Interazione sociale

Filtri attivi

La via del Sud

Musatti Riccardo
Donzelli 2020

In libreria in 3 giorni

19,00 €
Gli anni cinquanta hanno costituito, per il Mezzogiorno, un periodo di grandi cambiamenti strutturali e sociali. Intrecciando elementi storico-descrittivi a mutamenti ideologici, il libro di Musatti, rappresenta un documento di impressionante lucidit Il pamphlet si proponeva di individuare i fattori che avevano determinato l'indebolimento dell'originaria struttura meridionale. La grande rivoluzione sociale ed economica generata dall'emigrazione, la scarsa riuscita delle alleanze di stampo gramsciano tra operai del Nord e contadini del Sud, i parziali insuccessi della Cassa del Mezzogiorno come ente autonomo, sono solo alcuni tra i fattori di una trasformazione convulsa, che non riusca raggiungere l'obiettivo di una vera crescita del Sud, pur in presenza di uno scenario dominato da un intervento statale senza precedenti. La via del Sud rappresenta un'analisi puntuale di tutte le grandi problematiche radicate nel Mezzogiorno, di cui Musatti aveva conoscenza diretta grazie alla sua esperienza di "meridionalista" del Movimento di Comunit La conoscenza della realt di ciche era gistato fatto e tentato e, soprattutto, la consapevolezza di quello che si sarebbe potuto fare, sono i punti fondamentali di quest'analisi del Sud nel momento di massima espansione delle politiche dell'intervento straordinario.

La specie meticcia. Introduzione...

Calzolaio Valerio
People 2019

In libreria in 3 giorni

18,00 €
È ora, che ci piaccia o meno, di riconoscerci come specie meticcia. Le migrazioni mescolano di continuo la diversità delle specie e le reti di cooperazioni, simbiosi e reciproche dipendenze negli ecosistemi. Ogni individuo è il prodotto di geni trasmessi nel corso del tempo e di geni adattatisi ai luoghi e agli eventi. Le migrazioni al tempo di Homo sapiens aggiungono via via qualcosa. Non si tratta di emigrazioni solo umane, non si tratta mai di immigrazioni solitarie, vi sono sempre articolazioni ambientali ed economiche. Nel lungo periodo si sono sovrapposte e incrociate migrazioni da e verso più direzioni. In parallelo, stratificazioni genetiche, biologiche, culturali hanno reso ogni luogo ed ecosistema antropologicamente meticcio. Ogni individuo è quindi un mosaico genetico a sé stante, e forse nessuno è propriamente "autoctono".

Gli esperimenti nelle scienze sociali

Rago Marina
Franco Angeli 2018

In libreria in 3 giorni

30,00 €
Con un lavoro durato anni, l'autrice confronta le caratteristiche di una cinquantina di lavori riconosciuti come esperimenti in tre scienze umane (psicologia, sociologia, scienza politica) con i requisiti del metodo sperimentale secondo il modello classico ideata da Galileo e codificato da Torricelli. Descrivendo uno per uno questi esperimenti, riscontra che anche i più celebrati violano molti di questi requisiti, per cui a rigore possono essere definiti delle eccellenti ricerche, alcune delle quali (per es. Milgram, Asch, Zimbardo) hanno lasciato tracce nelle rispettive discipline e nell'opinione pubblica, ma non degli esperimenti. In molti dei saggi che riportano i risultati, inoltre, gli autori non si sono nemmeno preoccupati di precisare come hanno impostato alcuni aspetti fondamentali, rendendo impossibile valutare tali aspetti ma nel contempo denunciando una scarsa sensibilità metodologica.

L'epoca delle passioni tristi

Benasayag Miguel; Schmit Gérard
Feltrinelli 2013

In libreria in 3 giorni

8,50 €
I servizi di psichiatria vedono crescere il numero di giovani che accusano forme di disagio psichico. Un fatto allarmante, che più che il segnale di un aumento delle patologie, è il sintomo di un malessere generale che permea la società. Un fenomeno che costringe a interrogarci su che cosa si basi la nostra società, su quali siano le cause delle paure che ci portano a rinchiuderci in noi stessi. I problemi dei più giovani sono il segno visibile della crisi della cultura occidentale fondata sulla promessa del futuro come redenzione laica. Si continua a educarli come se questa crisi non ci fosse, ma la fede nel progresso è sostituita dal futuro cupo, dalla brutalità che identifica la libertà con il dominio di sé, del proprio ambiente, degli altri.

L'interazione strategica

Goffman Erving
Il Mulino 2009

In libreria in 3 giorni

12,00 €
L'interazione faccia a faccia "non è mai soltanto e non è sempre una forma di comunicazione": sta qui racchiusa la brillante intuizione al centro di quest'opera, tra le maggiori di Goffman. Cos'altro c'è, dunque, nei rapporti diretti che quotidianamente intratteniamo con i nostri interlocutori? Elementi di competizione che caratterizzano l'interazione come una sequenza di scelte "strategiche" nel contesto di un gioco. In questa illuminante prospettiva sono analizzati i presupposti e le mosse fondamentali di un incontro faccia a faccia, le regole cui deve sottostare, i vincoli ambientali, i tipi di gioco. Un modo originale di vedere i rapporti sociali e le occasioni di incontro, nel consueto e variegato palcoscenico della vita quotidiana di cui Goffman rimane ineguagliato scopritore e interprete.

Conflitti e interazione in famiglia

Arcidiacono Francesco
Carocci 2007

In libreria in 3 giorni

12,00 €
Che cosa si intende per conflitti? In quale modo vengono affrontati e gestiti all'interno della famiglia nel corso delle conversazioni quotidiane? Partendo da queste domande, il volume descrive alcuni aspetti dei conflitti verbali tra genitori e figli preadolescenti, con l'idea che tali situazioni costituiscano una parte essenziale della vita familiare. Accanto a riferimenti teorici e metodologici generali, particolare attenzione è dedicata all'analisi di dati conversazionali nell'ottica della psicologia culturale.

Comunicare interagendo. I rituali...

La Mendola S. (cur.)
UTET Università 2007

In libreria in 3 giorni

45,00 €
Cosa avviene in una classe scolastica? E a teatro? Come si interagisce su un luogo di lavoro? E quando si partecipa ad un rituale sportivo o religioso? Come stanno insieme i corpi e come giocano le differenze e le disuguaglianze? Come agisce il potere, da cosa e come si viene sedotti e affascinati? Che c'entrano il tempo e lo spazio con tutto ciò? Questi sono alcuni degli interrogativi che hanno mosso chi ha scritto le pagine del presente volume. L'intento è di mostrare le prospettive che analizzano le forme della costruzione di ciò che viene chiamata società. Il testo prende in esame i rituali, le dinamiche di interazione, perché comunicazione significa azione in comune. Si guarda a come nella vita quotidiana prendono corpo le vicende degli esseri umani, a come si costruiscono e vengono giocati il senso e il significato del vivere. Il volume si articola in tre parti. Nella prima, si illustrano le prospettive teoriche, le tradizioni di studio più utili per l'esplorazione dell'interazione. Nella seconda parte, vengono presentati alcuni concetti centrali, i fili rossi che fanno da guida ad un'analisi attenta e sfaccettata della comunicazione faccia a faccia. Nella terza parte, infine, si prendono in considerazione alcune delle occasioni sociali entro le quali gli attori conducono la vita quotidiana.

Comunicazione e significazione

Piromallo Gambardella Agata; Lando Arturo; Salzano Diana
QuiEdit 2007

In libreria in 3 giorni

25,00 €
Comunicazione & Significazione sono i due termini chiave che ispirano e raccordano i molteplici contributi teorici qui raccolti, impegnati a mettere in luce le prismatiche valenze sia della produzione che della comunicazione di senso dell'agire socio-umano in un'epoca segnata da profondi mutamenti strutturali e soggettivi. Il mediascape contemporaneo in cui siamo tutti immersi gioca un ruolo fondamentale nella strutturazione dell'immaginazione sociale, delle "comunità di sentimento", delle forme neo-tribali di aggregazione. La pluralità dei codici analogici dei mass media e dei codici digitali dei new media attualizza nella pragmatica della comunicazione quotidiana dei progetti di significazione che creano un persistente corto circuito semantico tra i diversi ambiti. Scopriamo così che i fenomeni di Significazione e Comunicazione trovano sempre nuovi punti di contatto e di fusione. La prospettiva relazionale ci aiuta a comprendere come essi interagiscano nel "sistema culturale", contribuendo costantemente sia a rigenerarlo sia a renderlo permeabile alle problematiche adattive dei gruppi sociali ed al problema della valorizzazione della persona. Questo volume raccoglie gli Atti del VI Seminario Nazionale "Spe-Com" (Sociologia per la persona - Comunicazione), che si è svolto nelle Università di Salerno e Suor Orsola Benincasa di Napoli nei giorni 22 e 23 giugno 2006.

Lo zen e l'arte della comunicazione

Ottaviani Giovanni
Il Punto d'Incontro 2006

In libreria in 3 giorni

9,90 €
La comunicazione è alla base del nostro successo nella vita e non si limita a una serie di parole messe in un certo ordine, ma avviene (per circa il 93%) tramite la gestualità delle mani, il tono di voce, le espressioni del viso e le movenze del corpo. Attraverso le tecniche della Comunicazione Zen è possibile scoprire i segreti di particolari meccanismi, che si producono spesso in maniera inconscia, e migliorarli. Grazie a insegnamenti originali, innovati e semplici da mettere in pratica, adatti a qualsiasi tipo di persona, potremo raggiungere l'eccellenza in ogni ambito della vita: sentirsi a proprio agio davanti agli altri saper affrontare il pubblico, trasmettendo simpatia, carisma e fiducia impostare un tono della voce adeguato e utilizzare le parole adatte; respirare correttamente; scoprire i benefici delle tecniche di rilassamento e di meditazione; controllare l'emotività e lo stress quotidiano; affinare la sensibilità di percepire gli altri e le loro emozioni; interpretare il linguaggio della gestualità; migliorare la fluidità, l'equilibrio e l'eleganza dei movimenti del corpo, rendendoli maggiormente espressivi, coinvolgenti e aggraziati.

Integrazione. Il modello Italia

Impagliazzo M. (cur.)
Guerini e Associati 2013

In libreria in 5 giorni

12,00 €
È possibile oggi pensare un "modello italiano" per le politiche di integrazione, che tenga conto delle caratteristiche demografiche ed economiche, della storia e della tradizione culturale del nostro Paese. È il fatto nuovo che emerge dalle pagine di questo volume. Una "cultura diffusa" dell'integrazione già si manifesta spontaneamente nelle famiglie, nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nelle associazioni, negli enti locali. È tempo che essa permei anche lo Stato, e che una regia statale gestisca l'immigrazione, accompagni il passaggio dall'emergenza a opportune politiche di integrazione. È ciò che è accaduto a partire dal novembre 2011, con la creazione di un ministero per la Cooperazione internazionale e l'Integrazione. "La nostra può essere una città migliore. Per chi viene da altre storie, per chi viene dalla nostra storia. Per chi costruirà, d'ora in poi, l'unica storia degli italiani di domani. C'è un gap da colmare, c'è una casa comune da edificare. Al di là degli umori, dei luoghi comuni, delle parole gridate o superficiali. Perché la realtà - ed è la realtà che ci viene presentata in questo volume - ci dice che i tempi sono cambiati, sono maturi, che è giunto il momento di passare dall'emergenza e dal silenzio all'integrazione" (dalla presentazione di Marco Impagliazzo). Contributi di Lorenzo Bini Smaghi, Gianpiero Dalla Zuanna, Umberto Eco, Andrea Riccardi.

La burocrazia. Natura e patologie

Poggi Gianfranco
Laterza 2013

In libreria in 5 giorni

14,00 €
Il fenomeno burocratico è universalmente presente nelle società contemporanee. In ciascuna presenta effetti riprovevoli così vari e molteplici da far dimenticare per quali ragioni storiche e concettuali la burocratizzazione ha costituito l'indispensabile dimensione amministrativa nei processi di modernizzazione e razionalizzazione della società, in contesti sia pubblici che privati. Dopo aver affrontato questo tema nella prima parte, nella seconda l'opera considera varie patologie tipiche della struttura e del funzionamento degli assetti burocratici. Distingue alcune patologie dovute a fenomeni che hanno ritardato e ostacolato la burocratizzazione, rendendola incompleta e difettosa, da quelle più massicce e visibili che essa produce quando invece viene realizzata in misura eccessiva. Fenomeni di questo secondo tipo sono stati identificati e lamentati molto diffusamente nella letteratura e nel discorso pubblico contemporaneo, specie quello d'ispirazione neo-liberale. Per questo la terza parte sottopone a una disamina critica gli argomenti in questione, riaffermando la necessità e legittimità della gestione consapevole, politicamente ispirata, di alcuni aspetti della vita sociale che altri vorrebbero invece affidare esclusivamente al mercato.

La casa lontano da casa. Romeni e...

Ponzo Irene
Carocci 2009

In libreria in 5 giorni

16,50 €
L'accesso alla casa è un aspetto cruciale del processo di integrazione degli immigrati e, allo stesso tempo, uno dei più critici. Trovare un'abitazione adeguata e riuscire a mantenerla sta infatti diventando sempre più difficile per una larga fascia di popolazione e, in modo particolare, per gli stranieri. Alla luce di queste dinamiche, il volume indaga i processi di inserimento abitativo degli immigrati esplorando non solo l'area dell'affitto, ma anche il passaggio alla proprietà, compresi gli effetti perversi che ne possono seguire. Accanto all'esame delle dimensioni più tradizionali della sostenibilità economica e delle condizioni abitative, si sono inoltre approfondite le relazioni che si intrecciano attorno alla casa a partire da quelle con gli italiani nelle loro differenti vesti di proprietari, mediatori, vicini di casa. L'analisi di questi aspetti prende forma attraverso la comparazione tra famiglie romene e marocchine. Il confronto fa emergere diversi fattori capaci di influenzare i percorsi abitativi: i modelli familiari e i rapporti di genere, i pattern migratori, l'anzianità di residenza e lo status giuridico, e modalità di inserimento nel mercato del lavoro e le aspettative nei confronti delle istituzioni pubbliche. L'abitare costituisce dunque un punto di osservazione privilegiato dell'inclusione degli immigrati che riflette quanto avviene nelle altre sfere di vita e rappresenta un oggetto di analisi estremamente articolato.

Transilvania rossa. Il comunismo...

Bottoni Stefano
Carocci 2007

In libreria in 5 giorni

20,00 €
Come hanno interagito nella seconda metà del Novecento classe e nazione, identità politiche e vincoli etnoculturali in una regione multinazionale come la Transilvania? Il volume analizza la dimensione quotidiana della convivenza interetnica in una società di tipo sovietico cogliendo nella svolta post 1956 delle politiche nazionali romene, dovuta a una percezione "etnicizzata" della rivoluzione ungherese, la radice del progetto di comunismo nazionale attuato dopo il 1965 da Nicolae Ceausescu.