Conscio e inconscio

Filtri attivi

Psicotarocchi. I segreti del...

Lisi Domenico
Uno Editori 2019

Disp. in libreria

14,90 €
"Il destino è solo un passato che si ripete fino a quando non te ne liberi. Grazie alle chiavi di lettura presenti in questo libro potrai usare i tarocchi di Marsiglia per scoprire come mai certe cose tendono a ripresentarsi nella tua vita tuo malgrado. La tarologia ti insegna a scoprire il significato di tutto ciò che ti circonda: in questo libro troverai tutto ciò che ti serve in modo da disegnare il tuo futuro e avere le risposte importanti che cerchi."

L'inconscio. Un'analisi concettuale

MacIntyre Alasdair; Gabbani C. (cur.)
ETS 2017

In libreria in 10 giorni

15,00 €
A 60 anni dalla sua prima apparizione, il testo di MacIntyre sull'inconscio rappresenta un piccolo classico del confronto tra filosofia analitica e psicoanalisi. Esso offre una chiara esposizione della dottrina freudiana e una accurata discussione del ruolo svolto in essa dal concetto di inconscio. La trattazione di MacIntyre permette così di cogliere tanto i punti di forza, quanto le ambiguità e i limiti dell'edificio freudiano e, proprio per questo, essa ha contribuito alla crescita di un dibattito sui fondamenti della psicoanalisi che dura tutt'ora. L'edizione del testo che qui si presenta è quella del 2004, accompagnata da una nuova prefazione dell'autore che contiene le riflessioni recenti sulla psicoanalisi di uno dei più significativi filosofi morali di oggi.

Il seminario. Libro V. Le...

Lacan Jacques
Einaudi 2004

In libreria in 10 giorni

35,00 €
Un seminario in cui Lacan persegue l'avanzamento teorico e clinico della grande lezione di Freud con stile brillante e antisistematico. Il periodo compreso fra il 1957 e il 1958 è di cruciale importanza per la ricerca psicoanalitica di Lacan: sono gli anni in cui trasforma l'Edipo freudiano in una metafora e il fallo in significato e in cui si definiscono i suoi studi sulla psicosi e sulla direzione della cura. In costante dialogo con le sue amicizie intellettuali - da Jackobson a Lévi-Strauss, a Queneau - prende in giro François Dolto, commenta un libro di Leiris, racconta a modo suo "Il balcone" di Genet, fa riferimenti alla politica francese o ai classici come Aristofane e Molière, tratteggia una serie di ritratti dei casi di nevrosi.

La questione filosofica...

Di Martino Michele
Mimesis 2019

In libreria in 3 giorni

24,00 €
"La questione filosofica dell'inconscio" entra nel vivo delle riflessioni che, a partire dalle nascenti psicologie empiriche e scientifico-sperimentali dell'Ottocento, fino ad arrivare alla fenomenologia husserliana, circondano l'emergenza della nozione di inconscio. Molto prima che Freud monopolizzasse tale concetto, facendone - anche in funzione antifilosofica - il tema principale di una nuova psicologia, esso costituiva un problema centrale di una buona parte delle filosofie del XIX secolo. Che ruolo può giocare la questione dell'inconscio in una filosofia della coscienza? L'idea stessa di una "coscienza inconscia" non costituisce forse un'assurda contraddizione? Eppure, non è evidente che vi siano ampie zone della vita di coscienza che alla coscienza stessa sfuggono? Ecco alcune delle domande che il volume affronta tentando di gettare una luce sul groviglio di problemi e aporie che gravitano attorno a un concetto ormai divenuto famoso grazie al successo e agli sviluppi della psicoanalisi.

I sogni dell'anima e miti del corpo

Frigoli Diego
Magi Edizioni 2019

In libreria in 3 giorni

30,00 €
Permettere al nostro immaginario di oltrepassare le norme e i modelli proposti dalla psicologia corrente, sino a poter leggere più consapevolmente il linguaggio cifrato della nostra anima, è la finalità dello studio di cui questo libro ripercorre le tappe fondamentali. Attraverso alcuni sogni personali dell'Autore, a valenza archetipica, è possibile esplorare concretamente il linguaggio del daimon, il «demone», la guida spirituale che ciascuno di noi riceve come compagno al momento della nascita. Nella prospettiva di questa ricerca, improntata sui concetti dell'ecobiopsicologia, anche il mito assume un significato innovatorio di «grande sogno» collettivo, in cui è possibile rintracciare, accanto alla lettura psichica, la sua origine scaturita dagli aspetti più reconditi del corpo e della filogenesi. E così corpo e anima non rappresentano più le disgiunte membra studiate dalla scienza, ma assumono il significato di specchio reciproco della memoria della Vita, informandosi reciprocamente ed evocando la trasformazione della coscienza personale nella direzione del Sé archetipico.

L'inconscio per amico. Ciò in cui...

Origgi Antonio
Amrita 2018

In libreria in 3 giorni

17,00 €
Che cos'è la legge di attrazione di cui si sente tanto spesso parlare? Come funziona? È vero che per ottenere qualcosa basta credere fortemente che si realizzerà? Ma come si fa per rendere vera e operativa quella che, detta così, sembra una sorta di magia? È una questione di programmazione dell'inconscio, ed ecco un manuale che si preoccupa di far capire bene cosa significhi saper addomesticare e farsi amica questa nostra mente inconscia che già domina il 90% della nostra vita. Con questo testo l'autore ci offre spiegazioni e un apparato dimostrativo, ma soprattutto ci introduce alle tecniche di sua elaborazione, di facile apprendimento e applicazione nella vita di tutti i giorni.

L'inconscio del bambino. Dal...

Bonnaud Hélène
Quodlibet 2018

In libreria in 3 giorni

18,00 €
Il bambino rappresenta oggi un meraviglioso ideale. Quando però non soddisfa più le aspettative dei genitori, crea problemi. Le tecniche comportamentali riducono il sintomo a una disfunzione, mentre la psicoanalisi gli attribuisce una dimensione di verità e lo recepisce come una manifestazione dell'inconscio. Cos'è l'inconscio del bambino? Cosa ci dice sul posto del bambino all'interno della sua famiglia? Lo psicoanalista invita a raccontare ciò che accade senza giudicare né gli adulti né i bambini, coinvolti nella storia dei loro genitori. Raccontare questi legami ha delle conseguenze su ciò che il bambino vive, desidera, ma anche sulla sua famiglia. Liberato dai nodi che l'ostacolano, ritrova la libertà di scegliere la sua vita e di relazionarsi agli altri. Per raccontarlo Hélène Bonnaud offre una lettura vivida dei concetti della psicoanalisi, accessibile ai genitori così come alle figure professionali che si occupano di infanzia.

Molti inconsci per un cervello....

Legrenzi Paolo; Umiltà Carlo
Il Mulino 2018

In libreria in 3 giorni

15,00 €
Per secoli, la mente umana è sembrata trasparente. Si sapeva che qualcosa sfuggiva al controllo della coscienza, ma si trattava di messaggi inviati dagli dèi. Poi, tutto cambia. Con Freud è l'inconscio che spiega l'origine e il significato dei sogni, ma anche le sviste e i lapsus della vita quotidiana. Un inconscio che tutti noi conosciamo, ma che non è l'unico. Incontreremo qui altri inconsci; quello, pervasivo, che chiamiamo cognitivo e che è l'esito dell'evoluzione naturale del cervello. E ancora: la mole enorme di informazioni che ci sommerge attraverso gli schermi dei nostri computer ha creato una sorta d'inconscio artificiale, fonte di trappole insidiose per il nostro giudizio. Conoscere i molteplici inconsci e capire come interagiscono significa smascherare i meccanismi che ci possono ingannare, e che ci illudono di essere più consapevoli di quanto in realtà siamo.

Inconscio e ripetizione. La...

Possamai Tiziano
Meltemi 2017

In libreria in 3 giorni

15,00 €
L'argomento centrale di questo libro è un nuovo tipo di inconscio, diverso dall'inconscio psicoanalitico tradizionale. Ne fanno parte tutti gli automatismi (motori, cognitivi, emotivi) interiorizzati dal soggetto durante la sua formazione e il suo sviluppo grazie alla ripetizione, volontaria o involontaria, di determinate esperienze e situazioni. Questi schemi contribuiscono a definire, senza che ce ne rendiamo conto, i nostri modi abituali di leggere e di affrontare gli eventi del mondo e sono alla base di molte delle nostre più diffuse e profonde abilità, ma anche di molte nostre insufficienze e incapacità. L'indagine si dispiega a partire da questa contrapposizione e si pone in dialogo continuo con la teoria psicoanalitica freudiana dell'inconscio, della quale capovolge e al contempo arricchisce la prospettiva, mettendo in luce oltre all'importanza di ridurre anche la necessità di custodire e di ampliare gli spazi d'inconsapevolezza e oblio di sé, nei quali dimora ogni concreta possibilità di sviluppo, salute e trasformazione del soggetto.

Conversazioni con l'inconscio. La...

Dondoli Roberto
Anima Edizioni 2016

In libreria in 3 giorni

16,00 €
Giorgio, un manager che ha sacrificato gli affetti e una parte di sé per dedicarsi alla carriera, si risveglia in ospedale dopo tre giorni di coma in seguito a un incidente d'auto. Frastornato, bendato, costretto a letto, nel silenzio dei suoi pensieri sente una voce dentro la sua testa: è il suo Inconscio che gli parla. Inizia allora a tempestarlo di domande circa le cause delle proprie malattie e le difficoltà nella relazione con la sua ex moglie e con la figlia adolescente, fino ad affrontare temi rilevanti come lo scopo della vita. È un viaggio interiore, dove i personaggi che si succedono sono le occasioni per domandare al proprio Inconscio i perché della propria vita, ottenendo quelle risposte che lo porteranno a risolvere i propri conflitti interni e a migliorare i rapporti con le persone che lo circondano. Il libro è, in effetti, il riassunto di molte ore di canalizzazione con il proprio inconscio da parte dell'autore che utilizza l'espediente del racconto, scritto in prima persona e in presa diretta, per condurre il lettore in un affascinante viaggio di trasformazione per comprendere gli aspetti della propria vita, così come avviene per il protagonista.

Le chiavi dell'inconscio

Jost de Moraes Renate; Jost M. C. (cur.); Gonçalves de Oliveira V. (cur.); Ferrio M. A. (cur.)
L'Arcobaleno Editore 2016

In libreria in 3 giorni

38,00 €
"Le chiavi dell'inconscio" offre una nuova chiave di lettura dell'essere umano nella sua essenza ed è il frutto di una profonda e ampia riflessione su quanto hanno scoperto più di 122.000 persone durante un interessante e nuovo cammino introspettivo. Il Metodo ideato dalla dott.ssa Renate Jost de Moraes risponde all'esigenza che tante scuole di psicoterapia hanno di osservare la Persona non tanto nella sua dimensione psicodinamica ma integrale. Finora si è dovuto distinguere il ruolo dello psicologo e del terapeuta da quello dell'esperto in questioni filosofiche, antropologiche o teologiche. Nel Metodo ADI/TIP, attraverso un "questionamento" di tipo socratico, il terapeuta, non-conoscendo la verità specifica del paziente, può accompagnarlo a trovare le sue risposte in una dimensione dell'inconscio esistenziale, noologica. Egli lo sostiene nell'accesso alle sue credenze e ai suoi valori più profondi mentre scopre in sé l'Essere relazionale, libero, integro, sano e aperto alla vita. Grazie a questo fondamento, la Persona riesce più facilmente a individuare e curare le origini dei propri disturbi riferibili anche a fasi precoci o a modelli ancestrali della propria esistenza.

Dio nell'inconscio. Psicoterapia e...

Frankl Viktor E.
Morcelliana 2014

In libreria in 3 giorni

18,00 €
Nel 1948, tre anni dopo il rientro a Vienna dalla tragica esperienza nei Lager nazisti, Viktor E. Frankl tenne una conferenza dinanzi a un piccolo gruppo di persone sostenendo la tesi che, diversamente dall'interpretazione freudiana, non esiste solo un inc

Gli enigmi del piacere

Ansermet François
Bollati Boringhieri 2012

In libreria in 3 giorni

20,00 €
L'inconscio freudiano è sede di una logica "illogica" che si manifesta di continuo con innumerevoli sintomi. Riguardo al piacere, questa doppia costruzione, razionale e inconscia, della nostra mente è più che mai evidente. Il piacere è ambiguo, intrinsecamente equivoco. Ne deriva per l'uomo un malessere diffuso, quello stesso malessere che Freud individuò già nel 1929, descrivendolo nel "Disagio della civiltà". Ci sono modi diversi di studiare l'inconscio: quello psicoanalitico, innanzitutto, e quello neuroscientifico, sempre più importante negli ultimi anni. Di rado i due campi si parlano. Qui sta la forza di questo progetto e il successo della cooperazione tra i due autori di questo libro, da tempo impegnati nel dialogo interdisciplinare. Uno psicoanalista e un neuroscienziato, consapevoli dei limiti intrinseci delle rispettive discipline, si mettono a confronto, per trovare nel dialogo tra due tradizioni a lungo separate una spiegazione più comprensiva dell'inconscio e dei meccanismi del piacere, del dispiacere e del desiderio.

Il motto di spirito e la sua...

Freud Sigmund
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2010

In libreria in 3 giorni

10,50 €
Perché una storiella o un gioco di parole ci fanno ridere? Ma soprattutto, si domanda Freud: "Merita il tema del motto di spirito questi sforzi"? Siamo tra il 1895 e il 1905, un decennio di estremo fervore creativo, nel quale il padre della psicoanalisi mostra di avere un particolare talento nell'osservare fatti e comportamenti sociali ritenuti generalmente trascurabili. Un sottobosco di fenomeni che, sottratto comunemente all'osservazione e alla riflessione, diventa oggetto del suo sguardo: uno sguardo che riesce a cogliere una scena diversa rispetto a ciò che l'esperienza mostra alla sua superficie. Così Freud ci mostra come, tra le mille pieghe del motto di spirito, si celino preziose spie verso l'inconscio. Ma ci accompagna anche nella Vienna di inizio Novecento, tra memorabili personaggi che saranno i protagonisti di tante storielle yiddish. Il riso sembra allora uno dei migliori antidoti all'odio, all'ira, alla superbia e alla vendetta. Un potere fragile e un rimedio salutare, che merita di essere riconosciuto come tale, coltivato e conquistato, e al quale Freud ha dedicato questo suo rivoluzionario elogio. Prefazione di Nadia Fusini.

La via dell'immagine. Un approccio...

Kaufmann Yoram
Magi Edizioni 2010

In libreria in 3 giorni

12,00 €
Combinando la mente di uno scienziato e l'occhio di un visionario, Yoram Kaufmann ci accompagna nel cuore dell'animo umano insegnandoci a cogliere il significato archetipico delle immagini tratte da sogni, fiabe, leggende, film, letteratura. Di fronte a un'immagine la parola d'ordine qui è tradurre, non interpretare. Nel suo metodo, denominato approccio orientazionale, l'immagine viene definita ricorrendo a un sistema di coordinate (denominate, appunto, orientazioni) che permettono di rilevare la sua natura intrinseca. Tramite l'approccio orientazionale è possibile cogliere il significato ontologico dell'immagine e acquisire - attraverso i sentimenti, le associazioni e le rèverie da essa evocati - nozioni preziose per comprendere una determinata situazione di vita dell'individuo. Grazie alle tesi di Kaufmann impariamo che ogni immagine (così come, per esempio, ogni stagione) comprende in sé una serie di strutture innate che possono diventare oggettive linee guida sia nei percorsi terapeutici che nella vita in generale. Mediante un approccio realmente spirituale, Kaufmann conferma ancora una volta che la nostra esistenza non è guidata e dominata dall'io, ma dal sé. L'io, traduttore e scrivano del sé, ha il compito di integrare i suoi messaggi.

L'uomo senza inconscio. Figure...

Recalcati Massimo
Cortina Raffaello 2010

In libreria in 3 giorni

28,00 €
L'autore ripensa in modo originale le più diffuse psicopatologie del disagio contemporaneo della civiltà: anoressie, bulimie, obesità, tossicomanie, depressioni, attacchi di panico, somatizzazioni. La sua tesi è che in tutte queste nuove forme del sintomo

Il rito. In psicologia, in...

Widmann C. (cur.)
Magi Edizioni 2007

In libreria in 3 giorni

22,00 €
"Il rito non appartiene a nessun ambito specifico dell'esistenza - scrive l'autore - non è esclusivo del sacro né del profano, non è prerogativa dell'uomo religioso né di quello secolare; non è fenomeno unicamente soggettivo, né unicamente collettivo, non ha scopi solamente propiziatori né solo gratulatori. Il rito appartiene alla normalità e alla patologia; è presente nelle culture arcaiche e nella civiltà postindustriale; è praticato da persone ingenue e superstiziose e da persone intellettuali e razionali. Il rito è dell'uomo". Nell'antropologia, con i suoi riti agrari, nella patologia, con rituali ossessivi eseguiti negli ospedali psichiatrici, nella terapia, con il setting rigoroso della stanza dello psicoanalista, nei momenti cruciali dell'esistenza, con i riti di nascita e di morte, quelli di passaggio all'età adulta, il matrimonio, l'ingresso e l'uscita dall'attività lavorativa: la vita dell'uomo è satura di comportamenti rituali. La loro estensione è universale e la loro presenza attraversa i tempi. Gli autori dei saggi qui raccolti, in un excursus che attraversa diversi ambiti dell'esperienza umana, del rito analizzano il suo carattere simbolico, le sue potenzialità strutturanti, trasmutative e terapeutiche. Dimostrano come il rito accompagni l'evoluzione psichica individuale e collettiva e come la molteplicità dei riti partecipi alla formulazione dell'identità dell'uomo.

Sweet Dreams. Illusioni filosofiche...

Dennett Daniel C.
Cortina Raffaello 2006

In libreria in 3 giorni

19,50 €
Vincitore nel 2005 del premio per le pubblicazioni nell'ambito della psicologia e delle scienze cognitive indetto dall'Association of American Publishers,"Sweet Dreams" è il testo in cui Dennett mostra come la filosofia finisca spesso per ostacolare lo svi

L'inconscio

Valent Italo
Moretti & Vitali 1998

In libreria in 3 giorni

10,33 €

Psicopatologia della vita quotidiana

Freud Sigmund; Cappelli N. (cur.)
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2020

In libreria in 5 giorni

12,00 €
Dimenticanze inspiegabili, atti casuali e maldestri: sono i comportamenti che costellano la vita di ogni giorno a essere raccolti e interpretati da Freud in una delle sue opere pibrillanti. Con la "Psicopatologia", il padre della psicoanalisi chiama proprio le increspature, gli inciampi, le smagliature della banalitquotidiana a testimoniare la nostra natura piintima, ribaltando una volta per sempre il rapporto tra "profondit e "superfie". Attraverso esempi tratti dalla propria esperienza, dai racconti di pazienti e amici, da romanzi e poesie, Freud rivela gli insospettabili processi di rimozione che sono alla base di tutti questi "atti mancati". Cosla "Psicopatologia della vita quotidiana," oltre a offrire una chiave per decifrare tanti momenti della nostra esperienza, costituisce una via d'accesso al regno dell'inconscio, illustrando con un linguaggio semplice e diretto alcuni concetti fondamentali della psicoanalisi. Un testo sorprendente, per accostarsi senza pregiudizi a uno dei pensatori picontroversi dell'ultimo secolo.

L'inconscio fra realtà e...

Oddo Letizia
Moretti & Vitali 2018

In libreria in 5 giorni

22,00 €
«Il libro di Letizia Oddo - scrive Giuseppe O. Longo nella prefazione di questo libro - è di interesse straordinario: indagando i rapporti tra corpo, mente, coscienza e inconscio attraverso il prisma sfaccettato delle tecnologie dell'informazione, esso si articola in una serie di considerazioni di grande richiamo, che rivelano nell'autrice una rara padronanza di strumenti anche filosofici (sì la tecnologia reclama oggi una sua filosofia oltre che una sua mitologia) capaci di collegare tra loro temi problematici, al limite di ricerche specialistiche». La ricerca che percorre questo libro, in una prospettiva psicoanalitica, è volta a comprendere la dinamica psichica che si esprime nel mondo rarefatto della tecnologia informatica, in una dimensione che può definirsi magica, arcaica, tribale. Influenze, contagi sembrano emanare dalla comunicazione virtuale, nella sfera infinita dell'immateriale e del potenziale, oltre il tempo e lo spazio. Oggi sono le tecnologie del post-umano che permettono di progettare un nuovo ordine di realtà costituito da organismi sempre più ibridati con l'artificiale, avatar immersi in una rete di dati elettronici: corpi, pensieri, azioni possono essere clonati al di fuori della soggettività, disarticolarsi e proliferare nella loro riproducibilità. In questo contesto di realtà, la sofferenza psichica tiene aperto un varco, nell'ascolto del richiamo di un'umanità dolente, smarrita, sola.

Scilicet. Il corpo parlante....

Associazione mondiale di psicoanalisi (cur.)
Alpes Italia 2016

In libreria in 5 giorni

33,00 €
Che cosa è esattamente un corpo parlante? Ciò che rende umano un corpo è il fatto che sia un corpo parlante. Il termine parlante non è un aggettivo che verrebbe a completare un sostantivo, previamente dato, il corpo, aggiungendovi l'atto di parlare. L'errore della psicologia è quello di pensare che la parola sia una funzione cognitiva del corpo, un comportamento acquisito, benché sia sostenuta in maniera innata dentro a una struttura profonda dell'organismo. Niente di tutto ciò. Né la parola né il linguaggio sono riducibili a delle funzioni cognitive poiché tali funzioni dipendono già a priori dalla relazione del soggetto con il significante, con la struttura del linguaggio che lo precede, in quanto corpo e in quanto essere che parla. Di fatto, una lingua non si impara, si trasmette a partire da un'esperienza di godimento che concerne il corpo dell'immagine. Parlante funziona così nell'espressione "il corpo parlante" come un participio attivo o participio presente, equivalente in certi casi al gerundio. Non si tratta del fatto che esiste un essere a priori, a cui si aggiungerebbe la proprietà di parlare, ma del fatto che questo essere non è essere se non nella misura in cui parla.

L'inconscio

Civita Alfredo
Carocci 2011

In libreria in 5 giorni

12,00 €
Quanti inconsci esistono? Quale fu il ruolo di Freud? L'inconscio è un concetto scientifico? Sono queste le domande a cui il libro cerca di rispondere. Nel testo sono descritti due tipi di inconscio: cognitivo ed emotivo. Mentre l'inconscio cognitivo è un'acquisizione recente della scienza, l'inconscio emotivo si perde nella notte dei tempi. Lungi dall'essere stato scoperto da Freud, ne troviamo traccia addirittura in Platone e nel XIX secolo in Schopenhauer e Nietzsche. Che il concetto di inconscio emotivo non sia di casa nella scienza è dimostrato dal fatto che da Freud in avanti è stato descritto in modi sempre nuovi e creativi.

Gli occhi d'oro, ancora. Il cinema...

Ravasi Bellocchio Lella
Moretti & Vitali 2007

In libreria in 5 giorni

8,00 €
"Gli occhi d'oro" sono quelli che possono vedere nello schermo del cinema, il potente motore di immagini e di analogie con lo schermo del sogno e con la sua drammatizzazione. Come il sogno, lo schermo del cinema ospita personaggi in relazione tra loro (la dimensione intrapsichica del sogno) e si offre alle nostre identificazioni di spettatori (la dimensione interpersonale del sogno). Come in questo schermo, gli "occhi d'oro" possono vedere ciò che è invisibile, così nel sogno l'analisi può offrire al paziente gli "occhi d'oro" per cogliere, dietro alla realtà, la metafora che è alla radice del suo transfert. Il cinema è uno dei mezzi più adatti a trasmettere all'esterno le immagini del mondo interno. Il regista cerca gli attori più adatti a rappresentarle. E con questi personaggi dello schermo noi ci identifichiamo al punto da poter fare del cinema l'uso che facciamo del sogno. In questa misura va intesa l'affermazione di Lella Ravasi che il film cura, come cura il sogno che permette al sognatore di oggettivare affetti ed emozioni proiettando sullo schermo le rappresentazioni dei propri oggetti interni, attori che il regista che opera in noi ogni notte sceglie per mettere in scena e drammatizzare le proprie esperienze ed emozioni collegandole, come un ideale ponte, alle esperienze ed emozioni dell'infanzia depositate nell'inconscio. In questa misura il cinema, come il sogno, permette di storicizzare il nostro inconscio facendoci rivivere emozioni rimosse o dimenticate per sempre.