Guerra Civile Spagnola

Active filters

Omaggio alla Catalogna

Orwell George
Guanda

Disponibile in libreria

20,00 €
Qualche mese dopo l'inizio della Guerra civile spagnola, lo scrittore e giornalista britannico Eric Arthur Blair, noto con lo pseudonimo di George Orwell, si reca a Barcellona con l'intenzione di scrivere degli articoli sulla drammatica situazione del Paese. Quasi subito, però, si unisce ai repubblicani, entrando a far parte delle milizie del poum. Dopo l'addestramento alla caserma Lenin, arriva la guerra di trincea, arrivano i combattimenti al fronte, finché durante un assedio viene ferito in modo grave; a quel punto torna a Barcellona e da lì si sposta poi in Francia. Dall'esperienza della guerra vissuta in prima persona nasce questo libro che è un diario, una cronaca quotidiana dei giorni trascorsi in Spagna, ma anche una eccezionale testimonianza della guerra contro Franco e del conflitto interno alla sinistra. Un racconto in presa diretta improntato alla semplicità e all'immediatezza, che si caratterizza come unico per la sua impareggiabile qualità narrativa, tanto da poterlo definire il punto generativo dei suoi due libri più celebri, La fattoria degli animali e 1984, dedicati al totalitarismo moderno. Introduzione di Marco Belpoliti.

Omaggio alla Catalogna

Orwell George
Guanda

Disponibile in libreria

20,00 €
Qualche mese dopo l'inizio della Guerra civile spagnola, lo scrittore e giornalista britannico Eric Arthur Blair, noto con lo pseudonimo di George Orwell, si reca a Barcellona con l'intenzione di scrivere degli articoli sulla drammatica situazione del Paese. Quasi subito, però, si unisce ai repubblicani, entrando a far parte delle milizie del poum. Dopo l'addestramento alla caserma Lenin, arriva la guerra di trincea, arrivano i combattimenti al fronte, finché durante un assedio viene ferito in modo grave; a quel punto torna a Barcellona e da lì si sposta poi in Francia. Dall'esperienza della guerra vissuta in prima persona nasce questo libro che è un diario, una cronaca quotidiana dei giorni trascorsi in Spagna, ma anche una eccezionale testimonianza della guerra contro Franco e del conflitto interno alla sinistra. Un racconto in presa diretta improntato alla semplicità e all'immediatezza, che si caratterizza come unico per la sua impareggiabile qualità narrativa, tanto da poterlo definire il punto generativo dei suoi due libri più celebri, La fattoria degli animali e 1984, dedicati al totalitarismo moderno. Introduzione di Marco Belpoliti.

Omaggio alla Catalogna. Testo...

Orwell George
GARZANTI

Disponibile in libreria

15,00 €
Ambientato durante la guerra civile spagnola, cui George Orwell partecipò in prima persona, Omaggio alla Catalogna è il racconto della dimensione più cruda e feroce della guerra, fatta di «proiettili rombanti e schegge d'acciaio», ma soprattutto di «fango, pidocchi, fame e freddo». L'esperienza del fronte, vissuta tra le file dell'esercito repubblicano contro il regime totalitario di Francisco Franco, si rivelò determinante per Orwell, che proprio in quest'occasione mostra di maturare per la prima volta il suo rifiuto e la sua condanna nei confronti dei governi autoritari. Pubblicato nel 1938, Omaggio alla Catalogna è una cronaca di straordinaria importanza e una testimonianza diretta del fermento che unì gli entusiasmi della sinistra europea prima dell'avvento dell'egemonia stalinista.

Garibaldini in Spagna. Storia della...

Puppini Marco
Kappa Vu

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
La guerra di Spagna scoppiò nel luglio 1936 dopo un fallito tentativo di colpo di stato militare contro il governo democratico della Repubblica spagnola. In seguito all'intervento dell'Italia fascista e della Germania nazista in appoggio ai militari, si trasformò in una guerra internazionale, militare e politica, che vedeva coinvolte tutte le maggiori potenze dell'epoca. Gli antifascisti italiani combatterono nel corso di quella guerra in prima linea, inquadrati nel battaglione e poi brigata Garibaldi, in seno alle Brigate Internazionali, che rappresentavano gli antifascisti di tutto il mondo, di diverse idee politiche, uniti nella lotta al fascismo. Questo libro racconta quell'epopea, l'eroismo di quei combattenti, ma anche i problemi e le crisi che si trovarono ad affrontare, in una lotta che aveva una valenza assieme nazionale ed internazionale. Quelle vicende fornirono un insegnamento importante qualche anno dopo per la Resistenza italiana.

La morte di Federico Garcia Lorca

Gibson Ian
Ghibli

Disponibile in libreria

15,00 €
All'alba del 19 agosto 1936 venne fucilato per mano dei suoi stessi connazionali l'uomo che incarnava più profondamente lo spirito poetico della Spagna. Federico García Lorca fu vittima di quella rivolta franchista che, con una brutale repressione, colpì la città andalusa di Granada. Quell'uomo, che abbracciò la Spagna con un amore che trascendeva la politica, era colpevole di essere stato avverso all'estremismo nazionalistico, al conformismo e all'intolleranza. Socialista, omosessuale e massone: questi erano stati i suoi presunti "crimini". Per anni il governo spagnolo ha nascosto la verità sulla sua morte. In questa ricostruzione dell'assassinio, Ian Gibson ripara quell'imperdonabile torto. Basato su numerose documentazioni e interviste, il libro di Gibson fa luce non solo sulla morte del grande poeta, ma anche sulla situazione politica in Spagna negli anni che precedettero la guerra civile, alla luce dei quali è possibile capire davvero quel che accadde a Granada nel 1936.

Il labirinto spagnolo. Max Aub,...

Piras Alessio
Oakmond Publishing

Non disponibile

14,50 €
La guerra che ha devastato la penisola iberica tra il 1936 e il 1939 ha rappresentato il primo capitolo di un conflitto più ampio, che ha dissanguato e ferito il continente europeo fino al 1945. La guerra di Spagna è stata una guerra mediatica, in cui centinaia di scrittori e intellettuali provenienti da tutto il mondo si sono impegnati in prima fila, lasciando in eredità un pesante bagaglio di diari, romanzi e poesie che costituiscono uno dei più importanti corpus di memoria storica su un avvenimento del XX secolo, secondo solo, forse, alla letteratura sui lager nazisti. Eppure, lo studio comparato della letteratura sulla guerra civile spagnola è stato solo abbozzato in pochi, sparuti, saggi, la maggior parte dei quali risalenti a qualche decennio fa. Il labirinto spagnolo. Max Aub, Ernest Hemingway, André Malraux e la Guerra Civile Spagnola, è un lavoro scientifico teso a recuperare quel filone della letteratura comparata per riportarlo ai temi attuali. Si tratta, come è noto, di un conflitto le cui ferite non sono mai state del tutto rimarginate, un conflitto che ha dato origine a una crisi migratoria di quasi mezzo milione di persone e che rimane un monito che la Storia ci obbliga a considerare quando cerchiamo di capire il nostro tempo.

Diario della guerra di Spagna

Weil Simone
Farinaeditore

Non disponibile

6,00 €
"Non amo la guerra ma ciò che mi ha sempre fatto più orrore è la posizione di coloro che si trovano nelle retrovie. Quando ho capito che nonostante i miei sforzi non potevo impedirmi di partecipare moralmente a questo conflitto, augurandomi ogni giorno e a tutte le ore la vittoria degli uni e la disfatta degli altri, mi sono detta che Parigi era per me la retrovia e sono salita su di un treno per Barcellona con l'intenzione di arruolarmi. Era l'inizio d'agosto del 1936."

La Spagna dei legionari

Rispoli Tullio
Solfanelli

Disponibile in libreria in 10 giorni

16,00 €
A ottant'anni dalla fine della Cruzada viene riproposto il diario di guerra del capitano Tullio Rispoli, avvocato penalista e volontario del CTV (Corpo Truppe Volontarie), che nella battaglia di Guadalajara (8-23 marzo 1937) meritò una medaglia di bronzo al valor militare. Uomo di raffinata cultura, Rispoli non descrive semplicemente gli aspetti bellici, ma si sofferma sullo spirito della popolazione che incontra nelle città liberate. Conosce, tra le altre, S. Sebastiano, Bilbao, Santander, Siviglia, Malaga, Saragozza, Pamplona: parla con militari e borghesi, con semplici popolani e noti professionisti, incontra ufficiali spagnoli e conosce addirittura i generali Moscardó, l'eroe dell'Alcazar, e Queipo de Llano, capo dell'Esercito del Sud, con il quale si trattiene a lungo.

Sul fronte di Gandesa. Volontari...

Giordana Gianpaolo
15,00 €
Unico e irripetibile esempio nella Storia, la guerra civile spagnola ha visto volontari di ogni nazione combattere fianco a fianco nelle Brigate internazionali per salvare la Spagna repubblicana dall'aggressione fascista. Delle oltre 40.000 unità combattenti, vi hanno partecipato anche 5000 italiani, soprattutto giovani usciti dalle schiere dell'emigrazione in Francia e dalle Americhe, consapevoli che le stesse energie sarebbero state poi necessarie per sconfiggere la dittatura in Italia. Risultato di una ricerca durata anni allo scopo di dare un volto, un nome e una voce ai coraggiosi "voluntarios de la libertad" del Canavese, Ciriacese e delle Valli di Lanzo, il libro di Gianpaolo Giordana offre la biografia di una trentina di questi coraggiosi, illustrandone per quanto è stato possibile ogni loro passo, nella breve o lunga vita che li ha consegnati alla nostra memoria. Uno scavo inedito e rigoroso che ha portato in superficie storie finora rimaste sepolte, che tuttavia avvertivano il dovere di essere raccontate.

Buenaventura Durruti. Cronaca della...

Paz Abel
Bepress

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Avventurosa e drammatica, quella di Buenaventura Durruti è la vita senza compromessi di un irriducibile rivoluzionario. Anarcosindacalista, svaligiatore di banche, agitatore politico, indomabile vendicatore del proletariato, ricercato dalla polizia di mezzo mondo e celebre capo della colonna che porta il suo nome, ha condotto la più implacabile guerra contro il capitalismo e le sue ingiustizie. Con una cronaca appassionante Abel Paz ha saputo ricostruirne la vita, tratteggiando un paesaggio umano fatto di politici corrotti, poliziotti asserviti al potere e pronti a usare la mano forte contro i dissidenti, sindacalisti impegnati a garantire il potere borghese e operai in rivolta. Al centro di questi intrigati fatti, la fuga tra Europa e America di Durruti che, tra una rapina e un'evasione, si incontra con i grandi rivoluzionari del suo tempo. Poi gli anni '30, l'antifascismo, la guerra civile spagnola e la creazione del Comitato centrale di Milizie antifasciste della Catalogna. E ancora il luglio 1936, quando a capo di 10000 anarchici, chiamati poi Colonna Durruti, ottiene numerose vittorie contro i franchisti sul fronte Aragonese. Fino all'ultimo spostamento verso la capitale Madrid, dove cadrà il 20 novembre. Abel Paz attraverso la biografia di un personaggio unico, ha racconatato le vicende di un'epoca.

Scrittura e violenza. Narrazioni...

Lodi Enrico
Medusa Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
La guerra civile un fenomeno specifico, ma anche esemplare di ogni altra forma di scontro bellico. E il rapporto fra letteratura e manifestazioni della violenza un altro luogo tipico della scrittura novecentesca. Il dato sorprendente che emerge da questo libro di Enrico Lodi la confutazione della tesi che violenza e cultura siano nemiche irriducibili. Dal modello "eroico" dell'Iliade alla scoperta di un'impossibile "esperienza guerriera" nella modernitschiacciata dal potere devastante della tecnologia che ha dissolto ogni ordine simbolico della guerra nel Novecento, l'autore traccia un panorama del dibattito letterario suscitato dal caso particolare della guerra civile spagnola e ne evidenzia il carattere emblematico. Tra i filo-franchisti e i nazionalisti emergono poche figure di rilievo che, seguendo la propaganda ufficiale, elaborano una vera e propria "pornografia della violenza" che indulge alle seduzioni della morte e alla crudelt Sul fronte opposto, anche autori come Rafael Alberti e Pablo Neruda sembrano subire il fascino della violenza tipico della scrittura politicizzata. Ma esiste anche una zona di confine con autori che non cedono alla seduzione della morte: Ramon Sender, Chaves Nogales, Arturo Barea, Maria Zambrano, Miguel de Unamuno, che nella violenza vedono prevalere la "banalitdel male". L'appendice finale propone vari testi inediti di questi autori sulla guerra civile.

Attraverso la mitraglia. Scene...

Guerra Armand
Spartaco

Disponibile in libreria in 5 giorni

11,00 €
La vittoria della coalizione del Fronte Popolare alle elezioni del 16 febbraio 1936, in Spagna, suscita grandi speranze per una trasformazione democratica e federalista della società. Pochi mesi dopo però, tra il 18 e il 19 luglio, nelle caserme si scatena la rivolta dei militari guidati da Francisco Franco, attorno al quale si sono coalizzati i settori più conservatori e autoritari del vecchio apparato statale con l'obiettivo di rovesciare la Repubblica. In quel luglio drammatico il regista Armand Guerra è a Madrid, sta girando Carne de Fieras. Di fronte al levantamiento militare, in accordo con i dirigenti della Confederación Nacional del Trabajo, Guerra decide di terminare in fretta il film e di partire sulla linea del fronte per girarne un altro, che mostri e testimoni al mondo intero quella che passerà alla storia come la Guerra di Spagna. Il regista parte con la sua troupe e raggiunge le prime linee dei diversi teatri di battaglia. Accanto alle riprese cinematografiche, che non si tradurranno mai in un film, Guerra scrive anche un diario, pubblicato nel 1937 con il titolo Attraverso la mitraglia, che oggi appare come documento storico raro e prezioso, una fonte di prima mano sui fatti e sulla società spagnola dell'epoca. Con una lettera della figlia Vicenta Estibalis-Ricart.

Il colonnello anarchico. Emilio...

Tagliaferri Ivano
Scritture

Non disponibile

12,50 €
Questo libro colma un vuoto importante nella biografia esemplare di Emilio Canzi, militante anarchico e comandante partigiano morto all'indomani della Liberazione. Poco o nulla si sapeva, infatti, del Canzi combattente nella guerra civile spagnola, del suo esilio francese, del profilo europeo di questo antifascista che ha fatto della lotta per la libertà uno stile di vita. Attraverso il racconto di chi l'ha conosciuto e i documenti ritrovati, Tagliaferri restituisce alla leggendaria figura di Canzi anche la dimensione umana del leader carismatico e solitario, innamorato e taciturno, che muore troppo presto come "un cavaliere antico che non può sopravvivere alla sua epopea".

Gerda Taro. Una fotografa...

Schaber Irme
DeriveApprodi

Non disponibile

18,00 €
Gerda Taro è morta all'età di 27 anni schiacciata da un carro armato durante la Guerra civile spagnola. Era il 1937. Fotografa reporter sulla linea del fronte, fino al giorno della sua morte ha rifornito le principali riviste dell'epoca di immagini sensazi

Tres frentes de lucha. Società e...

Puppini Marco
Kappa Vu

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Una rivisitazione delle cause locali della guerra civile spagnola partendo dal golpe franchista del 17 luglio 1936 per raggiungere una visione storicamente più ampia degli avvenimenti, inserita nella situazione internazionale dell'epoca. Alla luce di docum

Spagna 1936. L'utopia e la storia....

Cacucci Pino
Elèuthera

Disponibile in libreria in 5 giorni

22,00 €
Settantanni fa l'ingresso delle truppe del generale Franco in una Madrid stremata metteva fine a un'aspra guerra civile strettamente intrecciata a una rivoluzione di matrice libertaria. Finiva così "la breve estate dell'anarchia", iniziata nelle strade di

Durruti e la rivoluzione spagnola....

Paz Abel
BFS Edizioni

Non disponibile

36,00 €
Espropriatore e organizzatore sindacale, pistolero e finanziatore di collane editoriali, Durruti è stato un simbolo e un mito che ha sintetizzato le esperienze rivoluzionarie e le tensioni libertarie di migliaia uomini e donne che hanno fatto grande la lunga stagione dell'anarchismo spagnolo. Lotta, galera, fuga ed esilio hanno trasformato un giovane apprendista fabbro in un leggendario leader. Dopo il golpe di Franco del luglio 1936, Durruti è l'anima e il braccio del movimento libertario in Catalogna dove, battuti armi alla mano i militari ribelli, si sviluppa una delle più profonde e importanti esperienze rivoluzionarie che la storia abbia registrato: industrie, terre, trasporti e servizi vengono espropriati, collettivizzati e autogestiti dai lavoratori. Durruti partecipa alla sollevazione di Barcellona, poi parte per Saragozza alla testa di una colonna che porta il suo nome, e infine accorre in difesa di Madrid, dove troverà la morte. La biografia di Abel Paz ripercorre, sulle tracce della vita di un uomo, la storia dell'anarchismo spagnolo assieme alle speranze e alla tragedia di un intero popolo.

L'altra guerra di Spagna

Contu Gianfranco
Zonza Editori

Non disponibile

17,50 €
L'altra guerra di Spagna si colloca tra quelle opere di approfondimento che, negli ultimi anni, intendono riscoprire fenomeni e caratteristiche particolari di momenti storici generalmente conosciuti. Dal punto di vista dell'autore la guerra civile spagnola non fu solamente un momento di scontro tra due visioni politiche - quella fascista/conservatrice e quella democratica - ma assunse, all'interno della compagine del governo liberalmente eletto, una profonda connotazione, arrivando a scatenare una guerra dentro la guerra: quella che oppose anarchici, libertari e non allineati ma comunque democratici, all'asservimento alle idee comuniste. L'attenta analisi di Gianfranco Contu si sofferma soprattutto su questo punto, cercando di comprendere il motivo di una situazione fratricida che, inevitabilmente, portò alla vittoria dei franchisti. Nel contempo l'autore si sofferma su alcuni personaggi italiani in generale, sardi in particolare, che agirono in questa affascinante - benché terribile - epopea. Un libro da leggere, da tenere presente per gli sviluppi futuri della ricerca sul tema.