Popolazione e demografia

Filtri attivi

Il peso dei numeri. Teorie e...

Danna Daniela
Asterios 2019

Disponibile in libreria  
ANTROPOLOGIA SOCIALE

23,00 €
Il tema che Braudel poneva all'inizio, cioè alla base, di Civiltà materiale, economia e capitalismo, è oggi affidato solo a una branca quantitativa della divisione disciplinare voluta dai liberali al posto dell'unica scienza sociale storica. "La popolazione è in declino, dobbiamo intervenire", "I poveri aumentano di numero per la loro ignoranza", "L'aumento demografico mette in pericolo l'ecologia del pianeta": i miti della demografia hanno conseguenze politiche, e vengono smentiti da questo lavoro, che ricostruisce e commenta le principali teorie a proposito di ciò che determina gli andamenti nel tempo della popolazione umana. Il volume ragiona sulle dinamiche della popolazione sia dal punto di vista macrostorico che microstorico. Presenta il quadro teorico che vede nel "sistema-mondo" e non negli stati-nazione l'unità di analisi fondamentale per la scienza sociale. Traccia poi una griglia per la comprensione delle motivazioni delle decisioni procreative - includendo nel concetto anche la semplice accettazione della nuova vita concepita - decisioni in cui la volontà femminile ha storicamente acquistato un peso maggiore. Si dà nuovo rilievo alla teoria della domanda di lavoro nel sistema capitalistico come base per l'accrescimento demografico: durante l'espansione coloniale europea ci fu un'estrazione violenta di lavoro indigeno per beneficiare i paesi del centro dell'economia-mondo capitalista. Questa estrazione era stata imposta innanzitutto alla classe lavoratrice dei paesi del centro nelle prime fasi di sviluppo del capitalismo, e poi venne spostata verso la periferia. La teoria della transizione demografica e l'ideologia della crescita infinita sono presentate criticamente: sono gli obiettivi della crescita economica a richiedere l'impossibile aumento costante della popolazione, è il capitalismo ad essere ecologicamente insostenibile.

Il paese vuoto

Golini Antonio
Luiss University Press

Disponibile in 3 giorni

12,00 €

Rapporto sulla popolazione....

Il Mulino 2019

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Il libro affronta il complesso tema dell'istruzione sotto vari profili: come è organizzata in Italia, come è cambiata nel recente passato e come cambierà in futuro. Si analizzano in particolare gli aspetti problematici relativi alle risorse (come vengono investite e da parte di chi; nel settore pubblico e in quello privato), la valutazione dei risultati, la presenza degli stranieri, il trattamento di aspetti differenziali, la capacità della scuola di favorire la mobilità sociale e la sua utilità come investimento economico per le famiglie e gli individui.

La riforma del codice...

Francioni Alessandro
Maggioli Editore 2018

Disponibile in libreria  
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

38,00 €
In questo momento storico i servizi demografici sono arrivati ad un punto di svolta. È sufficiente leggere l'agenda digitale italiana e il piano triennale dell'AGID, per rendersi conto che i servizi demografici hanno l'onore e l'onere di condurre l'Italia alla piena digitalizzazione della pubblica amministrazione. Dall'attuazione dell'anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR), passando dal sistema pubblico di identità digitale (SPID), per finire con il domicilio digitale e la carta d'identità elettronica (CIE), è evidente il grande cambiamento in atto e l'impegno richiesto agli operatori dell'ente locale. L'attuazione dell'agenda digitale conduce a un nuovo concetto di cittadinanza digitale, che vede realizzati i diritti di trasparenza e accesso, attraverso lo sviluppo dei siti web delle Pubbliche Amministrazioni e l'utilizzo di strumenti mobili, il tutto per rendere più facili i rapporti tra cittadino e Amministrazione mediante la condivisione e la messa a disposizione dei dati pubblici. L'attuazione dell'agenda digitale si realizza per mezzo di azioni e progetti che coinvolgono sia le amministrazioni centrali che quelle locali, con un adeguamento normativo continuo, anche in applicazione delle normative europee più recenti quali il regolamento EIDAS e il regolamento europeo per la protezione dei dati personali (GDPR). In questo quadro di cambiamento, improntato al c.d. principio del Digital First, i servizi demografici nei comuni rappresentano il punto centrale per trasformare il paese. Il passaggio dalla carta al digitale, dal dato locale al dato centrale, è oramai una strada ineludibile ma occorre essere accompagnati e guidati nel cambiamento. Il volume nasce dall'esperienza maturata con il lavoro quotidiano degli autori, in realtà comunali diverse, arricchita dalla partecipazione a corsi di formazione, convegni e tavoli istituzionali. L'opera, un vero e proprio manuale di istruzioni per prepararsi a cambiare l'Italia, analizza e approfondisce tutti gli istituti fondamentali per comprendere e governare al meglio il processo di innovazione in atto.

Umani troppi umani. Sfide...

Feltrin Natan
Eretica 2018

Disponibile in libreria  
ANTROPOLOGIA SOCIALE

16,00 €
"Questa è una grande lezione dell'ecologia: non ci sono pasti gratuiti e non c'è spazio per tutti! Come potevano così tanti filosofi parlare di etica animale, vegetale, dell'ambiente, del bìos quale progetto possibile in un mondo in cui una sola specie si stava moltiplicando vertiginosamente fagocitando ogni risorsa e colonizzando ogni habitat al punto di non farsi bastare più un solo pianeta? Negli ultimi duecento anni l'umanità ha letteralmente trasformato carbone e petrolio in biomassa umana ad alto consumo di risorse e questo rappresenta un unicum nella storia della nostra specie, un evento da cui ogni considerazione filosofica non può più prescindere. Oggi il numero di figli procreati, come il tipo di alimentazione adottata, non può più dirsi semplicemente questione di gusto esattamente quanto non è più considerabile una scelta personale importare specie aliene illegalmente o esimersi dal fare raccolta differenziata. Date le nuove acquisizioni scientifiche nessuno può più dirsi affrancato dal tribunale del buon senso, in questo caso de gustibus disputandum est!". Prefazione di Andrea Zhok.

Il futuro non invecchia

Rosina Alessandro
Vita e Pensiero 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Ci avviamo in Italia e in Europa verso un mondo con sempre meno giovani e sempre più anziani: lo dicono con cruda evidenza i numeri delle statistiche demografiche. È l'esito di un processo che ha conosciuto una straordinaria accelerazione negli ultimi decenni, grazie alla scienza e alla tecnologia che hanno consentito una forte diminuzione della mortalità infantile e un aumento considerevole della longevità, soprattutto in Occidente. E a questi fattori va poi sommata anche una drastica caduta della natalità, ben al di sotto del tasso che garantirebbe il rinnovo generazionale. Il nostro futuro dovrà necessariamente fare i conti con le sfide di questo inedito paesaggio antropologico, economico e sociale. Il saggio di Alessandro Rosina invita ad affrontarle a viso aperto, senza cedere a suggestioni apocalittiche, ma valorizzando il potenziale dei soggetti coinvolti. Il corso della vita va attivamente coltivato in tutti i suoi stadi - dall'infanzia all'età anziana - con lucidità e lungimiranza, tenendo viva la tensione verso un futuro da costruire con fiducia. Snodo decisivo di questo processo è la valorizzazione del potenziale delle giovani generazioni. Ad esse andrebbe passato il testimone, riconoscendo davvero, attraverso adeguati percorsi formativi ed efficaci politiche del lavoro, il protagonismo che spetta loro di diritto. Un futuro che non invecchia ha la sua condizione fondamentale proprio in questa alleanza tra le generazioni. Per darcene un'idea, Rosina rivisita in tale prospettiva dieci parole-chiave che iniziano con la "f" di futuro: forza/fragilità, formazione, fare, fallimento, fiducia, famiglia, facebook, femminile, fede, felicità. Abbiamo bisogno di riscoprirne il senso per appoggiarvi la nostra speranza.

Quelli che se ne vanno. La nuova...

Pugliese Enrico
Il Mulino 2018

Disponibile in libreria  
ANTROPOLOGIA SOCIALE

14,00 €
Non solo la «fuga dei cervelli» priva il nostro paese di giovani promettenti e di un ricambio generazionale equilibrato: una meno attesa ma corposa «fuga di braccia» è in corso presso altri strati della popolazione. Molti addetti dell'industria e dell'edilizia sono stati spinti dalla crisi a cercare lavoro in altri paesi europei, accolti a volte da politiche ostili in materia (vedi Brexit). Nel generale saldo migratorio negativo dell'Italia, una delle regioni con il maggior numero di emigrati è sorprendentemente la Lombardia, area di immigrazione per eccellenza. Nel Mezzogiorno, per effetto delle partenze delle classi in età fertile e da lavoro, si assiste a un vero e proprio «tsunami demografico», mentre i tassi di disoccupazione continuano a mantenersi altissimi. Va poi registrata l'emigrazione di pensionati verso mete con clima buono e costo della vita basso.

Popolazione mondiale e sviluppo...

Angeli
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
La crisi economica mondiale ha avuto importanti ripercussioni demografiche, che influenzeranno pesantemente i futuri cammini dei singoli continenti e paesi. Spaziando dall'Unione europea ai paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud-Africa), dal continente latino-americano all'Africa sub-Sahariana e all'area mediterranea, il volume illustra il ruolo svolto dai comportamenti demografici nelle disuguaglianze socio-economiche, nei conflitti interni e internazionali, nella morbilità e nello sviluppo sostenibile.

Il mondo denso. La società è...

Volpi Roberto
Lindau 2018

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Cinque miliardi di abitanti in più tra il 1950 e oggi, all'incredibile media di un miliardo ogni 12-13 anni: è questo il risultato di un popolamento della Terra che nessuno, forse, si aspettava di tale intensità. Inoltre, la vita media dell'uomo non è mai stata tanto lunga, quasi 72 anni. Eppure, quando si ragiona sui grandi temi del destino dell'umanità, della società e dell'ambiente, non si prende quasi mai in considerazione questa variabile che, fra tutte, è forse la più decisiva. Come vive e che cosa può aspettarsi l'uomo moderno in un mondo tanto denso? È la grande domanda che si pone questo saggio, analizzando le attuali dinamiche demografiche delle diverse aree del pianeta e considerando le loro ricadute in termini socioeconomici e antropologici. Il quadro che emerge è quello di una popolazione sempre più urbanizzata e sempre più in movimento, in cui la densità eccessiva di certe aree - con al centro le cosiddette megacities - è causa di gravissime tensioni sociali e culturali. La sopravvivenza, però, è ancora possibile, a patto che vengano affrontate le sfide che, in termini di competizione economica ma anche di solidarietà internazionale, stanno rimettendo in discussione la convivenza civile sulla Terra.

Riabitare l'Italia. Le aree interne...

De Rossi A.
Donzelli 2018

Disponibile in 3 giorni

44,00 €
A dispetto dell'immagine che la vuole strettamente legata a una dimensione urbana, l'Italia è disseminata di «territori del margine»: dal complesso sistema delle valli e delle montagne alpine ai variegati territori della dorsale appenninica, e via via scendendo per la penisola, fino a incontrare tutte quelle zone che il meridionalismo classico aveva indicato come «l'osso» da contrapporre alla «polpa», e a giungere alle aree arroccate delle due grandi isole mediterranee. Sono gli spazi in cui l'insediamento umano ha conosciuto vecchie e nuove contrazioni; dove il patrimonio abitativo è affetto da crescenti fenomeni di abbandono; dove l'esercizio della cittadinanza si mostra più difficile; dove più si concentrano le diseguaglianze, i disagi. Sommandole tutte, queste aree - «interne», «fragili», «in contrazione», «del margine» -, ammontano a quasi un quarto della popolazione totale, e a più dei due terzi del l'intero territorio italiano. Abbastanza per farne l'oggetto di una grande «questione nazionale». Se non fosse che hanno prevalso altre rappresentazioni: il Sud in perenne «ritardo di sviluppo»; il «triangolo industriale» della modernizzazione fordista; la «terza Italia» dei distretti.

La culla vuota della civiltà....

Fontana Lorenzo
Gondolin 2018

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Il destino degli italiani rischia di essere l'estinzione. Complici le politiche poco lungimiranti degli ultimi anni, e la precisa scelta di colmare il gap demografico con i flussi migratori, le famiglie italiane sono progressivamente scomparse dalle priorità politiche e nei fatti, oggi, scoraggiate a fare figli. In questo libro Lorenzo Fontana ed Ettore Gotti Tedeschi spiegano perché il terribile inverno demografico di un popolo cancella il futuro e l'identità rappresentando inoltre la principale causa del declino economico di una nazione. E ciò sta già accadendo, in un vortice che vede invecchiare la popolazione, aumentando i costi fissi di pensioni e sanità, e ridurre la produttività per la mancanza di giovani afflussi al mercato del lavoro, facendo crollare le speranze per il futuro e la voglia di risparmio. Per arrestare questo processo inesorabile serve prima di tutto il coraggio di ripianificare le priorità dell'agenda politica, allargandone il raggio d'azione a investimenti duraturi e strutturali, riattribuendo senso e valore a parole e concetti dimenticati, primo fra tutti: la famiglia. Prefazione di Matteo Salvini.

Genitori cercasi. L'Italia nella...

Mencarini Letizia
Università Bocconi Editore 2018

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
La società italiana sta mutando profondamente e velocemente, sotto la spinta di cambiamenti demografici epocali che ne ridisegnano la composizione. Eppure la questione demografica non ha una presenza rilevante nel dibattito politico e mediatico ed è spesso affrontata con toni generici, sufficienti a soddisfare curiosità specifiche o necessità retoriche, ma inadatti a sostenere una riflessione costruttiva. Gli Autori tracciano un quadro completo della bassa fecondità italiana. Che cosa sta succedendo? Potremmo dire che siamo in mezzo a una «trappola demografica»: i pochi figli del passato, cioè i genitori di oggi, sono sempre meno e sempre più maturi, vincolando al ribasso non solo le nascite attuali, ma anche quelle future. Il volume si sofferma inoltre sulla moltitudine di meccanismi di natura economica, sociale e culturale che operano accanto alle forze più strettamente demografiche. Perché l'Italia è in coda all'Europa per mentalità e parità di genere, occupazione femminile e spesa sociale destinata alle famiglie.

Rapporto sulla popolazione. Le...

De Santis G.
Il Mulino 2017

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Al di là delle emergenze recenti, l'immigrazione straniera è un fenomeno le cui origini risalgono a circa quaranta anni fa: proprio i demografi italiani furono tra i primi a segnalarne l'importanza, analizzandone cause, caratteristiche e conseguenze. Questo Rapporto permette di seguire la pluridecennale evoluzione dell'immigrazione e della presenza straniera in Italia, con attenzione alle specificità dei diversi contesti territoriali. Una ricca e affidabile documentazione statistica consente di illustrare le origini e le caratteristiche degli stranieri, i loro comportamenti demografici, l'inserimento nel mercato del lavoro e le condizioni di integrazione. Tra le questioni affrontate si segnalano quelle, rilevantissime, dei profughi, della cittadinanza e delle seconde generazioni.

Movimenti di popolazione in...

Brundu B.
Forum Edizioni 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
La mobilità territoriale rappresenta un tratto caratterizzante della società contemporanea, pur non essendo certamente un fenomeno solo recente; fin dall'antichità, infatti, l'uomo ha avuto necessità e attitudine allo spostamento. Le motivazioni possono essere diverse e distinguono questi movimenti nello spazio geografico anche in base alla temporalità. La globalizzazione odierna, caratterizzata da comunicazioni sempre più veloci e connessioni in tempo reale, facilita tale fenomeno, agendo da propellente. Il volume si concentra sulle tendenze del nuovo millennio, in cui fattori politici, socio-economici e ambientali spingono una moltitudine di popolazione a brevi o lunghi, a volte infiniti, spostamenti. Pendolarità, turismo, migrazioni compongono e scompongono così assetti territoriali e culturali: la Sardegna, filo conduttore di questa ricerca, ne fornisce un esempio a scala regionale.

Demografia. Con aggiornamento online

Rosina Alessandro
EGEA 2017

Disponibile in 3 giorni

10,90 €
Obiettivo di questo agile volume non è quindi quello di raccontare in modo esaustivo metodi e modelli della disciplina, ma di far appassionare il lettore e di trasmettergli l'idea che la demografia è sia interessante sia utile per vivere meglio e capire meglio il mondo in cui vive. Ha quindi l'ambizione di rivolgersi a tutti. Non solo a studenti universitari, come i classici manuali, non solo agli studiosi di altre discipline, ai policy maker, ai manager pubblici e privati, agli opinion leader, ma a chiunque voglia conoscere la società in cui vive, i mutamenti che la attraversano e le loro implicazioni, senza fermarsi alle cronache sui giornali.

Allarme demografico....

Guarracino Scipione
Il Saggiatore 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Negli ultimi quattro secoli le tendenze della popolazione hanno suscitato, in Occidente e nel mondo intero, atteggiamenti tanto apocalittici quanto contrastanti. L'allarme demografico è periodicamente risuonato, oscillando tra due estremi angosciosi: da una parte la paura dell'invecchiamento, dello spopolamento e infine dell'estinzione; dall'altra l'incubo delle folle umane che si contendono spazio e cibo, esposte ai flagelli di guerre, carestie, epidemie. Il deserto e il formicaio. "Stiamo diventando troppi o troppo pochi?" Se lo sono chiesti economisti, religiosi, politicanti, profeti e romanzieri, ma anche celebri pensatori come Montesquieu, Malthus, Marx, Mill, Darwin, Jack London e Aldous Huxley. Spesso le loro risposte hanno gravato su interi paesi o sull'umanità tutta. Il libro segue il filo degli allarmi demografici nel suo intreccio storico con i processi di pauperizzazione e proletarizzazione, i progressi tecnologici e l'evoluzione dei costumi, il socialismo e il femminismo, il colonialismo moderno e il darwinismo sociale, la società dei consumi e il sottosviluppo, il ruolo delle religioni e delle chiese. Oggi sembra che il pendolo della paura non sappia più da che parte dirigersi, oppure che voglia toccare allo stesso tempo entrambe le estremità.

Italiani. Come il DNA ci aiuta a...

Destro Bisol Giovanni
Carocci 2016

Disponibile in 3 giorni  
ANTROPOLOGIA SOCIALE

13,00 €
Ma noi italiani chi siamo? È una domanda che nasce da due bisogni connaturati alla natura umana: definire una nostra identità e sentirci parte, al tempo stesso, di una comunità. Gli autori offrono ai lettori una risposta lontana dagli stereotipi correnti, guardando con attenzione ai segni lasciati nel nostro DNA dagli eventi passati senza perdere di vista i contesti storici e culturali. Ne scaturisce una nuova chiave di lettura che mette in evidenza l'analogia tra la variabilità della genetica e quella delle lingue parlate dagli italiani. Tenendo insieme informazione scientifica e attualità sociale, il libro affronta i temi dell'identità e della diversità anche in relazione ai cambiamenti demografici in atto nel nostro paese.

Tutto quello che non vi hanno mai...

Allievi Stefano
Laterza 2016

Disponibile in 3 giorni  
ANTROPOLOGIA SOCIALE

12,00 €
Un quadro aggiornato sui flussi migratori e sul loro contributo reale allo sviluppo economico, culturale e sociale del paese Senza eludere nessuno dei temi scottanti degli ultimi mesi: l'aumento esponenziale dei richiedenti asilo, l'impatto della crisi sulle migrazioni, il contributo degli stranieri all'economia italiana, i problemi di criminalità, l'integrazione fra le diverse culture e religioni.

La fine dell'Europa

Meotti Giulio
Cantagalli 2016

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
Giulio Meotti ha intrapreso un compito necessario ma impopolare mettendo a nudo la verità allarmante sul declino demografico dei popoli europei indigeni. La risposta della nostra classe politica è quella di scrollare le spalle e dire "che importa?". Come sottolinea Meotti, la nostra incapacità di riprodurci non è causata dalla povertà o dalla debolezza genetica. Al contrario, ciò è dovuto alla ricchezza, all'indolenza e alla voglia di aggrapparsi alla sicurezza dello stato sociale. Ci ritiriamo dal lavoro il più presto possibile, e persino i giovani sono inclini a considerare i bambini come un peso che è meglio evitare. Questa nuova tendenza sociale dice Meotti è dovuta all'indebolimento della fede cristiana. Possiamo fare qualcosa per questo problema? Una cosa è certa, senza il coraggio di essere ciò che siamo, e di trasmettere la nostra eredità ai figli, noi europei siamo destinati a scomparire. E con noi scomparirà la più grande civiltà che il mondo abbia conosciuto.

Il futuro che (non) c'è. Costruire...

Rosina Alessandro
Università Bocconi Editore 2016

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Welfare, lavoro, cultura, mercato, democrazia, innovazione, sviluppo sostenibile: questi temi evocano sempre più spesso apprensione e timori, come se ogni questione di ampio respiro fosse all'origine di nuovi problemi e ulteriori insicurezze. Eppure è in queste parole che si nasconde il futuro. Ma che cosa hanno in comune i processi di trasformazione che segnano questo scorcio di secolo? Una chiave di lettura efficace per spiegare e unificare fenomeni tanto complessi è offerta dalla demografia: con la sua capacità di interpretare i mutamenti che rivoluzionano i rapporti tra le generazioni, la vita dei singoli e le loro interazioni, dimostra come solo ponendo al centro le persone si possa produrre vera crescita. La sfida sta nel mettere in relazione positiva da un lato l'aggiunta di qualità (e non solo di anni) alla nostra vita, dall'altro la possibilità di contribuire al benessere condiviso, per tutti e a tutte le età, misurabile non solo in termini di ricchezza materiale.

La montagna perduta. Come la...

Cerea G.
Franco Angeli 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
L'orografia determina il destino di una comunità? Pare di sì, almeno in Italia, dove l'altitudine fa ancora la differenza. A parlare sono i numeri: dal 1951 a oggi, la montagna è stata vittima di spopolamento e abbandono. Se la popolazione italiana negli ultimi 60 anni è cresciuta di circa 12 milioni di persone infatti, la montagna ne ha perse circa 900mila.Tutta la crescita, in pratica, si è concentrata su pianura (8,8 milioni di residenti) e collina (circa 4 milioni). Un dissanguamento del quale si è parlato poco, pochissimo. Ecco il senso di questa ricerca.

Storia minima della popolazione del...

Livi Bacci Massimo
Il Mulino 2016

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
Come si determina, nelle varie epoche, la dinamica demografica? Come influiscono su di essa mutamenti climatici e catastrofi naturali, epidemie e guerre, migrazioni e sviluppo economico, tecnologia e cultura? La scomparsa di interi popoli nel corso della storia dimostra che non esiste un meccanismo di regolazione automatica tra il livello delle risorse e quello della popolazione. Nel tracciare la storia della popolazione mondiale dal neolitico ai nostri giorni, Livi Bacci illustra per il futuro anche le implicazioni che l'accelerato sviluppo demografico che porterà due miliardi e mezzo di persone in più in una sola generazione avrà per la stabilità sociale interna dei paesi, per i rapporti di forza tra nazioni e per l'ambiente.

Rapporto sulla popolazione....

De Rose A.
Il Mulino 2015

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
L'intensa e prolungata contrazione dell'economia nel nostro paese ha portato a un consistente calo dell'occupazione e a una crescita della disoccupazione giovanile. Quali effetti sulla popolazione italiana? I matrimoni sono sempre più rari e tardivi; le nascite stanno diminuendo, anche nella popolazione di origine straniera; i flussi di nuovi immigrati per motivi di lavoro sono rallentati, mentre cresce il numero di italiani che emigrano all'estero. L'aspettativa di vita e la salute degli italiani non mostrano per ora segnali di peggioramento, anche se aumentano i suicidi e tende a ridursi il ricorso alle cure e all'assistenza sanitaria, specie tra le persone socialmente ed economicamente più deboli e nel Mezzogiorno. Si prospetta, dunque, una società con forti scompensi generazionali e sociali che solo una vigile azione da parte del sistema di welfare può contrastare.

Il pianeta stretto

Livi Bacci Massimo
Il Mulino 2015

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Fra una sola generazione la Terra conterà due miliardi e mezzo di persone in più. Il problema è che si tratterà di una crescita assai disuguale: mentre la popolazione dei paesi ricchi rimarrà quasi stazionaria e invecchierà, quella dei paesi poveri raddoppierà o triplicherà addirittura nelle aree più deprivate, come quelle dell'Africa subsahariana, con una forte prevalenza delle generazioni più giovani. In questo quadro Livi Bacci riflette sul cammino del mondo nel XXI secolo, analizzando le implicazioni che uno sviluppo demografico così squilibrato avrà per la stabilità sociale interna ai vari paesi, per le migrazioni internazionali e i rapporti di forza tra le nazioni oltre che, naturalmente, per l'ambiente.

La documentazione amministrativa...

Minardi Romano
Maggioli Editore 2014

Disponibile in 5 giorni

50,00 €
Il presente lavoro è impostato per schede pratiche monografiche, ognuna delle quali affronta una casistica in materia di documentazione amministrativa, seguendo le disposizioni del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445. Tale impostazione consente all'operatore di individuare immediatamente la scheda che può aiutarlo a risolvere il suo problema; lì, troverà, in forma semplice e schematica, la normativa di riferimento, le disposizioni ministeriali, le eventuali pronunce della giurisprudenza, una guida pratica sugli adempimenti necessari e sulle modalità che si devono adottare per ogni singolo caso e, infine, tutta la modulistica necessaria per qualsiasi caso si possa presentare. In tal senso, si è cercato di far tesoro di anni di esperienza quotidiana a diretto contatto con gli utenti e della conoscenza dei tanti possibili problemi che possono presentarsi agli operatori dei servizi demografici. Come è noto, la documentazione e gli adempimenti previsti nel d.P.R. 445/2000 sono, in gran parte, concorrenti con adempimenti di analoga natura, di competenza notarile; inevitabile, quindi, che sia particolarmente alto, per il dipendente comunale, il rischio di negare al cittadino una prestazione di cui ha diritto o, al contrario, di commettere l'errore opposto, non meno grave e pericoloso, di compiere atti per i quali non si configura la sua competenza.

Rapporto sulla popolazione....

Associazione italiana per gli studi di popolazione
Il Mulino 2013

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Il volume illustra i cambiamenti avvenuti in Italia nel corso degli ultimi trent'anni nella biologia della riproduzione e in tutti quei comportamenti che hanno un impatto diretto sulla fecondità e sul numero complessivo di figli: vita di coppia, sessualità, contraccezione, ricorso all'aborto, fecondazione assistita e adozione. A partire da solidi dati quantitativi, numerosi sono gli interrogativi a cui il Rapporto fornisce una risposta: la capacità riproduttiva degli italiani è diminuita? La legge sull'aborto volontario del 1978 ha raggiunto i suoi scopi? Le nascite in provetta contribuiscono a risolvere i problemi della bassa natalità?

Rapporto sulla popolazione....

Salvini S.
Il Mulino 2011

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Popolazione e territorio, giovani e anziani, matrimoni e divorzi, fecondità e scelte riproduttive, salute e longevità, immigrazione e presenza straniera: la scheda anagrafica aggiornata dell'Italia. A partire da una solida base documentaria, il quadro complessivo della situazione demografica italiana è illustrato con un'attenzione particolare per le trasformazioni intervenute nei comportamenti sociali e per le loro implicazioni future.

L'immigrato: una risorsa a Milano....

Blangiardo G. C.
Guerini e Associati 2011

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
L'immigrazione straniera a Milano non è certamente solo quella che affiora, generalmente con connotazione negativa, dai fatti di cronaca. L'universo degli stranieri è popolato da migliaia di "persone" che inseguono faticosamente il progetto di una vita migliore, e che per questo ripropongono alla società ospite quegli esempi di "senso di responsabilità" e "disponibilità al sacrificio" che il diffuso benessere aveva progressivamente ridimensionato. Nella realtà milanese gli immigrati rappresentano ormai a pieno titolo una popolazione che, passo dopo passo, si integra nel tessuto cittadino, sviluppa una vita di relazione, avvia nuove iniziative e, in un numero crescente di casi, dimostra la capacità di emergere. In una città come Milano che tradizionalmente ha saputo accogliere e valorizzare il capitale umano che nel tempo ha bussato alle sue porte, essere immigrati significa anche avere l'opportunità di "partecipare" alla costruzione del bene comune. Il volto di un'immigrazione "non solo problematica" bensì sempre più "costruttiva" nel disegnare i nuovi scenari di sviluppo nasce dunque da una visione oggettiva della realtà e dalla doverosa attenzione anche alla parte di "iceberg" che non emerge ai fasti della cronaca, ma che vive e interagisce quotidianamente con la città. Questi i contenuti della ricerca che viene qui presentata, commissionata dalla Compagnia delle Opere di Milano e realizzata a cura di G. Carlo Blangiardo in collaborazione con la Fondazione per la Sussidiarietà.

I servizi demografici nella storia...

Gaspari O.
Bacchilega Editore 2011

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
L'importanza di conoscere la numerosità della popolazione è nota sin dall'antichità ma i moderni servizi dell'Anagrafe e dello Stato Civile nascono nell'Ottocento, con l'aumento della popolazione e della sua mobilità legato alla rivoluzione industriale e c

Il paese degli struzzi. Clima,...

Sartori Giovanni
Edizioni Ambiente 2011

Disponibile in 3 giorni

17,50 €
La politica ambientale dei nostri governi è stata, ed è a tutt'oggi, la politica dello struzzo: in caso di pericolo... testa sotto la sabbia. Sul tema del collasso ecologico del nostro pianeta e su come fronteggiarlo siamo ancora a "quasi zero". La Terra è un piccolo pianeta le cui risorse non sono infinite e sul quale siamo, quasi di colpo, diventati tanti, troppi. Continuare a ignorare questa realtà impegnandoci in una crescita senza limiti condurrebbe il genere umano verso la catastrofe. In questa raccolta di articoli Giovanni Sartori prende in esame i grandi temi ambientali, esprimendo analisi e argomenti che mettono a nudo l'incapacità della politica rispetto a quello che da tempo dovrebbe essere il suo compito più essenziale.

Campionamenti da popolazioni...

Frosini Benito V.
Giappichelli 2010

Disponibile in 5 giorni

29,00 €
Le tecniche di campionamento da una popolazione finita costituiscono una delle tematiche più importanti della statistica applicata. La conoscenza di queste tecniche è diventata essenziale di fronte alla sempre maggiore richiesta di sondaggi di opinione e indagini statistiche, quotidianamente utilizzati dai mezzi di comunicazione. L'impostazione del volume, pur essendo rigorosamente scientifica, viene incontro anche alle esigenze conoscitive dei non specialisti, chiarendo le operatività dei metodi con esempi volutamente semplici. Il lettore si trova quindi a seguire una trattazione sistematica che facilita l'apprendimento e lo studio a partire dai concetti di popolazione, di campione casuale, di stimatore, di strategia campionaria. L'approccio metodologico del volume è prevalentemente classico, tuttavia un capitolo è dedicato ad un altro approccio - quello da superpopolazione - che ha avuto in epoca più recente notevole sviluppo. Sono inoltre ampiamente trattati tutti gli argomenti che richiamano l'impiego delle variabili ausiliarie, come il campionamento con probabilità variabili, gli stimatori per quoziente e per regressione, quelli per piccole aree e quelli calibrati per la correzione degli errori non campionari. In particolare, quest'ultimo argomento costituisce un aspetto di grande interesse per i ricercatori e gli utilizzatori delle indagini campionarie e per tutti coloro che sono interessati a migliorare la qualità della ricerca.

Conquista. La distruzione degli...

Livi Bacci Massimo
Il Mulino 2009

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Quali furono le cause e i meccanismi della catastrofe demografica seguita alla scoperta dell'America? La documentazione giunta fino a noi è straordinariamente ricca: conquistadores, religiosi, uomini di legge, funzionari e mercanti scrivevano memorie e rapporti, stilavano atti, svolgevano inchieste, emettevano sentenze. Il mondo indigeno, per parte sua, ha lasciato eloquenti tracce degli eventi e molte testimonianze dirette dello spietato soggiogamento perseguito dagli europei. Facendo parlare queste fonti, Livi Bacci dimostra che il rovinoso declino degli indios non fu la conseguenza inevitabile del contatto con gli europei, ma un risultato cui contribuirono sia i modi della Conquista, sia la natura delle società sottomesse.

L'urbanizzazione del mondo

Véron Jacques
Il Mulino 2008

Disponibile in 3 giorni

10,50 €
Più della metà della popolazione mondiale vive oggi nelle città. Nel 2030 la quota di popolazione che vivrà nelle città supererà il 60%, il che significa che su una popolazione totale stimata di 8,1 miliardi, gli abitanti delle città saranno circa 5 miliardi. Di questi, 2 miliardi vivranno nelle bidonville e negli slum delle maggiori città, soprattutto in Africa e in Asia. Già da queste poche cifre si può intuire la rilevanza fondamentale delle tematiche relative alle città, intese come centri focali delle interazioni fra popolazione, ambiente e sviluppo. In particolare emerge con forza il problema della sostenibilità dell'urbanizzazione. Interrogandosi in questo libro sulla città e sulle sue possibilità di sviluppo Véron sottopone ad una interessante verifica una serie di relazioni: quelle fra crescita delle città e sviluppo economico e sociale, tra ambiente urbano e modi di vita, tra crisi della città e crisi della società.

Le generazioni

Mannheim Karl
Il Mulino 2008

Disponibile in 3 giorni

9,00 €
A partire dal secolo scorso la successione generazionale non è più un processo di sostituzione "dello stesso con lo stesso" ma diventa un rimpiazzare "qualcosa con qualcosa d'altro": la distanza che separa i gruppi di età non è più una distanza meramente anagrafica ma una distanza culturale e politica. Gran parte del '900, che ha coltivato una vera e propria ideologia della giovinezza, è contrassegnata da movimenti politici giovanili e nuove forme di aggregazione sociale basate sull'età, che tentano di definire un nuovo spazio politico. Ma anche i valori politici più tradizionali si trovano di fronte al problema di essere legittimati e accettati dalle nuove generazioni perché a esse viene delegato il compito fondamentale di riprodurre e trasformare la società. La generazione insomma è vissuta come un attore politico capace di cambiamento. Ma cosa fa di una generazione un motore di innovazione? Qual è il legame di generazione? Il breve testo di Karl Mannheim, originariamente pubblicato in Germania nel 1928, è unanimemente riconosciuto come l'architrave per chiarire la natura del legame sociale che unisce gli individui in un insieme generazionale e la natura della sua specificità. Il testo da cui tutto è cominciato.

Israele e Palestina: la forza dei...

Della Pergola Sergio
Il Mulino 2007

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il conflitto israelo-palestinese è stato studiato sotto l'aspetto della strategia militare, della politica internazionale e delle ideologie religiose, mentre praticamente sconosciute sono le sue componenti demografiche. Queste hanno svolto in passato, e ancor più svolgeranno in futuro, un ruolo determinante nelle decisioni di carattere politico. Dalle proiezioni sugli andamenti demografici nei territori dell'ex mandato britannico (Israele e Palestina) emerge che nel 2050 gli ebrei saranno circa il 35% delle popolazione complessiva. "Dobbiamo capire", afferma l'autore, "che Israele non potrà essere contemporaneamente grande (e quindi esente da concessioni territoriali), ebraica e democratica. Sarà necessario rinunciare almeno a una di queste tre prerogative". Sergio Della Pergola ha dato un contributo determinante, con i suoi consigli sulle politiche sociali e demografiche, alla nascita di Kadima, il partito fondato da Ariel Sharon, e ha una lunga consuetudine di lavoro con Ehud Olmert, avviata per definire le sorti di Gerusalemme quando l'attuale premier era sindaco della capitale. Tra gli ispiratori della svolta politica che ha portato al ritiro israeliano da Gaza, in questo libro Della Pergola mostra, attraverso il prisma della popolazione, come cambiano gli equilibri di una convivenza difficile ma inevitabile, e suggerisce una riflessione complessiva che può portare a un credibile processo di pacificazione.

Tipico tedesco. Quanto tedeschi...

Bausinger Hermann
ETS 2007

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Cos'è tipicamente tedesco? La domanda può apparire banale, ironica, addirittura insinuante se con ciò si intende alludere a stereotipi negativi o addirittura infamanti. Hermann Bausinger, senza cadere nel banale o in specialismi inutili, analizza i vari stereotipi che spesso vengono attribuiti al popolo tedesco - dalle abitudini alimentari, all'amore per la natura, fino alla tipica tendenza regolamentatrice - citando filosofi, antropologi e politici, tedeschi e non. Vengono poi considerate le immagini, i simboli rappresentativi della nazione e del suo popolo: i colori della bandiera piuttosto che la figura del Deutscher Michel o quella del Faust. Questo libro, a metà tra un saggio di antropologia e un racconto di viaggio, è una preziosa guida per entrare nell'ampio universo dei nostri concittadini tedeschi.

Non sono tempi per fare figli....

D'Aloisio Fulvia
Guerini Scientifica 2007

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
La bassa fecondità italiana rappresenta un tema al centro dell'interesse attuale non solo della scienza demografica, ma anche, in maniera crescente, delle scienze sociali. Le ricerche contenute in questo volume indagano le ragioni che sottostanno all'attuale radicale trasformazione dei comportamenti riproduttivi e dei valori che li orientano, questioni che non si lasciano comprendere alla luce di una spiegazione monocausale e finanche di un approccio disciplinare unico.

Elementi di demografia

Blangiardo G. Carlo
Il Mulino 2006

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Lo studio delle trasformazioni quantitative e strutturali della popolazione, così come l'analisi del complesso dei fenomeni che determinano il cambiamento demografico o che ne risentono, vanno assumendo importanza crescente in una realtà in cui sempre più è avvertita l'esigenza di acquisire dati oggettivi per interpretare il passato e, ove possibile, anticipare il futuro. In questo volume vengono illustrati nozioni e metodi di base con cui si possono descrivere e approfondire la consistenza, le caratteristiche e le modalità di sviluppo di una popolazione. In particolare vengono esposti i modelli teorici e gli strumenti di analisi che hanno maggiore rilevanza pratica.

Due lezioni sulle popolazioni. Con...

Senior N. W.
CLUEB 1997

Disponibile in 3 giorni

9,00 €
In questo volume vengono presentate le due Lezioni che Nassau William Senior tenne ad Oxford nel 1828. Propose un modello di interpretazione dello sviluppo demografico fortemente innovativo rispetto a quello malthusiano e straordinariamente precursore delle posizioni più moderne sia nell'individuare, nelle variabili di ordine economico, sociale e psicologico, quelli che attualmente sono considerati i fattori che influenzano la dinamica demografica, sia nell'enunciare la tesi sulla riduzione del tasso di crescita della popolazione conseguente al miglioramento delle condizioni sociali e del benessere delle classi a più basso livello di reddito.

Città medievali e demografia...

Pini Antonio I.
CLUEB 1996

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
La demografia storica medievale, al di là delle incertezze e delle insidie di cui è costellata, lascia trasparire la possibilità di cogliere nei loro momenti di intersezione quei nessi indispensabili che legano tra loro, oggi come nel passato, la consistenza numerica della popolazione e la sua continua dialettica interna (indici di natalità, crisi di mortalità, movimenti migratori, struttura della famiglia, ecc.) con le contemporanee situazioni economiche, realtà climatiche, strutture sociali, condizionamenti religiosi e culturali, progettualità politica, e così via. E' proprio in tale prospettiva "globale", che il dato demografico si assume il ruolo dell'indicatore principale per valutare complessivamente le fasi del processo storico.

I minori nei servizi demografici

Calvigioni Renzo
Maggioli Editore

Non disponibile

54,00 €
I minori, in quanto soggetti deboli ai quali l'ordinamento riconosce una particolare tutela, proprio per tale loro condizione provocano, quasi istintivamente, attenzione da parte degli operatori dei servizi demografici, che da sempre adottano comportamenti di grande cautela negli adempimenti che li riguardano. I frequenti interventi del legislatore e, di recente, l'abbondante giurisprudenza su aspetti particolarmente delicati e controversi, hanno reso il quadro giuridico sempre più complesso. Per questo si è ritenuto necessario realizzare una specifica guida per gli ufficiali di stato civile e di anagrafe, uno strumento operativo da utilizzare in presenza degli innumerevoli adempimenti e procedure che coinvolgano, appunto, i minori. Il libro è organizzato in tre distinte parti: le prime due, strettamente connesse allo stato civile, seguono il minore dalla nascita, affrontando tutte le problematiche relative alla filiazione, alla denuncia di nascita e formazione del relativo atto, al riconoscimento, alla trascrizione degli atti di nascita provenienti dall'estero, con particolare attenzione ai casi di filiazione da genitori dello stesso sesso e di maternità surrogata, alla disciplina del cognome, alle diverse forme di adozione ai limiti in materia matrimoniale e ai risvolti in tema di attribuzione ed acquisto della cittadinanza italiana. La terza parte esamina la situazione del minore dal punto di vista dell'anagrafe, in tutti gli aspetti connessi all'iscrizione anagrafica e alle problematiche risultanti dai rapporti con i genitori: dall'iscrizione per nascita, per immigrazione dall'estero o anche in attesa di adozione, fino al rilascio di certificazione, per poi analizzare le difficoltà relative all'identificazione del minore, al rilascio dei documenti di identità e di riconoscimento, senza dimenticare, ovviamente, i minori stranieri e le procedure che li riguardano. Dall'analisi della normativa di riferimento si passa all'approfondimento delle diverse fattispecie e all'esposizione delle singole ipotesi; si forniscono indicazioni sugli adempimenti da svolgere, sulle procedure da seguire e sui percorsi per la risoluzione delle problematiche quotidiane anche attraverso l'esemplificazioni di casi pratici.

Alto-Adige crocevia d'Europa. Al...

Aracne 2019

Non disponibile

13,00 €
Dopo la crisi economica del 2009 i flussi migratori in entrata, uscita e transito nel Belpaese sono radicalmente cambiati: siamo di fronte a un nuovo ciclo delle migrazioni? L'Alto Adige/Südtirol non solo conferma questa ipotesi, ma si posiziona al centro di diversi flussi migratori: un crocevia bolzanino nel crocevia italiano. Quale futuro per il patto di coesistenza tra vecchie e nuove minoranze quando nuovi flussi gradualmente cambiano i vecchi rapporti e ne creano di nuovi? Il volume affronta il tema fornendo un'approfondita analisi demografica e una riflessione sociologica sul cambiamento storico che gli altoatesini potrebbero trovarsi ad affrontare in un futuro non troppo lontano.

Fare figli in Sardegna

Breschi M.
Forum Edizioni 2018

Non disponibile

20,00 €
Ormai da un trentennio la Sardegna occupa alternativamente l'ultimo o il penultimo posto nella graduatoria delle regioni italiane come numero di figli per donna. L'approfondita indagine, riportata nei saggi raccolti in questo volume, sul fenomeno della procreazione nell'isola evidenzia che i comportamenti riproduttivi e familiari si stanno distaccando sempre più da quelli dell'area meridionale e della Sicilia, allineandosi invece a quelli delle regioni del Nord Italia. Nella pubblicazione si propongono i risultati di analisi delle statistiche ufficiali, nonché delle informazioni reperite tramite due ricerche ad hoc, condotte Cuna mediante indagini telefoniche standardizzate a un campione rappresentativo della popolazione sarda, l'altra attraverso dettagliate interviste ad entrambi i partner di trentuno coppie, che raccontano i diversi modi di intendere l'avere figli.

Alimentazione e qualità della vita...

Zajczyk Francesca
Franco Angeli 2018

Non disponibile

16,00 €
Nei Paesi economicamente più avanzati, il numero di anziani è in aumento e le proiezioni demografiche prevedono una loro ulteriore crescita, in particolare nei contesti urbani. Come esito dei processi di invecchiamento, la popolazione anziana sarà anche più eterogenea e gli anziani esprimeranno nuovi e differenti bisogni di cui le politiche di governo urbano e dei sistemi alimentari locali dovranno tenere conto al fine di migliorare la qualità della vita nelle società che invecchiano. Il cibo e l'alimentazione, infatti, sono elementi centrali del benessere psico-fisico, della partecipazione sociale e dell'identità degli individui. In quest'ottica, è fondamentale approfondire, attraverso studi e ricerche, le abitudini, i consumi alimentari, l'accessibilità e gli stili d'accesso al cibo degli "attuali" e dei "futuri" anziani in modo da supportare politiche del sistema alimentare locale in grado di promuovere il benessere a un livello intra e infra-generazionale. Il volume raccoglie contributi che da differenti prospettive e discipline (sociologia e scienze dell'alimentazione) affrontano il rapporto tra cibo, invecchiamento e qualità della vita. L'obiettivo è offrire, da un lato, una rassegna dei principali riferimenti teorici sul tema e, dall'altro, i risultati di alcune ricerche che nell'eterogeneità degli approcci e dei temi affrontati sono accomunate da un'attenzione al benessere alimentare in una prospettiva generazionale. Le ricerche hanno in comune anche l'essere state condotte a Milano. In questo senso, il volume si aggiunge alle altre eredità materiali e immateriali lasciate alla città da Expo 2015, un evento che ha saputo rimettere al centro del dibattito pubblico il cibo e il suo ruolo fondamentale per il benessere personale e la sostenibilità delle società urbane contemporanee.

La popolazione del Finale dal 1500...

Berruti Mario
2018

Non disponibile

10,00 €
Scopo di questo libro è lo studio dell'andamento della popolazione del Finalese dai primi anni del '500 fino all'Unità d'Italia (1861). L'indagine è stata condotta sulle borgate che facevano parte del Marchesato di Finale al di qua del Giogo, e comprende undici località: Varigotti, Finalpia, Calvisio, Finalmarina, Finalborgo, Perti, Gorra, Calice Ligure, Rialto, Feglino e Orco. Questo studio precede altra indagine, che sarà oggetto di una prossima pubblicazione, sull'emigrazione finalese, che studierà il fenomeno per le stesse località e per il medesimo periodo storico.

Regresso delle nascite. Morte dei...

Korherr Richard
AGA (Cusano Milanino) 2018

Non disponibile

16,00 €
A un dato momento la città cresce morbosamente, patologicamente, non, cioè, per virtù propria, ma per un apporto altrui. Più la città aumenta e si gonfia a metropoli, e più diventa infeconda. La progressiva sterilità dei cittadini è in relazione diretta coll'aumento rapidamente mostruoso della città. Berlino che in un secolo è passata, da centomila, a oltre quattro milioni di abitanti, è, oggi, la città più sterile del mondo. Essa ha il primato del più basso quoziente di natalità non più compensato dalla diminuzione delle morti. La metropoli cresce, attirando verso di sé la popolazione della campagna, la quale, però, appena inurbata, diventa - al pari della preesistente popolazione - infeconda. Si fa il deserto nei campi; ma quando il deserto estende le sue plaghe abbandonate e bruciate, la metropoli è presa alla gola: né i suoi commerci, né le sue industrie, né i suoi oceani di pietre e di cemento armato, possono ristabilire l'equilibrio oramai irreparabilmente spezzato: è la catastrofe. La città muore, la nazione - senza più le linfe vitali della giovinezza delle nuove generazioni non può più resistere.

I limiti alla crescita. Rapporto...

Meadows Donella H.
Lu.Ce 2018

Non disponibile

12,00 €
Per invito del Club di Roma, il System Dynamics Group del MIT ha svolto una ricerca, le cui conclusioni sono esposte in questo rapporto, per simulare in un modello matematico globale, con l'impiego di computer, le tendenze e le interazioni di un certo numero di fattori dai quali dipende la sorte della società nel suo insieme: l'aumento della popolazione, la disponibilità di cibo, le riserve e i consumi di materie prime, lo sviluppo industriale, l'inquinamento. Lo studio del MIT si propone di definire chiaramente i limiti fisici e le costrizioni relative alla crescita demografica e all'attività materiale dell'umanità sul nostro pianeta. La riedizione di questo testo - noto nel 1972 come "I limiti dello sviluppo" - ha lo scopo di mostrare il grado di accuratezza con cui lo studio venne condotto e le conclusioni cui giunse, vere e urgenti oggi più di allora. Prefazione di Aurelio Peccei e Alexander Stefes.

Agenda dei servizi demografici...

Minardi Romano
Maggioli Editore 2018

Non disponibile

70,00 €
Strumento di lavoro quotidiano per gli operatori dei servizi demografici che comprende: diario giornaliero per le annotazioni lavorative; scadenzario degli adempimenti di anagrafe, stato civile, elettorale e leva; dati e notizie ANUSCA (statuto, organi associativi, corsi, indirizzi...); vademecum normativo suddiviso per argomenti, con tutta la normativa di utile riferimento, integrata dalla prassi ufficiale e da pratici schemi e tabelle riassuntive. Sezioni: stato civile, adozione, cittadinanza, matrimonio, anagrafe, aire, stranieri, comunitari, documenti di identità, documentazione amministrativa, privacy, elettorale, imposta di bollo. Completa l'opera un vero e proprio "Codice elettronico dei servizi demografici", la raccolta completa e aggiornata di tutte le norme d'interesse per i servizi demografici, contenuto nella chiavetta USB allegata.

La standardizzazione dei tassi...

Maccheroni Carlo
Pathos Edizioni 2018

Non disponibile

15,00 €
In campo demografico, della statistica medica e sociale, ma anche in altre discipline, si presenta frequentemente la necessità di effettuare confronti fra risultati relativi a fenomeni prodotti da popolazioni, utilizzando indicatori sintetici. Fra questi il tasso grezzo è sicuramente quello più noto, semplice da calcolare, e fornisce l'incidenza dell'evento studiato sulla popolazione nel suo complesso. Purtroppo, nel caso in esame, non sempre la semplicità si combina con l'affidabilità in quanto il tasso grezzo "sorvola" sulla/sulle caratteristiche della popolazione che influenzano il verificarsi di determinati eventi e questo è un problema non banale: se le popolazioni a confronto risultano eterogenee rispetto alla principale caratteristica che influisce sul verificarsi degli eventi, i risultati dei tassi grezzi terranno conto anche delle differenze tra i ruoli di questa caratteristica nelle popolazioni.

Linguaggi e formazione informatica....

Schirru Marco
CUEC Editrice 2018

Non disponibile

22,00 €
Tra le pagine si intuisce la sintesi storica di un percorso esistenziale e scientifico disegnato entro l'articolazione dei singoli contributi. Momenti di riflessione e di ricerca scientifica armonizzati dall'impostazione ipertestuale, che realizza piani di ricerca spazio-temporali trasversali, in una visione demografica che tutto abbraccia, costituendo il collettivo dei protagonismi critici da cui far muovere e osservare la Storia. Forma che permette al contenuto di proiettarsi sullo sfondo di una visione storica, esistenziale, socio-economica e politica, in cui dovrebbe prevalere senza riserve l'attenzione alla persona, sollecitata a osservare per capire e illuminare con competenza e pensiero critico il cammino della propria vita. Vita vissuta con intelligenza perché ciascuno è parte significativa di un sistema, funzionante e positivo finché tende a realizzare il bene comune e finché non lascia spazio a egemonie e a privilegi anche di natura politica, ma premia l'etica dell'intelligenza e del progresso sociale e culturale. Questo lavoro traccia quei percorsi ipertestuali e quelle metodologie di ricerca, rappresentate nell'articolazione dei contributi presenti in questo impegno.

La popolazione dell'Umbria nei...

Bussini Odoardo
Morlacchi 2018

Non disponibile

14,00 €
Si presenta qui una ricostruzione dell'evoluzione della popolazione dell'Umbria - ai confini attuali - fino al termine del secolo XIX, con l'obiettivo di ampliare la conoscenza dei meccanismi demografici del passato, come è noto assai diversi rispetto a quelli delle popolazioni contemporanee. Nonostante la quantità di dati disponibili e rilevati in occasione di precedenti ricerche non si raggiungeva un'adeguata copertura dell'insieme regionale; perciò si è deciso di ripiegare su un'area più piccola ritenuta rappresentativa: il territorio della diocesi di Perugia, per il quale si avevano più numerosi dati disponibili e fonti ecclesiastiche certe. Si tratta di una realtà molto consistente: al censimento pontificio del 1853 comprendeva oltre il 36% della popolazione della Provincia e presentava struttura economica e contesto ambientale simili a quelli di altre zone dell'Umbria.

Popolazione in età scolastica e...

Cicogna Veronica
Aracne 2018

Non disponibile

10,00 €
Il volume analizza la distribuzione degli alunni stranieri nel Comune di Verona, disaggregato per quartiere, per comprendere la relazione fra gli stranieri in età scolastica residenti e gli stranieri che frequentano le scuole. L'analisi è riferita all'anno 2015 per i residenti e all'anno scolastico 2015/2016 per gli alunni, limitandosi alla fascia di età tre-tredici anni. Si determinano alcuni indicatori demografici caratterizzanti il singolo quartiere, quindi si applica un'analisi dei gruppi ai quartieri del Comune di Verona per individuare similitudini e differenze.