Industrie dei trasporti su rotaia

Filtri attivi

I valichi ferroviari internazionali...

Massari Luigi
EBS Print 2019

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
Questo libro ha preso spunto dalla costruzione e successiva apertura del collegamento ferroviario internazionale Arcisate-Stabio. Ho voluto ricostruire, in breve ed in un solo volume, la storia, la situazione attuale del traffico passeggeri e merci, con immagini recenti ed anche alcune storiche, di tutti i valichi ferroviari internazionali interessanti l'Italia, dal confine francese a quello sloveno. Questo nuovo valico, sia fisicamente ma anche "culturalmente" rappresenta un superamento del vecchio concetto di "confine". I valichi ferroviari, ed anche quelli stradali, sono la porta di accesso all'Italia, attraverso le Alpi, ma per troppo tempo essi sono stati pensati come una barriera, una "discontinuità di sistema".

Palermo, il tram ieri oggi domani

Amoroso Salvatore
Torri del Vento 2018

Disponibile in 3 giorni

60,00 €
La nascita degli omnibus, dei tramways a cavalli nella seconda metà dell'800, la trasformazione della rete tranviaria con veicoli elettrici (alla fine del XIX secolo), lo sdoppiamento delle società esercenti i servizi, le difficoltà economiche in cui entrambe (la Società Sicula Tramways-Omnibus e Les Tramways de Palerme) sono vissute per buona parte della loro vita, sono oggetto di questo volume che presenta la storia dei tram a Palermo, oltre che con il testo, con un ricco panorama iconografico, fatto di documenti e di fotografie.

Linee tranviarie a Torino....

Accattatis Antonio
Phasar Edizioni 2007

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Per la prima volta viene pubblicato un libro dedicato all'evoluzione della rete tranviaria torinese dal 1872 ai giorni nostri. In Linee tranviarie a Torino si descrive la storia di ogni linea tranviaria, comunale e intercomunale, con particolare attenzione alle modifiche di percorso negli anni, ai tipi di motrici utilizzate e ad aspetti particolari o curiosi del tracciato, basandosi su documenti e quotidiani d'epoca, pubblicazioni del Comune e dell'Azienda Tranviaria, articoli su riviste specializzate. Il libro è suddiviso in quattro capitoli: i primi tre raccontano l'evoluzione della rete urbana attraverso tre secoli e altrettante società concessionarie, mentre l'ultimo descrive la vasta rete intercomunale. Alcune fotografie mostrano le vetture che sono state preservate dopo aver circolato sulla rete torinese tra la fine dell'Ottocento e il XXI secolo. In appendice sono presenti, a titolo di curiosità, le tabelle dei colori con i quali sono state per lungo tempo identificate le diverse linee e gli elenchi, tratti dalle cronache dell'epoca, delle linee notturne e delle forzate limitazioni al servizio tranviario durante la seconda guerra mondiale.

Consapevolezza decision-making...

Cavaliere V. (cur.)
EGEA 2016

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
Il processo di assunzione delle decisioni è raramente il frutto dell'azione di una singola persona, risultando di frequente dalle dinamiche che prendono forma dalle interazioni tra soggetti diversi. A partire da questa consapevolezza, il volume presenta i risultati dell'analisi del processo di definizione delle politiche pubbliche riguardanti il comparto del ferrotranviario della provincia di Pistoia. Il focus del presente lavoro, pertanto, è il processo di decision making nelle realtà pubbliche, contraddistinto dalla necessità di dover prendere in esame numerosi, e spesso divergenti, interessi ogni qual volta una scelta debba essere compiuta. L'analisi si è servita dell'applicazione di una metodologia di ricerca fondata sulla strutturazione della comunicazione di gruppo: la tecnica Delphi. Agevolando lo scambio di pareri tra esperti competenti su un tema specifico, l'adozione di Delphi ha consentito di far emergere criticità e scenari futuri del comparto difficilmente delineabili mediante l'utilizzo di tecniche di interazione sociale più tradizionali. Coerentemente con tali criticità, il volume ha voluto infine verificare se e attraverso quali interventi gli attori economici e istituzionali operanti nel comparto hanno contribuito a sostenerne lo sviluppo e rafforzarne la potenzialità di crescita.

La liberalizzazione dei trasporti...

Tebaldi M. (cur.)
Il Mulino 2011

Disponibile in 5 giorni

23,00 €
Da oltre trent'anni, la liberalizzazione del trasporto ferroviario costituisce uno dei cardini della politica comunitaria. In Italia, l'attuale situazione della liberalizzazione ferroviaria evidenzia un quadro di difficile interpretazione. Da un lato, la trasformazione societaria delle Ferrovie dello Stato si è completata in tempi relativamente rapidi e si è nel contempo proceduto all'apertura formale del mercato ferroviario passeggeri e merci. Dall'altro lato, tuttavia, risulta ancora lontano dalla sua piena attuazione, soprattutto nel settore passeggeri, l'effettivo sviluppo di un sistema concorrenziale dei trasporti ferroviari capace di garantire un certo grado di equità sociale ed efficienza gestionale. Questo volume si propone di analizzare, da diverse angolazioni disciplinari, le dinamiche della liberalizzazione ferroviaria nel nostro paese e nel contesto europeo con duplice finalità: sotto il profilo esplicativo, individuare, attraverso un'indagine in profondità dei processi decisionali e di implementazione, i fattori di successo o di fallimento della politica pubblica; dal punto di vista prescrittivo, mettere in luce i punti di forza e le debolezze dell'attuale modello di "governance" della politica ferroviaria, offrendo spunti argomentativi per proporre correttivi istituzionali e nuovi schemi di "policy".

La funicolare dismessa di Mondovì...

Lupo Giovanni M.
CELID 2009

Disponibile in 5 giorni

12,00 €
Dal dicembre 2006, la funicolare di Mondovì fra Breo e Piazza è stata ripristinata con il servizio di nuovi rotabili e il rifacimento dell'impianto fisso. Il lavoro storico presentato in questo volume prende avvio da una mostra tenutasi a Mondovì (dicembre 2006 - gennaio 2007), e si propone di segnalare un disperso patrimonio di infrastrutture ferro-tranviarie che hanno servito Mondovì e il Monregalese, poi soppresse o dismesse per una discutibile valutazione del rapporto costi/benefici. Questo testo propone una riflessione su un'esperienza che, nel campo dei mezzi su rotaia, ha prodotto interessanti soluzioni locali: è infatti auspicabile che, come è accaduto per la funicolare, anche la dismessa ferrovia Mondovì- Bastia sia ripristinata, in tutto o in parte; in tal modo, per esempio, si potrebbero ricollegare altri punti nodali di Mondovì, come le stazioni di Altipiano e di Breo (dismessa), e la città stessa con il nuovo insediamento di Mondovicino.

Stato dell'arte e scenari evolutivi...

Bardi Andrea; Ferrecchi Paolo
Maggioli Editore 2020

Non disponibile

39,00 €
Il presente rapporto, curato dall'Osservatorio della Regione Emilia-Romagna sulle merci e l'autotrasporto e nato da una collaborazione tra l'Assessorato ai Trasporti della Regione Emilia-Romagna, RFI, FER e ITL, propone alcuni dei risultati delle ricerche svolte in vista della redazione del nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti 2010-2020. La prima parte di inquadramento generale pone particolare attenzione al rapporto tra trasporto merci via ferrovia e nodi intermodali sia regionali sia extra-regionali. L'area del nord Italia rappresenta infatti l'unità di indagine privilegiata al fine di comprendere i processi in atto in Emilia-Romagna. La seconda parte raccoglie invece contributi di carattere più propriamente tematico e studi di caso, estendendo l'attenzione verso il trasporto delle merci su strada. Le analisi inerenti il trasporto su strada si focalizzano su due aspetti tradizionalmente problematici per l'Emilia-Romagna e per gran parte del nord e centro Italia, ovvero i traffici camionistici di attraversamento della Regione e quelli sulle brevi distanze. Al contempo il lavoro propone alcuni percorsi di lavoro, con l'obiettivo di stimolare il dibattito sullo sviluppo del trasporto e della logistica. L'ambizione è quella di contribuire a promuovere interventi finalizzati a far sì che i trasferimenti di merci divengano una leva di sviluppo per un sistema logistico moderno in grado di generare ricchezza valorizzando al contempo le risorse scarse e non riproducibili.

L'intervento pubblico nel settore...

Taccone Alessandra
Edizioni Scientifiche Italiane 2020

Non disponibile

18,00 €
Nella maggior parte dei Paesi europei il servizio ferroviario è oggetto di preoccupazione sintetizzabile nel dilemma tra il miglioramento e l'ammodernamento del servizio e il contenimento dei suoi costi, poiché gli aggravi tariffari confliggono con gli obiettivi distributivi e con quello dell'universalità del servizio, mentre gli aggravi a carico del bilancio pubblico confliggono con i vincoli macroeconomici. La rottura di molte delle condizioni tradizionali del monopolio naturale ha indicato nuove soluzioni di efficienza nell'apertura del settore alla concorrenza. Questo lavoro esamina aspetti teorici ed empirici del passaggio del servizio dal campo delle scelte collettive a quello delle scelte del mercato. Sono assunte a riferimento le principali esperienze maturate nei Paesi OECD; una sezione del lavoro è dedicata alle specificità del servizio ferroviario italiano.

Ora e sempre No Tav. Pratiche e...

Chiroli Roberta
Mimesis 2017

Non disponibile

18,00 €
Condannata in primo grado a due mesi di carcere per "concorso morale in violenza aggravata e occupazione di terreni" a causa di una tesi di laurea specialistica. Ha destato grande scalpore la sentenza emessa nel giugno 2016 dalla Procura di Torino nei confronti di Roberta Chiroli, studentessa della Ca' Foscari, colpevole di aver seguito sul campo le proteste del movimento No Tav per scopi di ricerca. Quel "noi" con il quale Roberta racconta la storia e la crescita della contestazione in Val di Susa, viene utilizzato dai pm come una delle prove di partecipazione morale ai disordini avvenuti nel giugno 2013, aggiungendo un nuovo capitolo al dibattito che chiama in causa libertà di espressione, diritto di cronaca e salvaguardia dell'ordine pubblico. Dove finisce il diritto di cronaca e di manifestazione del dissenso nei confronti di una delle opere più contestate degli ultimi decenni? E dove comincia la sovversione, il vandalismo, se non addirittura il terrorismo? Dopo i chiacchieratissimi casi del noto scrittore Erri De Luca e dei giornalisti Davide Falcioni (Agoravox) e Flavia Mosca Goretta (Radio Popolare), ì'affaire Chiroli ha sollecitato ulteriori interrogativi a cui, per il bene del sistema democratico, sarebbe dove¬roso trovare una risposta. "Ora e sempre No Tav" ricostruisce in forma attualizzata e con taglio divulgativo il prezioso lavoro di ricerca effettuato dalla studentessa. Attraverso le interviste rivolte agli attivisti, la partecipazione alle assemblee del movimento e l'osservazione sul campo (giugno-luglio 2013), Chiroli cerca di inquadrare da un punto di vista etnografico le pratiche e l'identità del movimento No Tav, di ricostruirne la storia, l'organizzazione, la produzione cultu¬rale e di analizzare il diverso modello di partecipazione dal basso che il soggetto politico No Tav ha promosso in questi anni di lotta.

Strategie della regolazione. La...

Di Giulio Marco
Rubbettino 2017

Non disponibile

15,00 €
Nella primavera del 2016 il Parlamento e il Consiglio dell'Unione Europea hanno approvato le direttive che costituiscono il Quarto Pacchetto Ferroviario. Dopo venticinque anni dal primo intervento comunitario volto a costruire un mercato integrato e aperto il bilancio è ancora in chiaroscuro. Se da un lato la competizione stenta a prendere piede, dall'altro il panorama regolativo e industriale è profondamente mutato. Questo libro ha per oggetto il disegno e l'implementazione di tre casi di politiche di market building: il Regno Unito, la Germania e l'Italia. Adottando una prospettiva di analisi politologica, lo scopo primario del lavoro è di ricostruire le configurazioni di istituzioni, attori e strategie emersi nei singoli contesti nel momento delle principali riforme di settore e di comprendere come queste abbiano favorito o inibito la costruzione dei rispettivi mercati.

Storia delle ferrovie a Novi Ligure...

Bergaglio Dino B.
Città del Silenzio 2015

Non disponibile

18,00 €
Il libro racconta la storia delle ferrovie a Novi Ligure, a partire dal 1850, quando la linea Torino-Genova arriva in città, fino all'attuale dibattito sul Terzo Valico. Le ferrovie hanno rappresentato uno dei fattori di sviluppo economico e sociale della località piemontese, che, da stazione di posta ai confini della Repubblica di Genova, è diventata un nodo strategico nel sistema delle comunicazioni ferroviarie sabaude, prima di acquisire centralità nel "triangolo industriale" italiano del secondo dopoguerra. Nel 1885, con l'approvazione del progetto per la costruzione del parco di Novi San Bovo, nasceva quello che sarebbe stato, a lungo, il più grande scalo merci d'Italia. Oggi, si lavora per realizzare la linea di Terzo Valico e dotare il territorio di un'ampia area logistica che colleghi la Liguria con il resto d'Europa: è la conferma di una "vocazione" ferroviaria e di un amore per il treno mai venuti meno.

Da zero a Italo. Così è nata la...

Ferrio Stefano
Skira 2013

Non disponibile

49,00 €
Il 28 aprile 2012 rimarrà una data importante nella storia del trasporto ferroviario, perché segna la fine di un'era, quella del monopolio pubblico, per aprirne una nuova, quella della concorrenza. Questo libro è il racconto di una realtà tutta italiana, quella di Ntv. È italiana nel portafogli, perché italiani sono i soci fondatori e italiana è la grande maggioranza degli azionisti. È italiana nella testa, perché italiani sono i tecnici che l'hanno pensata, progettata, realizzata e messa in servizio. È italiana nel cuore, perché studiando e lavorando con il cuore i nostri giovani italiani hanno dimostrato di cosa sono capaci quando vengono date loro un'occasione di lavoro, una formazione professionale e una responsabilità. Ed è proprio l'italianità di questa azienda, che per prima in Europa ha avviato un grande progetto di cambiamento e di sviluppo del trasporto ferroviario, la cosa di cui Nuovo Trasporto Viaggiatori va maggiormente fiero.

Compendio di diritto ferroviario

Lobianco R. (cur.)
Giuffrè 2012

Non disponibile

20,00 €
Lo spiccato carattere internazionale del trasporto ferroviario e la crescente importanza che ha assunto il trasporto multimodale hanno fatto emergere di riflesso problemi giuridici tipici del trasporto su rotaia, problemi connessi soprattutto agli aspetti privatistici della materia. L'analisi è strutturata in modo sistematico e si propone di offrire un quadro complessivo e completo in una materia caratterizzata da una molteplicità di fonti normative, soffermandosi in particolare sui rapporti privatistici nascenti dal contratto di trasporto ferroviario di merci e di persone, sul regime della responsabilità, tanto del trasporto di merci quanto di persone, senza tralasciare gli aspetti assicurativi connessi alla materia nonché il ruolo della normativa comunitaria nell'evoluzione della disciplina in tema di liberalizzazione e sicurezza ferroviaria.

Italia e ferrovie un...

Gargiulo Amedeo
Nuova Cultura 2011

Non disponibile

30,00 €
Questo testo vuole cogliere, come si evince anche dal titolo, l'intreccio interessante e robusto tra la storia dei centocinquanta anni dell'unità d'Italia e lo sviluppo della storia delle ferrovie. Il testo ha certamente un rigore storico e tecnico ed è diviso in capitoli in una logica di fondo a carattere cronologico. Ma è anche godibile in termini di lettura d'assieme quasi fosse un romanzo; tutto ciò reso possibile da riferimenti di carattere culturale, di commoventi eventi della storia italiana. Non c'è dubbio che si può affermare che le ferrovie hanno contribuito in maniera determinante all'unità del nostro paese inteso come popolo, come unificazione di linguaggio, di cultura, di economia. Analogamente non c'è dubbio che solamente con l'unità d'Italia è partito l'incipit reale allo sviluppo di una rete che prima non esisteva se non per alcune iniziative sporadiche. Ne è derivata una storia affascinante di ingegno, di grande sviluppo industriale, ma soprattutto di varia umanità perché al fondo la storia e lo sviluppo lo fanno gli uomini singolarmente e come popolo.

Sindacato e politica nelle ferrovie...

Puglielli Edoardo
Ires Abruzzo 2010

Non disponibile

15,00 €
Il modello sindacale dei ferrovieri tra Ottocento e Novecento costituisce un esempio nel senso della relativa "disattenzione" che ha caratterizzato il suo studio rispetto ad altre categorie sindacali. L'autore esamina in maniera approfondita le organizzazioni sindacali dei ferrovieri della regione dalle origini allo scioglimento del SFI nel 1925.

Ferrovia e società. Il centenario...

Centra M. (cur.)
Il Mulino 2006

Non disponibile

17,00 €
A partire dalla metà del XIX secolo, il treno ha conosciuto un'epoca d'oro nel nostro paese. La ferrovia era una strada comoda e veloce, che permetteva di raggiungere luoghi lontani con velocità stupefacente, facilitando la comunicazione fra le tante realtà, politiche e geografiche, in cui era scomposta l'Italia. In tal senso, il treno divenne simbolo e fattore di unità nazionale. La progressiva affermazione dell'automobile, a partire dalla seconda metà del XX secolo, segna la fine di questa "età dell'oro". Ma ugualmente la ferrovia conserva un ruolo importante, non solo nell'immaginario e nella letteratura, ma nella vita degli italiani. Oggi, nel XXI secolo, il trasporto ferroviario dovrà adeguarsi alla "fame di mobilità" che caratterizza l'epoca attuale; una necessità che richiede un servizio veloce e efficiente, che permetta di ridurre al massimo l'uso dei mezzi di trasporto privati e i problemi di inquinamento atmosferico e congestione stradale che ne conseguono. Il centesimo compleanno delle Ferrovie dello Stato, celebrato nel 2005, è stato un'occasione per ripercorrere la storia del trasporto su rotaie e per riflettere su come dovrà essere la sua evoluzione futura.