Diritto internazionale umanitario

Filtri attivi

Conflitti armati interni e...

Caracciolo I.
Giappichelli 2016

Disponibile in 5 giorni

18,00 €
Il volume raccoglie gli atti del Convegno su: "Conflitti armati interni e regionalizzazione delle guerre civili", che si è tenuto il 19 febbraio del 2015 a Roma, presso il Centro Alti Studi per la Difesa. Il tema della giornata di studio si caratterizza per la sua attualità, basti pensare alla guerra in Siria, o alla c.d. guerra globale contro il terrorismo, ma anche per i delicati problemi circa il regime applicabile ai conflitti internazionalizzati o regionalizzati, che non sono né del tutto interni, ma neanche tipicamente internazionali, nonostante il coinvolgimento, in vari modi, di altri Stati a sostegno del governo preesistente o del gruppo armato organizzato che lo combatte. In una visione dicotomica, in cui ai conflitti internazionali si contrappongono quelli interni, non è facile, in mancanza di un regime ad hoc per le guerre internazionalizzate o regionalizzate, desumere dal diritto preesistente di cui alle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949 e ai loro due Protocolli addizionali del 1977, regole in grado di disciplinare questi nuovi conflitti senza cedere rispetto all'obiettivo centrale della tutela dei diritti umani.

La Corte penale internazionale e la...

Lanciotti Alessandra
Giappichelli 2013

Disponibile in 5 giorni

17,00 €
Il volume tratta in forma sintetica delle principali questioni relative all'esercizio della giurisdizione da parte della Corte penale internazionale, un'istituzione creata con un trattato in vigore dal 2002 cui hanno aderito oltre la metà dei Paesi del mondo allo scopo di porre fine all'impunità di cui godono gli autori dei crimini più gravi che riguardano la comunità internazionale nel suo complesso. Tali sono i crimini contro l'umanità, i crimini di guerra il genocidio e l'aggressione. L'idea di scrivere questo testo nasce dall'interesse dimostrato dagli studenti per il tema della giustizia penale internazionale e dalla personale esperienza dell'autrice che ha preso parte ai negoziati presso la sede ONU per lo stabilimento della Corte penale internazionale.

La ricostruzione giudiziale dei...

Buzzelli Silvia
Giappichelli 2012

Disponibile in 5 giorni

26,00 €
In questo volume si è cercato di impostare una riflessione sul tema della ricostruzione giudiziale dei crimini di guerra nazifascisti in Italia che ponesse in evidenza tre aspetti fondamentali: in primo luogo, la genesi e lo sviluppo (nonché il mancato sviluppo) dell'attività giudiziaria italiana sui crimini di guerra del secondo conflitto bellico mondiale, dall'immediato dopoguerra ad oggi. Quindi, l'analisi e la valorizzazione delle figure del testimone-persona offesa, anche in rapporto al problema del risarcimento del danno (come può essere definito e calcolato un danno che consiste nello sterminio di intere comunità, compresi giovani, bambini e neonati, e a cui si associa la devastazione e distruzione di interi villaggi o insediamenti rurali?). Infine, il collegamento con l'attualità dell'odierno diritto internazionale e umanitario, che riflette una realtà inquietante e tragicamente ricorrente, alla stregua della quale il passato sembra periodicamente rivivere offrendo strumenti di cognizione ed interpretazione.

Sviluppo e diritti umani nella...

Spatafora Ersiliagrazia
Giappichelli 2012

Disponibile in 3 giorni

33,00 €
La dicotomia tra Stati sviluppati e Paesi in via di sviluppo, tra Nord e Sud del mondo è costantemente oggetto dell'attenzione della Comunità internazionale per le evidenti differenze presenti nei livelli di sviluppo e nella tutela dei diritti umani civili/politici/economici/sociali/culturali che impediscono o rallentano Io sviluppo umano dei popoli dei Paesi poveri, soprattutto dei Paesi colpiti da vicende conflittuali o da situazioni di emergenza. Tali problematiche e la ricerca di una loro soluzione sono esaminate e dibattute in seno alle Organizzazioni internazionali - universali e regionali - nello spirito di cooperazione internazionale posto alla base dei rapporti interstatuali secondo principi e norme internazionali riconosciute ed accettate da quella parte della Comunità internazionale che esprime la volontà di costruire un ordine mondiale, garantista dei diritti umani nella loro definita interdipendenza ed universalità, anche con la partecipazione attiva della società civile. Il volume, che nella sua terza edizione si presenta come un nuovo contributo allo studio del complesso e variegato sistema normativo in continua evoluzione - che disciplina la cooperazione internazionale per lo sviluppo come attuata dalla Comunità internazionale e la tutela dei diritti umani, vuole offrire agli studenti ed agli operatori del settore di riferimento lo strumento necessario per approfondire conoscenze e tematiche necessarie per affrontare il mercato del lavoro interno ed internazionale.

I crimini di guerra nel diritto...

Neri Mario
Photocity.it 2019

Non disponibile

10,00 €
L'Europa si trova sempre più spesso al centro di dinamiche globali altamente complesse, ne deriva la necessità per i Paesi e le istituzioni europee di fornire gli strumenti adatti per interpretare tali dinamiche e proporre soluzioni adeguate, dal punto di vista politico, economico e giuridico. Con i conflitti nei Balcani prima e con i tumulti che hanno seguito le Primavere Arabe poi, l'Europa è coinvolta ogni giorno di più in grandi tragedie umanitarie, conflitti, flussi migratori senza precedenti. Questo testo intende analizzare, con un approccio prettamente giuridico, gli strumenti che l'Unione Europea mette in campo per affrontare le spinose questioni che hanno a che fare con i diritti umanitari e i crimini di guerra. Gli autori ritengono infatti quanto mai attuale la necessità di fare chiarezza su temi quali l'integrazione differenziata, la sicurezza comunitaria, il ricorso all'uso della forza nella legittima difesa individuale e collettiva seguendo un criterio analitico e oggettivo.

La Corte di giustizia dell'Unione...

Bevilacqua Stefania Adriana
goWare 2019

Non disponibile

10,99 €
Quando si dice che la Corte di giustizia dell'Unione europea è il "motore dell'integrazione europea" lo si fa a ragion veduta. Essa, infatti, è stata l'istituzione europea che, più delle altre, ha saputo dare seguito alle intenzioni dei Padri fondatori volte alla creazione di uno spazio comune che non fosse solo economico, ma anche sociale e valoriale. Infatti, la sua opera di armonizzazione degli ordinamenti nazionali, si è rivelata, con il tempo, uno degli strumenti più potenti di coesione dei popoli. E ciò anche nei momenti di stallo politico. Questo saggio si propone di far emergere come questa sapiente opera si sia realizzata mettendo in luce essenzialmente il metodo di lavoro della Corte. In particolare si descriverà il dialogo tra i giudici europei e i giudici nazionali nella formazione del diritto europeo e delle tradizioni costituzionali comuni e si analizzeranno le tecniche utilizzate dalla Corte di giustizia per bilanciare le esigenze di integrazione e le istanze sociali e giuridiche degli Stati membri.

Profili ricostruttivi e linee...

Cadin Raffaele
Giappichelli 2019

Non disponibile

22,00 €
Il Diritto internazionale dello sviluppo è da sempre un diritto contestato che guarda al cambiamento senza poterlo realizzare per la semplice ragione che le rivoluzioni non si fanno con il diritto. Eppure, la curiosità intellettuale che lo anima e il suo nascere da situazioni di dominio, sfruttamento e discriminazione lo rendono uno strumento utile ad affrontare le principali dicotomie concettuali e giuridiche del mondo contemporaneo: i contrasti tra la dimensione spaziale e quella temporale dello sviluppo, tra universalità e sostenibilità, tra i Paesi del Sud e del Nord del mondo, tra i diritti delle generazioni presenti e quelli delle generazioni future, tra le esigenze della crescita produttiva e la tutela dell'ambiente e dei diritti fondamentali dell'uomo. Spetterà poi alle giovani generazioni, impegnate in ogni dove in attività di solidarietà internazionale, dimostrare che è possibile costruire un altro mondo basato sull'autodeterminazione delle persone e dei popoli.

Manuale di diritto internazionale

Stu.g.e.s.
Edicusano 2019

Non disponibile

26,00 €
Nella Parte I sono trattati l'origine del diritto internazionale, con la sua definizione, la classificazione e disciplina delle fonti, nonché la regolamentazione dei rapporti con il diritto interno. La Parte II analizza la tematica delle controversie internazionali con la distinzione tra mezzi e procedimenti per la loro risoluzione, dedicando un apposito capitolo al diritto internazionale umanitario. La Parte III del manuale si occupa della responsabilità internazionale riservando specifici capitoli alla regolamentazione dell'uso della forza, alla definizione dell'illecito internazionale ed alle sue cause di esclusione.

La solidarietà tra gli Stati membri...

Morgese Giuseppe
Cacucci 2018

Non disponibile

23,00 €
"Il significativo afflusso di migranti che da anni interessa l'Unione europea ha messo in luce, a partire dalla crisi migratoria del 2015, alcuni problemi 'strutturali' della politica comune in materia di immigrazione e asilo. Tali problemi derivano, in parte, dal fatto che il sistema Schengen, diretto ad assicurare la libertà di circolazione tra gli Stati parte attraverso l'abolizione dei controlli alle loro frontiere interne, lascia il controllo delle frontiere esterne - quelle, cioè, tra lo spazio Schengen e Paesi terzi - ai singoli Stati membri. In altra parte, i problemi risiedono nell'operare del regolamento Dublino che, stabilendo i criteri per determinare quale sia lo Stato competente a esaminare le domande dei richiedenti protezione internazionale, si fonda sulla regola del "Paese di primo ingresso". Il risultato è che alcuni Stati europei - quali l'Italia, la Grecia, Malta e la Spagna - sopportano non solo l'onere di controllare le proprie frontiere esterne per conto di tutti gli Stati Schengen, ma anche quello di accogliere ed esaminare le domande dei richiedenti protezione internazionale e di rimpatriare coloro che non hanno o non hanno più le condizioni per rimanere sul territorio nazionale. Ciò in quanto, com'è noto, le rotte migratorie più utilizzate sono quelle africane che, attraverso il Maghreb e soprattutto la Libia, hanno il loro punto di arrivo in Italia e, in parte, in Spagna; e quella asiatica che, attraverso la Turchia, sfocia in Grecia e nei Paesi balcanici. [...] Ci sembra, pertanto, utile occuparci della solidarietà nell'Unione Europea, con particolare riferimento a quella tra Stati nelle politiche comuni in materia di controllo delle frontiere, di asilo e si immigrazione. Un'indagine di questo tipo trova giustificazione al fine non solo di individuare le caratteristiche e il ruolo che la solidarietà può svolgere, alla luce soprattutto del principio contenuto nell'art. 80 TFUE, ma anche di esaminare le modalità con cui le istituzioni ne hanno sinora dato applicazione." (dall'intoduzione)

War and peace in Colombia. A legal...

Savonitto Chiara
Nuova Cultura 2018

Non disponibile

18,00 €
Il 24 novembre 2016, il governo colombiano e le Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia - Ejército del Pueblo (FARC-EP) hanno firmato un accordo volto a garantire una pace stabile e duratura alla popolazione colombiana. In seguito ad una guerra civile durata per più di cinquant'anni, il più influente gruppo di guerriglieri nel paese ha mostrato la sua determinazione a porre fine alla lotta armata contro lo Stato e a perseguire i suoi scopi politici e ideologici attraverso mezzi legali e democratici. Prendendo ispirazione dai recenti sviluppi riguardanti il caso colombiano, quest'opera mette in risalto il ruolo svolto dal Diritto Internazionale e dalle relative entità giuridiche all'interno del conflitto armato combattuto tra il governo colombiano e le FARC, nonché durante i negoziati che hanno portato alla firma dell'accordo di pace nel 2016. In particolare, il lavoro valuta la conformità delle parti belligeranti con gli obblighi stabiliti da tre principali rami del diritto internazionale: il diritto internazionale umanitario, il diritto internazionale penale e il diritto internazionale dei diritti umani.

I diritti annegati. I morti senza...

D'Amico Marilisa
Franco Angeli 2016

Non disponibile

17,00 €
Solo nel 2015, più di un milione di migranti ha tentato di attraversare il Mediterraneo per arrivare sulle coste europee. Oltre 3.000 di loro sono morti o scomparsi durante il viaggio: cadaveri che rimangono spesso sommersi, e, anche se recuperati, restano senza nome, senza storia. Infatti, negli ultimi 15 anni oltre 30.000 migranti sono morti nelle acque del Mediterraneo: più del 60% giace sepolto, senza identità. Come dare un nome a questi morti? Esiste un dovere giuridico che impone il recupero e l'identificazione di questi corpi? Come garantire il diritto delle famiglie a conoscere il destino dei propri cari? Quali sono le ripercussioni della mancata identificazione sulle famiglie? Due team di ricerca dell'Università degli Studi di Milano cercano di rispondere a questi interrogativi nel volume "I Diritti annegati", partendo dall'esperienza di medici legali e "forensic scientists" che "sul campo" hanno sperimentato negli ultimi anni difficoltà e vuoti normativi che gravitano intorno al mondo dei cadaveri senza identità e offrendo, in un'ottica multidisciplinare, un'analisi delle principali problematiche giuridiche connesse al tema delle migrazioni verso l'Europa. "I Diritti annegati" vuole anche essere una denuncia per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica, della politica, delle Istituzioni nazionali ed europee su un fenomeno drammatico che tocca nel profondo i nostri principi costituzionali, i quali non tollerano ingiustificate distinzioni dettate dal solo fatto di essere nati a nord o a sud del Mediterraneo.

Organizzazioni non governative e...

Tramontana Enzamaria
CEDAM 2014

Non disponibile

33,00 €
Il volume è suddiviso in parti. Nella prima si cerca di disegnare l'evoluzione storica delle ONG nell'ambito della vita giuridica internazionale, dalle origini fino all'epoca attuale. L'indagine ha come obiettivo principale quello di fornire un inquadramento generale del fenomeno in esame, portando alla luce i fattori che ne hanno influenzato lo sviluppo e i caratteri di fondo.

La repressione dei crimini di...

Acquaviva Guido
Giuffrè 2014

Non disponibile

37,00 €
Il volume si propone di identificare quali siano i crimini di guerra consolidatisi nel diritto internazionale consuetudinario e, più recentemente, in quello pattizio e di analizzare le modalità con cui l'ordinamento italiano si sia adattato agli obblighi internazionali in questo campo. La prima parte del libro tratteggia dunque alcuni temi di carattere generale che possano contribuire ad una più agevole comprensione della "parte speciale", anche tramite riferimenti alla normativa italiana, rilevante per comprendere gli obblighi assunti sia dal legislatore costituente italiano che in sede di autorizzazione alla ratifica di determinati trattati. Una particolare attenzione è posta sul lento e difficoltoso processo di adattamento al diritto internazionale dei crimini di guerra da parte del Parlamento e sul ruolo che i magistrati potrebbero svolgere in questo ambito. La seconda parte del libro si occupa invece dell'analisi delle singole fattispecie, dei loro elementi e di come esse siano state interpretate e applicate dai giudici internazionali (e, in talune istanze, anche nazionali) al fine di comprenderne le origini e tratteggiarne i caratteri essenziali. Al termine di ogni capitolo viene presentato lo stato del diritto in Italia, come risulta dalla legislazione vigente e dalla giurisprudenza dei nostri tribunali.

Compendio di diritto internazionale...

Carotenuto Mario
Phasar Edizioni 2014

Non disponibile

15,00 €
In un momento come quello attuale in cui sono in corso una ventina di conflitti armati ad alta intensità e in cui la popolazione civile registra il più alto numero di vittime, seguita dai militari e dagli operatori umanitari e sanitari, le norme che regolano il diritto umanitario non possono più essere appannaggio di un gruppo ristretto di attori. Questo "Compendio di diritto internazionale umanitario" diventa quindi uno strumento indispensabile. Un testo di facile comprensione, strutturato in modo organico, consultabile in modo semplice e veloce come fosse un manuale. Un testo rivolto agli operatori sanitari e umanitari e ai militari che devono partecipare a missioni internazionali di pace. Può inoltre essere un utile strumento per gli studenti universitari - in particolare, dei corsi di scienze giuridiche, scienze politiche e scienze internazionali - che vogliono perfezionare uno o più esami con elementi di diritto internazionale umanitario.

I diritti umani. Concetto, teoria,...

Pariotti Elena
CEDAM 2013

Non disponibile

20,00 €
Questa nuova edizione è un ulteriore tentativo d'identificare il significato funzionale, fisiologico e fisiopatologico, del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS). Tuttavia, diverse domande sono ancora senza risposta e nuove domande si sono poste limitando la possibilità di una visione coerente. La cascata RAAS è attivata dalla deplezione di volume del liquido extracellulare e/o dalla riduzione della pressione arteriosa. La cascata induce il risparmio renale idro-salino e l'aumento del tono vasomotore. Col ritorno ai valori normali del contenuto corporeo del NaCl e/o del livello pressorio gli stimoli cessano e la cascata si disattiva. Nell'ipertensione da obesità addominale, l'aumento di attività del RAAS è responsabile a lungo termine di stress ossidativo, di alterata regolazione della produzione delle adipochine e di disordini metabolici. L'ambiente ossidativo interferisce nella specificità dei recettori ai ligandi fisiologici e promuove attivazioni anomale. Le retroazioni negative stabilizzanti sono attenuate o inoperanti, mentre compaiono circoli viziosi che predispongono ai danni d'organo (cardiovascolari, renali, cerebrali).

Introduzione al diritto...

De Stefani Paolo
CLEUP 2011

Non disponibile

16,00 €
Il volume presenta in forma sintetica gli aspetti istituzionali e alcuni dei più interessanti ambiti di sviluppo del diritto internazionale applicabile nei conflitti armati e del diritto internazionale penale. Fra i temi affrontati: la distinzione tra combattenti e civili e la prassi dei targeted killings; la condizione dei prigionieri di guerra e quella degli enemy combatants; i crimini di guerra, contro l'umanità e di genocidio e la loro repressione ad opera della Corte penale internazionale; i meccanismi di attivazione della Corte; il problema dell'effettività di una giustizia penale globale; il ruolo delle norme sui diritti umani nei conflitti armati e nelle procedure penali internazionali. Un testo introduttivo ad uno dei settori più complessi e dinamici del diritto internazionale contemporaneo.

Il diritto internazionale...

Angelucci G.
Firenze University Press 2010

Non disponibile

23,80 €
Il volume si propone di colmare una lacuna dell'editoria italiana sulle questioni giuridiche che sorgono con l'utilizzo del mezzo aereo nei conflitti armati. L'assenza di una normativa internazionale sulla condotta delle ostilità aeree, nonostante il crescente loro impiego, ha reso necessario dare avvio ad una riflessione sul tema attraverso una raccolta di scritti sui principi fondamentali del diritto umanitario e la loro applicabilità alle operazioni condotte dalle aviazioni e, più in particolare, all'attività di bombardamento aereo. Recenti decisioni giurisprudenziali e la pubblicazione, a cura della Harvard University, del Manual on International Law Applicable to Air and Missile Warfare sono prova dell'esigenza, avvertita a tutti i livelli, di disporre di un'articolata opera sulla materia.

Elementi di diritto internazionale...

Edizioni Giuridiche Simone 2009

Non disponibile

9,00 €
Le costanti crisi diplomatiche vissute dalla Comunità Internazionale, implicanti, in più occasioni, l'uso della forza, hanno richiesto, e ancora richiedono, una disciplina relativa al "diritto bellico" che, a parte poche norme consuetudinarie, solo da 60 anni è stato oggetto di norme scritte. La ratio di tali norme è quella di regolare concretamente il comportamento dei belligeranti e, dunque, di contenere l'uso della forza entro i limiti del rispetto dell'uomo e dei suoi diritti fondamentali. Il volume, in tale ottica, rappresenta un utile strumento di approfondimento della funzione prioritaria assunta dal diritto internazionale umanitario, delle sue origini storiche e del corpus normativo divenuto ormai quantitativamente consistente. Particolare attenzione questo volume dedica anche ai principi sanciti dalle Convenzioni di Ginevra del 1949, che hanno modificato profondamente le regole sulla "guerra" definendo i crimini internazionali individuali e la loro persecuzione attraverso l'istituzione di tribunali internazionali. L'opera, che si apre alla speranza che tali norme siano osservate anche dai "vincitori" e non solo dai "vinti", è completata da un glossario dei termini principali del diritto umanitario che estende l'analisi a tutti gli aspetti del diritto internazionale connessi con i conflitti armati.

Umanizzare l'umanitarismo? Limiti e...

Calloni M.
UTET Università 2009

Non disponibile

29,00 €
Che cos'è l'umanitarismo? In che cosa consiste l'intervento umanitario? Come si interviene per soccorrere popolazioni in difficoltà e contribuire a processi di riconciliazione, ovvero alla ricostituzione di società democratiche e rispettose dei diritti umani? Il testo prende spunto da tali domande generali per comprendere perché, negli ultimi tempi, le parole umanitarismo e intervento umanitario siano divenute sempre più il fulcro di accesi dibattiti nelle arene pubbliche nazionali e globali e perché vengano sempre più spesso utilizzate in modo improprio e addirittura connesse all'ingerenza bellica. Sullo sfondo della recente trasformazione dell'ordine geopolitico mondiale, Umanizzare l'umanitarismo? analizza l'idea e le pratiche dell'umanitarismo, così come si sono venute a trasformare nel corso del tempo. La ricerca prende, dunque, avvio da una concezione di umanitarismo inteso come azione atta a prevenire forme di violenza armata, come aiuto portato a popolazioni in situazioni di conflitto o calamità naturali, come partecipazione a processi di pacificazione e di sviluppo. A partire dal punto di vista di attori istituzionali e sociali coinvolti in attività umanitarie, il testo si focalizza quindi sul ruolo e sui limiti dell'intervento della comunità internazionale, intesa come ambito sovranazionale di tipo istituzionale e come società civile globale, composta da un insieme diversificato di attori sociali.

La caccia. Io e i criminali di guerra

Del Ponte Carla
Feltrinelli 2008

Non disponibile

20,00 €
Nessuno avrebbe immaginato, alla fine degli anni ottanta, con la caduta del Muro di Berlino, che l'Europa avrebbe conosciuto di nuovo il dramma della guerra civile e del genocidio. Di lì a poco, invece, la dissoluzione della ex repubblica federale iugoslava avrebbe scatenato una serie di conflitti che avrebbero insanguinato tutti gli anni novanta. Eccetto la Slovenia, in rapida sequenza Croazia, Serbia, Bosnia-Erzegovina e Kosovo avrebbero acceso una guerra civile che avrebbe toccato punte di intensità drammatica, come per certi versi testimonia la strage di Srebenica ai danni di settemila bosniaci musulmani. Per giudicare i criminali di guerra, l'Onu nel maggio 1993 decide di istituire, all'Aja, un vero e proprio tribunale. Si tratta della prima corte istituita in Europa a partire dalla fine della Seconda guerra mondiale. L'incarico di pubblico ministero viene affidato a Carla Del Ponte. Il suo lavoro presso i tribunali delle Nazioni Unite ha permesso l'arresto e la conduzione in giudizio di decine di persone accusate di genocidio e altri crimini di guerra, tra cui Slobodan Milosevic, presidente della Serbia, e di istruire prove contro due tra i ricercati più importanti al mondo, Radovan Karadzic e il generale Ratko Mladic, accusato del massacro di Srebenica.

Rifugiati e asilo. Il diritto reale...

Balbo Paola
Halley 2007

Non disponibile

32,00 €
Quotidianamente si parla degli stranieri come di illegali o regolari, ma solo occasionalmente ci si sofferma sul fatto che lo straniero e l'apolide rientrano anche nell'accezione riferita ai richiedenti asilo. Capire in cosa consista l'asilo, se esista solo il c.d. asilo politico" e in quali termini sia corretto parlare di rifugiato e di domanda di asilo sono i tre sostrati sui quali si costruisce lo studio volto a presentare la disciplina vigente in Italia ed in Europa. L'opera si propone di analizzare: la disciplina nazionale relativa all'asilo e ai rifugiati (il D.Lgs. n. 140/2005, i richiedenti asilo e i casi di trattenimento, accoglienza, natura delle decisioni sulla richiesta di asilo e revoca, ecc.); il dettato europeo (la Direttiva 2005/85/CE del Consiglio, ecc.); le legislazioni nazionali ed europee di maggior rilievo; la giurisprudenza italiana e il raffronto con quella comunitaria (le torme di persecuzione attraverso la lettura di casi transnazionali, il caso italiano, l'approccio comunitario); la relazione tra la normativa in materia di asilo e quella sugli stranieri; la tutela giuridica ed i diritti umani. Al testo è allegato un cd-rom contenente la normativa nazionale ed internazionale di riferimento.

Sviluppo e diritti umani nella...

Spatafora Ersiliagrazia
Giappichelli 2007

Non disponibile

26,00 €
La dicotomia tra Stati sviluppati e Paesi in via di sviluppo, tra Nord e Sud del mondo è costantemente oggetto dell'attenzione della Comunità internazionale per le differenze presenti nei livelli di sviluppo e nella tutela dei diritti umani civili, politici, economici, sociali e culturali che impediscono o rallentano lo sviluppo umano dei popoli dei Paesi poveri, soprattutto dei Paesi gravati da conflitti o da situazioni di emergenza. Tali problematiche e la ricerca di una loro soluzione sono esaminate e dibattute in seno alle Organizzazioni internazionali nello spirito di cooperazione internazionale posto alla base dei rapporti interstatuali secondo principi e norme internazionali, riconosciute e accettate da quella parte della Comunità internazionale che esprime la volontà di costruire un ordine mondiale garante dei diritti umani nella loro definita interdipendenza e universalità, anche con la partecipazione attiva della società civile. Questo volume, che nella sua seconda edizione si presenta come un nuovo contributo allo studio del complesso e variegato sistema normativo che disciplina la cooperazione internazionale per lo sviluppo come attuata dalla Comunità internazionale, vuole offrire agli studenti e agli operatori del settore di riferimento lo strumento necessario per approfondire conoscenze e tematiche necessarie per affrontare il mercato del lavoro interno e internazionale.