Industrie del ferro, dell'acciaio e metallurgiche

Filtri attivi

Dalle macerie. Cronache sul fronte...

Leogrande Alessandro; Romeo S. (cur.)
Feltrinelli 2018

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
"Il centro siderurgico costò quasi quattrocento miliardi di lire. Finì con l'occupare prima 600 e poi 1500 ettari di superficie, per un'estensione pari al doppio dell'intera città. Da quel momento in poi fu la città a crescere e modellarsi intorno alla fabbrica. Furono i tempi e i ritmi della fabbrica a scandire i tempi e i ritmi del tessuto urbano." Alessandro Leogrande è stato un grande intellettuale del nostro tempo. Ha scritto per lottare contro le frontiere e i naufragi, il caporalato e l'ignoranza, la malafede e le ingiustizie. Questo volume raccoglie tutto il lavoro che ha dedicato a Taranto, la sua città. Una città perfetta, come l'ha definita Pasolini nel 1959. Taranto nuova, Taranto vecchia e intorno i due mari. Una città che oggi è soprattutto il dormitorio degli operai dell'Ilva, la cattedrale del deserto che fa dei suoi lavoratori le cavie di nuovi rapporti di lavoro, nei quali la frattura sociale si allarga sempre di più, mentre i diritti sono sempre più difficili da difendere. "Che la fabbrica resti al suo posto o venga chiusa," ha scritto Leogrande, "che venga svenduta a una cordata italiana o a qualche multinazionale asiatica in ascesa, Taranto deve comunque uscire dalla 'monocultura siderurgica' che nell'ultimo mezzo secolo non ha fatto altro che alimentarsi dalle sue stesse viscere." Prefazione di Goffredo Fofi.

Una nuova politica per il...

Bellifemine Onofrio
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Lo stabilimento siderurgico di Taranto è ancora oggi uno dei cuori pulsanti dell'intera industria nazionale italiana e uno dei maggiori impianti siderurgici a ciclo integrale del pianeta. Dapprima punta di diamante del nuovo impegno dello Stato nel Mezzogiorno, incentrato sui grandi stabilimenti industriali, negli ultimi anni la sua vicenda è stata illuminata soprattutto dai riflettori della cronaca giudiziaria e il suo nome coinvolto in interminabili e arroventate polemiche su inquinamento e sostenibilità ambientale della sua produzione. Eppure quella del grande stabilimento di Taranto è anche la storia di un momento fondamentale della vita politica ed economica del nostro paese. Progettato nel 1955, ha ottenuto il via libera solo nel 1959 dopo un serrato braccio di ferro tra il mondo della politica, convinto sostenitore dell'iniziativa (Democrazia cristiana in testa) e la Finsider, contraria alla realizzazione. Ricorrendo a una vasta pluralità di fonti e tenendo conto delle molteplici dimensioni chiamate in causa, questo volume ricostruisce i momenti salienti di una vicenda destinata a lasciare larghe tracce nella storia recente del Meridione e non solo.

Le acciaierie di Bolzano. L'arte di...

Marcelli Ennio
Curcu & Genovese Ass. 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Anche un'azienda industriale ha uno spirito che la guida e questo spirito è il sogno, l'obiettivo della vita dell'uomo che la fonda e le dà un'impronta ben definita. Questo uomo è Bruno Falck, giovane ingegnere, che riceve da suo padre l'incarico di fondare uno stabilimento a Bolzano per produrre acciai speciali. Bruno proviene da una famiglia nota da circa un secolo nell'industria siderurgica e si dedica con passione alla costruzione e all'avvio del nuovo stabilimento; sceglie e ordina impianti industriali, ma sceglie anche dirigenti e personale da trasferire a Bolzano dagli stabilimenti lombardi della Falck. Vuole nella sua azienda personale valido e di sua fiducia. I prodotti delle Acciaierie di Bolzano ottengono importanti successi e si affermano sui mercati nazionali e internazionali e Bruno Falck dichiara che i risultati sono stati raggiunti, oltre che per l'efficienza degli impianti tecnologici, anche grazie alla fattiva collaborazione e professionalità di tutti i dipendenti. In più di un'occasione egli sottolinea l'importanza del fatto che si realizzi all'interno dell'azienda una solidarietà operativa fra dirigenza e maestranze. A Bolzano la crisi degli alloggi è gravissima praticamente fino alle soglie del 2000. Falck avverte il problema già nel 1937 e ancora in periodo bellico inizia a costruire alloggi per i suoi dipendenti. L'opera di costruzione di alloggi sociali impegna l'azienda fino alla metà degli anni ottanta. Bruno Falck guida le Acciaierie di Bolzano per quasi mezzo secolo e, sia lui che i suoi collaboratori più diretti, manifestano in vari momenti attenzione e sollecitudine anche per problemi e necessità della città, che, nel 1985 dona al presidente una medaglia d'oro in segno di riconoscenza.

La città dell'acciaio. Due secoli...

Portelli Alessandro
Donzelli 2017

Disponibile in 3 giorni

32,00 €
Due secoli e una città. Attraverso l'uso magistrale delle sue fonti predilette - le testimonianze orali - Alessandro Portelli porta a compimento, con questo libro di sintesi, una ricerca storica di grande respiro, perseguita lungo il corso di quarant'anni: oltre duecento interviste che coprono almeno un secolo, dai più anziani, nati prima del 1890, ai più giovani, nati dopo il 1980. Tra la piccola dimensione urbana e l'incombente mole dell'impianto siderurgico, si muove il protagonista collettivo di questa storia: la classe operaia di Terni, forte delle sue memorie risorgimentali, legata a filo doppio alla nascita della grande industria, ai suoi complessi sviluppi, e alla fine alla sua crisi fatale. Due secoli di un'Italia che passa dall'universo rurale a quello postindustriale attraverso la storia, epocale ed effimera, complicata e a suo modo esemplare, della rivoluzione industriale e delle sue culture. Si assiste così, seguendo il racconto scandito dalla voce dei protagonisti, dapprima alla formazione di una centralità industriale che sembrava invincibile, e poi al suo declino, preparato dal sistematico smantellamento, pezzo dopo pezzo. Insieme alla fabbrica, è un mondo intero ad andare in frantumi, con il progressivo e inesorabile sfaldamento di un'identità operaia che aveva nella dimensione collettiva della condivisione e della lotta la sua modalità di espressione privilegiata. E l'affresco corale prende forma attraverso i dettagli puntuali e minuti, potenti e precisi, della storia orale, delle memorie personali, della vita quotidiana, che ci proiettano all'indietro verso il Risorgimento e la formazione della nazione, e al tempo stesso in avanti, verso un futuro globale nebuloso e imperscrutabile.

Cipolle e libertà. Ricordi e...

Bozzini Federico
Edizioni Lavoro 2016

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
"Sono nato nel 1937. Per capire quanto le cose son cambiate nel corso della mia vita basta pensare che mi chiamo Gelmino perché, quando mi han battezzato, questo strano nome era di moda". Così inizia l'"autobiografia" di Gelmino Ottaviani, operaio metalmeccanico veneto, che ripercorre in diciannove capitoli - dall'infanzia, vissuta in un ambiente rurale, al lavoro e all'impegno sindacale in fabbrica, fino ad arrivare alla pensione - la sua vita. In un continuo alternarsi di episodi, riflessioni e ricordi, la vicenda personale e familiare s'intreccia con gli eventi più importanti della storia italiana del Novecento, dando vita a un piccolo-grande affresco disincantato e, allo stesso tempo, poetico. Come scrive Marco Bentivogli nella Prefazione: "Cipolle e libertà è un racconto intenso, che ha ispirato anche un bellissimo monologo del Teatro Civico di Marco Paolini. Un libro che si legge tutto d'un fiato e da cui emerge tanto, sia della storia da cui veniamo, ma anche e soprattutto del presente che stiamo vivendo".

Metalmeccanici grande industria...

Finanze & Lavoro 2010

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Il presente C.C.N.L. disciplina il trattamento di lavoro di Metalmeccanici Grande Industria per gli anni 2010-2012. Si precisa che i CCNL continuano a produrre i loro effetti anche dopo la scadenza fissata, e precisamente fino a quando non saranno sottoscritti i rispettivi accordi di rinnovo.

Acciai speciali. Terni, la...

Portelli Alessandro
Donzelli 2008

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Il 29 gennaio 2004, la multinazionale tedesca ThyssenKrupp annuncia la chiusura del reparto magnetico delle Acciaierie di Terni. Con sorpresa di tutti, una città che da tempo pensava di essersi tolta di dosso l'identificazione con la fabbrica e cercava - senza trovarle - identità alternative, si mobilita immediatamente attorno agli operai. Settimane di picchetti, blocchi stradali, solidarietà e preoccupazione: scene che a Terni si erano viste solo mezzo secolo prima, nella rivolta seguita ai tremila licenziamenti del 1953. Questo libro parte da quei giorni per raccontare in presa diretta, con gli strumenti della storia orale, della partecipazione osservante e della passione politica, le trasformazioni di una città industriale nell'era della globalizzazione. Ascolta i cambiamenti del mondo operaio - dalla tragica dismissione degli impianti di Torino alla piena espansione dell'acciaio indiano -, l'intreccio di culture del lavoro e culture giovanili, di linguaggi sindacali e linguaggi calcistici, di senso di classe e di impulsi nazionalistici, in una forza lavoro radicalmente cambiata, capace al tempo stesso di profondo oblio e di sorprendente memoria.

I Manni, l'acciaio e Verona

Ruggiero Claudio; Manni Giuseppe
Maggioli Editore 2020

Non disponibile

30,00 €
Il volume racconta la storia di una famiglia, da secoli al servizio dell'Abate di S. Zeno, che fece i conti con la miseria del dopoguerra e diede avvio al commercio di rottami e materiali ferrosi recuperati dalle macerie di detriti e residuati bellici. Giuseppe, il primogenito di Luigi, trasformò questa piccola attività in uno dei più importanti gruppi industriali d'Europa, portando in esso le conoscenze apprese in quella "casa-bottega" dove i confini tra "spazio di lavoro" e "spazio privato" furono praticamente inesistenti. Al ruolo imprenditoriale lo costrinsero le precarie condizioni di salute del padre e il legame affettivo con la mamma; di suo mise il coraggio di cambiare il mondo e il sogno di costruirlo in modo semplice: come nel gioco del Meccano, ma questa volta per assemblare lunghe travi d'acciaio utili a costruire grattacieli, ponti ed edifici di ogni forma e dimensione. Le vicende dell'imprenditore s'intrecciano a quelle dell'uomo, che Giuseppe svela spaziando in ogni angolo del proprio passato con la tranquilla pacatezza della mente saggia. Ne emergono le inquietudini, e lo smarrimento, per un mondo che uccide le alleanze tra le generazioni e non riconosce agli altri di esser bravi e primi, ma l'amore per l'arte, e la coniugazione dell'utile con il bello, lo spingono ugualmente nell'inguaribile volontà di essere l'artefice del cambiamento e di gettare lo sguardo sul futuro: per dare fiducia ai collaboratori tutti e all'operato del figlio Francesco, esponente della terza generazione.

Le reali fabbriche del ferro in...

Franco Danilo
Rubbettino 2019

Non disponibile

16,00 €
Bivongi, Cardinale, Guardavalle, Mongiana, Pazzano, Reggio Calabria e Stilo, sono i «luoghi del ferro» più importanti in Calabria. Con le industrie, attive in passato nei loro territori, molto hanno dato all'economia del Regno delle Due Sicilie. Essi conservano nei loro ambiti territoriali molti reperti di archeologia industriale. Poco rimane, invece, nella memoria collettiva dei cittadini, delle vicende legate al passato industriale del comprensorio. La perdita delle industrie, dovuta a scelte politiche postunitarie che la Calabria ha subito, ha fortemente segnato in negativo la società dei paesi delle Serre calabre. Perderne ora, del tutto anche la memoria sarebbe altrettanto dannoso. Questo lavoro vuole aiutare sia a ricordare che ad approfondire alcuni aspetti dell'antica siderurgia calabrese.

L'acciaio negli interventi...

Lippi Francesco Vittorio; Mangini Federico; Salvatore Walter
Flaccovio Dario 2018

Non disponibile

28,00 €
Il volume è composto da numerosi esempi di progettazione e messa in opera sia di interventi di rafforzamento locale sia di interventi globali, su edifici in cemento armato e muratura, ottenuti mediante l'impiego di elementi e sistemi strutturali di acciaio, completi di disegni, di indicazioni generali per il calcolo e la messa in opera. Inoltre il manuale tratta la progettazione e la realizzazione dei sistemi di collegamento acciaio-calcestruzzo e acciaio-muratura, la prefabbricazione in officina di carpenteria metallica ed il montaggio in cantiere. Nella consapevolezza che in materia la conoscenza delle tipologie d'intervento più adeguate al contesto è talvolta lacunosa, nasce l'idea di questo quaderno tecnico, unico nel suo genere, che costituisce una guida utile per tecnici, ingegneri e professionisti del settore delle costruzioni che si trovano ad operare anche in contesti complessi. Redatto secondo le Norme Tecniche per le Costruzioni 2018, il volume presenta a corredo tutte le tavole progettuali scaricabili in formato PDF.

Vite scandite dal suono di una...

Busatto Luigi
Musumeci Editore 2018

Non disponibile

25,00 €
Il contributo dell'autore alla storia dello stabilimento più importante della Valle d'Aosta, non si ferma alla semplice raccolta di dati e testimonianze. Luigi Busatto ha strutturato il libro in modo da creare quasi un "manuale" per le nuove generazioni alle quali trasmettere i valori che hanno contraddistinto il suo lavoro e quello dei tanti "figli" della Cogne. Testimonianze, vissuti, considerazioni e riflessioni.

Fabbrica di fabbriche....

Vezzani Marco; Facco Giovanni; Tripodo Gianfranco
De Ferrari 2018

Non disponibile

20,00 €
Come è nato il titolo del libro? La "fabbrica" è un termine che oggi non si usa quasi più. Sa di un mondo passato, un po' ottocentesco. Ricorda le masse di operai che vanno a lavorare, le ciminiere, un padrone, ambienti rumorosi, con poca luce, odori forti di sostanze lubrificanti... Oggi si chiamano imprese, aziende, capannoni, a volte uffici, ma nella memoria collettiva si è perso il significato di questo termine ancora capace di condensare in un'efficace e sintetica parola il "mondo del lavoro e della produzione". La fabbrica è un luogo fisico fatto di macchine tra loro posizionate in un layout, di persone tra loro organizzate e dirette da capi, di materie prime da lavorare e trasformare, di energie che muovono le macchine, di sistemi di trasporto, di uffici per vendere e comperare. Mettere tutto questo insieme e farlo funzionare non è una cosa da poco. Ma chi viene prima della fabbrica? Un'altra "fabbrica" composta da disegnatori, ingegneri, dirigenti, da uffici in cui si disegna, progetta, calcola, si comprano macchine industriali e altro. Si costruisce il fabbricato, si montano i macchinari, si avvia la produzione, a volte si istruisce il personale e poi si consegna al proprietario la nuova fabbrica perfettamente funzionante. Ecco il mestiere di Italimpianti.

Il tubo Innocenti. Protagonista...

Giannetti Ilaria
Gangemi 2017

Non disponibile

30,00 €
Questo libro racconta la storia di quello che familiarmente si chiama il "tubo Innocenti": più precisamente, di quel giunto di acciaio inventato da Ferdinando Innocenti nel 1934, che ha consentito la costruzione di gran parte dei capolavori dell'ingegneria italiana del Novecento. Partendo dall'inizio e ripercorrendo la vita di Ferdinando e delle sue imprese, il racconto attraversa le fasi principali della storia dell'ingegneria strutturale italiana: dalle prime imprevedibili applicazioni del ponteggio Innocenti durante le restrizioni autarchiche, passando per gli interventi di ingegneria "di pronto soccorso" durante la guerra, fino alle sperimentazioni più rilevanti nella ricostruzione e nelle grandi opere del miracolo economico. Complice dei successi del cemento armato, grazie anche ai perfezionamenti suggeriti da Pier Luigi Nervi e Riccardo Morandi, la centina Innocenti diventa la bellissima primadonna del cantiere artigianale ed è protagonista - provvisoria e quindi ormai invisibile - dell'affermazione della Scuola italiana di Ingegneria. Coinvolta anch'essa nel declino degli anni settanta, lascia il posto a sistemi costruttivi industrializzati, rimanendo però uno dei prodotti più tipici del design Made in Italy.

L'ultimo contratto. Diario...

Di Mario Antonello
Tullio Pironti 2017

Non disponibile

14,00 €
Un contratto realizzato tutti insieme ha senza dubbio una valenza politica superiore a quella dei contratti precedenti. È ciò che è accaduto ¡1 26 novembre 2016 in Confindustria, a Roma, tra Flm, Fiom, Uilm e Feder-meccanica-Assistal. Il biennio economico del 3 luglio 2001 e quello normativo del 7 maggio 2003 furono firmati solo da Firn e Uilm, insieme a Federmeccanica e Assistal, senza la Fiom. Iniziò una fase di divisioni tra i lavoratori nelle fabbriche, ma anche nell'opinione pubblica, e con reciproche accuse sui giornali. Si doveva stare per ore al telefono col proposito di spiegare ai cronisti, che dovevano pubblicare il giorno dopo un "pezzo", le ragioni di una parte rispetto all'altra. La situazione si ricompose tra le tre sigle sindacali solo tre anni dopo, quando furono firmati unitariamente i rinnovi contrattuali di categoria del 19 gennaio 2006 e del 20 gennaio del 2008. In seguito tra i metalmeccanici si ripresentarono le avversità. Flm e Uilm firmarono le intese contrattuali del 16 ottobre 2009 e del 5 dicembre 2012; la Fiom no. Il 26 novembre 2016 è avvenuta l'ufficiale ricomposizione in ambito sindacale, con la sigla apposta da tutti e tre i sindacati sull'ultimo contratto di categoria. Molto è cambiato nel mondo dei metalmeccanici negli ultimi tre lustri. Ma il cambiamento è stato ancora più evidente rispetto a quanto accaduto negli anni Settanta. A quei tempi il movimento sindacale ebbe diversi meriti, come il superamento di divisioni pregresse e la nascita di nuovi movimenti di partecipazione e di decisione, dalle assemblee di fabbrica al sindacato dei consigli. Nel 1971 i sindacati metalmeccanici diedero vita alla Flm, la rappresentanza unitaria della categoria, mentre da parte imprenditoriale venne costituita Federmeccanica. Il contratto dei metalmeccanici, rinnovato nell'aprile del 1973, dopo sei mesi di trattative e 140 ore di sciopero pro-capite dichiarate, pose al centro dell'intesa l'inquadramento professionale e le 150 ore di permesso retribuito per il diritto allo studio, un fatto di assoluto rilievo per l'epoca. Dopo il riconoscimento legislativo dello Statuto dei Lavoratori, avvenuto quattro anni prima, ancora una volta l'operaio veniva inquadrato essenzialmente come persona e come cittadino sul luogo di lavoro. In quegli anni, caratterizzati dalla crisi petrolifera, nella fabbrica si determinò un'ampia concezione dei diritti che coinvolse anche realtà sociali e istituzionali.

Milano-Davos 1942-1944. Diario di...

Devoto Giovanni; Devoto G. (cur.)
Guerini e Associati 2017

Non disponibile

32,00 €
«È già qualche tempo che ho intenzione di scrivere episodi di questi momenti turbinosi: ma è solo da quando l'Italia sente a fondo la guerra che questa intenzione si è fatta più chiara e decisa». «Così mio padre inizia il suo diario, che è quello di un uomo da sempre appassionatamente interessato agli eventi cruciali di politica interna e internazionale. Si tratta, come è evidente anche dallo stile, spesso colloquiale, di un vero e proprio quaderno quotidiano, redatto velocemente - almeno prima della malattia - di sera. Il principale motivo di interesse per noi è proprio questo: cogliere dal vivo, quasi in diretta, il clima della guerra come è stato sentito in Italia. Risaltano, così, la palese inadeguatezza del regime fascista e neofascista rispetto alla gravità della situazione, e il caos assoluto dei primi venti giorni dopo l'armistizio, nei quali apparivano smarriti non solo i giovani ma anche gli organizzatissimi tedeschi che stavano occupando il Paese. Questo diario, per me, serve a far conoscere le idee di una persona di valore, sfortunata e onesta, e a prolungarne il ricordo». (Gianluca Devoto). Presentazione di Giulio Sapelli.

La siderurgia italiana. Tra storia...

Nesti A. (cur.); Pierulivo M. (cur.)
Pacini Editore 2017

Non disponibile

18,00 €
Ivan Tognarini, da storico dell'età moderna di origini piombinesi, accanto ad altri temi, riuscì sempre ad avere un pensiero per la "sua" industria, nobilitandone la funzione storica ed allargandone il respiro oltre quello strettamente economico produttivo. All'inizio del suo lavoro di insegnante universitario lo fece connotando la questione del ferro in chiave politica e strategica per il nascente Granducato di Toscana, associando l'appalto delle miniere ottenuto da Cosimo de Medici alle sue mire espansionistiche sul territorio senese e piombinese. Quasi alla fine del suo percorso di professore e di vita ne nobilitò il ruolo legando le vicende dell'industria a quella di un'icona dell'arte mondiale: la primavera di Sandro Botticelli, ovvero l'allegoria del matrimonio tra un Medici ed una Appiano, signori di Piombino. Nel mezzo una fitta serie di interventi, di saggi, di ricerche sul Principato, proprietario delle miniere dell'Elba. Gli atti di questo convegno dedicato alla memoria di Ivano Tognarini ripercorrono proprio questa parte del suo interesse civile e professionale. Da un lato l'amore per la ricerca storica legata alle sfaccettature dell'industria siderurgica nel territorio toscano lungo 500 anni di storia, dall'altro l'impegno civile verso il mantenimento della memoria storica con la partecipazione alla AIPAI e alla definizione di strategie d'intervento efficaci per la salvaguardia del patrimonio industriale.

Introduzione all'industria della...

Reale Giacomo
Aracne 2016

Non disponibile

44,00 €
Mediante i processi di laminazione e di estrusione dell'alluminio si producono la maggior parte dei semilavorati utilizzati nelle attività manifatturiere, dall'industria aeronautica a quella dei serramenti e degli utensili da cucina. Approfondendo i due processi, si analizzano i macchinari che li realizzano e le caratteristiche dello stabilimento ove le lavorazioni si svolgono, unitamente agli aspetti economici e finanziari. Sono trattati i temi generali comuni a tutti gli stabilimenti quali la manutenzione, le reti, i costi di produzione, gli investimenti e i revamping. L'appendice descrive sinteticamente il metallo e richiama la sua metallurgia, fino alla vasta gamma di leghe leggere.

Il tribunale permanente dei popoli....

Pepino L. (cur.)
Intra Moenia 2016

Non disponibile

10,00 €
La sentenza emessa l'8 novembre 2015 dal Tribunale permanente dei popoli è una sentenza in qualche misura storica. In essa si attesta, tra l'altro, che, in Val Susa, "è stato omesso uno studio serio di impatto ambientale del progetto nel suo complesso, prima della sua autorizzazione; non si è garantita alle comunità coinvolte una informazione completa né veritiera in tempi sufficientemente precoci; si sono esclusi gli individui e le comunità locali da ogni procedura effettiva di partecipazione nella deliberazione e nel controllo della realizzazione delle opere, simulando anzi procedure di partecipazione fittizie e inefficaci; non si è dato corso ai procedimenti attivati nei tribunali per far valere i diritti di accesso alla informazione e alla partecipazione nei processi decisionali" e si aggiunge che "queste violazioni sono il prodotto di azioni deliberate e pianificate". Le conseguenti raccomandazioni al Governo italiano sono esplicite: aprire un confronto reale esteso tutte le opzioni sul tappeto (compresa la "opzione Zero") e, inattesa del relativo esito, sospendere i lavori del cantiere della Maddalena e l'occupazione militare della zona.

Circolo lavoratori Terni tra...

Leonardi Luciano
Morphema Editrice 2016

Non disponibile

12,00 €
Ricostruire oggi lo stretto rapporto tra acciaio, città e circolo aziendale; ricordare la riunificazione dentro il complessivo processo di produzione del "tempo lavorativo" e del "tempo libero" significa dare più solide radici ad una istituzione ricreativa , culturale e sportiva che guarda al futuro.

La battaglia mondiale dell'acciaio

Motosi Giulio
Lotta Comunista 2016

Non disponibile

20,00 €
Pubblichiamo una ricognizione della battaglia siderurgica mondiale mentre un capitolo riguardante i grandi processi di ristrutturazione è appena alle prime pagine in Cina. Alzare lo sguardo sul mondo è il solo modo per cogliere il vero orizzonte delle lotte della classe operaia. Anche la battaglia di difesa degli interessi immediati di classe nella siderurgia europea non può che partire da una visione mondiale. L'Europa ha ingaggiato una battaglia sulla competitività per reggere lo scontro tra i capitali internazionali. La battaglia europea per l'Ilva, contesa tra la cordata del colosso ArcelorMittal e la compagine italiana di AcciaItalia, o anche l'interesse espresso da ThyssenKrupp per gli impianti inglesi e olandesi di Tata Steel, non sono che gli episodi più recenti nella lunga concentrazione siderurgica in Europa, un processo ultradecennale accelerato dalla crisi di ristrutturazione degli anni Settanta e proseguito in relazione all'unificazione politica dell'imperialismo europeo, incalzato a sua volta dall'ascesa della Cina.

CISA mezzadri, metalmezzadri,...

SPI-CGIL Faenza (cur.)
Carta Bianca (Faenza) 2016

Non disponibile

15,00 €
Nel dopoguerra il territorio di Faenza ha visto un notevole sviluppo industriale, in particolare nel settore metalmeccanico: la fabbrica che maggiormente ha simbolizzato questo fenomeno è stata sicuramente la Cisa, che è presto diventata leader nazionale ed internazionale nella progettazione e costruzione di serrature e sistemi di sicurezza. Questo libro raccoglie diverse storie di vita e di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori della Fabbrica di Faenza, si tratta spesso di appartenenti a famiglie mezzadrili che entravano gradualmente in fabbrica, modificando radicalmente il proprio modo di lavorare e di produrre, ma che mantenevano, almeno inizialmente, l'appartenenza alla famiglia mezzadrile. Il progetto ha inteso indagare "dal di dentro", attraverso il racconto di chi l'ha vissuto, il significato che questo mutamento ha avuto per la realtà socio economica del territorio, come ha cambiato il modo di vivere dei protagonisti, con quali conseguenze, quale maturazione personale, come sono cambiati i rapporti sociali, come hanno affrontato l'impatto con la nuova realtà lavorativa, quale è stato il rapporto con i sindacati.

Emilio Riva, l'ultimo uomo d'acciaio

Du Lac Capet Giovanna
Mondadori 2015

Non disponibile

20,00 €
"Tempo fa feci una promessa a Emilio Riva, dare voce al suo silenzio. Ma non ho fatto in tempo a mantenerla, è morto prima che potessi leggergli questo libro." Giovanna du Lac Capet è stata accanto a Emilio Riva, proprietario dell'ILVA, azienda siderurgica che comprende le acciaierie di Taranto, per più di quarant'anni. E per più di quarant'anni ha avuto la consapevolezza di vivere con un uomo tutto d'un pezzo, una persona a cui la vita non ha fatto sconti, e che doveva unicamente a se stessa, al proprio rigore e alla dedizione al lavoro l'"impero" che porta il suo nome. Nato a Milano da una famiglia non agiata. Inizia un'attività di compravendita di rottami e nel 1954 apre il suo primo stabilimento a Caronno Pertusella. Da quel momento, la sua attività conosce una continua espansione, con stabilimenti in Italia e all'estero. Incontra Giovanna in Eritrea, dove lei è cresciuta: quando l'opera di modernizzazione dell'Etiopia prevede che si avvii anche un imponente progetto siderurgico, Hailé Selassié sceglie di rivolgersi proprio a Emilio Riva, che per l'occasione si reca in Africa. Quello che leggiamo è il racconto di una donna innamorata e fiera del proprio compagno, ma anche di una persona che, a un certo punto della propria esistenza, è costretta a porsi una serie di difficili domande, tutte tese a tentare di dare una risposta all'unico vero dubbio: ha passato la sua vita accanto a un mostro da sbattere in prima pagina? Prefazione di Vittorio Feltri.

C'era una volta il «Meccanico». La...

Vigo Lilia
COEDIT 2015

Non disponibile

12,00 €
Pagine di storia personale e collettiva, in una fabbrica che ha fatto la storia dell'industria in Italia e nel mondo, l'Ansaldo Meccanico di Genova Sampierdarena. Testimonianze, documenti e memorie attinte da chi ha vissuto la propria vita lavorativa e di lotta all'interno dei vari reparti, la ricostruzione, il ricordo appassionato. Racconti del terrorismo vissuto sulla propria pelle e combattuto unitariamente nella fabbrica e sul territorio. Le battaglie da parte degli organismi di base finalizzate all'ottenimento di una maggiore democrazia verso i vertici sindacali. Una storia che non va dimenticata, raccontata da chi ha lavorato per molti anni in questa fabbrica, la tristezza e l'amarezza nel vederne crollare i muri e distruggere un industria, sostituendola con un grande centro commerciale. La sua volontà di non lasciarne morire il ricordo, soprattutto perché le lotte per i diritti in quella fabbrica e nel nostro Paese non siano state vane.

Metalmeccanici

Buffetti 2014

Non disponibile

23,00 €
Trattamento economico e normativo per i lavoratori addetti alla piccola e media industria metalmeccanica ed alla installazione di impianti. L'Accordo del 29 luglio 2013 è stato sottoscritto solo dalla CGIL. CISL e UIL hanno fatto un nuovo accordo, sottoscritto in data 1° ottobre 2013. Il testo riporta entrambi gli accordi, che hanno scadenze differenti: FIOM/CGIL (Accordo 29 luglio 2013), in vigore dal 1° giugno 2013 e in scadenza il 31 ottobre 2016; FIM/CISL e UILM/UIL (Accordo 1° ottobre 2013), in vigore dal 1° settembre 2013 e in scadenza il 31 maggio 2016. Il contratto continuerà a produrre i suoi effetti anche dopo la scadenza, fino alla data di decorrenza del successivo accordo di rinnovo.

Omet. Un percorso di eccellenza che...

Mauri Chiara
Franco Angeli 2014

Non disponibile

14,00 €
L'origine di questo libro è la storia dei primi 50 anni di vita di OMET, una media impresa italiana operante originariamente nel settore della meccanica e diventata uno dei protagonisti più forti a livello mondiale nei settori delle macchine per la stampa del packaging e del "tissue converting". OMET, acronimo di Officina Meccanica E Tranceria, è nata a Lecco in un garage ed è diventata una multinazionale con sedi in diversi Paesi del mondo. OMET ha celebrato il 50° esimo compleanno nel 2013, un momento difficile dell'economia italiana, europea e mondiale. La crisi che si è annunciata nel 2008 ha determinato in molti un clima di incertezza e talvolta di pessimismo. Nel 2010 OMET ha chiuso l'anno con un balzo in avanti del fatturato : una crescita del 40%; nel 2011 la crescita è proseguita con un +15%; nel 2012 il fatturato complessivo del Gruppo ha sfiorato 70 milioni di euro, e il 2013 chiude con un ulteriore crescita del 15%. La continuità nella performance di OMET in questi tempi difficili è prova che la sua forza si fonda su un solido patrimonio di conoscenze, di sapere e di saper fare. È questo patrimonio che induce clienti, fornitori, collaboratori e la comunità tutta ad avere fiducia nell'azienda. L'eccellenza professionale dei pionieri che hanno fondato la OMET segnandone la vita fin dalle origini è diventata un patrimonio di tutti i collaboratori e della nuova generazione oggi alla guida: questo spiega perché l'eredità di OMET è una storia da raccontare.

La storia passa per Viale Brin. I...

Provantini Alberto
Thyrus 2014

Non disponibile

14,00 €
In questo ultimo lavoro Alberto Provantini ha raccolto una trentina dei suoi scritti, tra articoli, saggi, libri, relazioni che documentano sotto vari aspetti il suo impegno e la sua "passione" per la vita dell'Acciaieria che a marzo 2014 compie 130 anni. È stato il suo un variegato impegno istituzionale per oltre 30 anni, una "passione" alimentata anche dalla storia della sua infanzia in Viale Brin, "in quel giardino di ciminiere che ti scandivano i turni di lavoro".La raccolta si legge come una storia che però finisce con il proporre una accurata chiave di lettura degli eventi storici dal 1950 al 2000. La raccolta contiene un "pezzo" di storia locale e nazionale, ma è soprattutto la storia della fabbrica delle Acciaierie dalla crisi del secondo dopoguerra alla privatizzazione del 1994, la "storia che passa per Viale Brin".

Metalmeccanici industria. Addetti...

Buffetti 2013

Non disponibile

19,00 €
Il volume riporta il CCNL per addetti all'industria metalmeccanica privata e alla gestione di impianti, integrato con tutti gli accordi precedenti e con l'accordo del 5 dicembre 2012. Il testo riporta gli allegati al CCNL. Il contratto continuerà a produrre i suoi effetti anche dopo la scadenza, fino alla data di decorrenza del successivo accordo di rinnovo.

Ilva. Comizi d'acciaio

Gubitosa Carlo
Becco Giallo 2013

Non disponibile

15,00 €
L'ILVA di Taranto, centro siderurgico per la produzione e la trasformazione dell'acciaio a ridosso del quartiere Tamburi, è al centro di un vasto dibattito pubblico per gli effetti delle sue emissioni sull'uomo e sull'ambiente. Questo libro, con il supporto di un apparato di infografica e collegamenti a contenuti multimediali disponibili in rete, è un tuffo in cinquant'anni di industria siderurgica che nasce da un lavoro giornalistico e di ricerca sul campo per documentare le esperienze di singole persone e di intere comunità che vivono e resistono all'ombra dell'acciaio.

Metalmeccanici industria. Addetti...

Staiano R. (cur.)
Buffetti 2013

Non disponibile

22,00 €
Il volume riporta il CCNL per addetti all'industria metalmeccanica privata e alla gestione di impianti, integrato con tutti gli accodi precedenti e con l'accordo del 5 dicembre 2012. Oltre al contratto, il testo contiene: il commento ai principali Istituti; lo scadenzario; gli allegati. Il contratto continuerà a produrre i suoi effetti anche dopo la scadenza, fino alla data di decorrenza del successivo accordo di rinnovo.

Artigiani metalmeccanici. Imprese...

Buffetti 2011

Non disponibile

15,00 €
Il volume riporta il Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti delle imprese artigiane metalmeccaniche di installazione di impianti. Integrato con tutti gli accordi precedenti e con l'accordo del 16 giugno 2011. Il testo riporta gli allegati al CCNL. Decorrenza: 1 gennaio 2010, Scadenza: 31 dicembre 2012. Il contratto continuerà a produrre i suoi effetti anche dopo la scadenza, fino alla data di decorrenza del successivo accordo di rinnovo.

L'acciaio: una storia all'italiana....

Gottardi Francesco
Aracne 2011

Non disponibile

7,00 €
Il volume illustra la storia della siderurgia pubblica italiana nella seconda metà del Novecento, fino alla sua amara conclusione. La cronaca di un fallimento gravissimo per il Paese in quanto causò la perdita di un importante patrimonio costruito nel tempo con i soldi della collettività. Il fallimento avrebbe dovuto a suo tempo suscitare scalpore, ma così non fu: nessuna critica, nessun processo; né i media sottolinearono la gravità dell'evento, né alcuna istituzione intervenne. Così nessuno pagò, anzi ci fu chi ne trasse giovamento. Gli autori di questo libro si interrogano sul perché di questo silenzio e anche sul perché del fallimento, avanzando le "loro" risposte.

Progetto di strutture in acciaio....

Scibilia Nunzio
Flaccovio Dario 2010

Non disponibile

50,00 €
Il presente libro raccoglie i principi, le regole costruttive e le norme tecniche fondamentali per sviluppare il progetto e la verifica delle strutture in acciaio. Si è fatto riferimento alle NTC di cui al D.M. 14 gennaio 2008, alla circolare esplicativa n. 617/2009 e alle norme UNI EN collegate, nonchè alle istruzioni CNR 10011 e 10016, agli Eurocodici EC3, EC4 ed EC8 e ad alcune norme dell'AISC e dell'IIW. Il testo è corredato da esempi e da applicazioni progettuali. Questo libro dispone dei seguenti servizi gratutiti disponibili on line: files di aggiornamento al testo e possibilità di inserire il proprio commento al libro. L'indirizzo per accedere ai servizi è: www.darioflaccovio.it/scheda/?codice=DF0022.

Il signore dell'acciaio....

Luberto Elena
Marsilio 2009

Non disponibile

12,00 €
Senza una lira. Con le scarpe rotte. Armato solo di un diploma da geometra. Animato da un'ambizione bruciante. Così comincia, alla fine degli anni Cinquanta, l'avventura umana e imprenditoriale di Steno Marcegaglia, "lo zappaterra", come lo schernivano i suoi colleghi, che oggi, a 79 anni, è alla guida di un gruppo industriale attivo soprattutto nell'acciaio, e fondatore di un impero, le cui province si estendono dall'Italia al Brasile, alla Cina. Un'infanzia durissima, segnata dalla povertà e dall'abbandono: il padre falegname, emigrato in Eritrea, in cerca di fortuna. Il piccolo Steno, che per la sua insaziabile curiosità viene chiamato "bambino perché", cresce con la mamma che, durante la guerra, si stabilisce a Gazoldo degli Ippoliti, paesino nella provincia mantovana. Qui, nel cuore della pianura padana, assolutamente priva di qualsiasi tradizione siderurgica, nel 1959 Steno Marcegaglia in una sorta di "bugigattolo" comincia a produrre, in società con un amico e con l'aiuto di due operai, guide per tapparelle. Magmatico, eclettico, stravagante, istrionico, generoso, appassionato e intransigente: il ritratto dell'uomo si intreccia con la storia e con l'economia. E poi la storia di Emma, prima donna alla guida di Confindustria; di Antonio, il figlio maggiore, oggi vero e proprio pilastro del gruppo, e della moglie Mira, "la signora", come la chiamano in azienda.

CCNL Metalmeccanici industria

Il Sole 24 Ore 2008

Non disponibile

19,50 €
Il testo del CCNL in vigore per gli addetti all'industria metalmeccanica privata e all'installazione degli impianti dopo l'Ipotesi di accordo del 20 gennaio 2008 ha subito alcune novità di rilievo: è stata, infatti, realizzata l'unificazione delle discipline speciali per operai, intermedi e impiegati attraverso l'eliminazione delle discipline normative speciali e l'istituzione di una normativa unica complessivamente più favorevole per quanto riguarda periodo di prova, scatti di anzianità, festività, mensilizzazione delle retribuzioni, ferie, trasferte, lavoro notturno (i tempi di progressiva entrata in vigore della normativa sono stati esplicitati nell'accordo dell'11 febbraio 2008). L'accordo di rinnovo ha determinato, tra l'altro, gli incrementi dei minimi contrattuali per il biennio 2008-2009, l'una tantum e la quota contribuzione una tantum. Il volume contiene, inoltre, lo Statuto del Fondo Nazionale Pensione Complementare (Cometa) per i lavoratori dell'industria metalmeccanica dell'installazione di impianti e dei settori affini, nonché i tempi e i modi di iscrizione al Fondo; la disciplina del contratto di apprendistato professionalizzante; le schede di sintesi del contratto vigente e previgente e il costo del lavoro per il biennio di validità della parte economica del contratto.

Metalmeccanici piccola e media...

Finanze & Lavoro 2008

Non disponibile

19,00 €
Il volume presenta il C.C.N.L. 2008-2011 per i lavoratori addetti alla piccola e media industria metalmeccanica ed alla installazione di impianti. Il contratto ha validità dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2011 per la parte normativa, e dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2009 per la parte economica.

Imprese metalmeccaniche artigiane...

Finanze & Lavoro 2008

Non disponibile

17,00 €
Il volume riporta la stesura del CCNL per gli addetti alla piccola e media industria metalmeccanica privata e all'installazione di impianti con validità, per la parte normativa dal 1° gennaio 2005 al 31 dicembre 2008, per la parte Economica dal 1° gennaio 2005 al 31 dicembre 2008.