Occupazione e disoccupazione

Filtri attivi

Lavoro 2025. Il futuro dell'occupazione (e...

De Masi Domenico
Marsilio - 2018

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
Quali saranno gli effetti del progresso tecnologico sull'occupazione? Quale sorte attende i Neet, i giovani che non studiano e non sono alla ricerca di un lavoro? Come è possibile conciliare produttività e reddito di cittadinanza? «Per progettare qualsiasi futuro, e in particolare quello del lavoro, - sostiene Domenico De Masi - occorre prevederlo». A questa necessità intende rispondere la ricerca Lavoro 2025. Voluto da un gruppo di parlamentari del Movimento 5 Stelle per fornire una base scientifica alle loro proposte di legge e animato dalla professionalità di prestigiosi esperti, lo studio inquadra tutte le questioni fondamentali che sono al centro di quel delicato meccanismo di equilibrio tra domanda e offerta che è il mondo del lavoro. Una prima parte - La questione lavoro - descrive la fase di passaggio dalla società industriale a quella postindustriale e sintetizza le previsioni al 2025 di alcune variabili macrosociali, fornendo le basi per ipotizzare come cambierà il lavoro. La seconda parte - I futuri possibili - raccoglie le riflessioni degli esperti sui temi proposti. Nella terza parte - Lo scenario più probabile - è riassunto il succo della ricerca. Una lettura per capire l'occupazione di domani, un progetto che celebra «l'incontro tra politici e intellettuali, gli uni in possesso dei poteri necessari per progettare, gli altri esperti delle discipline necessarie per prevedere».

Oltre il capitalismo. Macchine, lavoro, proprietà

Sapelli Giulio
Guerini e Associati - 2018

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
Una nuova civiltà delle macchine appare all'orizzonte, una civiltà in cui lo 0,1 % della popolazione possiederò le macchine, lo 0,9 % le gestirà e il 99% sarà addetto al poco lavoro non automatizzato della grande impresa o giacerà nell'abisso della disoccupazione. Tracciando un affresco memorabile del nostro tempo, l'autore ci conduce oltre il pensiero unico dominante. In particolare, oltre il luogo comune per eccellenza, ovvero che esiste e sempre esisterà una sola forma economico-sociale di tipo capitalistico. A fronte di un capitalismo finanziarizzato e tecnologico che genera forte disuguaglianza, di una prassi che ha posto al centro dell'organizzazione sociale il denaro anziché il lavoro, di un futuro caratterizzato dalla disoccupazione (o sotto-occupazione) di massa, quale la via di uscita? Per Sapelli la strada è quella di un socialismo comunitario che riscatti e risollevi il «popolo degli abissi», quel 99% per cui si prospetta oggi un futuro quanto mai incerto. Prefazione di Giuseppe De Lucia Lumeno.

Premiare il lavoro. Come dare opportunità a chi...

Phelps Edmund S.
Laterza - 2006

Disponibile in 3 giorni

8,50 €
"La motivazione più profonda con la quale ho cominciato a scrivere il libro non è solo quella di fare una proposta al legislatore. La spinta è la necessità di riflettere sulle fonti dell'infelicità sociale e sul fatto che la priorità oggi è garantire una maggiore inclusione nel mondo del lavoro, perché nella vita di una persona questa esigenza è cruciale per consentire il suo sviluppo emotivo e il suo benessere complessivo." Il Premio Nobel Edmund S. Phelps avanza una proposta innovativa per integrare nel mondo del lavoro e dell'impresa quelle persone che oggi vivono ai margini. Edmund S. Phelps, considerato un capostipite dei neo-keynesiani, insegna alla Columbia University dove è McVickar Professor of Political Economy. Il Premio Nobel 2006 per l'Economia gli è stato conferito per la sua analisi delle relazioni tra gli effetti a breve e a lungo termine delle politiche economiche.

Il lavoro di qualità. Come prepararsi alla...

Mioni Federico
Guerini Next - 2018

Non disponibile

14,00 €
In Australia esiste una terra non coltivata che però non è nemmeno foresta: è il territorio del «bush», una boscaglia bassa e incolta assunta dall'autore come metafora dell'incertezza. Dopo i decenni in cui vi era il 'giardino botanico' al quale tutti i principali lavori erano riconducibili, oggi vi è il «bush» in cui può dirsi sicuro solo il lavoro di chi si inventa e produce un 'valore' richiesto dal mercato o dalla società, e di chi fa i conti con i continui sconvolgimenti che avvengono nel mondo. Il lavoro di Federico Mioni nasce dall'esperienza in Federmanager Academy, dall'incontro con imprenditori e manager e dal confronto con le aspettative di tanti giovani che faticano a trovare opportunità nell'incertezza. È dunque un saggio sul presente e sul futuro del lavoro, che invita i giovani a credere nello studio e nel sacrificio, pur evitando gli eccessi di chi, per il lavoro o una carriera, distrugge gli affetti e il proprio equilibrio. È tuttavia innegabile che trovare un lavoro di qualità, oggi, richieda tanto impegno; è possibile trovarlo a condizione di sapere che ci si muove nel «bush», quello vicino a casa, o quello di una prospettiva internazionale. E per questo è un libro utile anche a chi giovane non è, e deve riconquistare un lavoro di qualità Prefazione di Giuseppe Biazzo.

Reddito di inclusione e reddito di...

Ferraresi M. (cur.)
Giappichelli - 2018

Non disponibile

18,00 €
Il volume tratta le misure normative di contrasto alla povertà. Ha ad oggetto in particolare il reddito di inclusione nell'ordinamento italiano, compresa la legislazione regionale, anche alla luce del diritto dell'Unione europea. Si sofferma sul dibattito attuale di politica del diritto sul reddito di cittadinanza, in vista della possibile riforma della materia. Affronta gli istituti in prospettiva comparata con Germania, Francia e Regno Unito.

Mentor in action ovvero come trovare lavoro (e...

Padua Fabrizio
Aracne - 2017

Non disponibile

7,00 €
Il volume è dedicato ai giovani che entrano nel mondo del lavoro in una fase storica critica, in cui appare difficile assecondare le proprie attitudini e perseguire la realizzazione individuale. Il manuale nasce da un'esperienza di vita aziendale fatta di successi e fallimenti, che si propone come spunto di riflessione per quanti hanno appena terminato gli studi e cercano di inserirsi nel mondo del lavoro.

Giovani verso l'occupazione. Valutazione...

Leone L. (cur.); De Bernardo V. (cur.)
Franco Angeli - 2017

Non disponibile

16,00 €
Il testo presenta in modo sistematico i risultati di un lavoro di valutazione degli impatti del Servizio Civile Nazionale (SCN) sugli ex volontari ospitati dalle cooperative sociali aderenti a Confcooperative. La valutazione, nata da una felice intuizione di Federsolidarietà-Confcooperative, mira a verificare dove e come il nesso tra occupabilità e occupazione riesce a risolversi in una sinergia tra vantaggi individuali e collettivi e offre spunti di riflessione anche sulle politiche di promozione dell'occupazione giovanile. Sono stati in passato valutati, in particolare all'estero, gli effetti del SCN sullo sviluppo delle "competenze trasversali" e sui cambiamenti di atteggiamenti e pratiche di cittadinanza. Gli studi non si sono soffermati sugli impatti positivi "imprevisti" di tipo occupazionale; impatti indiretti sinora trascurati sebbene fosse nota la relazione tra competenze trasversali, capitale sociale e ricadute occupazionali. È, dunque, in un periodo caratterizzato da forti incertezze per i giovani, assenza di prospettive, alti tassi di NEET e debole voce come cittadini che occorrono idee e nuove suggestioni per il disegno di misure effettivamente in grado di ridurre il profondo gap di opportunità tra generazioni e tra macro-regioni. Esiste, infatti, una possibile sinergia tra SCN fondato sui valori di solidarietà e cittadinanza e interesse dei giovani all'autorealizzazione come cittadini e singoli soggetti. Nel testo si illustrano quali sono le condizioni e i contesti per cui tale felice connubio può realizzarsi. I lettori a cui ci rivolgiamo sono tutti coloro che con ruoli diversi ? decisori istituzionali impegnati nel ridisegno della misura del SCN, dirigenti e operatori del movimento cooperativo e del terzo settore, ricercatori ? si occupano di SCN, di politiche giovanili e politiche attive del lavoro, di pratiche di cittadinanza attiva, di economia sociale e di promozione dello sviluppo umano ed economico.

Sicurezza economica. Intelligence,...

Arcobasso Alessandro
Aracne - 2017

Non disponibile

11,00 €
Lavorare, fare impresa e governare, in Italia, sembra sempre più difficile e in molti temono di non uscire dal tunnel della crisi: nel 2008-2009 si sono persi circa due milioni di posti di lavoro, nelle aree in difficoltà oggi si contano più di 1700 comuni e i dati sulla povertà sono preoccupanti. Per recuperare competitività purtroppo si pensa a delocalizzare, ridurre il personale e tagliare le retribuzioni. Eppure esistono altri ambiti nei quali intervenire sarebbe doveroso, prioritario e conveniente per tutti. Evidenziandoli, l'autore propone una riflessione analitica, in chiave comparata, sul tema della cooperazione tra l'imprenditoria e lo Stato, supportata dall'intelligence nazionale.

Nord Meridiano. Da Mirafiori ad Amazon, storie...

De Filippo Francesco; Frega Maria
StreetLib - 2017

Non disponibile

11,99 €
In Italia tutti parlano dei giovani: i politici, gli economisti, gli statistici, gli imprenditori, i sociologi, i giornalisti, mai i giovani stessi. Nord Meridiano dà voce proprio a loro: decine di ragazzi dai 20 ai 35 anni di ogni estrazione sociale raccontano se stessi e le difficoltà con il mondo del lavoro negli anni della crisi. Come avevano già fatto in Scampia e Cariddi con i giovani meridionali, una sociologa e un giornalista scrittore stavolta hanno attraversato l'Italia dal confine con la Francia a quello con la Slovenia. Dalle storie raccolte emerge l'immagine di un Paese che resiste a fatica a una crisi che ha meridionalizzato le aree più produttive. Quelle dove oggi la disoccupazione giovanile è salita al 46% e in cui si è toccato il miliardo di ore di cassa integrazione. Le interviste a Giuseppe Bortolussi, Luciano Gallino e Maurizio Landini aprono ogni capitolo e, insieme alle foto di Francesco De Filippo, Luciano Del Castillo e Flamina Lera, illustrano il momento storico per individuare ragioni e colpevoli dell'inattesa, profonda, crisi economica e culturale del Nord.

Disoccupazione imprenditorialità e crescita....

De Mucci R. (cur.); Bitetti R. (cur.)
Rubbettino - 2016

Non disponibile

12,00 €
Per favorire il superamento di un periodo recessivo sono spesso invocate politiche a sostegno dell'impreditorialità. Ciò ha una sua ragione: solo dalla creatività imprenditoriale possono emergere le soluzioni per la crescita. Tuttavia queste politiche vengono spesso pensate dall'alto, senza definire il problema della mancata scelta imprenditoriale dal punto di vista dei senza lavoro. Grazie ad una collaborazione con il CFI - Cooperazione Finanza Impresa, con la sua trentennale esperienza di workers buy-out, il gruppo di ricerca del Luiss-Laps cerca di capire quali sono i motivi che impediscono ai disoccupati italiani di trasformarsi in imprenditori - preferenze personali o accesso al credito, costi regolatori o mancate competenze, ecc. - così da poter dare ai policy makers indicazioni empiricamente fondate.

Garanzia Giovani. La sfida

Fano Daniele
Brioschi - 2015

Non disponibile

16,00 €
La Garanzia Giovani è la prima iniziativa europea contro la disoccupazione. D'ora in poi i giovani che non studiano e non lavorano, i cosiddetti Neet, non dovranno essere lasciati soli. È anche il primo esempio di politica europea nata non nelle cancellerie degli Stati, ma nel Parlamento dell'Ue, che nel febbraio 2012 ha proposto uno stanziamento per le regioni in cui la disoccupazione giovanile supera il 25%. L'Italia si è mossa prontamente, ha presentato un piano nazionale e nel 2014 ha ricevuto 1,2 miliardi di euro sui 6 stanziati in tutta Europa per il periodo 2014-2020. Il programma prende ufficialmente il via il primo maggio 2014. Subito piovono le critiche. La stampa tuona e chiede di non sprecare quel denaro. Ce la faremo a evitare un flop all'italiana? "Fallimento annunciato", sentenzia qualcuno. Ma c'è un'alternativa? Nel suo piccolo, Garanzia Giovani è un concentrato di risposte alla crisi. Agisce dal lato della domanda, da quello dell'offerta e dal lato istituzionale. Le difficoltà ci sono: amministrazioni frammentate, nessun nesso forte tra istruzione e lavoro, diffidenze e paure radicate, oltre al contesto stesso della crisi. Ma possiamo sprecare anche quest'occasione? Prefazione di Dario di Vico.

Dove (è) il lavoro. Saggi su aspetti...

Olivieri Pennesi Stefano
Aracne - 2014

Non disponibile

16,00 €
Questo volume, composto da una serie di saggi e di ricerche sociologiche in tema lavoristico, intende fornire al lettore elementi conoscitivi rispetto al problema sempre più asfissiante per il nostro Paese, anche dal punto di vista economico-sociale, della "mancanza di lavoro" generalizzata, ma ancor più grave per le giovani generazioni. Si è inteso concertare alcuni spunti di riflessione dell'autore rispetto all'esigenza di un miglioramento dell'azione, al momento scarsamente efficace, da parte dei Centri per l'Impiego pubblici, relativamente alla loro fondamentale "mission" di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro in un contesto di "governance" complessiva che vede, altresì, impegnati i diversi protagonisti sia pubblici che privati, in tema di "intermediazione-formazione-promozione-supporto-tutoraggio". Si descrive lo strumento, ancora poco in uso, ma di grande interesse ed attualità, del cosiddetto "Telelavoro", quale risposta concreta alle crescenti esigenze di conciliazione di tempi di vita e tempi di lavoro, ai problemi familiari (cura ed assistenza), al tema del pendolarismo/mobilità e alla riduzione dei costi della produzione.

Report economico sull'area dello Stretto di...

Merlo Danilo M.
Aracne - 2014

Non disponibile

10,00 €
Il Report si propone di delineare il quadro economico dell'Area dello Stretto di Messina negli anni immediatamente precedenti e successivi alla crisi finanziaria internazionale del 2008, evidenziandone le specificità e i mutamenti. Il profilo che emerge mostra un'assoluta compatibilità dell'Area dello Stretto con un modello economico-produttivo affetto da quella che può essere definita come "Sindrome di Baumol", ossia il sovradimensionamento di settori a basso indice di produttività che determina uno squilibrio strutturale complessivo.

Mettere a frutto i talenti. Esperienze e...

Brossico L. (cur.); Di Lecce L. (cur.); Meloni C. (cur.)
Franco Angeli - 2013

Non disponibile

24,00 €
Questo è il terzo grande convegno, dopo quelli del 1985 e del 1997, che Noopolis dedica all'occupazione giovanile. I temi dibattuti sono sempre gli stessi: lo scollamento tra sistema formativo e lavoro, l'emarginazione e il disagio dei giovani, il distacco tra società e classe politica, le varie forme dell'emarginazione e le spinte innovative che stentano a decollare. Eppure, nonostante siano stati ogni volta dibattuti con grande lucidità e vigore da personaggi dotati di alte responsabilità (l'allora "Ministro degli Esteri" vaticano Achille Silvestrini, Giulio Andreotti, Gianni Agnelli, Massimo Cacciari, Sergio Cofferati, Giuseppe De Rita, Leopoldo Elia, Franca Falcucci, Domenico De Masi, Carlo Maria Martini, Antonio Manzoli, Romano Prodi, Stefano Zamagni e molti altri), i problemi di allora si ripropongono oggi identici; anzi, appaiono addirittura aggravati. L'unico recente segnale di rinnovamento ha riguardato la classe politica, ma è stato talmente inaspettato e repentino, che non è facile coglierne il significato e la portata. Questo convegno si discosta tuttavia da quelli precedenti per una novità sostanziale: il coinvolgimento dei giovani che, dopo essere stati accusati della stessa ignavia imputata alla generazione precedente, sono stati chiamati a discolparsi e ad esporre le loro ragioni.

Uno stallo insidioso. Stillicidio dei posti di...

Veneto Lavoro (cur.)
Franco Angeli - 2013

Non disponibile

21,00 €
La crisi economica e occupazionale sta per compiere cinque anni. Dall'estate del 2008 la riduzione dei posti di lavoro dipendente è stata continua, seppur con intensità variabile in funzione delle diverse fasi congiunturali attraversate, di recessione o di parziale recupero. Nel 2012 le condizioni del mercato del lavoro hanno subito l'accentuarsi del contesto macroeconomico sfavorevole: le imprese hanno accusato la riduzione dei consumi interni, l'accesso impervio al credito e le conseguenti difficoltà di programmazione degli investimenti, il ristagno delle esportazioni. Così si è ulteriormente ridotto il turnover dei lavoratori e il ridimensionamento degli organici aziendali è contagiosamente proseguito. I disoccupati sono aumentati, sotto la pressione di quanti hanno perso o non ritrovato il lavoro e di quanti vorrebbero entrare nel circuito dell'impiego per la prima volta o dopo lunghe assenze. Il XXI Rapporto sul mercato del lavoro veneto offre a tutti i soggetti interessati il consueto vasto set di informazioni, adeguatamente selezionate e commentate, finalizzate a decifrare sia i macrotrend dei grandi aggregati sia i movimenti - di persone, di contratti, di aziende - che contribuiscono a formarli.

Employability per persone e imprese. Percorsi...

Treu T. (cur.)
Guerini e Associati - 2013

Non disponibile

14,50 €
Una lettura, quella proposta da Tiziano Treu, capace di scardinare i pregiudizi nei confronti di una delle forme più moderne di politica attiva: l'outplacement. Uno strumento che viene utilizzato in misura ancora limitata in Italia ma con successo in molti Paesi a noi vicini: e sono proprio le esperienze europee, riassunte nel libro, a dimostrare che se le procedure di licenziamento sono accompagnate da programmi di ricollocamento costruiti intorno alle esigenze di ogni singolo lavoratore (aggiornamenti formativi, consulenza nella ricerca di impieghi alternativi) e gestiti da soggetti accreditati, pubblici o privati, il periodo di disoccupazione si riduce drasticamente. L'Italia sconta una sorta di deficit culturale che imprigiona le scelte in materia lavorativa in una logica di difesa passiva del posto di lavoro, a scapito dello sviluppo dell'employability. si crea così un circolo vizioso che conduce all'irrigidimento del mercato del lavoro, chiuso a qualsiasi tipo di evoluzione. È invece necessario sposare un sistema di politiche attive del lavoro che da un lato sgravino lo Stato da una funzione assistenzialista, costosa e inefficace, e dall'altro creino opportunità concrete di reinserimento. Introduzione di Srefano Colli-Lanzi.

L'elenco delle aziende italiane che assumono i...

Tostini Wally
Casini - 2013

Non disponibile

5,00 €
Finalmente i giovani hanno in mano lo strumento giusto per dare una risposta alle tante incertezze che turbano il loro futuro lavorativo. Dopo lunghe e documentate ricerche, Wally Tostini svela i nomi delle aziende del Bel Paese che s'impegnano realmente a

Cosa intendi per domenica?

Bencivelli Silvia
LiberAria Editrice - 2013

Non disponibile

10,00 €
"Cosa intendi per domenica?" racconta il mondo del lavoro dal punto di vista di una precaria "orgogliosa": free lance, indipendente e a partita Iva. Laureata in Medicina all'Università di Pisa, Silvia Bencivelli decide di intraprendere un percorso diverso da quello prefissato diventando giornalista scientifica, occupandosi di progetti che paiono arrivare con il contagocce, alle prese con contratti sempre a termine. Nonostante ciò il suo atteggiamento nei confronti di una scelta rivelatasi tanto complicata si discosta dalla solita rassegnazione, proponendo uno sguardo insolito: quello di chi è felice perché esercita il mestiere cercato e voluto. Le ingiustizie, gli squilibri e le difficoltà quotidiane vengono così affrontate grazie ad uno spirito del tutto nuovo: rimane il dubbio, quindi, che il nostro problema sia quello di una narrazione del lavoro che non ci appartiene, e che sia dunque necessario un cambiamento per capire come vivere serenamente queste nuove modalità contrattuali. In un libro agile e provocatorio, Silvia Bencivelli porta il lettore a riflettere su una questione attualissima e intessuta di pregiudizi e luoghi comuni, tramite l'utilizzo di una prosa tagliente e un senso dell'umorismo secco e sarcastico. Per invitarci a riflettere sul fatto che, in fondo, potrebbe essere persino bello non avere un posto fisso.

La scala immobile. La stratificazione...

Meraviglia C. (cur.)
Il Mulino - 2012

Non disponibile

30,00 €
Il volume illustra la nuova scala di stratificazione occupazionale per l'Italia, denominata Sides05. Come la precedente scala (del 1985), costituisce il modello per la costruzione della nuova gerarchia occupazionale, che ordina oltre 400 occupazioni, raggruppate in 110 categorie, sulla base del giudizio di circa 2000 intervistati. Ciò che emerge è la sostanziale stabilità nel tempo dell'ordinamento delle occupazioni: posizionando le occupazioni su una scala che misura il prestigio di ciascuna di esse, costruita sulla base del giudizio degli intervistati, si ottiene oggi un ordinamento che in grandissima parte coincide con quello ottenuto nel 1985. In modo significativo, sulle valutazioni fornite dagli intervistati non influiscono né la posizione sociale, né l'età, né il genere, né il titolo di studio, confermando anche in questo caso quanto emerso in analoghe indagini internazionali: la gerarchia occupazionale risulta essere un "oggetto" sociologico percepito nello stesso modo da tutta la società, senza peraltro che questo implichi una condivisione dei criteri sulla cui base questa stessa gerarchia si struttura. Inserendosi nel quadro degli studi internazionali sulla stratificazione occupazionale, il volume intende delineare un modello teorico capace di unire le tradizioni di studio basate sui concetti di prestigio, status e distanza sociale e di indagare i meccanismi che consentono la legittimazione e la riproduzione delle disuguaglianze a livello micro-sociale.

Equità e sviluppo. Il futuro dei giovani....

Cacace Nicola
Franco Angeli - 2012

Non disponibile

20,50 €
L'Italia, con 45 anni di vita media, è un paese molto vecchio. Da 40 anni il suo Pil rallenta e da 10 è fermo. Ai giovani offre in eredità un debito pubblico enorme e poche prospettive: pur essendo pochi data la bassa natalità, i nostri ragazzi hanno una alta disoccupazione, sono precari se lavorano e stanno anche peggio se sono femmine e sono nati al Sud. L'Italia ha il numero più elevato di laureati disoccupati d'Europa. Come è possibile? Perché l'Italia ha altri primati negativi. Produce beni e servizi a bassa innovazione e di scarsa qualità. È debole nei servizi, che altrove assorbono ben 2/3 dell'occupazione. Ha un alto indice di diseguaglianza, col 10% della popolazione padrona del 45% della ricchezza. Ha un'evasione fiscale ed una corruzione tra le più alte al mondo. Le radici di paese vitale e creativo fanno sperare che si ritrovi la strada di politiche industriali pro innovazione che rimettano il lavoro al centro, portino istruzione e meriti a contare di più e più giovani ad emergere. E soprattutto che si riducano le diseguaglianze. In questa crisi si è scoperto che i paesi a minor diseguaglianza sono anche i più ricchi: Germania e Francia, Olanda e Danimarca, Austria e Svezia, tra gli altri. Il futuro è nelle mani dei giovani, a patto che essi affrontino i cambiamenti con creatività, impegno anche collettivo, per una società dove il mercato sia motore di sviluppo ma non padrone e lo Stato sia garante dei valori universali di solidarietà.

Un lento dimagrimento. Le ricadute della crisi...

Veneto Lavoro (cur.)
Franco Angeli - 2012

Non disponibile

22,50 €
All'inizio del 2011 sembrava che la lunga crisi occupazionale iniziata sul finire del 2008 stesse finalmente per concludersi: che fosse possibile, dunque, accertate le perdite complessive in termini di posti di lavoro, ritornare ad un contesto di aumento dell'occupazione, come è necessario per una popolazione attiva che cresce, sotto la spinta sia di dinamiche demografiche sia, soprattutto, di fattori sociali e culturali. Nel corso dell'estate del 2011 questa prospettiva si è rivelata illusoria. Il dimagrimento lento della struttura produttiva è ripreso, rivelandosi in molteplici indicatori, in primis nella strisciante ripresa dei licenziamenti e nella nuova riduzione delle assunzioni a termine. Il job shedding continua, spinto non da movimenti traumatici di distruzione dei posti di lavoro ma da continui ridimensionamenti, determinati soprattutto da una perdurante straordinaria parsimonia nella creazione di nuovi posti di lavoro. Il XX Rapporto illustra le condizioni di un mercato del lavoro veneto segnato da una crisi occupazionale di lunghezza inedita - siamo ormai al quarto anno - e di cui ancora non si intravede la conclusione. Si tratta di un contesto sociale ed economico che propone agli attori sociali e politici una sfida complessa, impossibile da affrontare senza una compiuta consapevolezza delle sue dimensioni e delle sue implicazioni.

Servizi per l'impiego e regolazione del mercato...

Ediesse - 2011

Non disponibile

12,00 €
Le politiche del lavoro sono diventate il banco di prova più difficile per i welfare europei. In Italia lo strumento prioritario per limitare i fenomeni di "mismatch" tra domanda e offerta è stato individuato nei servizi per l'impiego che, con la riforma d

La generazione tradita. Gli adulti contro i...

Celli P. Luigi
Mondadori - 2010

Non disponibile

17,00 €
Una generazione tradita da una società divisa, rissosa, individualista. Una generazione tradita da una politica faziosa, immorale e strafottente. Una generazione tradita dal suo Paese. Quel bel Paese in cui cultura e competenza sono requisiti trascurabili per accedere al mondo del lavoro e dove le aspirazioni di una generazione giovane vengono sacrificate a un sistema vecchio e malato. Pier Luigi Celli, che è stato direttore della Rai e oggi dirige l'Università Luiss Guido Carli, conduce con uno sguardo critico e impietoso un'indagine che scandaglia i sistemi educativi e gli intrighi della politica, i debiti della vecchia generazione e la lotta degli adulti contro i giovani. Dal suo punto di vista di manager di lungo corso, Celli recupera e sviluppa i temi che aveva lanciato in una provocatoria e assai discussa lettera a "la Repubblica", Figlio mio lascia questo Paese, fermamente determinato a trovare una risposta positiva possibile. C'è nell'aria un sentimento che ondeggia pericolosamente tra ineluttabilità, rassegnazione e voglia di riscatto. Solo un esame intransigente può restituire le condizioni per sperare e ricominciare. E, in questo, trova un suo senso preciso l'impegno di leggere pagine che sono, prima di tutto, un invito a guardare ai giovani con lungimiranza e generosità. Per prendere parte alla sfida. Per riconsegnare ai giovani la loro scommessa. Per rendere alla generazione tradita ciò che le spetta.

L'outplacement. Cambiare per ricominciare

Carucci Maurizio
Franco Angeli - 2010

Non disponibile

14,00 €
L'aumento della disoccupazione e la crescita esponenziale della cassa integrazione sia ordinaria che straordinaria in questi ultimi anni sono fenomeni allarmanti. Ma la crisi non può essere affrontata soltanto con ammortizzatori passivi, spesso a carico della collettività. Un valido strumento può essere invece l'outplacement o ricollocamento, un istituto che potrebbe avere degli sviluppi in un prossimo futuro, a patto di farlo conoscere meglio e di spingere soprattutto le aziende ad adottarlo. Gli effetti potrebbero essere positivi per tutti gli attori coinvolti: lavoratori, imprenditori, sindacati e politici. Serve, però, un cambio di mentalità e una nuova cultura del lavoro. Oltre a una nuova etica. Il posto fisso gradualmente non esisterà quasi più. E ci saranno invece sempre più persone in grado di offrire la propria professionalità e le proprie competenze a diversi committenti. L'outplacement sarebbe lo strumento ideale per accompagnare i dipendenti in esubero verso il mercato del lavoro. Il primo muro da abbattere, tuttavia, è costituito proprio dalle resistenze di chi non ha più stimoli e voglia di cambiare.

Lo scudo dei disoccupati. Una proposta per il...

Tarantelli Ezio
Edizioni Lavoro - 2010

Non disponibile

8,00 €
L'aumento e il livello della disoccupazione europea è, purtroppo, una realtà destinata ad aggravarsi nei prossimi cinque o sei anni se non si agisce nell'immediato. Occorrono idee che partano da questa realtà per rompere il fronte conservatore.

La fuga dei talenti. Storie di professionisti...

Nava Sergio
San Paolo Edizioni - 2009

Non disponibile

18,00 €
Storie di professionisti che l'Italia si è lasciata scappare. Non solo ricercatori, ma un popolo di artisti, imprenditori, architetti, medici e altri professionisti che sarebbero una risorsa preziosa per l'Italia. Ma che lavorano all'estero. Attraverso le storie di ventisette ricercatori, professori universitari, artisti, uomini d'impresa, architetti, ingegneri, medici, giornalisti, funzionari europei e avvocati (tutti finiti all'estero), La fuga dei talenti è un viaggio-denuncia nell'emigrazione dei giovani di talento, costretti a lasciare ogni anno e a migliaia il Paese più clientelare e immeritocratico dell'Europa occidentale. Un viaggio tra le "vittime collaterali" della "non meritocrazia" italiana. Un libro che qualsiasi giovane dovrebbe leggere, prima di decidere cosa fare da grande. E dove farlo. Sergio Nava, giornalista, classe 1975, lavora dal 1999 a Radio 24 Il Sole 24 Ore, dove si occupa di notizie dall'estero, in particolare dall'Unione Europea. Per Radio 24 ha condotto programmi radiofonici e coperto summit internazionali. Collabora con Il Sole 24 Ore. Ha lavorato, come giornalista o portavoce, in Francia, Germania, Inghilterra e Irlanda. Ha pubblicato presso le Edizioni San Paolo: Veronica Guerin. Una giornalista in lotta contro il crimine (2003). E' autore del blog www.fugadeitalenti.wordpress.com

Ricomincio da me. Dal lavoro dipendente al...

Passerini Walter
Etas - 2008

Non disponibile

14,50 €
Dal lavoro dipendente al lavoro intraprendente. È questo il cambiamento necessario per affrontare le sfide dei prossimi anni. Solo che le persone, da sole, non sempre ce la fanno. Per questo servono servizi di accompagnamento e una nuova "cassetta degli attrezzi". È questo il nocciolo duro di questo libro, scritto a quattro mani da un esperto di lavoro e da una psicoioga, che qui giocano il ruolo di accompagnatori, di consulenti di riprogettazione e di carriera. Nella prima parte viene affrontato il percorso dal vecchio al nuovo mondo del lavoro, con indicazioni concrete su come cogliere le opportunità in una realtà che è cambiata. Nella seconda parte viene indicato il percorso delle emozioni, un viaggio dentro se stessi, all'insegna della ricerca della semplicità e della bellezza. Sin dal titolo il volume svela il suo intento programmatico: "ricominciare da sé" significa da un lato dotarsi di un metodo, adeguando le culture del lavoro ai mutamenti in corso e individuando nuove strategie, personali e professionali. Dall'altro lato significa conoscersi e far emergere le proprie vocazioni, in un cammino emozionale spietato ma chiarificatore. Il libro si rivolge a tutti coloro che sono insoddisfatti del loro lavoro, che cercano un nuovo progetto professionale o che sono in qualche modo obbligati a cambiare. Ma può essere utile anche a tutti coloro che entrano per la prima volta nel mercato del lavoro oppure a coloro che decidono che è ora di ricominciare e di mettersi di nuovo in gioco.

Dall'interinale ai servizi per il lavoro. Il...

Consiglio S. (cur.); Moschera L. (cur.)
Franco Angeli - 2008

Non disponibile

20,50 €
Il settore delle Agenzie per il Lavoro ha compiuto 10 anni e la ricerca presentata in questo volume intende fornire una panoramica del ruolo svolto e dei risultati raggiunti dalle imprese che operano all'interno di questo importante comparto, tracciando il percorso fatto in questi anni e le possibili prospettive di sviluppo. Il volume è strutturato in tre parti: nella prima è evidenziato l'andamento del comparto nel corso di questi anni, ed in particolare l'evoluzione della composizione del settore (numero di operatori, nuovi ingressi, operazioni di acquisizione e uscite), del fatturato, del grado di concentrazione, delle quote di mercato, del numero dei dipendenti e delle filiali della agenzie per il lavoro. La seconda parte del volume presenta i risultati di un'indagine sul campo finalizzata a delineare le prospettive di sviluppo del comparto e le dinamiche evolutive dei comportamenti strategici e organizzativi delle agenzie. L'indagine è stata realizzata raccogliendo le percezioni del management delle principali agenzie per il lavoro operanti in Italia. Nella terza parte della rapporto, infine, è presentata l'analisi dell'andamento delle performance economico-finanziarie delle agenzie, evidenziando le dinamiche congiunturali, i principali andamenti del mercato ed i fattori che condizionano il successo aziendale.

Persone in cerca di occupazione. Manuale di...

Di Nardo Imma
Robin - 2008

Non disponibile

12,00 €
Un vero e proprio manuale di autodifesa del disoccupato che fornisce strumenti concreti per orientarsi nel mondo del lavoro, ma soprattutto nel mondo del "non lavoro". Partendo dalla raccolta e dall'interpretazione delle richieste e delle esigenze degli utenti dei centri per l'impiego, l'autrice inizia col colmare il primo, grande vuoto: la mancanza di informazioni. Quali sono i diritti del lavoratore? Cosa fare in caso di licenziamento? Come impostare un buon curriculum vitae, e quali criteri seguire per una ricerca mirata delle aziende a cui inviarlo? E ancora, assegni di disoccupazione, mobilità, possibilità formative gratuite, ammortizzatori sociali e sistemi contrattuali, sono solo alcuni degli argomenti trattati in questo saggio.

Ikea. Che cosa nasconde il mito della casa che...

Bailly Olivier
Anteprima Edizioni - 2007

Non disponibile

12,00 €
Formidabile comunicatrice, l'IKEA si propone come società etica, ma specie negli ultimi anni si sono moltiplicate le denunce di sfruttamento del lavoro minorile nei Paese sottosviluppati, le denunce dei sindacati circa il mancato rispetto degli orari di la

Nono rapporto sulla condizione occupazionale...

Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea (cur.)
Il Mulino - 2007

Non disponibile

29,00 €
Vengono qui presentati i risultati della seconda indagine europea sulla situazione occupazionale dei laureati a 5 anni dal conseguimento del titolo (Indagine REFLEX), affidata, per il suo svolgimento in Italia, alla collaborazione AlmaLaurea - Istituto Iard "Franco Brambilla". Inoltre, il progetto EuroAlmaLaurea-Net per l'estensione della banca dati dei laureati sul piano continentale, promosso da AlmaLaurea (e sostenuto dalla UE nell'ambito del Programma eTEN) è giunto alla sua conclusione. Se ne tracciano qui, oltre che un primo bilancio, le linee guida per lo sviluppo futuro.

Ventunesimo rapporto sull'occupazione in...

Agenzia del lavoro (cur.)
Franco Angeli - 2007

Non disponibile

41,00 €
Il volume presenta il XXI Rapporto sull'occupazione in provincia di Trento (relativo all'anno 2005 e con prime indicazioni relative anche al 2006). Come è tradizione, il Rapporto dà conto della evoluzione del mercato locale del lavoro mediante la sintetica illustrazione dei principali dati relativi al periodo considerato, mediante alcuni approfondimenti tematici nonché mediante l'aggiornamento dell'appendice statistica. Benché il Trentino abbia sofferto, con specifico riferimento al 2004-2005, delle non favorevoli fluttuazioni di contesto che hanno pesato in particolare su alcune realtà dell'industria manifatturiera in senso stretto, la struttura del suo mercato del lavoro ha tenuto, dimostrando una buona capacità del sistema nell'attutire l'impatto di spinte negative e nello sfruttare con un buon grado di reattività i primi segnali di recupero, fin dal loro primo manifestarsi. Questa fase, qualora si volga lo sguardo alle performance dei primi mesi 2006 sembra in via di superamento. Paragonato al Nord-Est e ai singoli territori regionali (fatta salva la Valle d'Aosta e la provincia di Bolzano), il mercato del lavoro trentino nella media del 2005 presenta ancora il più basso tasso di disoccupazione, pari al 3,6%, e un tasso di occupazione che, con il 65,1%, vede la provincia di Trento collocata al quinto posto della graduatoria regionale e attestata su un valore equivalente a quello medio dell'EU dei 15.

Guida al movimento lavoratori

Azione cattolica. Movimento lavoratori (cur.)
AVE - 2007

Non disponibile

4,50 €
Il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica vuole lanciare un messaggio all'Associazione, attraverso questa preziosa Guida. Un messaggio semplice e profondo: leggere le esigenze del territorio e del mondo del lavoro in chiave missionaria e di evangelizzazione, attraverso il continuo confronto con la Parola e l'esperienza della Chiesa; realizzare e costruire relazioni tra le persone e le associazioni capaci di rendere viva la testimonianza attraverso progetti concreti e gruppi di studio e di riflessione.

Ceti medi senza futuro? Scritti, appunti sul...

Bologna Sergio
DeriveApprodi - 2007

Non disponibile

19,00 €
La crisi del ceto medio è uno dei grandi temi della politica nei paesi occidentali. A lungo negato - soprattutto in Italia - e oscurato dalla grande visibilità e drammaticità del fenomeno dell'immigrazione, trova le sue radici nelle trasformazioni del lavo

Schiavi moderni. Il precario nell'Italia delle...

Grillo Beppe
Casaleggio Associati - 2007

Non disponibile

8,90 €
"La legge Biagi ha introdotto in Italia il precariato. Una moderna peste bubbonica che colpisce i lavoratori, specie in giovane età. Ha trasformato il lavoro in progetti a tempo. La paga in elemosina. I diritti in pretese irragionevoli. Tutto è diventato progetto per poter applicare la legge Biagi e creare i nuovi schiavi moderni." (Beppe Grillo)

La formazione come risorsa del sistema locale

Bondonio D. (cur.); Torchio N. (cur.); Cassone A. (cur.)
Editrice Socialmente - 2007

Non disponibile

16,00 €
Il libro considera il sistema formativo del territorio come una delle strategie per una politica attiva del lavoro: la formazione, si suggerisce, deve essere considerata come variabile indipendente che interagisce con le strategie di sviluppo. A questo punto, si deve capire quale cultura del lavoro convenga tenere in considerazione per orientare gli investimenti formativi.