Industrie tessili

Filtri attivi

Incióu sü tüt. La parabola di un...

Seravalli Gilberto
Rosenberg & Sellier 2018

Disponibilità immediata

28,00 €
Questa è la storia di una dinastia industriale. Partendo dal niente, i Rivetti furono capaci in tre generazioni di costruire la maggiore azienda laniera del Biellese, facendo ricorso a spregiudicati comportamenti padronali, dalla disumana disciplina imposta agli operai, alla costante minaccia ricattatoria di chiudere, già agitata dal personaggio centrale che portò l'azienda al culmine del successo, Oreste Rivetti. La parabola dei Rivetti permette così di seguire lo svolgersi di una vicenda in cui l'imprenditore si afferma con strenua determinazione, ma subisce anche per questo la tentazione di tradire la "missione" che il capitalismo ha assegnato ai capitalisti, nello specifico contesto italiano di fragilità dello sviluppo economico, sociale e politico.

I lavoratori della seta nella...

Cartocci Fabrizio
Dominioni 2018

Disponibilità immediata

24,00 €
Nel presente saggio sono esaminate le condizioni di lavoro di tutti quei lombardi che, nella seconda metà del XVIII secolo, dedicarono le proprie fatiche alla professione serica affinché dall'allevamento dei bachi da seta si potesse giungere alla realizzazione di preziosi tessuti, destinati a essere esportati in tutto il mondo. Al contempo, vengono analizzate tutte le leggi approvate, o anche solo elaborate, dall'autorità pubblica per disciplinare tali attività nonché le proposte avanzate da semplici operatori del mercato, animati dal desiderio di apportare il proprio contributo al miglioramento del settore produttivo più importante della Lombardia austriaca.

La tela degli svizzeri. I Wenner e...

Verrillo Angelo; Di Mauro Gigi
Edizioni dell'Ippogrifo 2018

Disponibilità immediata

10,00 €
La migliore immagine che si ha di Nocera Inferiore e, forse, dell'intero Agro-Nocerino-Sarnese al massimo del suo splendore industriale: è questo il viaggio che il lettore può compiere attraverso le parole ed il racconto di uno specifico contesto socio-economico, nel libro-intervista di Angelo Verrillo. Il parallelismo con le dinamiche economiche attuali ne rende la lettura interessante e pregna di spunti rifleessivi, oltre ad offrire esempi edificanti e contributi mirabili di imprenditori dall'azione diligente e dal preciso intento realizzativo d'ascesa economica. Uomini che radicavano le nuove strutture industriali con intuizioni moderne e incisive sul nostro territorio. Le nuove generazioni, abituate ad ascoltare parole come crisi, desertificazione industriale, disoccupazione, precarietà, scopriranno come, per lungo tempo, tra il XIX e il XX secolo, ci fu una crescita economica importante grazie allo sviluppo del settore tessile e non solo. La scommessa imprenditoriale degli Svizzeri, oltre a far emergere le dinamiche sociali di alcune famiglie impegnate nello sviluppo delle proprie aziende, determinò il sistema attrattivo della nostra regione, come luogo dove poter fare impresa.

Dalla paglia all'abbigliamento....

Fontana G. L. (cur.)
Il Poligrafo 2016

Disponibilità immediata

25,00 €
Il presente volume rievoca una pagina importante nella storia della comunità di Marostica lungo il Novecento, attraverso la vita e le esperienze di uno dei suoi protagonisti. In queste pagine viene ripercorso l'itinerario umano e professionale di Ferruccio Los (1904-1961), storico dirigente della ditta "Belfe", negli anni d'oro dell'espansione del marchio vicentino nel mondo, ma anche uomo impegnato nelle istituzioni, come assessore del Comune di Marostica, e nella società civile, grazie ai propri molteplici interessi. Fino alla prematura scomparsa, sarà tra i promotori più lungimiranti di una fase di intenso sviluppo economico e sociale per il territorio. I contributi qui raccolti seguono le vicende di una tra le realtà imprenditoriali più innovative nel campo dell'abbigliamento all'interno del panorama veneto e nazionale: lo storico marchio "Belfe", nato nel 1920 proprio a Marostica, in un piccolo laboratorio che inizialmente produce cappelli di paglia. Dopo essersi distinto per la creazione di prodotti innovativi come impermeabili per lo sci, abbigliamento da caccia e, dall'immediato dopoguerra, capi in filo di nylon, la definitiva consacrazione internazionale per il marchio di Marostica arriverà nel 1954, quando sarà targata "Belfe" anche la celebre spedizione nell'Himalaya degli scalatori Compagnoni e Lacedelli.

La straordinaria storia di...

Lai Ada
Palabanda Edizioni 2016

Disponibilità immediata

15,00 €
La vita di Francesca Sanna Sulis imprenditrice, benefattrice e stilista vissuta in Sardegna nel Settecento. Aprì le prime scuole di formazione, famosa in Europa per gli abiti che uscivano dalle sue sartorie, inventò l'alta moda, vestì regine, principesse e dame delle più prestigiose corti europee. Caterina di Russia nel ritratto custodito all'Heritage indossa una sua creazione.

La rivoluzione industriale

Mantoux Paul
Res Gestae 2015

Disponibilità immediata

28,00 €
La grande industria, nata in Inghilterra nella seconda metà del XVIII secolo, avrebbe cambiato il volto del pianeta. Storico capace di cogliere il senso degli eventi, Mantoux fornisce una penetrante analisi del ruolo della cultura borghese nella scintilla e nello sviluppo di quella che sarebbe diventata la rivoluzione industriale. All'origine un'efficiente rete di trasporti, la crescente urbanizzazione e le nuove scoperte tecnologiche, ma anche la capacità imprenditoriale che associa produzione a iniziativa e innovazione. Nelle dense pagine di questo libro si ripercorre lo sviluppo dell'industria che scosse e rivoluzionò le strutture economiche e sociali dell'epoca, un grandioso sviluppo senza precedenti.

Le vie della seta a Rimini....

Ravara Montebelli Cristina
Bookstones 2014

Disponibilità immediata

18,00 €
La seta, una vocazione del territorio riminese fino ad ora assolutamente inedita. Eppure c'è un antico indizio dell'allevamento del baco, della produzione, lavorazione e commercializzazione del filo: il trattato dal titolo "Il vermicello dalla seta", pubbl

Stone Island. Archivio '982-'012....

Silvana 2012

Disponibilità immediata

120,00 €
Questo volume celebra i 30 anni di Stone Island, uno dei marchi di abbigliamento sportivo-informale per eccellenza. Stone Island - ideata dal designer italiano Massimo Osti nel 1982 e attualmente guidata dalla direzione di Carlo Rivetti - è famosa in tutto il mondo per i suoi capi, riconoscibili dalle raffinate finiture, dalla linea casual ed elegante, e soprattutto dai particolari materiali utilizzati, risultato della ricerca che la casa continuamente conduce nel campo tessile, con l'intento di ottenere fibre innovative e tessuti performanti, all'insegna dell'hi-tech. Il volume racconta, attraverso 307 fotografie di svariati modelli che vanno dagli anni ottanta a oggi - fra felpe, maglie, pantaloni e soprattutto giacche, fiore all'occhiello della produzione Stone Island - la storia e l'evoluzione del marchio, che è cresciuto fino a riunire intorno a sè un pubblico variegato e trasversale di estimatori. Il volume, introdotto da un testo di Carlo Rivetti, accoglie un saggio critico di Francesco Morace e le fotografie di Nick Griffiths.

Una lacrima di blu. Colori,...

Giavini Luigi
Nomos Edizioni 2012

Disponibilità immediata

25,00 €
Le mutate condizioni economiche del mondo globale sono un fattore non trascurabile del rinnovato interesse per la nostra storia tessile. La riscoperta e lo studio di bellissime stampe su tessuto e di ricette di tintoria, tornate in auge sull'onda delle richieste di tinture con coloranti vegetali, hanno riportato nella giusta luce il fascino di un settore manifatturiero antico quanto l'umanità. Luigi Giavini, con le sue poetiche e ironiche pagine, ci riporta indietro negli anni e ripete l'incantesimo del suo grande Raso da 8. Come allora, la sua magica "macchina del tempo" ci riporta ad anni in cui la quotidianità dei bustocchi era imperniata su quella sequenza di fasi di produzione del tessile che oggi chiamiamo "filiera": filatura, tessitura, tintura, stamperia, confezione e spedizione si svolgevano tutte nella nostra terra. Leggendo queste pagine, inoltre, non può sfuggire un messaggio forte e chiaro di fiducia rispetto alla crisi, al disconoscimento delle capacità, alle guerre di qualità e di prezzi: la speranza nelle nuove generazioni, nelle capacità dei tecnici di domani più attrezzati e forse bravi più di quelli del passato.

Be stupid for successfull living

Rosso Renzo
Rizzoli 2011

Disponibilità immediata

16,00 €
Be Stupid può sembrare un'esortazione ridicola. Chi mai vorrebbe essere considerato stupido? Per molti potrebbe sembrare un insulto, .ma non per Renzo Rosso. Il fondatore di Diesel è ben felice di fare cose che in molti considererebbero tali. Nel corso della sua carriera ha assunto gente che lo colpiva più per la personalità che per l'esperienza, ha lanciato campagne pubblicitarie che ironizzavano sulla fashion industry e acquistato intere società agendo d'istinto. Quando Diesel ha lanciato la campagna Be Stupid, Renzo ha capito che non era solo una provocazione, ma che illustrava, con parole semplici, quello che lui e i suoi colleghi stavano facendo da anni: correre rischi, sfidare le convenzioni, seguire la passione, agire d'istinto, essere coraggiosi. In diciotto episodi, dalla nascita di Diesel fino a oggi, Renzo racconta come il coraggio di prendere decisioni stupide e la capacità di vedere le cose non solo per ciò che sono già, ma per come potrebbero essere, lo hanno aiutato a costruire un'azienda di grande successo. Alla fine di ogni storia, il professor Guido Corbetta, docente dell'Università Bocconi di Milano, spiega il "metodo Renzo Rosso" perché altri possano trarne spunti e ispirazione per la propria vita personale e lavorativa. Un viaggio coinvolgente al fianco di un uomo di successo che ha creduto nella forza della diversità e ne ha fatto una filosofia di vita e di lavoro.

Vestiti che fanno male a chi li...

Dalla Rosa Rita
Terre di Mezzo 2011

Disponibilità immediata

10,00 €
Aumentano le dermatiti allergiche da contatto causate dagli indumenti che indossiamo: lo sapevate che, tra tutti i colori, quelli scuri sono i più problematici? 0 che le stampe delle t-shirt possono essere cancerogene? Una guida pratica per muoversi tra coloranti, candeggianti, ammorbidenti e antimuffa responsabili di irritazioni e allergie. Senza dimenticare che abiti e tessuti possono far male anche a chi li produce e all'ambiente: per un paio di jeans, per esempio, servono oltre 13mila litri d'acqua e chi lavora nel processo di sabbiatura per "invecchiare" il tessuto è a rischio di silicosi. Un libro-inchiesta per orientarsi e scegliere.

Noi, le donne della filanda. Storie...

Coggio Sondra
Giacché Edizioni 2010

Disponibilità immediata

16,00 €
Questo libro parla con la voce delle donne, delle operaie che entravano in fabbrica spesso giovanissime, in quella filanda di Fossamastra che, costruita ai primi del '900, ha rappresentato per più di mezzo secolo un "pezzo" importante della storia e dell'attività produttiva spezzina. È un viaggio all'indietro nel tempo per ricordare la vita nello "jutificio" e che, attraverso le testimonianze, i documenti, le bellissime foto inedite dell'epoca, ripercorre le tappe della crescita sociale, politica e sindacale delle filandine, passata anche attraverso i tempi bui della guerra, della denuncia e della deportazione nei campi di sterminio nazisti di alcune operaie. Dalla nascita - negli anni '50 - del giornale di fabbrica "La Spola", fino alle lotte degli anni '70, per evitare la chiusura dello stabilimento, una storia commovente e coinvolgente, un importante lascito.

La seta in Italia. Una grande...

Poni Carlo
Il Mulino 2009

Disponibilità immediata

43,00 €
Carlo Poni è considerato tra i più illustri studiosi di storia economica a livello internazionale, soprattutto per i suoi lavori sulla "grande industria" della seta in Italia nell'età moderna. Tuttavia Poni non si è mai curato di sintetizzare in un volume unitario le sue ricerche che pertanto hanno avuto circolazione fondamentalmente in ambito specialistico. Ora questo volume intende raccogliere e mettere a disposizione dei lettori l'essenziale delle ricerche che Poni ha dedicato all'evoluzione dell'industria della seta, un settore cruciale nell'economia italiana fra Cinque e Settecento: grazie alla supremazia del distretto serico bolognese il setificio italiano ebbe infatti in quei secoli la leadership in Europa. Nei suoi saggi Poni studia approfonditamente le caratteristiche del distretto bolognese, la diffusione del mulino da seta alla bolognese nell'Italia del nord, l'organizzazione della produzione e del commercio, e infine pone a confronto il distretto bolognese con l'altro grande distretto serico europeo, quello di Lione.

L'industria della seta in Italia...

Battistini Francesco
Il Mulino 2003

Disponibilità immediata

19,00 €
Questo volume ricostruisce, relativamente ai secoli XVI-XVIII, le vicende dell'industria della seta, attività di primaria importanza per l'economia italiana. Dopo una descrizione dell'andamento di lungo periodo del mercato internazionale della seta e dei diversi ruoli che l'industria italiana vi giocò, il testo analizza tutte le fasi del setificio, dalla produzione delle materie prime (gelsicolture e allevamento dei bachi da seta) alla fabbricazione dei semilavorati (trattura e torcitura), alla realizzazione del prodotto finito (tintura e tessitura).

L'impero del cotone. Una storia...

Beckert Sven
Einaudi 2016

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Il cotone è stato il primo prodotto attraverso il quale è stata avviata la costituzione di un'economia globalizzata e il mondo ha assunto, pur tra metamorfosi e trasformazioni ancora in corso, la forma che ancora oggi possiede. Ben prima dell'avvento della produzione con le macchine nel 1780, imprenditori europei e potenti uomini politici ridisegnarono l'industria manifatturiera mondiale, la cui espansione imperialista poggiava sullo sfruttamento inumano degli schiavi nelle piantagioni e degli operai nelle fabbriche. In apparenza, il volume si propone come una storia, dalle origini ai giorni nostri, del prodotto più importante del XVIII e del XIX secolo: la sua produzione, trasformazione, circolazione. In realtà, attraverso il prisma del cotone, è del capitalismo industriale che Sven Beckert vuole tracciare la storia globale, nelle sue dimensioni e componenti fondamentali, non solo economiche e tecnologiche, ma anche sociali, giuridiche, politiche. E il cotone può legittimamente assurgere al ruolo di prisma, poiché è proprio a partire da esso che il capitalismo industriale è nato. Beckert definisce "capitalismo di guerra" l'insieme dei processi di insediamento imperialista, conquista coloniale, espropriazione della terra, sfruttamento intensivo di forza lavoro schiavistica, che consentiranno al Regno Unito di controllare, già nei primi decenni del XIX secolo, il mercato mondiale del cotone.

Il filo più sottile. L'industria...

Fumi Gianpiero
Giappichelli 2019

Non disponibile

24,00 €
Il volume si inserisce negli studi sulla filiera serica, un ambito tra i più emblematici della storia economica italiana tra età moderna e contemporanea. Bergamo e il suo territorio danno vita a insediamenti produttivi di grande rilevanza, con piccole e medie filande e grandi filatoi da seta che, guardando al modello tecnologico piemontese interpretato con maggior libertà, permettono la specializzazione del setificio orobico nei filati di qualità destinati in buona misura all'esportazione. Malgrado le turbolenze politiche ed economiche, tra Sette e Ottocento le "sete bergamasche" raggiungono un posizionamento elevato nel mercato internazionale, facendo leva su costanti investimenti in organizzazione e tecnologia da parte dei "negozianti in seta", in parte di origine svizzera, insieme ai nobili e ad altri imprenditori locali. Il setificio bergamasco beneficia anche di elementi come la diffusa abilità delle donne e dei capomaestri nel delicato lavoro delle sete e il ruolo delle istituzioni nel tutelare le imprese e promuovere un'innovazione prudente, ma diffusa.

Il tempo dentro le cose

Calzini Augusto; Andreanelli M. G. (cur.)
Aras Edizioni 2018

Non disponibile

17,00 €
"C'è nell'uomo una forza interna che non bisogna combattere o fiaccare attraverso azioni per così dire di successo o che appaiono di successo, ma che in realtà sono di non conoscenza di sé. Bisogna conoscere se stessi, dicevano gli antichi, più uno conosce se stesso e più sa che cosa crea la sua felicità: non c'è felicità maggiore che andare a trovare una risposta a ciascuna cosa che uno desidera, come non c'è cosa migliore che continuare a vedere farfalle della stessa specie, colorate in mille modi diversi, di conoscere queste farfalle, di apprezzarle e di sapere che non è finita la speranza, ma che per il domani occorre questo, cioè godere la qualità, aldilà di quello che è quantitativo che è effimero e che produce solo effetti effimeri" (1996, conclusione Convegno di macrobiotica). "Ho cercato di offrire, a chi legge, un aspetto sconosciuto del carattere di Augusto, al di là della figura pubblica severa, rigorosa e attenta, quello cioè di una persona di grande sensibilità, che si ripiega su se stessa e ascolta il suo cuore, affrontando con perseveranza, attenzione e grande lirismo gli aspetti più diversi della realtà e della natura: fatti, esperienze, uomini e Urbino." (La curatrice)

Torri Lana 1885. Archives and...

Studiocharlie (cur.)
Rubbettino 2018

Non disponibile

48,00 €
"L'archivio Torri Lana è costituito da tessuti e documenti cartacei. All'interno di questi due gruppi si possono fare numerose suddivisioni perché esistono diversi livelli di lettura per ricostruire la lunga storia dell'azienda. Raramente i livelli possono restare ben separati l'uno dall'altro: nella maggior parte dei casi, come è normale che sia, si intersecano e si sovrappongono e ognuno di essi diventa un archivio a sé. Abbiamo cominciato ad esplorare questi numerosi archivi con la volontà di ricostruire un racconto chiaro, ma senza mai perdere la ricchezza di stimoli che deriva dall'eterogeneità dei materiali trovati. Nelle sale che raccolgono i campioni di tessuto abbiamo visto la grande produzione storica, che risale agli inizi del Novecento, quando Torri Lana produceva tessuti in lana per l'abbigliamento femminile, coperte, copriletto e vari tipi di feltri. In altri scaffali sono conservati tutti i tessuti per l'arredamento, che riguardano principalmente un arco temporale che parte dagli anni Settanta-Ottanta e arriva fino ad oggi. Nell'archivio cartaceo, tra i numerosissimi documenti, troviamo lettere scambiate con clienti e fornitori, disegni e progetti, ordini e fatture, fotografie, materiali promozionali, documenti di acquisto a cessione di proprietà, materiali pubblicitari di macchinari e documenti sulla famiglia Torri. Tanti dei materiali analizzati hanno una qualità estetica molto alta, al di là dell'importanza che singolarmente assumono per la ricostruzione di un pezzo di storia, e abbiamo deciso di farci guidare anche da questo nella selezione. Durante la ricerca è stato subito evidente che non avrebbe avuto senso seguire un ordine cronologico. I diversi livelli andavano esplorati contemporaneamente e inquadrati in un'unica visione che si sarebbe formata strada facendo. Lo stesso abbiamo fatto quando è arrivato il momento di riordinare il tutto per la pubblicazione. I materiali scelti e riprodotti in questo volume non sono schiacciati in una linea temporale, ma si presentano allettare quasi come si sono presentati a noi. Per questo motivo il libro non ha un indice e ogni gruppo omogeneo di documenti parla la sua lingua e interpreta la storia, passata a recente, a modo proprio. II racconto del presente produttivo dell'azienda è stato affidato a sguardi esterni, che hanno conosciuto gli stabilimenti Torri Lana proprio in occasione della realizzazione di questo progetto."

Economia del tessile sostenibile:...

Pagliarino Elena
Franco Angeli 2016

Non disponibile

26,00 €
In un mondo sempre più globalizzato, gli abiti sono il frutto di un lungo processo produttivo dove origine delle materie prime, luoghi di lavorazione e consumo diventano più lontani tra loro. Così le scelte delle imprese e dei consumatori hanno ricadute economiche, ambientali, sociali ed etiche sempre più complesse e difficili da controllare da parte del singolo attore socioeconomico. In questo panorama, si fa lentamente strada una nuova sensibilità per cui bello e buono, estetica ed etica sono concetti conciliabili, necessari e strategici per il futuro della moda e del nostro pianeta. Il libro presenta un caso di innovazione nel campo della Filiera Tessile e Abbigliamento (T&A): l'utilizzo di lana rustica italiana, scarto dell'allevamento ovino, per la produzione di capi di sartoria e maglieria. Questo lavoro descrive l'analisi economica condotta sui casi di impiego di lana rustica per il T&A operativi in Italia, in particolare la filiera toscana realizzata nell'ambito del Progetto FTS. Il libro ci aiuta a capire che un cambio di paradigma è possibile. Il tessile sostenibile può essere veicolo di progresso e innovazione, tutela dell'ambiente, sviluppo per l'allevamento ovino, valorizzazione del territorio e delle sue risorse, sostegno del mestiere artigiano e piena soddisfazione del consumatore finale. È necessario continuare a investire in ricerca e innovazione, sensibilizzare i consumatori e sostenere le imprese coraggiose.

The Fabric. Vitale Barberis...

Boyer B. G. (cur.)
Skira 2014

Non disponibile

60,00 €
Un libro - che è anche un oggetto da collezione - racconta il mondo Vitale Barberis Canonico dove classico e contemporaneo si incontrano, si influenzano e creano uno stile unico. Per celebrare i 350 anni della storica azienda del Made in Italy il volume non si perde nel banale racconto storico o nella descrizione del prodotto ma si addentra nei retroscena più nascosti di un lavoro antico ed evoca le peculiarità dei nuovi gentlemen. Attraverso un saggio del giornalista americano Bruce Boyer scopriremo il lavoro dei "designer behind the designer" ovvero di quelle persone che, disegnando i pattern dei tessuti, influenzano i grandi stilisti del nostro tempo. Il fotografo Fredi Marcarini svelerà, attraverso l'interpretazione di 10 pattern classici, le peculiarità umane del nuovo gentleman.

La fabbrica delle pantofole...

Calzini Augusto
Aras Edizioni 2014

Non disponibile

12,00 €
La fabbrica delle pantofole è passata su Urbino come una meteora. Una vita breve che ha portato con sé dubbi irrisolti in un cammino tortuoso nel quale, tuttavia, è possibile individuare un esatto filo conduttore contraddistinto da decisioni a volte incomp

Rivolta Carmignani. Un secolo e...

Segramora Rivolta Paola
Marsilio 2013

Non disponibile

35,00 €
Viene ricostruita la storia della Rivolta Carmignani, un'azienda tessile italiana della Brianza, che dal 1867 è specializzata nella produzione di biancheria di lusso, destinata al mercato alberghiero e della ristorazione. Fondata da Leopoldo Rivolta, è tutt'ora nelle mani degli esponenti della quinta generazione che proseguono il suo operato con particolare attenzione alla scelta dei filati, dei tessuti e degli orditi che ne caratterizzano la lavorazione e la massima qualità nel tempo. Il volume quindi ripercorre le vicende di un lungo cammino intrapreso nella seconda metà dell'Ottocento in primis dal fondatore e poi da Luigi, dai suoi figli e successivamente dai nipoti: la realizzazione a Macherio della fabbrica, sede della storica azienda, il commercio in Italia e all'estero, la partecipazione alle esposizioni d'Arte e d'industria, la creazione di lenzuola e tovaglie cangianti con disegni derivati dalla rivisitazione degli stili storici o di ispirazione Liberty e Decò, nonché la collaborazione con artisti dell'epoca e con famose firme della moda come Roberta di Camerino e la marchesa Olga de Gresy. Il racconto prosegue fino agli anni più recenti caratterizzati dalla conquista di nuovi mercati: Nord America, Medio Oriente e Asia.

Vicende di un piccolo imprenditore....

Mariani Flavio
Ugo Mursia Editore 2013

Non disponibile

18,00 €
Gli anni della guerra, la Resistenza, la ricostruzione, il boom economico, il Sessantotto e gli anni Ottanta fanno da sfondo alla nascita e allo sviluppo dell'attività di Flavio Mariani, brianzolo di nascita e di temperamento che a poco a poco costruisce il suo piccolo impero a partire dal mestiere del padre e diventa con tenacia e intuizione imprenditore tessile. Dai primi anni della gavetta, senza capitali e con mille difficoltà, all'attività di ambulante, prima con un barroccio trainato da un cavallo e poi con una Balilla, fino alla grande avventura della confezione in serie, l'autore offre uno sguardo particolare sulla rivoluzione industriale italiana partendo dalla propria esperienza di vita e di lavoro, un percorso intriso di intuizioni geniali, casualità, rischi e ostacoli quotidiani che hanno fatto crescere con successo un progetto e un'azienda, leader nel suo settore e vincitrice nel 1980 del premio "Milano che lavora". Una vita, un'impresa, una storia che raccontano una pagina dello sviluppo economico del nostro Paese e che possono dare molti spunti e suggerimenti alle future generazioni.

Colore e civiltà

Calderoni Primo
L'Autore Libri Firenze 2013

Non disponibile

23,00 €
L'industria tessile ha origini molto lontane: è forse la più antica industria creata dall'uomo. La storia del colore viene subito dopo e, dai reperti archeologici delle più antiche civiltà, riaffiorano sempre gli usi dell'arredamento delle case e del vestiario. Il nostro è un mondo colorato e l'attrazione per i colori fa parte della natura umana. Dapprima l'uomo si servì della pelle e del piumaggio degli altri animali, poi gli abiti se li confezionò da sé. Nacque così l'industria tessile; in natura si trovava tutto l'occorrente: fibre e colori. Bastava cercarli.

Il modello organizzativo nello...

Aiello Lucia
Aracne 2013

Non disponibile

12,00 €
L'innovazione ha permesso di modificare la percezione dell'ambiente e del suo ruolo nelle organizzazioni. Le Nuove Tecnologie e gli ambienti virtuali hanno rimodulato il concetto del tempo e dello spazio, lanciando sfide continue e mettendo in discussione le certezze acquisite. In questo contesto un'organizzazione aziendale deve perseguire modelli innovativi e dinamici, considerando non solo le parti stereotipate. Questo lavoro riflette, senza schemi rigidi, sul modello organizzativo nell'era della rete e della conoscenza, confrontando ed integrando alcune teorie organizzative e strategiche. È stato così definito il network 2.0 model, che è basato sul concetto di space-action proposto. La ricerca si è focalizzata sul settore tessile e abbigliamento, proponendo un confronto tra l'Italia e la Cina. La disamina di alcuni case history ha consentito di individuare i principali fattori di successo di alcune aziende del settore.

Produzione serica, cultura...

Marcelli Angelina
Aracne 2013

Non disponibile

16,00 €
Il volume, basato prevalentemente su fonti inedite, ricostruisce accuratamente l'evoluzione del settore serico in età contemporanea, alla luce del più generale contesto economico-istituzionale, sia nazionale che internazionale. In particolare, l'autrice, attraverso un approccio comparativo tra le diverse realtà produttive italiane, si sofferma sulle innovazioni tecnico-economiche che hanno interessato il settore serico, implementandone la produttività ma nel contempo determinando un processo di settorializzazione/separazione tra la dimensione agricola (gelsibachicoltura) e quella industriale (trattura e filatura). L'analisi rigorosa degli effetti economici delle innovazioni produttive e dell'intervento pubblico nel settore serico, con particolare riguardo per l'esperienza calabrese, induce a mettere in discussione il consolidato paradigma storiografico sull'arretratezza e sul declino del settore serico, tradizionalmente collocato a metà Ottocento come effetto della crisi economica causata dalla diffusione della pebrina.

La stoffa del ragioniere....

Soggia Antonio
Laterza 2013

Non disponibile

18,00 €
"Ci sono storie di famiglia che riguardano soltanto una casa, una linea di discendenza, un padre e una figlia. E ci sono storie di famiglia che sono tutto questo, e molto di più. Che vanno oltre i legami di sangue, incrociano una comunità, coinvolgono altre famiglie, generano ricchezza per il territorio, costruiscono un'impresa, un ambiente, uno stile, un modo di essere. La storia raccontata in questo libro appartiene a questo secondo genere. La storia di Franco Miroglio incrocia quella di molte altre famiglie. A cominciare dalla mia" (dalla Prefazione di Aldo Cazzullo). Tra i protagonisti della generazione dei capitani di industria che, nei decenni del secondo dopoguerra, contribuirono a costruire il miracolo economico italiano, Franco Miroglio (1924-2008) trasformò l'impresa familiare ereditata nel 1955 insieme al fratello Carlo in una società multinazionale, terza per importanza tra le industrie italiane del tessile e abbigliamento. Fortemente legato al suo territorio di origine, Alba e le Langhe, "il Ragioniere" non pose limiti geografici alla propria attività e fece entrare il gruppo Miroglio nel novera dei grandi nomi europei del settore, sperimentando soluzioni produttive e tecnologiche, assetti organizzativi e scelte commerciali di assoluta avanguardia nel panorama nazionale. Con l'ausilio di fonti documentali e di testimonianze orali, Antonio Soggia racconta come Miroglio impresse nello sviluppo dell'impresa il suo carattere e la sua personalità.

Appunti di maglia. Intrecci e fili....

Polistampa 2013

Non disponibile

12,00 €
Una serie di testimonianze sulla nascita e lo sviluppo delle imprese sorte a Signa nel periodo della ricostruzione post-bellica e del boom economico, raccolte direttamente dai protagonisti o dai loro discendenti. Un patrimonio di esperienze lavorative e imprenditoriali, che rischiava di venire dimenticato, il cui contributo allo sviluppo economico e alla trasformazione sociale meritava una riflessione, che può essere utile nella situazione di crisi che stiamo vivendo. Testi di Terza Agnoletti, Nicoletta Battisti, Maria Anita Borgioli, Gabriella Ceccarelli, Alfina Favara, Laura Lombardi, Anna Panerati, Concetta Todaro.

Lo stile su misura. La sartoria...

Zacchè Gilberto
Sometti 2013

Non disponibile

12,00 €
La storia di Bianca Piccinini e della sua Sartoria è una delle tante vicende italiane che spesso accompagnano il racconto della ricostruzione post-bellica: titolare della sartoria già a 17 anni, all'alba del conflitto, fu costretta, come i più, a rincorrer

La valle che fila

Pozzi Alessandra
Lubrina-LEB 2013

Non disponibile

10,00 €
"Ogni libro nasce da una ragione, a volte più di una. Questa volta c'erano voci lontane che premevano per farsi raccontare, oggi. Voci disperse lungo i paesi della Valle Seriana e della Val Gandino, tra le storie di fine Ottocento e la prima metà del Novecento, a partire dalla seta per arrivare al cotone, dentro il mondo dei campi, ma soprattutto dentro la fiorente industria tessile della Val Seriana. Mondi lontani, certo, ma che ancora in tanti abbiamo appena dietro le spalle e qualcuno se li porta ancora dentro, non volendo lasciarli morire. Questo libro nasce dall'idea di raccogliere e mantenere vive le nostre voci che non cantano più." (dalla prefazione di Alessandra Pozzi)

Ciocca 1912-2012. Cento anni di...

Martignoni Massimo
Skira 2012

Non disponibile

50,00 €
Un traguardo importante, i cento anni di attività, è l'occasione per raccontare un percorso aziendale profondamente intrecciato con la vicenda generale del tessile in Italia. Il secolo di vita compiuto dal Calzificio Ciocca corrisponde infatti, per tempi e risultati, a una delle centrali esperienze industriali italiane del ventesimo secolo. Non si celebra tuttavia in questo volume una nostalgica rimembranza di fasti trascorsi. Spinti dall'esempio del fondatore Luigi Ciocca e del figlio Giuseppe, artefice del consolidamento del marchio, i Ciocca della terza e quarta generazione non si trovano impreparati. Le trasformazioni del settore li hanno portati a individuare una più elastica strategia manageriale, non imperniata come nel passato sul processo produttivo, spingendoli al tempo stesso a una riconversione quasi antropologica della loro identità imprenditoriale: aperta alle sollecitazioni del mondo dell'arte contemporanea e della moda, consapevole del proprio agire in uno scenario internazionale. Ciocca 1912-2012. Una storia che continua.

Seguire il filo di seta. Dalla...

Ragosta Rosalba
Arte Tipografica 2012

Non disponibile

15,00 €
Ampiamenti riveduti alla luce degli avanzamenti di conoscenza registratisi negli ultimi decenni, i capitoli di questo volume consentono di gettare uno sguardo concreto e ravvicinato su taluni temi di storia industriale, sociale e culturale legati alla seta di Napoli e della grande area napoletana.

Relazioni e conoscenza per...

Ranfagni Silvia
E-piGraphe 2012

Non disponibile

9,90 €
Il lavoro mette in luce il rapporto tra la struttura dell'impresa e la propensione all'innovazione, sottolineando come solo all'interno di un'azienda organizzata, che può fare affidamento su capacità e professionalità, esiste un terreno fertile per dare vita a produzioni innovative ed a nuovi processi. Il lavoro che segue dimostra come anche in un'impresa di piccole dimensioni possa esserci spazio per processi innovativi basati sulla creatività e la preparazione tecnica, caratteristiche che hanno contribuito alla fortuna del distretto tessile pratese che su queste fondamenta potrà ancora riuscire a competere sui mercati mondiali. È però necessario un elemento fondamentale: la voglia di crederci, che deve animare ogni imprenditore che decide di operare in un determinato settore.

L'economia delle aziende di...

Giacosa Elisa
Giappichelli 2011

Non disponibile

43,00 €
Le collezioni, le sfilate e l'attenzione dei media sono l'aspetto più evidente del fenomeno moda nel comparto dell'abbigliamento. Se il consumatore è solito identificare un articolo della moda con lo stilista che ha firmato la collezione, esso è il frutto dell'operare di un insieme di soggetti economici lungo la filiera produttiva-distributiva, che hanno cooperato per la creazione dello stesso e la sua disponibilità sul mercato. La complessità del sistema moda e, come conseguenza, della realtà aziendale genera la compresenza di due nuclei all'interno del sistema azienda: quello creativo, orientato alla creazione di un'identità stilistica permanente, nonché all'identificazione dei temi stilistici stagionali e delle conseguenti collezioni, e quello manageriale, che deve saper imporre sul mercato un'identità di marca, attraverso adeguate strategie di prodotto ed un corretto posizionamento. Il libro approfondisce le peculiarità ed i processi di management più sintomatici delle aziende di abbigliamento. Tra queste, vi sono sia imprese che operano soltanto nel campo dell'abbigliamento sia aziende che hanno ampliato la loro offerta su più settori. L'approccio di studio è orientato sia alle aziende del lusso sia ad aziende con un target di prezzo medio-basso, evidenziando le differenze. In particolare, si è scelto di focalizzare l'attenzione sul nucleo caratteristico delle aree funzionali, ossia il Prodotto e Stile, la Produzione e Logistica ed il Marketing e Commerciale.

Le tele del principe. Una...

Di Vita Fabio P.
Giappichelli 2011

Non disponibile

26,00 €
La presente ricerca è volta ad analizzare l'iniziativa imprenditoriale promossa, nel settore tessile, da Vincenzo Paternò Castello, sesto principe di Biscari. La Sicilia disponeva delle materie prime necessarie alla lavorazione di diversi manufatti tessili, ma occorreva utilizzarle al meglio, anche attraverso nuovi impulsi che servissero a frenare il progressivo regresso delle telerie locali dinanzi alla forte diffusione di quelle estere. Sul finire del secolo, con l'intento di valorizzare terre e maestranze dei suoi feudi, il nobile siciliano costituì pertanto un opificio destinato alla lavorazione di filati e tessuti in lino, canapa e cotone.

T2 P greco. Area tessile reportage

Veronesi C. (cur.)
Ibis 2011

Non disponibile

20,00 €
"T2 P greco. Area tessile reportage", perché questo titolo? La formula dell'area del cerchio giocosamente trasformata in formula rappresentativa dell'area tessile nella sua globalità. Come marchio dell'evento e contenuto del progetto. Come report sul compa

L'assedio cinese. Il distretto...

Pieraccini Silvia
Il Sole 24 Ore 2010

Non disponibile

14,00 €
Zara e H&M sono ormai fenomeni di successo, studiati e imitati. Ma c'è un altro gigante dell'abbigliamento low cost che ha conquistato i mercati europei (e non solo) con un modello che sorprende ancora di più, perché non ha brand, non ha negozi, non investe in marketing né in comunicazione, ma fa leva soltanto sul passaparola e sull'etichetta made in Italy. Quel "gigante" produttivo-distributivo è il distretto cinese degli abiti di Prato, l'unico in Italia che nei due anni più terribili per l'economia mondiale ha continuato a galoppare incurante della crisi. Anche se nessuna statistica l'ha rilevato, perché si nutre di illegalità e manodopera clandestina. Una fabbrica strabiliante per produttività e addetti, tale da meritarsi un articolo a tutta pagina persino sul Financial Times. Ora si corre il rischio che il distretto cinese, che finora ha viaggiato su binari paralleli al tradizionale distretto tessile di Prato, si infiltri nell'economia locale e ne soffochi lo sviluppo. L'ombra delle organizzazioni criminali si è già allungata. E se Prato fosse solo la prima tappa dell'assalto al manifatturiero italiano?