Crisi e disastri finanziari

Filtri attivi

La crisi sociale del nostro tempo

Röpke Wilhelm; Felice F. (cur.)
Rubbettino 2020

Disp. in libreria

28,00 €
Ne "La crisi sociale del nostro tempo" (1942), accanto al nesso tra basi morali e societlibera, Wilhelm Rke evidenzia l'importanza delle istituzioni politiche e il ruolo rilevante dello Stato, all'interno di un'articolazione politica fortemente decentrata e in un contesto europeo di tipo federalista. L'Autore, alla ricerca di un assetto istituzionale di tipo plurarchico, delinea i contorni di uno Stato che sa tracciare esattamente il limite tra l'agendum e il non agendum, tra ciche conforme alla libertdegli individui e ciche non lo Un arbitro robusto, il cui compito non ndi prender parte al gioco ndi prescrivere ai giocatori tutte le mosse, ma di garantire, con assoluta imparzialite incorruttibilit la pistretta osservanza delle regole del gioco e della correttezza. Un ruolo per lo Stato che sia forte ma non affaccendato.

Siamo il 99%

Chomsky Noam
Nottetempo 2020

Disp. in libreria

13,00 €
Nove anni dopo Occupy, le preoccupazioni sollevate dagli attivisti in merito al sistema sanitario sono diventate un problema di sicurezza nazionale con l'emergenza del Covid-19. Quanto alla crisi ecologica, procede placidamente. Se il movimento Occupy non riuscito fino a ora a deviare il corso della Storia non significa tuttavia che sia stato un fallimento. In un mondo in cui a poco a poco crollano molte infrastrutture di welfare che davamo per scontate, necessario che la societcivile si doti di strutture sue proprie per garantire le funzioni fondamentali in grado di assicurare la partecipazione e la socializzazione. In questo senso Zuccotti Park era davvero un'avanguardia, un tentativo di "occupare" in qualche modo quegli spazi vuoti che il capitalismo lascia esistere. Come oggi fanno molto efficacemente le minoranze etniche e religiose. Perchper quanto inevitabile appaia l'ordine economico del mondo, sintatticamente ben formato secondo le leggi che si dato, a esso manca sempre qualcosa: un senso. Prefazione Raffaele Alberto Ventura.

Scegli la tua vita!

Attali Jacques
Ponte alle Grazie 2020

Disp. in libreria

12,00 €
In periodo storico in cui la politica il dominio degli avventurieri, l'economia il regno dei tecnocrati, il mondo del lavoro una lunga parentesi tra la disoccupazione e la rottamazione; in cui, in definitiva, alle persone comuni rimane solo la scelta fra rassegnarsi e lamentarsi: occorre imprimere una svolta alla propria esistenza, scegliere ciche si vuole essere, agire senza attendere l'intervento dello Stato, delle banche, dei padroni, delle famiglie e di tutti coloro che pretendono di sapere quale sia il nostro bene e quello della societ Smettere di essere, nella geniale definizione dell'autore di questo libro, dei rassegnati reclamanti, persone che non scelgono la loro vita e per questa loro condizione di servitinvocano un risarcimento. Jacques Attali, oltre a ripercorrere le esperienze, in questo senso, dei tanti personaggi noti (da Abramo a Kurt Cobain, da Maometto a Steve Jobs) e degli innumerevoli personaggi ignoti (gli imprenditori e i militanti politici che si oppongono all'irresistibile ascesa del Male), ci indica un cammino semplice, diviso in cinque tappe, per acquisire ciche gialla nostra portata, malgrado appaia irraggiungibile: diventare sstessi.

I principi per capire le grandi...

Dalio Ray
Hoepli 2020

Disp. in libreria

39,90 €
Ray Dalio, uno degli investitori di maggior successo al mondo, presenta il suo metodo per capire il funzionamento delle crisi del debito e i principi che si devono seguire per affrontarle al meglio. Questo modello ha permesso alla sua societ Bridgewater Associates, di anticipare gli eventi e di riuscire a orientarsi in situazioni nelle quali altri investitori hanno invece incontrato notevoli difficolt Come ha spiegato nel suo libro "I principi del successo", Dalio convinto che quasi tutti gli eventi si ripetano nel tempo e che quindi, studiando le loro ciclicit si possano comprendere le relazioni di causa e effetto. Partendo da questi legami l'autore descrive quali sono gli elementi da monitorare per individuare i vari fattori di crisi. In questo nuovo libro Dalio applica la sua metodologia alle grandi crisi del debito e presenta i suoi principi, con l'obiettivo di ridurre la probabilitdi crisi future e di promuoverne una gestione corretta. Il volume suddiviso in due parti: 1. Il modello del debt cycle. 2. Tre casi dettagliati: la depressione in'azionaria della Repubblica di Weimar in Germania, la Grande Depressione degli anni Trenta e la crisi finanziaria del 2008. Che siate investitori, decisori politici o semplicemente persone interessate al tema, la prospettiva anticonformista di uno dei pochi che riuscito a superare la crisi aiutera comprendere meglio l'economia e i mercati finanziari e a vederli sotto una luce diversa.

Mes. L'Europa e il trattato...

Mangia A. (cur.)
Morcelliana 2020

Disp. in libreria

18,00 €
Che cos'il Meccanismo Europeo di Stabilit L'Unione Europea nasce nel 1992 con un difetto di progettazione: una Banca Centrale che non pufare la Banca Centrale. Non pu cio essere prestatore di ultima istanza o, come si dice, Banca delle Banche. In tempi di normalit e crescita, la differenza si punon avvertire. In tempi di crisi questa carenza di progettazione destabilizza tutto l'Eurosistema. Ma si tratta di una carenza o di una necessit L'anomalia europea figlia del timore della mutualizzazione del debito. Bilanci statali separati con moneta unica significa che ognuno deve garantire per s Il risultato? Il caos greco del 2010/11 cui si supplito attraverso una banca sovrana che intervenga al posto della BCE. E perlimitatamente al capitale. Non un prestatore di ultima istanza, ma qualcosa che serve ad eludere il divieto di finanziamento dei debiti pubblici. Che aiuta gli Stati, persotto 'stretta condizionalit. Che sovrappone logiche di diritto bancario e diritto costituzionale. Che legittima i Ministri a tacere di fronte ai parlamenti. Che assicura immunittotale ai suoi funzionari. Il MES un esempio luminoso di quel che accade quando la logica del diritto fallimentare viene applicata ai rapporti fra Stati e sostituisce la politica.

Gestione della crisi Covid-19 per i...

Di Pace Massimiliano
Maggioli Editore 2020

Disp. in libreria

36,00 €
In un contesto cosincerto e negativo causato dal Covid-19, centinaia di migliaia di imprenditori, artigiani, commercianti, esercenti pubblici, professionisti si sono trovati in Italia, nell'arco di pochi giorni, a dover interrompere il loro lavoro. Ripartire stato ancora pidifficile, tra maggiori costi, dovuti alle misure di sicurezza e alle conseguenze della forzata inattivit e minori ricavi, per la generale caduta del reddito, e l'inevitabile cautela dei clienti. Di fronte a questo scenario, questa guida intende aiutare tutti gli operatori economici (Pmi, piccoli imprenditori di industria, artigianato, commercio, agricoltura, servizi, e lavoratori autonomi), ed i professionisti che li sostengono, a trovare il percorso piidoneo per il superamento della crisi. Dopo aver preso atto delle piautorevoli previsioni sul futuro dell'economia (cap. 1), il testo si focalizza sull'analisi delle cause della crisi di impresa (cap. 2), la cui conoscenza, non solo consente di reagire meglio (cap. 3), ma soprattutto permette di individuare quelle misure organizzative e gestionali per il rilancio dell'attivit che costituiscono l'oggetto del cap. 4. Nello sforzo teso al rilancio, giusto avvalersi delle misure messe in campo dal Governo (cap. 5), senza dimenticare quelle di sicurezza sanitaria (cap. 6), e per meglio attuare le misure una buona idea seguire la metodologia del Business Plan, descritta in modo pratico nel cap. 7. Se tutte queste iniziative non fossero sufficienti, non c'nulla di male nell'avvalersi delle soluzioni alla crisi di impresa, tanto piche esse consentono di continuare l'attivitimprenditoriale o professionale. Ecco dunque che l'autore, dopo aver richiamato le novitsulle procedure concorsuali (cap. 8), illustra in modo semplice quelle destinate ai piccoli operatori economici, ossia l'accordo di composizione della crisi (cap. 9) e la liquidazione del patrimonio (cap. 10), per passare poi alle soluzioni previste dal R.D. 267/42 per le Pmi, ovvero il piano di risanamento (cap. 11), l'accordo di ristrutturazione dei debiti (cap. 12), il concordato preventivo (cap. 13). Attraverso la messa a disposizione di materiale online, viene garantito l'aggiornamento del testo in merito alla conversione in legge del Decreto Rilancio.

Il potere dei giganti. Perché la...

Crouch Colin
Laterza 2014

Disp. in libreria

9,50 €
"La crisi devastante delle economie occidentali avrebbe dovuto portare con sé la dottrina economica egemone del neoliberismo. Non è stato così. Perché? La risposta di Crouch, densa e polemica, è che le teorie neoliberiste sono funzionali al potere di un'entità che pesa sempre più: l'impresa gigante. I partiti di sinistra e i movimenti della società civile dovrebbero fare argine contro lo strapotere delle megaimprese. L'opera non è affatto semplice, ma la diagnosi esatta di Crouch può essere un buon inizio." (Leopoldo Fabiani, "la Repubblica)

Allegro ma non troppo

Cipolla Carlo M.
Il Mulino 1988

Disp. in libreria

8,80 €
Un "divertissement", un guizzo anarchico dell'intelligenza. È così che si possono definire queste pagine nelle quali Cipolla abbandona gli austeri panni dello studioso e, giocando sul filo del paradosso e dell'assurdo, costruisce due brevi saggi: il primo, una ilare parodia della storia economica e sociale del Medioevo; il secondo, una sorta di scherzosa teoria generale della stupidità umana.

Il debito sovrano

Mauro M. R. (cur.); Pernazza F. (cur.)
Edizioni Scientifiche Italiane

Disp. in libreria

60,00 €
La crescita del debito sovrano a livello globale prospetta il ciclico ripetersi di crisi finanziarie e di default, i cui effetti sistemici coinvolgono interessi sempre pivasti e complessi. La molteplicitdegli attori implicati, la loro diversa natura, la varietdelle fonti applicabili e l'assenza, sul piano internazionale, di un soggetto dotato di una competenza specifica e generale in materia rendono complesso assicurare un equilibrio nella tutela dei diversi interessi coinvolti. In particolare, da un lato, vi l'esigenza di tutelare il credito, in tutte le sue forme, e di assicurare l'adempimento degli obblighi assunti da parte degli Stati debitori.

Le due facce della luna. Il...

Vitaletti Giuseppe
Foschi 2020

In libreria in 10 giorni

16,00 €
Creazione di milioni di nuovi occupati; aperture di credito ampie; rilancio pieno delle esportazioni; drastica semplificazione del sistema fiscale; contenimento dell'evasione; crescita della piccola e media impresa; agevolazioni all'entrata per le imprese, sembrano a quasi tutti obiettivi a portata di mano. Inspiegabilmente, i politici sembrano sordi, e continuano nelle loro schermaglie insensate. Da qui si origina la separazione sempre più grave tra cittadini italiani e politica. Questo libro si pone come spartiacque rispetto a questa situazione. Si mostra che quelli del popolo non sono obiettivi irrealistici. Soprattutto, si cercano i modi per renderli praticabili, con la messa a punto di strumenti efficaci. Si delineano, in questo modo: la rinazionalizzazione del debito; nuove forme di gestione delle proprietà pubbliche; pensioni redistributive; discorsi nuovi sul Tfr; modalità di contenimento effettivo dell'evasione fiscale; il rilancio dei salari; forme di intervento sulle bilance dei pagamenti e politiche espansive del debito gestite a livello internazionale, con saggio di interesse in termini reali tendenzialmente azzerato; politiche fiscali basate solo sul territorio nazionale, che pongano premesse effettive contro le storture; il rilancio di ciò che in Italia già domina, ovvero la piccola e media impresa; nuove attività del sistema finanziario: in tempi lunghi, la fine non traumatica dello sviluppo, con numerose misure di accompagnamento.

Banche. Dall'insolvenza alle...

Verrelli Alessandro
Historica Edizioni 2020

In libreria in 10 giorni

17,00 €
I temi dell'insolvenza e della crisi bancaria sono tanto complessi quanto attuali. Spesso ne abbiamo sentito parlare sui giornali coscome in televisione, senza riuscire a capire, in modo chiaro, come questi si generassero e quali fossero i modi di risoluzione delle crisi. Questo libro vuole dare una risposta a questi quesiti, ripercorrendo la storia delle crisi bancarie, dal secondo dopoguerra a oggi, esplicitandone i motivi ed evidenziandone la giurisprudenza. Attraverso l'approfondimento degli istituti e della disciplina odierna, alla luce degli interventi in materia dell'Unione europea, come il passaggio dalla logica del bail out al tanto temuto bail in, l'autore guideril lettore in un vero e proprio viaggio nel mondo delle banche.

L'economia non è più una cosa...

Di Francesco Stefano
Edizioni del Faro 2020

In libreria in 10 giorni

17,50 €
Il sistema finanziario globale si è evoluto nel corso degli ultimi decenni in un'architettura estremamente complessa. Come per la maggior parte gli economisti, esperti, addetti al lavori, anche la nostra comprensione del funzionamento del sistema è assai spesso limitata e incoerente. La crisi finanziaria globale del 2007/2008, arrivata apparentemente come un fulmine a ciel sereno, ha evidenziato le criticità di un eccessivo affidamento da parte dei Governi e delle banche centrali in modelli econometrici che contemplano un insieme ampio, ma pur sempre limitato, di strumenti e variabili. Questi modelli econometrici DSGE, poggiano su ipotesi "non realistiche", che non considerano quasi il sistema bancario, il meccanismo di creazione del credito e la moneta. Per capire come e perché si è oggi arrivati a questa situazione di completa sottomissione dell'economia reale al mondo della finanza, è necessario, seppur brevemente, provare a riavvolgere il nastro della storia. Partiremo dalla crisi finanziaria globale del 2007 che ha avuto il merito di rendere evidente ciò che prima di allora era solo una profonda preoccupazione relegata in ambienti accademici posti ai margini della dottrina economica. Vedremo poi, assai brevemente, una panoramica della storia del pensiero economico, dagli albori fino ai nostri giorni. Spiegheremo come in realtà funziona oggi il sistema economico e quali sono le variabili che direttamente ne influenzano l'andamento. Analizzeremo l'economia italiana e indagheremo le cause della sua condizione di agonia perenne. Il tutto per svelare i meccanismi che hanno prodotto la più grande crisi economica dagli ultimi cento anni e che determineranno, a breve, una rivoluzione nel paradigma della creazione della moneta. Rivoluzione che il popolo dovrà guidare per permettere agli Stati sovrani, attraverso l'esercizio della sovranità monetaria di cui sono tutt'ora gli unici titolari, di realizzare la vera liberazione, quella dal debito e dalla dittatura del sistema bancario.

Codice del fallimento e della crisi...

Gubitosi Marco
La Tribuna 2019

In libreria in 10 giorni

50,00 €
Un'accurata scelta di norme sulla disciplina del fallimento e delle altre procedure concorsuali, corredate dalla giurisprudenza più recente e significativa. Aggiornato con: la L. 8 marzo 2019, n. 20, Delega al Governo per l'adozione di disposizioni integrative e correttive della disciplina della crisi d'impresa e dell'insolvenza; il D.L.vo 12 gennaio 2019, n. 14, Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, che ha fra l'altro modificato diversi articoli del Codice civile.

I segnali d'allerta della crisi...

Favino Christian
Cacucci 2019

In libreria in 10 giorni

10,00 €
La recente riforma delle procedure concorsuali, introdotta con il Decreto Legislativo del 12 gennaio 2019, n. 14, ha ravvivato il dibattito, in ambito accademico e professionale, sul tema dell'accertamento tempestivo dei segnali di crisi aziendale e sui correlati strumenti di allerta necessari per avviare proficuamente i processi di risanamento aziendale. La prevenzione della crisi, secondo il nuovo impianto legislativo, si fonda su una serie di interventi, che interessano differenti aspetti del governo aziendale, orientati a favorire l'emersione anticipata di potenziali segnali di squilibrio per consentire agli organi di vertice aziendale di intraprendere le azioni necessarie a preservare (o ripristinare) le condizioni di economicità della gestione.

Sei lezioni di economia. Conoscenze...

Cesaratto Sergio
Imprimatur 2016

In libreria in 10 giorni

17,00 €
Questo libro si rivolge a chi in questi anni non ha accettato le spiegazioni convenzionali di una crisi devastante e l'idea che "siamo un Paese corrotto, fortuna che Europa ed euro ci fan rigare dritti". Da Adam Smith a Schäuble, l'ambizione del volume è di intrecciare la teoria economica alle drammatiche vicende della crisi europea, dell'euro, del declino del nostro Paese. Non basta prendersela col "neoliberismo", le "banche malvagie", la "finanza speculativa" o la "corruzione". Si deve scavare nelle fondamenta della teoria convenzionale che è dietro le politiche monetarie e fiscali europee, la deregolamentazione finanziaria, lo smantellamento dei diritti sociali (le cosiddette "riforme strutturali"), il mercantilismo tedesco. Muovendo dalle teorie di Sraffa e Keynes e dalla letteratura eterodossa, il volume mostra la debolezza di quelle fondamenta e la natura conservatrice della costruzione europea. Analisi economica critica e realismo politico ci suggeriscono che, sfortunatamente, un'"altra Europa" non è possibile in quanto le entità politiche e monetarie sovranazionali hanno un'insopprimibile impronta liberista, e sono funzionali a smantellare gli spazi nazionali in cui si esprime il conflitto sociale che, se regolato, è il sale della democrazia.

Nulla è come appare. Dialoghi sulle...

Morroni Mario
Imprimatur 2016

In libreria in 10 giorni

16,00 €
L'austerità è davvero espansiva come abbiamo sentito ripetere mille volte? La crisi è dovuta a uno stato sociale troppo generoso che alimenta il debito pubblico? Quali sono gli effetti dell'aumento delle diseguaglianze nella distribuzione dei redditi? La sostenibilità economica è compatibile con la sostenibilità ambientale? Quali saranno i possibili sbocchi della crisi dell'Eurozona? Quale ruolo devono svolgere le politiche industriali per far fronte alla globalizzazione? Un neoliberista, una keynesiana e un ambientalista rispondono a queste, e a molte altre domande, smascherando numerose false credenze, luoghi comuni e miti diffusi in gran parte dell'opinione pubblica. Diradare questa cortina fumogena è indispensabile perché i cittadini possano capire, intervenire e partecipare ai processi di scelta delle politiche economiche, trovando soluzioni efficaci ed eque.

Il fenomeno della crisi aziendale....

Giacosa Elisa
Franco Angeli 2016

In libreria in 10 giorni

37,00 €
Il tema del fenomeno della crisi aziendale è divenuto di estrema attualità a causa del contesto attuale nel quale le aziende operano, caratterizzato da un numero crescente di realtà economiche in crisi. Inoltre, la rapidità con la quale avviene il passaggio dal declino alla crisi ha indotto gli studiosi a ragionare in modo più approfondito sul fenomeno della crisi aziendale. L'obiettivo del lavoro è quello di elaborare un "modello di percezione del fenomeno della crisi aziendale". Esso costituisce una sorta di mappatura schematica dei sintomi più frequenti e delle principali cause della crisi, individuati dalla letteratura ed avvertiti da una serie di soggetti direttamente o indirettamente coinvolti dal fenomeno. Il framework teorico adottato in questo lavoro è rappresentato dal cosiddetto sensemaking view of crisis management. Si tratta di una logica di percezione di una serie di fattori legati al fenomeno della crisi, da parte dei soggetti direttamente o indirettamente coinvolti dalla crisi, che hanno permesso di identificare i principali sintomi e cause della crisi. Questa logica permette una diagnosi precoce della situazione aziendale, senza attendere il completo manifestarsi della crisi. Tale framework teorico è alquanto diffuso nello studio del crisis management, in quanto esso favorisce la schematizzazione delle percezioni provenienti dal contesto interno ed esterno all'azienda, sviluppando una consapevolezza condivisa sul fenomeno della crisi.

La moneta debito. Origine del...

Malaguti Normanno
Il Cerchio 2015

In libreria in 10 giorni

18,00 €
Come mai il mondo affoga nel debito sovrano? Il meccanismo anonimo che rende Stati e collettività sempre più grandi e "fuori controllo", che obbliga i singoli Stati nazionali a emettere leggi sempre più drastiche nella limitazione del benessere dei propri

Perché l'America non fallirà....

Joffe Josef
UTET 2014

In libreria in 10 giorni

16,00 €
A ogni nuovo decennio si ripetono, puntuali, le profezie di storici ed economisti sul declino degli Stati Uniti d'America. Se a spegnere l'euforia del dopoguerra ci fu l'incubo dell'inferiorità nei confronti dell'Unione Sovietica, nel decennio successivo la guerra in Vietnam e le sue dolorose ripercussioni fecero parlare, per gli Usa, di "un tentativo di suicidio collettivo". Previsioni apocalittiche accompagnarono la svalutazione del dollaro e lo spettro di una nuova minaccia russa negli anni settanta. In seguito, il miracolo economico giapponese e il senso di inadeguatezza nei confronti dell'Europa hanno continuato ad alimentare l'idea di un crollo imminente e inevitabile. Osservata da questa prospettiva "declinista", la storia americana recente ci restituisce l'immagine di una superpotenza sul viale del tramonto, prossima a una definitiva uscita di scena. Ma è un'immagine distorta, ed essenzialmente sbagliata. In questo saggio lucido e provocatorio, Josef Joffe smonta oltre mezzo secolo di falsi miti e profezie. Col piglio del polemista (e appoggiandosi a una impressionante serie di analisi economiche e geopolitiche) dimostra che le previsioni sul fallimento dell'America non si sono rivelate altro che vuota scaramanzia, strumentalizzata - sia dalla destra, sia dalla sinistra - per assicurarsi maggior potere politico. Le ombre che minacciavano la supremazia degli Stati Uniti si sono regolarmente dileguate.

Uscire dall'economia. Un dialogo...

Latouche Serge
Mimesis 2014

In libreria in 10 giorni

5,90 €
La crisi innescata dai mutui subprime nel 2008 non dà alcun segno di rallentamento. Non si tratta però solo di una crisi economica: essa si sta sempre più rivelando una crisi di portata generale, che coinvolge aspetti sociali, ecologici, culturali e anche psicologici. La "Decrescita" e la "Critica del valore" sono due fra le poche correnti di pensiero oggi capaci di analizzare coerentemente i motivi e i meccanismi di fondo della crisi stessa, e di abbozzare risposte convincenti e proposte coinvolgenti. L'inedito dialogo fra le due correnti, presente in questo libro, offre sicuramente un'occasione importante per fare il punto sulla devastazione in corso, e sulle possibilità di uscirne superando il sistema che l'ha generata.

Il popolo e gli dei. Così la Grande...

De Rita Giuseppe
Laterza 2014

In libreria in 10 giorni

14,00 €
Il popolo e gli dei si sono allontanati irrimediabilmente. La Grande Crisi ha separato con un abisso i diversi gironi della società e si è spezzata la catena di connessioni tra il popolo e l'élite. Abbiamo ceduto sovranità a sfere sovranazionali e a oscuri poteri finanziari, coperti dall'impunità e inquinati dai conflitti di interesse. Siamo diventati sudditi di regni lontani. La politica e gli italiani non hanno più molto da dirsi. Il rapporto si è deteriorato e si è spento nella reciproca separatezza. Siamo un popolo vitale, dobbiamo però riprendere la strada dello sviluppo e recuperare sovranità. E soprattutto dobbiamo ridurre le distanze tra sempre più ricchi e sempre più poveri. Non si riaccende la fiamma dei desideri senza interpretarli, senza individuare un orizzonte condiviso, senza riscoprire il fascino di un sogno collettivo.

«Dobbiamo restituire fiducia ai...

Baranes Andrea
Laterza 2014

In libreria in 10 giorni

9,00 €
Oggi la speculazione domina la finanza. La finanza controlla l'economia. L'economia determina le scelte politiche. La politica impatta sulla vita delle persone. Quello che dobbiamo fare è semplicemente ribaltare l'attuale scala di valori e leggere al contrario le frasi precedenti.

Finanza per indignati. Ediz....

Baranes Andrea
Ponte alle Grazie 2014

In libreria in 10 giorni

13,00 €
L'Italia è in recessione. Cittadini e lavoratori pagheranno di nuovo il conto di una crisi causata da una finanza-casinò ai cui profitti non partecipano, ma di cui scontano le perdite. La speculazione prosegue indisturbata, mentre i piani di austerità, ci si dice, costituiscono i soli modi per "restituire fiducia ai mercati". Restituire fiducia: come se al contrario non fosse il sistema finanziario a doversi riconquistare la nostra fiducia. Sentiamo parlare tutti i giorni di debito pubblico, di derivati, di spread: ma è difficile capirci qualcosa, e sembra difficilissimo intervenire come singoli per cambiare le cose. Non è complicato comprendere la finanza, e neppure agire in prima persona: "Finanza per indignati" lo dimostra, partendo dagli argomenti più semplici - cos'è la finanza, come funzionano le borse e le banche - e conducendo progressivamente il lettore a comprendere a fondo i meccanismi della speculazione, i nuovi strumenti finanziari, la situazione dei conti italiani, l'impasse dell'Europa. Negli ultimi capitoli, il lettore avrà gli strumenti per valutare con cognizione di causa le soluzioni indicate dagli economisti critici e dai movimenti di protesta di tutto il mondo: e, siamo pronti a scommetterci, si ritroverà più indignato di prima, ma meno pessimista e meno disposto a tollerare soprusi nel nome del (presunto) Libero Mercato.

Le banche centrali negli anni della...

Banfi Alberto
ISEDI 2014

In libreria in 10 giorni

23,00 €
La crisi che dall'estate del 2007 attanaglia il sistema finanziario internazionale è, per durata e intensità, tra le più complicate e di difficile soluzione tra quelle affrontate nel tempo più recente e ha avuto un forte impatto sui sistemi bancari. Questo libro si concentra sulle modalità di conduzione della politica monetaria a opera della Banca Centrale Europea e della Federal Reserve americana. Nello specifico, l'attenzione viene rivolta alle tipologie di operazioni di politica monetaria che, recentemente, le due maggiori Banche centrali al mondo hanno posto in essere per raggiungere gli obiettivi ad esse assegnati, analizzandone l'evoluzione nel tempo attraverso la ricostruzione dei loro profili quantitativi e del peso assunto nelle scelte operate dalle autorità. Caratteristica del volume è di coniugare due approcci distinti: un approccio didattico e descrittivo, che guida il lettore verso la conoscenza delle problematiche generali degli interventi di politica monetaria e un approccio scientifico e di ricerca, basato su un'indagine approfondita che fornisce un quadro esaustivo degli interventi operati nel corso del decennio considerato.

Più uguali più ricchi

Gutgeld Yoram
Rizzoli 2013

In libreria in 10 giorni

16,00 €
Lotta all'evasione fiscale, riduzione dell'Irpef, rilancio dei consumi. Secondo il matematico Yoram Gutgeld la crisi si combatte così. Dalla sanità alle pensioni, dalle assicurazioni alle prefetture, un programma rivoluzionario di investimenti e welfare per rimettere in moto l'economia partendo dai redditi più bassi. Un "manifesto per la terza via" tra liberismo e statalismo.

La moneta del mondo. I progetti di...

Patalano Rosario
Rubbettino 2013

In libreria in 10 giorni

34,00 €
Speranze e ambizioni di sviluppo, equilibri economico-sociali faticosamente costruiti, assetti di potere politico e la stessa tenuta delle istituzioni di un paese possono essere travolti in poche ore per effetto di una crisi valutaria. Negli ultimi due decenni la frequenza delle crisi valutarie e la loro capacità di propagarsi rapidamente hanno richiamato l'attenzione sulle caratteristiche istituzionali del sistema monetario internazionale riavviando il dibattito sulla necessità di una riforma, resa oggi ancora più urgente dalla grande recessione iniziata nel 2008 e dalla crisi dell'euro. Questo lavoro si propone di offrire una sintesi dei progetti di riforma del sistema monetario internazionale, elaborati nell'arco di un secolo, mettendoli in relazione con i diversi approcci analitici a loro fondamento. La ricostruzione del dibattito teorico e delle soluzioni oggi più praticabili è delineata nel quadro dei concreti interessi politici ed economici che reggono l'assetto delle relazioni monetarie internazionali. Presentazione di Paolo Savona.

Come ho guadagnato e perso 3000...

Degiovanni Virgilio
Cairo Publishing 2013

In libreria in 10 giorni

15,00 €
A cavallo degli anni Novanta Virgilio Degiovanni ha guadagnato (e perso) più di 3000 miliardi di lire. Come è potuto succedere? In questo libro l'autore racconta, in modo diretto e sincero, la sua parabola imprenditoriale, piena di successi ma anche di tanti errori fatali. Dagli anni rampanti a Wall Street alle prime pubblicazioni (Millionaire, Borsa & Finanza), la sua storia sembra rispecchiare quella dell'Italia felice e spregiudicata degli anni Novanta. Creativo, innovatore, poliedrico: Degiovanni è stato colui che ha portato all'ennesima potenza il concetto di multilevel marketing. Nel 2000 la quotazione in Borsa di Freedomland, prima Internet tv in Europa: operazione finita nel modo più traumatico, che gli ha fatto perdere tutto. Nell'estate dell'anno successivo un terribile incidente in moto e il coma profondo. Dopo il rientro una serie di tentativi, risultati vani e raccontati con sincerità, tra cui il più doloroso con Dymmy che arriva a coinvolgere decine di migliaia di attività e a essere a un passo dal successo assoluto. Ma nulla rimane: dopo aver raggiunto la ricchezza più assoluta partendo dal niente, Degiovanni si ritrova a mani completamente vuote. Quello che esce da un'esperienza di vita "da ottovolante" è un uomo (e un imprenditore) nuovo, capace di guardare al passato con occhi sinceri e privi di inutili autodifese, con la comprensione degli errori commessi e la capacità di chiedere scusa. Pronto a ripartire da zero.

Il palazzo e la piazza

Vespa Bruno
Mondadori 2012

In libreria in 10 giorni

19,00 €
Dopo il successo riscosso negli ultimi anni con libri rivolti a un pubblico soprattutto femminile, quest'anno Bruno Vespa ha deciso di tornare ai temi che gli sono più familiari, quelli di carattere storico­politico. Partendo dall'epocale crisi del 1929 e dalla Grande Depressione, il libro ripercorre i momenti più difficili della storia economica italiana (e internazionale) e approda al drammatico novembre 2011, con le inaspettate dimissioni del premier Silvio Berlusconi, la nomina a sorpresa di Mario Monti a presidente del Consiglio e il varo del cosiddetto "governo dei professori". Attraverso le voci e le testimonianze dei protagonisti, aggiornate come di consueto al momento dell'uscita del libro, Vespa racconta i retroscena di un anno drammatico, convulso e decisivo per la vita del nostro Paese.

Per l'Europa! Manifesto per una...

Cohn-Bendit Daniel
Mondadori 2012

In libreria in 10 giorni

10,00 €
La crisi economica mondiale ha posto l'Unione europea di fronte alla più importante crisi della sua storia, una crisi che è insieme economica, demografica, ecologica, politica e istituzionale. E che vede proprio l'Unione trascinata sul banco degli imputati, accusata di aver portato alla debolezza dell'euro, di aver provocato la recessione imponendo l'austerità, di aver marginalizzato l'azione politica. Oggi molti guardano all'Europa unita con scetticismo e non sono pochi quelli che predicano un ritorno agli Stati-Nazione. Ma è davvero questa la via d'uscita dalla crisi? Daniel Cohn-Bendit e Guy Verhofstadt, due profondi conoscitori dell'Unione europea e dei complessi meccanismi delle sue istituzioni, sono convinti di no. Anzi: i problemi che attualmente affliggono il Vecchio Continente (crisi economica, immigrazione dai paesi del Terzo Mondo, disoccupazione, depauperamento delle risorse) potranno trovare una soluzione soltanto attraverso il potenziamento del progetto di integrazione e l'adozione di un modello federale, retto da istituzioni sovranazionali che facciano capo a un Parlamento europeo. A chi pensa che sia stato l'euro ad aver mandato in rovina il bilancio delle famiglie, gli autori rispondono che, l'unione monetaria è l'unica via per ruscire dall declino degli Stati europei nel contesto dell'economia mondiale, trainata dalle potenze emergenti, come Cina, India, Brasile, Russia, Messico. Con un'intervista di Jean Quatremer.

Il film della crisi. La mutazione...

Ruffolo Giorgio
Einaudi 2012

In libreria in 10 giorni

14,50 €
Questo libro aspira a costituire un contributo critico a quella che un giorno potrà essere la nuova etica del capitalismo contemporaneo. Esso quindi intende riportare al centro della riflessione gli ideali politici e morali per costruire una società con maggiore eguaglianza. E un racconto che mostra con chiarezza, attraverso le tappe che hanno condotto alla crisi, una vera e propria mutazione del capitalismo. La crisi in cui sono immersi i Paesi occidentali nasce infatti dalla rottura di un compromesso storico tra capitalismo e democrazia. La fase successiva a questa rottura può essere definita come l'Età del Capitalismo Finanziario. La mutazione del capitalismo è dunque di natura essenzialmente finanziaria. Essa attribuisce alla grande impresa privata e al capitale un potere assolutamente sproporzionato rispetto agli altri fattori della produzione, soprattutto al lavoro. Per questi motivi è necessaria un'inversione della politica economica per ridimensionare il potere del capitalismo finanziario e per restituire allo Stato e alla democrazia le leve del finanziamento dello sviluppo, specialmente durante una fase di crisi. Così sarà possibile promuovere una crescita sostenibile e un più alto grado di eguaglianza e di consenso sociale. Per progredire verso una società più prospera e giusta.

Cotti a puntino

Fratini Marco
Rizzoli 2012

In libreria in 10 giorni

14,90 €
Telegiornali, quotidiani, riviste, trasmissioni televisive e social network: su tutti i fronti siamo bombardati da notizie infarcite di bond, spread, hedge fund e rating. All'inizio siamo stati sospettosi (come al ristorante con le polpette) poi preoccupati (prevedendo periodi bui di pasti saltati e nuovi buchi alla cintura) e alla fine anche un po' satolli tanto che ora sentirne parlare ci fa venir voglia di "cambiare canale" e mandare giù un bicchierone di Citrosodina. Ma, in fondo in fondo, siamo certi di sapere che cosa è successo davvero all'economia mondiale e, quindi, ai nostri portafogli? E soprattutto: quali sono le ricette sicure per cucinare al meglio i nostri risparmi, senza rischiare di mandare tutto in fumo? Marco Fratini con lucidità, ironia e chiarezza (e un palato da esperto critico gastronomico) ripercorre le tappe più importanti della crisi economica mondiale mettendone in luce anche gli aspetti più oscuri che, nella foga dell'informazione, ci erano sfuggiti. Finalmente ci saranno chiari anche i termini più criptici e sapremo quali sono stati gli ingredienti segreti che hanno reso così amaro il boccone da mandare giù (e chi è stato a metterli in pentola). L'autore ci spiega anche che cos'è meglio fare con ciò che ci è rimasto in dispensa ovvero quali sono i rischi, i vantaggi e i possibili rendimenti se investiamo i nostri risparmi in titoli di Stato, bond governativi stranieri, conti di deposito, azioni, fondi comuni, mattone e oro.

Il potere dei giganti. Perché la...

Crouch Colin
Laterza 2012

In libreria in 10 giorni

16,00 €
C'è un giallo da risolvere: spiegare la 'strana' mancata morte del neoliberismo. "Al cuore dell'enigma c'è il fatto che il neoliberismo realmente esistente è meno favorevole, di quanto dica di essere, alla libertà dei mercati. Esso, al contrario, promuove il predominio delle imprese giganti nell'ambito della vita pubblica. La contrapposizione tra Stato e mercato, che in molte società sembra essere il tema di fondo del conflitto politico, occulta resistenza di questa terza forza, più potente delle altre due e capace di modificarne il funzionamento. Agli inizi del ventunesimo secolo la politica, proseguendo una tendenza iniziata già nel Novecento e accentuata dalla crisi, non è affatto imperniata sullo scontro tra questi tre soggetti, ma su una serie di confortevoli accomodamenti tra di loro".

I segreti del debito pubblico. I...

Sannino Gabriele
Fuoco Edizioni 2012

In libreria in 10 giorni

13,00 €
Oggi tutti gli Stati del mondo - o quasi - sono indebitati: come è possibile che ciò accada? Forse c'è qualcosa che non va a monte, nel sistema stesso: nel meccanismo del credito anziché del debito. Il testo intende letteralmente "smascherare" tutti i retr

Basta poco. Pensieri forti e gesti...

Galdo Antonio
Einaudi 2011

In libreria in 10 giorni

16,50 €
Basta poco per cambiare il mondo, passo dopo passo. E basta poco a chi vuole vivere bene, felice e senza sprechi. Dopo Non sprecare, Antonio Galdo ritorna sul necessario (e possibile) cambiamento del nostro modello di consumo e di sviluppo, raccontando le grandi idee che potrebbero salvare il pianeta, ma anche i comportamenti quotidiani che migliorano il mondo intorno a noi. Se la crisi globale rischia di rendere tutti più poveri, forse vale la pena di riscoprire la sobrietà; se l'inquinamento e lo sfruttamento delle risorse naturali sta minacciando il nostro futuro, forse bisogna capire che si può vivere meglio con meno; se le nostre giornate sono assediate dal lavoro, dal traffico, dallo stress, forse si può tornare a un rapporto più equilibrato con il tempo e lo spazio che ci circonda. Come possiamo liberarci dalla dipendenza del petrolio? Come possiamo utilizzare meglio gli strumenti tecnologici che abbiamo, senza farcene dominare? Come tornare al piacere della normalità, senza finire nell'ossessione della decrescita? Un libro di storie da tutto il mondo, alla frontiera dell'innovazione, ma anche della dimensione individuale delle nostre scelte quotidiane.

Finanzcapitalismo. La civiltà del...

Gallino Luciano
Einaudi 2011

In libreria in 10 giorni

19,00 €
Mega-macchine sociali: sono le grandi organizzazioni gerarchiche che usano masse di esseri umani come componenti o servo-unità. Esistono da migliaia di anni. Le piramidi dell'antico Egitto sono state costruite da una di esse capace di far lavorare unitariamente (appunto come parti di una macchina) decine di migliaia di uomini per generazioni di seguito. Era una mega-macchina l'apparato amministrativo-militare dell'impero romano. Formidabili mega-macchine sono state, nel Novecento, l'esercito tedesco e la burocrazia politico-economica dell'Urss. Come macchina sociale, il finanzcapitalismo ha superato ciascuna delle precedenti, compresa quella del capitalismo industriale, a motivo della sua estensione planetaria e della sua capillare penetrazione in tutti i sottosistemi sociali, e in tutti gli strati della società, della natura e della persona. Cosi da abbracciare ogni momento e aspetto dell'esistenza degli uni e degli altri, dalla nascita alla morte o all'estinzione. Perché il finanzcapitalismo ha come motore non più la produzione di merci ma il sistema finanziario. Il denaro viene impiegato, investito, fatto circolare sui mercati allo scopo di produrre immediatamente una maggior quantità di denaro. In un crescendo patologico che ci appare sempre più fuori controllo.

Vaffankrisi!

Fratini Marco
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2010

In libreria in 10 giorni

8,50 €
La crisi è puntualmente arrivata, ma i nostri angeli del portafoglio ridanno speranze a tutti i risparmiatori: la ripresa è alle porte e l'importante è sfruttare al meglio la sua spinta, evitando gli errori del passato e le fregature sempre in agguato. Con lo stesso spirito del libro "Vaffanbanka!" (il manuale che vanta più tentativi d'imitazione della "Settimana Enigmistica"), Fratini e Marconi analizzano, informano e consigliano con rigore e indipendenza di giudizio, strappando ancora una volta aperti sorrisi agli affezionati lettori. Oltre alle sezioni "Ricordare" (per sapere quello che è successo e cosa hanno tentato di darci a bere), "Capire" (la finanza criminale e investire informati) e "Agire (e ripartire)" dalla crisi, non mancano gli esilaranti box di approfondimento, le pagine "Dire, Fare, Baciare, Lettera, Testamento" e il "Glossip", ovvero il glossario umano e di varia società. Il resto scopritelo da voi: potreste diventare ricchi. Per cominciare, di spirito. Poi, si vedrà...

Costruire una cattedrale. Perché...

Letta Enrico
Mondadori 2009

In libreria in 10 giorni

16,50 €
"Due operai stanno ammucchiando mattoni lungo una strada. Passa un viandante che s'informa sulla natura del loro lavoro. Uno modestamente risponde: "Sto ammucchiando mattoni". L'altro esclama: "Innalzo una cattedrale!". Il primo degli operai descritti da Pietro Nenni in Parlamento, nel 1959, impila pietre: per sé e per guadagnarsi da vivere oggi. Il secondo fa esattamente lo stesso, ma sa di costruire qualcosa di grande per il futuro. Proprio il futuro è l'orizzonte di riferimento di chi contribuisce alla costruzione di una cattedrale. Un lavoro che costa fatica, non produce vantaggi personali immediati, ma rimarrà nei secoli. E la cattedrale si rivelerà tanto più solida e splendente quanto maggiore sarà la partecipazione della comunità alla sua realizzazione. Il nostro Paese ne è disseminato: opere dell'ingegno e dell'arte fatte in nome di un progetto alto e condiviso. Oggi è difficile anche solo immaginare qualcosa di simile. Che ne è stato di quell'ansia di futuro? Enrico Letta non ha dubbi: anche la crisi economica e sociale che stiamo vivendo è figlia del "presentismo". Della tendenza a sacrificare all'utilità del momento ogni investimento nel futuro che richieda tempo, capacità, pazienza. L'Italia è ammalata di "presentismo" come e forse più degli altri Paesi avanzati. La politica riflette e amplifica questa malattia. Eppure, è questo il momento di ritrovare l'ambizione di realizzare progetti solidi e duraturi. La cattedrale può essere una risposta alla crisi.

Le banche e l'economia italiana. Il...

Cesarini Francesco; Gobbi Giorgio
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

11,00 €
Un'economia di mercato non potrebbe esistere senza le banche. Esse svolgono le funzioni essenziali di fornire mezzi di pagamento, amministrare il risparmio delle famiglie, finanziare gli investimenti delle imprese. Funzioni decisive in un contesto in cui l'innovazione e la concorrenza internazionale stanno ridisegnando la struttura del nostro sistema produttivo. Con le riforme degli anni '90 le banche italiane, dopo una lunga stagione di controllo pubblico, si sono rinnovate cimentandosi con il mercato. La crisi del 2008 e la fase drammatica in cui versa l'economia italiana le stanno mettendo a dura prova.

Oltre la crisi. Quali sfide per il...

Devastato Giovanni
Maggioli Editore 2020

In libreria in 3 giorni

20,00 €
Qui si analizzano e approfondiscono gli effetti e le implicazioni che la " Grande Crisi", la pilunga che stiamo vivendo dagli inizi del secolo scorso, sta producendo sull'intero assetto di protezione sociale a forte investimento pubblico. L'idea di fondo che l'attuale crisi non ha generato la fragilite la debolezza del nostro sistema di servizi sociali, che era giinadeguato. Ne ha solo drammaticamente disvelato ed esasperato tutti i limiti e le insufficienze. La domanda, allora, diventa: bisogna adeguarsi a una deriva che rischia di cancellare una infrastruttura essenziale di un sistema di cittadinanza inclusiva, oppure possibile ridisegnare una nuova prospettiva per sostenere che "un altro welfare possibile?" Le riforme audaci si fanno proprio nei periodi di crisi profonda non seguendo l'onda normalizzatrice ma cogliendo le sfide piacute e immaginando nuove traiettorie di pensiero a partire da quelle note, come "approccio dello sviluppo umano", "paradigma centrato sulle capacit o "welfare dei soggetti". Bisogna, perci attrezzarsi con una contro-teoria perchnon basta indignarsi resistendo "dentro la crisi", ma necessario mettere in campo nuove coordinate concettuali e nuovi dispositivi di azione per traguardare l'obiettivo di andare "oltre la crisi".

La crisi finanziaria internazionale...

Paoloni M. (cur.)
Giappichelli 2020

In libreria in 3 giorni

33,00 €
L'anno 2007, com'noto, segnl'insorgere della pipervasiva crisi economico-finanziaria dopo quella del '29 del secolo scorso, che ha profondamente mutato le logiche di business e le modalitoperative della quasi totalitdei sistemi finanziari dei Paesi cosiddetti evoluti. Tale fenomeno congiunturale, originatosi negli Stati Uniti ma poi rapidamente propagatosi alle organizzazioni finanziarie e creditizie del resto del mondo al punto d'assumere i caratteri di una vera e propria pandemia, vide i suoi effetti sui Paesi dell'Unione Europea notevolmente amplificati dalla concomitante crisi del debito sovrano, che di fatto contribua scatenare e nella quale conflue compenetr ponendo in seria difficolttutte le istituzioni finanziarie comunitarie, banche in testa. Se le iniziali conseguenze della crisi finanziaria di origine statunitense furono relativamente contenute sul sistema finanziario-creditizio nazionale, il successivo deflagrare della crisi del debito sovrano europeo, di concerto con gli effetti impuntuali e intempestivi di talune politiche governative e con il congiunto concorso delle note logiche culturali che caratterizzano il ceto imprenditoriale indigeno, in particolare fondate sull'abuso del ricorso al capitale di credito, sono stati inevitabilmente forieri di traumatici effetti sull'intero settore bancario del Paese, che tuttora lo permeano e che sono ben lungi dall'essere superati. Il presente volume ha l'ambizione di ripercorrere i temi principali delle crisi finanziarie succedutesi dal 2007 ad oggi sia in ambito internazionale che, soprattutto, domestico, esaminando gli strumenti contabili e di controllo nonchquelli di risoluzione dei dissesti bancari, con il fine ultimo di tratteggiare i contorni di un futuro modello di banca stante la convinzione che gli attuali assetti di business, assai maturi e con tutta probabilitormai a "fine corsa", siano drasticamente destinati a mutare negli anni a venire a causa del rapido ed altrettanto drastico mutare dei mercati, da quello del risparmio a quello dei consumi, nei quali gli istituti creditizi attualmente sono, e in futuro ancora saranno, incessantemente chiamati ad operare.

Oltre la fragilit?. Le scelte per...

Calabrò Antonio
Università Bocconi Editore 2020

In libreria in 3 giorni

17,00 €
Le societsempre piarticolate e complesse in cui viviamo si rivelano molto fragili e vulnerabili. Esprimono, vero, straordinarie possibilitdi crescita, grazie ai progressi di scienza e tecnologia su tutti i fronti dell'innovazione, ma sono quanto mai sensibili a fratture, cambiamenti, effetti inattesi. La loro stessa velocitne potenza e limite. La pandemia del Covid-19 e la conseguente recessione economica hanno reso molto pievidenti queste caratteristiche. Siamo cambiati, nel nostro tempo incerto e tagliente. Non migliori, forse. Non peggiori, speriamo. Comunque diversi, piconsapevoli non solo di ciche non siamo, ciche non vogliamo, ma soprattutto di quello che ci tocca fare per tenere insieme benessere e solidariet sicurezza e democrazia. Rilanciare l'economia e il lavoro, pensando alla sostenibilitambientale e sociale. E costruire comunitpiequilibrate. Per non perdersi troppo d'animo e non disperdere conquiste e valori.

I modelli di previsione della crisi...

Poli Simone
Giappichelli 2020

In libreria in 3 giorni

26,00 €
Le potenzialite i limiti delle tecniche di accertamento/previsione della crisi d'impresa costituiscono un ambito di ricerca che, da tempo, attrae l'interesse degli studiosi delle discipline economico-aziendali, in ambito sia nazionale sia internazionale. Cipuessere giustificato dal fatto che accertare/prevedere precocemente la crisi consente d'intervenire pitempestivamente ed efficacemente al fine di contrastarla/superarla, cosda ridurre i costi che essa comporta. Inserendosi in tale contesto, questo volume sviluppa una ricerca volta a verificare le potenzialite i limiti di modelli di accertamento/previsione della crisi d'impresa basati sugli indici di bilancio relativamente alle imprese italiane che redigono il bilancio in forma abbreviata, questione precedentemente inesplorata. La costruzione dei modelli di riferimento stata svolta sotto due condizioni specifiche. Da un lato, stata adottata la stretta prospettiva del soggetto esterno all'impresa. Essa ha portato a limitare la fonte dei dati alla sola informativa di bilancio obbligatoria (nello specifico, agli schemi di stato patrimoniale e conto economico redatti in forma abbreviata). Dall'altro lato, sono state fatte scelte metodologiche che garantissero la massimizzazione del numero di imprese cui i modelli possano essere applicati. Grazie alle due condizioni suddette, si sono costruiti modelli di accertamento/previsione della crisi d'impresa dotati di maggiore utilitpratica: essi, infatti, possono essere utilizzati dalla generalitdei soggetti interessati a valutare lo "stato di salute" di una impresa, non avendo bisogno di informazioni diverse da quelle presenti nel bilancio in forma abbreviata.

Il potere della crisi. L'arte di...

Greggio Marco
Linea Edizioni 2020

In libreria in 3 giorni

16,00 €
"Sono un avvocato specializzato in crisi d'impresa. Da anni mi trovo a fianco di imprenditori che sono, prima di tutto, esseri umani, e la mia professione mi porta continuamente ad affrontare fallimenti di progetti personali e aziendali. In questo volume racconto queste storie di crisi e di rinascita, insieme a quelle di alcuni personaggi famosi, che hanno trasformato i loro fallimenti in una opportunitdi successo. Partendo dall'esperienza sul campo, cerco di offrire un metodo, un percorso, per favorire una possibile rinascita dopo la crisi: l'ho chiamato SACER (acronimo dei vari passaggi: sofferenza, ancoraggio, cause, emozioni, riequilibrio). Nell'immenso tavolo da gioco della vita, tutti siamo stati, siamo, saremo "perdenti" in qualche frangente, a volte decisivo e doloroso. Gli errori sono inevitabili tappe nel tentativo di trovare la via giusta. Da essi possiamo sempre apprendere un utile insegnamento, a patto di non farci travolgere dalla sconfitta e di ripartire, ancora pideterminati, verso la meta. Qualsiasi crisi va colta come un'opportunitper cambiare la nostra vita, per migliorarla e trovare la nostra stella. L'importante non mollare, mai. Le pagine di questo libro sono un invito all'audacia: di vivere, di sperimentare, di lottare per perseguire i propri sogni. Un fallimento puessere l'occasione per rinascere dalle proprie ceneri, come l'araba fenice, le cui piume bruciano al volgere della vita." (L'autore)

Crisi della s.p.a. e doveri degli...

Scarlino Danilo
Giappichelli 2020

In libreria in 3 giorni

26,00 €
Il volume, aggiornato al marzo 2020, analizza le disposizioni del nuovo CCII e del "decreto correttivo" in relazione alla responsabilitdegli amministratori in situazioni di perdita del capitale sociale, di sovraindebitamento e di insolvenza della s.p.a. L'Autore, attraverso un costante confronto con l'ordinamento tedesco e gli ordinamenti di common law, verifica la natura e l'ampiezza dei doveri degli amministratori durante la crisi della societ sia nell'attuale regime normativo, sia nel quadro delineato dal CCII, quale atto normativo che - non senza contraddizioni e aporie - ha tentato di introdurre nell'ordinamento italiano taluni doveri di attivazione presenti nel sistema tedesco gida qualche decennio. Il volume contiene, inoltre, una approfondita disamina delle problematiche relative ai documenti contabili rilevanti prima e durante la crisi, anche con riferimento al sistema IAS/IFRS, alla ricerca di un inquadramento piappagante delle situazioni prive di disciplina esplicita, al fine di eliminare le incertezze interpretative con soluzioni fedeli al sistema.

Proposta per l'Italia. Sette...

Orioli A. (cur.)
Einaudi 2020

In libreria in 3 giorni

16,00 €
Con la pandemia abbiamo imparato lezioni inaspettate. Ora rischiamo una crisi economica di proporzioni inaudite. Ma possiamo contare sulle ingenti risorse europee. La sfida imparare a spenderle. A investire. Abbiamo davanti un'opportunitstorica. Sopravvivere o ripartire: quale sarla scelta? Di piani strategici ne abbiamo conosciuti diversi e non solo quelli affidati alla grandeur degli Stati generali. Ma queste pagine non sono un piano. Sono altro: una proposta. Interviste a: Silvia Candiani, Ad di Microsoft Italia. Andrea Illy, presidente di Illycaff Emma Marcegaglia, Ad del gruppo Marcegaglia, ex presidente di Eni e Confindustria, Federico Marchetti, fondatore di Yoox, presidente e Ad di YOox-Net-A-Porter, Carlo Messina, Ceo di Intesa Sanpaolo, Renzo Rosso, fondatore di Diesel e presidente di OTB, Marco Tronchetti Provera, vicepresidente esecutivo e Ad di Pirelli.

Aree rurali in transizione oltre la...

Cois E. (cur.)
Rosenberg & Sellier 2020

In libreria in 3 giorni

18,00 €
Il volume raccoglie i principali risultati di una ricerca collettanea condotta da un gruppo di studiose e studiosi del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Universitdi Cagliari, quale contributo al dibattito sugli effetti della crisi economica e del ridimensionamento dell'offerta pubblica di servizi nelle aree rurali della Sardegna, con l'obiettivo non solo di analizzare i vincoli di contesto (spopolamento, invecchiamento demografico, disoccupazione, dispersione scolastica, degrado ambientale), all'origine dell'incremento delle disuguaglianze territoriali, maanche di mettere in luce le dinamiche di resilienza del tessuto locale, le potenzialitauto-organizzative dei territori, la dialettica tra la capacitdi agency e di resistenza alle difficoltstrutturali espresse dagli attori individuali e collettivi che in queste aree "in piena transizione" sviluppano le proprie biografie personali eprofessionali.La riflessione sui significati e le definizioni delle aree interne dell'isola fa da sfondo all'intreccio delle voci di molti protagonisti della transizione in corso: dalle imprenditrici alla guida di aziende familiari multifunzionali nel settore agro-alimentare, ai giovani studenti e studentesse sulla soglia della definizione del proprio futuro, agli amministratori di comunitlocali attivamente impegnate nel contrasto al rischio didegrado demografico e sociale.

Sei lezioni di economia. Conoscenze...

Cesaratto Sergio
DIARKOS 2020

In libreria in 3 giorni

19,00 €
Da Adam Smith al mercantilismo tedesco, questo libro intreccia la teoria economica alle drammatiche vicende della crisi europea, dell'euro, del declino del nostro Paese. Muovendo dalle teorie di Sraffa e Keynes e da una visione moderna della moneta, mostra la debolezza della teoria dominante e la natura conservatrice della costruzione europea. Senza ottimismo della volontà, ma come testimonianza della ragione, il volume indica la possibilità, persino in quest'Europa, di implementare politiche economiche e fiscali più soddisfacenti.

Dove va l'America

Mammarella Giuseppe
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

14,00 €
Un declino economico ormai riconosciuto, una situazione sociale difficile che fa prevedere nuove tensioni e forse anche conflitti aperti in un futuro non troppo lontano, un sistema costituzionale inceppato e, nonostante la perdurante superioritmilitare, un certo disarmo psicologico nel paese dopo i fallimenti degli anni di Bush: in questo contesto che l'America first della presidenza Trump ha segnato una svolta epocale. Liberandosi dai lacci creati da una politica estera imperiale non pisostenibile, gli Stati Uniti si riposizionano: arretrano per preparare la riscossa. Nel mondo multipolare di oggi la promessa di un ritorno alla grandezza di un tempo sembra utopica, il paese perha ancora grandi risorse e capacitdi recupero. Ciche rende incerto il suo cammino non sono le minacce esterne ma i pericoli tutti interni di una societoramai profondamente divisa sul proprio futuro.

L'economia europea. Tra crisi e...

Guerrieri Paolo; Padoan Pier Carlo
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

12,00 €
La drammatica crisi generata dalla pandemia pone sfide inedite all'Europa. In questo libro, da una parte le principali tappe dell'integrazione con i suoi alti e bassi; dall'altra l'intreccio dei fattori alla base delle gravi crisi degli ultimi anni e le politiche introdotte fino alle attuali eccezionali misure. Solo una rinnovata presenza globale e la definizione di una politica di sviluppo inclusivo permetteranno all'Europa di trasformare le attuali difficoltin un'opportunitdi rilancio.

Sintomi morbosi. Nella nostra...

Sassoon Donald
Garzanti 2019

In libreria in 3 giorni

19,00 €
«La crisi consiste appunto nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere: in questo interregno si verificano i fenomeni morbosi più svariati.» Così scriveva Antonio Gramsci oltre ottant'anni fa nella prigione fascista di Turi. Muovendo da questa intuizione, lo storico Donald Sassoon, profondo conoscitore del nostro paese, si chiede quali sono oggi i segnali della crisi che sembra stia condannando al declino la civiltà occidentale. Dalla proliferazione di movimenti nazionalisti e sovranisti alle sempre più frequenti manifestazioni razziste e xenofobe, dalla sfiducia nei partiti tradizionali all'aumento delle diseguaglianze, l'impressione è di trovarsi in un cruciale momento di passaggio, in quell'interregno fra il tramonto del vecchio e l'affermazione del nuovo in cui si corrono i rischi maggiori di rapide regressioni. Al centro della sua analisi, la crisi che sta attraversando il Vecchio Continente: le probabilità di una sua implosione, ma anche le motivazioni e le ragioni della sempre più evidente disaffezione nei confronti di un'Europa unita che subisce attacchi da ogni fronte e viene troppo debolmente difesa da chi dovrebbe rappresentarla. Da «ebreo nato in Egitto con passaporto britannico, con studi in Francia, Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti», Donald Sassoon è in una posizione privilegiata per interpretare senza pregiudizi la moltitudine di umori, sensibilità, scelte di vari paesi, e ci offre la lezione di un grande storico capace di decifrare la complessità dell'oggi sciogliendo con maestria gli intricati fili provenienti dal nostro passato.

Caduta verticale. Misteri,...

Fucecchi Emanuele
Compagnia Editoriale Aliberti 2019

In libreria in 3 giorni

17,00 €
Emanuele Fucecchi vuole raccontare lo scandalo Montepaschi partendo appunto dal volto di David Rossi e dalla drammatica vicenda del suo presunto suicidio.... Una narrativa d'inchiesta in cui sono le immagini disegnate a parlare.