Crimini di guerra

Active filters

Il tramonto dei giusti. I crimini...

Pelloni Pino
Ethos

Non disponibile

15,00 €
L'autore ha voluto dare a questa pubblicazione un taglio divulgativo, con il chiaro intento di avvicinare i più giovani alla storia e a una delle pagine fondamentali del nostro passato più recente. Lo ha fatto utilizzando le testimonianze più disparate: diari privati, pagine letterarie, raccolte di giornali, canzoni popolari, reperti filatelici, ricette di cucina, almanacchi da barbiere, film ed interviste fatte direttamente a testimoni di quegli eventi. Insieme con il racconto della "storia degli storici" Pelloni ci fa conoscere, quasi in presa diretta, le testimonianze di Giorgio Bocca, Antonio Ghirelli, Amos Luzzatto, Carlo Lizzani e Piero Melograni. Il volume è arricchito dalle pagine letterarie di Jacques Maritain, Hannah Arendt, Alberto Moravia, Enzo Biagi, Piero Ottone, Marek Edelman e di numerosi altri protagonisti di quei tragici giorni. Infine, i contributi di storici come Renzo De Felice, Léon Poliakov, John Cornwell, Robert Sommer, Theodore Hamerow, Gian Maria Vian e Riccardo Calimani aiutano a ricostruire le vicende narrate.

Al di là del caos. Cosa rimane dopo...

Mujcic Elvira
Infinito

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
"Dopo l'inattesa sentenza della Corte di giustizia dell'Aja che solleva la Serbia da ogni responsabilità nel genocidio di Srebrenica, un diario di viaggio e di vita scritto da una ragazza nata e cresciuta nella ex enclave dove l'11 luglio 1995 si è consumato il genocidio dei cittadini d'origine musulmana. Con questo libro Elvira Mujcic "ha voluto far conoscere ed esprimere le conseguenze dell'immane eccidio di Srebrenica rivivendolo in se stessa, nei propri sogni e incubi, nei suoi amori giovanili e nelle sue disillusioni. Questo libro è una rara testimonianza proprio perché, a differenza di molti altri testi analoghi, ha trovato un'adeguata espressione letteraria" (Dalla prefazione di Predrag Matvejevic).

Deportati e internati. Racconti...

Bechelloni Barbara
Mediascape

Non disponibile

19,00 €
Il progetto è stato realizzato tra il 2008 e il 2009 e ha portato alla raccolta di 50 interviste audio. Si tratta di un ricerca a carattere territoriale che mancava e che ha volutamente accostato storie tra loro diverse: quelle dei deportati nei campi di concentramento, di sterminio e KZ perché considerati nemici del nazismo oppure individui non degni di vivere e quelle degli internati militari italiani (IMI), negli Stalag, destinati al lavoro coatto. Le storie raccolte confermano le diversità ma anche le somiglianze presenti in quello spazio liminale nel quale l'esperienza della deportazione e quella dell'internamento si avvicinano o, in molti casi, si sovrappongono. Una ricerca per far conoscere una pagina poco nota della storia e uno stimolo per riflettere sulle tragiche conseguenze delle dittature e dei totalitarismi.

La resistenza negata degli eroi...

Sabbetta Paolo
Il Castello Edizioni

Non disponibile

20,00 €
È il racconto di una vicenda straordinaria avvenuta alla tenuta di tor Mancina, nei pressi di Roma, all'indomani dell'armistizio del settembre 1943. Sabbetta, insieme alle famiglie dell'azienda zootecnica, riuscì a salvare la vita di 20 ragazzi condannati alla fucilazione dai tedeschi.

Nei campi di Tito. Soldati,...

Di Sante Costantino
Ombre Corte

Non disponibile

22,00 €
Al termine del Secondo conflitto mondiale, oltre cinquantamila italiani - ex soldati, reduci dai lager nazisti, partigiani, deportati dalle zone dell'Istria e della Venezia Giulia - furono internati da Tito. A determinare tale decisione contribuirono diver

Gioacchino Gesmundo. Testimonianze...

Ed Insieme

Non disponibile

15,00 €
Nel Centenario della nascita, i nipoti di Gioacchino Gesmundo desiderano ricordarlo e rendergli omaggio. Propongono una raccolta di testimonianze per far luce sulla figura umana, di educatore e di resistente politico del Professore, martire alle Fosse Ardeatine. Mai tanti interventi sono stati raccolti in un unico volume, scritto a più mani da chi si è effettivamente relazionato con Gioacchino Gesmundo: intellettuali, compagni di lotta, ex alunni. Gli scritti spaziano dall'intervista al saggio storico, dall'epistola alla narrazione. Il lettore recupererà lo spessore storico della figura del Professore e si immergerà nel clima politico da cui sono scaturite le istituzioni repubblicane. L'inserto fotografico, ricco di immagini inedite, fa da spartiacque e introduce le pagine dell'Appendice che accorpano i riferimenti emerografici, artistici e filatelici riferiti tanto al Gesmundo quanto alla Resistenza. È la sezione celebrativa del volume: aggiunge alcune testimonianze postume alle tante coeve della prima parte.Il saggio è completato da due preziosi apparati: un'accurata bibliografia che invita all'approfondimento con il preciso richiamo delle pagine riferite alla vicenda Gesmundo; e l'indice dei nomi, che aiuta a tracciare la mappa del contesto umano e socio-culturale da lui segnato.

La decima M.A.S. in Friuli. Il...

Rovere Flavio
Prospettiva Editrice

Disponibile in libreria in 10 giorni

14,00 €
L'armistizio, l'occupazione, la lotta fratricida, la tortura, la libertà. A oltre 65 anni dalla conclusione del secondo conflitto mondiale, le vicende del sergente triestino della Decima M.A.S. Remigio Rebez ripercorrono una delle pagine più sofferte della

Crimini di guerra. Il mito del...

Borgomaneri L.
Guerini e Associati

Non disponibile

21,50 €
L'occupazione coloniale italiana fu tutt'altro che lieve e il falso mito del bravo italiano viene smascherato da documenti inquietanti rimasti segreti per molti anni. Dalle colonie africane ai Balcani, i soldati dell'esercito italiano fascista hanno commesso stragi di civili inermi, esecuzioni sommarie, deportazioni di massa.

Desaparecidos. La sentenza italiana...

Miglioli G.
Manifestolibri

Non disponibile

16,00 €
Tra le decine di migliaia di vittime del regime militare argentino, numerose erano italiane. I parenti di alcune di queste vittime si sono costituiti parte civile contro i militari responsabili della scomparsa dei propri conuigi. Il processo celebrato in Italia si è concluso con una sentenza di condanna. Questo volume ripercorre le agghiaccianti vicende ricostruite nel corso del processo e analizza i dispositivi giuridici e i punti di vista etici che hanno consentito di perseguire i crimini della dittatura militare.

Le reaparecide. Sequestrate,...

Lolli F.
Stampa Alternativa

Non disponibile

15,00 €
Argentina, novembre 1975. Di fronte a lotte popolari impetuose, a un fronte di guerriglia urbana e rurale tra i più vasti dell'America latina, a esempi di autogestione operaia e di quartiere, il generale Videla dichiara: "in Argentina dovranno morire tutte

Quatre heures à Chatila­Quattro ore...

Genet Jean
Stampa Alternativa

Disponibile in libreria in 5 giorni

1,00 €
In "Quattro ore a Chatila" Jean Genet porta la sua tragica testimonianza su quanto avvenne nei campi palestinesi di Sabra e Chatila, a Beirut, nel settembre 1982: duemila persone tra donne, bambini e vecchi, massacrate e mutilate da oscuri miliziani con l'appoggio di un generale all'apparenza buffo e inconcludente, ma in realtà mosso da un ambizioso piano di morte: Ariel Sharon.

L'esercito dell'imperatore. Storia...

Margolin Jean-Louis
Lindau

Non disponibile

32,00 €
È durata otto anni - dal 1937 al 1945 - la guerra scatenata dal Giappone in Asia orientale e nel Pacifico, ma ancora oggi è il conflitto del XX secolo meno conosciuto in Occidente, dove è riduttivamente considerato solo a partire dall'attacco aereo di Pearl Harbor del 7 dicembre 1941. In quel lungo arco di tempo, l'esercito imperiale giapponese ha perpetrato crimini di inaudita ferocia, che richiedono un'analisi severa e approfondita, analoga a quella in corso da molti anni sulle atrocità compiute dal comunismo e dal nazismo in Europa. L'elenco è lungo e terribile: eccidi di prigionieri di guerra, campi della fame, cantieri della morte, prostituzione forzata, violenze sessuali, esseri umani usati come cavie, intere comunità intossicate da prodotti chimici. A Nanchino in poche settimane furono sterminate decine di migliaia di civili. E oltre 400 milioni di persone vissero sotto il terrore. Come è stato possibile arrivare a tanto? Perché questi fatti sono stati a lungo taciuti? E perché ancora oggi, in Giappone, molti (compresi alcuni storici), pur non negando i fatti, li giustificano, ne sminuiscono la portata o ne attribuiscono la responsabilità agli Alleati? Il Giappone ha beneficiato di numerose circostanze che hanno contribuito a mascherare le sue colpe e a trasformarlo in vittima, prime fra tutte le bombe atomiche lanciate sul suo territorio. Ma invocare il contesto storico, o quello che è accaduto dopo, o magari la tradizione militare nipponica, non è più sufficiente.

Quel color che l'inferno mi nascose

Martínez Moreno Carlos
Le Lettere

Non disponibile

18,00 €
Uruguay, anni Settanta. Un "decennio sporco", segnato da una dittatura violenta, repressiva. Gli episodi e le testimonianze raccolte compongono un mosaico di storie forti, scomode: parlano le vittime, guerriglieri o semplici cittadini, dissidenti politici che in quegli anni di terrore subirono soprusi e umiliazioni, violenze e aggressioni. L'autore raccoglie e ricompone frammenti di queste vicende, memorie individuali che si intrecciano con speranze collettive, personaggi di cui si raccontano i drammi interiori, senza dimenticare l'importanza della storia, del contesto politico e delle ragioni sociali che li hanno generati.

A partire da Monte Sole. Stragi...

Speranzoni Andrea
Castelvecchi

Disponibile in libreria in 5 giorni

17,50 €
Tra il 29 settembre e il 5 ottobre del 1944 i militari della 16a Divisione Reichsfuhrer SS, coadiuvati da fascisti italiani, assassinarono quasi 800 persone, tra cui 221 bambini di età compresa fra i 14 giorni di vita e i 13 anni. Anni di indagini della Procura militare di La Spezia, centinaia di verbali inediti e un processo penale conclusosi con 8 condanne all'ergastolo sono oggi un'importante pagina di storia e di giustizia per troppo tempo non raccontata. L'avvocato dei familiari delle vittime narra la scoperta dell'archivio denominato Armadio della vergogna, occultato per 34 anni, e il processo ai nazifascisti responsabili della più grande strage di civili che l'Europa occidentale abbia subito. Marzabotto-Monte Sole diventa uno spazio di riflessione sul nostro tempo e sul rapporto tra diritto alla verità e pericolo dell'oblio. Introduzione di Lino Rossi, postfazione di Ugo Gümpel.

Il libro nero dell'umanità. La...

White Matthew
Ponte alle Grazie

Non disponibile

19,90 €
Si può scrivere una storia universale delle atrocità? E se ne può stilare una classifica? Come confrontare misfatti avvenuti in tempi e contesti tanto diversi? Secondo Matthew White, bibliotecario statunitense, ricercatore indipendente specializzato in "atrocitologia", un criterio perfetto non c'è, dunque non rimane che il nudo numero delle vittime: come dice l'autore, "il numero di cui si ha sempre voglia di discutere". Utilizzando le migliori fonti di statistica storica, e compiendo uno studio comparativo senza precedenti, White ricostruisce così i cento avvenimenti più sanguinosi, per un totale di mezzo miliardo di morti, dalla seconda guerra persiana del V secolo avanti Cristo fino al Congo e al Sudan dei nostri anni, passando per decine di eventi meno noti: quanti di voi avrebbero immaginato al sesto posto la rivolta ottocentesca dei Taiping in Cina, con venti milioni di vittime? A ciascuna "atrocità" White dedica un capitolo, e in ogni capitolo avvolge i numeri grezzi con una cronaca militare, politica e sociale di grande utilità e ricca di aneddoti e curiosità inedite, spesso intrisa di ironia e sarcasmo verso l'umana crudeltà e stupidità.

L'esercito dell'imperatore. Storia...

Margolin Jean-Louis
Lindau

Disponibile in libreria in 3 giorni

36,00 €
È durata otto anni - dal 1937 al 1945 - la guerra scatenata dal Giappone in Asia orientale e nel Pacifico, ma ancora oggi è il conflitto del XX secolo meno conosciuto in Occidente, dove è riduttivamente considerato solo a partire dall'attacco aereo di Pearl Harbor del 7 dicembre 1941. In quel lungo arco di tempo, l'esercito imperiale giapponese ha perpetrato crimini di inaudita ferocia, che richiedono un'analisi severa e approfondita, analoga a quella in corso da molti anni sulle atrocità compiute dal comunismo e dal nazismo in Europa. L'elenco è lungo e terribile: eccidi di prigionieri di guerra, campi della fame, cantieri della morte, prostituzione forzata, violenze sessuali, esseri umani usati come cavie, intere comunità intossicate da prodotti chimici. A Nanchino in poche settimane furono sterminate decine di migliaia di civili. E oltre 400 milioni di persone vissero sotto il terrore. Come è stato possibile arrivare a tanto? Perché questi fatti sono stati a lungo taciuti? E perché ancora oggi, in Giappone, molti (compresi alcuni storici), pur non negando i fatti, li giustificano, ne sminuiscono la portata o ne attribuiscono la responsabilità agli Alleati? Il Giappone ha beneficiato di numerose circostanze che hanno contribuito a mascherare le sue colpe e a trasformarlo in vittima, prime fra tutte le bombe atomiche lanciate sul suo territorio. Ma invocare il contesto storico, o quello che è accaduto dopo, o magari la tradizione militare nipponica, non è più sufficiente.

Crimini di guerra. Italiani brava...

Melato Fabrizio
Era Nuova

Non disponibile

20,00 €
"Crimini di guerra" parla di una storia "storta" o, per meglio dire, "sotto sopra". Infatti è una storia (purtroppo vera) in cui le vittime sono state, e sono ancora troppo spesso, presentate come carnefici o, in ogni caso colpevoli "di qualcosa", mentre i veri carnefici sono rimasti al loro posto, hanno fatto carriera, qualcuno (non pochi) ha ricevuto onorificenze e medaglie... È la storia dei criminali di guerra italiani nel periodo che va dal 1926 al 1945 (per quanto attiene ai crimini commessi) e dal 1943 ad oggi per quanto attiene la loro tranquilla, impunita, ingiudicata esistenza. Una pagina vergognosa della storia di Italia, un "pugno nello stomaco" per chi crede ancora che i "cattivi" siano sempre gli altri e nel mito che vuole "gli italiani brava gente"... Questo libro, questo quaderno di appunti, è frutto di un lavoro di ricerca basato su documenti (tutti autentici) in cui sono i criminali stessi a parlare.

I ribelli della Benedicta....

D'Amico Giovanna
Archetipo Libri

Non disponibile

16,00 €
154 fucilati, 187 deportati a Mauthausen,interi paesi drammaticamente colpiti e privati di quasi tutti i giovani: 33 i deportati originari di San Martino Paravanico, 29 di Voltaggio, 12 ciascuno da Masone e Mornese, 8 di Rossiglione, borghi tutti di modeste, in qualche caso minime, dimensioni. Ed ancora: tra i fucilati 14 di Gavi, altrettanti di Serravalle Scrivia, 8 di Bosio, 6 di Parodi Ligure. È questo il bilancio del rastrellamento operato dalla 356ª Divisione di fanteria della Wehrmacht tra il 6 e l'11 aprile 1944 nella zona attorno al monte Tobbio e passato alla storia con il nome della cascina Benedetta, la "Benedicta", in cui un gruppo di partigiani tentò una disperata resistenza. Per la prima volta sono rese disponibile le biografie degli uni e degli altri, frutto di una lunga ed approfondita ricerca condotta attraverso molteplici archivi, italiani e stranieri, con l'obiettivo dichiarato di restituire a ciascuno di loro un frammento, il più grande possibile, della propria vicenda umana.

Armi vietate, diritto...

Cannone Andrea
Cacucci

Non disponibile

10,00 €
Il divieto di alcune categorie di armi è stato presente sin dalle prime regolamentazioni relative alla condotta delle ostilità. In questo libro sono descritte sia le armi vietate in base al diritto internazionale consuetudinario e a specifiche convenzioni internazionali (quali, ad esempio, la Convenzione sulle mine antiuomo del 1997 e la Convenzione sulle munizioni a grappolo del 2008) e sia i crimini di guerra derivanti dal loro impiego. L'esame dei rapporti delle commissioni internazionali di inchiesta relativi ad alcuni recenti conflitti armati e delle più importanti decisioni di tribunali internazionali e nazionali consente di stabilire la reale portata dei crimini di guerra collegati all'uso di armi vietate.

Areoporto di Forlì settembre 1944....

Flamigni Vladimiro
Il Ponte Vecchio

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Quali percorsi e accadimenti hanno fatto sì che 18 ebrei stranieri e 24 cittadini italiani delle province di Pesaro, Forlì e Ravenna fossero accomunati nella morte, all'aeroporto di Forlì nel settembre del 1944? Chi erano i carnefici? Da quali esperienze p