Carestia

Filtri attivi

«Moia la carestia». La scarsità alimentare in...

Ferrari M. L. (cur.); Vaquero Pineiro M. (cur.)
Il Mulino - 2015

Disponibilità Immediata

27,00 €
Nelle società occidentali la mancanza di risorse alimentari fa spesso pensare a un passato remoto, o ad aree del pianeta ritenute sottosviluppate. Tuttavia, le problematiche legate all'alimentazione fanno parte di una storia di lunga durata perché per seco

Cibo di guerra. Sofferenze e privazioni...

Cuzzi Marco
Biblion - 2015

Disponibilità Immediata

14,00 €
Il rapporto tra alimentazione e guerra è molto antico e ogni conflitto del passato ha avuto come dirette conseguenze fame e carestia. Questo rapporto trova la sua più completa declinazione nelle guerre industriali del XX secolo, la Prima e la Seconda guerra mondiale. Durante la Grande Guerra si è assistito a una serie di decisive rivoluzioni nel campo dell'organizzazione dell'alimentazione, sia militare sia civile e, al contempo, si sono verificati sempre più ampi coinvolgimenti delle popolazioni, che hanno dovuto subire la crisi alimentare conseguente ai conflitti. Nella guerra successiva tutti gli avvenimenti del 1914-18 si sono amplificati, anche per quanto concerne il rapporto tra popolazione e alimentazione. E in Italia? In che modo soldati, civili e governi hanno affrontato questo tema nelle due guerre che hanno cambiato la storia del mondo? Senza voler essere esaustivi, si cercherà qui di tracciare alcune risposte a queste domande, delineando alcuni aspetti significativi per cercare di spiegare come i due cavalieri dell'Apocalisse, Guerra e Carestia, hanno attraversato il nostro Paese nel Novecento e cosa si sono lasciati alle spalle.

Viaggio nell'isola rossa. Madagascar

Associazione Sunrise (cur.)
Il Leccio - 2013

Disponibilità Immediata

18,00 €
Questo libro fotografico è stato realizzato e ideato per far conoscere e amare un popolo e una terra lontana.

Storia delle carestie

Ó Gráda Cormac
Il Mulino - 2011

Disponibilità Immediata

24,00 €
Nell'Apocalisse di Giovanni un cavallo nero, insieme alla pestilenza, alla guerra e alla morte, porta la fine del mondo: è la carestia, una sciagura che accompagna da sempre il cammino dell'umanità, in ogni società, in ogni luogo, in ogni tempo. Ripercorrere la storia della carestia è dunque davvero come ripercorrere la storia dell'uomo: la sua lotta per difendersi dalla durezza della natura, che con la siccità, le alluvioni, le eruzioni, con le malattie che distruggono i raccolti getta nella fame le popolazioni; ma anche le responsabilità che l'uomo stesso ha nelle carestie, così di frequente connesse alle guerre, a politiche inadeguate o omicide (come in Unione Sovietica negli anni Trenta, o nella Cambogia dei khmer rossi). Dall'antico Egitto all'Africa contemporanea, dall'Europa medievale alla Cina maoista, il libro racconta come le diverse società ed epoche hanno fatto i conti con la carestia e su quali basi si può ragionevolmente pensare che in futuro essa non costituisca più una minaccia d'apocalisse.

La fame nel mondo spiegata a mio figlio

Ziegler Jean
Il Saggiatore - 2010

Disponibilità Immediata

8,00 €
Attualmente più di un miliardo di persone nel mondo soffre di denutrizione. Eppure le risorse del nostro pianeta potrebbero nutrire il doppio della popolazione terrestre. Malgrado lo sviluppo economico e tecnologico, lo scandalo della fame nel mondo sembra

Fame. Una storia innaturale

Russell Sharman A.
Codice - 2006

Disponibilità Immediata

23,00 €
I nostri corpi sono circuiti attraversati continuamente da messaggi: di tutti questi la fame, ci dice Sharman Apt Russell, è sicuramente il più basilare, un impulso fondamentale per la sopravvivenza, spesso usato come strumento di tortura o di protesta sociale e politica. "Fame" offre un'analisi completa di questo aspetto cruciale della nostra esistenza: in che modo l'organismo ci informa della necessità di mangiare? E soprattutto, cosa succede quando non soddisfiamo questa esigenza? La Russell passa in rassegna gli episodi più clamorosi di digiuno, volontario o imposto: da Gandhi alle suffragette inglesi, dagli studi sulle malattie della fame nel ghetto di Varsavia agli esperimenti condotti dagli americani al termine della Seconda guerra mondiale, fino al recente episodio - a cavallo tra la spettacolarizzazione televisiva e l'esperimento medico - di David Blaine, un illusionista che nel 2003 si fece rinchiudere in una gabbia di plexiglas, restando 44 giorni senza mangiare.

Il pane selvaggio

Camporesi Piero
Il Saggiatore - 2016

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Nell'Europa fra Quattro e Settecento, larga parte della società era non solo schiacciata dal peso degli status piramidali, immodificabili per legge divina e volontà regale, ma anche oltraggiata dalla fame e dalla miseria, tiranneggiata dall'uso quotidiano di pani ignobili, spesso mischiati volontariamente con erbe e granaglie tossiche e stupefacenti. Mentre i Galilei, i Cartesio e i Bacone fabbricavano una macchina del mondo razionale e ordinata, la sottoalimentazione cronica e l'ubriachezza domestica generata da queste droghe campestri e familiari lanciavano il corpo sociale in un viaggio onirico di massa, in trance ed esplosioni dionisiache che coinvolgevano interi villaggi, nei meandri di un immaginario collettivo demonico e notturno che compensava un'esistenza invivibile, alle soglie dell'animalità. Nel "Pane selvaggio" Piero Camporesi, ricorrendo a un'ampia campitura di fonti letterarie d'età moderna, racconta un'umanità narcotizzata, preda di una colossale vertigine oppioide, che viveva in un mondo di squallida apatia intellettuale e morale e di disinteresse per le cause più alte, sprofondata in un universo fantastico. Un'umanità, tuttavia, che ancora conosceva la percezione extrasensoriale della realtà, forme di coscienza e di scienza diverse da quelle, a una sola dimensione, della razionalità, e che dunque ancora poteva attingere ai serbatoi onirici che l'interdizione delle erbe allucinogene ha poi distrutto. Prefazione di Umberto Eco.

Pulci e topi. Carestia e peste nel Trevigiano...

Conti Filippo
Zoppelli e Lizzi - 2016

Non disponibile

20,00 €
Repubblica di San Marco, anno del Signore 1630. Dopo due stagioni di cattivi raccolti che per la popolazione più povera hanno comportato miseria, fame e aumento della mortalità, scoppia la guerra contro il Sacro Romano Impero e la Spagna. Venezia viene coinvolta nel conflitto e combatterà, con riluttanza, una guerra non sua. Per le classi sociali più deboli lo stato di belligeranza si converte in tassazioni, imboscamenti vittuari, rincaro dei prezzi, arruolamento nelle milizie territoriali di poveri contadini male armati e poco addestrati, strappati alla terra e opposti a soldataglie agguerrite, avide di bottino, precedute dalla fama, non usurpata, di una proverbiale ferocia...

La fame

Caparrós Martín
Einaudi - 2015

Non disponibile

26,00 €
"Conosciamo la fame, siamo abituati alla fame: abbiamo fame due, tre volte al giorno. Nelle nostre vite non esiste niente che sia più frequente, più costante, più presente della fame - e, al tempo stesso, per la maggior parte di noi, niente che sia più lon

Access to energy. Focus on Africa

Ranci Ortigosa P. (cur.); Colombo E. (cur.)
Ediplan - 2012

Non disponibile

15,00 €
L'Agenzia Internazionale dell'Energia ha stimato che 1,3 miliardi di persone al mondo non ha accesso all'elettricità e circa 2,7 miliardi di persone si affida all'uso tradizionale della biomassa per cucinare: rispettivamente rappresentano il 20% e il 40% della popolazione globale. L'intento del volume è di approfondire il tema dell'accesso alle moderne forme di energia in Africa. L'Africa rappresenta il continente in cui il problema della povertà energetica è più critico. La AIE nel World Energy Outlook 2011 afferma: "L'Africa Sub-sahariana rappresenta solo il 12% della popolazione mondiale, ma quasi il 45% di coloro che non hanno accesso all'energia elettrica e l'80% di coloro che si affidano ancora alla biomassa tradizionale".

Anatomia della fame. Perché le catastrofi...

Rinaldi Vittorio
Altreconomia - 2010

Non disponibile

16,50 €
Ogni giorno nel mondo un miliardo di uomini, donne e bambini hanno fame. Come si giustificano nel XXI secolo le carestie e la cronica penuria di cibo? Questo libro risponde a una domanda che è sulla bocca di tutti, raccontando i meccanismi globali e locali che affamano il Sud del mondo: gli appetiti dei governi e delle multinazionali, le guerre, le malattie. E spiega che per sfamare la Terra bisogna ripartire dalla sovranità alimentare e promuovere un "rinascimento" contadino. Vittorio Rinaldi, antropologo, già docente nelle Università di Verona, Milano Bicocca e Firenze. Esperto di cooperazione internazionale e sicurezza alimentare, è tra i curatori della campagna "D(i)ritto al cibo" di Altromercato.

La fame del pianeta. Crescita della popolazione...

Nuova Terra Antica - 2010

Non disponibile

15,40 €
La crisi che attanaglia, da due anni, l'economia mondiale, ha aggravato, in una pluralità di paesi africani, asiatici e sudamericani, lo squilibrio tra la popolazione e le disponibilità alimentari: il recente vertice della Fao ha drammaticamente dimostrato che ogni dieci anni l'organismo si riunisce per proclamare l'ultimo piano di eradicazione della fame dal Pianeta, per pubblicare sul proprio bollettino, nei mesi successivi, che il numero degli affamati è ulteriormente aumentato di duecento milioni di persone. Siccome paesi quali la Russia, la Cina e l'India usano il peso acquisito negli organismi internazionali per impedire che la stessa Fao pubblichi notizie troppo dettagliate sulle rispettive situazioni di approvvigionamento, considerando le omissioni gli ultimi bollettini Fao suggeriscono che gli affamati non siano, sul Pianeta, un miliardo, ma che il loro numero sia, probabilmente, doppio di quello ufficiale.

Il pane selvaggio

Camporesi Piero
Garzanti - 2004

Non disponibile

15,00 €
L'autore intraprende una sorta di viaggio all'inferno attraverso l'immaginario dell'alimentazione, della fame, del corpo, della malattia nella società preindustriale: un museo degli orrori che ricostruisce sogni, allucinazioni, incubi di un'umanità miserabile e affamata.

Hunger. Ediz. italiana e inglese

Skira - 2003

Non disponibile

25,00 €
"Hunger" è un libro sugli 800 milioni di poveri che in tutto il mondo convivono ogni giorno con l'assillo della fame. Non i casi urgenti, ma tutte quelle persone per cui la vita ruota unicamente intorno alla ricerca del prossimo pasto. Grazie agli aiuti alimentari avranno la possibilità di fare qualcosa della propria vita. La certezza di poter mangiare ti permette di poter pensare ad altro: come imparare un mestiere, andare a scuola o mettere su un'attività. Insomma, continuare a vivere. "Hunger" porta alla ribalta queste persone dimenticate. La loro situazione non è così disperata da fare notizia, ma ciò non toglie che stiano rischiando la vita. E non significa che non esistano.

Food not bombs

Butler C. T.
Frilli - 2002

Non disponibile

6,00 €
Grandi quantità di cibo buono, e spesso ancora confezionato, si trovano in mezzo a scatoloni rotti e nei bidoni della spazzatura dei paesi ricchi dell'occidente. Nei soli Stati Uniti vengono buttati via approssimativamente 22 milioni di chili di cibo ogni anno. Sarebbe sufficiente un decimo di questi per sconfiggere la fame nel paese, che nonostante la sua ricchezza è afflitto da un'altissima percentuale di poveri, disadattati ed affamati. Negli Stati Uniti gli attivisti di Food Not Bombs recuperano una parte del cibo avanzato prima che sia buttato via e lo distribuiscono alle persone affamate. Il libro offre consigli su come raccogliere cibo fresco gratuitamente e come rapportarsi con le autorità locali, i media e il vicinato.

Cristiani e fame nel mondo

Gheddo Piero
Elledici - 1991

Non disponibile

1,00 €
Il sottosviluppo è segno di crisi di civiltà. La fame si vince cambiando la vita. Il libretto offre alcuni dati e spunti per la riflessione.