Sistemi politici comparati

Filtri attivi

L'Impero di Cindia. Cina, India e...

Rampini Federico
Mondadori 2019

Disponibile in 3 giorni

12,50 €
Sono tre miliardi e mezzo. Sono più giovani di noi, lavorano più di noi, studiano più di noi. Hanno schiere di premi Nobel. Guadagnano stipendi con uno zero in meno dei nostri. Hanno arsenali nucleari ed eserciti di poveri. È "Cindia": Cina e India, il dragone e l'elefante. Cindia non indica solo l'aggregato delle due nazioni più popolose del pianeta: è il nuovo centro del mondo, dove si decide il futuro dell'umanità. Più di metà della popolazione mondiale è concentrata in quest'area, ed è la metà che cresce. Cresce sia demograficamente che economicamente. Oggi vi è però fra Cina e India una differenza radicale che ne fa due modelli alternativi. L'india è la più vasta democrazia esistente al mondo, un esempio di pluralismo e di tolleranza unico per quelle dimensioni. La Cina è il più imponente modello di Stato autoritario, funzionale e modernizzatore. Federico Rampini racconta questo enorme impero nascente e cerca di rispondere a una delle domande chiave del nostro futuro: vincerà la ricetta cinese, quella indiana, o un misto fra le due? E con quali conseguenze per il resto del mondo?

Il trono di sabbia. Stato, nazioni...

Rosenberg & Sellier 2019

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Partire dal concetto di stato per comprendere le trasformazioni, le dinamiche e gli equilibri di potere è fondamentale, quando si guarda al Medio Oriente. E lo è diventato ancor di più dopo le cosiddette "primavere arabe" del 2011. Sebbene negli ultimi anni l'attenzione si sia molto concentrata sull'emergere di attori non statuali - organizzazioni terroristiche e gruppi jihadisti trasversali, tribù e milizie locali - autoritarismo, settarismo, islam politico, rentier state e state building restano questioni chiave. Il volume le affronta attraverso una serie di interviste a studiosi ed esperti curate dai giovani redattori di Pandora Rivista, in una forma dialettica innovativa che guida il lettore in un percorso guidato di avvicinamento e comprensione, indispensabile per chi non si accontenta delle semplificazioni mediatiche su temi che hanno un impatto crescente anche sulle vicende politiche italiane. Dialoghi con Giuseppe Acconcia, Cinzia Bianco, Massimo Campanini, Francesco Cavatorta, Irene Costantini, Rosita Di Peri, Alberto Gasparetto, Giacomo Luciani, Alberto Negri, Annalisa Perteghella, Valeria Talbot, Lorenzo Trombetta, Arturo Varvelli. A cura di Giacomo Bottos, Francesco Rustichelli, Francesco Salesio Schiavi, Jacopo Scita, Gabriele Sirtori. Prefazione di Paolo Magri.

Che cos'è il welfare state

Kazepov Yuri
Carocci 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Il welfare state è nato come risposta politica ai bisogni sociali emersi con la rivoluzione industriale. Ma le politiche sociali sono diverse da paese a paese e dalla rivoluzione industriale a oggi il contesto socio-economico e demografico è profondamente mutato, e con esso le esigenze della comunità. Come comprendere le diversità esistenti e le direzioni del cambiamento? Quali sono le prospettive europee anche dopo la crisi? In questa nuova edizione ampliata e aggiornata, il testo offre, in forma chiara e sintetica, una serie di strumenti per rispondere a tali domande.

Il destino dell'Occidente. Come...

Emmott Bill
Marsilio 2018

Disponibile in 3 giorni  
POLITICA

18,00 €
Per lungo tempo l'Occidente ha rappresentato l'idea politica di maggior successo, grazie alla quale è stato possibile conseguire livelli di stabilità, pace e progresso impensabili in epoche precedenti. Oggi quest'idea è oggetto di pesanti minacce, non dall'esterno ma dall'interno. L'Occidente paga infatti lo scotto di una grave mancanza: aver smesso di garantire ai suoi cittadini quello che si aspettano dai propri governi - equità, prosperità e sicurezza. Si spiega così l'emergere di personalità e forze politiche che incarnano valori assolutamente antioccidentali. Valori che rischiano di distruggere le conquiste faticosamente raggiunte finora. Di fronte all'instabilità globale e alle tensioni economiche sembra che la reazione immediata sia chiudere i confini e far ricorso al nazionalismo xenofobo. Ma non è ancora troppo tardi per invertire questa tendenza. Bill Emmott esorta a resistere lasciando aperte la mente e le frontiere. Per più di cento anni filosofi e statisti hanno predetto la fine dell'Occidente che ha invece dimostrato flessibilità, capacità di adeguarsi ai cambiamenti e di evolversi. Se l'idea di Occidente prevarrà, dovremo perseguire con maggiore convinzione i suoi valori fondanti e tenere a mente un punto essenziale: senza apertura, l'Occidente non può prosperare; senza uguaglianza, non può durare.

Populismo progressivo. Una...

Serra Pasquale
Castelvecchi 2018

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Rivendicando la propria essenza intimamente nazional-popolare, il populismo latinoamericano rappresenta, oggi, un punto di riferimento ineludibile per l'Europa e per il suo pensiero politico. Muovendo dalla contrapposizione di Gino Germani tra fascismo europeo e populismo argentino, Serra scorge nei movimenti nazionalpopolari che animano la vita politica latinoamericana materiali fondamentali per tematizzare la drammatica crisi della rappresentanza democratica europea e per pensare una via d'uscita "progressiva" a tale crisi. Analizzando il dibattito argentino su Gramsci e le originali posizioni di Ernesto Laclau, l'autore ci fa capire come sorga dal cuore stesso della crisi europea l'esigenza di comprendere il populismo sudamericano, e di confrontarsi criticamente con esso.

Deficit democratici. Cosa manca ai...

Pasquino Gianfranco
Università Bocconi Editore 2018

Disponibile in libreria  
POLITICA

16,50 €
Tutte le democrazie si dotano di istituzioni per consentire la partecipazione del popolo (demos) al potere (kratos). Tutte cercano un equilibrio fra la rappresentanza delle preferenze, delle identità, degli interessi dei cittadini e la capacità dei governi di prendere decisioni coerenti con tale rappresentanza. Nessuna democrazia è in grado di evitare momentanei deficit di rappresentanza e di decisionalità, ma tutte, anche quelle deficitarie, dispongono di possibilità di apprendimento e di (auto)correzione. Un pluralismo aperto alla competizione costringe alla responsabilità e alla ricerca di correttivi. I leader saranno obbligati a spiegare e giustificare quello che hanno fatto, non fatto, fatto male. Questo succederà più spesso se i cittadini supereranno i loro deficit di interesse e di partecipazione al voto. Chi si astiene contribuisce al deficit democratico. In una fase in cui l'antipolitica dilaga, riverita e alimentata dalla comunicazione, è tempo di denunciare che deficit profondi si annidano in una pluralità di associazioni corporative che generano società "incivili". I deficit democratici abitano anche nella società. Dobbiamo criticarli con lo stesso vigore e rigore che rivolgiamo alla politica. I deficit sono come gli esami: non finiscono mai. Ma come gli esami possono essere superati da chi ne sa abbastanza. Questo libro è dedicato a chi desidera passare gli esami e colmare i deficit.

Il collasso della modernizzazione....

Kurz Robert
Mimesis 2017

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
L'euforia liberale seguita al tracollo del comunismo ha completamente travisato la vera natura del socialismo reale e della sua crisi, identificandola con la fine ingloriosa di un'aberrazione storica cui avrebbe dovuto subentrare una nuova era di prosperità da economia di mercato. Ad un quarto di secolo da quegli eventi (e a cento anni esatti dalla Rivoluzione d'ottobre) sappiamo però che le cose sono andate in maniera molto diversa. Il presente volume, pubblicato in Germania nel 1991, si propone di analizzare il crollo del socialismo reale nel contesto di una crisi più ampia del sistema mondiale della merce (alias capitalismo), di seguirne le vicende allo scopo di individuare i lineamenti fondamentali di un processo di crisi che sta iniziando a colpire negli ultimi anni, in maniera convulsa, lo stesso Occidente.

Società secolare e religioni politiche

Gurian Waldemar
Historica Edizioni 2017

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
La politicizzazione dell'esistenza, la sacralizzazione del potere e l'uso strumentale dei simboli e messaggi della tradizione religiosa sono stati tra le caratteristiche dei regimi dittatoriali che hanno tragicamente segnato la storia mondiale nel corso del Ventesimo secolo. Waldemar Gurian è stato uno degli interpreti più acuti di questi regimi e della "perversa" visione ideologica che era loro sottesa. Nei suoi scritti, alcuni dei quali raccolti per la prima volta in traduzione italiana in questo volume, si è occupato anche della crisi del liberalismo e delle trasformazioni della democrazia. Ma molte energie intellettuali ha anche dedicato, in polemica diretta col secolarismo dominante, alla difesa di una visione della storia, della politica e della società ispirata alla dottrina cattolica. Ne emerge la figura di un pensatore rigoroso ed estraneo alle correnti ideologiche dominanti, la cui riflessione sulle religioni secolari e sulle derive autoritarie della democrazia risulta ancora oggi di grande interesse.

Sistemi politici comparati

Il Mulino 2016

Disponibile in libreria  
DIRITTO INTERNAZIONALE

35,00 €
Il manuale offre una visione d'insieme sull'universo delle democrazie contemporanee. La prima parte introduce i concetti, i metodi e le principali ipotesi elaborate dalla scienza politica per l'analisi comparata dei processi di formazione della rappresentanza e delle istituzioni di governo nei regimi democratici. Nella seconda e terza parte sono esaminati dieci paesi maggiori attraverso uno schema uniforme che riflette i temi trattati nella prima parte: disegno costituzionale, partecipazione e partiti, sistema partitico ed elettorale, parlamenti e governi, istituzioni territoriali, caratteri del policy making, stabilità e rendimento. Uno strumento che aiuta a cogliere i nessi tra i vari aspetti di ciascun sistema politico e a inquadrare i modi in cui specifiche istituzioni funzionano o specifici processi si svolgono in contesti diversi.

Storia delle istituzioni politiche....

Meriggi M.
Carocci 2014

Disponibile in 3 giorni  
POLITICA

25,50 €
Gli autori analizzano i grandi temi della storia delle istituzioni politiche dell'ultimo secolo - come la costruzione del welfare state, la stagione del totalitarismo e dei regimi di massa, il consolidamento delle istituzioni democratiche liberali europee, lo sviluppo delle forme di istituzionalità internazionale e delle reti istituzionali e sociali del nostro presente globale - a partire dalle "costituzioni antiche", considerando poi il moderno concetto di cittadinanza occidentale e il rapporto tra libertà dello Stato e libertà dei cittadini, per trattare infine di quelle parti del mondo assoggettate al dominio coloniale occidentale.

Gli Stati italiani preunitari

Botta Salvatore
Archetipo Libri 2011

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Il volume intende investigare la realtà delle istituzioni politiche operanti negli Stati italiani tra la fine del Settecento e gli anni precedenti l'unificazione. In particolare, attraverso una sintesi introduttiva e una raccolta ragionata di documenti, mira a fornire un quadro delle diverse soluzioni costituzionali e amministrative (centrali e locali) che scandirono la vita pubblica dei regni presenti nella nostra penisola a cavallo tra XVIII e XIX secolo. Un'analisi della travagliata transizione dall'antico regime allo Stato di diritto ottocentesco che tiene conto di alcuni imprescindibili snodi cronologici: l'età delle riforme, la fase rivoluzionario-napoleonica, la restaurazione nonché il decennio precedente l'unificazione. Tutto ciò allo scopo di focalizzare, anche dal punto di vista didattico, un arco temporale considerato, spesso a torto, "senza storia", "immobile" rispetto al tumultuoso Risorgimento, e di destare l'attenzione degli studenti verso formazioni statuali (regni di Napoli, Sicilia, Sardegna, granducato di Toscana, Stato della Chiesa, ecc.) le cui vicende entrano a pieno titolo nella complessa realtà storica italiana.

Politica comparata. Introduzione...

Fabbrini Sergio
Laterza 2008

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Quando si parla di democrazia, in senso empirico, occorre intendersi: non c'è una sola "democrazia", ma ce ne sono molte. Nessuna è superiore all'altra per definizione. Questo manuale non è un libro sulla democrazia, sul piano teorico, ma sulle democrazie, cioè su come funzionano, come sono organizzate e governate, in cosa differiscono tra loro. L'autore prende in esame solo le democrazie consolidate, ovvero da tempo stabilmente democratiche: si occupa dunque delle ventitré democrazie occidentali, più il Giappone e l'Unione Europea nel suo complesso. Dallo studio delle diverse soluzioni adottate, emerge come le più importanti democrazie della contemporaneità siano strutturate secondo tre grandi modelli: democrazie competitive, ovvero basate sull'alternanza di governo; consensuali, basate sull'aggregazione al governo di diverse opzioni politiche; composite, basate sull'equilibrio tra istituzioni separate. Fabbrini passa in rassegna le democrazie contemporanee nei loro tre principali livelli di organizzazione: quello dei sistemi elettorali e dei partiti, dei sistemi di governo e della distribuzione territoriale del potere. L'ottica comparata in cui viene svolta l'analisi consente di capire le modalità concrete attraverso cui una democrazia differisce dalle altre, e di risalire alle cause storiche di queste divergenze.

Cina

Rinella Angelo
Il Mulino 2006

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
La Cina è una grande civiltà che si è sviluppata in condizioni del tutto indipendenti da quella europea occidentale, con una lingua estranea al ceppo indo-europeo e con una storia che, a differenza del mondo arabo ed ebraico, non ha avuto punti di incontro e di interconnessione con l'Europa. L'idea della democrazia, sia in senso classico che moderno, non appartiene alla cultura cinese. Un sistema la cui trasformazione - che pure è in atto se si guarda alle riforme costituzionali - si svolge con ritmi assai più lenti rispetto al rapido procedere della "locomotiva" economica, indotto più dalle sollecitazioni dei nuovi mercati, che dalle istanze politiche.

L'Europa orientale dal 1970 a oggi

Gökay Bülent
Il Mulino 2005

Disponibile in 3 giorni

12,50 €
La crisi dei regimi comunisti nel 1989-91 ha cambiato radicalmente lo scenario politico mondiale, obbligando l'Occidente a riconsiderare il proprio atteggiamento nei confronti dei paesi che aderivano al Patto di Varsavia. Questo volume ricostruisce il percorso che ha portato i paesi est-europei e balcanici ad uscire dal comunismo e la loro lunga transizione alla democrazia, tuttora in corso e lontana dall'aver assicurato una stabilizzazione all'area, che oggi si affaccia alla nuova realtà dell'Europa a venticinque. Dopo un'introduzione che fornisce il contesto geopolitico e un bilancio delle diverse interpretazioni sulle cause del crollo, l'autore affronta la storia politica dei vari paesi negli anni Settanta e Ottanta, poi si concentra sull'economia e i suoi problemi, largamente ritenuti i principali responsabili della crisi; descrive quindi il triennio che segnò il tracollo dei regimi comunisti, e termina con un'analisi complessiva della transizione, nella quale emerge in particolare la tragedia della Iugoslavia.

Le forme di governo delle...

Rotelli Ettore
Il Mulino 2005

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
Le forme di governo, parlamentari o non parlamentari, oggi vigenti nelle decine di paesi che in tutto il mondo hanno forma di stato democratico, riflettono sostanzialmente quelle che le grandi democrazie appena nascenti si diedero nel XVIII secolo. Per giungere a tale conclusione, che contraddice le classificazioni giuridiche e politologiche correnti, Rotelli ripercorre il secolo di storia costituzionale fra il 1689 e il 1789 esaminando, in tre distinte parti, lo sviluppo delle forme di governo nate dalle grandi rivoluzioni inglese, americana e francese. Ettore Rotelli insegna Storia delle istituzioni politiche nella Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Bologna.

La trappola coloniale oggi....

Jaffe Hosea
Jaca Book 2003

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Chi e dove è il colono di oggi nel mondo? Queste brevi e dense pagine concernono l'attuale condizione del mondo e del Pianeta e perciò anche l'attuale condizione degli italiani e di Milano dove viene pubblicato il libro. Perché il mondo non diventi Fort Apache.

La città senza anima. Dialoghi e...

Grassucci Lidano
Ass. Progettofuturo 2018

Non disponibile

10,00 €
"Qui la storia si toglie non si aggiunge. Siamo l'unico luogo nell'occidente democratico che adotta il modello totalitario di riscrivere la storia ad uso del principe di turno".

Pigs. La vendetta dei maiali. Per...

Vasapollo Luciano
Edizioni Efesto 2018

Non disponibile

12,00 €
Qualsiasi alternativa monetaria e finanziaria fattibile per i paesi periferici del Sud dell'Europa deve inserirsi in una proposta di integrazione diversa da quella voluta dall'Unione Europea e dell'Eurozona. La moneta è l'espressione generale del valore e l'unità monetaria equivale ad una determinata frazione del lavoro astratto o lavoro sociale di una formazione sociale specifica. L'uscita dall'Euro è soprattutto una opzione politica che deve tenere conto sia dell'obiettivo strategico della rottura della UE sia delle forze che a livello nazionale vanno orientate su questa battaglia e può essere un passo verso la soluzione dei gravi squilibri strutturali delle economie periferiche, che non sono squilibri finanziari, ma produttivi: una base industriale in declino, uno spreco enorme di forza lavoro, una concentrazione scandalosa della ricchezza e del patrimonio. Abbiamo quindi più di un impegno, un dovere culturale e politico, parlando compiutamente di Area Euromediterranea, un'alleanza di popoli che si richiama anche ai percorsi di transizione di quella dell'ALBA di Nuestra America come processo di alternativa reale del mondo del lavoro e del lavoro negato, degli sfruttati dal capitale.

Costituzionalismo canadese a 150...

Delledonne G.
Pisa University Press 2017

Non disponibile

16,00 €
Questo volume si propone di riflettere sull'esperienza costituzionale canadese nei centocinquant'anni dalla Confederazione, alla luce del processo aggregativo che nel 1867 portò alla creazione del Dominion del Canada. L'obiettivo che i saggi raccolti nel volume si propongono è di guardare tanto alla storia e all'evoluzione delle forme costituzionali nel Paese quanto alla loro influenza a livello comparato. Il volume non ha la pretesa di offrire una trattazione esaustiva di tutti gli aspetti principali del costituzionalismo canadese, ma piuttosto di raccogliere le riflessioni di un gruppo ristretto di giovani autori su tre dimensioni che abbiamo considerato di straordinaria rilevanza con riferimento all'influenza canadese all'estero: il federalismo, l'interpretazione costituzionale e le "sfide della diversità" (per non utilizzare le note formule multiculturalismo e interculturalismo.

Regolare la politica. Norme,...

Cozzo P.
Viella 2016

Non disponibile

38,00 €
Questo libro presenta gli esiti di un cantiere di ricerca nel quale, attorno al concetto di regola e alle sue applicazioni, sono confluite esperienze, metodologie e prospettive di vari ambiti storiografici che incrociano aree d'interesse contigue: il rapporto fra politica e religione, la rappresentazione del potere nelle liturgie politiche e nelle pratiche di costruzione della memoria, la sua proiezione sul territorio, nelle istituzioni ecclesiastiche e civili, nella cultura e nella società. Come afferma Pierre-Antoine Fabre nella sua introduzione, fra legge e regola (due principi solo apparentemente simili) vi è una differenza essenziale che riguarda il rapporto con l'individuo: la regola si presenta infatti come la concretizzazione della legge quando quest'ultima diventa oggetto di appropriazione. Seguendo questo filo, i quindici saggi qui raccolti analizzano, in una prospettiva diacronica e interdisciplinare, le molteplici modalità che, dall'età tardoantica sino al XX secolo, hanno assolto all'esigenza di regolare la politica, costringendola in forme riconoscibili e riproducibili che costituiscono un'efficace chiave di lettura della storia del potere in Occidente.

Estremo sud. Studi sull'idea...

Astarita M.
Il Pensiero 2016

Non disponibile

16,00 €
Il Meridione seguita ad essere contrassegnato da insufficienze strutturali assai preoccupanti, che rappresentano da sempre la persistenza di una macro-questione di gap territoriale nei riguardi delle regioni più industrializzate del Paese e dell'Europa. La realtà meridionale e gli sviluppi in atto nel quadro nazionale ed internazionale in cui il Mezzogiorno è integrato non è così diverso da quello del secolo scorso; analizzare la questione meridionale, che si pone oggi in termini più che mai problematici, sia per l'urgenza di una politica regionale più funzionale ed opportuna, sia per i obblighi all'accrescimento della tenuta competitiva del sistema produttivo dell'Italia meridionale, risulta essere fondamentale oggi come allora. L'antologia propone il suo apporto al dibattito in corso sia in campo politico che economico, al fine di voler ricordare quali sono stati gli intenti ed i mezzi più idonei ad assicurare efficacia ed osservanza alla conseguente azione pubblica di sostegno al Mezzogiorno da parte di illustri studiosi.

Le metamorfosi della città. Saggio...

Manent Pierre
Rubbettino 2014

Non disponibile

29,00 €
Nel momento in cui l'Europa attraversa una crisi che appare al contempo politica e spirituale, Pierre Manent propone agli europei un illuminante percorso attraverso i momenti fondatori, i concetti orientativi e i più autorevoli interpreti della loro storia. Per riportare alla luce le ondate che accompagnano invisibilmente la turbolenta navigazione dell'uomo moderno, Manent esamina l'esperienza originaria della polis greca, il perdurante enigma delle trasformazioni di Roma e il rapporto tra le città degli uomini e la questione di Dio ravvivando imparzialmente il dialogo con Omero e Aristotele, Cicerone e Agostino, Machiavelli e Montesquieu, Montaigne e Rousseau. Per ritrovare i termini esatti del problema umano, il filosofo francese rinnova la discussione del nesso tra l'universale e la mediazione, la scienza e l'azione, l'uomo e il cittadino. Si tratta per Manent di considerare la dinamica occidentale e la situazione presente alla luce della più completa comprensione del comune e del governo degli uomini. La successione e la dialettica tra le forme politiche (Città, Impero, Chiesa e Nazione) che questo libro ricostruisce delineano così una prospettiva in cui l'incessante movimento dell'umanità odierna è ricondotto all'interno della più ampia e adeguata questione della vera comunità universale, o delle fonti e dei criteri dell'operazione umana: le metamorfosi della città sono a ben vedere le esperienze in cui l'umanità ha pensato, governato e realizzato se stessa...

Azerbaigian e Unione Europea

Ceccorulli M.
Sandro Teti Editore 2013

Non disponibile

17,00 €
Negli ultimi anni l'Azerbaigian è diventato un importante obiettivo della cooperazione dell'Unione Europea, all'interno del Partenariato orientale (EaP). Situato in una posizione strategica, tra le principali potenze regionali e al crocevia di potenziali conflitti, Baku sta assumendo sempre maggiore importanza per Bruxelles. L'Azerbaigian riveste un ruolo-chiave nel settore energetico che lo rende vitale per l'Europa ai fini della sicurezza degli approvvigionamenti. Questo testo nasce dalla necessità di descrivere in modo compiuto il ruolo di questo Paese nel panorama europeo, nonché di fornire uno strumento utile e aggiornato per approfondire le relazioni tra UE e Azerbaigian in aree tematiche fondamentali e di comune interesse. Introduzione di Stefano Bianchini.

Guida ai paesi dell'Europa centrale...

Privitera F.
Il Mulino 2011

Non disponibile

27,00 €
Unico volume di produzione interamente italiana dedicato all'Europa centro-orientale e balcanica, quest'annuario è un'opera di consultazione essenziale, agile e precisa, preparata dai maggiori esperti del settore. Include 24 schede-paese, dalla Russia alla Turchia, comprese Grecia, Cipro e le repubbliche europee dell'ex Unione Sovietica, di cui fornisce un quadro politico, economico e delle relazioni internazionali, oltre a una cronologia degli eventi più importanti. I saggi che precedono le schede paese analizzano cause, evoluzione e conseguenze della crisi economico-finanziaria intemazionale, che ha colpito duramente l'area producendo contraccolpi rilevanti anche dal punto di vista sociale e politico oltreché economico. I preoccupanti sviluppi assunti dal contesto in termini di prospettive e stabilità dei sistemi finanziari globali e nazionali conferiscono all'Annuario una rilevanza ed una utilità supplementari. La Guida mantiene, perciò, il carattere di un'opera di informazione e di analisi critica che, anno dopo anno dal 1998, aggiorna il lettore presentandosi come uno strumento di base essenziale per tutti coloro che, per lavoro o per interesse, hanno desiderio o necessità di conoscere le linee principali di sviluppo di questa parte d'Europa.

Media e politica in Italia e...

Bobba Giuliano
Franco Angeli 2011

Non disponibile

20,00 €
Negli ultimi anni numerosi studi si sono soffermati sul funzionamento delle democrazie rappresentative evidenziando la comparsa di una nuova fase, caratterizzata dal processo di mediatizzazione della politica e dalle conseguenze che esso ha comportato nella trasformazione degli equilibri tra politici, giornalisti e cittadini. Alla luce di questi cambiamenti, il libro approfondisce il rapporto che lega la politica ai media in Italia e in Francia esplorando due esempi diversi di quella che Manin ha definito "democrazia del pubblico". A ben guardare, si potrebbe sostenere che le somiglianze e le differenze che normalmente si mettono a fuoco specie nel dibattito giornalistico, non sono quelle che contraddistinguono i due casi. Non è la presunta deriva comunicativa di due sistemi incentrati sulla personalità di leader forti, ad accomunare Italia e Francia. E neppure l'anomalia del sistema televisivo italiano appare così "anomala" di fronte all'esperienza francese. Si tratta allora di ridefinire il quadro interpretativo, alla luce delle continuità e delle nuove tendenze documentate dai risultati della ricerca.

Sistemi politici birmani. La...

Leach Edmund R.
Cortina Raffaello 2011

Non disponibile

32,00 €
Sistemi politici birmani, affermatosi come uno dei grandi classici dell'etnografia, analizza la struttura sociale dei Kachin, popolazione residente al confine tra la Birmania settentrionale e la Cina. Leach compara i Kachin agli Shan, che hanno un sistema

L'Occidente allo specchio. Modelli...

Martinelli A.
Università Bocconi Editore 2011

Non disponibile

33,00 €
La prima seria analisi e interpretazione delle caratteristiche della società europea e americana, per diversità e similitudini: famiglia, economia, istituzioni politiche, disuguaglianza, welfare, cultura, religione, forma della città. Il libro delinea un quadro della modernità occidentale nuovo e significativo: un affresco ricco e avvincente per temi affrontati e documentazione fornita. USA e UE sono spesso considerati esempi di sviluppo economico e di modernizzazione politica e culturale antitetici: i primi innovatori, la seconda tradizionalista. Ma sono in realtà due varianti della stessa civiltà. L'approccio è assolutamente innovativo; sia perché assume che i paesi dell'UE stiano sempre più formando una singola società, con tendenze convergenti e caratteristiche comuni; sia perché conclude che nonostante le diverse priorità nazionali e prospettive di politica estera, UE e USA sono obbligati non solo a competere, ma anche a cooperare.

Storia dei sistemi politici europei...

Pardini G.
CEDAM 2010

Non disponibile

24,00 €
Il volume concepito come manuale ad uso degli studenti dei corsi di laurea in Scienze della politica, affronta lo studio dell'evoluzione dei sistemi politici dei maggiori Paesi europei nel corso del Ventesimo secolo. Vengono descritti nella loro specificità i sistemi politici dell'Italia, della Francia, della Gran Bretagna, della Germania, della Spagna, del Portogallo e della Russia. Alle soglie di sfide importanti e decisive per il futuro dell'Unione Europea, il libro vuole offrire al lettore alcuni minimi strumenti per conoscere e meglio comprendere taluni degli aspetti particolari e peculiari che, nel corso del Novecento, hanno caratterizzato nel vecchio continente il consolidamento di sistemi politici anche assai diversi tra loro.

Guida ai paesi dell'Europa...

Privitera F.
Il Mulino 2010

Non disponibile

26,00 €
Volume di produzione interamente italiana dedicato all'Europa centro-orientale e balcanica, quest'annuario è un'opera di consultazione essenziale, agile e precisa, preparata dai maggiori esperti del settore. Include 24 schede-paese, dalla Russia alla Turchia, comprese Grecia, Cipro e le repubbliche europee dell'ex Unione Sovietica, di cui fornisce un quadro politico, economico e delle relazioni internazionali, oltre a una cronologia degli eventi più importanti. In apertura, la Guida analizza, con una serie di saggi, la "questione del Kosovo", regione che ha ottenuto nel febbraio del 2008 la propria indipendenza (e per questo diviene il ventiquattresimo paese della Guida), in collegamento con l'evoluzione degli scenari internazionali e il coinvolgimento della comunità internazionale, soprattutto dell'Unione europea, nel processo di stabilizzazione dei Balcani occidentali. La Guida mantiene, perciò, il carattere di un'opera di informazione e di analisi critica che, anno dopo anno dal 1998, aggiorna il lettore presentandosi come uno strumento di base essenziale per tutti coloro che, per lavoro o per interesse, hanno desiderio o necessità di conoscere le linee principali di sviluppo di questa parte d'Europa.

L'Asia di Obama e della crisi...

Torri M.
Guerini e Associati 2010

Non disponibile

22,50 €
Il primo anno della presidenza di Barack Obama ha coinciso con il pieno dispiegarsi della crisi economica globale iniziata nel settembre 2008. L'elezione di Obama ha determinato la ripresa della popolarità degli Stati Uniti nel mondo, mascherando, senza cancellarlo, il processo di declino del potere americano in Asia, accelerato dalla crisi globale. Obama ha difficoltà a trovare una strategia per uscire dal pantano afghano puntellando nel contempo la situazione in Pakistan. La Cina ha superato il Giappone come principale stato creditore degli USA, mentre, nello stesso Giappone, le elezioni generali hanno mandato al potere un nuovo governo, programmaticamente assai meno accomodante dei suoi predecessori nei confronti di Washington. Il declino del potere americano e la sempre maggiore influenza della Cina continuano quindi a rappresentare il quadro di riferimento in cui si svolgono le vicende dei singoli paesi asiatici. Queste ultime sono però condizionate anche da fattori locali di assoluto rilievo: si pensi solo all'evolversi degli equilibri interni in Cina, agli eventi di Teheran o all'inaspettata vittoria elettorale del Congresso in India. Il volume, quindi, non si limita ad analizzare il contesto internazionale, ma ripercorre in maniera chiara e puntuale le vicende interne di tutti i più significativi paesi dell'Asia: Cina, India, Giappone, Indonesia, Iran, Afghanistan, Pakistan, Sri Lanka, Bangladesh, Singapore, Vietnam, Filippine e Coree.

Dalla traduzione étatiste alle...

Totaro Anna
Cacucci 2010

Non disponibile

18,00 €
La ricerca presentata in questo volume nasce con l'intento di condurre una riflessione, seguendo una prospettiva storica di lungo periodo, sulle tappe fondamentali della storia della Pubblica Amministrazione in Italia nel contesto dei grandi mutamenti economici, sociali e politici.

Globalismo e antiglobalismo

Held David
Il Mulino 2010

Non disponibile

23,00 €
In un'epoca di profondi cambiamenti, che non trovano facili spiegazioni nelle ideologie tradizionali e nelle teorie generali, si ricorre all'idea di globalizzazione per affrontare le questioni più disparate. Come orientarsi in un dibattito spesso confuso e frastornante? Ci aiuta questo libro, che traccia anzitutto la storia del concetto; delinea poi le diverse posizioni in campo, riconducibili alle opzioni "globalista" e "scettica"; mostra come esse non esauriscano la complessità del fenomeno, di cui vengono seguite le diverse ramificazioni culturali, economiche, politiche, sociali.

Sistemi costituzionali, diritto...

Balduzzi R.
Il Mulino 2009

Non disponibile

32,00 €
Quali sono il ruolo, l'utilità e i limiti di una comparazione tra sistemi costituzionali per quanto attiene alla materia sanitaria? La comparazione serve sia a comprendere meglio il nostro sistema nazionale, sia ad individuare profili e istituti soltanto impliciti o embrionalmente presenti in esso. Questo volume offre al mondo della ricerca e al pubblico colto degli operatori del settore una serie di materiali e di spunti per avviare una riflessione scientificamente fondata sui sistemi sanitari di oggi e di domani, in una materia, quella della salute, che si colloca al centro non soltanto delle preoccupazioni dell'esperienza quotidiana, ma altresì delle problematiche scientifiche sulla natura e sulla struttura dei diritti sociali.

Le politiche sanitarie. Modelli a...

Toth Federico
Laterza 2009

Non disponibile

20,00 €
Economico, equo, di buona qualità: ecco l'identikit del sistema sanitario ideale. La pratica però è un'altra cosa, e non solo in Italia. Federico Toth analizza in chiave comparativa i sistemi sanitari di venti paesi OCSE, ricostruendo i modelli di finanziamento e di erogazione, il percorso storico seguito, le riforme che sono intervenute negli ultimi venti anni.

Stati Uniti? Italia e USA a confronto

La Palombara Joseph
Rubbettino 2009

Non disponibile

14,00 €
Due politologi sperimentati e autorevoli esaminano in controluce il caso italiano e il caso degli USA, in un confronto serrato fra gli aspetti salienti dell'America di Obama e quelli dell'Italia di Berlusconi. Ma non è un libro solo politico, in quanto aff

Le politiche ambientali

Aprile Maria Carmela
Carocci 2008

Non disponibile

12,00 €
Lo sviluppo economico degli ultimi decenni ha determinato rilevanti conseguenze negative in termini di impatto ambientale. Il problema della conflittualità tra ambiente e sviluppo economico sta diventando una preoccupazione crescente per la società e un impegno prioritario nelle agende delle autorità pubbliche. Il testo fornisce un quadro sintetico e aggiornato degli indirizzi generali della politica dell'ambiente definiti a livello internazionale, comunitario e nazionale, e un'analisi degli strumenti utili per la loro attuazione. Una particolare attenzione è stata riservata alle politiche volte a ridurre e controllare i problemi di vivibilità nei centri urbani e di degrado dell'ambiente rurale e a quelle per il recupero e la conservazione dell'ambiente naturale.

La politica comparata. Strategie e...

Caciagli Mario
Le Lettere 2008

Non disponibile

16,00 €
Questo manuale tenta di presentare la politica comparata come disciplina e metodo, e di riferire dettagliatamente di ricerche su importanti fenomeni politici. È articolato in due parti fra loro diverse ma complementari. La prima è un'introduzione alla politica comparata: origini e suoi sviluppi, teorie e strumenti d'indagine, strategie di ricerca; nonché difficoltà e limiti della comparazione in scienza politica. La seconda parte del manuale contiene le sintesi ragionate, presentate alla luce delle impostazioni fornite nella prima parte e corredate da schede riassuntive, di sei esemplari ricerche di politica comparata. Il lettore può leggere approfondite indagini comparate sulla formazione degli stati-nazione e dei nazionalismi nell'Europa moderna, sui partiti e sui sistemi di partito, sui partiti di sinistra fra Otto e Novecento, sui parlamenti nei principali sistemi democratici, sulle transizioni dall'autoritarismo alla democrazia nell'Europa meridionale e sulle subculture politiche territoriali in Italia.

L'Impero di Cindia. Cina, India e...

Rampini Federico
Mondadori 2007

Non disponibile

10,00 €
Sono tre miliardi e mezzo. Sono più giovani di noi, lavorano più di noi, studiano più di noi. Hanno schiere di premi Nobel. Guadagnano stipendi con uno zero in meno dei nostri. Hanno arsenali nucleari ed eserciti di poveri. È "Cindia": Cina e India, il dragone e l'elefante. Cindia non indica solo l'aggregato delle due nazioni più popolose del pianeta: è il nuovo centro del mondo, dove si decide il futuro dell'umanità. Più di metà della popolazione mondiale è concentrata in quest'area, ed è la metà che cresce. Cresce sia demograficamente che economicamente. Oggi vi è però fra Cina e India una differenza radicale che ne fa due modelli alternativi. L'india è la più vasta democrazia esistente al mondo, un esempio di pluralismo e di tolleranza unico per quelle dimensioni. La Cina è il più imponente modello di Stato autoritario, funzionale e modernizzatore. Federico Rampini racconta questo enorme impero nascente e cerca di rispondere a una delle domande chiave del nostro futuro: vincerà la ricetta cinese, quella indiana, o un misto fra le due? E con quali conseguenze per il resto del mondo?

Divisi dall'ambiente. Gli USA e...

Sicurelli Daniela
Vita e Pensiero 2007

Non disponibile

15,00 €
Perché l'Unione europea e gli Stati Uniti appaiono così divisi sui temi della politica ambientale, tanto che mentre l'UE ha assunto la guida dei negoziati sull'ambiente, gli USA rifiutano di ratificare accordi internazionali su temi cruciali come il clima

Donne e famiglie nei sistemi di...

Vezzosi E.
Carocci 2007

Non disponibile

20,00 €
La discussione sulla sostenibilità finanziaria dello Stato sociale, sullo stereotipo del "welfare" come un freno che rischia di bloccare la crescita economica e lo sviluppo è intensa, in diverso modo, in tutti i paesi europei, così come negli Stati Uniti. Il volume intende affrontare alcuni dei temi al centro del dibattito internazionale - quelli relativi alle politiche sociali rivolte alle donne e alle famiglie - con un approccio comparativo. Attraverso la ricostruzione storica della creazione dello Stato sociale in Europa e negli Stati Uniti e l'esame della categoria di "maternalismo" per spiegare la nascita e lo sviluppo delle politiche di "welfare", il volume analizza la questione del reinserimento degli assistiti nel mercato del lavoro, del rapporto tra lavoro femminile e politiche di conciliazione, delle politiche di sostegno alle famiglie e alle madri sole povere.

Che cos'è il welfare state

Kazepov Yuri
Carocci 2007

Non disponibile  
MANUALI DI SOCIOLOGIA

12,00 €
Il welfare state è nato come una risposta politica ai bisogni sociali emersi con la Rivoluzione industriale. Ma le politiche sociali sono diverse da paese a paese e dalla Rivoluzione industriale a oggi il contesto socioeconomico e demografico è cambiato e con esso i bisogni. Come comprendere le diversità esistenti, i cambiamenti e le prospettive? Il testo offre, in forma chiara e sintetica, una serie di strumenti per poterlo fare.

Il tabù della destra. La Francia ha...

Brunet Éric
Castelvecchi 2007

Non disponibile

18,00 €
Chi ha oggi il coraggio di dichiarare: "Io sono di destra"? Quale artista? Quale giornalista? Quale insegnante? Quale impiegato? Definirsi "di destra" può voler dire portarsi addosso l'etichetta di "reazionario" o "fascio" sia nel mondo della cultura sia n