Foreste, foreste pluviali

Filtri attivi

Uomini e boschi. Il bosco e le aree...

De Nardo Alfonso
CLEAN 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Dopo secoli di sovrappopolamento della montagna meridionale e di diboscamenti forsennati le foreste sono tornate da tempo a espandersi stabilmente sui versanti, anche se in condizioni prevalenti di abbandono e inselvatichimento provocate da fattori riconducibili principalmente alle difficili condizioni orografiche, al costo della manodopera, alla complessità del quadro normativo e vincolistico nazionale e regionale, alla scarsa organizzazione della filiera e alle variazioni del mercato. All'abbandono e all'inselvatichimento del bosco va contrapposto un uso corretto della risorsa forestale esercitato come forma essenziale di manutenzione continua e programmata del territorio, nel rispetto delle indicazioni normative e delle direttive tecniche fornite dalla pianificazione idrogeologica di bacino e dalla pianificazione delle utilizzazioni boschive. Tuttavia la cultura e la politica di settore stentano ancora a comprendere appieno valenza e implicazioni delle trasformazioni epocali che hanno riguardato negli ultimi decenni il patrimonio forestale e l'economia montana. Prendendo le mosse dall'analisi del complesso rapporto generatosi nel tempo tra le popolazioni della montagna meridionale e il bosco, l'autore indaga sull'evoluzione dell'approccio scientifico e legislativo alla problematica forestale, sostenendo la necessità di un uso consapevole del territorio montano e dei boschi, che coniughi l'interesse imprenditoriale al prelievo e alla trasformazione delle risorse rinnovabili con la necessità di conservare e migliorare la copertura vegetazionale come fattore insostituibile di stabilità idrogeologica ed elemento primario di valorizzazione dell'ambiente e del paesaggio.

La foresta nascosta. Un anno...

Haskell David G.
Einaudi 2014

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Al centro di questo libro vi è un cerchio di un metro di diametro. Meno di un metro quadrato di foresta del Tennessee, che grazie all'abilità di David Haskell diventa una piccola finestra spalancata sul vasto mondo della natura: il biologo americano è infatti "convinto che le storie ecologiche della foresta siano tutte rappresentate in un'area grande quanto un mandala, e addirittura che la verità della foresta possa essere rivelata in modo più intenso e chiaro dalla contemplazione di una piccola superficie che non indossando gli stivali delle sette leghe per coprire lunghe distanze in un intero continente senza però scoprire quasi nulla". Per un anno Haskell è andato quasi ogni giorno nel luogo prescelto e il suo resoconto è un ritratto vivido della foresta e dei suoi abitanti colti nel mutare delle stagioni. Ogni breve capitolo inizia con una semplice osservazione: una salamandra che guizza da sotto le foglie, l'effimera fioritura dei fiori selvatici primaverili, il dinamico germogliare delle felci, due chiocciole fuse in un groviglio amoroso... A partire da minimi accadimenti e accurati dettagli l'autore intreccia biologia e processi ecologici, mettendo in relazione la flora e la fauna con i fenomeni naturali, descrivendo gli ecosistemi che si sono succeduti per migliaia, a volte milioni, di anni. Ogni sua visita alla foresta diventa cosi una storia naturale in miniatura, nella quale vengono sbrogliate le intricate connessioni tra le creature e le piante che dimorano nei boschi.

Guida allo studio della flora e...

Ubaldi Davide
CLUEB 2012

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Flora e vegetazione, due parole che evocano il respiro di un pianeta forse unico, cui la vita vegetale, nonostante tutto e per fortuna, è ancora tenacemente ancorata, sebbene le sue forme integre e più complesse siano ormai in stato di perenne e progressiva disfatta. Riconoscere per i diversi luoghi i prototipi naturali dalle modificazioni dovute all'uomo è uno dei più importanti obiettivi delle ricerche naturalistiche riguardanti la flora e la vegetazione. In questo testo il lettore potrà trovare sia la descrizione sintetica delle ripartizioni floristiche e vegetazionali della Terra, sia le precisazioni che riguardano l'Italia, tra cui uno schema delle province floristiche e uno delle fasce di vegetazione. Il testo è sempre attento a citare i metodi di ricerca, cosa che giustifica il titolo di "guida". In alcuni casi sono suggeriti spunti per attuare nuove applicazioni e verifiche. Il libro è dedicato non solo agli studenti, ma potrà servire a chiunque sia interessato alle piante e alle diverse forme di vegetazione che esse compongono in natura.

Trattato di botanica forestale....

Grossoni Paolo
CEDAM 2018

Non disponibile

35,00 €
La botanica forestale è la disciplina che studia le piante legnose nei loro aspetti morfologici, ecofisiologici e nelle relazioni funzionali con l'ambiente in cui crescono anche per un loro più idoneo impiego e per la valorizzazione dell'ambiente stesso. I contenuti del testo riguardano le specie legnose (arbustive e, soprattutto, arboree) e sono organizzati in tre parti: una parte generale che riprende alcune conoscenze fondamentali di biologia vegetale necessarie per la comprensione sia della biologia dei taxa trattati sia delle loro relazioni all'interno della diversità vegetale, una seconda parte che riguarda le Gimnosperme e una terza attinente le Angiosperme. Le prime due parti sono comprese nel primo volume, la trattazione delle Angiosperme e alcune chiavi dicotomiche per il riconoscimento delle specie legnose sono l'oggetto del secondo volume. La trattazione comprende soprattutto le specie relative alle realtà vegetazionali del nostro paese e comprende, necessariamente, anche quei taxa esotici divenuti ormai elementi frequenti, se non determinanti, dei paesaggi vegetali italiani. Rispetto alla precedente opera questo testo, oltre ad essere strutturalmente organizzato diversamente, è stato aggiornato e arricchito di numerosi taxa (soprattutto fra le Angiosperme).

Foresta di Tarvisio. Patrimonio...

Domenig R.
Aviani & Aviani editori 2016

Non disponibile

25,00 €
La presente pubblicazione vuole essere un omaggio a quella che viene anche definita la "Foresta d'Europa", un crocevia naturale dove confluiscono tre diverse nazioni: Italia, Austria e Slovenia, ognuna con una propria identità culturale e linguistica, unite oggi dal comune spirito europeista. Questo libro ripercorre, con la stessa passione del suo autore, un viaggio a ritroso alla ricerca delle origini di boschi ed insediamenti umani che in questi luoghi celebrano la storia della Foresta di Tarvisio. Territori rimasti a lungo sotto dominio asburgico e transitati all'Italia soltanto nell'anno 1919. Un articolato panorama di vicende succedutesi, per ben 10 secoli, in vallate che oggi sono meta di vacanze ed escursioni e quindi un'opera con inserti fotografici di bellezze naturali e di molteplici risorse di una Foresta estesa per 23.300 ettari, prevalentemente boscati.

Boschi vetusti del parco nazionale...

Compagnia delle Foreste 2016

Non disponibile

25,00 €
L'importanza dei popolamenti forestali nella fasi più evolute della successione ecologica è da tempo riconosciuta dalla comunità scientifica. Oltre alla crescente consapevolezza della loro rilevanza come serbatoi di carbonio e come elementi culturali del paesaggio, le foreste vetuste rappresentano un elemento chiave delle strategie di conservazione della biodiversità, a differenti scale spaziali. L'approfondimento delle conoscenze sulle dinamiche evolutive dei sistemi forestali in relativa assenza di disturbo antropico può fornire utili riferimenti per l'implentazione di approcci selvicolturali volti a riprodurre le naturali dinamiche evolutive del bosco. Inoltre l'individuazione e la localizzazione sul territorio di tali boschi consente di porre in atto misure concrete di conservazione e rappresenta il punto di partenza per l'approfondimento dei conoscenza di tali sistemi, soprattutto nell'area mediterranea dove risultano scarse e frammentate. È con questa prospettiva che sono state realizzate identificazione, mappatura e caratterizzazione strutturale dei boschi vetusti del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Il bosco del Gariglione. Storia,...

Cosco Francesco
Parco Nazionale della Sila 2016

Non disponibile

12,00 €
Il volume contiene grafici e commenti della statistica realizzata dall'Osservatorio Socialis per indagare e conoscere i contorni del fenomeno della responsabilità sociale delle imprese in Italia: numero delle imprese impegnate, terreni di intervento, importo degli investimenti, trend e confronti con le rilevazioni degli anni precedenti.

Dalla parte del fuoco. Ovvero il...

Delogu Giuseppe M.
Il Maestrale 2013

Non disponibile

16,00 €
Un paradosso della nostra epoca vede l'esclusione del fuoco dai sistemi naturali a dispetto della importante funzione ecologica che il fuoco ha sempre svolto. Le politiche di esclusione totale del fuoco per prevenire gli incendi, in area mediterranea, stanno determinando un ulteriore paradosso: l'accumulo dei combustibili vegetali nei territori scatena i cosiddetti grandi incendi forestali che nessun apparato tecnologico antincendio è in grado di domare. Si invocano così interventi speciali o straordinari (di tipo militare) e ci si dimentica che la via maestra è costituita dalla prevenzione, intesa in senso ampio a partire da politiche di Fire management, selvicoltura preventiva, riduzione dei combustibili, educazione dei cittadini, nuove strategie urbanistiche. Il presente volume affronta con chiarezza, passione e competenza questi e molti altri problemi, andando alla riscoperta del fuoco quale fattore ecologico antichissimo, utilizzabile dall'uomo per vivere in modo più sicuro.

I quaderni di Sherwood. Direzione...

Compagnia delle Foreste 2013

Non disponibile

15,00 €
Raccolta di contributi dedicati a una figura professionale che nel quadro giuridico del nostro Paese ancora non esiste. Si tratta del "Direttore dei Lavori in selvicoltura", cioé di colui che dirige le operazioni di taglio ed esbosco in un cantiere forestale, controllando la correttezza a tutela degli interessati della proprietà e della collettività. Figura utile e centrale per garantire un utilizzo attivo e pienamente sostenibile delle risorse forestali, che, indipendentemente dalla natura della proprietà, rivestono un forte interesse pubblico, dando al tempo stesso indotto economico, tutela ambientale e idrogeologica.

Il futuro ha un cuore antico. La...

Calloni M.
Moroni 2013

Non disponibile

25,00 €
Una delle principali caratteristiche della Macchia Faggeta - forse la società del bosco più longeva dell'Appennino - consta nella sua specificità proprietaria: è un patrimonio privato ma insieme collettivo; non è un uso civico ma un'area comunitaria; è un territorio indiviso seppur distinto in particelle per la gestione dei faggi e del loro taglio. È un "bene comune" e un patrimonio indivisibile che è stato preservato dalla comunità dei soci nel corso dei secoli, a segno di antiche pratiche che neppure la modernità razionalizzante è riuscita a scalfire. Il libro è centrato sulla nascita e sullo sviluppo della Società nel comune di Abbadia San Salvatore. Suddiviso in due parti; la prima analizza il vasto panorama ambientale-paesaggistico del Monte Amiata e il contesto storico-architettonico della comunità di Abbadia San Saltatore. La seconda focalizzata sulla ricostruzione storica delle vicende che hanno caratterizzato per ben 225 anni le vicende della Società, fino a giungere alla recente realizzazione di piani forestali e alla delineazione del suo sviluppo futuro.

Lineamenti di zoologia forestale

Padova University Press 2013

Non disponibile

25,00 €
Guardare alle foreste in un modo nuovo, più consapevole del patrimonio insostituibile che esse rappresentano per la conservazione a lungo termine della diversità delle forme di vita, significa anche prendere coscienza del fatto che gli animali del bosco non sono una componente accessoria dell'ecosistema. Oggetto di interessi settoriali e spesso contrastanti come l'esercizio venatorio, la difesa della produzione legnosa o la protezione della natura, le faune degli ambienti di foresta sono componenti fondamentali di un sistema di straordinaria complessità, ed elemento imprescindibile di una gestione forestale evoluta e sostenibile.

Tipi forestali e preforestali della...

Garfì V.
Edizioni dell'Orso 2011

Non disponibile

35,00 €
La tipologia forestale è un modello di classificazione delle aree boscate che ha come obiettivo la definizione di unità floristico-ecologico-colturale, da utilizzare quale base per la pianificazione forestale, o più in generale, per la pianificazione territoriale.

Il codice forestale camaldolese....

Cardarelli F.
Bononia University Press 2009

Non disponibile

40,00 €
La splendida foresta di Camaldoli, nel cuore dell'Appennino tosco-romagnolo, affascina da sempre i visitatori. Caratterizzata dall'abete bianco, è il frutto dell'opera e della cura dei monaci-eremiti dell'Ordine fondato da San Romualdo poco dopo il Mille, che nel silenzio della natura trovarono un ambiente idoneo all'ascolto di Dio e dell'uomo. Custodi gelosi del patrimonio boschivo, i Camaldolesi, primi in Occidente, ne codificarono lungo i secoli la gestione in una serie di norme, che costituiscono il cosiddetto "Codice forestale camaldolese", matrice della selvicoltura appenninica. Studiare quel Codice significa ricercare le radici storiche e culturali che possono ispirare ancora oggi una corretta ed equilibrata politica forestale e della montagna nel segno dello sviluppo sostenibile.

La vegetazione boschiva d'Italia....

Ubaldi Davide
CLUEB 2008

Non disponibile

30,00 €
II volume, che rappresenta un'edizione rinnovata, riveduta e ampliata rispetto alla precedente, si configura come uno strumento indispensabile per riconoscere le tipologie fitosociologiche della vegetazione forestale in genere, con una particolare attenzione a quella italiana. Costituisce inoltre una concreta base di riferimento per ecologici vegetali, laureandi in Scienze naturali. Scienze biologiche, Agraria e Scienze forestali, dottorandi, futuri e attuali laureati che operano in campo ambientale.

Estimo forestale. Esempi ed...

Pettenella Davide
Compagnia delle Foreste 2008

Non disponibile

11,00 €
Il volume riporta una serie di applicazioni dell'estimo ai più comuni problemi che si riscontrano nella gestione delle risorse forestali. In particolare, nelle tre parti in cui è organizzato il testo, sono presentati alcuni casi dettagliati di stime, degli esempi di bilanci aziendali e di valutazione della convenienza degli investimenti, le procedure generali per la risoluzione di undici problemi valutativi riferiti al settore forestale. Il volume è completato da alcuni allegati: una raccolta di esercizi svolti di calcolo finanziario, una lista delle fonti informative relative ai dati economici che possono risultare utili per le stime, l'illustrazione sintetica dei software disponibili per le applicazioni di alcune procedure valutative.

Boschi di Toscana. Guida al...

EDIFIR 2004

Non disponibile

12,00 €
Il volume, a cura del Settore Foreste e Patrimonio agricolo-forestale della Regione Toscana e dell'UNCEM (Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti Montani), analizza in 48 schede oltre cinquanta aree protette del territorio toscano. Una mappa generale delle localizzazioni, un saggio introduttivo e un vasto reportorio fotografico tutto a colori ne consentono una piacevole lettura e un facile reperimento dei siti al fine di un recupero, da parte della collettività, di un grandissimo territorio pubblico boschivo e non solo.

Tecnica delle sistemazioni...

Coslop Dario
Edagricole-New Business Media 2001

Non disponibile

18,59 €
Le frane, le alluvioni e le valanghe che sempre più spesso si registrano nel nostro Paese danno a tutti la consapevolezza di come la manutenzione del territorio montano rivesta un carattere di vera e propria emergenza. Si pone quindi l'esigenza di formare moderni operatori di vario livello, con professionalità specifica e sensibilità di intervento, preparati anche dall'impiego di tecniche e materiali rispettosi degli ecosistemi e del paesaggio. Il volume vuole dare risposta a queste esigenze e nasce infatti come rielaborazione di dispense e appunti tenute dall'autore nell'ambito del corso di specializzazione per "Tecnico di monitoraggio e di conservazione dell'equilibrio del territorio montano".