con forza la dignità di una disciplina tecnica e difficile, ancora in grado di offrire risposte convincenti per interpretare e migliorare il mondo.

Guerra all'Europa. Le manovre...

Pellicano Renzo
Ritter 2015

In libreria in 3 giorni

28,00 €
"...È in corso nell'intero pianeta un'aggressione globale allo Stato-nazione, che i media tentano di mascherare come operazioni di pace, sotto forma di sistemi vassalli neocoloniali di caste politiche, esponenti della cultura accademica organici al sistema, intellettuali, poteri esecutivi degli Stati, tutti asserviti alla plutocrazia globale. Imperversa una guerra totale, combattuta con i più sottili artifizi, che giunge alla liquidazione delle élites culturali e politiche indipendenti, che potrebbero riuscire a respingere le suggestioni sistematiche dei media. Si giunge così all'imposizione di una monocultura tirannica. Si finanziano le economie nazionali per poterle più agevolmente mondializzare e le si obbliga all'indebitamento, come ulteriore mezzo di assoggettamento, e si usano le privatizzazioni come mezzo per far perdere il controllo sulle aziende strategiche nazionali..."

Il capitalismo castrense. Alla...

Dattolo Michele
Nicomp Laboratorio Editoriale 2015

In libreria in 3 giorni

14,00 €
Due colonnelli, scoprono che lo strapotere finanziario globale destinato ad essere sempre più pervasivo e che sta mettendo in ginocchio gli Stati moderni, funziona con le stesse regole del mondo militare. Obbedienza, rispetto della gerarchia, premi, punizi

Europa o no. Sogno da realizzare o...

Zingales Luigi
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2015

In libreria in 3 giorni

10,50 €
Tanto l'euro quanto l'unificazione europea sono stati celebrati - come già fu per l'unificazione italiana - come ideali romantici, che non lasciavano spazio per un'analisi economica dei costi e dei benefici. Oggi, però, il "meraviglioso esperimento" di cui

Bancarotta. L'economia globale in...

Stiglitz Joseph E.
Einaudi 2014

In libreria in 3 giorni

15,50 €
Se c'è un economista che ha sempre guardato ai mercati finanziari e alla globalizzazione con un occhio critico, questo è Joseph Stiglitz: premio Nobel per l'economia nel 2001, nello scatenarsi della crisi economica globale di questi anni Stiglitz ha trovato conferma di molti degli avvertimenti che, spesso inascoltato, ha per decenni rivolto alle istituzioni, ai politici e ai suoi colleghi economisti. Fino a poco tempo fa il mercato globale era considerato da molti ormai immune da instabilità e perfettamente in grado di gestire qualunque rischio finanziario: in questo contesto, la politica sbagliata del governo americano e il comportamento senza scrupoli di molti individui, ma anche di intere banche e società finanziarie, hanno determinato la crisi del credito negli Stati Uniti, che si è poi rapidamente estesa a tutto il mondo attraverso i canali della finanza globale, spedendo le economie di tutto il mondo in caduta libera. Con questa analisi sferzante Stiglitz interviene nel dibattito internazionale che si è aperto non solo sugli errori del governo americano, ma anche sulla solidità del sistema finanziario globale, se non sulla stabilità stessa del capitalismo come forma di organizzazione dell'economia.

Economia internazionale. Nuove...

Reinert Kenneth A.
Il Mulino 2014

In libreria in 3 giorni

45,00 €
Questo volume introduce ai fondamenti dell'economia internazionale secondo un approccio che va oltre la consueta dicotomia fra commercio e finanza, dedicando pari attenzione a quattro "finestre" aperte sull'economia mondiale: commercio, produzione, finanza e sviluppo internazionali. Un testo chiaro e accessibile per gli studenti di economia, che potrà essere usato con profitto anche nei corsi di laurea di discipline non economiche.