Sociologia dei costumi e delle tradizioni

Active filters

Amore

Levi Della Torre Stefano
Rosenberg & Sellier

Disponibile in libreria in 5 giorni

9,50 €
Parole appassionate e dieci disegni inediti per esplorare le diverse facce dell'amore, esperienza comune e insieme intima degli uomini e delle donne. Il viaggio si muove intorno all'Eros, il "luogo" dell'incrocio di sessualità e di emozioni, mosse dal sentimento di non bastare a se stessi. Miti antichi, fiabe, poesie di ogni epoca, cantici biblici accompagnano un discorso che tenta di cogliere la complessità e il dramma dell'amore, tra felicità, sofferenze e speranze esistenziali. Al di là dei moralismi e delle spiritualizzazioni edulcorate.

Buone feste

Mamusi Pamela
Youcanprint

Non disponibile

10,50 €
Da Natale alla Befana. Questo libro è dedicato alle Feste, ai bambini ma anche agli adulti. Racconta delle tradizioni e delle leggende legate alle Feste Natalizie.

C'era una volta Napoli?...

Miletti Michele
ilmiolibro self publishing

Non disponibile

29,00 €
Ragionando tra aneddoti e curiosità napoletane, e indagando su origine della città, dominazioni straeniere, taverne, feste, canti, teatri, popolo basso, e borghesia, l'autore ha cercato una spiegazione a certi comportamenti tipici dei napoletani, fino a chiedersi se davvero "c'era una volta Napoli?"

Cartesio non balla. Definitiva...

Bolelli Franco
Garzanti Libri

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,50 €
Questa è la tesi di "Cartesio non balla": se la cultura pop è definitivamente superiore, non è semplicemente perché è più energetica, più divertente, più sexy, più comunicativa, più globale. Figuriamoci se ci possiamo accontentare soltanto di tutto questo... No, se la cultura pop è definitivamente superiore, è perché essa - innanzitutto quella più avanzata - sta creando valori nuovi, più pieni, più abbondanti. Del pop Bolelli rivendica non soltanto la naturale vocazione al divertimento spettacolare, ma proprio la funzione evolutiva e paradigmatica. Perché, quantomeno nella sua anima più sperimentale, il pop è la sola cultura sintonizzata con i mutamenti che il mondo connesso e globale determina nelle nostre facoltà percettive, cognitive, sensoriali, neurologiche.

Coltelli d'Italia. Rituali di...

Baronti Giancarlo
Franco Muzzio Editore

Disponibile in libreria in 5 giorni

38,00 €
Questo libro non si limita ad indagare minuziosamente gli aspetti della produzione materiale nel corso del secolo passato, ma affronta compiutamente anche le profonde implicazioni sociali e culturali che il coltello ha assunto e per lungo tempo ha mantenuto in Italia. Alla versatilità insita nelle potenzialità formali e materiche dell'oggetto, nel nostro Paese si è unita un'ulteriore valenza: il coltello è stato il segno crudelmente e ferocemente esibito di una radicata e diffusa violenza, l'emblema di una frammentata ma pullulante aggressività. "Spada del popolo" è stato romanticamente definito il coltello. Durante buona parte del secolo scorso nelle regioni centro-meridionali del Paese, non c'è uomo del popolo che nel proprio coltello accuratamente scelto, soppesato e provato al momento dell'acquisto, non veda il segno tangibile della propria umana e virile consistenza, della dignità e dell'orgoglio personali. Le leggi restrittive sulla fabbricazione, sulla detenzione e sul porto dei coltelli, indotte dal crescente aumento dei reati di sangue, hanno determinato la scomparsa di molte comunità artigiane, da secoli dedite alla lavorazione dei ferri taglienti. La situazione oggi è profondamente cambiata. Superata la fase del rifiuto del cattivo passato, si sta provvedendo alacremente a riallacciare i fili lacerati delle antiche tradizioni artigiane.

Corpi in-tessuti. Evoluzioni e...

Nucera Sebastiano
Aracne

Non disponibile

12,00 €
Il binomio abbigliamento e moda individua, nell'evoluzione delle pratiche vestimentarie, due momenti precisi. L'utilizzo di protoforme vestimentarie è individuabile circa 170.000 anni fa tuttavia, l'abbigliamento, attraverso un continuo e diacronico mutamento dei significati che veicola e delle funzioni cui assurge, viene tradotto, a cavallo tra Medioevo e Rinascimento, all'interno di una nuova dimensione simbolica e processuale: la moda. A partire da un agile resoconto sui differenti approcci che con metodologie e finalità diverse ne hanno analizzato le evoluzioni storico-produttive ed i significati socio-culturali, viene circoscritta una prospettiva sincretica che definisce la transizione, mediata da wearable technology e smart clothing, verso forme vestimentarie che fanno del corpo una nuova realtà topografica del "TecnoEvo" su cui si insediano amalgami tecniche che veicolano, pluridirezionalmente, nuove tipizzazioni di flussi informazionali.

Così è se mi pare! Da quando la...

Cadonici Paola
Aracne

Non disponibile

10,00 €
Siamo sempre più oppressi dal male della superiorità presunta, ma ad aggravare ulteriormente il nostro stato è che non ne siamo consapevoli. L'unico rimedio per questo preoccupante morbo comportamentale sarebbe l'umiltà, ma la sua scomparsa è diventata ormai una triste realtà. L'attuale proliferazione di comportamenti all'insegna di un Io millantato non lascia più spazio a frasi come "Scusi", "Mi dispiace", "Mi sono sbagliato". Chi si crede troppo grande finisce con il rimpicciolire il mondo fino a renderlo a sua misura. L'individualismo sta frazionando la società in tante piccole unità incapaci di comunicare tra loro e di comprendere l'alterità, quindi la diversità. Stiamo morendo soffocati dal nostro stesso Ego che sfugge sempre più al nostro controllo e diventa ipertrofico in modo preoccupante.

È sempre questione di fiducia....

Carrera Letizia
Franco Angeli

Disponibile in libreria in 5 giorni

20,00 €
Il testo è strutturato in tre capitoli: nel primo si recupera e si discute la letteratura di riferimento sul tema della fiducia, rivedendone le categorie principali. Nel secondo il tema della fiducia viene declinato in riferimento a tre ambiti chiave del contesto societario: la politica, l'economia (mercati finanziari, cooperazione territoriale e risorse umane), la città. L'analisi teorica è poi completata da un'indagine esplorativa che, a partire dalle categorie precedentemente analizzate, utilizza una metodologia qualitativa per guardare alle forme e ai tipi di fiducia da parte di alcuni studenti dell'Ateneo barese rispetto alla stessa Università di Bari.

Etnologia del Natale. Una festa...

Perrot Martyne
Elèuthera

Non disponibile

15,00 €
Babbo Natale l'ha inventato la Coca-Cola? Di certo non il cristianesimo. Il Natale, tanto quello religioso e familistico quanto quello sfacciatamente consumistico e mercantile (il "potlach della modernità") o miticamente pagano (il solstizio d'inverno), è

Fame d'erba

Bini Gianfranco
Lassù gli Ultimi

Non disponibile

115,00 €
Fame d'erba racconta dei pastori di greggi e delle loro transumanze, dalle pianure lambite dalle risaie fino al limite dei ghiacciai a scavalco tra Val d'Aosta e Francia. Immagini che ci parlano di una civiltà misconosciuta e invitano a seguire la difficile vita di questa gente nella loro continua ricerca di pascoli liberi.

Fotografia post mortem

Orlando Mirko
Castelvecchi

Non disponibile

25,00 €
Prima dell'invenzione della dagherrotipia, nel 1839, l'unico modo per tramandare la propria immagine era il ritratto, ma erano in pochi a poterselo permettere. Con l'avvento della fotografia si diffuse l'usanza della fotografia post mortem, una pratica sviluppatasi in epoca vittoriana e caduta in disuso negli anni Quaranta del Novecento. All'epoca, il tasso di mortalità infantile era assai elevato, e non di rado le fotografie post mortem erano l'unico modo che i genitori avevano per conservare l'immagine dei figli. I soggetti venivano spesso ritratti come ancora in vita: con gli occhi aperti, o così dipinti, o addirittura impegnati in piccole attività quotidiane. Alcuni recenti studi suggeriscono che questa pratica possa ricondursi a più antiche e radicate pratiche di tanatometamorfosi (trattamento delle spoglie). Se così fosse, rappresenterebbero una sorta di mummificazione visiva, dove la sembianza di vita sia resa necessaria per esprimere lo stato di salute dello spirito del defunto. Lo studio di Mirko Orlando giunge a colmare una carenza critica su un tema tabù, su una pratica che, seppure in vesti macabre, nasconde significati che vanno ben al di là della semplice "foto ricordo".

Gente di terra e di mare....

De Angelis Antonino
La Conchiglia

Non disponibile

16,00 €
L'identità dei luoghi e delle persone incontrate in questo breve itinerario sul territorio della penisola sorrentina si colloca nell'arco temporale compreso fra gli ultimi decenni dell'Ottocento e la prima metà del Novecento. Si tratta di un'identità particolare, sovrapposta a quella ufficiale, è l'identità che il popolo ha dato ai luoghi e agli uomini sotto cui quella vera si nasconde e tende a scomparire. In certi casi, trattandosi di soprannomi, è risultato impossibile conoscere il vero nome del soggetto il quale, assai noto con il suo nomignolo, è perfettamente sconosciuto con la sua vera identità anagrafica. I tanti silenzi accanto agli altri mille nomignoli riportati in appendice ne sono la riprova. Ma esiste un'altra identità che si dissolve, quella della memoria, dovuta alla profonda trasformazione del territorio e dei costumi che sempre più si espande e si diffonde incalzata dai tempi nuovi, dal costante processo di modernizzazione, dalla globalizzazione: la parola d'ordine della nostra epoca. Così quei micro toponimi non si useranno più e anche quei soprannomi scompariranno dall'usanza quotidiana. Un'identità collettiva che si dissolve ma che, tuttavia, ha lasciato una traccia profonda nella inconsapevole popolazione di oggi.

Giocare per forza. Critica della...

Bencivenga Ermanno
Mondadori Bruno

Non disponibile

11,00 €
Da Disneyland ai quiz televisivi, dai videogame ai giochi di società, la parola d'ordine nel mondo contemporaneo sembra essere diventata una sola: divertirsi! Ma di che gioco si tratta? Per rispondere a questa domanda Ermanno Bencivenga si è aggirato tra i fantasmagorici casinò di Las Vegas, scoprendo che nel weekend gli americani compiono, davanti a tavoli verdi e slot machine, gli stessi disperati gesti automatici che ripetono durante la settimana lavorativa; ha seguito quotidianamente i quiz televisivi di Mike Bongiorno e Gerry Scotti, notando che si tratta di spettacoli in cui viene recitato "il più ineccepibile dei rosari": il martellamento pubblicitario. Nella civiltà di oggi, insomma, il gioco rivela la sua vera natura di colossale affare economico.