Economia ambientale

Filtri attivi

Economia dell'ambiente. Sostenibilità,...

Aprile Maria Carmela; Chiarini Bruno
Mondadori Università - 2019

Disponibilità Immediata

19,00 €
Il volume è inteso come strumento didattico e si compone di due parti. La prima introduce gli elementi base dell'economia dell'ambiente volti a comprendere i diversi aspetti della relazione che intercorre tra il sistema economico e l'ambiente. Gli argomenti presi in esame comprendono la sostenibilità ambientale, intesa come insieme di regole mirate a realizzare un modello di sviluppo economico alternativo; il mercato e le cause del fallimento nel garantire l'efficienza allocativa delle risorse ambientali; le politiche pubbliche e gli strumenti di intervento per la soluzione dei problemi ambientali. La seconda parte, originale rispetto agli altri testi italiani, contiene un approfondimento delle politiche internazionali dell'ambiente. In particolare, vengono affrontate le problematiche relative ai trattati internazionali sul clima ed il riscaldamento globale attraverso gli strumenti di analisi strategica.

Territorio e produzione

Bianchetti C. (cur.)
Quodlibet - 2019

Disponibilità Immediata

28,00 €
Nel campo degli studi urbani sta tornando un forte interesse nei confronti delle dinamiche e delle questioni legate alla produzione. Molte ricerche, tra loro anche diverse, sembrano ora convergere verso un'accezione aperta del termine "produzione", che la riconduce alle modalità grazie alle quali un determinato territorio può divenire più fertile, fruttifero, ricco e creativo. I ventitré saggi raccolti nel volume raccontano il modificarsi dei rapporti tra produzione e territorio attraverso casi italiani, europei, del Nord e del Sud America. Gli autori sono studiosi di diverse generazioni e tradizioni disciplinari: urbanisti, geografi, sociologi, economisti, esperti di politiche urbane e fotografi. L'intento è quello di dare evidenza a pratiche e stili di ricerca che stanno riposizionando, in una fase storica di profondi cambiamenti, la tradizione italiana degli studi sui molteplici nessi tra territorio, economia e società.

Una grande spinta. Dopo dieci anni di crisi,...

Fabbro Sandro; Paviotti Elisabetta; Tranquilli Domenico
Forum Edizioni - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il libro analizza lo stato del capitale territoriale nella regione Friuli Venezia Giulia e, a partire dalle sue evidenti criticità, propone un piano straordinario di investimenti finalizzato alla rigenerazione del territorio. Gli interventi suggeriti sono rivolti in particolare alla sicurezza e alla riqualificazione energetica degli edifici attraverso il ricorso a una filiera delle costruzioni profondamente rinnovata. Si tratta di un progetto che si colloca alla base di una 'nuova politica territoriale e di sviluppo' e che deve confrontarsi, contemporaneamente, sia con obiettivi e misure anti-crisi sia con una visione post-crisi a più lungo termine. Con una postfazione di Gioacchino Garofoli.

Cento pagine per l'avvenire

Peccei Aurelio
Slow Food - 2018

Disponibilità Immediata

16,00 €
In questo libro uscito nel 1981, che ancora oggi mantiene inalterata la sua forza visionaria, Aurelio Peccei aveva individuato con straordinaria preveggenza il cammino da percorrere per coniugare la crescita economica e materiale con le risorse umane e naturali. Al centro dell'analisi c'è un fattore semplice e in apparenza scontato: lo sviluppo umano del genere umano. Per salvare il mondo dalla distruzione bisogna affidarsi al potenziale latente di ciascun individuo, povero o ricco che sia, e soprattutto chiamare i giovani a progettare e realizzare il loro avvenire. È necessaria una vera rivoluzione umana, un cambiamento radicale di mentalità, uno straordinario coraggio per gettare alle ortiche l'inconcludente "Realpolitik" e avere una prospettiva innovatrice, fondata su strategie globali, sulla collaborazione mondiale, su principi e pratiche di uguaglianza reciproca tra paesi ricchi e paesi poveri. Quando Peccei scrisse queste pagine pochi gli prestarono ascolto. Oggi la sua strategia globale è l'unica possibilità di salvezza per il nostro mondo.

Imperativo sostenibilità. Pensare e governare...

Matson Pamela; Clark William C.; Andersson Krister; Bologna G. (cur.)
Slow Food - 2018

Disponibilità Immediata

18,00 €
La sostenibilità non è un sogno impossibile. È un imperativo globale, un traguardo scientifico e politico che l'umanità ha davanti a sé. La grande sfida della sostenibilità consiste nell'attivare una relazione equilibrata e virtuosa tra fonti energetiche, sicurezza alimentare, crescita demografica, agricoltura rispettosa degli ecosistemi, rapporti tra paesi ricchi e poveri, uso di pesticidi e fertilizzanti, disuguaglianze economiche e sociali, lavoro e ricchezza, credito e commercio internazionale, produzione industriale. Con la proficua interazione tra i soggetti che operano sul campo e professionisti e scienziati, le politiche sostenibili impongono un cambio di mentalità affinché uomini e donne diventino consapevoli agenti del cambiamento e soggetti capaci di coniugare saperi e pratiche virtuose per ridurre povertà e disuguaglianze. Sostenibilità e sviluppo sostenibile richiedono un'attenzione più alta non solo al progresso economico e sociale, ma anche alla difesa delle dinamiche ambientali e delle risorse naturali da cui dipendono le nostre speranze di prosperità.

Come on! Come fermare la distruzione del pianeta

Von Weizsacher Ernst Ulrich; Wijkman Anders; Bologna G. (cur.)
Slow Food - 2018

Disponibilità Immediata

22,00 €
"Le tendenze attuali non sono in alcun modo sostenibili. Una crescita continua secondo i parametri dominanti non può che entrare gravemente in conflitto con i limiti naturali del Pianeta. L'economia, sotto i dettami del sistema finanziario e della sua propensione alla speculazione, tende ad aggravare gli squilibri ecologici e le disuguaglianze". La diagnosi del nuovo Rapporto al Club di Roma sullo stato di salute dell'Antropocene esorta l'umanità a realizzare un "futuro prospero per tutti", a fermare la distruzione delle risorse naturali e l'inquinamento dell'atmosfera. Per raggiungere questo obiettivo c'è bisogno di un nuovo Illuminismo, di una rivoluzione concreta e mentale che sia funzionale al "mondo pieno" e allo sviluppo sostenibile. Senza inseguire astratte teorie ma perseguendo l'equilibrio tra gli esseri umani e la natura, tra il breve e il lungo periodo, tra gli interessi pubblici e privati. Agire adesso è possibile. Il benessere dell'umanità si può ottenere mettendo in campo opportunità che abbiamo già a portata di mano: tecnologie sostenibili, produzione decentralizzata di energia pulita e abbandono di combustibili fossili.

Il capitale naturale in Italia. Aria, suolo,...

Edizioni Ambiente - 2018

Disponibilità Immediata

19,90 €
L'Italia è un paese ricco? Se guardiamo al suo Capitale Naturale, è uno dei più ricchi al mondo. Ma cos'è esattamente il Capitale Naturale e perché è utile conoscerlo e misurarlo? Questo libro, prendendo spunto dai dati che annualmente vengono raccolti ed elaborati dal Ministero dell'Ambiente, ci guida a capire cosa fa per noi il "nostro" Capitale Naturale, e cosa possiamo fare per non dilapidarlo, per difenderlo e perfino per arricchirlo. Un'esplorazione che parla i linguaggi dell'economia, delle scienze naturali e dei tanti saperi che con la natura hanno un legame indissolubile. Ed è una sorpresa scoprire quali e quanti siano.

Il mondo rinnovabile. Come l'energia pulita può...

Termini Valeria; Colantoni Lorenzo
Luiss University Press - 2018

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il capitalismo non vive senza crescere. Nella crescita tumultuosa seguita alla rivoluzione industriale si è scontrato, tra gli altri, con i limiti naturali del pianeta. Ma l'esito atteso e la soluzione non sono in una "decrescita felice" come propongono molti teorici. La dinamica dell'innovazione procede, mossa dalla curiosità dell'uomo, dalla spinta al profitto, dalla ricerca continua di soluzioni ai problemi che crea; la freccia della traiettoria industriale riesce ancora una volta a rinnovarsi. La storia non si ferma. E tra mille contraddizioni il mondo dell'energia pulita avanza, supportato dalla rivoluzione digitale. Il processo, globale, è irreversibile, come è mostrato in questo testo col rigore dell'economista politica e la chiarezza della spiegazione che rende comprensibili a tutti dinamiche complesse. Gli interrogativi da sciogliere sono nei tempi e nelle conseguenze che questo cambiamento epocale porta con sé: quando prenderà piede il trasporto elettrico di massa? Quando le batterie risolveranno per tutti, in modo esteso e economicamente sostenibile, il problema delle leggi della fisica, consentendo l'accumulo dell'elettricità nel tempo? Come si diffonderà il nuovo mondo dell'energia auto-prodotta dai cittadini? Contribuirà a debellare la povertà energetica, in Africa e non solo? Il volume avanza e sostanzia un'ipotesi corroborata dall'analisi economica, dallo studio attento dei dati e da uno sguardo vigile all'evoluzione delle istituzioni, in particolare in Europa dove il processo è partito, e in Africa dove finalmente l'energia pulita sarà fonte di sviluppo. Nell'arco di trent'anni il grande cambiamento sarà compiuto; le dinamiche economiche e l'adattamento sociale porteranno a un mondo rinnovabile. Prefazione di Romano Prodi.

Frammenti. Per un discorso sul territorio

Celant Attilio
Università La Sapienza - 2017

Disponibilità Immediata

27,00 €
Il territorio è una delle variabili strategiche dello sviluppo economico di un Paese ed entra direttamente nei processi di crescita produttiva e sociale attraverso l'efficienza delle proprie risorse e della organizzazione. Questo volume raccoglie una parte dei contributi (i "frammenti", per l'appunto) che, nel corso di oltre un quarantennio, l'autore ha dedicato a questi argomenti e che, dispersi in pubblicazioni esaurite o dimenticate, di fatto sono introvabili. La raccolta dei saggi è preceduta da un'ampia Introduzione dedicata alla costruzione di una teoria del territorio e del suo ruolo di contenitore di oggetti, di risorse, di interazioni, di cultura, di attrattività, di capacità comunicativa, di vigore innovativo: in una parola, della forza competitiva del territorio e delle valenze locali da giocare nel grande proscenio della economia globale.

La Valtellina. Economia montana, sviluppo...

Canesi Marco
Franco Angeli - 2017

Disponibilità Immediata

42,00 €
In questo saggio si è illustrata la possibilità di uno sviluppo nazionale autocentrato, fondato sulla specificità delle risorse naturali e culturali dei luoghi, grazie al quale l'Italia sarebbe nelle condizioni di assumere un nuovo ruolo nel quadro mondiale. Al fine di verificare la validità teorica e pratica dell'ipotesi, si è voluto dare un esempio delle sue potenzialità immaginando una politica degli interventi a livello locale, ovvero in Valtellina, una realtà territoriale tra quelle in cui, per ragioni strutturali, appare più arduo il compito di innescare un adeguato processo di sviluppo. La nuova prospettiva avrebbe alla base due forme economiche, rete stretta e mercato alternativo. La prima forma, un'organizzazione produttiva caratterizzata da un coordinamento strategico e paritario, permetterebbe alle imprese del made in Italy di operare per l'egemonia sui mercati internazionali, contrapponendo la propria produzione di qualità e personalizzata a quella low cost delle multinazionali, specchio di una classe lavoratrice sfruttata e impoverita. La seconda forma, un'organizzazione caratterizzata da una speciale fonte di finanziamento, il reddito differito e le tasse autogenerate, renderebbe possibile il completo controllo dell'ambiente e, nello stesso tempo, la piena occupazione. Le piccole e medie imprese della montagna, proprio a causa della loro collocazione territoriale, avrebbero l'opportunità/necessità di essere avamposti della nuova offerta produttiva, gettando le basi di un autentico processo democratico, sempre più ampio e pervasivo, a scala mondiale. La coralità produttiva dei distretti industriali di Becattini potrebbe allora diventare un nuovo soggetto sociale, il sostituto storico dell'operaio collettivo e cooperativo di Marx.

Cultura è patrimonio. Fruizione e conservazione...

Cortese Damiano
Neos Edizioni - 2016

Disponibilità Immediata

15,00 €
I beni culturali del territorio, oggi si configurano sempre più come un patrimonio in grado di costruire sviluppo economico. Dal turismo, all'educazione, alla comunicazione, la Cultura può trasformarsi in un valore apprezzato anche per il ritorno economico che può produrre.

Made in Italy green. Food & Sharing economy....

Guandalini M. (cur.); Uckmar V. (cur.)
Mondadori Università - 2015

Disponibilità Immediata

24,00 €
Il ritorno all'agricoltura è il "buon" passato che ritorna. È lo stesso moto che attraversa il Green, l'economia verde, il nuovo corso verde che è, ormai, il binario parallelo dove corre il nostro stile di vita. È green quello che mangi, la casa in cui viv

Natura in bancarotta. Perché rispettare i...

Rockström Johan
Edizioni Ambiente - 2014

Disponibilità Immediata

24,00 €
Ci è stato insegnato che dobbiamo consumare per crescere e che dobbiamo consumare senza rallentare. Ci siamo impegnati a fondo nel seguire questa indicazione, e continuiamo a farlo. Non possiamo permettercelo? Nessun problema: il sistema finanziario ci concederà prestiti facili per comprare case, automobili, lavatrici o qualsiasi altra cosa. Dopotutto, è solo quando consumiamo che gli indicatori della crescita puntano verso l'alto e il mondo è felice. Ma la realtà è diversa. La pressione delle attività umane sul nostro pianeta ha raggiunto un'intensità tale da rendere possibili cambiamenti ambientali improvvisi e potenzialmente catastrofici. Per evitarli, "Natura in bancarotta" propone un nuovo approccio alla sostenibilità. Invece di concentrarsi su un unico aspetto, come di solito avviene, Johan Rockström e Anders Wijkman individuano i nove sistemi che consentono al nostro pianeta di funzionare e sostentarci, e per ognuno propongono un "confine" da non superare se non vogliamo innescare retroazioni pericolose. Purtroppo abbiamo già superato tre di questi confini, ed è quindi urgente una radicale trasformazione del sistema economico e produttivo. Servono modelli di business alternativi e un'economia circolare basata su riuso, ricondizionamento e riciclo. In numerosi settori occorre passare dalla vendita di prodotti all'offerta di servizi. Ci sono molti modi per avviare la transizione globale verso la sostenibilità, ma queste azioni, da sole, non bastano.

Sostenibilità ambientale ed economica. La...

Bonfanti P. (cur.); Provolo G. (cur.)
Forum Edizioni - 2014

Disponibilità Immediata

18,00 €
Gli allevatori di suini si trovano sempre più spesso a dover rispondere alle normative ambientali e alle crescenti richieste di migliorare la gestione degli effluenti senza però disporre di adeguato supporto e chiarezza sulle diverse tecnologie disponibili

Green economy e sua implementazione nel...

Fava Fabio
Maggioli Editore - 2014

Disponibilità Immediata

49,00 €
Gli articoli raccolti in questo volume sono relativi ad alcuni dei contributi presentati alle principali conferenze aperte di Ecomondo 2014 tenutesi a Rimini dal 5 al 8 di Novembre 2014. Questa raccolta potrà essere di grande utilità per coloro che non hanno potuto partecipare all'evento e potrà essere comunque una preziosa fonte di informazioni e di stimoli a sostegno di uno sviluppo della Green Economy in Italia.

Il patto dei sindaci. Le città come...

Lumicisi Antonio
Edizioni Ambiente - 2013

Disponibilità Immediata

25,00 €
Una scommessa tra la Commissione europea e le autorità locali: il Patto dei Sindaci nasce nel 2008 per creare animazione sui territori e favorire il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi di contrasto ai cambiamenti climatici. Da allora il numero degli enti coinvolti è in costante aumento: 4.600 Comuni europei che assommano in totale oltre 175 milioni gli abitanti. A cinque anni dal lancio, il Patto prosegue senza sosta la marcia verso il 2020 e per le sue singolari caratteristiche è considerato dalle istituzioni europee come un eccezionale modello di governarne multilivello. Il testo si propone come "manuale di orientamento" e strumento di divulgazione al tempo stesso, traccia un bilancio di quanto accaduto in Italia nei primi cinque anni di attività del Patto dei Sindaci e ne costituisce un momento identitario (i Comuni italiani aderenti sono oltre 2.200 e questi, sommati a quelli spagnoli, rappresentano l'80% del totale). In chiusura al manuale un decalogo rivolto al prossimo governo, affinché valorizzi il ruolo degli enti locali nella lotta ai cambiamenti climatici e ascolti le richieste che giungono dal territorio. Perché ogni azione ben attuata a livello locale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi nazionali assunti in sede europea e internazionale. Presentazione di Gianni Silvestrini, prefazione di Luca Mercalli.

I sistemi rurali di fronte ai mutamenti dello...

Marangon F. (cur.); Troiano S. (cur.)
Forum Edizioni - 2013

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il volume, mediante un'ottica interdisciplinare, analizza la situazione dei sistemi rurali nel contesto evolutivo che connota l'economia mondiale, approfondendo il caso del Friuli Venezia Giulia. I contributi si soffermano sui profondi mutamenti che i sist

La terza crisi. Come sconfiggere la crisi e...

Bonato Danilo
Edizioni Ambiente - 2012

Disponibilità Immediata

15,00 €
Non passa giorno senza che giornali e televisioni ci informino dell'aggravarsi della "crisi" che sta investendo l'economia mondiale, e ogni giorno le ricadute della crisi sulle nostre vite si fanno sentire con più asprezza. Orientarsi tra le notizie non è però facile, e ancora più difficile è individuare una possibile via d'uscita. "La terza crisi" prova a fare chiarezza partendo dalla constatazione che le crisi che stiamo attraversando sono in realtà tre. La prima, quella finanziaria, è esplosa nella seconda metà del 2008. La seconda è quella economica. Sta minacciando la stabilità di diverse nazioni, e si prevede che continuerà a far sentire i suoi effetti per il prossimo decennio. La terza crisi, di cui iniziamo a vedere le prime manifestazioni, è quella ecologica. Quest'ultima è la più grave, perché il funzionamento dell'economia dipende dalla salute degli ecosistemi. "La terza crisi" presenta le strategie con cui le imprese possono raggiungere elevati standard di sostenibilità, nella convinzione che solo preparandosi per affrontare la terza crisi sia possibile superare la crisi attuale. Biomimetica, trasformazione dei prodotti in servizi e politiche "zero waste" sono solo alcune delle proposte attraverso cui conseguire un benessere duraturo e rispettoso degli equilibri della natura.

La rivoluzione della lattuga. Si può riscrivere...

Roiatti Franca
EGEA - 2011

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il mercato alimentare, dalla commercializzazione delle sementi alla distribuzione dei prodotti commestibili, è in mano a poche potenti multinazionali e a grandi catene di supermercati. Un sistema globalizzato che ha tagliato il prezzo di quello che mettiamo nei piatti, ma a quale costo? Nei paesi avanzati ci si ammala di cibo e si sprecano tonnellate di alimenti, mentre nei paesi poveri quasi un miliardo di persone continua a morire di fame. Perpetuare questo modello ed espanderlo per far fronte alle mutate abitudini alimentari di milioni di cinesi, indiani o brasiliani non è sostenibile. Lo stanno predicando scienziati, visionari e attivisti. Ma soprattutto lo capiscono sempre più persone che si organizzano e agiscono per cambiare le cose dal basso. Un movimento mondiale di contadini di città che coltivano pomodori sui tetti e fragole negli orti collettivi, di consumatori consapevoli che comprano a chilometro zero e costituiscono gruppi di acquisto solidale. Siamo alle prese con l'ultima ossessione delle annoiate élite metropolitane o davvero questi fenomeni stanno contribuendo a riscrivere l'economia alimentare del pianeta?. Prefazione di Carlo Petrini.

Finanza ambientale

Mariani Massimo
EGEA - 2011

Disponibilità Immediata

32,00 €
L'environmental finance costituisce un filone di ricerca riconosciuto a livello internazionale nel più ampio novero di studi tendenti all'individuazione di modelli operativi sostenibili nel lungo periodo ed in grado di creare valore. La sfida attuale è rappresentata dalla definizione di formule di business nelle quali l'eliminazione o minimizzazione di esternalità negative ai danni dell'ambiente non comporti rendimenti underperforming, ma piuttosto determini nuove opportunità di investimento. Dopo aver individuato il perimetro delle attività environment related ed averne delineato le caratteristiche peculiari, si è riservato un particolare approfondimento ad alcuni comparti (produzione di energia da fonti rinnovabili e sistemi di efficientamento energetico) oltre a verificare le condizioni di fattibilità economico-finanziaria di determinate tipologie di investimenti. A completamento dell'analisi condotta si è indagato su strumenti e tecniche di finanziamento già a servizio, o potenzialmente asservibili, a supporto degli impieghi environment related, evidenziando un fabbisogno di risorse finanziarie ancora notevole, abbinato ad opportunità di crescita per l'intero sistema economico.

L'Italia della green economy. Idee, aziende e...

Zamboni S. (cur.)
Edizioni Ambiente - 2011

Disponibilità Immediata

28,00 €
Oggi la parola d'ordine, ripetuta con insistenza in ogni circostanza, è crescita, per uscire dalla crisi economica e finanziaria legata al debito pubblico, allontanando lo spettro della bancarotta. Alla crescita, però va data una precisa direzione di marcia verso la sostenibilità, che tenga conto dell'ambiente, delle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie pulite e più efficienti e della necessità di un'innovazione sociale orientata all'equità. Dall'agricoltura ai settori industriali e dei servizi più consolidati, dall'energia al settore delle information technology, L'Italia della green economy presenta i risultati del Premio Sviluppo Sostenibile dal 2009 al 2011, indetto dalla Fondazione omonima. Prefazione di Edo Ronchi.

Food movements unite! Strategie per trasformare...

Gimenez E.-H. (cur.)
Slow Food - 2011

Disponibilità Immediata

13,50 €
Nel panorama attuale, pubblicazioni di carattere sociale, ambientale o economico si fermano spesso all'atto di denuncia, senza riflettere su come cambiare lo stato delle cose. "Food Movements Unite!" lo fa, raccogliendo molteplici contributi di quanti rispondono a un'unica, comune domanda: cosa fare per trasformare il sistema alimentare globale?. Presentazione di Carlo Petrini e Samir Amin.

Politiche per l'ambiente

Dansero Egidio
UTET Università - 2011

Disponibilità Immediata

32,00 €
La questione ambientale, oggi più che mai oggetto di una forte attenzione da parte dell'opinione pubblica, dei politici e degli esperti, ha ormai assunto sempre più importanza anche negli insegnamenti universitari. Prima ancora che problema tecnico-scienti

Food rebellions! La crisi e la fame di giustizia

Holt-Giménez Eric
Slow Food - 2010

Disponibilità Immediata

13,50 €
Un saggio di grande attualità sulla crisi alimentare globale, di cui si analizzano con puntualità le cause prossime e profonde. Un libro che propone, anche, delle soluzioni, che risiedono nelle esperienze "alternative" all'agribusiness e sono in grado d'offrire la prospettiva di un cibo sufficiente a nutrire il mondo, equo ed ecologicamente sostenibile. Il mondo sta affrontando attualmente una profonda recessione. Nel nord la crisi ha assunto le sembianze di un collasso finanziario che ha prodotto il crollo dell'economia reale. Quest'ultimo, tuttavia, è stato preceduto da un'altra crisi, quella dei prezzi del cibo, che ha sconvolto il sud del mondo a partire dal 2006. Circa 30 Paesi hanno sperimentato rivolte popolari contro l'aumento dei prezzi nel 2007 e nel 2008... Rivoluzione verde, coltivazioni gm, speculazioni, corsa ai biocarburanti sono alcune delle espressioni di una politica economica mondiale ingiusta, i cui programmi e le cui leggi favoriscono esclusivamente gli interessi dell'agroindustria e delle multinazionali. Dall'altra parte, un mondo che resiste, applicando modelli di produzione che sono anche paradigmi di giustizia sociale e rispetto ambientale.

Il governo dell'acqua. Ambiente naturale e...

Rinaldo Andrea
Marsilio - 2009

Disponibilità Immediata

25,00 €
Il dissesto ecologico è direttamente connesso al governo dell'acqua e dunque la scienza delle costruzioni idrauliche è la cartina di tornasole per affrontare il dibattito più ampio sui temi della conservazione e dell'uso dell'ambiente naturale e costruito. Le opere e i piani di intervento non dovrebbero avere - sostiene l'autore - paternità ideologica; spesso invece l'ambientalismo militante è carico di pregiudizi sulle opere e sulla loro ingegneria e funzionale a un sistema di potere trasversale di veto e di azione. D'altra parte, i disastri del fare sono quasi sempre il prodotto di un capitalismo cieco, incapace di vedere nella protezione dell'ambiente nemmeno il proprio tornaconto. Ma tali posizioni, così come le tesi sbagliate, non possono servire degnamente alcuna politica ambientale come dimostrano molti casi accaduti nel nostro recente passato e ancor oggi oggetto di sterili polemiche. Per ovviare a quanto le rispettive retoriche suggeriscono, è necessario promuovere nuovi modelli di salvaguardia in cui capitalismo e ambientalismo collaborino nel formare la risposta di una società ai problemi ambientali fondamentali per la sua sopravvivenza. Questo libro è il frutto dell'esperienza di uno scienziato per una politica ambientale consapevole; un percorso a ritroso lungo la strada tortuosa verso la coscienza della crisi ecologica con l'obiettivo di combattere la disinformazione e i pregiudizi.

Territorio, competitività e investimenti...

Pacetti Valentina
Carocci - 2009

Disponibilità Immediata

20,50 €
La globalizzazione ha reso sempre più esplicita la competizione tra territori, anche sotto la spinta di processi di delocalizzazione apparentemente inarrestabili. Le regioni europee si sono trovate a competere per attrarre imprese e investimenti in grado di sostenere e promuovere i loro modelli di sviluppo. In questo campo si intrecciano il marketing territoriale, le politiche locali (e nazionali) di sviluppo e il ruolo delle agenzie di promozione. Il volume affronta il problema da due punti di vista: in primo luogo osservando, in due regioni europee, gli effetti delle diverse configurazioni di governance sulla produzione e sull'uso di beni collettivi locali per la competitività; in secondo luogo prendendo in considerazione il sistema di attrazione di investimenti esteri presente nei due contesti territoriali e le logiche di funzionamento delle agenzie locali.

Contabilità ambientale. L'ambiente nei conti, i...

Falcitelli F. (cur.); Falocco S. (cur.)
Il Mulino - 2008

Disponibilità Immediata

23,00 €
La contabilità ambientale è una disciplina ormai consolidata nata per analizzare congiuntamente i fenomeni economici (produzione, formazione del reddito...) e i fenomeni ambientali correlati (inquinamento, depauperamento delle risorse...). Conti ambientali standardizzati e confrontabili vengono prodotti da anni dagli istituti nazionali di statistica dei paesi membri dell'Unione europea, dell'Ocse, delle Nazioni Unite mentre finora meno diffusa e meno omogenea è stata l'applicazione della contabilità ambientale a livello d'impresa e di amministrazioni pubbliche. In questa fase storica, caratterizzata dall'urgenza della questione ambientale, ci si sta muovendo nella direzione dell'adozione obbligatoria di adeguati strumenti di supporto conoscitivo, a livello centrale e anche regionale e degli enti locali. Le amministrazioni pubbliche si troveranno nella necessità di dotarsi di questi strumenti e di formare il loro personale, ancora totalmente impreparato; lo stesso vale per le imprese e gli enti di ricerca. A questo pubblico potenziale il volume vuole fornire i fondamentali elementi concettuali e gli strumenti operativi e applicativi per mostrare come la disciplina della contabilità ambientale si contestualizza nelle varie realtà applicative: in un sistema economico-territoriale, nelle amministrazioni pubbliche, nell'impresa.

La sfida del bruco. Quando l'economia supera i...

Masullo Andrea
Franco Muzzio Editore - 2008

Disponibilità Immediata

12,00 €
La dimostrazione scientifica che una crescita illimitata, come quella perseguita tenacemente dall'uomo contemporaneo, è in evidente contrasto con il funzionamento della biosfera, e oltre a non avere prospettive future mette a rischio il suo stesso funzionamento.

Il valore dell'ambiente

Pareglio Stefano
Vita e Pensiero - 2007

Disponibilità Immediata

13,00 €
Oggetto, ragioni e strumenti della valutazione economica dell'ambiente: sono questi i tre profili che Stefano Pareglio affronta con l'obiettivo di approdare ai metodi di misura solo dopo averne compresi i limiti, oltre che le potenzialità.

Lo sviluppo sostenibile

Lanza Alessandro
Il Mulino - 2006

Disponibilità Immediata

11,00 €
La vita della terra e la sopravvivenza dei suoi abitanti sono legate alla soluzione di un problema molto complesso: per sostenere il peso della crescita demografica e accrescere il benessere, gli uomini utilizzano le risorse naturali, ma se questo sfruttam

Economia ambientale

Turner Kerry R.; Pearce David W.; Bateman Ian; Pellizzari R. (cur.)
Il Mulino - 2003

Disponibilità Immediata

24,00 €
In questo manuale introduttivo Pearce, Turner e Bateman affrontano il rapporto economia-ambiente nei suoi molteplici aspetti. Gli autori analizzano le cause del degrado ambientale e le politiche di controllo, con particolare attenzione alla formulazione delle scelte collettive, alla valutazione dei beni ambientali, alle diverse metodologie di regolamentazione, alla gestione sostenibile delle risorse naturali. In questa nuova edizione il lettore troverà, accanto a una più estesa informazione sui problemi ambientali emersi negli ultimi anni, una rassegna aggiornata dei nuovi metodi dl controllo, di valutazione e di regolamentazione.

Applicare l'economia al territorio. Le...

Signorino Guido
Carocci - 2003

Disponibilità Immediata

20,80 €
Il territorio è, per l'economia, un serbatoio di opportunità e al contempo un sistema di vincoli; l'economia modella il territorio determinandone i processi di antropizzazione e "configurazione". In questo volume, pensato in primo luogo per chi studia l'economia, si riprende il dibattito sull'impatto delle caratteristiche territoriali sulla crescita e si presentano modelli di localizzazione delle attività economiche, di configurazione ed interazione spaziale, di aree di influenza economica. Vengono offerti alcuni modelli e strumenti per l'analisi di sostenibilità dello sviluppo. Infine vengono esplorati alcuni nessi tra società ed economia, proponendo uno strumento di valutazione delle politiche denominato "matrice del well-being".

Fuori i mercanti dall'acqua. Leggi e trattati:...

Manunta Marco
MC Editrice - 2001

Disponibilità Immediata

14,45 €
Un'analisi sistematica che ricostruisce l'appropriazione "legale" a fini di profitto della risorsa acqua, spiega l'ipoteca dei trattati di libero commercio sul servizio idrico italiano e indica gli spazi di intervento sul piano giuridico e politico ancora

Economia, ambiente e sviluppo sostenibile

Franco Angeli - 2015

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Da circa 40 anni, nei paesi sviluppati, il fattore ambiente, inteso generalmente, come degrado o insieme di condizioni ambientali in cui vive l'uomo è da considerarsi anche come elemento condizionante del benessere dalla popolazione. Le maggiori criticità nella salvaguardia del bene ambientale sono determinate però dalle difficoltà di definire l'ambiente, i beni ambientali e soprattutto l'inserimento di questi ultimi nel mercato. Il compromesso uomo e ambiente, meglio specificato come economia e ambiente, esiste e ciò vale solo perché l'uomo si è reso conto durante i secoli che, se l'ambiente si esaurisce o si degrada in modo irreparabile, anche la sicurezza e la sopravvivenza dell'uomo saranno in pericolo. La moderna economia del benessere ha portato l'uomo alla convinzione che conoscere e valorizzare l'ambiente è sicuramente un fattore indispensabile per creare crescita economica, innovazione tecnologica, etica e qualità di processo e prodotto. Un limite allo sviluppo e alla crescita economica però esiste. Prenderne atto e far sì che la presa di coscienza in tal senso, diventi la molla per uno sviluppo sostenibile è sicuramente uno dei modi più costruttivi ed etici per creare occupazione ed innovazione. Volume con allegato online consultabile all'indirizzo francoangeli.it nell'Area Università.

Introduzione all'economia dell'ambiente

Musu Ignazio
Il Mulino - 2003

Disponibile in 5 giorni

22,00 €
Questo volume si propone di fornire una introduzione allo studio dell'economia dell'ambiente, e presenta gli strumenti essenziali di analisi e di politica economica. Questa seconda edizione presenta alcune novità: sono stati introdotti nuovi temi, in particolare ampio spazio è dedicato alla valutazione economica dei beni ambientali e agli aspetti economici delle regole giuridiche di responsabilità. La trattazione del rapporto tra crescita economica e ambiente è stata modificata e i problemi di interazione strategica nella relazione tra commercio internazionale e ambiente ha trovato qui maggiore rilevanza.

La terza rivoluzione industriale. Come il...

Rifkin Jeremy
Mondadori - 2020

Non disponibile

14,00 €
Il petrolio e gli altri combustibili fossili, le fonti energetiche su cui si basa l'odierno stile di vita nei paesi dell'Occidente, sono in via di esaurimento, e le tecnologie da essi alimentate stanno diventando obsolete. Intanto, i mali che affliggono il mondo globalizzato - crisi economica, disoccupazione, povertà, fame e guerre - sembrano aggravarsi anziché risolversi. A peggiorare le cose, si profila all'orizzonte un catastrofico cambiamento climatico provocato dalle attività industriali e commerciali ad alte emissioni di gas serra, e che già entro la fine di questo secolo potrebbe mettere a repentaglio la vita dell'uomo sul pianeta. La nostra civiltà, quindi, deve scegliere se continuare sulla strada che l'ha portata a un passo dal baratro, o provare a imboccarne coraggiosamente un'altra. E non ha molto tempo per farlo. Dopo trent'anni di studi e di attività sul campo, Jeremy Rifkin decreta la fine dell'era del carbonio e individua nella Terza rivoluzione industriale la via verso un futuro più equo e sostenibile, dove centinaia di milioni di persone in tutto il mondo produrranno energia verde a casa, negli uffici e nelle fabbriche, e la condivideranno con gli altri, proprio come adesso condividono informazioni tramite Internet. Questo nuovo regime energetico, non più centralizzato e gerarchico ma distribuito e collaborativo, e che segnerà il passaggio dalla globalizzazione alla "continentalizzazione", dovrà poggiare su cinque pilastri...

La finanza sostenibile. Strategie, mercato e...

Del Giudice Alfonso
Giappichelli - 2020

Non disponibile

22,00 €
La finanza sostenibile tiene assieme, in una visione di lungo periodo, sia il rendimento finanziario per l'investitore che la creazione di un valore sociale condiviso, comprensivo della mitigazione dei rischi ambientali e delle disuguaglianze generate dall'attività economica. La rapida crescita degli asset gestiti secondo i criteri della sostenibilità induce a interrogarsi in maniera critica sulla qualità delle strategie proposte e, prima ancora, sulla loro necessità, ovvero se esse rispondano a un cambiamento strutturale del mercato o siano frutto di una moda. L'espansione del set informativo introdotta dagli obblighi normativi sulla rendicontazione non finanziaria a carico degli emittenti titoli e l'innovazione legislativa, che incentiva gli investitori istituzionali ad essere azionisti attivi sulle tematiche della sostenibilità, spiegano la natura strutturale di questo tipo di finanza, che integra la valutazione delle performance non finanziarie (ESG) nelle strategie degli investitori. Il volume, confrontandosi costantemente col dato empirico e la letteratura internazionale, analizza il fenomeno approfondendo gli aspetti critici delle principali strategie d'investimento. L'analisi empirica condotta da numerosi studiosi a livello internazionale concorda nell'affermare che le strategie basate sui criteri ESG offrano un beneficio in termini di riduzione di rischio di portafoglio rispetto ai modelli d'investimento tradizionali. La letteratura sugli investimenti tematici e d'impatto è essenzialmente legata all'attrattività delle tematiche green. Infatti, l'evoluzione degli investimenti green è in parte dovuta alla maggiore sensibilità ai temi ambientali, ma soprattutto all'introduzione di regole comunemente accettate di labeling dei prodotti finanziari, che attenua il problema del green washing. Invece, l'attuale scarsa diffusione dei prodotti legati ai temi sociali sconta l'arretratezza nella definizione del fattore social, analizzato con indicatori su cui si è meno convergenti rispetto al fattore ambientale, e la introduzione tardiva di procedure di validazione in grado di limitare il social washing. Le asimmetrie informative, che limitano lo sviluppo della finanza tematica e a impatto sociale, rappresentano ancora un ostacolo rilevante allo sviluppo integrale della finanza sostenibile.

Il management ambientale. Teorie, metodi e...

Conti Marcelo Enrique
Nuova Cultura - 2018

Non disponibile

35,00 €
Il presente testo si propone di studiare i problemi ambientali nel contesto delle principali teorie economiche micro e macro e del management - che nel complesso costituiscono il corpus teorico fondamentale dell'economia ambientale -, tenendo altresì in considerazione quelle fonti normative che trovano nella tutela dell'ambiente la loro principale ragion d'essere. Le domande fondamentali alla quale cerca di rispondere questo libro sono: quanto inquinamento siamo disposti ad accettare? Quando è che l'inquinamento diventa troppo? Stiamo passando dal «green washing» all'«awareness washing»? Sviluppo sostenibile o sottosviluppo sostenibile? Dobbiamo dare un valore economico alla vita umana? Verrà evidenziato pertanto il forte contrasto esistente tra l'economia neoclassica e l'economia ecologica nel considerare le tematiche qui citate. Sono queste le domande centrali di partenza del libro e alle quali l'autore tenta di dare risposta.

Verso una riallocazione verde dei bilanci pubblici

Zatti Andrea
Pavia University Press - 2017

Non disponibile

21,00 €
L'utilizzo di strumenti economici nel campo delle politiche ambientali ha ricevuto una continua attenzione nel dibattito europeo e internazionale degli ultimi due decenni. Imposte e sussidi ambientali assumono, in tale prospettiva, il ruolo primario di strumenti regolatori finalizzati ad allineare i costi privati a quelli sociali e a incentivare, attraverso segnali di prezzo, comportamenti collettivamente preferibili. Le imposte applicate su basi imponibili riconducibili all'ambiente hanno, allo stesso tempo, la caratteristica distintiva di generare entrate, in alcuni casi potenzialmente rilevanti, che possono entrare a far parte di più ampi processi di trasformazione dei contenuti e degli strumenti dell'intervento pubblico nei sistemi economici. Il tema delle riforme fiscali verdi ha attratto un diffuso interesse a partire dagli anni novanta del secolo scorso, divenendo il punto di riferimento di numerosi documenti programmatici, europei e nazionali. A ciò, tuttavia, non hanno fatto seguito esperienze applicative di particolare significatività e profondità. In questo volume si è cercato di approfondire l'esperienza italiana degli ultimi decenni.

Strumenti europei di politiche ambientali

Gardini Elisabetta
Pendragon - 2017

Non disponibile

25,00 €
L'Europa non è costituita soltanto dal suo vertice, dai suoi politici e dai funzionari: dell'Europa fanno parte soprattutto le persone e le loro rappresentanze; le Organizzazioni non Governative sono per il Parlamento europeo lo strumento di dialogo più fluido e trasparente. Stimolano il dibattito su tutti i temi della politica, mostrando con il loro lavoro volontario un forte segno di partecipazione e di appartenenza. Questo libro è un contributo originale che segue il solco di buone intenzioni: di questo ha bisogno l'Unione Europea; di questo è fatta la green economy. Prefazione di Gianni Pittella.

Elementi di economia ambientale per lo sviluppo...

Joime Gian Piero
Aracne - 2017

Non disponibile

18,00 €
Il volume è diretto a tutti coloro che amano l'ambiente e credono nelle potenzialità della green economy e intende fornire a imprenditori e studenti, amministratori pubblici e professionisti, una base di conoscenza utile per realizzare i principi dello sviluppo sostenibile. L'esigenza di scrivere una nuova edizione di "Elementi di economia e politica ambientale per lo sviluppo sostenibile" nasce per la volontà di adeguare il primo lavoro, terminato nel 2013, ai rapidi e continui mutamenti registrati in tutti i settori dell'economia ambientale. Infatti, mentre la grande crisi travolge settori storici e tradizionali dell'economia, la cosiddetta green economy continua a svilupparsi, e, in totale controtendenza, lancia segnali di speranza e ottimismo. Il forte sviluppo delle eco-innovazioni e la crescente domanda di tecnologie, sistemi e servizi ambientali sono forti segnali di un grande cambiamento, che sta delineando nuovi orizzonti di mercato e di welfare; un'occasione formidabile di sviluppo del territorio, in cui gli enti pubblici e le imprese innovative possono svolgere un ruolo trainante.

Terra e buoi dei paesi tuoi. Scuola, ricerca,...

Magnani Marco
UTET - 2016

Non disponibile

14,00 €
Ha ancora senso per le imprese investire nel territorio? Nonostante la crisi economica, la globalizzazione e la rivoluzione digitale, la risposta è sì. Secondo l'economista Marco Magnani il territorio può costituire per l'impresa addirittura un inatteso vantaggio competitivo. Paradossalmente, l'impresa non deve fare filantropia, ma investire nel territorio per interesse, quasi per egoismo. Un egoismo lungimirante, perché solo così territorio e impresa crescono insieme in modo virtuoso e sostenibile. Ma è anche fondamentale che il territorio cambi pelle: in un mondo che si trasforma, deve offrire maggiori opportunità, attrarre capitale umano ed eccellenze, stimolare la collaborazione, valorizzare tradizioni ma anche recepire nuove tecnologie. Questa è la chiave per un "nuovo Rinascimento". Il territorio va oltre i confini geografici del luogo di origine dell'impresa o di quello fisico in cui produce. Comprende anche scuola e ricerca, ambiente e cultura, filiera e dipendenti, giovani e sport. Magnani indaga i fattori che determinano oggi il successo o il declino di un territorio e delle sue imprese; racconta vite di imprenditori e progetti visionari; illustra best practice raccolte nella provincia italiana e le confronta con l'esperienza delle multinazionali.

L'ambiente: dalle teorie economiche al management

Conti Marcelo Enrique
Nuova Cultura - 2016

Non disponibile

25,00 €
Il presente testo si propone di studiare i problemi ambientali nel contesto delle principali teorie economi-che micro e macro e del management - che nel complesso costituiscono il corpus teorico fondamentale dell'economia ambientale -, tenendo altresì in considerazione quelle fonti normative che trovano nella tutela dell'ambiente la loro principale ragion d'essere. Quanto inquinamento siamo disposti ad accettare? Occorre tolleranza zero per i delitti ambientali? Quand'è che i delitti ambientali saranno considerati come delitti di lesa umanità? Perché dover dare un valore economico alla vita umana? Sono queste le domande centrali di partenza del libro e alle quali gli autori tentano di dare risposta.

Gestione del patrimonio culturale e...

Caroli Matteo
Franco Angeli - 2016

Non disponibile

30,00 €
Questo libro tratta del rafforzamento della competitività di un territorio attraverso la valorizzazione della sua offerta culturale. Illustra le variabili competitive ed economiche positivamente influenzate dallo sviluppo di tale offerta; spiega poi come un assetto "reticolare" del patrimonio culturale sia la configurazione migliore per renderlo un rilevante fattore di sviluppo economico sostenibile. I contenuti del testo si articolano attorno a due questioni cruciali. In primo luogo come il patrimonio culturale rappresenti un fattore di competitività del contesto dove è collocato; in particolare, si è cercato di comprendere quali caratteristiche di tale patrimonio possano renderlo un significativo motore dello sviluppo economico sostenibile del proprio territorio. In secondo luogo come il patrimonio culturale possa assumere una configurazione "a rete" e come tale configurazione rappresenti una fondamentale condizione per rafforzarne il potenziale competitivo. Sulla base delle riflessioni sviluppate e delle osservazioni empiriche utilizzate è stato poi elaborato un insieme di criteri per una gestione del patrimonio culturale volta alla creazione di valore per diverse tipologie di potenziali fruitori. Il lavoro propone, infine, un insieme di possibili interventi utili a favorire l'assetto reticolare del patrimonio culturale e quindi il suo positivo impatto sulla competitività dell'area geografica ove è collocato.

Green economy e sviluppo locale

Joime Gian Piero
Aracne - 2015

Non disponibile

11,00 €
La green economy è la nuova frontiera dello sviluppo economico e può generare grandi cambiamenti nei modelli di sviluppo energetico, edilizio, architettonico, agricolo e industriale. L'Italia è ricca di aziende, di design, di artigiani; ha importanti e vit

Es-LCA e patrimonio naturale. Life Cycle...

Torricelli M. C. (cur.)
Firenze University Press - 2015

Non disponibile

49,00 €
La protezione dell'ambiente, la tutela delle risorse ecologiche e naturali, la valorizzazione sostenibile degli spazi urbani e rurali rappresentano per le società del terzo millennio degli incontestabili paradigmi etici e delle ineludibili realtà con le quali confrontarsi. Alla tutela ambientale si sono affiancati obiettivi più ampi, connessi alla fruizione dei contesti territoriali, in un'ottica di conservazione attiva, e si sono modificate le strategie di intervento in funzione della valorizzazione di risorse e contesti, nonché dello sviluppo delle specificità del territorio stesso. L'analisi di sostenibilità, come strumento per monitorare, reinterpretare, sviluppare e valorizzare un territorio, e in particolare il suo patrimonio naturale, è il tema di questo libro che riporta i risultati di una ricerca condotta da un gruppo interdisciplinare che ha condiviso l'approccio Life Cycle. L'approccio del Ciclo di Vita - che si sta evolvendo verso una metodologia in grado di recepire la dimensione locale oltre a quella globale, la scala macro e meso oltre a quella del prodotto, la dimensione sociale oltre a quella ambientale ed economica - può essere appropriato e praticabile nell'analisi di sostenibilità di un territorio? A questa domanda il libro intende dare una risposta sia sul piano teorico, sia con l'applicazione ad un caso studio: il territorio in cui è inserito il Parco regionale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli in Toscana.