Elenco dei prodotti per la marca Guaraldi

Guaraldi

De Josepho. Testo greco a fronte....

Filone di Alessandria
Guaraldi

Non disponibile

20,00 €
La produzione letteraria filoniana nasce all'incrocio di Alessandria, Roma e Gerusalemme, dove quest'ultima rappresenta la "patria ideale" in cui non possibile stabilire con certezza se Filone andmai e che appare nei suoi scritti soprattutto sotto forma allegorica. All'incrocio tra mondi distinti, Filone compie un'opera di mediazione ed integrazione culturale senza precedenti, al cui interno la politica gioca un ruolo fondamentale. Giuseppe, la cui azione ispirata da Dio, rappresenta la figura del politico ideale, in cui teologia e filosofia convergono. Con la sua presentazione di Giuseppe come "uomo politico", indirizzata a un pubblico greco-romano, Filone "attualizza" un personaggio biblico, presentandolo in modo tale che un cittadino dell'Impero, potenziale destinatario dell'opera, potesse facilmente metterlo in relazione con gli esempi politici del tempo. La strategia di Filone sollecita una nuova attenzione verso Giuseppe, stimolando anche chi non aveva familiaritcon la tradizione ebraica e lanciando un messaggio che tutt'oggi - a ventuno secoli di distanza - resta straordinariamente attuale.

Derive della fede

Guaraldi

Non disponibile

15,00 €
I lavori di questo secondo volume della collana raccolgono alcune riflessioni intorno al tema degli "aspetti negativi" della fede. Esse costituiscono una rielaborazione ed un ampliamento dei contributi presentati al Centro psicoanalitico di Bologna e al centro Psicoanalitico di Milano nel 2018 e nel 2019. Derive della fede ci sembrato il titolo piadatto a tenere insieme i vari fenomeni relativi alla fede o alla non-fede che sono connotati da eccesso/difetto o da deviazione e che includono l'integralismo, il fanatismo, l'ideologia ,il fideismo, il dogmatismo, il fondamentalismo. Ma anche, sul versante della non-fede, il cinismo e lo scetticismo.

Abramo nella tradizione islamica e...

Scarabel Angelo
Guaraldi

Non disponibile

6,00 €
La figura di Abramo centrale nella tradizione islamica: l' emblema del monoteismo, ed a lui in certo modo si ricollega la missione (ris?la) del Profeta Muhammad nella misura in cui questi si presenta come il restauratore del monoteismo di Abramo. Se ne rinvengono tracce nel rituale della preghiera musulmana, e soprattutto nei riti del pellegrinaggio islamico. Per quanto ne sappiamo, non documentata alcuna conoscenza di Filone Alessandrino presso i filosofi arabi. Piinteressante appare una ricerca sulle convergenze e divergenze dei punti di vista che prenda in considerazione Filone come esegeta ebraico, assai piche come filosofo dell'etellenistica. La lettura del De migratione e del De Abrahamo, nonchdel Quis rerum divinarum heres sit, ha evidenziato una modalitesegetica che putrovare una corrispondenza con quella del Sufismo, ed in particolare con il commento coranico attribuito ad Ibn ?Arabi, nel quale, come in Filone, la rilevanza di Abramo come personaggio storico si dissolve di fronte alla sua caratteristica di emblema della condizione umana rispetto alla divinit e di ciche questo comporta. Sono presi in considerazione i passi coranici che alludono a tre momenti fondamentali della ierostoria abramica, che sono anche oggetto dell'esegesi di Filone: Cor., 6.76-79, sulla "scoperta" del monoteismo; Cor., 11.69-73 sulla visita degli Angeli e l'annuncio della nascita del figlio; e Cor., 37.102-106, sul sacrificio di quest'ultimo.

Tracce di Filone Alessandrino nel...

Giuliani Massimo
Guaraldi

Non disponibile

6,00 €
Per molti secoli Filone d'Alessandria (20 a.e.v. - 45 e.v. circa) stato un estraneo nel giudaismo rabbinico. Tuttavia, dopo la sua riscoperta nel Rinascimento, il pensiero di questo gigante della simbiosi giudaico-ellenistica tornato ad essere oggetto di studio e di apprezzamento anche nell'ambito del pensiero di Israele. Molte sono le tracce di tale recupero nelle opere di rabbini e filosofi ebrei del Novecento: da Elia Benamozegh a Hermann Cohen, da Rav Avraham Kook a Lev Sestov, da Rav HaNazir a Hans Lewy, i concetti di Logos e di legge naturale sono stati ripresi proprio alla luce degli antichi scritti filoniani; il metodo allegorico stato rivalutato offrendo stimoli ai nuovi approcci ermeneutici; la distanza tra platonismo alessandrino e insegnamenti talmudici stata accorciata mostrando sorprendenti punti di contatto. Ecco un affascinante percorso che mostra quanto Filone sua ancora presente, e soprattutto stimolante, nel dibattito ebraico contemporaneo.

Il quaderno del Metodo Hobart

Guaraldi

Non disponibile

12,00 €
Questo quaderno raccoglie un anno di lavoro con Gillian Hobart, il primo di una formazione che si definisce proprio nel suo carattere di permanenza e divenire. Stare accanto a Gillian un vero privilegio. Non significa solo un apprendimento di altissima qualit ma un entrare in contatto profondo con la danza e il suo valore rivoluzionario, con ciche ha determinato nella cultura e nell'arte del Novecento, e con ciche determina nella vita delle persone, abili e diversamente abili. Di questa storia, di queste trasformazioni Gillian stata spettatrice e autrice. Gli incontri, le esperienze, gli insegnamenti sono incarnati in lei, nel suo corpo e nel suo sapere; la sua voce riecheggia nelle pagine del quaderno.

Le parole nel paese dei balocchi....

Taiti Pietro
Guaraldi

Non disponibile

12,00 €
"La tesi che Morena Pagliai e Piero Taiti sostennero in maniera convinta e nient'affatto asettica, dichiarando fermamente ed immediatamente il taglio ideologico e politico della loro ricerca, era quella che: in Italia, l'istruzione, la competenza del linguaggio, un soddisfacente percorso di studi, e professionale, fosse un 'destino' dei figli di classi privilegiate... salvo poche eccezioni. Ma poi proseguivano sostenendo che deve tutti spaventare il fatto che la situazione di povertculturale si va estendendo anche alle classi sociali che fino ad oggi hanno gestito e gestiscono il potere della cultura. Alla lettura di queste parole ho avuto una reazione di rammarico. Chi non conosce Pagliai e Taiti potrebbe pensare di leggere antichi testi di Profeti, mentre in realtsono semplicemente riflessioni di due menti aperte e lungimiranti".

?Tra? questa immensit?

Guaraldi

Non disponibile

15,00 €
Leopardi e il suo tentativo di immaginare l'infinito, e il rapporto dell'uomo con esso, hanno ispirato il titolo di questo volume che prende spunto dai versi finali della poesia L'Infinito. Ma perchil poeta scrive "tra questa immensit e non "in questa immensit? A partire dal "tra" leopardiano e seguendo le tracce del Sentimento Oceanico gli autori prendono in considerazione varie esperienze di immersione nel tutto e di oltrepassamento dei confini in un'ottica psicoanalitica, ma spaziando anche "tra" matematica, letteratura, musica e religione.

De vita Mosis. Testo greco a...

Filone di Alessandria
Guaraldi

Non disponibile

25,00 €
Filone è un uomo perfettamente inserito nella tradizione e nella vita della comunità giudaica, ma altrettanto perfettamente partecipe ed esperto della cultura classica, della quale si appropria per quanto riguarda la lingua, l'immaginario, i valori. Filone è un esempio di comunicazione interculturale, di apertura e confronto con l'altro sempre e comunque, senza mai abbandonare una identità propria e ben definita. Così è anche nel "De vita Mosis", la biografia di Mosè, modello e guida per eccellenza del popolo ebraico, personaggio per definizione intransigente nei confronti del diverso, di chi non segue la Legge e in particolare di chi si macchia di idolatria o di mancanza di fiducia nel Dio ebraico, poco tollerante verso le altre popolazioni. Filone riesce in un'operazione delicata con abilità indiscutibile: presente Mosè senza tradirne gli insegnamenti e i valori, ma al tempo stesso lo rende comprensibile e anzi ammirevole per un pubblico molto lontano da quegli insegnamenti e soprattutto da una simile intransigenza religiosa.

Icons of Liscio. Il folklore della...

Guaraldi

Non disponibile

7,00 €
A differenza di altri prestiti più criptici, il termine Liscio si sposa molto bene con una musica senza asperità, piana al punto da risultare scivolosa: liscio come un bicchier d'acqua, si ha la pelle liscia come il velluto, ma si va lisci con una donna che ti rifiuta. Si fa la liscia sulla neve e, appunto, si balla il liscio in balera. Eppure si avverte qualcosa di "ruvido" nel Liscio, temi musicali ricorrenti fino all'irritazione, melodie facili, enfatiche, passaggi fatalmente privi di finezza. E qui la metafora mostra crepe, perché in scultura o in pittura, la parola liscio si lega al termine raffinato... Si capirà dunque come l'occhio critico dell'artista-fotografo abbia voluto - e saputo - cogliere le mille contraddizioni metaforiche di un "genere musicale" come il liscio in questa sua straordinaria passerella di icone - anzi di "aicons, alla mericana" - che saltellando fra grafica del folklore e folklore della grafica, senza altra collocazione che il puro divertimento, evocano, a dispetto di ogni senso del ridicolo, il ricordo tenero e nostalgico di chi in quelle balere ha ballato e gioito. Prefazione di Massimo Pulini e postfazione di Mario Turci.

Le avventure di Mowgli

Kipling Rudyard
Guaraldi

Non disponibile

10,00 €
E' la storia di un bambino, Mowgli, che viene rapito dal suo villaggio da una tigre, Shere Kan, e portato nella giungla indiana. Sfuggito alla tigre viene accolto da una lupa, Kaksha, che lo alleva insieme ai suoi cuccioli. L'orso Baloo e la pantera nera Baghera saranno i suoi maestri di vita. Un giorno Mowgli ritrova sua madre e, ritornato tra gli uomini, diventa guardiano di bufali. Costretto dagli eventi a ritornare nella giungla, porterai suoi amici lupi la pelle di Shere Kan come trofeo.

La cultura come mente collettiva e...

Lotman Jurij M.
Guaraldi

Non disponibile

6,00 €
Nella presente comunicazione vengono presi in esame i risultati delle ricerche contemporanee nel campo della semiotica applicata alla cultura e il loro significato in rapporto al problema dell'intelligenza artificiale. Lo studio della struttura semiotica della cultura, intesa come meccanismo della mente collettiva, e l'analisi della "memoria della cultura", coscome dei meccanismi di elaborazione di nuovi dati informativi, ci mettono in grado di misurare i rapporti tra la cultura, la mente individuale e i meccanismi dell'intelligenza artificiale.

Foto-grafia. L'underground degli...

Conti Giorgio
Guaraldi

Non disponibile

6,00 €
... Anni ?80. Un gruppo di giovani creativi riminesi, quelli presenti in questa pubblicazione, si cimenta con i linguaggi postmoderni, con sperimentazioni artistiche, rendendo compossibili questi linguaggi con nicchie della pubblicità e dei Media. Sarebbe anacronistico definirli underground, non sono invisibili e non appartengono ai circuiti solo off. Organizzano esposizioni, danno immagini inusuali ai locali più trendy della Riviera. Tra questi, lo Slego una casa del popolo che stagionalmente si trasforma nella discoteca, definita da The Times: "The best Rock Club in Italy".

Italia mia

Grittani Franco
Guaraldi

Non disponibile

12,00 €
"In questa seconda edizione della raccolta 'Italia mia', l'autore amplia un lavoro nato dall'accostamento di poesie in lingua italiana e poesie in dialetto barese e napoletano... Sia nelle prime che nelle seconde è tutto un susseguirsi di palpiti che danno vita e luce all'opera: palpiti per la Patria, palpiti per una Società che si vorrebbe vedere sana e responsabile, palpiti di ammirazione per la Natura, palpiti dello spirito proteso a Dio, e palpiti d'Amore..."

Immagini del mondo

Grittani Franco
Guaraldi

Non disponibile

12,00 €
"L'idea di contenerlo tutto. Di prenderne finché ce n'è. Di non darlo mai per scontato. Di assaporarne ogni sfaccettatura. È il mondo, inteso propriamente nella sua vastità geografica, del poeta Franco Grittani che, in questa raccolta di versi, celebra lo stupore del viaggio, la conquista di nuovi paesaggi, il privilegio di prendersi del tempo per vivere e condividere 'l'esperienza del nuovo'. Intesa ogni volta come punto di partenza per ricominciare una scoperta interiore e accorgersi che il posto più vicino, se sconosciuto, è anche quello più lontano".

Icona Rimini. Venti anni di grafica...

Serafini M.
Guaraldi

Non disponibile

6,00 €
... Una città che si esponga per essere "consumata", quale suo prodotto deve mettere in vendita, quale parte di sé deve mostrare? E se questa ipotetica città è Rimini - contraddittoria, "plurima", "liquida", attraente, reazionaria, rivoluzionaria, "amerikana", comunista, consumista, visionaria, patetica, poetica e molto altro ancora (metropoli paesana e "tenero scarabocchio" di Fellini) - quali aspetti, tra i tantissimi possibili, dovrà privilegiare per far breccia nel mercato mondiale del turismo, sempre più agguerrito, competitivo, globalizzato? (...) Ogni manifesto dà una visione parziale, soggettiva ma autentica: singole particelle di verità che, accumulandosi negli anni, e per approssimazioni successive, tendono a dare, di Rimini, una immagine, per quanto possibile, vicina alla verità...

Nostalgia di infinito. Esplorazioni...

Guaraldi

Non disponibile

9,50 €
Questo Quaderno rappresenta il primo di una serie sul tema del rapporto tra psicoanalisi e fede, due ambiti ritenuti in passato contrapposti sulla base delle posizioni freudiane di matrice positivistica, nettamente critiche verso ogni forma di religione e di religiosità. Oggi la psicoanalisi è in grado di affrontare questi temi senza pregiudizi pro o anti religiosi. L'argomento di questo primo Quaderno è quello della nostalgia di infinito e della speranza nell'"oltre": sono due sentimenti che appartengono all'esperienza umana, ma che la superano, l'uno con lo sguardo rivolto al passato, l'altro con lo sguardo rivolto al futuro, partendo entrambi dal vissuto dell'indistinto originario, quell'"oceano" uterino da cui veniamo ed al quale aspiriamo a tornare. In un contesto sociale pervaso da molteplici situazioni di disperazione e da acuti conflitti che insidiano la convivenza civile, il sapere della psicoanalisi, insieme ad altre forze vitali, è chiamato a decrittare la modernità: si tratta di una psicoanalisi aperta al futuro e al piacere della conoscenza.

Il respiro del tempo

Sanarica Donatella
Guaraldi

Non disponibile

12,00 €
Il romanzo "Il respiro del tempo" è la storia di Gloria, una giovane ricercatrice e pedagogista, che rivela alcuni episodi del suo passato e del suo presente con spirito acceso e coinvolgente, nelle ampie vedute che descrivono il suo carattere e quello di coloro che hanno vissuto esperienze legate alla sua, con approfondimenti umani e scenari luminosi che toccano l'intera opera, ingredienti che la porteranno verso un futuro dalle tante novità in compagnia di un alter ego e di altrettanti personaggi dalle caratteristiche peculiari. è importante dare un significato al tempo e sentirne il suo respiro, intervenendo senza esitazione e misurando se stessi con slanci che richiedano impegno nel seguire le proprie passioni, mantenendo nel cuore quelle preziosità da non perdere come parte integrante dell'esistenza. Donando e amando, si affrontano piccole sfide che offrono il vero piacere della conquista, con un equilibrio di forze che vincono le incertezze da cui siamo pervasi.

Sul rancore. Riflessioni...

Secchi Cesare
Guaraldi

Non disponibile

22,00 €
Si dice che il rancore sia lo stato affettivo dominante del nostro tempo: l'individuo sperimenta sempre di più un senso di avversione verso gli altri che, nella sua prospettiva, appare come la logica e naturale reazione ad un torto che egli è convinto di aver ricevuto con l'intenzione deliberata e malevola di mortificarlo. L'azione di rivalsa nei confronti del presunto offensore è tuttavia tendenzialmente inibita, generando un assetto mentale stabile e compatto, in prevalenza inconscio, che lo obbliga a restare in perenne contatto con il proprio "oggetto" interno. In questa sua ricerca, Cesare Secchi prende in esame lo stato d'animo designato appunto come "rancore", a partire da quattro storie cliniche nelle quali vergogna e invidia sembra assumano un ruolo importante.

Il «De vita Mosis» nel suo contesto

Baretta Manuela
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
Pochi autori possono vantare di aver dato origine a una bibliografia tanto vasta quanto Filone, una bibliografia che spazia tra i più disparati ambiti delle scienze umane, dalla filosofia alla storia della religione, all'ermeneutica biblica, senza dimenticare la storia dell'Egitto, del popolo giudaico, dell'impero romano. Merito del pensiero originale, della varietà dei temi affrontati, della luminosa complessità, talvolta perfino contraddittoria, delle risposte suggerite di fronte ai tanti quesiti posti dal testo biblico. All'interno del suo corpus, il "De vita Mosis" è una delle opere più controverse, per quanto riguarda il numero di libri, il genere, la collocazione all'interno del corpus filoniano, i destinatari.

Filone di Alessandria: crisi e...

Mazzanti Angela Maria
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
La "Legatio ad Caium", pur non essendo identificabile come un saggio "storico" ha, insieme all'"In Flaccum", una sua singolarità nel complesso dei trattati composti da Filone di Alessandria. La narrazione è incentrata sugli avvenimenti drammatici inerenti alla persecuzione degli ebrei in Alessandria negli anni 38-40 d.C. Si potrebbe parlare di testimonianza di una situazione di "crisi", usando un termine che attualmente ha assunto significati polivalenti e che è peraltro attestato dagli studiosi come definizione delle problematiche circostanze in cui versarono gli ebrei? Quali valenze individua in primis il lemma krisis nel lessico filoniano? La "crisi" implica il manifestarsi di una krisis esistenziale e storica di cui Filone esprime nella "Legatio" una chiara consapevolezza?

De re militari. Editio MMXVIII

Valturio Roberto
Guaraldi

Non disponibile

49,00 €
È un trattato sull'arte militare che dovette costituire un punto d'orgoglio per tutto il mondo culturale e scientifico della città romagnola e nello stesso tempo vantare un alto grado di rappresentatività presso le altre Signorie e domini. Il testo aveva sostanzialmente lo scopo di celebrare Sigismondo come il solo condottiero dei suoi tempi comparabile per virtù ai grandi uomini d'armi dell'antichità. Il testo pare in realtà più attento al lessico che alla tecnica militare, volto a descrivere le doti del condottiero e l'importanza per lui di discipline quali la filosofia, la storia, l'astronomia, la conoscenza delle leggi. Le illustrazioni hanno più un valore "esemplare" che tecnico, in certi casi risultando rappresentazione di macchine dal funzionamento improbabile. Ma se è arbitrario pensare alle illustrazioni come a dei progetti reali e le figure abbiano spesso, non a caso, una componente fantastica, non v'è dubbio che esse possono considerarsi, nel campo della meccanica del tempo, le più dirette fonti di ispirazione delle celebri macchine leonardesche e della successiva tecnologia bellica.

Filone, il «De Vita Mosis» e i...

Zamagni Claudio
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
Il rapporto tra Filone di Alessandria e i Padri della Chiesa, o meglio, tra questi e quello, rappresenta un argomento molto vasto, che è già stato affrontato in una cospicua monografia da David Runia. In questa sede ho pensato di analizzare due tra gli aspetti che mi paiono più significativi per esemplificare questo scambio, e cioè da un lato la rappresentazione che di Filone propone Eusebio di Cesarea, che rappresenta mi pare un punto di sintesi fondamentale nel panorama della letteratura cristiana antica, e, dall'altro lato, le particolarità della Vita di Mosè, testo tra i più fortunati di Filone, e la sua influenza nell'insieme della letteratura cristiana antica.

The beauty of solitude

Di Cicco Naldini Donatella
Guaraldi

Non disponibile

9,90 €
Solitudine e essere soli si possono considerare sotto vari aspetti, di frequente come momenti disagevoli ai quali si vorrebbe sempre sfuggire. Ma esiste anche una solitudine che può essere sperimentata come positiva capovolgendo i caratteri propri della sua negatività, con la consapevolezza di una realtà che sappiamo essere inevitabile. Si tratta di percorrere un cammino che inizia dall'infanzia e procede per tutta la vita. Un cammino proficuo attraverso il dialogo con se stessi, alla ricerca di una vera identità, una sana autostima, in armonia con il mondo che ci circonda. Anche soli ma non dispersi nella solitudine; soli ma liberi e aperti alla vita.

Filone, l'eredità del tardo antico...

Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
Quando mi è stato chiesto di discutere degli influssi di Filone di Alessandria sul pensiero islamico, ho effettuato qualche ricerca specifica e ho potuto concludere che, di fatto, essi non esistono. Almeno direttamente. L'orma filoniana non sembra apparire né nelle diatribe apologetiche tra cristiani e musulmani nel VII-VIII secolo, né nel processo di formazione della teologia islamica in senso proprio, il kalàm, con le due correnti maggiori della Mùtazila e dell'Asharismo. Se però consideriamo Filone nel contesto del tardo platonismo, allora la prospettiva cambia, almeno in parte. Il Neo-platonismo, più precisamente, marcato soprattutto da Plotino, ha infatti fortemente influito sullo sviluppo della filosofia islamica, la fàlsafa . Questo è un dato di fatto storiografico ormai più che acquisito. Qui si tratta, piuttosto, di ampliare il nostro punto di vista considerando, lato sensu, la questione dello sviluppo dell'idea monoteistica nel contesto del cosiddetto "Tardo Antico".

Mosè, legislatore e profeta in...

Bendinelli Guido
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
Il Mosè di Filone e quello di Origene, i due grandi alessandrini alle prese con il massimo rappresentante della tradizione ebraica, quali i punti di contatto, quali le diversità, quanto dell'ebreo è recepito nel cristiano, quanto della tradizione giudaica è confluito in quella ecclesiale. È il programma del presente intervento, che muovendo da VM di Filone e dalle molteplici testimonianze a suo riguardo disseminate nella sua opera, si porrà alla ricerca di queste tracce in Origene. Che il cristiano conoscesse Filone è dato indiscusso, come attestano i rimandi anonimi, oltre a quelli espliciti, che Origene subisca l'influenza dell'ebreo filosofo e interprete della Scrittura, a livello di metodologia esegetica, concezioni teologiche, ideali spirituali, è stato ampiamente dimostrato da vari autori. La figura di Mosè non permette di riprendere l'intero novero di questi motivi, ma certamente fa affiorare molti di questi temi.

Filone e il dialogo tra le culture....

Simeoni Francesca
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
Nel 2008, proclamato dalla Commissione europea "Anno europeo del dialogo interculturale", il Consiglio d'Europa ha definito il dialogo interculturale come: "un aperto e rispettoso scambio di punti di vista tra individui e gruppi appartenenti a culture differenti, che conduce ad una comprensione più approfondita della percezione globale dell'altro". È su questo aspetto che tenterò di concentrarmi: sul valore che la figura di Filone di Alessandria può rivestire per il dialogo tra le culture e sulla pratica di interculturalità che egli ci consegna nelle fonti rimasteci. Cercherò di perseguire questo obiettivo, però, guardando a Filone con occhio carico di alterità, ossia con occhio esterno. Non da una prospettiva interna all'ebraicità dell'autore, ossia a partire dall'alveo culturale nel quale si situa la sua identità più profonda, le sue convinzioni religiose e valoriali, legate eminentemente alla Torah e alla sua interpretazione, bensì a partire dalla sua configurazione come filosofo, come voce autorevole nel panorama filosofico della sua epoca.

Realtà e metafora dello spettacolo...

Lugaresi Leonardo
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
In un autore "di frontiera" qual è Filone di Alessandria, di fede ebraica e al tempo stesso di cultura greca, un tema come quello degli spettacoli, che è centrale nella società e nella cultura ellenistico-romana ma sostanzialmente estraneo alla tradizione biblica, potrebbe sembrare a prima vista irrilevante, se non di ostacolo a quella fertile mescolanza tra i due mondi che egli in tutta la sua opera persegue, e forse per questo motivo esso è stato finora relativamente poco considerato dagli studiosi. In realtà, il giudaismo del suo tempo, sia quello palestinese che ancor più quello della diaspora, aveva già dovuto fare i conti con la pervasiva influenza dei ludi su tutti gli aspetti della vita sociale dell'impero romano e anche nella riflessione filoniana i riferimenti all'agone e al teatro, sia come pratiche reali sia nella loro valenza metaforica, giocano un ruolo tutt'altro che marginale e danno lo spunto a sviluppi importanti del suo pensiero.

L'esegesi Filoniana dall'inconro di...

Gargiulo Massimo
Guaraldi

Non disponibile

5,00 €
Il contesto all'interno del quale il presente contributo si inserisce è incentrato soprattutto sulle potenzialità di Filone alessandrino di continuare ad essere un modello per il dialogo interculturale e interreligioso, con l'attenzione rivolta in special modo al suo Mosè. Tenterò di perseguire tale linea di ricerca attraverso le Quaestiones in Genesim e in Exodum, un'opera, meno nota e studiata delle altre filoniane, che, avendo la forma di domanda e risposta, è essa stessa un serrato dialogo tra chi pone il quesito, dietro il quale l'autore può senz'altro celare un appartenente ad altra cultura o religione, e l'esegeta - Filone appunto - che risponde e chiarisce. Inoltre le "Quaestiones" possono essere un buon punto di osservazione anche per un altro loro aspetto generale, vale a dire l'estrema varietà dei quesiti e dei tipi e metodi delle risposte: in essa Filone mette in mostra la propria capacità di attingere a forme, idee e contenuti, i più vari e di varia provenienza, con un'attitudine veramente versatile e dialogica.