Crimini di guerra

Active filters

Italiani, brava gente? Un mito duro...

Del Boca Angelo
BEAT

Disponibile in libreria

12,50 €
Italiani, brava gente? Non la pensa così lo storico Angelo Del Boca che ripercorre la storia nazionale dall'unità a oggi e compone una sorta di "libro nero" degli italiani, denunciando gli episodi più gravi, in gran parte poco noti o volutamente e testardamente taciuti e rimossi. Si va dalle ingiustificate stragi compiute durante la cosiddetta "guerra al brigantaggio" alla costruzione in Eritrea di un odioso universo carcerario. Dai massacri compiuti in Cina nella campagna contro i boxer alle deportazioni e agli eccidi in Libia a partire dal 1911. Dai centomila prigionieri italiani lasciati morire di fame in Austria, durante la Grande Guerra, al genocidio del popolo cirenaico fino alle bonifiche etniche sperimentate nei Balcani.

Sole di sangue. Orrori e misteri...

Carne Rossana
Lux-Co Éditions

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,40 €
Il presente saggio ha lo scopo di fornire al lettore una panoramica storico-divulgativa su una tematica purtroppo ancora poco conosciuta in Occidente, ovvero quella dei crimini di guerra e contro l'umanitcommessi dai Giapponesi in Cina prima e durante la II guerra mondiale. Partendo da un'analisi relativa alle armi biologiche, il trattato si snoda in sette capitoli che affrontano prima di tutto il panorama storico europeo ed estremo-orientale per poi entrare nel vivo della tematica, ovvero l'analisi delle ideologie che portarono il Giappone e divenire un paese fortemente espansionista, e la radicalizzazione di talune idee che, portate all'estero, crearono uno dei crimini piefferati della sua storia ovvero la poco conosciuta realtdell'Unit731. Il testo, per non propone semplicemente un'analisi sterile dei fatti, ma cerca di fare anche un confronto con la tristemente nota realteuropea dei nazisti e dell'Olocausto ponendo, per esempio, a confronto le fabbriche di morte giapponesi con quelle tedesche e cercando dei termini di paragone nelle caratteristiche dei due "protagonisti dell'epoca": Ishii e Mengele come persone, Unit731 e Auschwitz come luoghi. Il testo prosegue poi con un'attenta analisi relativa alle vittime, partendo da quelle non riconosciute per poi arrivare alla confutazione della storia che rende, oggi, i giapponesi vittime e non carnefici. Ovviamente non si potuto non citare le vittime dell'Olocausto coscome non si sono potute evitare analisi psicologiche portate avanti da studiosi moderni che chiamarono il fenomeno proprio di quel contesto storico: conformismo. Il testo prosegue poi con i retaggi lasciati dall'Unit731 sia in senso negativo sia in senso "positivo" andando a proporre anche immagini storiche di giornali d'epoca e report desegretati. Nelle appendici, inoltre, un contributo volto a chiarire alcuni aspetti poco conosciuti e altri sui si rende ancora necessario indagare. Si ringrazia, infine, il dott. Davide Sorgi per aver contribuito al testo con la postfazione che pone nuovamente l'accento sulle politiche razziali che in passato colpirono la popolazione cinese, ma che come scopriremo hanno interessato anche i giapponesi stessi.

La vera storia del massacro di...

Zawodny J. K.
Res Gestae

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
A metstrada fra reportage giornalistico e rigorosa indagine storica, l'opera di Zawodny dimostra come l'eccidio di Katyn, crimine di cui furono accusati i tedeschi al processo di Norimberga, sia invece da attribuirsi a un "errore" di Stalin. L'autore analizza lucidamente la catena di eventi che condussero all'uccisione sistematica di oltre 15.000 polacchi fatti prigionieri, quasi tutti ufficiali, che rimasero fedeli alla propria divisa. I loro nomi, cancellati dalla storia, rivivono in questo libro che lascia emergere il complesso scambio di accuse e le conseguenti complicazioni internazionali originate dal massacro della foresta di Katyn.

La linea del fuoco. L'Argentina da...

Morlacchi Manolo
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Nel corso degli anni, la verità sui desaparecidos argentini e sui crimini della giunta militare è lentamente venuta a galla. Tra il 1976 e il 1983 si stima che oltre 40.000 oppositori, o sospettati tali, scomparvero senza lasciare traccia. Per quanto la pratica della sparizione come forma di repressione del dissenso sia stata un fenomeno tristemente noto in buona parte dell'America Latina, l'Argentina fu il Paese più colpito a causa di una forte spinta sociale determinata dalla formazione di alcuni movimenti popolari "scomodi" come il PRT (Partido Revolucionario de los Trabajadores), un'organizzazione d'ispirazione marxista-leninista che, a conclusione di un quinquennio di opposizione politica nelle strade e nelle fabbriche, si dotò nel 1970 di un proprio esercito (l'ERP) per portare avanti la lotta armata. L'organizzazione arrivò a contare diverse migliaia di militanti, prima di essere annichilita dai militari nel 1976 e poi definitivamente sciolta nel 1979. Manolo Morlacchi è stato in Argentina per riavvolgere il nastro della storia e ascoltare le voci dei protagonisti di quella stagione (tra cui il fondatore dell'ERP, Julio Santucho, fratello del leader Mario Roberto, il segretario generale Luis Mattini e Mario "Indio" Paz, comandante della Compagnia del Monte). Nel ricostruire la parabola dell'ERP, questa indagine ripercorre le sorti di un Paese intero che, dopo l'iniziale illusione progressista del peronismo, si ritrovò stritolato nella morsa dal regime di Videla.

I crimini di guerra nel diritto...

Neri Mario
Photocity.it

Non disponibile

10,00 €
L'Europa si trova sempre più spesso al centro di dinamiche globali altamente complesse, ne deriva la necessità per i Paesi e le istituzioni europee di fornire gli strumenti adatti per interpretare tali dinamiche e proporre soluzioni adeguate, dal punto di vista politico, economico e giuridico. Con i conflitti nei Balcani prima e con i tumulti che hanno seguito le Primavere Arabe poi, l'Europa è coinvolta ogni giorno di più in grandi tragedie umanitarie, conflitti, flussi migratori senza precedenti. Questo testo intende analizzare, con un approccio prettamente giuridico, gli strumenti che l'Unione Europea mette in campo per affrontare le spinose questioni che hanno a che fare con i diritti umanitari e i crimini di guerra. Gli autori ritengono infatti quanto mai attuale la necessità di fare chiarezza su temi quali l'integrazione differenziata, la sicurezza comunitaria, il ricorso all'uso della forza nella legittima difesa individuale e collettiva seguendo un criterio analitico e oggettivo.

I cavalieri del Bushido. Una breve...

Russell Edward F. L.
Res Gestae

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,00 €
L'opera di Lord Russell ci mostra senza retorica fino a che punto può sprofondare l'animo umano in guerra, giungendo a toccare livelli di depravazione e crudeltà inauditi. È questo il caso dei cosiddetti "cavalieri del Bushido", soldati imperiali giapponesi che torturavano i detenuti senza alcuna pietà. Le fonti, su cui si basa il presente resoconto sono le testimonianze degli ex combattenti che Lord Russell ebbe occasione di leggere in qualità di procuratore dell'esercito al tribunale di Tokyo, quando alcuni aguzzini furono accusati e processati per crimini di guerra. Tra loro ci fu chi non rinnegò i proprio crimini, ma anzi tentò persino di giustificarli.

Marzabotto parla

Giorgi Renato
Franco Cosimo Panini

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Il tempo, con il suo scorrere, rende alcuni avvenimenti, alcuni fatti, alcune testimonianze più attuali e più cogenti, li riempie di cariche profetiche uniche. E il caso del libro di Renato Giorgi Marzabotto parla, che esce in una nuova edizione. Il volume fu pubblicato per la prima volta nel 1955 e riedito ben 15 volte fino al 2007. Diventò subito un punto di riferimento per la memoria di quella infinita tragedia di un'intera collettività che ha nome "Strage di Monte Sole - Marzabotto", che ancora oggi ci interroga e ci spaventa con la forza e la vividezza dell'ora presente. Renato Giorgi aveva provato tanti anni fa a consegnare alla memoria collettiva le forme di una tragedia. Aveva cominciato a sottrarre il ricordo dall'urlo afono del cuore e delle viscere dei singoli, per dargli la dignità e l'onore del riconoscimento comunitario. Solo in questo modo, infatti, l'accadimento brutale, l'offesa assoluta, l'annichilimento fisico, morale e antropologico - tratti caratteristici della Strage - possono entrare nelle narrazioni del Paese, nelle nervature della sua costituzione, negli alimenti civili delle sue giovani generazioni.

Un raccolto di sangue. I crimini...

Keeling Ralph Franklin
ITALIA Storica

Non disponibile

20,00 €
Tradotto finalmente in italiano uno dei primi, più lucidi atti d'accusa verso i crimini di guerra e contro l'umanità commessi dagli USA, dagli Alleati e dall'URSS nei confronti della popolazione civile della Germania sconfitta, tanto più notevole poiché scritto nel 1947 da un intellettuale statunitense: dalle devastazioni dei bombardamenti indiscriminati, agli "stupri di guerra", al deliberato sterminio di decine di migliaia di uomini, donne e bambini tedeschi per fame e malattie e la distruzione del sistema industriale, bancario e agricolo tedesco tramite la parziale applicazione dal 1945 al 1947 del Piano Morgenthau con la direttiva Joint Chief Staff 1067 del 10 maggio 1945, approvata dai presidenti americani Roosevelt e Truman.

Italiani, brava gente?

Del Boca Angelo
BEAT

Disponibile in libreria in 5 giorni

9,00 €
"Italiani, brava gente"? Non la pensa così lo storico Angelo Del Boca che ripercorre la storia nazionale dall'unità a oggi e compone una sorta di "libro nero" degli italiani, denunciando gli episodi più gravi, in gran parte poco noti o volutamente e testardamente taciuti e rimossi. Si va dalle ingiustificate stragi compiute durante la cosiddetta "guerra al brigantaggio" alla costruzione in Eritrea di un odioso universo carcerario. Dai massacri compiuti in Cina nella campagna contro i boxer alle deportazioni e agli eccidi in Libia a partire dal 1911. Dai centomila prigionieri italiani lasciati morire di fame in Austria, durante la Grande Guerra, al genocidio del popolo cirenaico fino alle bonifiche etniche sperimentate nei Balcani.

Il flagello della svastica

Langley Russell Edward Frederick
Pgreco

Disponibile in libreria in 5 giorni

18,00 €
La brutalità nazista, l'orrore dell'Olocausto e la tragedia dei lager. Tutto questo condensato in un amaro resoconto dei crimini di guerra perpetrati dalla Germania nazista durante la Seconda guerra mondiale. Basato sulle testimonianze presentate ai processi di Norimberga e scritto da Lord Edward Frederick Langley Russell, che fu personalmente coinvolto nei procedimenti giudiziari contro i criminali di guerra, questo libro si pone come memoria irrinunciabile e dura condanna delle atrocità commesse dai nazisti. Dalle esecuzioni ad Auschwitz al massacro di Lidice o, ancora, alla distruzione del ghetto di Varsavia, siamo messi di fronte a ignobili massacri, verso i quali non è possibile chiudere gli occhi e tacere, ma occorre ricordare, nella misura in cui ricordare significa autenticamente capire.

Nazisti in fuga. Intrighi...

Petacco Arrigo
Mondadori

Non disponibile

13,00 €
Com'è stato possibile che tanti criminali nazisti siano fuggiti dall'Europa dopo la seconda guerra mondiale? La loro scomparsa ha alimentato le ipotesi più fantasiose, a partire dall'idea che lo stesso Hitler fosse scappato con un sommergibile rifugiandosi in Patagonia. Arrigo Petacco ricostruisce le reali vicende di questi terribili aguzzini attraverso un racconto ricco di sorprendenti e poco noti retroscena. La loro fuga, pianificata fin dalle ultime fasi del conflitto, fu favorita dalla guerra fredda che indusse le potenze occidentali a chiudere in fretta i conti con il passato. In un groviglio di inconfessabili interessi che coinvolgeva la Cia e il Vaticano, ebbero un ruolo centrale alti prelati come il "vescovo nero", l'austriaco Alois Hudal, già uomo di fiducia del Führer. Grazie a queste protezioni e a un'efficiente organizzazione clandestina denominata "Odessa", numerosi scherani del Reich, mimetizzati in un improbabile saio francescano, imboccarono un tortuoso percorso attraverso l'Italia, detto "Ratline", "via dei topi", o "via dei monasteri" perché ricevevano asilo nei conventi, per raggiungere Genova. Da lì, provvisti dalla Caritas di passaporti rilasciati dalla Croce Rossa, potevano agevolmente imbarcarsi verso destinazioni lontane. Molti trovarono ospitalità in Sudamerica, in particolare nella compiacente Argentina di Perón, ma anche i Paesi arabi, come la Siria, nel segno del comune odio antiebraico aprirono le porte ai macellai del nazismo.

Non solo la «Ciociara». Violenze di...

Olmi Silvano
Fergen

Non disponibile

15,00 €
Una vicenda scomoda e terribile della seconda guerra mondiale. Attraverso documenti e denunce ripercorre le violenze compiute in Italia nel 1944 soprattutto dalle truppe marocchine inquadrate nel Corpo di Spedizione Francese. Una violenza doppiamente terribile perché questi militari che facevano parte degli Alleati erano considerati dei liberatori e vennero accolti come tali. Per loro, invece, gli italiani erano dei nemici e quindi i loro beni e le donne erano solo "bottino di guerra" su cui sfogare gli istinti più bestiali. Donne di tutte le età, dagli 11 agli 80 anni e in non pochi casi anche uomini e ragazzi (persino bambini). In Toscana hanno subito violenze persino uomini e donne impegnate in formazioni partigiane. Se l'orrore ha raggiunto il culmine in Ciociaria (e in limitrofi comuni della provincia di Latina), il volume si occupa anche di stupri e omicidi registrati sia prima, in Sicilia e in Campania, che dopo, nella provincia di Viterbo e nelle provincie di Siena e di Livorno, sull'Amiata e all'Isola d'Elba. Questo libro si occupa della provincia di Viterbo dove l'autore ha trovato negli archivi quasi cento denunce e presenta documenti inediti.

Tra memoria e oblio. L'eccidio di...

Sorbo Nicola
2000diciassette

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
"Non passò molto tempo che mi resi conto dei limiti di quella sentenza: aveva sancito la responsabilità personale degli imputati, ma non aveva restituito a quel delitto una 'storia', un 'come', un 'perché'. Il dubbio è che sia stato proprio il conflitto tra le due magistrature a condizionare la ricostruzione dei fatti, diversa da come era stata proposta nello stesso volume di Agnone e Capobianco. Sta di fatto che l'accertamento della verità sulla strage di Caiazzo non ha convinto del tutto. La Corte, ad esempio, per stabilire come erano stati uccisi quei contadini, prese in considerazione lo scenario descritto da alcuni testimoni accorsi sul posto il giorno dopo, piuttosto che le ferite riscontrate sui corpi delle vittime da un ufficiale medico americano. Quanto fossero influenzate da suggestioni quelle deposizioni, Dio solo lo sa". Prefazione di Guido Ambrosino.

La via della pace

Hanayama Shinsho
Oaks Editrice

Disponibile in libreria

25,00 €
Dopo la sconfitta dell'esercito imperiale, tragedia resa ancora più drammatica dalle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki, l'America rinchiude generali, ministri e semplici soldati giapponesi in una squallida prigione in attesa del processo. Tutti i prigionieri di guerra, che verranno giudicati e condannati nel Processo di Tokyo, affidano al cappellano del carcere le loro volontà, i loro ricordi e la loro aspirazione a una vera pace, testimonianze qui pubblicate integralmente.

L'eccidio dei martiri senza nome....

Visani Claudio
Pendragon

Non disponibile

14,00 €
Estate 1944, Appennino faentino. È il periodo più terribile della guerra. La lotta contro l'occupazione tedesca si acuisce, appoggiata dalla popolazione. I nazifascisti rispondono con le stragi più efferate: Sant'Anna di Stazzema, Marzabotto, Tavolicci, Crespino. Sulla statale "Brisighellese", in località Casale, c'è un attentato partigiano: un ufficiale della Wehrmacht rimane ucciso. Scatta la rappresaglia con incendi, rastrellamenti e una trentina di anziani contadini arrestati nelle valli circostanti. I capi del fascio locale indicano cinque "traditori" eccellenti da fucilare. Davanti al plotone di esecuzione finiscono invece cinque giovani detenuti nel carcere delle SS di Forlì, etichettati come "ribelli comunisti". Solo due avranno un nome: un giovane invalido di Forlì e un padre di famiglia di Prato, entrambi estranei alla Resistenza. Le altre tre vittime, settantaquattro anni dopo, sono ancora ignote, mentre dell'eccidio si è persa a lungo la memoria. Questo libro riporta alla luce quella strage dimenticata, ricostruendo attraverso documenti e testimonianze inedite il terrore di quei giorni e le storie delle due vittime note e delle loro famiglie.

La strage e gli innocenti. Figlie e...

Pagni Nadia
C&P Adver Effigi

Disponibile in libreria in 5 giorni

20,00 €
Una ricerca su 49 orfane e orfani dei martiri della Niccioleta che svela una realtà tragica e inimmaginabile dopo la strage del 13-14 giugno 1944. La Resistenza dei bambini contro la deportazione negli orfanotrofi. Crimine contro l'umanità subito da vedove e minori che ha comportato sofferenze, patologie psichiche fino a esiti suicidari. Prefazione di Olivia Casagrande.

Un silenzio italiano. I gas in...

Borsa Tito
CLEUP

Non disponibile

14,00 €
La tragedia dei gas in Etiopia, che ha portato alla morte di centinaia di migliaia di persone, è sempre stata sottovalutata, quando non proprio rimossa. Un vero e proprio "silenzio italiano" a cui è stata data voce inizialmente solo dallo storico Angelo Del Boca finché, a metà degli anni Novanta, un'interrogazione parlamentare ha messo fine all'eterna diatriba sull'eventuale utilizzo di queste armi proibite in Abissinia: gli etiopici sono stati bombardati dagli italiani a suon di iprite e fosgene. Nonostante ormai ci sia ben poco da discutere, anche sui libri di storia delle scuole superiori lo scandalo dei gas occupa poche righe, quando viene menzionato. Questa reticenza forse è dovuta alla "fama" di italiani "brava gente", colonizzatori umani, quando la verità storica racconta ben altro.

Il caso Roatta. Londra ed i crimini...

Bordoni Laura
Odradek

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Mario Roatta, militare di carriera, capo del servizio segreto del SIM, generale del regio esercito, in fuga da Roma l'8 settembre 1943, accusato di crimini di guerra in Jugoslavia. Grazie alla ricerca d'archivio sulle fonti inglesi del Foreign Office l'autrice ricostruisce lo sguardo particolarmente attento e interessato del governo e dell'opinione pubblica inglese che si occuparono e preoccuparono di questo personaggio tanto rilevante ma che repentinamente passarono da una ferma volontà di punizione ad una più lasca indulgenza poggiante sulle necessità della «ragion di Stato». Una vicenda fatta di segreti militari, rapporti politico-diplomatici inconfessabili, fughe.

Il massacro di Oradour. Il...

Kruuse Jens
Res Gestae

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
10 giugno 1944. Nella Francia occupata dalle truppe tedesche la popolazione di Oradour-sur-Glane è ancora ignara della furiosa devastazione che la sta per investire. La sua colpa? Quella di essere il primo paese a trovarsi sulla strada della 2a divisione corazzata "SS Das Reich". Tramite le sconvolgenti testimonianze e i documenti del tardivo processo ai carnefici, istituito nel 1953, il libro ripercorre la tragica storia del massacro, messo in atto con brutale e cieca determinazione - 642 furono le vittime innocenti -, che trasformò per sempre il paese in un simbolo della barbarie nazista.

Cina e Giappone. Le atrocità...

Marchioro Fabiana
Enigma

Non disponibile

18,90 €
A differenza degli altri conflitti che avevano visto contrapporsi la Cina con altri i paesi stranieri, la guerra con il Giappone ebbe due caratteristiche fondamentali: i crimini di guerra che vennero commessi furono dei più efferati e, nonostante la sua conclusione, ancora oggi rappresenta una storia tutt'altro che dimenticata. Di questi abomini si macchiò l'esercito imperiale giapponese durante il più sanguinoso conflitto che vide contrapposte queste due superpotenze asiatiche, la così detta guerra di Resistenza, durante la quale i due paesi si scontrarono per otto lunghi anni. Un "secolo delle umiliazioni" per la Cina che costò la vita a 35 milioni di individui, tra militari e civili. Il presente volume è uno sguardo nel recente passato per documentare esperimenti su esseri umani, la costruzione di armi chimiche e batteriologiche, l'averle testate su prigionieri e poi averle impiegate direttamente contro i civili, assediare città e massacrarne la popolazione per settimane, creare una rete di prostituzione costringendo numerosissime donne a vendersi per soddisfare i bisogni delle truppe, "crimini di guerra" che non possono rimanere nel silenzio.

In posa. Abu Ghraib 10 anni dopo

Amato Pierandrea
Cronopio

Disponibile in libreria in 5 giorni

8,00 €
Nella primavera del 2004 diventano di dominio pubblico le immagini del carcere irakeno di Abu Ghraib, dove i soldati americani si lasciano fotografare - sono in posa e allegri - mentre torturano i prigionieri. Nessuno può aver dimenticato l'orrore di quelle scene. Questo breve saggio, però, non insiste sul valore politico e culturale degli scatti di Abu Ghraib, ma segnala, nella loro composizione, un indice estetico in grado di svelare la condizione normalmente catastrofica della nostra quotidianità democratica.

Le colpe nascoste. I crimini di...

Strazza Michele
Edizioni Saecula

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
"Italiani, brava gente"? Questa l'idea con cui, nel dopoguerra, l'intera societitaliana si autoassolse dalle proprie colpe. Ma le cose erano andate diversamente. Le truppe italiane e le milizie fasciste operarono, soprattutto in Africa e nei Balcani, deportazioni e stragi, paurosi eccidi e indicibili atti di violenza e di razzismo. Costruirono campi di concentramento, dove rinchiusero vecchi, donne e bambini. Molti di loro vi trovarono la morte. Quei morti ancora oggi reclamano una giustizia che non mai venuta. Perchnessuna Norimberga italiana stata mai celebrata.

Paesaggi contaminati

Pollack Martin
Keller

Non disponibile

14,00 €
Le vittime del XX secolo non sono solo quelle ricordate dai monumenti commemorativi. Cosa resta delle migliaia di vittime senza nome, quelle sepolte segretamente, siano essi ebrei, rom, anticomunisti o partigiani? Come possiamo ricordarle? Come è possibile vivere in un'Europa dove i paesaggi sono contaminati e avvelenati da innumerevoli massacri messi a tacere: da Rechnitz nel Burgenland a Kocevski rog in Slovenia e Kurapaty vicino a Minsk? In questo libro Martin Pollack ci restituisce una mappa nuova e più veritiera del nostro continente. Nomi e luoghi che svelano segreti inconfessabili e allo stesso tempo contribuiscono alla costruzione di una memoria condivisa. Reportage, narrazione in prima persona, libro di viaggio e ancora saggio e riflessione sull'Europa del Novecento, sulla memoria, il paesaggio, la distruzione e la rinascita.

La grande menzogna. Tutto quello...

Gigante Valerio
Dissensi

Non disponibile

13,90 €
Lo sapevate che mentre i cappellani militari italiani - a cui venne proibito di utilizzare la parola "pace" - benedivano le armi che servivano ad uccidere o intonavano Te Deum di ringraziamento per le stragi perpetrate nei confronti dei nemici, plotoni di prostitute venivano inviate dagli Stati maggiori al fronte per tenere alto il morale della truppa? Che nonostante la martellante propaganda e l'esaltazione dell'eroismo dei soldati, suicidi, automutilazioni, disturbi mentali di ogni tipo e alcolismo erano tra i fenomeni più diffusi tra i militari in trincea? Che le mazze ferrate erano tra gli strumenti in dotazione agli eserciti per finire come bestie al macello i soldati agonizzanti, specie dopo aver usato contro di loro i gas asfissianti? Che i fanti che esitavano a lanciarsi all'assalto del nemico venivano trucidati dai carabinieri appostati alle loro spalle? Che per essere fucilati bastava anche solo tornare in ritardo dopo una licenza, oppure venire sorpresi a riferire o scrivere una frase ingiuriosa contro un superiore? E che ai prigionieri di guerra italiani, considerati vili, imboscati e disertori, il nostro governo, unico tra i Paesi belligeranti, non inviò alcun aiuto che ne alleviasse le terribili condizioni di detenzione?

Criminali di guerra italiani....

Conti Davide
Odradek

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Attraverso un'ampia mole di documenti ufficiali, il libro opera una ricognizione dei crimini di guerra commessi dal regio esercito durante l'occupazione italiana in Albania, Jugoslavia, Urss e Grecia e di cui le alte gerarchie militari avrebbero dovuto rispondere alla fine della guerra. Più precisamente, illustra le trattative, gli accordi, le politiche dilatorie attuate dal governo di Roma per giungere a eludere ogni forma di sanzione giuridica ai danni dei vertici del proprio esercito cosicché i mancati processi, le assoluzioni e la generale impunità ha permesso la narrazione auto-assolutoria degli italiani "brava gente".