Assistenza sociale per i bambini

Filtri attivi

I figli dei nemici. Eglantyne Jebb....

Milano Raffaella
Rizzoli 2019

Disponibile in libreria  
BIOGRAFIE STORIA

19,00 €
Nel 1919 in Europa si muore di fame. La guerra è finita, ma il blocco degli aiuti alimentari imposto dai vincitori ai Paesi dell'Europa centrale prosegue. Solo in Germania si contano settecentomila morti per denutrizione, e ovviamente i bambini sono i più colpiti. "Non posso avere nemici che abbiano meno di sette anni" dichiara George Bernard Shaw quando quello stesso anno aderisce al Fight the Famine Council, il comitato inglese che nasce per aiutare i Paesi sconfitti. L'anima del comitato è Eglantyne Jebb, una giovane insegnante che di lì a poco fonderà Save the Children. La "fiamma bianca", la chiamano i suoi amici: "Un viso che fa parlare l'anima e la voce delicata, senza clamore, che si fa ascoltare da tutti, e che non sa dire altro che la verità". All'evento di presentazione della nuova organizzazione, il pubblico arriva armato di mele marce da tirare in faccia ai "traditori": l'Inghilterra ha perso nella Grande Guerra mezzo milione di uomini sotto i trent'anni, non è il momento di occuparsi dei nemici, né dei loro figli. Eglantyne però è una combattente straordinaria e, nonostante il patriottismo cieco che prevale su tutto, raggiunge dei risultati che ancora oggi appaiono impensabili. "Le donne sono in grado di cambiare l'intero corso della storia del mondo" ha scritto Eglantyne. E lei ci ha davvero provato. In una ricostruzione che si avvale di lettere, diari e documenti inediti, Raffaela Milano attraversa i primi decenni del Novecento per raccontarci la vita di una donna rivoluzionaria che ha sfidato il suo tempo in nome di un unico principio - "Salvarne il più possibile" - e che nel 1924 getterà le basi della Dichiarazione dei diritti del fanciullo: non per il suo buon cuore, ma perché è un investimento per il futuro. Con un occhio al presente, perché molto di quello che racconta ha a che fare con le emergenze del mondo di oggi.

Dalla tua parte. La voce del minore...

Benzoni S.
Erickson 2019

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
A partire dall'esperienza clinica, psicogiuridica e didattica degli autori, "Dalla tua parte" risponde alle numerose domande dei professionisti che svolgono il lavoro di curatore speciale. Un incarico che richiede competenze eclettiche, una sensibilità umana spiccata e una capacità «speciale» nel dar voce alla storia del minore, mediandone la relazione con il tribunale. Un libro incentrato sull'esperienza della difesa minorile, dedicato a tutti gli operatori che la vivono, dagli avvocati fino ai giudici.

Famiglie interrotte. Relazioni...

Benatti
Franco Angeli 2019

Disponibile in libreria  
FAMIGLIA PSICOLOGIA

26,00 €
La famiglia in "crisi", specialmente nel momento in cui attraversa la separazione o il divorzio, presenta spesso peculiari caratteristiche e dinamiche relazionali capaci di originare effetti acuti e/o cronici sui singoli membri della famiglia e, soprattutto, sui figli. Triangolazioni e conflitti inter-genitoriali possono influire direttamente o indirettamente nell'adattamento dei bambini e possono influenzare la qualità della relazione genitore-figlio, producendo spesso disagi che compromettono le relazioni affettive significative che li riguardano. La sfida per i professionisti che, a diverso titolo, operano in questo terreno relazionale consiste nello studio di queste dinamiche allo scopo di costruire e consolidare nuove teorie e modelli di intervento, che permettano di accompagnare i membri della famiglia nell'attraversare le diverse fasi di cambiamento e nelle, spesso inevitabili, disfunzionalità ad esse connesse. In quest'ottica, il testo, vuole proporre con un'impostazione teorico-pratica spunti utili per una riflessione clinica e psicogiuridica sui meccanismi e le dinamiche che si innescano con l'evento separativo. Gli autori illustrano, in linea generale, teorie e studi sul tema delle disfunzionalità familiari e alcuni modelli relativi all'adozione di azioni volte a salvaguardare i diritti dei figli, riportando esemplificazioni di casi e di interventi utili alla famiglia in difficoltà relazionale. Vengono descritti protocolli di intervento per la presa in carico della famiglia separata, che si configurano come tecniche di risoluzione alternativa delle controversie di relazione coniugale, co-genitoriale e di quella parentale. Altri programmi presentati, di tipo psicoeducativo, esperienziale e terapeutico (in particolare nel mondo anglosassone), si propongono l'obiettivo della riunificazione relazionale favorendo una connessione reciproca tra genitori e figli in un setting ricostruttivo, riattivando la responsabilità genitoriale, favorendo la correzione di credenze non adattive e l'emersione di sentimenti e di vissuti genuini. Il libro si rivolge ai professionisti che lavorano in ambito clinico privato o pubblico nei Servizi sociali, in quello giuridico, agli avvocati e agli specializzandi dei corsi di psicologia giuridica.

Liberi di scegliere. La battaglia...

Di Bella Roberto
Rizzoli 2019

Disponibile in libreria  
CRIMINALITA' ORGANIZZATA

18,00 €
Violenza, onore, omertà sono i codici della 'ndrangheta. All'interno delle famiglie rispettarli è un dovere che non si discute. Le madri crescono i figli per consegnarli a un mondo fondato su questi valori, i figli sanno che un giorno dovranno fare il mestiere dei padri. Una catena familiare che si tramanda solida, affidabile, generazione dopo generazione. Roberto Di Bella, giudice minorile a Reggio Calabria, in venticinque anni ha processato prima i padri, poi i loro figli. Sempre per gli stessi reati. Ha visto ragazzi che avevano ancora una luce nello sguardo procedere inesorabilmente verso una vita adulta fatta di violenza e carcere duro. E ha capito due cose. La prima è che la 'ndrangheta non si sceglie, si eredita. La seconda è che non voleva più stare a guardare. Bisognava dare a questi ragazzi una possibilità. Farli tornare liberi di scegliere. Mostrare loro altri mondi, altre vite, un futuro ritagliato sui loro sogni e non sulle richieste di una società criminale. E l'unico modo per farlo era allontanarli dalla Calabria, dalla ragnatela di ricatti, pressioni, allusioni che il loro nucleo familiare avrebbe messo in atto. Un percorso non sempre semplice, anzi, spesso faticoso e doloroso, ma che ha restituito a molti ragazzi la possibilità concreta di una vita diversa da quella segnata dal carcere e dalla violenza dei loro padri. Roberto Di Bella in queste pagine ci racconta come è maturata in lui questa scelta, le reazioni dei ragazzi, la collaborazione, inaspettata, di molte madri. Un'esperienza vissuta giorno dopo giorno che nel tempo ha dato vita a un protocollo oggi adottato anche in realtà diverse dalla Calabria.

Quando la ruota girava....

Coggio Sondra
Giacché Edizioni 2019

Disponibile in 3 giorni

19,90 €
Questo libro ci apre le porte di un fondo archivistico della Provincia della Spezia, mai catalogato e mai aperto al pubblico prima d'ora. È uno spaccato di storia ricostruito attraverso l'analisi di migliaia di schede relative ai neonati "esposti", quei piccoli che le madri senza mezzi e senza alternative affidavano alla "ruota in legno", strutturata in modo da permettere loro di non essere riconosciute. Dall'altra parte c'erano le balie, pronte a nutrire i bambini, cui venivano imposti nomi di fantasia, nomi che mutano secondo il gusto e la visione del tempo. Il materiale analizzato copre oltre un secolo di storia, a partire dalla metà dell'800, dall'epoca dell'ospizio dell'infanzia abbandonata fin quasi ai nostri giorni. Operavano allora sul territorio più orfanotrofi e brefotrofi le cui schede, compilate da sindaci e parroci, si trovano in quest'archivio, composto da decine e decine di faldoni, in parte deteriorati. La varietà dei documenti spazia dalle sommarie descrizioni dei bambini che le balie raccoglievano dalla ruota fino ai trattati di pedagogia del tempo. Di grande interesse è la corrispondenza fra i commissari che gestivano il servizio, scelti fra la nobiltà, e le madri quasi analfabete, che cercavano invano di conoscere il destino dei propri figli. Un libro ricco di storia e di emozioni: di grande suggestione sono i "segni", gli oggetti tagliati a metà, che le mamme nascondevano nelle fasce dei neonati, con la speranza di poterli ritrovare. Santini, medagliette, bottoni, minuscoli quadrati di stoffa ricamata che le donne avrebbero voluto rimanessero ai propri figli. Così non fu. I "segni" sono infatti ancora oggi custoditi nei fascicoli personali degli "esposti", che mai li hanno visti. Eccoli, riaffiorare dal passato. Ecco le loro storie...

La valutazione del minore nei casi...

Camerini G. Battista
Hogrefe 2018

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
I fenomeni del maltrattamento all'infanzia hanno visto un periodo in cui prevalevano una visione e una gestione emotiva per arrivare solo poi a una visione più tecnica e professionale. Tuttavia, l'accresciuta sensibilità sociale e l'aumento delle richieste di intervento e di valutazione da parte di professionisti avanzate dalla magistratura e dai servizi sociali, hanno creato una sorta di autonomia interpretativa e di conseguenza un'altrettanto pericolosa e spesso autoreferenziale metodologia nelle procedure di assessment. Questo vademecum risponde ai dubbi e alle domande che i professionisti potrebbero avere nel momento in cui si trovano ad affrontare situazioni di valutazione di minori maltrattati ed abusati, e a dover seguire metodologie condivise da protocolli nazionali ed internazionali. Il volume, svolto con la formula della domanda e risposta, fa chiarezza su procedure di assessment, contesti e modalità operative, sui rischi insiti in questo tipo di valutazione, sul ruolo atteso del professionista. Il testo è arricchito di riferimenti alle sentenze più significative e alle linee guida ufficiali, in particolare la Carta di Noto IV, qui riportata per intero.

Orfani speciali. Chi sono, dove...

Baldry Anna Costanza
Franco Angeli 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Si stima che in Italia in 15 anni (2000-2014) ci siano stati 1.600 nuovi casi di orfani che hanno perso la madre perché uccisa dal padre, poi suicida o successivamente detenuto. Minori o già maggiorenni, sono "orfani speciali" perché sono speciali i loro bisogni, i loro problemi, la condizione psicosociale in cui si trovano. In un attimo la loro vita è stata stravolta come in un terremoto. Non solo: come in una guerra, l'omicidio è stato spesso solo l'epilogo di continue violenze domestiche. Questi orfani vivono un trauma complesso di cui fino a oggi non ci si era mai occupati. L'Italia è il primo paese ad avere approvato una legge ad hoc che cerca di fornire risposte per rendere la vita di questi orfani e di chi se ne prende cura un po' meno difficile. Anna Costanza Baldry, che ha contribuito a far conoscere il problema e ha sostenuto l'approvazione della legge fino ai suoi ultimi passaggi, tratta qui il tema in maniera scientifica e tecnica, presentando tra l'altro i risultati della prima indagine nazionale, realizzata anche grazie al progetto europeo Switch-off e in collaborazione con la rete DiRe (Donne in Rete), che ha permesso di conoscere questi orfani, i loro affidatari e i professionisti che a vario titolo si sono occupati di loro per capire chi sono, dove sono, come stanno e stilare delle ipotesi strategiche ed efficaci di intervento. In questa nuova edizione sono stati inseriti i cambiamenti di legge. L'approfondimento giuridico di Carla Garlatti, presidente del Tribunale per i Minorenni di Trieste, arricchisce la cornice normativa all'interno della quale si muovono altre azioni. Un testo che vuole aiutare gli operatori della giustizia e dei servizi sociali, gli insegnanti e le famiglie che si occupano di loro a conoscerli e comprenderli, fornendo un know-how per la valutazione, l'intervento e l'adozione di protocolli per la gestione dei singoli casi e la riduzione del danno secondario indotto.

I nostri bambini meritano di più

Pignotti Maria Serenella
Libellula Edizioni 2018

Disponibile in 3 giorni

32,00 €
"Nel sociale, nei tribunali, ho visto bambini trattati come pacchi postali: spostati, messi, lasciati, chiusi, minacciati, senza un ascolto, una comunicazione, una informazione, un minimo accoglimento, senza alcuna vera partecipazione alle decisioni che li riguardano, a onta di normativa internazionale e dati di seri studi scientifici. Trattati con violenza, con una violenza che è palesemente e drammaticamente violenza ma viene considerata atto educativo, per il loro 'migliore interesse'. Bambini come sacchi di iuta, pieni di niente, resettabili, cambiabili, spostabili, secondo le esigenze dell'adulto di turno. Senza la minima considerazione della loro opinione, senza che sia dato alcun peso alle loro parole. Alla loro affettività, alla loro paura. Niente! Fascicoli con timbri, firme e protocolli! E tutto nel loro supremo interesse. Bambini che cambiano scuola, amici, maestre, pediatra, residenza, custodia, città, di punto in bianco, senza avere alcuna voce in capitolo, senza mai essere sentiti, o sentiti per finta;tanto non sta a loro decidere. Bambini trattati come oggetti di cura, non come soggetti da curare, privati di qualunque autonomia, di qualunque possibilità di dire la propria opinione o di essere almeno in parte uditi, ascoltati, accolti. Privati totalmente anche di una semplice parvenza di ascolto; umiliati, privati della dignità di persona umana, proprio come non fossero persone."

Cresci con me

Palagi Marco
Giovane Holden Edizioni 2018

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
"Cresci con me" è un atto di amore. La testimonianza di un volontario attivo che ha sperimentato sulla propria pelle le difficili condizioni in cui versano molti bambini a Sighet, cittadina della Romania ai confini con l'Ucraina. Marco Palagi, da due anni nelle fila di Time4life, ha affrontato parecchie missioni di aiuto e sostegno a due case-famiglia: quella di suor Bianca e quella di suor Adriana. Qui, bambini di età variabile, dalla prescolare all'ultima classe delle elementari, in balìa di una famiglia spesso non in grado di supportarli, per sopravvivere e sperare in un possibile futuro si affidano alla bontà di due religiose infaticabili e di un gruppo di volontari che non si risparmia pur di assicurare loro cibo, riscaldamento e affetto. Sfogliando le pagine del libro, che raccoglie foto dei bambini di volta in volta alloggiati nelle case-famiglia, si ha la sensazione di assistere a un percorso di crescita lungo il quale l'adulto impara dal bambino e viceversa a fidarsi e affidarsi e soprattutto ad amare senza riserve. Eppure, come precisa l'autore nella sua lettera aperta al lettore, una cosa è raccontare quest'esperienza un'altra è immergersi nella realtà di Sighet e lasciare che colpisca i tuoi sensi con gli odori, i colori, i movimenti, le vicinanze e le distanze, le voci, i silenzi, gli sguardi. Una sensazione quasi ossimorica schiaffeggia il lettore di fronte alle smorfie divertite dei bambini, alle partite di calcetto: gesti uguali a quelli dei nostri figli e nipoti, solo che non ci sono mamme trepidanti o papà orgogliosi, ci sono solo i volontari. Che li amano immensamente.

Minori in affido a scuola....

Casaschi Cristina
Studium 2016

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Che cos'è l'istituto dell'affido familiare? Solo una formula giuridica o anche pedagogica? È sempre esistito, e come? Perché riguarda solo i minori? Qual è il suo fine? Come si giunge ad una decisione di questo genere? Come si accoglie in casa o a scuola un minore in affido? Perché in un modo e non in un altro? Come si affrontano, e perché, i problemi e le risorse di un minore in affido nei luoghi più importanti dell'educazione, cioè in famiglia, a scuola, nei gruppi di coetanei, nella comunità? In che senso l'osservazione pedagogica e gli strumenti narrativi diventano strategie metodologico-didattiche importanti nel governo, nella promozione e nella valutazione della qualità educativa di un affido? Sono le domande principali a cui risponde questo volume dedicato all'esplorazione di un tema pressoché trascurato nel panorama editoriale italiano. In questo modo, l'autrice ha inteso sostenere i genitori affidatari e gli insegnanti nel ricercare con intenzionalità, flessibilità, responsabilità e grande competenza i percorsi di personalizzazione degli interventi educativi e didattici richiesti in generale per tutti i ragazzi, ma in maniera peculiare per i minori in affido.

L'attenzione per la fragilità....

Cavagnoli Paolo
Fondaz. Museo Storico Trentino 2016

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Volume che ripercorre la storia dell'Associazione provinciale per i problemi dei minori, nata a Trento nel 1976 dalla volontà di offrire risposte concrete ai gravi problemi posti dai minori in stato di bisogno familiare e personale.

Mamme dentro. Figli di donne...

Forcolin Carla
Franco Angeli 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Quando una donna ha commesso un reato e deve scontare una pena in carcere, i suoi figli, se non hanno padri o altri parenti disponibili ad accoglierli ed educarli, possono seguirla. In tal caso, inevitabilmente i bambini ne risentono. Le forme e i modi della loro sofferenza dipendono molto, oltre che dai rapporti familiari, dalle nostre leggi e dalla loro attuazione. Attraverso la prospettiva particolarissima, ma non banale, di 12 anni di volontariato associativo nel carcere femminile di Venezia, questo tema viene affrontato con concretezza. Con esempi di vita realmente vissuta, si prospettano problemi e si propongono soluzioni possibili, anche se mai semplici, perché semplice non è la situazione di questo spaccato di umanità, che non possiamo e non vogliamo ignorare. I figli dei carcerati non solo non devono pagare gli errori di padri e madri, ma devono anche essere messi nelle condizioni di non ripeterli. Il volume si rivolge a tutti gli operatori del settore, ma anche a tutti coloro che vogliono saperne di più circa il modo in cui il nostro paese ha risolto e intende risolvere l'annosa questione della reclusione degli innocenti per antonomasia: i bambini piccoli.

Oltre l'assistenza. Lavoro e...

Cenedella C.
Vita e Pensiero 2015

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
Il lavoro manuale è presente spesso nella storia degli istituti per minori, dagli orfanotrofi alle case per bambini e ragazzi abbandonati e 'derelitti', come modalità di impiego disciplinato degli ospiti e anche a beneficio dei bilanci dell'ente. Dal Sette-Ottocento il lavoro assunse gradualmente finalità nuove e lo scopo 'industriale' di laboratori e officine degli enti assistenziali si venne riducendo, mentre ci si propose - anche nel confronto con esperienze e modelli stranieri - una vera formazione professionale. Questa era diretta non solo a permettere l'apprendimento di un mestiere manuale e facilitare il collocamento lavorativo, obiettivi che pure restavano tra gli scopi degli istituti; ma anche a valorizzare le attitudini e i talenti dei giovani assistiti e dare loro maggiori opportunità mediante una buona qualificazione professionale. Le esperienze e le immagini contenute nel volume raccontano di scuole-officina volte a formare sarte e sarti, calzolai, falegnami-ebanisti, meccanici ecc., di navi asilo, di colonie agricole e di corsi professionali nei riformatori. Già prima che il lavoro dei minori fosse vietato per legge in Italia, in vari enti il lavoro degli allievi fu accantonato e gli istituti si orientarono ad ampliare l'istruzione degli alunni e a potenziarne le opportunità mediante la formazione professionale. Un processo che, muovendo dall'infanzia povera e 'irregolare', contribuì all'affermazione di un sentimento dell'infanzia...

«Social link». Ricerche e azioni...

Salmieri L.
Maggioli Editore 2015

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
In molti Paesi europei con una storia multiculturale più consolidata della nostra il ricongiungimento dei minori stranieri è stato associato ad un'integrazione sociale di successo. In effetti quando i membri di una famiglia hanno la possibilità di ritrovarsi, il nostro immaginario rimanda ad una storia a lieto fine. Tuttavia, il ricongiungimento spesso non è che una tappa di un processo indefinito di spostamenti e ricuciture: la famiglia migrante è sempre più presa da ostacoli e vincoli che si frappongono all'integrazione, come un elastico pronto a spezzarsi perché teso tra pressioni transnazionali su cui si plasmano vecchie e nuove strutturazioni dei rapporti di genere e generazionali e su cui insistono pratiche e politiche di stampo illiberale. A ciò si aggiunge la scoperta che, riunita la famiglia, non tutto si incastra alla perfezione: il ricongiungimento apre a nuove dimensioni difficili, proiettando il minore in un mondo nuovo e complesso in cui di riflesso sono catapultati anche i genitori. Diversi nuovi problemi che toccano la vita quotidiana, l'inserimento scolastico, la socializzazione nel gruppo dei pari, la crescita adolescenziale e la transizione alla vita adulta, in un contesto totalmente nuovo, danno luogo a crescenti preoccupazioni circa l'effettiva e sostanziale qualità del benessere di genitori e figli.

La valutazione sociale delle cure...

Cheli M.
Franco Angeli 2015

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Questo manuale è rivolto agli operatori impegnati nei servizi di protezione dell'infanzia e dell'adolescenza nel difficile compito di valutare, per sostenere, le capacità genitoriali nei casi di rischio evolutivo e di pregiudizio. Il suo scopo è quello di fornire strumenti evidence-based attraverso l'illustrazione di casi esemplificativi, focus d'attenzione e concrete raccomandazioni derivanti dall'esperienza professionale. Esso si propone di diffondere strumenti solidi e validati attraverso una ricerca-azione sulla casistica che ha visto il diretto coinvolgimento di un folto gruppo di assistenti sociali e di arricchire, in tal modo, la "cassetta degli attrezzi professionali" di chi, quotidianamente, svolge questa complessa professione. È noto che la valutazione delle cure parentali è un ambito multidisciplinare che dovrebbe garantire una "equipe minima di lavoro" e spazi per sviluppare e mantenere un'attitudine riflessiva sugli interventi. Questo manuale è un'utile guida anche per tutti coloro (psicologi, educatori professionali, insegnanti, avvocati, magistrati) che non hanno perso la curiosità verso il lavoro interdisciplinare in un ambito professionale d'intervento che comporta, oggi, molte sfide.

La visita domiciliare in tutela...

Cabiati Elena
Erickson 2014

Disponibile in 3 giorni

9,00 €
Nel lavoro di tutti i giorni di un assistente sociale, può sembrare che manchi il tempo per prepararsi adeguatamente a una visita domiciliare. Ma in particolare nella tutela minorile occorre mostrare competenza, cura dei dettagli e flessibilità. Su cosa bi

Il progetto educativo nelle...

Bastianoni Paola
Erickson 2014

Disponibile in 3 giorni

9,00 €
Nella vita quotidiana delle comunità per minori vanno contrastate le logiche istituzionalizzanti e si deve promuovere un approccio centrato sulle relazioni interpersonali. Mantenendo l'attenzione sul preminente interesse del minore, si può costruire un'all

Il bambino in pezzi. Ricomposizioni...

Chinosi L.
la meridiana 2014

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
"Il bambino in pezzi raccoglie il pensiero di mondi tra loro lontani, che si occupano della tutela dei minori. Sono contesti che, pur interfacciandosi, spesso non si conoscono direttamente. E, nella distanza tra loro, matura e prende forma la difficoltà di comunicare. Abbiamo allora cercato di accorciare questa lontananza, avvicinandoli tutti insieme al bambino che ha bisogno di un intervento che lo tuteli nei suoi diritti. Abbiamo chiamato a raccolta accademici e famiglie solidali, avvocati e operatori, professionisti del sociale e utenti, volontari e specialisti. La tutela del minore è un sistema complesso, ma è ancor più complesso fare sistema. Una pluralità di attori entrano nella vita privata di una famiglia. Ognuno con il suo codice linguistico, culturale, emotivo. Ognuno parla, decide, decreta, legifera, progetta e nell'insieme l'intervento può diventare una Babele. Ognuno parla e nessuno sembra semplicemente ascoltare l'altro. Ognuno afferma il suo pensiero e non sempre è in grado di decentrarsi per comprendere la logica altrui. Ognuno afferma e si comporta come se conoscesse la verità, ma la difficoltà risiede proprio nell'assumere un atteggiamento di ricerca per avvicinarvisi, pur sapendo di non possederla. Abbiamo quindi letto attacchi, fughe, assenze, ritardi, ritiri. Confusioni come normali pezzi di un processo che non riesce e non può essere lineare. Ed è questo il messaggio che il libro vuole trasmettere...." (dall'introduzione)

Case management domiciliare: il...

Pinto R.
Di Girolamo 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Gli home maker sono figure di accompagnamento che, grazie a interventi a domicilio e a seguito dell'inserimento nel contesto familiare, sono in grado di migliorare la vita delle persone afflitte da disagio e a prevenire l'escalation dei processi espulsivi intrafamiliari, disincentivando la domanda di istituzionalizzazione. Sempre più spesso, infatti, le famiglie non riescono a sostenere il carico emotivo e psicologico di gravi casi di disagio o malattia dei loro congiunti, trasformando la difficoltà in assenza di speranza, fino all'epilogo dell'istituzionalizzazione dell'ammalato. La figura dell'home maker si ispira al principio del case-management, in una visione unitaria che comporta la presa in carico del disagio, garantendo sostegno educativo ai minori, supporto psicologico e terapeutico ai pazienti psichiatrici e non, tutoraggio alle famiglie, con un congruo risparmio anche in termini di spesa sanitaria. Il metodo, già sperimentato con successo, integra l'approccio sistemico e quello psicoanalitico, in modo da trasformare le configurazioni relazionali e contestualmente analizzare i vissuti e superare le barriere difensive.

I figli perduti. La ricostruzione...

Zahra Tara
Feltrinelli 2012

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
Nel secondo dopoguerra un numero senza precedenti di minori era separato dalla famiglia in Europa. Si trattava di un'autentica emergenza umanitaria. C'erano bambini nei campi di concentramento, in orfanotrofi o campi per profughi, alcuni senza casa, altri lontani dalla patria in quanto adottati o sfollati, altri ancora reclamati dal loro paese o coinvolti nelle deportazioni. Molti erano ebrei, sopravvissuti all'Olocausto o salvi perché nascosti e in esilio. Furono in tanti - educatori, psicologi, politici, militari, operatori sociali di varie nazionalità -a prendersene cura. Si cercò di soccorrerli, durante e dopo la guerra, offrendo loro assistenza materiale e riabilitazione psicologica. E ci si scontrò per decidere la sorte delle nuove generazioni, da cui dipendeva il futuro dell'Europa. I figli perduti, con originalità, studia la ricostruzione europea nel collasso generale di valori e gerarchie tradizionali scegliendo il punto di vista dell'infanzia dispersa. Inizia dalle prime forme di soccorso umanitario all'infanzia (nei casi del genocidio armeno, del primo dopoguerra o della guerra di Spagna), si concentra poi sulla seconda guerra mondiale e in particolare sul dopoguerra, sino alla guerra fredda. Analizza le politiche per l'infanzia, fondate su differenti teorie psicoanalitiche e su opzioni anche opposte - familistiche per gli anglo-americani e collettivistiche per i sionisti -, ma comunque declinate in termini nazionali.

Organizzare le case famiglia....

Saglietti Marzia
Carocci 2012

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
Impostato come guida per gestire un buon intervento socio-educativo in favore dei minori fuori famiglia, il volume cerca di rispondere ad alcuni interrogativi non ancora risolti: si fa famiglia nelle comunità? Quali sono i criteri per distinguere e valutare un buon intervento di comunità? Decisamente innovativo per lo sguardo "dall'interno" (documentato attraverso interviste, osservazioni etnografiche e video-riprese), il libro propone precisi modelli di intervento e di analisi delle interazioni sociali. A partire da un'ampia etnografia organizzativa di tre strutture romane, il volume esplora i modelli e le variabili strutturali delle comunità e il complesso rapporto con la famiglia d'origine e analizza le interazioni discorsive nei momenti di vita quotidiana. Le attività degli educatori, gli strumenti di lavoro, i discorsi dei ragazzi e dei loro genitori si trovano così a mettere in pratica un sistema che "fa famiglia", alla luce di una nuova concezione delle case famiglia come luoghi di interazioni resilienti, aperte e co-evolutive. L'obiettivo del volume è, infatti, quello di proporre un insieme di buone pratiche aperte alle comunità per minori e, in generale, a tutti i servizi educativi e assistenziali per l'infanzia.

Bambini e famiglie in difficoltà....

Bertotti Teresa
Carocci 2012

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
Come aiutare le famiglie in difficoltà i cui comportamenti mettono a rischio i bambini? Quali sono i criteri da adottare per decidere se segnalare una situazione alla magistratura? Come rendere compatibile l'aiuto alla famiglia con la protezione dei bambini? Quali nuove responsabilità deve assumere l'assistente sociale per i cambiamenti del sistema di welfare, la contrazione delle risorse e l'incremento delle difficoltà delle famiglie? Il libro intende rispondere a queste domande attraverso una disamina degli elementi teorici e di base che influenzano le attività di protezione dell'infanzia, presentando gli esiti di una ricerca qualitativa sui dilemmi etico-professionali affrontati dagli operatori. Un ampio inquadramento metodologico considera le diverse fasi del rapporto dell'assistente sociale con la famiglia: dall'accoglienza della domanda alla progettazione degli interventi, alla segnalazione al tribunale e alle azioni nel contesto giudiziario. Il volume è rivolto agli operatori in servizio, ma anche ai responsabili dei servizi stessi e agli studiosi che desiderano conoscere aspetti meno visibili del lavoro degli assistenti sociali. È utile anche agli studenti per apprendere le modalità d'intervento in un ambito complesso.

Welfare e minori. L'Italia nel...

Minesso M.
Franco Angeli 2011

Disponibile in 3 giorni

44,50 €
Le politiche di Welfare per i minori, l'iniziativa della classe dirigente al riguardo, le normative, gli assetti istituzionali, la capacità di spesa si trovano oggi al centro di una riflessione più generale sulla trasformazione e la ricalibratura del Welfare, resasi necessaria a fronte dei cambiamenti sempre più repentini della società che hanno investito l'intero mondo occidentale negli ultimi decenni. Il presente volume affronta questo tema di grande attualità, intervenendo in un campo d'indagine ancora scarsamente esplorato da parte della storiografia italiana. Le origini, lo sviluppo e i caratteri delle politiche sociali promosse in Italia a favore delle generazioni più giovani nel corso del XX secolo, sono stati ricostruiti in un confronto con alcuni tra i principali sistemi di Welfare elaborati nel resto dell'Europa occidentale. Nell'analisi del caso italiano interagiscono le chiavi di lettura rappresentate dalla storia politica (filosofia e iniziative perseguite dalle classi dirigenti nazionali), dalla storia istituzionale e sociale (legislazione, nuovi enti e professioni, ruolo di enti locali, privati e associazioni) e dalla storia economica (consistenza della spesa pubblica impegnata). Lo sviluppo del Welfare nel Novecento italiano è uno degli assi centrali lungo i quali si dipana la nostra storia nazionale nel XX secolo.

Presa in carico e intervento nei...

Mariani E.
Erickson 2009

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Questa ricca raccolta di strategie di intervento per il trattamento riabilitativo dei disturbi dello sviluppo ospita i contributi di numerosi professionisti che svolgono la loro attività clinica all'interno di équipe interdisciplinari e che sono quotidiana

Dall'istituto alla casa....

Macario G.
Carocci 2008

Disponibile in 3 giorni

17,50 €
Casa Bambini è una realtà viva e pulsante dell'Istituto degli Innocenti di Firenze. Erede della radice storica dell'accoglienza all'infanzia abbandonata avviata dall'Ospedale rinascimentale, non ha residui del vecchio assistenzialismo che, pur accogliendo i bambini, li separava dal resto del mondo e li istituzionalizzava. La trasformazione di Casa Bambini è in atto da quasi vent'anni. E segue percorsi di innovazione e riprogettazione educativa dinamicamente legati alla crescita dell'Istituto degli Innocenti e delle sue varie attività di documentazione, formazione, ricerca e sperimentazione pedagogica. Il volume racconta l'evoluzione della Casa che appare oggi ancor più significativa dopo la chiusura degli istituti per l'infanzia decretata a fine 2006. Il testo, a cura di Giorgio Macario, presenta la testimonianza di Margherita Bernoni, per vari decenni responsabile della Casa, e due ampi saggi di Andrea Canevaro e di Piercarlo Pazè.

Sabina Santilli. Figlia della notte...

Doni Elena
Ianieri 2007

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
All'età di sette anni, aveva perso la vista e l'udito in seguito a una meningite. Ha voluto vivere, agire, imparare, lavorare, invece di spegnersi a poco a poco come accade spesso a chi è colpito da menomazioni terribili, e dare coraggio ad altri ciechi e sordi come lei; e ad altri, ancora più sfortunati, che ciechi e sordi dalla nascita non avevano neppure imparato a parlare. "Aveva la luce dentro". Venne a conoscenza di un istituto che accoglieva e faceva studiare i bambini ciechi: era il Regina Margherita di Savoia, appena aperto per l'instancabile insistenza di una straordinaria figura di educatore cieco, il prof. Augusto Romagnoli. Con Romagnoli, Sabina aveva imparato il francese, in seguito volle imparare l'esperanto, l'inglese e il tedesco. Un prezioso contatto con il mondo fu costituito per Sabina dalle tante riviste alle quali era abbonata. Aveva imparato bene la dattilografia e la corrispondenza di Sabina si era fatta sempre più intensa: lei rispondeva puntualmente a tutti, offrendo il suo sostegno. Venne così a conoscenza del fatto che molti di loro erano abbandonati al Cottolengo e qualche volta anche in manicomio. Per il confronto tra quanto si faceva all'estero ed il quasi nulla che c'era in Italia, prese forma in Sabina l'idea di farsi lei stessa promotrice di un'iniziativa nazionale a favore dei sordo-ciechi. Nacque così nel 1964 la Lega del Filo d'Oro.

A quattordici smetto

Pomodoro Livia
Melampo 2005

Disponibile in 3 giorni

12,50 €
Storie di ragazzi sotto i quattordici anni. Storie di immigrazione e di solitudine. Di giustizia e di ingiustizie. Di violenze da togliere il fiato. Di prostituzione, di stupri, di furti, di illusioni ferite. Anche di adozioni finite male. E a volte di riscatto... Livia Pomodoro racconta un mondo scoperto ed esplorato anche grazie al suo lavoro e alla sua passione civile. E offre lo spaccato di una realtà "invisibile", immersa in una quotidianità che suscita rabbia e smarrimento. Dodici storie contro la distrazione, per consegnare alla coscienza di tutti una amara verità che ha la forza, dura e struggente, della vita.

Dalla parte dei bambini. Per...

Andreoli Vittorino
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2002

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
"Questo libro si occupa in particolare dei bisogni e della protezione dei bambini da zero a dieci anni, ovvero dalla nascita alla soglia della pubertà. È rivolto naturalmente ai genitori e agli educatori, in quanto responsabili diretti dello sviluppo psichico e fisico dei bambini e della loro crescita armoniosa e felice. Ma vorrebbe parlare a tutti coloro che si sentono di condividere l'impegno fondamentale di difendere i figli di questa società dalle insidie e dai rischi che possono metterne in pericolo la salute, l'equilibrio nonché la vita. Questo libro è frutto dell'esperienza clinica e del contatto diretto con le realtà variegate di centinaia e centinaia di famiglie." (Vittorino Andreoli)

Il bambino ecologico

De Luca A.
Stampa Alternativa 2001

Disponibile in 3 giorni

1,00 €
Il disagio psico-fisico che l'infanzia manifesta nei confronti dello stile di vita della società dei consumi è un allarme rispetto alla compatibilità del modello post-industriale con il benessere delle generazioni future. Forse siamo ancora in tempo ad ascoltare i bambini e le migliaia di specie che scompaiono ogni giorno per salvare insieme a loro anche gli adulti e il pianeta. Il silenzio di un bambino può essere assordante per chi sa acoltare, come il vuoto di una foresta che scompare per chi sa guardare. La raccolta informale di questi contributi e pensieri sul bambino ecologico non si propone come uno studio sistematico bensì come un contributo libero alla riflessione e all'impegno di tutti per migliorare la nostra situazione.

I nostri bambini meritano di più

Pignotti Maria Serenella
UmbertoSoletti Editore

Non disponibile

17,50 €
"Ecco cosa ho visto, appena fuori dal mio Ospedale, bambini privati del loro bene più grande: la mamma e, in senso più lato, della famiglia. A tutto dispetto delle svariate Convenzioni e normative che dichiarano come il bambino debba crescere nella famiglia dove è nato o, se non ce l'ha, in un'altra famiglia. Ma in una famiglia, non in un istituto. Dichiarazioni che tutelano il diritto agli affetti, all'integrità psicofisica, alla crescita armonica, alla protezione dalla violenza. Nel sociale, nei Tribunali, invece, ho visto bambini trattati come pacchi postali e come oggetti di cura, con violenza e senza nessun rispetto per la loro dignità: sempre e solo con la scusa del "migliore interesse" del bambino, naturalmente..."

Bulli, cyberbulli e vittime....

Foschino Barbaro Maria Grazia
Franco Angeli 2019

Non disponibile

30,00 €
Il bullismo è indice di un malessere sociale in crescente aumento, che si traduce in una serie di comportamenti aggressivi di tipo abusivo in ambito giovanile. È un fenomeno antico che, tuttavia, sta assumendo nuove sfumature e specificità alla luce dei continui cambiamenti della società. La veloce evoluzione tecnologica ha infatti portato al rapido sviluppo, tra gli adolescenti, di una nuova forma di prevaricazione, il cyberbullismo, che si realizza attraverso l'impiego dei sistemi telematici. Il volume offre sul tema una prospettiva innovativa e multidisciplinare presentando una visione globale di tutte le questioni attinenti la materia, affrontate sotto l'aspetto psicologico, socio-educativo e giuridico. Il testo inoltre, rappresenta un prezioso approfondimento specialistico perché propone modelli concettuali e strumenti operativi per contrastare sul piano psicosocio-educativo e giuridico un fenomeno online e offline così dilagante. Nella prima parte del volume, dopo una narrazione storica sulle concettualizzazioni riguardanti il bullismo e il cyberbullismo, si approfondisce il funzionamento psicologico di tutti i protagonisti coinvolti nel fenomeno: autori, vittime, spettatori, contesti di vita sociale, familiare e scolastici. È presentata, inoltre, una rassegna di programmi e metodologie di prevenzione nonché protocolli evidence based di presa in carico psico-sociale e di psicoterapia per gli autori, le vittime e le famiglie. La seconda parte dell'opera, invece, affronta il tema delle responsabilità civili, conseguenti al compimento di atti di bullismo e di cyberbullismo, e quello del relativo risarcimento dei danni, patrimoniali e non, patiti dalle vittime. Conclude il volume un dettagliato quadro delle normative nazionali e regionali vigenti in materia, nonché di tutte le proposte di legge territoriali in corso di approvazione.

L'educatore a domicilio. Tra...

Tabacchi Alessia
EDUCatt Università Cattolica 2019

Non disponibile

15,00 €
Il presente lavoro mira ad indagare il sostegno offerto alle famiglie attraverso gli interventi educativi a domicilio, ambito in cui si riscontra una costante richiesta da parte degli Enti locali. I servizi sociali territoriali ricorrono all'intervento domiciliare sia come forma preventiva sia come misura di sostegno alla famiglia, laddove vi siano elementi di pregiudizio o di disagio manifesti. In questa sede si è scelto di parlare di "intervento educativo a domicilio", definizione che apre lo sguardo all'intera storia familiare. La famiglia, seppur in difficoltà, è esperta della propria vita e, mediante un adeguato sostegno, può trovare in sé risposte efficaci e creative alle difficoltà che incontra. Il lavoro a domicilio assume, pertanto, funzione di supporto al nucleo che sta vivendo un momento di difficoltà, al fine di suscitare e favorire la messa in gioco delle risorse e delle potenzialità possedute. La ricerca si dipanerà nel tentativo di delineare gli elementi significativi per un'adeguata formazione dei professionisti che operano a domicilio, con l'auspicio di accrescere la consapevolezza sociale circa l'alta valenza preventiva di tali forme di sostegno alla famiglia.

«Gli assistenti sociali non rubano...

Giordano Marco
Punto Famiglia 2019

Non disponibile

15,00 €
Chi è dunque l'assistente sociale? Un missionario? Un rivoluzionario? Un politico? L'assistente sociale è un professionista dell'aiuto che opera in un tempo, di crisi e di evoluzioni, che gli chiede di approfondire ed attualizzare la sua missione, mettendo in campo una continua capacità di innovazione e di inventiva e stimolando processi capaci di far avanzare il benessere delle singole persone e dell'intera polis.

Tutela minorile e processi...

Secchi Giammatteo
Franco Angeli 2019

Non disponibile

19,00 €
Nell'ambito della tutela minorile è difficile aprirsi al concetto di "partecipazione": questo perché, molto spesso, l'operatore sociale è chiamato a intervenire per tutelare il fanciullo dai suoi stessi familiari. Paradossalmente, proprio attraverso il richiamo alla partecipazione, che implica riassunzione di responsabilità, è possibile riabilitare le risorse di quei familiari che, pur amando i propri figli, a volte agiscono in maniera non tutelante. Il testo, supportato da una base teorica e metodologica, esplicita proposte innovative per un approccio partecipativo negli interventi di tutela, differenziandole in relazione ai diversi momenti: dalla fase precedente la segnalazione fino al procedimento avviato; dalla emissione del decreto giudiziario fino all'eventuale decisione dell'allontanamento del bambino/ragazzo. Vengono inoltre presentate tracce operative tratte dall'esperienza pluridecennale della Cooperativa sociale "La casa davanti al sole" di Varese. Il testo si rivolge ad assistenti sociali, educatori, facilitatori, consulenti sociali, operatori di advocacy, mediatori familiari, operatori del servizio tutela, riunendoli sotto il comune denominatore di "operatori sociali".

Il diritto d'asilo. Report 2018....

Fondazione Migrantes
Tau 2018

Non disponibile

20,00 €
Il volume presenta l'analisi annuale sul mondo dei richiedenti asilo, promossa da Fondazione Migrantes. All'interno della cornice dei suoi studi che trattano specificatamente la mobilità umana, la Fondazione Migrantes, all'inizio del 2017, dedica un'analisi specifica al mondo dei richiedenti asilo, partendo da una prospettiva storica che cerca di "afferrare" i tempi e le cause di un fenomeno che accompagna, da sempre, la cosiddetta "era delle migrazioni". Esso, di recente, è ripreso, rendendosi visibile e allarmando, complice sicuramente una consistenza numerica più importante e una informazione volta spesso più a "preoccupare" che a "informare". Se c'è un limite che il testo tenta di superare è il fermarsi ai numeri della questione e alla loro "gestione". Rispondendo all'appello di papa Francesco si cerca di dare un volto alle storie, a cominciare dai minori non accompagnati a cui si dedica una sezione specifica. Le pagine qui presentate restituiscono una storia diversa con protagonisti e tappe di cui poco si parla, ma che diventa imprescindibile conoscere non solo per restituire verità alle situazioni, ma anche per capire una serie di eventi diventati recentemente, e non sempre purtroppo positivamente, cardini imprescindibili per le politiche e le azioni adottate dai diversi Stati europei.

Gli occhi più azzurri. Una storia...

Cappiello S.
La Città del Sole 2018

Non disponibile

20,00 €
A Napoli il Comitato per la salvezza dei bambini, organo del Partito Comunista Italiano, si costituì nel 1946 e compì una grande opera di solidarietà civile: organizzò il soggiorno di più di dodicimila bambini napoletani presso famiglie del Nord, meno colpite da fame e stenti. Queste partenze hanno salvato e cambiato molte vite. Sorsero comitati a Roma, a Cassino, e poi in Calabria, Sardegna, Sicilia... in totale i bimbi del Sud temporaneamente spostati al Nord in circa due anni e mezzo furono 70.000. Questa è la loro storia.

Per un bambino

Marozzi Bonzi Paola
Europa Edizioni 2018

Non disponibile

14,90 €
Aborto sì? Aborto no? Una conquista, per alcuni. Una sconfitta, per altri. Discuterne è difficile, perché le argomentazioni finiscono inesorabilmente per spaziare ed estendersi ad aree molto più vaste, dalla religione alla politica, fino alla cultura, rendendo complesso ogni contraddittorio. Complesso, sì, ma non impossibile. Paola Marozzi Bonzi ha le idee molto chiare e, come lei, grandi nomi che hanno sposato la stessa causa: la vita è vita, deve essere difesa a qualunque costo... L'autrice di questo libro, però, non è semplicemente una delle tante voci di un coro indistinto. Lei è una donna che tocca con mano questa realtà ogni giorno, vivendola intensamente e conoscendola come poche altre persone possono affermare di conoscerla. Il CAV (Centro di Aiuto alla Vita) per cui lavora è operativo da oltre trent'anni, cosa che le ha permesso di entrare in contatto con una grande quantità di esperienze, qui raccontate.

I fiói de la roda dell'Istituto...

Fornasier Giorgio
Ist. Bellunese Ricerche Soc. 2018

Non disponibile

15,00 €
"I fiói de la roda" porta un titolo che per molti è quasi un indovinello. Chi saranno questi fiói? La risposta è piuttosto triste, poiché il volume racconta la storia della roda, cioè di quella bussola posta davanti alla chiesa di Loreto a Belluno, dove venivano introdotti nottetempo i bambini rifiutati dalle mamme. Il volume racconta la storia di questi bambini, precisandone specialmente il loro numero, la provenienza, la condizione delle mamme e delle successive balie, ecc. Come si arguisce da tutto questo, l'opera colma una lacuna nella nostra conoscenza storica non solo della città ma di tutta la provincia. Infatti i bambini esposti venivano non tanto dalla città, ma specialmente da Agordo, Cadore, Comelico, ecc. Il volume mette in evidenza anche la bontà della gente di chiesa che si prestava affinché questi esseri indifesi potessero sopravvivere.

Tutela senza confini per i minori...

Peris Cancio Lluís Francesc
Maggioli Editore 2018

Non disponibile

25,00 €
I minori stranieri non accompagnati sono titolari dei diritti in materia di protezione dei minori a parità di trattamento con i minori di cittadinanza italiana o dell'Unione europea. Questo il primo articolo di una legge importante, la legge n. 47/2017 (Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati) che costituisce una svolta storica per l'Italia. E che è anche la prima legge su questo tema in Europa. È un tentativo rilevantissimo di attribuzione di diritti ai minori stranieri non accompagnati e della loro tutela, con una sostanziale equiparazione ai minori italiani, ma con un'attenzione e un riconoscimento alle particolari vulnerabilità che presentano. I minori non accompagnati sono infatti soggetti tre volte fragili, perché sono: di minore età, stranieri, soli. La realizzazione di un intervento di qualità in loro favore presuppone il superamento della prospettiva eurocentrica e l'avviamento di percorsi di collaborazione con la famiglia nel paese di origine. La disamina del contenuto della legge - di grande utilità per operatori, studiosi, volontari, tutori - è il punto di arrivo del volume, che presenta dati di ricerca, analisi sociali, racconti, a fornire un quadro di uno dei fenomeni più critici, variegati e delicatissimi della società di oggi, come quello delle migrazioni umane e in particolare delle migrazioni di minori.

La tutela sociale e legale dei...

Ceccarelli Elisa
Franco Angeli 2018

Non disponibile

26,00 €
I principi che regolano il diritto minorile sono anzitutto materia d'interpretazione da parte dei magistrati ma la loro conoscenza è necessaria anche nella formazione degli operatori. Le storie problematiche dei minori e delle loro famiglie mettono infatti in luce l'importanza dell'interazione tra saperi diversi e funzioni distinte. Il libro si propone di fornire una panoramica delle norme, anche con casi esemplificativi e una lettura multidisciplinare, analizzando le difficoltà e le conseguenze della loro applicazione e mostrando cosa accade nella vita e nella mente dei bambini e dei loro genitori. Per questa ragione il testo ha adottato una forma originale rispetto ad altri manuali di diritto: espone i molteplici interventi che possono essere messi in atto tenendo conto della condizione esistenziale del bambino o dell'adolescente e le possibili diverse implicazioni. Il manuale si rivolge agli operatori che si occupano della tutela e della cura dei minorenni: assistenti sociali, educatori, psicologi e avvocati che, nella loro pratica professionale, si confrontano con situazioni complesse e con responsabilità gravose. Può interessare anche a tutti coloro che si occupano a vario titolo di bambini e ragazzi, in particolare gli insegnanti.

Home visiting. Un modello...

Pedrocco Biancardi Maria Teresa
Franco Angeli 2018

Non disponibile

18,00 €
Il Cismai - Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'Abuso all'Infanzia - da 25 anni si occupa della violenza fisica, emotiva, sessuale, assistita, educativa che bambini e ragazzi possono subire in famiglia. Questi eventi si traducono in una gamma di esperienze traumatiche che producono, nel delicato percorso evolutivo della personalità infantile o adolescenziale, difficoltà e ritardi a livello intellettivo, emotivo e sociale spesso con carattere di cronicità. Il pensiero della prevenzione è stato sempre presente ai professionisti e ai servizi pubblici e privati Cismai (a oggi 104), consapevoli della necessità di dare priorità ad azioni che intervengano prima che si sviluppi il maltrattamento. La svolta decisiva si è verificata nel 2006, quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato il documento Preventing child maltreatment: a guide to taking action and generating evidence, che individuava nell'home visiting uno strumento efficace di autentica prevenzione. Il Cismai ha quindi istituito sul tema una Commissione Scientifica i cui componenti, già in fase di elaborazione e formulazione delle linee guida, hanno iniziato la sperimentazione del metodo per valutarne concretamente l'efficacia, nella consapevolezza che non è più possibile definire interventi preventivi, pur sempre indispensabili, che arrivino dopo che il bambino ha già subito qualche esperienza negativa in famiglia. Sono state quindi elaborate le "Linee Guida per gli interventi di home visiting come strumento nella prevenzione del maltrattamento intrafamigliare all'infanzia", che questo libro approfondisce e spiega nella sua interezza, oltre a contenerle in Appendice. Il primo volume della collana Cismai - che ha l'obiettivo di implementare gli scambi di pensiero scientifico e di esperienze fra soci e con il mondo scientifico circostante - contiene uno spazio introduttivo e una breve rivisitazione, a cura dell'attuale Presidente Gloria Soavi, di questi primi 25 anni di vita del Coordinamento. La presentazione delle linee guida è arricchita dal contributo di Marianna Giordano, membro attivo del comitato scientifico che ha prodotto le linee guida.

Il Centro Diurno polifunzionale per...

Mariano Barbara
Edisud Salerno 2018

Non disponibile

15,00 €
"Il Centro Diurno ha raccolto molti bambini del Comune di Battipaglia (Sa), dai quattro anni fino alla maggiore età, che hanno partecipato alle attività, favorendo così la socializzazione tra i pari e lo sviluppo dell'apprendimento in un ambiente semiresidenziale..."

Le radici del futuro. Venticinque...

Bertotti T.
Carocci

Non disponibile

11,30 €
II testo prende lo spunto dal venticinquennale del Centro per il bambino maltrattato (CBM) di Milano per ricostruire come, a partire dagli anni ottanta, si sia sviluppata in Italia una nuova sensibilità verso il delicato tema dei bambini vittime di violenze all'interno della famiglia e come, attraverso l'attività di accoglienza e cura dei bambini e delle famiglie, sia maturato uno specifico sapere teorico ed esperienziale nel trattare questa problematica.

Il diritto dì'asilo. Report 2017....

Fondazione Migrantes
Tau 2017

Non disponibile

20,00 €
All'interno della cornice dei suoi studi che trattano speci? catamente la mobilità umana, la Fondazione Migrantes, all'inizio del 2017, dedica un'analisi speci?ca al mondo dei richiedenti asilo, partendo da una prospettiva storica che cerca di "afferrare" i tempi e le cause di un fenomeno che accompagna, da sempre, la cosiddetta "era delle migrazioni". Esso, di recente, è ripreso, rendendosi visibile e allarmando, complice sicuramente una consistenza numerica più importante e una informazione volta spesso più a "preoccupare" che a "informare". Se c'è un limite che il testo tenta di superare è il fermarsi ai numeri della questione e alla loro "gestione". Rispondendo all'appello di papa Francesco si cerca di dare un volto alle storie, a cominciare dai minori non accompagnati a cui si dedica una sezione speci?ca. Le pagine qui presentate restituiscono una storia diversa con protagonisti e tappe di cui poco si parla, ma che diventa imprescindibile conoscere non solo per restituire verità alle situazioni, ma anche per capire una serie di eventi diventati recentemente, e non sempre purtroppo positivamente, cardini imprescindibili per le politiche e le azioni adottate dai diversi Stati europei.

La prevenzione del maltrattamento...

Pedrocco Biancardi M. T.
Franco Angeli 2017

Non disponibile

20,00 €
La prevenzione del maltrattamento familiare all'infanzia ha richiesto decenni di studi in tutto il mondo perché qualcuno riuscisse a porre il problema in questi termini. Arrivare a danno avvenuto significa rendere lunga e complessa la cura, intervenire ossessionati dall'urgenza compromettendo l'appropriatezza dell'intervento, trovarsi costretti talvolta ad adottare soluzioni drastiche e dolorose. Per evitare di ridursi a intervenire sul danno è indispensabile concentrare l'attenzione sul rischio. Ciò richiede anzitutto un salto di qualità nel modo di pensare il maltrattamento - risalendo alla natura di particolari condizioni di vita e alle situazioni esistenziali dei genitori che possono far prevedere difficoltà nella gestione della responsabilità genitoriale - e la promozione di un'organizzazione della tutela integrata tra gli ambiti sociali e sanitari, in grado di intervenire con il sostegno adeguato là dove si prospettano le prime difficoltà. In una parola, è necessario monitorare: conoscere la cultura, le abitudini, le credenze, le storie, gli stili di vita, i tabù presenti nelle popolazioni dei vari territori per ricavarne evidenze che possano indicare situazioni di rischio. L'obiettivo è quello di intercettarlo prima che possa evolvere in danno. Di questo si parla nel libro, presentando esperienze che possono incoraggiare un'evoluzione in ambito di prevenzione del maltrattamento all'infanzia e, conseguentemente, una riduzione delle situazioni che impongono il ricorso alla divisione dei figli dai genitori, per evitare, agli uni e agli altri, dolorosi vissuti di separazione.

Orfani speciali. Chi sono, dove...

Baldry Anna Costanza
Franco Angeli 2017

Non disponibile  
FAMIGLIA PSICOLOGIA

20,00 €
Si stima che in Italia in 15 anni (dal 2000-2014) ci sono stati 1.600 nuovi casi di orfani che hanno perso la madre perché uccisa dal padre, poi suicida o successivamente detenuto. Minori o già maggiorenni, sono "orfani speciali" perché sono speciali i loro bisogni, i loro problemi, la condizione psico-sociale in cui si trovano. In un attimo la loro vita è stata stravolta come in un terremoto, si sono trovati catapultati in un'altra realtà. Non solo: come in una guerra, l'omicidio è spesso solo l'epilogo di continue violenze domestiche. Questi orfani vivono dunque un trauma complesso di cui fino a oggi non ci si era mai occupati. L'Italia è il primo paese ad avere definito recentemente una legge ad hoc che cerca di ridurre i danni subiti e rendere la vita di questi orfani e di chi se ne prende cura un po' meno difficile. Anna Costanza Baldry, che ha contribuito a far conoscere il problema e ha sostenuto l'approvazione di questa legge, tratta il tema in maniera scientifica, presentando anche i risultati della prima indagine nazionale empirica, con interviste ai protagonisti e l'approfondimento di alcuni casi "simbolo" documentati dalla letteratura internazionale, realizzata anche grazie al progetto europeo Switch-off, con la rete DiRe (Donne in Rete). Con un approfondimento giuridico di Carla Garlatti, presidente del tribunale per i minorenni di Trieste. Un testo che vuole aiutare gli operatori della giustizia, dei servizi sociali, gli insegnanti, gli studiosi e le nuove famiglie che si occupano di questi orfani speciali a conoscere gli strumenti di intervento e ad adottare protocolli adeguati per la gestione dei casi.

Assistenza all'infanzia...

Citarella Luigi
CEDAM 2017

Non disponibile

20,00 €
Nel XIX secolo l'abbandono dei neonati, non solo illegittimi, era ampiamente diffuso e socialmente accettato in tutta l'Europa. Nel Regno di Napoli, durante il primo periodo borbonico, l'assistenza all'infanzia abbandonata, nonostante le spinte laiciste di Carlo, era ancora affidata alla Chiesa. Nel primo decennio dell'Ottocento il governo francese si mostrò più attento alla tutela dei disagiati e, in particolare, dei projetti. La normativa che regolava la loro accoglienza subì modifiche radicali. Invece di un'assistenza precaria, affidata principalmente alle opere caritative e religiose, si cercò di organizzare un sistema provinciale fortemente centralizzato. Il programma di assistenza fu confermato e ulteriormente rafforzato durante la restaurazione borbonica. I nuovi regolamenti, tanto accurati nel descrivere i bisogni dei projetti, risultarono ambigui nell'indicare i mezzi e le misure per soddisfarli. Accanto alla continua emergenza finanziaria l'altro grande problema era costituito dalla distribuzione degli ospizi e delle risorse sul territorio nazionale, che determinò lo sviluppo di alcuni centri di eccellenza, in particolare gli orfanotrofi di Giovinazzo e di San Ferdinando in Salerno, che escluse, però, alcune aree più povere del Regno come la Basilicata e la Terra d'Otranto. Se è vero che i benefici accordati dal governo al ramo assistenziale si tradussero nel primo quarto del XIX secolo in una marcata riduzione dei tassi di mortalità all'interno dei brefotrofi del regno, è anche vero che le idee innovative, che ispirarono le riforme dei primi decenni del secolo, furono sacrificate alle ineludibili ragioni della finanza pubblica. A subirne le conseguenze furono i bambini e specialmente le bambine abbandonate.

Per continuare ad amare. La tutela...

Verdicchia Danilo
Comunicando (Andria) 2017

Non disponibile

18,00 €
Si può essere buoni genitori, se si è ostinati ad amare i propri figli. La bigenitorialità è ancora una grande conquista da raggiungere in molte storie di separazione, ancor più quando la conflittualità mina i fondamenti del comune buon senso. Le professioni d'aiuto, se sanno investire in percorsi di autoformazione eccellenti, possono offrire supporto e coordinamento adeguati, per riappropriarsi di strumenti funzionali per educare ed amare i figli.

Un silenzio assordante. La violenza...

Romito Patrizia
Franco Angeli 2016

Non disponibile

29,00 €
Un'analisi delle violenze maschili su donne e minori, ma soprattutto dei meccanismi che la società mette in atto per ignorarle o per occultarle attivamente. Il libro descrive le relazioni tra le discriminazioni nei confronti delle donne e le violenze contro di loro, proponendo un modello per capire la violenza maschile al di là di facili interpretazioni in termini di "follia", "passione" o "istinti" degli aggressori. Propone poi degli strumenti interpretativi per analizzare le modalità di occultamento a livello individuale e collettivo: dalla strategia della legittimazione delle violenze, come il delitto d'onore, a quella della negazione, come nel caso dell'incesto.

Scuola e adozione. Linee guida e...

Chistolini M.
Franco Angeli 2016

Non disponibile

21,00 €
Il volume propone una riflessione sulle caratteristiche dell'esperienza scolastica del bambino adottato, soffermandosi sugli aspetti più rilevanti di un incontro spesso difficile; in particolare, viene analizzato il ruolo che la scuola ha (o dovrebbe avere) nella vita di un bambino adottivo, le diverse dimensioni che caratterizzano questo incontro, il modo in cui viene affrontata la sua storia personale, l'eventuale differenza etnica e le difficoltà di apprendimento.

Giustizia minorile e integrazione...

Dettori G. Filippo
Franco Angeli 2016

Non disponibile

21,50 €
La giustizia minorile si realizza mediante l'attivazione di processi di integrazione e inclusione sociale di bambini e ragazzi che hanno vissuto nell'incuria, nel disadattamento, nella sofferenza e nell'abbandono. Il suo ruolo si esplicita anche nel sostegno dato a famiglie multiproblematiche per assolvere ai loro compiti educativi, di sostegno e supporto alla prole. Il volume parte dall'esame di singole storie di bambini e ragazzi dalle quali traspare dolore, sofferenza, disagio e che, allo stesso tempo, denunciano l'incapacità degli adulti di educare, guidare e sostenere i minori durante la crescita e che può portare in alcuni casi anche alla destituzione dalla potestà genitoriale. Le diverse situazioni più volte richiamate nel testo mostrano il delicato ruolo del tribunale per i minorenni: assicurare i fondamentali diritti educativi personali di bambini, adolescenti e adulti partendo dai loro bisogni educativi speciali. Il libro approfondisce quindi alcuni temi ritenuti dall'autore particolarmente importanti per la comprensione del ruolo della giustizia minorile nel processo di integrazione sociale della persona: la competenza penale, civile e amministrativa del tribunale per i minorenni, i bisogni educativi del bambino e dell'adolescente in stato di deprivazione, le caratteristiche della devianza giovanile, il ruolo educativo della comunità per minorenni e dell'istituto penale minorile nel recupero del minore autore di reato.