Blasfemia, eresia, apostasia

Filtri attivi

Il ?caso? Marcione

Gianotto Claudio; Nicolotti Andrea
Book Time 2020

Disp. in libreria

6,00 €
Marcione, un armatore del Ponto, verso il 140 d.C. giunse a Roma e divenne un membro di spicco della comunitcristiana locale. Ben presto la sua teologia lo portalla rottura con i capi di quella comunit infatti predicava un'incompatibilitfra il Dio delle Scritture ebraiche e quello annunciato da Ges Marcione e i suoi seguaci leggevano la vita di Gesin un peculiare Vangelo che in seguito verrdenominato Vangelo di Marcione. Condannato come eretico, spardalla circolazione; ma alcuni scrittori ecclesiastici ne hanno tramandato diversi stralci. Andrea Nicolotti e Claudio Gianotto ne propongono una ricostruzione, integrando le parti mancanti e presentando per la prima volta in lingua italiana un testo che cerca di avvicinarsi all'originale perduto.

Eretici e ribelli nell'Umbria

Fumi Luigi
Il Formichiere 2020

In libreria in 3 giorni

15,00 €
"Forse Luigi Fumi quando alla fine del secolo diaciannovesimo dava alle stampe nel 'Bollettino della Regia Deputazione di storia patria per l'Umbria' l'ultima puntata della sua ricerca sugli Eretici e ribelli nell'Umbria, non avrebbe mai sperato in una sua cosduratura fortuna editoriale. Stdi fatto che da allora si contano, sebbene con diversi criteri, almeno cinque ristampe e con questa sei. La Deputazione di storia patria per l'Umbria ha accettato di buon grado di introdurre questa rinnovata impresa perchl'autore, Luigi Fumi appunto, non solo, come gidetto, pubblicil suo lavoro per la prima volta, nelle pagine del 'Bollettino' tra il 1897 e il 1899, ma perchfu, per dirla con Jean-Claude Maire Vigueur, uno dei pilastri della Deputazione nonch insieme ad Oscar Scalvanti, uno dei suoi 'padri fondatori.'" (Dall'introduzione di Paola Monacchia)

Contro i manichei

Fozio di Costantinopoli; Mormino M. (cur.)
Città Nuova 2020

In libreria in 3 giorni

30,00 €
Il "Contro i manichei" del patriarca Fozio di Costantinopoli, forse una delle personalitpinote del Millennio bizantino, si presenta come un testo di stretta attualitper il suo autore, nonostante un titolo che potrebbe rimandare a quelli pinoti della polemica anti-manichea dei secoli IV-V. Sotto l'etichetta di manichei, infatti, secondo una prassi comune alla letteratura eresiologica bizantina, si celava in genere l'eretico: in questo caso essa si riferisce a un movimento religioso considerato dall'autore erede diretto del messaggio di Mani in quanto caratterizzato da un dualismo all'apparenza radicale: il paulicianesimo. Nel corso del IX secolo, complice l'infuriare della querelle iconoclasta, i pauliciani erano diventati una presenza costante e registrata dalle fonti storiografiche e agiografiche bizantine, non solo nelle province dell'Impero ma nella stessa Co-stantinopoli, dove spesso prestavano servizio alla corte degli imperatori iconoclasti. La loro capacitorganizzativa, l'aspirazione al rinnovamento spirituale e il rifiuto della gerarchia ecclesiastica ufficiale avrebbero costituito per Fozio e i suoi contemporanei alcuni dei motivi principali, insieme all'inconciliabilitcon la teologia bizantina, per contribuire alla denuncia del paulicianesimo. Il trattato di Fozio risponde a questa ineludibile necessite lo fa utilizzando le armi a lui picongeniali della confutazione teologica e dell'esegesi scritturistica.

Raccolta antiariana parigina

Ilario di Poitiers (sant'); Giustiniani P. (cur.)
Città Nuova 2019

In libreria in 3 giorni

27,00 €
Gli anni Cinquanta del IV secolo costituiscono la fase culminante e decisiva della controversia ariana ed è il momento nel quale assistiamo all'entrata in scena di Ilario di Poitiers, che ben presto diventerà in Occidente ciò che Atanasio da più di vent'anni era in Oriente. La "Raccolta antiariana parigina" - per la prima volta tradotta integralmente in italiano - contiene documenti relativi alla controversia ariana (dal 343 al 366 ca), ritrovati da p. Pithou nel 1590, in un codice del XV secolo di cui non disponiamo più. Si tratta di una collezione di documenti tra i più controversi e discussi, sia per quanto riguarda l'attribuzione dei frammenti, sia per la loro collocazione storica. Nel suo complesso il dossier, molto importante per la storia delle Chiese nel IV secolo, offre il quadro di un'epoca turbata per la dottrina della fede, ma getta luce anche su alcuni tratti distintivi della personalità di Ilario: l'intuizione veloce delle situazioni, l'amore per la documentazione rigorosa, la fedeltà e il rispetto assoluto dell'ortodossia, la posizione evidentemente filo-atanasiana. Introduzione di Luigi Longobardo.

Le eresie medievali

Bueno Irene
Ediesse 2013

In libreria in 3 giorni

12,00 €
La repressione dell'alterità religiosa ha accompagnato molta parte della nostra storia. L'avversione verso quanti hanno imboccato itinerari di fede diversi da quelli del gruppo maggioritario ha generato operazioni di censura, violente persecuzioni, guerre sanguinose. Questo libro offre uno sguardo d'insieme sulla storia delle eresie nell'Occidente medievale, lungo l'arco dei cinque secoli che seguirono l'anno 1000. Gli itinerari religiosi dei cosiddetti eretici e dei maggiori gruppi considerati ereticali vengono posti in relazione con lo sviluppo delle istituzioni preposte alla loro repressione, nel periodo compreso tra la riforma gregoriana e i primi processi per stregoneria nell'età moderna. "Eresie" ed "eretici" si profilano come categorie dai numerosi significati, entro le quali le autorità ecclesiastiche facevano confluire spinte ascetiche e rigoriste, proposte di radicalismo evangelico, espressioni di religiosità popolare non conforme o dissidente, ma soprattutto percorsi critici e manifestazioni di disobbedienza al papa e alla Chiesa di Roma.

L'eresia del libro grande. Storia...

Prosperi Adriano
Feltrinelli 2011

In libreria in 3 giorni

14,00 €
Un'indagine, quasi poliziesca, sulle tracce di un gruppo ereticale che l'Inquisizione ha tentato di cancellare dalla storia. Nell'Italia del Cinquecento, lacerata dal dissenso protestante, un monaco benedettino, Giorgio Rioli detto Giorgio Siculo, annunciò rivelazioni straordinarie. Potenti e umili, religiosi e laici lo seguirono affascinati. Giorgio Siculo consigliava ai protestanti dispersi per l'Italia di adattarsi all'ortodossia cattolica, ma ai seguaci più stretti confidava una dottrina segreta, che gli era stata comunicata - affermava - direttamente da Cristo, e che si opponeva in maniera radicale sia al protestantesimo sia al cattolicesimo. Denunciato dai protestanti all'Inquisizione romana, Giorgio Siculo venne processato a Ferrara nel 1551 come eretico, condannato e impiccato. La persecuzione dei suoi seguaci e la distruzione dei suoi scritti si protrassero ostinatamente per decenni. Delle idee di Giorgio Siculo non doveva rimanere traccia alcuna. Con una lunga ricerca, punteggiata da scoperte imprevedibili, Adriano Prosperi è riuscito a sconfiggere questa sistematica volontà di cancellazione. Attraverso il tragico destino di Giorgio Siculo affiora un capitolo sconosciuto della storia religiosa italiana ed europea.

Esegesi 2. La bellezza delle...

Sibaldi Igor
Anima Edizioni 2010

In libreria in 3 giorni

20,00 €
"Eresia" è una parola greca che significa "libertà di scelta". Ed è il fondamento di ogni libertà. Purtroppo si è abituati a considerarla come un crimine religioso; ma quando si impara a scoprire i Testi Sacri, ci si accorge che Bibbia e Vangeli (sfrondati dalle interpretazioni consuete) insegnano innanzitutto a essere eretici. Cioè a essere se stessi.

Eretici italiani del...

Cantimori Delio
Einaudi 2009

In libreria in 3 giorni

32,00 €
Nell'Europa del Cinquecento, aspramente divisa dalle controversie della Riforma, furono numerosi gli italiani esuli per motivi religiosi. Ribelli a ogni forma di disciplina ecclesiastica e condannati per eresia da tutte le chiese costituite, portarono il loro spirito travagliato attraverso l'intero continente. Quel grande maestro di studi storici che fu Delio Cantimori, nel suo testo più famoso, ha tracciato quasi una mappa degli eretici italiani più scomodi e appartati, quelli che non si riconoscevano neppure nelle chiese riformate, gli insoddisfatti di qualunque dogma, coloro che sognavano una vita davvero modellata sull'esempio di Cristo. Ci ha regalato così non solo una pietra miliare della storiografia dedicata all'età della Riforma, ma soprattutto un "classico", un libro che è insieme del proprio tempo e di ogni tempo.

Sulle tracce dell'eresia. Ambrogio...

Caravale Giorgio
Olschki 2007

In libreria in 3 giorni

35,00 €
Uno sguardo nuovo sulle vicende della crisi religiosa italiana ed europea del '500 attraverso la vicenda biografica e intellettuale del giurista senese Lancellotto Politi, entrato nel 1517 nell'ordine domenicano con il nome di Ambrogio Catarino. Dalla scelta savonaroliana agli esordi della carriera di controversista, dai contrasti vissuti all'interno del proprio ordine, dai suoi rapporti con gli spirituali italiani fino al contributo alle discussioni tridentine, le tappe principali del suo percorso sono illuminate attraverso una ricca documentazione edita e inedita.

Il castello dei càtari. Mons Fortis...

Rosso Maurizio
Araba Fenice 2003

In libreria in 3 giorni

15,00 €
C'è un mistero a Monforte d'Alba. Intorno all'anno 1028 questo tranquillo paesino arroccato su una collina delle Langhe fu teatro di una vicenda inquietante ed oscura, culminata con quello che probabilmente è il primo caso di persecuzione degli eretici da parte della Chiesa cattolica. Lo testimoniano due brevi documenti in latino, la cui frammentarietà lascia però molti quesiti senza risposta: chi erano i catari di Mons. Fortis? Da dove venivano? Perché la Chiesa si accanì contro di loro fino a bruciarli sul rogo? Un giovane studioso, aiutato da un prete saggio e arguto, cerca appassionatamente la verità.

I Catari e la civiltà mediterranea...

Weil Simone; Podestà G. L. (cur.); Gaeta G. (cur.)
Marietti 1996

In libreria in 3 giorni

10,00 €
Nei saggi raccolti in questo libro, Simone Weil dà ragione di una continuità profonda tra le grandi civiltà mediterranee dell'antichità e il Rinascimento romanico, e indica nella crociata albigese una svolta decisiva per la storia dell'Occidente, le cui conseguenze estreme ella poté misurare personalmente negli orrori della seconda guerra mondiale. Il volume è completato dalla sua traduzione e commento di passi della Chanson de la croisade albigeoise, che offrono un'imagine idealizzata della terra d'Oc, la "patria del linguaggio", luogo per eccellenza del racconto cavalleresco, nel momento stesso in cui sta per inabissarsi.

Il profeta disarmato. L'eresia di...

Caravale Giorgio
Il Mulino 2011

In libreria in 5 giorni

22,00 €
L'approfondita ricerca di Caravale mette a fuoco la vicenda biografica e l'itinerario intellettuale del fiorentino Francesco Pucci (1543-1597). Stabilitosi ventenne a Lione per praticare la mercatura, nello stimolante ambiente lionese Pucci maturò la decisione di dedicarsi "allo studio delle cose celesti ed eterne", e da allora visse in Francia, in Inghilterra, in Olanda, in Polonia, a Praga elaborando e discutendo un suo ideale di religione universale che tuttavia non trovò ascolto nei differenti ambienti religiosi protestanti in cui visse. Tornato al cattolicesimo, volle rientrare in Italia per presentare al papa le sue tesi, ma venne imprigionato e condannato a morte per eresia. Lo studio di Caravale, che si avvale anche di lettere inedite, mette in luce in particolare il peso fondamentale della formazione italiana di Pucci, ricostruisce il contesto in cui maturò la sua proposta politica e religiosa e spiega le ragioni del suo fallimento.

I catari. Dai roghi di Colonia...

Lopane Paolo
Salento Books 2011

In libreria in 5 giorni

20,00 €
Alla metà del XII secolo, una Chiesa dilaniata dallo scisma d'Oriente vide profilarsi una nuova e minacciosa insidia alla propria coesione interna: il catarismo, la grande eresia venuta dall'Est. Eredi di una prospettiva gnostica ferocemente avversata già