ARCHEOLOGIA

Filtri attivi

Il soldato del Lèmerle. Un mistero...

Dalle Fusine Giovanni
Polistampa

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Le riprese per un documentario storico portano alla luce nell'estate del 2015 il cranio e alcune ossa di un soldato. Al secolo di abbandono nei boschi di una località turistica montana, si sommano mesi di dimenticanza delle istituzioni e degli enti preposti alla memoria di tanti eroi per caso, sepolti tra le linee dell'ex fronte. Il finanziamento di un privato cittadino, sensibile all'inutile strage di inizio secolo scorso, restituisce i dovuti onori ai resti mortali, che ora riposano nel sacrario militare di Asiago. Ma il recupero di un così importante pezzo di storia nazionale non si è concluso solamente con due cassettine in zinco avvolte nel tricolore e l'eco del Silenzio in un uggioso 4 novembre. Ciò che è stato finalmente sottratto all'oblio di un'abetaia, potrebbe avere un'identità...

Egitto. La straordinaria scoperta...

Zuffi S.
24 Ore Cultura

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Egitto, Valle dei Re, 1898. L'archeologo Victor Loret riporta alla luce il sarcofago di Amenofi II, sovrano appartenente alla XVIII dinastia, rinvenuto all'interno di una maestosa sala a pilastri in compagnia di altre mummie regali, tra cui quelle della madre e della nonna di Tutankhamon. La mostra e il catalogo ad essa affiancato raccontano la vita di Amenofi II, dei suoi familiari e della società del suo tempo, dalla vita quotidiana al contesto geografico, dalle campagne militari alle credenze religiose... Completano il volume riproduzioni di decorazioni parietali di tombe private, che, a differenza di quelle reali, presentano anche scene di vita quotidiana, la cui bellezza e vivacità ne fa dei veri e proprio capolavori senza tempo.

L'incredibile storia dei faraoni

Barandoni Cristiana
Newton Compton

Disponibile in 3 giorni  
ARCHEOLOGIA

12,00 €
441 faraoni per una storia millenaria, che va dal 2920 al 30 a.C.: questa è la portata di una civiltà complessa come quella egizia. Un periodo lunghissimo che va da quello che è chiamato generalmente Periodo Protodinastico all'ultimo periodo, corrispondente all'epoca greca e romana, terminato con la fine dell'ultima dinastia, quella Tolemaica della famosa Cleopatra. Ma chi erano realmente i faraoni? Quali erano le loro effettive mansioni, cosa sapeva di loro il popolo e cosa lasciavano conoscere di se stessi agli altri? Ritenuti divinità così sacre da non poter essere guardate in volto, che cosa facevano all'ombra dei loro giganteschi palazzi reali? Partendo dalle cosiddette Liste Reali, conosceremo la vita e le opere di alcuni tra i 200 faraoni in esse menzionati. Dal faraone Narmer alla regina che fece battere il cuore ai Romani, si susseguono vicende personali mescolate a vicende storiche; periodi che videro avvicendarsi addirittura 70 faraoni in meno di 100 anni, a periodi di grande tranquillità come il Nuovo Regno, epoca d'oro, nella quale 15 sovrani provenienti da Tebe trasformarono letteralmente il volto dell'Egitto. Un viaggio nella storia lungo quasi 5000 anni, per raccontare alcuni degli episodi più significativi della storia egizia attraverso gli occhi di chi ne determinò l'andamento.

I Brettii

Guzzo Pier Giovanni
Rubbettino

Disponibile in 3 giorni

15,00 €

Archeologia e animali. La...

Di Gerio Michele
Guida 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il libro, le cui fonti sono le opere di autori di lingua greca e latina, è strutturato in tre capitoli: Allevamento, Produzione e Sacro. In ognuno di essi i paragrafi trattano argomenti a sé stanti, seguendo un ordine essenzialmente cronologico. Diverse specie animali, terrestri ed acquatiche, sono annoverate nel capitolo riguardante l'Allevamento. Tale pratica, intrapresa nel Neolitico, fu determinante per il cambiamento della storia dell'uomo e presso antiche popolazioni mediterranee sosteneva l'economia di piccole comunità e popolazioni. La storia dei sanniti, ad esempio, è legata all'allevamento ovino e alla transumanza. I romani crescevano ed educavano il cane come animale d'affezione in ambito domestico, e le modeste conoscenze di medicina veterinaria supportavano la crescita dei cuccioli e la cura dei soggetti adulti. È stata esposta, nel capitolo sulla Produzione, l'importanza avuta da alcuni animali per la produzione di carni conservate, miele e garum. La pesca, poi, necessaria alla produzione di pesce salato, era praticata da molti abitanti di Ercolano. Grazie agli asini che azionavano le macine, il cui movimento rotatorio triturava il grano, veniva prodotta la farina. La cattura dei grandi animali selvatici nei territori africani e asiatici, utilizzati negli anfiteatri nel corso dei ludi, rappresentava una notevole fonte di reddito. Nel capitolo pertinente il Sacro, infine, viene delineato il ruolo di alcune specie animali nelle credenze di antichi popoli. Fin dal Paleolitico, infatti, la figura degli animali appariva imperscrutabile e divina. Nella religione egizia il gatto era adorato e imbalsamato come pure il toro che, dopo l'imbalsamazione, era posto in grandi sarcofaghi murati in nicchie. La capra, nella tradizione religiosa greca e romana, godeva di una certa sacralità.

Rassegna di archeologia (2018)....

Tagete 2019

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
Rivista di archeologia che contiene gli atti di due convegni: Le monete degli Etruschi a 42 anni dal convegno di Napoli (Populonia 6-7 ottobre 2017) Marciana: un passato al futuro. Paesaggi della prosperità e della paura nell'Elba occidentale (Marciana, 4-5 novembre 2017).

Acqua, Islam e arte. Goccia a...

Silvana 2019

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Tra l'acqua e il mondo islamico esiste un rapporto intimo e antico, che le ragioni climatiche possono spiegare solo in parte. Vi è infatti alla base un'eredità di tradizioni e civiltà, un senso religioso profondo, complesse ragioni sociali e culturali. L'acqua appartiene ai nostri sogni più profondi, evoca la maternità, la pulizia, la purezza, la sensualità, la nascita e la morte. E se questo vale naturalmente per ogni civiltà, nell'Islam tali idee hanno trovato un senso più profondo, facendo dell'acqua un fulcro tanto spirituale quanto sociale ed estetico. L'acqua è stata domata con i qanat, resa rito con i hammam, venerata come dono celeste e temuta come castigo divino. A partire dalle affermazioni del Corano e della letteratura successiva, il volume illustra lo sviluppo storico dei tanti ruoli e significati ricoperti dall'acqua e la sua rappresentazione nell'arte e nei manufatti islamici: non solo arredi, suppellettili, libri, miniature, ma anche le grandi opere di canalizzazione siriane, i giardini di Spagna e i bagni di Istanbul. Un racconto in cui si intrecciano vita quotidiana, arte e tecnologia, in grado di offrire al lettore un approccio originale alla millenaria cultura islamica.

Dalla terra alla storia. Scoperte...

Matthiae Paolo
Einaudi 2018

Disponibile in 3 giorni  
ARCHEOLOGIA

48,00 €
L'appassionante racconto delle campagne archeologiche dell'antico Oriente da metà Ottocento a oggi, dalla decifrazione delle due scritture più antiche dell'umanità alle prime epiche imprese alla ricerca di Ninive, alle grandi scoperte nella Valle dei Re a Tebe, da Ebla, Qatna e Aleppo in Siria a Nimrud e Sippar in Mesopotamia, a Troia e Hattusa in Anatolia, ad Abido e Amarna in Egitto, fino a Gerusalemme in Palestina.

Lezioni di immortalità. La vita,...

Cruciani Flaminia
Mondadori 2018

Disponibile in libreria  
ARCHEOLOGIA

18,00 €
«L'archeologia è più affine alla poesia di quanto possiamo immaginare, si tratta in entrambi i casi di svelamenti, perché in un frammento si svela il mistero delle domande che ci abitano da sempre.» Flaminia Cruciani, poetessa e archeologa, ha fatto parte per diversi anni della Missione archeologica italiana a Ebla, in Siria. Con Ebla «gli italiani hanno scoperto una nuova lingua, una nuova cultura e una nuova storia» ha affermato Ignace J. Gelb, uno dei maggiori assiriologi americani del Novecento. Questo libro però non è un manuale di archeologia, e non è neppure un diario di viaggio o di avventure. È il racconto sincero e appassionato della più bella lezione di immortalità che Flaminia Cruciani abbia ricevuto dalla vita: l'archeologia in quella terra millenaria che è la Siria con la sua straordinaria gente. Dalla preparazione del viaggio all'organizzazione delle attività di scavo, dal rapporto con la popolazione locale alle numerose difficoltà della vita nel deserto, grazie a un linguaggio poetico e fortemente evocativo, l'autrice ci restituisce l'emozione di un lavoro tanto affascinante. L'archeologo è un investigatore, nella ricerca sul campo indaga, procede all'indietro rispetto alla direzione del tempo per resuscitare, fra stratificazioni, un passato perduto. Se l'antico sopravvive attraverso le rovine, che sono l'opera d'arte della natura, e attraverso i reperti, l'archeologia forse è il momento supremo, il kairos, dell'immortalità. «Mi è sembrato importante scrivere questo libro adesso, perché l'archeologia è l'unico modo di comprendere il presente. Per non dimenticare la Siria, terra di prodigi originari.» Un racconto ricco di pathos, che riguarda ognuno di noi, dove l'attenzione è posta sulle nostre radici. Flaminia Cruciani ci ricorda infatti che nel Vicino Oriente sono nati i miti più antichi, come la "Saga di Gilgames", la prima riflessione della storia sul tema dell'immortalità, in cui all'eroe viene svelato il segreto della «pianta dell'eterna giovinezza». Che ancora oggi, dopo oltre quattromila anni, l'uomo non si è stancato di ricercare. Per i mesopotamici il tempo passato figurativamente era ciò che stava di fronte, mentre il futuro era dietro le spalle. «Con questo libro» scrive Flaminia Cruciani «voglio restituirvi un tempo ritrovato , giovane, che inventa la vita.»

Antichi astronauti in Sudamerica....

Sarpa Filippo
XPublishing 2018

Disponibile in 3 giorni

18,90 €
Maestose costruzioni megalitiche dalla perfezione tecnica sconcertante. Enormi porte scolpite nella roccia, considerate dalla mitologia indigena gli antichi portali dimensionali degli dei. Enigmatici geoglifi dalle geometrie impeccabili che si estendono per centinaia di metri, tracciati nel bel mezzo del deserto per scopi ancora sconosciuti ed apprezzabili soltanto dall'altezza di un volo aereo. È possibile che la storia dell'umanità come la conosciamo oggi presenti delle gravi lacune? Secondo i teorici degli "Antichi astronauti" si tratterebbe delle inequivocabili tracce della visita di antiche civiltà extraterrestri sul nostro pianeta in tempi remoti. L'ipotesi di non essere soli nell'Universo, resa sempre più popolare ed effettivamente indagabile grazie allo straordinario progresso sul piano scientifico e tecnologico conosciuto nel corso del ventesimo secolo, ha acquisito dal secondo dopoguerra in avanti una rilevanza sociale notevole. Coraggiosi scienziati d'avanguardia, ricercatori, giornalisti, scrittori, artisti o semplici appassionati dai diversi background culturali hanno iniziato a mettere in discussione i dogmi sull'antropogenesi imposti non soltanto dalle tradizioni religiose ma anche e soprattutto dalla scienza accademicamente riconosciuta. Una terza via inizia a frapporsi tra un homo sapiens discendente dai primati per evoluzione naturale e un essere umano creato ad immagine e somiglianza di un Dio trascendente. Una terza via che ritiene effettivamente plausibile l'esistenza nell'universo di civiltà di gran lunga più avanzate degli esseri umani, giunte sul nostro pianeta in epoche remote ad apportare un contributo determinante al nostro percorso evolutivo sul piano culturale, tecnologico, sociale, nonché biologico. Creature che avrebbero lasciato evidenti tracce del loro passaggio e del loro operato in tutto il globo, in attesa di essere opportunamente interpretate e studiate. Prefazione di Mauro Biglino.

La forma (dis)continua dell'antico....

Barbieri Chiara
CLEAN 2018

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il rapporto tra preesistenze e progetto è un tema che torna costantemente nella pratica e nella teoria dell'architettura e richiede sensibilità e strumenti ancora più sofisticati laddove si tratta di intervenire in contesti archeologici. Qui l'individualità dei casi prende spesso il sopravvento sui caratteri di ricorrenza, sulle regole e sui metodi che possono essere ricavati dall'esperienza per far sì che i reperti del passato non siano più solo delle preziose testimonianze da salvaguardare e far conoscere, ma diventino anche nuove forme d'architettura per la contemporaneità. In questa direzione il libro propone alcune riflessioni che, ponendo in primo piano il valore dei reperti antichi come testi e come forme di comunicazione fra passato e presente, siano utili per delineare un percorso di sperimentazione progettuale attraverso l'interpretazione, la risemantizzazione e l'integrazione dei siti archeologici nella realtà contemporanea. Gli elementi di affinità con altre discipline, come la semiologia, lo studio dei segni e le esperienze delle arti figurative che hanno già sperimentato con successo l'uso creativo di elementi residuali - temi sui quali il testo raccoglie anche i punti di vista di tre protagonisti dell'archeologia campana, Antonio De Simone, Giuliana Tocco Sciarellì e Maria Tommasa Granese - lascia intravedere l'utilità che un approccio di questo tipo può avere sulla messa a punto di strategie d'intervento efficaci e specifiche del progetto per l'archeologia.

Guida archeologica della Calabria...

Mollo Fabrizio
Rubbettino 2018

Disponibile in 3 giorni

19,50 €
La Calabria, terra aspra, varia e multiforme, posta al centro del Mediterraneo, caratterizzata da diversità strutturali e culturali, è raccontata in questo volume, che vuole tracciare la storia della presenza umana a partire dalle fasi pre e protostoriche, sino all'arrivo dei Greci e al loro incontrarsi con gli indigeni, gli enotri, e poi in epoca ellenistica la discesa delle popolazioni italiche dei lucani e dei brettii e infine la presenza dei romani sino alla fase tardoantica e all'altomedioevo. Il volume narra nella prima parte, utilizzando le fonti letterarie e soprattutto la documentazione archeologica, le vicende storiche della regione, non prescindendo da un suo quadro ambientale e geografico. La seconda parte illustra, in forma di itinerari, i principali contesti archeologici della regione, le poleis, i centri romani e indigeni, ma anche le chorai, i territori, cercando di delinearne la storia e le principali vicende, la forma urbana, le strutture pubbliche e quelle private, i luoghi di culto, le aree funerarie, le forme di occupazione del territorio attraverso differenti tipologie di insediamenti, i principali contesti di materiali. Gli itinerari, in tutto tredici, sono organizzati secondo una scansione che coniuga, per quanto possibile, l'unitarietà geografica e territoriale con lo sviluppo di insediamenti che tra loro presentano un'omogeneità culturale. Essi, inoltre, offrono una descrizione, puntuale e aggiornata, anche di tutte le aree visitabili, i parchi archeologici, i siti e i principali monumenti, ma anche dei relativi musei, con la presentazione delle collezioni e dei reperti di maggior pregio e interesse. Si tratta di un agevole ma completo strumento, corredato da un ricco apparato grafico e fotografico e da un'ampia e aggiornatissima bibliografia, indirizzato ai turisti che vogliono scoprire le bellezze della Calabria, ai cultori dell'antico, agli archeologi e ai giovani studenti universitari, ma soprattutto rivolto ai calabresi, che tutti dovrebbero leggere per riappropriarsi consapevolmente del loro importante passato.

Tazza Farnese. Ediz. illustrata

Sampaolo V.
5 Continents Editions 2018

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
Poche altre opere del Museo Archeologico Nazionale di Napoli rispondono alla definizione della collana «Tesori nascosti» quanto la Tazza Farnese, al centro di questo nuovo volume. Il più grande vaso in pietra dura lavorata a rilievo ci è giunto dal mondo antico attraverso un cammino lungo secoli durante i quali, con ogni verosimiglianza, non è mai finito sottoterra: da Alessandria d'Egitto a Roma, a Costantinopoli per tornare a Roma nel XV secolo dove lo acquistò quel finissimo intenditore d'arte che fu Lorenzo de' Medici, passando poi dalla sua collezione a quella Farnese, penultima tappa prima di fermarsi nelle raccolte dell'Archeologico. A questa intrigante storia di passaggi da una corte all'altra la Tazza Farnese unisce quella non definitivamente risolta dell'interpretazione della scena raffigurata al suo interno, spiegata in più modi e ancora argomento di nuove precisazioni. L'abilissimo lavoro di incisione, che ha sfruttato tutte le variazioni di colore dell'agata sardonica, ha consentito di mettere in risalto le figure dei personaggi interni e il volto terrificante della Gorgone sull'esterno.

Ti presento un museo. Archeologia,...

Edizioni Efesto 2018

Disponibile in 3 giorni

22,50 €
I musei archeologici nascono originariamente come collezioni di opere d'arte antica. Oggi sappiamo che il loro obiettivo consiste piuttosto nella esposizione dei risultati delle ricerche storiche in senso lato, attraverso le quali la crescita delle conoscenze si diffonde nell'arena sociale. I musei archeologici sono quindi essenzialmente musei di storia, che parlano attraverso i manufatti, artistici e non, e ne propongono le mutevoli interpretazioni. Sono dunque luoghi dove le 'cose' raccontano le vicende del rapporto continuo tra le civiltà che si sono succedute e gli ambienti nei quali hanno vissuto. Insomma, un museo archeologico dovrebbe essere innanzitutto un luogo che stimola la mente del visitatore e lo aiuta a percepire criticamente, partendo dagli oggetti, la nostra condizione umana di abitatori pro tempore di uno spazio geografico colto nella sua dimensione temporale. (Dall'introduzione di Daniele Manacorda)

Firenze e Gerusalemme. Speranze di...

Bandini Francesco
Altralinea 2018

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
«Nel presente volume sono raccolti articoli e saggi critici che ho pubblicato sulla rivista "Il Governo delle idee" in un vasto arco di tempo che spazia dall'ottobre 2009 al dicembre 2018 e che raccolgono contributi di archeologia intercalati ad alcuni saggi di antropologia e di etica, alcuni dei quali tratti anche da miei volumi, quali "Al di là del Giordano" (1999) e ancora "Dall'Ararat alle sorgenti del Nilo Azzurro" (2002), con le significative riflessioni degli storici Franco Cardini e Alessandro Parronchi, del poeta Mario Luzi e del biblista Giancarlo Setti. Un insieme di contributi e testimonianze che potrebbe sembrare un lavoro unitario: da qui l'idea di raccoglierli in un libro, come insieme di pensieri sviluppatisi logicamente e retti da un'idea generale. Dal mito alla storia dunque, con l'attenzione sugli aspetti della ricerca sull'uomo sia anatomo-fisiologici che comportamentali; con particolare riguardo all'ambiente e alla società.» (L'autore)

Enigma Nefertiti. Il più grande...

Quilici Brando
Mondadori 2017

Disponibile in libreria  
ARCHEOLOGIA

20,00 €
Tombe reali di Amarna, Egitto. Il fascio luminoso della torcia accarezza la parete grezza. «Nefertiti avrebbe dovuto trovarsi qui» borbotta Zahi Hawass davanti al loculo scavato nell'arenaria, desolatamente vuoto, aggrottando le sopracciglia cespugliose. «Invece non c'è proprio nulla.» La Regina del Nilo è scomparsa senza lasciare tracce. Dopo oltre tremila anni il suo corpo non è stato ancora rinvenuto. Di lei ci resta il magnifico busto di pietra con la corona blu, conservato a Berlino, ideale di bellezza femminile. «Signora della gioia, piena d'amore», Nefertiti era adorata dal popolo, moglie amatissima del faraone «eretico» Akhenaton - che nel XIV secolo a.C. sfidò i potenti sacerdoti di Tebe e si votò al culto dell'unico dio Aton, il Sole -, con lui fondò la città di Amarna, nel cuore del deserto, e alla sua morte salì forse al trono come un vero faraone, con il nome di Smenkhara. L'affascinante ed enigmatica sovrana rimane però uno dei tanti misteri ancora sepolti sotto le sabbie dell'Egitto, forse il più avvincente: dov'è la sua tomba? In molti l'hanno cercata, senza successo. L'ultimo in ordine di tempo è l'archeologo britannico Nicholas Reeves, secondo cui la regina delle regine giace in una cripta segreta nella Valle dei Re, dentro la tomba del figliastro Tutankhamon, il Faraone d'oro, nascosta dietro una parete con il suo favoloso tesoro... L'archeologo Zahi Hawass e il regista Brando Quilici, ci raccontano l'avventura archeologica sulle tracce di Nefertiti intervallandola con aneddoti di viaggio e di avventure sottoterra tra mummie, pipistrelli, serpenti «importuni» e germi letali. Per «braccare» la Bella del Nilo viene schierato un vero arsenale tecnologico, anche se, come sostiene Hawass, «un radar da solo non ha mai scoperto niente in Egitto»: servono l'esperienza e il fiuto dell'archeologo, più una buona dose di fortuna. «Nefertiti, se ci sei, stiamo arrivando.»

Fanum Fortunae e il culto della dea...

Mei O.
Marsilio 2017

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
È molto significativo che la città di Fano abbia voluto dedicare alla memoria di Mario Luni un congresso di archeologia dedicato al municipio romano, alla cui riscoperta l'insigne studioso aveva orientato parte della sua attività scientifica, consacrata, come è noto, in prevalenza a Cirene e alla Cirenaica e al tratto finale della Via Flaminia, dal Passo della Scheggia ad Ariminum. Fondamentali infatti sono stati i suoi studi relativi alla cinta muraria di Fanum Fortunae, alla storia della ricerca archeologica sul municipio romano e alla sua urbanistica e architettura, confluiti in anni recenti nel volume Studi su "FanumFortunae", imprescindibile riferimento bibliografico per ogni futura indagine sulla città. Il convegno, particolarmente stimolante, ha fatto il punto sulle ricerche dedicate alla dea Fortuna e al suo rapporto con la città di Fano, con particolare riguardo agli eventi che possono aver determinato la nascita del famoso santuario e alle ipotesi sulla sua ubicazione." (Dall'Introduzione di Valerio Massimo Manfredi)

Dalla preistoria agli etruschi....

Conti Alberto
C&P Adver Effigi 2017

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Il libro si propone come guida ad un vasto tema: le origini della civiltà nell'Italia antica, partendo dalle prime testimonianze del paleolitico, fino all'età storica degli Etruschi. Al fine di offrire un completo e sintetico quadro d'insieme, si sono utilizzati dati e notizie di diverse discipline: storia, archeologia, storia delle religioni, geologia e altro ancora. Allo stesso tempo si sono voluti confrontare gli sviluppi della civiltà nel Vicino Oriente e nell'Antica Europa, con quanto avvenuto nella penisola italiana, per fornire una panoramica complessiva delle antiche ere e civiltà. Il ricco quadro storico che ne consegue ha, quale tema centrale, il continuo processo di incontro e scontro tra civiltà, tra Oriente e Occidente, dinamica che ancora oggi continua a riproporsi, sebbene in forme diverse.

L'epopea di Gilgamesh. Le gesta del...

Pincherle Mario
Melchisedek 2016

Disponibile in 3 giorni

14,50 €
Mario Pincherle, archeologo, scienziato e poeta, commenta il racconto mitologico, più antico dell'Iliade, sull'amicizia tra uomini e dèi, all'inizio della nostra civiltà. L'epopea di Gilgamesh si rivela un testo incredibilmente attuale, per i temi che tratta, per la ricerca dell'immortalità, la confusione tra male e bene, il maschile e il femminile, l'eterna lotta tra "spirito" (il perfetto) e "anima" (l'imperfetto).

Impronte degli dei

Hancock Graham
TEA 2016

Disponibile in libreria  
ARCHEOLOGIA ESOTERICA

16,00 €
In questo saggio di ampio respiro Graham Hancock tenta di mettere ordine nel caos della preistoria del genere umano. Partendo da antiche testimonianze di numerose popolazioni - la Grande Sfinge d'Egitto, i misteriosi templi andini di Tihuanaco, le gigantesche linee Nazca del Perù, le imponenti piramidi del Sole e della Luna del Messico - e mettendoli a confronto da un lato con i miti e le leggende universali, dall'altro con lo studio di mappe risalenti a tempi remoti, lo studioso ipotizza l'esistenza di un popolo dotato di un'intelligenza superiore, in possesso di sofisticate tecnologie e dettagliate conoscenze scientifiche, le cui "impronte", però, vennero del tutto cancellate da una catastrofe d'immani proporzioni. Rispondendo a domande cariche di mistero, Hancock riesce a costruire un percorso geografico, archeologico e temporale che possiede il fascino della migliore divulgazione scientifica.

Archeologia delle identità e delle...

Cuozzo Mariassunta
Carocci 2013

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Cosa si intende quando si parla di identità e differenze nell'indagine archeologica sulle genti del passato? Il testo descrive il contributo dell'archeologia a tematiche di scottante attualità connesse alla definizione delle identità di genere, di età, alle differenze culturali ed etniche, raccontando la storia della "gender archaeology", un indirizzo di studio scaturito nei paesi anglofoni dall'incontro tra l'archeologia teorica, i movimenti femministi e alcune agguerrite minoranze etniche.

Il mito europeo. Le culture che ci...

Padovan Gianluca
Ritter 2012

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Il mito europeo è il potente sussurro di una cultura stabile, poliedrica e versatile. L'essere umano si è mosso nel tempo, al di là del proprio luogo di nascita, molto più di quello che noi si possa immaginare guardandolo dall'alto in basso a cavallo dei motori a scoppio. In questo "quaderno degli appunti" si esprime un pensiero sull'irradiamento delle genti europee negli altri continenti, fin dagli albori della storia. Il popolo europeo deve ritrovare la consapevolezza della propria divinità spirituale, innanzitutto riconoscendo il percorso culturale attraverso il tempo terrestre. Il triplice triangolo, qui rappresentato, è il cosiddetto Cuore di Odino. Indica una direzione, o meglio il triplice intento nella medesima direzione. È un simbolo di stabilità, di potenza e di vittoria, nonché uno scudo a difesa delle energie negative. Potrebbe anche essere inteso come la tripartizione delle potenze divine ed umane e i continenti europeo, asiatico e africano, identificando la cosiddetta "età di mezzo". Età che deve concludersi con la vittoria delle energie positive, passando attraverso la conoscenza di chi noi siamo stati.

Archeologia preventiva. Esperienze...

Nava M. L.
Osanna Edizioni 2011

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
Dal 2005, quando per la prima volta vengono emanate disposizioni legislative concernenti l'Archeologia preventiva, si è sviluppato un ampio e articolato dibattito tra operatori di due ambiti apparentemente lontani, ovvero il Ministero per i Beni e le Attiv

Tecniche dello scavo archeologico

Barker Philip
Longanesi 2010

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Philip Barker ha legato il suo nome di archeologo sul campo a due grandi imprese di scavo: l'esplorazione sistematica della città romana a Wroxeter e quella del sito medievale di Hen Domen. Questi scavi estensivi, di lunga durata, sono il laboratorio nel quale ha continuato ad affinare il metodo dell'archeologia da campo in un contatto diretto con il terreno, al riparo dal tecnicismo e da ogni sorta di impostazione dottrinaria, secondo la miglior tradizione dell'empirismo anglosassone. Un impegno costante, al quale si è sempre unito quello di trasmettere le proprie conoscenze teoriche e pratiche agli archeologi di professione (in particolare giovani) e agli amatori, indicando l'approccio più adatto ai diversi livelli di un'equipe di scavo. Così Hen Domen si è trasformato in una scuola dove si apprende sistematicamente l'intero ciclo dell'attività sul terreno, dallo scavo stratigrafico al rilevamento e alla schedatura dei materiali. Mentre Wroxeter è diventato il referente obbligato per chi voglia organizzare lo scavo estensivo di un contesto urbano, riducendo entro limiti trascurabili lo spreco di forze. Il libro è il condensato di questa lunga e concreta esperienza: esso guida per mano - con la stessa puntigliosità del suo autore nel cantiere - chi si accosta all'archeologia da campo, accompagnandolo attraverso tutte le fasi dello scavo e della documentazione.

Ceramica attica da santuari della...

Fortunelli S.
Osanna Edizioni 2010

Disponibile in 3 giorni

60,00 €
L'esame speciale e sostanzialmente mai spinto in profondità relativo alla ceramica più pregiata del mondo antico, quella attica; in particolare la descrizione della circolazione di quelle ceramiche che raggiunsero i santuari della Grecia, della Ionia e del

Taklamakan. La grande caccia al...

Roubaix Marc
Exòrma 2010

Disponibile in 3 giorni

14,50 €
Il più spaventoso dei deserti, il Taklamakan: "la terra della morte" nasconde un grande tesoro archeologico. Dai primi ritrovamenti casuali, la febbre della scoperta cominciò a salire e ai primi del '900 si scatenò una corsa frenetica verso l'Asia centrale, nel Turfan, nel Kansu, lungo la Via della Seta. Una gara per arrivare primi e razziare di più. Fu la più grande, avventurosa e temeraria "caccia al tesoro" di tutta la storia dell'archeologia. protagonisti: lo svedese Sven Hedin, l'anglo-ungherese Aurel Stein, il tedesco von Le Coq, il francese Paul Pelliot, il giapponese conte Otani, l'americano Langdon Warner.

Vico Wallari. San Genesio. Ricerca...

Salvestrini F.
Firenze University Press 2010

Disponibile in 3 giorni

17,50 €
Il volume raccoglie le relazioni presentate nel corso della giornata di studio tenutasi a San Miniato il primo dicembre 2007, dedicata all'indagine storiografica e ad un bilancio della lunga ricerca archeologica condotte sul sito di San Genesio nel Valdarno inferiore, villaggio che ebbe continuità insediativa dall'Antichità al pieno Duecento e che venne definitivamente abbandonato a seguito di una violenta distruzione da parte degli abitanti della vicina San Miniato al Tedesco. La località è nota dalle fonti scritte per alcune assemblee e incontri politici ad alto livello ivi tenutisi fra XI e XII secolo, incontri destinati a svolgere un ruolo significativo nel più ampio contesto della Toscana comunale. L'abitato è stato riportato alla luce nel corso di una quasi decennale campagna di scavo che ha fornito risultati di grande rilievo, tali da farne un interessantissimo case-study. Il volume si pone come momento di confronto fra metodologia storica e archeologica ed ha l'ambizione di evidenziare la grande utilità della collaborazione interdisciplinare sul terreno di realtà campione particolarmente propizie. Nel contempo esso fornisce un primo quadro complessivo circa la storia di un centro abbandonato ma dal passato ricco ed eccezionalmente documentato, proponendo un punto di riferimento per altre analoghe indagini destinate a far luce sulle vicende politiche, sulle istituzioni eclcesiastiche e sulle dinamiche del popolamento nell'Italia medievale.

Il cielo sopra Thuban. La...

Cavagna Bruno
&MyBook 2010

Disponibile in 3 giorni

48,00 €
Il libro descrive un'attività di ricerca archeoastronomica, svolta nel Comune di Serina, in Provincia di Bergamo, prendendo origine dall'analisi di alcuni elementi strutturali del Mito. La lettura simbolica del territorio ha reso possibile l'individuazione di un vasto sito archeologico in altura e ha permesso l'interpretazione di elementi topografici, nel cuore delle Alpi bergamasche. Si delinea, così, un sorprendente documento, che vede come protagonisti popoli provenienti dalle regioni del Nilo 4500 anni fa.

I culti delle acque nell'Italia antica

Dall'Aglio Michele
Angelini Photo Editore 2009

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
L'acqua, intrinsecamente legata alla nostra vita, non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è "principio e fine" come affermava Eraclito. Al culto di essa è dedicato questo libro che analizza i luog

Archeozoologia. Lo studio dei resti...

De Grossi Mazzorin Jacopo
Laterza 2008

Disponibile in libreria  
ARCHEOLOGIA

24,00 €
L'archeozoologia studia le popolazioni animali che hanno avuto parte nelle attività economiche, rituali e sociali delle comunità umane, dalla preistoria al passato recente. Dall'esame di reperti di derivazione animale, come pelle, ossa o corna, l'archeozoologia ricava informazioni sulle metodologie di caccia, la domesticazione degli animali, l'allevamento, l'agricoltura, i trasporti, la lavorazione dei prodotti di origine animale, i riti funerari, sacrificali e le attività di culto, l'utilizzo degli animali in guerra, per compagnia o difesa, il loro legame con il prestigio sociale.

Milano sotterranea e misteriosa

Ferrario Ippolito Edmondo
Ugo Mursia Editore 2008

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Milano, capitale indiscussa del lavoro e della moda, nel corso del tempo ha subito grandi e rapide trasformazioni che ne hanno mutato profondamente l'aspetto. Ogni giorno i suoi abitanti la percorrono, per lo più senza rendersi conto della millenaria storia della metropoli sempre più soffocata dal traffico e da numerosi problemi. Ma che cosa è rimasto della Milano celtica, romana e medioevale? È stato scoperto tutto o rimangono ancora delle zone da indagare? Alla Milano che vive alla luce del sole ne sopravvive un'altra, quasi del tutto inesplorata che conserva le tracce e le testimonianze storiche di un passato che sembrerebbe dimenticato. Cripte, pozzi, cunicoli, canali, fonti costituiscono la cosiddetta Milano sotterranea, un mondo sconosciuto, pressoché dimenticato, che negli ultimi vent'anni gli speleologi dello S.C.A.M. (Associazione Speleologia Cavità Artificiali Milano) hanno esplorato e studiato: dai celebri e sconfinati sotterranei del Castello Sforzesco, ai più moderni bunker e ricoveri antiaerei, passando per catacombe e passaggi segreti. Una Milano inedita, segreta, densa di misteri e leggende.

L'archeologia magica di Maiuri

Maggi Giuseppe
Bibliopolis 2008

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Amedeo Maiuri è stato uno dei più grandi archeologi del Novecento. La sua infaticabile attività, durata più di mezzo secolo, spazia da Creta, Rodi e le isole del Dodecaneso fino alla Campania, dove ha compiuto clamorose scoperte soprattutto a Pompei, Ercolano, Cuma e nelle altre aree archeologiche dei Campi Flegrei. L'autore di questo saggio definisce "magica" l'archeologia di Maiuri perché è evocatrice di fatti e personaggi del passato, che risultano vivi e attuali, ben diversa, quindi, dall'archeologia intesa come studio di oggetti.

PUGLIA DEI TRULLI (LA)

Aquaro Vinicio
SCHENA 2007

Disponibile in libreria  
GRANDI ILLUSTRATI DEL TERRITORIO

25,00 €

Augusto e il potere delle immagini

Zanker Paul
Bollati Boringhieri 2006

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
Intrecciando storia, archeologia, filologia e analisi delle opere d'arte e letterarie, Zanker ricostruisce qui il progetto, perseguito dell'imperatore Augusto con un geniale uso propagandistico di immagini e simboli, di restituire un'identità politica e morale ai romani, dopo la crisi dell'età tardo repubblicana.

Introduzione all'archeologia...

Bianchi Bandinelli Ranuccio
Laterza 2005

Disponibile in 3 giorni  
ARCHEOLOGIA

13,00 €
Un'indispensabile guida introduttiva agli studi archeologici attraverso una trattazione sistematica (Winckelmann - L'archeologia filologica - Le fonti letterarie - Le scoperte e le grandi imprese di scavo - Ricerche teoriche e storicismo agli albori del Novecento - Problemi di metodo), e insieme l'appassionata polemica di uno degli ultimi "grandi intellettuali" italiani contro le tendenze più recenti della disciplina in cui era maestro. Bianchi Bandinelli (1900-1975) ha insegnato Archeologia e Storia dell'arte antica a Cagliari, Pisa, Groningen, Firenze e Roma fino al 1965. Dal '45 al '48 è stato Direttore generale delle Antichità e Belle Arti.

Prima lezione di archeologia orientale

Matthiae Paolo
Laterza 2005

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
L'archeologia orientale, dal Mediterraneo orientale all'Iran, è la disciplina che studia nella cultura materiale la nascita, la fioritura, la crisi delle prime civiltà urbane della storia umana: attraverso un itinerario tormentato per le continue interferenze politiche, anche oggi drammaticamente attuali, le grandi civiltà dell'Oriente antico sono risorte dall'oblio di secoli.

Le dee viventi

Gimbutas Marija
Medusa Edizioni 2005

Disponibile in 3 giorni

27,00 €
L'ultimo libro scritto da Marija Gimbutas, pubblicato postumo, riassume decenni di ricerca condotta nei più importanti siti del neolitico e del paleolitico superiore europei: il risultato è un'impressionante serie di ritrovamenti che conducono alla ricostruzione di un'ideologia coerente e complessa, incentrata sulla divinità femminile, la "grande dea" della morte e della rigenerazione. Nutrice e sterminatrice, la dea fa convergere su di sé i miti e i riti degli abitanti dell'Europa che precedettero le grandi invasioni indoeuropee (stimate in due ondate, tra il 4000 e il 3000 a.C.).