Gruppi sociali in base all'età: anziani

Active filters

Nel diritto della terza età. Le...

Tamponi Michele
Rubbettino

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Muovendo dalla travolgente pandemia che ha investito con particolare virulenza la popolazione di età avanzata, l'autore analizza l'attuale posizione dell'anziano nella società, certamente destinatario di attenzioni e tutele ma anche vittima di oppressive limitazioni e di malcelate ipocrisie. Filo conduttore è il suo trattamento giuridico, sia sotto il profilo strettamente personale - rapporti con i familiari, protezione della salute, discriminazioni di varia natura, relazione nonni-nipoti - sia nel prisma patrimoniale e successorio. L'opera si sofferma sul trattamento riservato alla persona di età nei vari momenti della storia antica e moderna: ora oggetto di profondo ossequio, ora derisa per le limitazioni di cui soffre e disprezzata per la sopravvenuta "inutilità". Scorrono in tal modo dinanzi al lettore i temi più vivaci e attuali della condizione senile in una società moderna che vede progressivamente dilatarsi la fascia anagrafica della terza età.

Le età del desiderio. Adolescenza e...

Stoppa Francesco
Feltrinelli

Disponibile in libreria

20,00 €
Il primo esercizio vocale della nostra storia è stato un grido. Urlare alla vita nel momento della nascita significa fare da subito opposizione a quella realtà traumatica che si abbatte contro di noi. La vita continuerà a mantenere i suoi tratti di insostenibilità e a costringerci a periodiche trasformazioni. Sono però l'adolescenza e la vecchiaia, con le loro derive identitarie, a rappresentare i passaggi cruciali nei quali fare ricorso a una vera e propria arte di stare al mondo: arte di crescere in un caso, di tramontare nell'altro. Sono le età in cui maturare un nuovo sentimento delle cose e dire di sì alla vita, e questo ne fa le età per eccellenza dell'uomo e, inevitabilmente, le età del desiderio. Eppure il mondo adulto, ossessionato dal bisogno di certezze e poco propenso a concepire il proprio tramonto, finisce in fondo per emarginarle. Come si può, allora, trovare salvezza? Come si affronta la metamorfosi che ci coglie necessariamente impreparati? Francesco Stoppa ci guida nella riscoperta del "tocco umano", la capacità di lasciare spazio all'imprevedibile evoluzione delle cose. Da questa prospettiva del tutto inedita scopriamo un significato nuovo nel rapporto tra le generazioni, perché esiste un vuoto che solo lo sguardo reciproco tra un genitore e un figlio, un maestro e un allievo, può rendere sostenibile. Con una lingua suggestiva e con l'aiuto di alcuni struggenti riferimenti clinici, Stoppa esplora gli enigmi, le contraddizioni e le sfide che animano il passaggio generazionale. Ogni età deve rinegoziare il suo rapporto col mondo, gli altri, il corpo alle prese con le proprie trasformazioni. Illuminate dallo sguardo dello psicoanalista, l'adolescenza e la vecchiaia si rivelano le età della vita nelle quali ciascuno esercita al massimo grado la capacità di scrittura e riscrittura della condizione umana.

Anime ad incastro. Nuova ediz.

Carnaghi Roberto
Sonitus

Non disponibile

15,00 €
I quadri di vita che si aprono al lettore di queste pagine sono l'intimo ritratto di persone che vivono i loro giorni, mesi e per qualcuno anche anni, dentro le stanze e i saloni di un ricovero, una cosiddetta casa di riposo. I volti e le presenze sono immaginati, ma nascono dal riecheggiare di tutta una collana esperienziale dell'autore che, proprio perché musicoterapeuta da molti anni a servizio di anziani ospiti in questi luoghi, ha potuto incontrare molte "anime care", dal profumo incancellabile, che hanno dunque ispirato questa testimonianza di vita. È la tenera e forte amicizia tra il giovane terapeuta dei suoni ed un anziano pittore, ospite del ricovero. È volontà di raccontare molte altre care persone, di tenere in vita i loro vissuti, di non lasciar fuggire via nelle nebbie dell'ingratitudine e dell'insensibilità il prezioso dono di chi ha tenuto il testimone acceso delle nostre radici e tradizioni. L'amore, l'amicizia e la complicità, colorano momenti preziosi, rivestendo di pura tenerezza e bellezza il gioco degli sguardi, delle parole, delle confessioni e della gioia di questo diario di bordo, alla periferia e nel cuore di una umanità vecchia e giovane.

Più 1 o meno 1?

Ripamonti Ermanno
Europa Edizioni

Non disponibile

12,90 €
Questo agile volumetto ha la sua origine per il contenuto e per il titolo in un pensiero di Silvia Vegetti Finzi, riportato in "Le cattedre dei non credenti" di Carlo Maria Martini: "Sin dalla nascita, osserva Freud, si possono contare i giorni in due modi: sommandoli o detraendoli, per cui il giorno uno, nel senso della vita, è anche il giorno meno uno nel senso della morte". Questo piccolo libro è costituito da due parti: la prima è in forma narrativa, quasi di parabola; la seconda è una piccola antologia, a sostegno teorico della prima parte, di brani di scritti di persone di cultura. Si tratta di aprirsi a una diversa prospettiva con cui guardare all'età anziana, età che può essere di impegno verso sé e verso gli altri. Va però svolta una documentata e disincantata riflessione, non sviata da frasi a effetto in cui indulgono sempre più spesso persone pubbliche, che parlano più alla pancia (o in modo più colto: all'emotività) che al cuore e alla testa e con rispetto, ai loro uditori o lettori. Un esempio è la recente ipotesi di privare dell'elettorato attivo gli anziani, in dispregio o ignorando (!) elementari fondamenti di democrazia, di suffragio universale e di rispetto della persona, dall'illuminismo in qua. Incuriosisce sapere quale potrebbe essere la valutazione diagnostica da parte dello psichiatra o del geriatra che auspicabilmente dovrebbero avere in carico queste persone, anch'esse non più giovani, che hanno espresso questa ipotesi.

Sportivamente anziano. Proposte...

Federici Ario
Aras Edizioni

Disponibile in libreria in 5 giorni

42,00 €
Il processo di senilizzazione della popolazione rappresenta uno dei problemi di maggiore rilevanza sociale ed antropologica del nostro tempo. Lo stereotipo che ha accompagnato il concetto di vecchiaia fino a qualche anno fa, l'aveva reso sinonimo di solitudine, malattia, inutilità. Finalmente, oggi, ci si è affrancati dal ruolo di "anziano sedentario" e l'attività motoria in terza età è sempre più diffusa. Questo testo nasce dall'esperienza diretta con gli anziani dell'Università libera itinerante della terza età di Urbino, U.I.S.P. di Jesi, case albergo, centri di animazione socio-culturali, ponendosi come guida per tutti coloro che lavorano o lavoreranno con questa fascia d'età. Strumento di riflessione sulle potenzialità di movimento del proprio corpo, questa nuova edizione si arrichisce di un capitolo dedicato alla sfera sessuale, per condurre l'anziano alla scoperta e riscoperta del proprio corpo a 360 gradi.

Nonni 2.0. Storie di nonne, nonni &...

Ares

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Chi sono i nonni oggi, nella società 2.0, globalizzata, immersa in un cambiamento epocale, iperconnessa nel Web, ma così frammentata nella realtà «vera»? Chiedetelo ai 2.400 studenti di 200 scuole italiane statali e paritarie che hanno partecipato al concorso «Io e i miei nonni: esperienze e riflessioni», promosso dall'Associazione Nonni 2.0, in collaborazione con la rivista Tempi. Loro lo sanno e lo sanno spiegare benissimo. Questo volume raccoglie i testi vincitori del concorso e una gustosa rassegna di brani estratti dagli altri lavori in gara. Li introducono un contributo firmato dalla sociologa Giovanna Rossi, dalla psicologa Eugenia Scabini e dal giornalista Robi Ronza, a nome del l'Associazione Nonni 2.0, sul ruolo e il compito dei nonni; e una riflessione dello scrittore Davide Rondoni, presidente della Giuria. La Cerimonia si è svolta in Senato, il 4 giugno 2019, alla presenza del Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati, che ha impreziosito il volume con suo specifico contributo.

Non è un paese per vecchie

Lipperini Loredana
Bompiani

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
"Onora la faccia del vecchio" è scritto nel Levitico. Mai come oggi questa esortazione sembra fuori moda, anzi: parlare di vecchiaia suscita ripugnanza. La stessa parola è pronunciata di malavoglia. Eppure siamo tra i paesi del mondo con più anziani, dove la gerontocrazia imperversa. Ma quanti sono i "vecchi" che davvero hanno potere, soldi, ricchezza? Quanti, rispetto all'esercito che è sotto la soglia di povertà? Non solo: all'interno di un'emergenza anagrafica ne esiste un'altra, di genere: perché le vecchie sono più povere dei vecchi, meno tollerate, più discriminate, addirittura espulse. La senilità femminile non gode neppure dei canonici attributi di saggezza ed esperienza. Per questo alle donne è proibito invecchiare: devono, finché è possibile, fingere di vedere nello specchio un'immagine diversa da quella reale. Attingendo da un ampio bacino di dati, statistiche e senza tralasciare il web, questo fortunato libro pubblicato per la prima volta nel 2012 indaga e denuncia un dramma della nostra cultura: l'idea malata della vecchiaia come di un tempo inutile che ha nella morte il suo fine. E lo fa con uno sguardo teso a comprendere, mai moraleggiante bensì carico di pietas e di compartecipazione: perché mostrare la faccia del vecchio è un atto di verità di cui la società ha bisogno.

De senectute 2016. Gli abusivi del...

Santoro Eugenio
Ps Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Il titolo del libro "De Senectute 2016" è mutuato dalla famosa opera di Cicerone, per ricordare che il problema della vecchiaia data da almeno venti secoli, ma anche che non è rimasto invariato nel tempo, soprattutto nell'epoca in cui viviamo a causa dello strepitoso aumento della vita media e della aspettativa di vita e quindi per il tumultuoso conseguente incremento del numero degli anziani che oggi nei Paesi a più alto tenore di vita rappresenta circa un quarto della popolazione. A questa rapida evoluzione demografica e sociale non ha fatto seguito un altrettanto sollecito adeguamento culturale e legislativo per cui le attuali "terza e quarta età" finiscono con l'essere abusive nel XXI secolo. Il libro partendo da questo assunto affronta da più angolazioni il ruolo degli anziani nella società attuale, caratterizzato ad un tempo dalla frequente esclusione sociale di massa e dalla elitaria qualificata presenza di figure eccellenti in contesti culturali, storici e politici diversi. Il testo insieme a spunti di carattere autobiografico si allarga all'analisi di testi famosi sulla materia ed alle prestigiose vite di ottuagenari illustri del passato prossimo e remoto.

La depressione nell'anziano....

Sacchetti Emilio
Edra

Non disponibile

19,90 €
Le conoscenze attuali in tema di disturbi depressivi possono essere condensate in una serie di dati di fatto oggi abbastanza definiti. Alcuni di questi hanno valore generale, cioè sono validi a prescindere dall'età di chi ne è afflitto; altri, invece, si riferiscono specificamente alla depressione dell'anziano. Nonostante i disturbi depressivi coinvolgano una minoranza di persone anziane, la loro diffusione costituisce comunque un importante problema per il sistema sanitario e la società allargata. Sono quindi immediatamente intuibili la rilevanza e la necessità di un'onesta divulgazione sulla depressione rivolta alla collettività e di un approccio chiaro e competente per uscire da ogni impasse comunicativa. L'approfondimento delle conoscenze in tema di depressione da parte di una platea di non addetti ai lavori può portare chi sfortunatamente è già depresso o vive a fianco di un depresso a imparare a conoscere meglio il disturbo e a coglierne i cambiamenti - che siano in meglio o in peggio - così da supportare attivamente il clinico nelle sue scelte all'interno di un progetto finalmente condiviso in senso reale e non formale.