Blasfemia, eresia, apostasia

Filtri attivi

Raccolta antiariana parigina

Ilario di Poitiers (sant'); Giustiniani P. (cur.)
Città Nuova - 2019

Disponibilità Immediata

27,00 €
Gli anni Cinquanta del IV secolo costituiscono la fase culminante e decisiva della controversia ariana ed è il momento nel quale assistiamo all'entrata in scena di Ilario di Poitiers, che ben presto diventerà in Occidente ciò che Atanasio da più di vent'anni era in Oriente. La "Raccolta antiariana parigina" - per la prima volta tradotta integralmente in italiano - contiene documenti relativi alla controversia ariana (dal 343 al 366 ca), ritrovati da p. Pithou nel 1590, in un codice del XV secolo di cui non disponiamo più. Si tratta di una collezione di documenti tra i più controversi e discussi, sia per quanto riguarda l'attribuzione dei frammenti, sia per la loro collocazione storica. Nel suo complesso il dossier, molto importante per la storia delle Chiese nel IV secolo, offre il quadro di un'epoca turbata per la dottrina della fede, ma getta luce anche su alcuni tratti distintivi della personalità di Ilario: l'intuizione veloce delle situazioni, l'amore per la documentazione rigorosa, la fedeltà e il rispetto assoluto dell'ortodossia, la posizione evidentemente filo-atanasiana. Introduzione di Luigi Longobardo.

Eretici e ribelli nell'Umbria

Fumi Luigi
Il Formichiere - 2018

Disponibilità Immediata

15,00 €
"Forse Luigi Fumi quando alla fine del secolo diaciannovesimo dava alle stampe nel 'Bollettino della Regia Deputazione di storia patria per l'Umbria' l'ultima puntata della sua ricerca sugli Eretici e ribelli nell'Umbria, non avrebbe mai sperato in una sua così duratura fortuna editoriale. Stà di fatto che da allora si contano, sebbene con diversi criteri, almeno cinque ristampe e con questa sei. La Deputazione di storia patria per l'Umbria ha accettato di buon grado di introdurre questa rinnovata impresa perché l'autore, Luigi Fumi appunto, non solo, come già detto, pubblicò il suo lavoro per la prima volta, nelle pagine del 'Bollettino' tra il 1897 e il 1899, ma perché fu, per dirla con Jean-Claude Maire Vigueur, uno dei «pilastri della Deputazione» nonchè, insieme ad Oscar Scalvanti, uno dei suoi 'padri fondatori.'" (Dall'introduzione di Paola Monacchia)

Confutazione di tutte le eresie

Ippolito (sant'); Magris A. (cur.)
Morcelliana - 2016

Disponibilità Immediata

30,00 €
Epifanio si collega alla tradizione eresiologica inaugurata da Giustino nel II secolo e proseguita da Ireneo e Ippolito, ma, vissuto nel IV secolo, scrive in un Impero ormai cristiano, nel periodo delle grandi controversie teologiche, nel corso delle quali l'intervento imperiale svolge un ruolo non trascurabile. Il Panarion è un vero e proprio trattato eresiologico, anche se nel corso del III e del IV secolo alcuni autori inseriscono nei loro scritti elenchi, più o meno lunghi, di eresie - basti pensare a Clemente d'Alessandria, Origene, Eusebio di Cesarea, Cirillo di Gerusalemme. L'opera, monumentale e ricca di documenti, si compone di tre libri, ripartiti in sette tomi, nei quali sono presentate e confutate ottanta tra eresie e scismi: il primo libro contiene tre tomi quarantasei eresie (Barbarismo, Scitismo, Ellenismo, Giudaismo e Samaritanismo, con le rispettive suddivisioni, e le eresie sorte dopo l'incarnazione di Cristo, dai Simoniani ai Tazianei), il secondo due tomi e ventitré eresie (dagli Encratiti agli Ariani), il terzo due tomi e undici eresie (dagli Audiani ai Massaliani). Chiude il trattato «la difesa della retta fede e verità, che è rappresentata dalla santa, cattolica e apostolica Chiesa», in cui l'autore sintetizza i punti fondamentali della dottrina cattolica ortodossa- la Trinità, l'incarnazione di Cristo, la resurrezione dei morti, il giudizio eterno - e i principi istituzionali che reggono la Chiesa- la liturgia, le riunioni, i digiuni, le festività, la vita dei fedeli dei monaci, le prescrizioni per la vita quotidiana. Il risultato di questo lavoro è un panarion, appunto, una cassetta di medicinali, dalla quale poter trarre rimedi contro morsi e punture mortali. Fuor di metafora, una sorta di manuale di pronto soccorso, al quale i cristiani della retta fede possono attingere le informazioni di cui necessitano per riconoscere a quale categoria appartengano gli eretici incontrati nel loro cammino, eventualmente per confutarli, per convincerli a rinsavire, e anche per guidare i fedeli a non cadere nell'errore.

Piccole apostasie. Il congedo dai nuovi...

Cardano Mario
Il Mulino - 2015

Disponibilità Immediata

30,00 €
Da un po'di tempo si è assistito a un ritorno del sacro e della religiosità e grande è il fascino esercitato da nuovi movimenti religiosi, di cui molto si è studiato e scritto. Decisamente minore è stata l'attenzione riservata ai processi di deconversione da queste organizzazioni. A queste "piccole apostasie", è dedicato il volume che focalizza l'attenzione sul congedo da quattro movimenti religiosi, diversi per struttura organizzativa e proposta dottrinaria: Damanhur, Soka Gakkai, Testimoni di Geova e Scientology. Gli autori si soffermano sui processi di ricostruzione identitaria di chi compone nella propria vita due punti di svolta, due scelte controcorrente: l'adesione a un'organizzazione religiosa alternativa e poi l'abbandono del nuovo credo. In questa radicalità si esprime la ragione d'interesse per queste transizioni biografiche, nelle quali diventa possibile cogliere - delineati con tratti più forti le peculiarità di fenomeni sociali che, con incisioni meno nette, si mostrano in altri contesti.

Le eresie medievali

Bueno Irene
Ediesse - 2013

Disponibilità Immediata

12,00 €
La repressione dell'alterità religiosa ha accompagnato molta parte della nostra storia. L'avversione verso quanti hanno imboccato itinerari di fede diversi da quelli del gruppo maggioritario ha generato operazioni di censura, violente persecuzioni, guerre sanguinose. Questo libro offre uno sguardo d'insieme sulla storia delle eresie nell'Occidente medievale, lungo l'arco dei cinque secoli che seguirono l'anno 1000. Gli itinerari religiosi dei cosiddetti eretici e dei maggiori gruppi considerati ereticali vengono posti in relazione con lo sviluppo delle istituzioni preposte alla loro repressione, nel periodo compreso tra la riforma gregoriana e i primi processi per stregoneria nell'età moderna. "Eresie" ed "eretici" si profilano come categorie dai numerosi significati, entro le quali le autorità ecclesiastiche facevano confluire spinte ascetiche e rigoriste, proposte di radicalismo evangelico, espressioni di religiosità popolare non conforme o dissidente, ma soprattutto percorsi critici e manifestazioni di disobbedienza al papa e alla Chiesa di Roma.

Arte sacra e stregoneria. Templari e altri...

Feo Giovanni
C&P Adver Effigi - 2012

Disponibilità Immediata

16,00 €
C'è un mondo a noi familiare, che si diluisce nel quotidiano. Su questo piano la storia è quella nota e i fatti conosciuti si accavallano secondo una corrente governata da solidi e circoscritti argini. Ogni deviazione appare scomoda e pericolosa. C'è un mondo altro, meno apparente e decifrabile, che scorre accanto al primo e si rivela attraverso lingue antichissime; segni dispersi nel territorio come in un'immaginaria caccia al tesoro che insegue un concetto di conoscenza; come in un'opera grande scritta sulla terra e sulla pietra. Questo libro è come una mappa da sfogliare, in cui a cifre manifeste accorre associarne altre celate ad occhi distratti, per ricostruire nella sua integrità un disegno profondo quanto evidente, che è nutrimento vitale del nostro sapere.

Il profeta disarmato. L'eresia di Francesco...

Caravale Giorgio
Il Mulino - 2011

Disponibilità Immediata

22,00 €
L'approfondita ricerca di Caravale mette a fuoco la vicenda biografica e l'itinerario intellettuale del fiorentino Francesco Pucci (1543-1597). Stabilitosi ventenne a Lione per praticare la mercatura, nello stimolante ambiente lionese Pucci maturò la decisione di dedicarsi "allo studio delle cose celesti ed eterne", e da allora visse in Francia, in Inghilterra, in Olanda, in Polonia, a Praga elaborando e discutendo un suo ideale di religione universale che tuttavia non trovò ascolto nei differenti ambienti religiosi protestanti in cui visse. Tornato al cattolicesimo, volle rientrare in Italia per presentare al papa le sue tesi, ma venne imprigionato e condannato a morte per eresia. Lo studio di Caravale, che si avvale anche di lettere inedite, mette in luce in particolare il peso fondamentale della formazione italiana di Pucci, ricostruisce il contesto in cui maturò la sua proposta politica e religiosa e spiega le ragioni del suo fallimento.

Il processo agli ultimi Catari. Inquisitori,...

Bonoldi Gattermayer Elena
Jaca Book - 2011

Disponibilità Immediata

24,00 €
Sulla scena del tragico conflitto religioso scatenato dalla dottrina catara, fondata su una dualità, respinta da Roma come corrotta, all'inizio del XIV secolo, nell'estremo Sud francese, un piccolo gruppo di uomini e donne coraggiosi testimoniava di villaggio in villaggio in una pericolosa clandestinità la forza della "Eglesia de Deu", come essi la chiamavano. Convinti della validità della propria fede, quei cristiani dissidenti affronteranno processi, prigioni, roghi stabiliti da autorità civili ed ecclesiastiche decise a eliminare definitivamente il credo eretico da tutta l'Occitania. Qual era la loro dottrina, la loro fede, la loro esperienza? Il volume ripercorre, attraverso i testi degli interrogatori, inediti in italiano, la difficile e aspra quotidianità di quegli uomini e quelle donne facendola rivivere attraverso le loro stesse parole, lasciate alla storia in forma di confessioni. Dal materiale emerge, oltre che la profonda fede rivoluzionaria di quegli uomini e quelle donne, pronti a sacrificare se stessi, l'essenza stessa delle loro vite, a qualsiasi strato sociale appartenessero. Essi, pur abitando in una regione sottoposta a Parigi, conservavano con fierezza l'originalità della cultura occitanica, capace di trasformare il diritto romano in funzione del carattere della propria gente, nonché di rappresentare, come poche altre terre nell'Europa di quei tempi, un esempio di convivenza religiosa e di libertà di pensiero all'avanguardia.

I catari. Dai roghi di Colonia all'eccidio di...

Lopane Paolo
Salento Books - 2011

Disponibilità Immediata

20,00 €
Alla metà del XII secolo, una Chiesa dilaniata dallo scisma d'Oriente vide profilarsi una nuova e minacciosa insidia alla propria coesione interna: il catarismo, la grande eresia venuta dall'Est. Eredi di una prospettiva gnostica ferocemente avversata già

Esegesi 2. La bellezza delle eresie. Con DVD

Sibaldi Igor
Anima Edizioni - 2010

Disponibilità Immediata

20,00 €
"Eresia" è una parola greca che significa "libertà di scelta". Ed è il fondamento di ogni libertà. Purtroppo si è abituati a considerarla come un crimine religioso; ma quando si impara a scoprire i Testi Sacri, ci si accorge che Bibbia e Vangeli (sfrondati dalle interpretazioni consuete) insegnano innanzitutto a essere eretici. Cioè a essere se stessi.

Eretici italiani del Cinquecento­Prospettive di...

Cantimori Delio
Einaudi - 2009

Disponibilità Immediata

32,00 €
Nell'Europa del Cinquecento, aspramente divisa dalle controversie della Riforma, furono numerosi gli italiani esuli per motivi religiosi. Ribelli a ogni forma di disciplina ecclesiastica e condannati per eresia da tutte le chiese costituite, portarono il loro spirito travagliato attraverso l'intero continente. Quel grande maestro di studi storici che fu Delio Cantimori, nel suo testo più famoso, ha tracciato quasi una mappa degli eretici italiani più scomodi e appartati, quelli che non si riconoscevano neppure nelle chiese riformate, gli insoddisfatti di qualunque dogma, coloro che sognavano una vita davvero modellata sull'esempio di Cristo. Ci ha regalato così non solo una pietra miliare della storiografia dedicata all'età della Riforma, ma soprattutto un "classico", un libro che è insieme del proprio tempo e di ogni tempo.

Le eresie medievali

Garofani Barbara
Carocci - 2008

Disponibilità Immediata

13,90 €
Dopo le grandi contese trinitarie e cristologiche dei primi secoli, l'eresia sembra scomparire dall'Europa cristiana. Riapparirà nei primi decenni del XII secolo in forme nuove e con una forte significatività politica e sociale: è in questo periodo, infatt

Il castello dei càtari. Mons Fortis A.D. 1028:...

Rosso Maurizio
Araba Fenice - 2003

Disponibilità Immediata

15,00 €
C'è un mistero a Monforte d'Alba. Intorno all'anno 1028 questo tranquillo paesino arroccato su una collina delle Langhe fu teatro di una vicenda inquietante ed oscura, culminata con quello che probabilmente è il primo caso di persecuzione degli eretici da parte della Chiesa cattolica. Lo testimoniano due brevi documenti in latino, la cui frammentarietà lascia però molti quesiti senza risposta: chi erano i catari di Mons. Fortis? Da dove venivano? Perché la Chiesa si accanì contro di loro fino a bruciarli sul rogo? Un giovane studioso, aiutato da un prete saggio e arguto, cerca appassionatamente la verità.

I Catari e la civiltà mediterranea - Seguito da...

Weil Simone; Podestà G. L. (cur.); Gaeta G. (cur.)
Marietti - 1996

Disponibilità Immediata

10,00 €
Nei saggi raccolti in questo libro, Simone Weil dà ragione di una continuità profonda tra le grandi civiltà mediterranee dell'antichità e il Rinascimento romanico, e indica nella crociata albigese una svolta decisiva per la storia dell'Occidente, le cui conseguenze estreme ella poté misurare personalmente negli orrori della seconda guerra mondiale. Il volume è completato dalla sua traduzione e commento di passi della Chanson de la croisade albigeoise, che offrono un'imagine idealizzata della terra d'Oc, la "patria del linguaggio", luogo per eccellenza del racconto cavalleresco, nel momento stesso in cui sta per inabissarsi.

L'eresia del libro grande. Storia di Giorgio...

Prosperi Adriano
Feltrinelli - 2011

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Un'indagine, quasi poliziesca, sulle tracce di un gruppo ereticale che l'Inquisizione ha tentato di cancellare dalla storia. Nell'Italia del Cinquecento, lacerata dal dissenso protestante, un monaco benedettino, Giorgio Rioli detto Giorgio Siculo, annunciò rivelazioni straordinarie. Potenti e umili, religiosi e laici lo seguirono affascinati. Giorgio Siculo consigliava ai protestanti dispersi per l'Italia di adattarsi all'ortodossia cattolica, ma ai seguaci più stretti confidava una dottrina segreta, che gli era stata comunicata - affermava - direttamente da Cristo, e che si opponeva in maniera radicale sia al protestantesimo sia al cattolicesimo. Denunciato dai protestanti all'Inquisizione romana, Giorgio Siculo venne processato a Ferrara nel 1551 come eretico, condannato e impiccato. La persecuzione dei suoi seguaci e la distruzione dei suoi scritti si protrassero ostinatamente per decenni. Delle idee di Giorgio Siculo non doveva rimanere traccia alcuna. Con una lunga ricerca, punteggiata da scoperte imprevedibili, Adriano Prosperi è riuscito a sconfiggere questa sistematica volontà di cancellazione. Attraverso il tragico destino di Giorgio Siculo affiora un capitolo sconosciuto della storia religiosa italiana ed europea.

Venezia eretica. Tra Riforma protestante e...

Gregorin Cristina; Heyl Norbert
CLEUP - 2019

Non disponibile

15,00 €
Città di scambi e di incontri, aperta e cosmopolita per antica vocazione mercantile, la Venezia del Rinascimento era una realtà variegata e complessa anche sotto l'aspetto religioso. All'interno della sua eterogenea popolazione erano attivamente presenti minoranze in grado di incidere significativamente sull'economia e sulla cultura veneziane. Al turista curioso di itinerari non convenzionali, questa guida propone un'avventura culturale e umana sulle tracce della più elusiva e sfuggente di queste minoranze: quella costituita dai seguaci della Riforma d'oltralpe. Il lettore viene così accompagnato alla scoperta di una Venezia per lo più sconosciuta: la Venezia protestante. Tanto quella antica, nascosta e perseguitata, tanto quella che dal sec. XIX vide il sorgere di comunità e di luoghi di culto autorizzati.

Epistola alli rivani. Contra il mendatio di...

Siculo Giorgio
Grafica 5 - 2019

Non disponibile

15,00 €
Ristampa anastatica dall'originale dell'Archiginnasio, anno 1550, nel 500° anniversario della nascita dell'eretico Giorgio Siculo. La pubblicazione dell'Epistola è accompagnata dai saggi del prof. Adriano Prosperi (Università di Pisa), prof. Diego Quaglioni (Università di Trento), Michele Milazzo, giornalista di San Pietro Clarenza (Catania), Federica Fanizza (Archivio storico di Riva) e Graziano Riccadonna (Associazione Pinter-Amici del Museo).

L'eresia del papa. In un trattato inquisitoriale

Ciullo Nunzio
Il Seme Bianco - 2018

Non disponibile

12,90 €
I Tractatus Vniuersi Iuris (Venezia, 1584-1586, Compagnia dell'Aquila) costituiscono una monumentale raccolta di trattati giuridici, voluta da Gregorio XIII, e rappresentano una sorta di summa della trattatistica di diritto comune. Il volume XI.2 - intitolato Tractatus de haeresi - è una selezione di manuali inquisitoriali di vari autori, già pubblicati in anni precedenti. In queste opere si prendono in considerazione questioni riguardanti l'ipotesi di un papa eretico, sia in rapporto alla sua duplice veste di uomo e di vicario di Cristo, sia con riguardo al dogma dell'infallibilità pontificia. In questo libro si mette così in luce un aspetto originale e poco noto degli studi storico-giuridici della Chiesa cattolica.

El hereje tiene la palabra

Ciganda Germán
Youcanprint - 2018

Non disponibile

15,00 €
Questo libro ha lo scopo di invitare, ispirare e incoraggiare il lettore a essere un vero libero pensatore: un eresse! E, attraverso il libero pensiero, a poter apportare delle idee costruttive chi siano di aiuto per se stesso e per la società a cui appartiene. Come sapete, l'eresia è una postura che mette in discussione le idee dogmatiche; cioè, le idee irrazionali che devono essere accettate attraverso la forza, imposte da qualche potere - di solito religioso. Ma, anche, l'eresia viene associata rapidamente con la ingiuria, l'offesa, la follia o la irrazionalità Ma un eresse non è ne matto, ne un delirante, ne una cattiva persona. Forse ci saranno degli eressi che sono matti e cattive persone, come sicuramente ci saranno persone religiose che sono matte e cattive persone. Ma questo non vuol dire necessariamente che essere una persona religiosa sia sinonimo di follia e cattiveria.

Eretici e dissidenti tra Europa Occidentale e...

Barzazi A. (cur.); Catto M. (cur.); Poci?t? D. (cur.)
Padova University Press - 2018

Non disponibile

20,00 €
I saggi raccolti nel volume si confrontano con le categorie di eresia e dissenso, con la loro applicazione in diversi contesti europei, con la loro capacità di fornire chiavi di lettura di processi centrali della prima età moderna: la crisi religiosa e intellettuale del primo Cinquecento, la definizione di nuove ortodossie, il progressivo affermarsi tra Sei e Settecento di schemi politici e culturali destinati a ridisegnare gli spazi delle confessioni religiose. Articolata intorno a tematiche differenti e condotta con approcci eterogenei, la riflessione degli autori si caratterizza per la comune attenzione ai percorsi verso la modernità che si dipanarono tra XVI e XVIII secolo.

Il Concilio di Nicea del 325 d.C. La ferita...

Lissoni Paolo
Io Sono Edizioni - 2017

Non disponibile

45,00 €
Nonostante che nella miseria culturale dell'attuale periodo post-moderno vi sia un interesse altissimo nei confronti di semplici sette religiose cristiane, è pressoché nullo quello rivolto alla fede cristiana ariana (o arianesimo) del IV secolo, che non fu un semplice movimento ereticale, bensì fu l'espressione di una delle due metà della chiesa cristiana e di conseguenza di una metà dell'Europa. Il cristianesimo niceno concepisce fondamentalmente un Cristo esteriore, mentre quello ariano un Cristo interiore, il Cristo che vive in noi come amore stesso di Dio. Affrontare la questione ariana viene a costituire una specie di psicanalisi della chiesa e dopo secoli di pregiudizi teologici, possiamo oggi finalmente affermare che cristianesimo niceno ed ariano non erano altro che l'espressione delle due anime della chiesa di Cristo, rispettivamente quella sacerdotale-istituzionale e quella profetico-spirituale, che a loro volta riflettono due differenti sensibilità teologiche: la fede nicena è semplicemente quella di chi si rivolge a Dio per la propria salvezza, mentre quella ariana è la fede di chi "ha esperienza di Dio".

L'eretico di Lugo. Libero pensatore

Molinari Margherita
Susil Edizioni - 2017

Non disponibile

18,00 €
La vicenda narrata nel romanzo ricalca un fatto storico: l'esecuzione di Andrea Relencini, l'eroe eponimo del romanzo, sotto l'accusa di eresia. All'imputato è data più volte la possibilità di salvarsi facendo i nomi dei suoi compagni di fede, ma lui rifiuta con ostinazione, nonostante l'estenuazione psicologica dovuta al deperimento e alle torture, non volendo esporli al rischio dell'arresto e della condanna. studioso delle scritture e vicino al luteranesimo, Relencini vive a Lugo di Romagna con la sorella Laura ed esercita l'attività di falegname, con un certo apprezzamento da parte della corte ducale e da parte delle istituzioni cittadine (gli vengono commissionati il progetto e l'esecuzione della chiusa sul Senio). La sua vita in paese si divide tra il lavoro, che esercita con passione e scrupolo, la vita sociale delle osterie, dove lo raggiungono la maggior parte delle sue commissioni, e le frequentazioni clandestine incentrate sullo studio e sulla ricerca delle Sacre Scritture...

Le eresie a confronto con la Bibbia

Falbo Giovanni
Aracne - 2015

Non disponibile

15,00 €
"Negli ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti menzogneri e a dottrine diaboliche." (1Tm 4,1). Siamo sempre negli ultimi tempi e le eresie, cioè gli errori nella fede, dovuti alla falsa sapienza umana che pretende di sostituirsi alla parola di Dio, sono una continua insidia per il credente. Quest'opera tratta le varie eresie che si sono succedute dagli inizi ai nostri giorni, per discernere, alla luce della Scrittura, norma della fede, quali sono le giuste esigenze della ragione e quali le esagerazioni e gli errori. Il metodo, semplice, ma solido e documentato, si basa sul continuo ascolto della Bibbia, citando tutti i passi che trattano i singoli argomenti.

Brevi note su alcune eresie

Navire Michelangelo
Edizioni Segno - 2014

Non disponibile

8,00 €
La Chiesa ha per duemila anni lottato e tuttora lotta per arginare le più insidiose ambiguità e per riportare la dottrina a principi di verità e di fede. Questo compendio delinea una sintesi delle principali eresie.

Le piccole volpi. Chiese ed eretici nel Medioevo

Paolini Lorenzo
Bononia University Press - 2014

Non disponibile

25,00 €
"La persecuzione sistematica e violenta degli eretici medievali, decisa nello scorcio del secolo XII, intesi come perturbatori ed eversivi di ogni ordine e come forza disgregante e corruttrice della società e del Bene comune, viene estesa a tutti indistintamente (eretici, credenti, fautori, ricettatori) in forma generalizzata e indifferenziata [...] e teorizzata al grado unico, più elevato di ogni altro, di criminalizzazione". È in questo fondamentale passaggio, dopo la coesistenza di tendenze alla persuasione pacifica e alla conversione coatta, che si inquadra il percorso che condurrà all'istituzione del tribunale dell'Inquisizione. Il volume propone una lettura innovativa della fase storica in cui si venne negando ogni spazio al dissenso religioso, per poi analizzare la progressiva degenerazione del sistema repressivo verso gli scopi distorti dell'"Inquisizionopoli".

Cristiani senza pace. La chiesa, gli eretici e...

Catto Michela
Donzelli - 2012

Non disponibile

16,00 €
1567. L'Europa è sconvolta dalle guerre di religione e l'Italia dalla repressione iniziata con l'ascesa al soglio pontificio di Pio V, l'inquisitore Michele Ghislieri. A Roma, mentre l'eretico luterano Pietro Carnesecchi finisce al rogo, un cardinale di Santa madre Chiesa, Marcantonio Da Mula, propone ad alcuni suoi "amici" una disputa sulla guerra e sulla natura belligerante del cristianesimo, ancora lontano dal messaggio evangelico di fratellanza e di pace. I letterati e gli uomini di Chiesa che rispondono alle sue domande si interrogarono così sulla contrapposizione fra la tolleranza religiosa del mondo pagano e l'intolleranza del cristianesimo, impegnato fin dagli inizi in una guerra di cristiani contro altri cristiani. Il precoce dibattito italiano, non a caso rimasto manoscritto, seppure con autocensure e timori, paure e dissimulazioni, affronta la liceità dell'uccidere l'eretico, in guerra come sui roghi. Sulla base di un lavoro di ricerca su fonti di prima mano, sino a ora rimaste nel chiuso degli archivi, l'autrice di questo libro racconta una storia sorprendente, riportando alla luce pensieri, sentimenti, timori, interrogativi di chi, nella Roma del Cinquecento, sente incombere su di sé l'ombra di una delle pagine più buie del cristianesimo.

Confutazione di tutte le eresie

Ippolito (sant'); Magris A. (cur.)
Morcelliana - 2012

Non disponibile

30,00 €
La Confutazione di tutte le eresie, di incerta attribuzione, è un'opera eresiologica antica fra le principali a noi pervenute. Costituisce sia una fonte di notevole rilievo per la conoscenza della filosofia greca, delle dottrine e delle pratiche esoteriche tardo-antiche, sia un repertorio sulle diverse sette gnostiche, molte delle quali altrimenti ignote. È un documento unico nel suo genere, dove sono descritte con grande vivacità le controversie teologiche e i conflitti personali entro la Chiesa di Roma agli inizi del III secolo. L'opera, qui tradotta con commento, ha un'introduzione di Emanuele Castelli e un saggio in appendice del curatore Aldo Magris, che ne mostra l'importanza per capire il paradigma gnostico.

Il segno dell'uomo. Impariamo a difendere gli...

Turco Gianpiero
Gruppo Albatros Il Filo - 2011

Non disponibile

19,90 €
La fantasia è una delle armi più potenti dell'uomo alla ricerca della libertà, ed è in questa direzione che prendono vita la storia e i personaggi che animano il mondo surreale e immaginifico di cui l'autore si fa messaggero. "Sono il mito, la religione e la storia della razza umana, in armonica simbiosi, il palco su cui si muovono i personaggi. Sulle tracce di una conoscenza ricercata per comprendere appieno il passato, per essere liberi nelle scelte del presente, seguiranno lo stesso percorso intrapreso da Ulisse e Dante, e la loro diventerà un'esplorazione del mondo, con le sue dolorose contraddizioni, ma anche di se stessi, dei propri ricordi e pensieri più oscuri, sfuggenti e repressi".

Il mantello dell'eretico. La pratica...

Panella Giuseppe
Edizioni CFR - 2011

Non disponibile

4,00 €
L'eresia, in ogni ambito culturale, ha sempre rappresentato uno stimolo culturale, sia nel prospettare nuove soluzioni ai problemi pratici e scientifici, sia nell'alzare il livello culturale della ricerca.

Eresia catara

Al-Urdun Rassam
Youcanprint - 2010

Non disponibile

10,00 €

Paradossi

Franck Sebastian
Morcelliana - 2009

Non disponibile

28,00 €
Fin dal loro apparire, nel 1534, i Paradossi di Sebastian Franck suscitarono sconcerto per la loro radicalità: ad avere la forma del paradosso sono la teologia stessa e la Scrittura, un paradosso in conflitto con tutto ciò che il mondo crede. Di qui l'andamento dialettico dell'opera: il vero Cristo, il Cristo interiore, lo Spirito, non ha bisogno delle Chiese storiche, ovvero non ha bisogno di libri, cerimonie, culti. Il Nuovo Testamento stesso è pensato da Franck non come un libro, una legge, bensì come lo Spirito santo che parla all'uomo interiore, all'uomo completamente distaccato. Affermazioni che nella loro paradossalità, anche stilistica, riprendono temi della mistica speculativa di Meister Eckhart e inaugurano quella corrente della cultura europea che va sotto il nome di "pensiero religioso liberale". Non a caso Pietro Martinetti ebbe a scrivere: "Sebastian Franck è la più grande figura religiosa del cristianesimo moderno. Egli ha un intuito profondo della realtà: anche nella storia religiosa sa gettare uno sguardo penetrante, sicuro, sereno, obiettivo. Egli solo ha saputo sottrarsi, restando cristiano, alla schiavitù del biblicismo, che egli rimprovera anche agli anabattisti, e resistere al sogno di restaurare il cristianesimo apostolico [...] Non dobbiamo perciò meravigliarci se egli rimase solo.".

Gli eretici di Modena. Fede e potere alla metà...

Al Kalak Matteo
Ugo Mursia Editore - 2008

Non disponibile

18,00 €
Nei decenni centrali del Cinquecento era in corso in tutta Europa una battaglia per il controllo delle coscienze che, con la nascita di varie confessioni, avrebbe ridisegnato il volto della cristianità occidentale. Anche in un territorio come Modena, operosa città dedita ai traffici e alla mercanzia, i colpi di coda di quegli eventi fecero sentire il loro peso. La comunità ereticale, sviluppatasi nel cuore della futura capitale estense, vide commercianti, lanaioli, frati e maestri di scuola farsi promotori di nuove dottrine talvolta pericolosamente vicine al radicalismo di gruppi guardati con crescente sospetto. Il "contagio" non risparmiò nemmeno i più alti ranghi del clero cittadino che, come accadde per vari esponenti del Capitolo della cattedrale, osteggiò l'operato riformatore dei vescovi. Attraverso documenti inediti, quasi un filo rosso sopravvissuto ai secoli, vengono ricostruite le vite di uomini e donne chiamati a rispondere di una fede ripensata, criticata o a volte persino rigettata del tutto.

Sulle tracce dell'eresia. Ambrogio Catarino...

Caravale Giorgio
Olschki - 2007

Non disponibile

35,00 €
Uno sguardo nuovo sulle vicende della crisi religiosa italiana ed europea del '500 attraverso la vicenda biografica e intellettuale del giurista senese Lancellotto Politi, entrato nel 1517 nell'ordine domenicano con il nome di Ambrogio Catarino. Dalla scelta savonaroliana agli esordi della carriera di controversista, dai contrasti vissuti all'interno del proprio ordine, dai suoi rapporti con gli spirituali italiani fino al contributo alle discussioni tridentine, le tappe principali del suo percorso sono illuminate attraverso una ricca documentazione edita e inedita.

Marcione. Il Vangelo del Dio straniero

Harnack Adolf von; Dal Bo F. (cur.)
Marietti - 2007

Non disponibile

22,00 €
Per Marcione esistono due dèi: il creatore del mondo, rivelatosi all'uomo sin dall'inizio nelle opere della creazione e nell'Antico Testamento, e il Dio straniero che si è manifestato in suo figlio Gesù Cristo per strappare gli uomini al dominio opprimente del Creatore. Dietro questa visione teologica a prima vista assai bizzarra si nasconde un'interpretazione particolare della Bibbia: oltre dieci secoli prima di Lutero, Marcione rivendica l'indipendenza del Vangelo dalla Legge mosaica con una radicalità estrema, tanto da ritenere che l'Antico e il Nuovo Testamento siano opera di due divinità diverse. Come ha ricordato recentemente lo stesso papa Benedetto XVI, riferendosi proprio a questo testo di Harnack, Marcione rappresenta ad un tempo la più grande minaccia, ma anche la più grande sfida lanciata alla dottrina cristiana e rappresenta ancor oggi un passaggio obbligato per il dialogo ebraico-cristiano.

Eretici dimenticati. Dal Medioevo alla modernità

Mornese C. (cur.); Buratti G. (cur.)
DeriveApprodi - 2004

Non disponibile

20,00 €
Questo libro raccoglie contributi diversi che, nel loro insieme, forniscono un quadro molto ampio e variegato delle posizioni culturali e del sacrificio di tanti che, lungo dieci secoli della storia italiana ed europea, hanno elaborato e sostenuto visioni

Eretici italiani del Cinquecento

Cantimori Delio
Einaudi - 2002

Non disponibile

12,50 €
Delio Cantimori ha tracciato in questo libro una sorta di mappa degli eretici italiani del Cinquecento, ponendo l'attenzione su quelli più scomodi e appartati, quelli che non si riconoscevano nelle chiese riformate, gli insoddifatti di qualunque dogma. In

L'eresia del libro grande. Storia di Giorgio...

Prosperi Adriano
Feltrinelli - 2001

Non disponibile

28,41 €
Nell'Italia del Cinquecento, lacerata dal dissenso protestante, un monaco benedettino, Giorgio Rioli detto Giorgio Siculo, annunciò rivelazioni straordinarie. Potenti e umili lo seguirono affascinati. Giorgio Siculo consigliava ai protestanti di adattarsi all'ortodossia cattolica, ma ai seguaci più stretti confidava una dottrina segreta, trasmessa clandestinamente, che si opponeva in maniera radicale sia al protestantesimo che al cattolicesimo. Denunciato dai protestanti all'Inquisizione cattolica, Giorgio Siculo venne condannato come eretico e morì impiccato, a Ferrara, nel 1551.