Arte dell’intaglio

Filtri attivi

Il teatro delle statue. Gruppi...

Flores D'Arcais F. (cur.)
Vita e Pensiero 2005

Disponibile in 10 giorni

18,00 €
L'imponente sviluppo della scultura medievale nell'Occidente cristiano si esprime, con modalità del tutto particolari, nei gruppi lignei che venivano utilizzati sia per l'allestimento di scene permanenti e tridimensionali degli episodi cruciali del cristia

Il mobile piemontese nel...

Antonetto Roberto
Allemandi 2010

Disponibile in 3 giorni

350,00 €
Straordinaria antologia fotografica ragionata del mobile piemontese nel Settecento, questo libro propone 1.300 immagini commentate con le ricerche specifiche e tutti gli studi più recenti. Un volume è dedicato alle opere di paternità identificata, agli artefici consacrati e ad altri che qui si documentano per la prima volta. Il secondo volume documenta una eccellenza anonima ma non meno significativa. Comprende un estesissimo Repertorio di minusieri ed ebanisti, rintracciati nei documenti nel corso di ricerche decennali.

La tasse Farnèse. Ediz. illustrata

Sampaolo Valeria; Spina Luigi
5 Continents Editions 2018

Non disponibile

40,00 €
Poche altre opere del Museo Archeologico Nazionale di Napoli rispondono alla definizione della collana «Tesori nascosti» quanto la Tazza Farnese, al centro di questo nuovo volume. Il più grande vaso in pietra dura lavorata a rilievo ci è giunto dal mondo antico attraverso un cammino lungo secoli durante i quali, con ogni verosimiglianza, non è mai finito sottoterra: da Alessandria d'Egitto a Roma, a Costantinopoli per tornare a Roma nel XV secolo dove lo acquistò quel finissimo intenditore d'arte che fu Lorenzo de' Medici, passando poi dalla sua collezione a quella Farnese, penultima tappa prima di fermarsi nelle raccolte dell'Archeologico. A questa intrigante storia di passaggi da una corte all'altra la Tazza Farnese unisce quella non definitivamente risolta dell'interpretazione della scena raffigurata al suo interno, spiegata in più modi e ancora argomento di nuove precisazioni. L'abilissimo lavoro di incisione, che ha sfruttato tutte le variazioni di colore dell'agata sardonica, ha consentito di mettere in risalto le figure dei personaggi interni e il volto terrificante della Gorgone sull'esterno.

Manuale di intaglio decorativo a...

Binel Giuseppe
Priuli & Verlucca 2016

Non disponibile

17,50 €
Questa pubblicazione offre al lettore un valido contributo per la conoscenza dei materiali e delle tecniche di un tipo di intaglio decorativo (quello comunemente definito "a punta di coltello"), che ha interessato e attratto, in questi ultimi anni, un numero sempre crescente di appassionati. Particolare attenzione è stata rivolta allo studio delle essenze, dell'attrezzatura occorrente, del disegno degli ornati e delle decorazioni e ai trattamenti delle superfici. Una vasta gamma di esempi offre al principiante le tecniche di esecuzione di elaborati con vario grado di progressiva difficoltà. Il linguaggio è semplice e discorsivo, con particolare attenzione agli aspetti pratici e ai problemi concreti. Tutte le tecniche sono state collaudate personalmente dagli autori che, entrambi, svolgono la professione di intagliatori.

Forme del legno. Intagli e tarsie...

Donati G. (cur.); Genovese V. E. (cur.)
Scuola Normale Superiore 2014

Non disponibile

45,00 €
Il volume, ampiamente illustrato a colori, deriva da un incontro di studio organizzato in Normale, con l'intento di accostare due momenti cruciali nelle arti del legno: la tarsia prospettica, che Chastel mise al centro dell'arte del Quattrocento, e l'intag

La tarsia lignea. Origine e segreti...

Fedeli Francesca
EDIFIR 2013

Non disponibile

15,00 €
Il libro illustra la storia della tarsia lignea dalle origini ai giorni nostri. Il constatare che al largo successo che la tecnica della tarsia lignea riscosse tra il XV ed il XVI secolo non ha corrisposto un'altrettanta fortuna critica, ha portato ad alcune considerazioni sul tema, in modo da evidenziare come i "legni tinti", così come li definì Giorgio Vasari con una punta di disvalore estetico, occupino invece un ruolo di primaria importanza della storia dell'arte.

L'arte del legno a corredo...

Chieli Francesca
Centro Studi Mario Pancrazi 2012

Non disponibile

10,00 €
Il volume traccia una breve storia degli arredi lignei nell'aretino e propone una rivisitazione critica del Coro ligneo custodito nel Museo civico di Sansepolcro (Arezzo).

Netsuke. Appunti da...

Camaiore Paolo E.
Nuova Prhomos 2012

Non disponibile

60,00 €
Il nome netsuke è l'unione di due parole "ne" che sta ad indicare "radice" e "tsuke" che sta a significare "attaccare o appendere", per cui si potrebbe tradurre in maniera più completa come "oggetto ricavato da una radice per attaccarvi o appendervi un altro oggetto." Inizialmente fu, di sicuro, un accessorio solo utile e praticamente di nessun valore, visto che veniva ricavato da radici naturali o da materiale di scarto di altre lavorazioni. Bastavano pochi esperti tocchi per dare alle radici, oppure ai suddetti avanzi, la forma voluta dall'artista. Costui viene chiamato comunemente, in inglese, carver che tradotto alla lettera sta a significare scultore od intagliatore che lavora l'avorio e/o il legno (in giapponese, con maggior precisione netsuke-shi). Vedremo meglio in seguito che, in realtà, l'artista giapponese utilizzò tutto ciò che gli poteva garantire, a poco prezzo, una notevole resa artistica accoppiata ad una buona durata. Chiamerò, quindi, tali artisti o carvers, o scultori, o intagliatori, o incisori, anche se il materiale da essi usato non corrisponde ai soli avorio e legno.

Tarsie lignee del Rinascimento in...

Trevisan Luca
Sassi 2011

Non disponibile

49,00 €
La grande stagione artistica del Rinascimento italiano che si sviluppò tra il Quattro e il Cinquecento ebbe un capitolo importante e tuttavia spesso sottovalutato: la tarsia lignea. Questo fenomeno artistico, straordinariamente raffinato per tecnica esecutiva e contenuti culturali, andò di pari passo con l'evoluzione delle cosiddette arti maggiori - la pittura, la scultura e l'architettura -, ne seguì gli sviluppi teorici e le speculazioni intellettuali. Uno dei più significativi maestri in questo campo fu fra' Giovanni da Verona, intarsiatore, ma anche architetto, miniatore e scultore, perfettamente aggiornato sulle novità artistiche del suo tempo. Il ciclo di Santa Maria in Organo a Verona, esempio paradigmatico della tarsia lignea rinascimentale, mostra un linguaggio artistico perfettamente consapevole della scienza prospettica, aggiornato sugli sviluppi più recenti dell'arte e della conoscenza in genere. Ma gli esempi di come l'arte dell'intarsio ligneo nel Rinascimento si sia sviluppata parallelamente alle arti maggiori non finiscono certo qui. Non è un caso che il più celebre studiolo realizzato con questa tecnica sia quello di Federico da Montefeltro, in quella Urbino che era senza dubbio una delle culle della cultura matematica e artistica dell'epoca, dove trovarono espressione artisti come Piero della Francesca e matematici come il già citato Pacioli. Questo volume segue lo sviluppo di quest'arte a cavallo tra XV e XVI secolo.

Il coro ligneo della cattedrale di...

Bartoletti M. (cur.)
Silvana 2008

Non disponibile

38,00 €
Con poche parole, piene di ammirazione e di intelligenza, uno scrittore cinquecentesco identificato col notaio Ottobono Giordano definiva il coro ligneo intarsiato della Cattedrale di Santa Maria sul Priamàr a Savona come un lavoro "fatto a meraviglia". I savonesi si impegnarono allo stremo per preservarlo quando la chiesa maggiore cittadina venne chiusa al culto e abbattuta per edificarvi al suo posto l'imponente fortezza attualmente visibile. Quel coro, realizzato tra il 1500 e il 1522 circa dai lombardi Anselmo De Fornari, Elia De Rocchi e Giovan Michele Pantaleoni, è oggi visibile, opportunamente adattato, nella nuova Cattedrale tardorinascimentale dell'Assunta. Le vicende della realizzazione del coro, le sue vicissitudini seguite alla distruzione della vecchia Cattedrale, la storia del restauro e degli studi sono oggetto dei contributi di questo volume, che si concentrano sulle implicazioni storico-artistiche relative al manufatto, ma lo affrontano altresì sotto l'aspetto dell'iconografia musicale e dell'apparato delle epigrafi. Oltre a dar conto degli esiti del restauro integrale compiuto tra il 2002 e il 2003.

Pende. Ediz. inglese

Strother Z. S.
5 Continents Editions 2008

Non disponibile

35,00 €
Le vivide maschere e le sculture dalle valenze architettoniche, che un tempo caratterizzavano molte popolazioni stanziate in Congo, sono state studiate, alla stregua di tradizioni vive e vitali, soltanto presso poche comunità, e tra queste, in particolare, i Pende. Usando il ricco materiale derivato dal lavoro svolto sul campo da numerosi ricercatori fin dagli anni Cinquanta, questo testo offre una rassegna dei contesti dinamici nei quali trovano collocazione le maschere e l'architettura dell'Africa centrale.

Palazzi di specchio­Mirror palace

Jaretti S. (cur.); Jaretti D. (cur.); Penco C. (cur.)
CELID 2008

Non disponibile

31,00 €
Specchi: un viaggio che parte dal VI millennio a.C. e, attraverso una lunga serie di immagini, arriva ai nostri giorni sul filo delle quattro dimensioni specularità/riflettenza/luce/colore. Inizio Cinquecento: Venezia crea uno specchio tecnicamente perfetto, di cui protegge per quasi tre secoli i segreti. La Persia ribalta modalità e valori, rivestendo di specchio enormi superfici esterne e interne dei palazzi, ma con piccole tessere che spezzano l'immagine come in un caleidoscopio, associate a madreperla, ceramica, oro e pietre dure. Tutto il Mediterraraneo ne rimane ibridato, da Palermo alla Toscana, alla Spagna, alle vetrate gotiche d'Europa. Un mistero da sciogliere: la quasi completa indifferenza delle culture - locali e non - a questo unicum mondiale che ancor oggi in Iran è tradizione viva. E la critica occidentale, se e quando ne fa cenno, mostra un sospetto di kitsch. L'ampio corredo di immagini comprende fotocolor originali, disegni e stampe di viaggiatori occidentali dal Quattrocento in poi e una selezione di immagini dall'album del fotografo reale Luigi Montabone (attivo tra il 1860 e il 1877, torinese) che iniziò alla fotografia lo shah Qajar Nasser Al-Din.

Cornici dei Medici. La fantasia...

Mosco Marilena
Mauro Pagliai Editore 2007

Non disponibile

48,00 €
Il volume presenta sessantatré cornici originali, in massima parte inedite, provenienti dalla Galleria Palatina e dal Museo degli Argenti di Palazzo Pitti, dalla Galleria degli Uffizi e dalla Villa di Poggio a Caiano, tutte commissionate dai Medici a partire dal Cinquecento, in occasione dell'ingresso dei dipinti nelle varie collezioni. Erede dei motivi attinti al repertorio decorativo del manierismo, dall'Ammannati al Buontalenti, ed espressione del cosiddetto stile auricolare, la cornice barocca vede trasformarsi le volute buontalentiane in cartocci e cartigli affiancati da dettagli prevalentemente zoomorfi ispirati ai disegni di artisti come Callot e Stefano della Bella, presenti nel volume coi loro fantastici schizzi. Oltre ai nomi di artisti famosi ideatori di cornici, come il Volterrano e il Foggini, risaltano nuove attribuzioni - a Pietro da Cortona e Ciro Ferri - e nuovi nomi di intagliatori quali Antonio Mancini, Luca Boncinelli, Jacopo Sani e Carlo Galestruzzi, risultato del complesso lavoro di ricerca e di analisi svolto dall'autrice presso l'Archivio di Stato di Firenze. Il volume risulta interessante e utile non soltanto per gli "addetti ai lavori", ma anche per gli studiosi di storia del collezionismo mediceo e della museografia in Italia dal Cinquecento al Settecento.

La scultura lignea policroma:...

Speranza L. (cur.)
Centro Di 2007

Non disponibile

28,00 €
Terzo numero della collana che raccoglie gli articoli più significativi su vari settori di attività dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, apparsi sulla rivista 'OPD Restauro' negli ultimi anni. Corredato da un'aggiornata prefazione il volume costitui

Scultura lignea dalle terre russe....

Pirovano C. (cur.); Ryndina A. V. (cur.); Sidorenko G. V. (cur.)
Mondadori Electa 2006

Non disponibile

35,00 €
Il volume è il catalogo della mostra di Roma (Musei Capitolini, 29 giugno - 27 agosto 2006) e di Vicenza (Gallerie di Palazzo Leone Montanari, 9 settembre 5 novembre 2006). L'esposizione, che raccoglie 60 opere provenienti dai più importanti musei russi, si articola in un percorso che, spaziando dall'antichità al XIX secolo, è in grado non solo di documentare le trasformazioni e i passaggi filologici, ma anche l'evoluzione di un linguaggio artistico che ha costituito la base dell'espressione popolare russa.

Pierluigi Ghianda

Bergo Luca
5 Continents Editions 2006

Non disponibile

45,00 €
"Quando più di vent'anni fa Bergo e io, architetti sconosciuti ma ricchi di innumerevoli passioni e felicità condivise, entrammo per la prima volta nella bottega di Pierluigi Ghianda, per me fu come tornare all'infanzia. [...] Come i suoi simili fiorentini, settant'anni fa il brianzolo Ghianda era già nella bottega di famiglia quando l'età lo avrebbe visto a giocare di più all'oratorio. [...] Pierluigi è, oltre che uno straordinario ebanista, un creatore, la cui capacità di percezione estetica fa sì che i suoi oggetti siano di un equilibrio e di una bellezza formali praticamente perfetti." (Patrizia Peracchio). Fotografie di Giancarlo Pradelli.

Sculture «da vestire». Nero Alberti...

Galassi C. (cur.)
Mondadori Electa 2005

Non disponibile

38,00 €
Il volume è il catalogo della mostra di Umbertide (Museo di Santa Croce, 11 giugno - 6 novembre 2005) che mira a ricostruire l'attività di una bottega lignaria del XVI secolo, attiva nell'Italia centrale. Tra i suoi artefici spicca il Maestro di Magione, alias Nero Alberti di Sansepolcro. Il catalogo è arricchito da un capitolo dedicato alle tecniche disgnostiche e di restauro.

Maestri della scultura in legno nel...

Romano G. (cur.); Salsi C. (cur.)
Silvana 2005

Non disponibile

27,00 €
Ottanta opere provenienti da collezioni italiane e straniere e da edifici di culto consentono di ripercorrere l'evoluzione di questa espressione dell'arte lombarda a lungo considerata semplice manifestazione di gusto popolare. I sagsi del volume indagano le figure degli artefici e la raffinata attività delle botteghe, come quelle dei De Donati e dei Del Maino, e le realizzazioni in cui furono coinvolti: il cantiere del duomo di Milano, l'altare di Santa Maria del Monte sopra Varese, i complessi devozionali allestiti tra Piacenza, Pavia, Como, Varese e la Valtellina all'inizio del Cinquecento. Gli interventi sono accompagnati da un repertorio illustrativo che permette di cogliere le strette correlazioni tra le arti nel rinascimento lombardo.

Scultori e intagliatori del legno...

Mondadori Electa 2002

Non disponibile

10,00 €
"Questo volume, nato da una giornata di studio focalizzata sulla scultura lignea in Lombardia nel Rinascimento, condensa anni di lavoro di restauro, catalogazione e ricerca. Su pochi manufatti come su quelli lignei, dalle sculture alle macchine d'altare, ai soffitti, ai cori, sembra essersi accanita in passato la furia di restuauri impropri. Negli anni recenti l'interesse della ricerca attorno al problema del legno (dipinto e non dipinto) e alle tipologie di manufatti che ne derivano si è manifestato in tutta Italia con un proliferare di mostre e convegni che sono il risultato finale del lavoro sul campo effettuato dalle varie Soprintendenze." (Dalla presentazione di Caterina Bon Valsassina).