Elenco dei prodotti per la marca Solfanelli

Solfanelli

Le fake news su Bettino Craxi....

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
In occasione del ventennale della scomparsa di Craxi, gli autori - Nicola Scalzini, un economista che ha operato nel team che ha affiancato Bettino Craxi alla Presidenza del Consiglio quale responsabile della finanza pubblica, e Roberto Giuliano, un sociologo che da sindacalista della Cgil ha vissuto in prima fila lo scontro del decreto sul taglio della scala mobile - entrambi accomunati dalla stessa militanza politica socialista e craxiana, con dati alla mano e con la memoria dei protagonisti raccontano cose complicate in modo semplice. Anche Stefano Parisi, che ha curato la "Prefazione", e Renato Brunetta nell'"Introduzione" si pongono come protagonisti di quegli anni, con ruoli diversi all'interno dello staff di Gianni De Michelis.

I diamanti della principessa di...

Solfanelli

Non disponibile

15,00 €
Auguste Poriace, appena uscito dalla scuola militare francese di Saint Cyr, lascia l'esercito e decide di fare un viaggio sui Pirenei. Qui, affascinato dalle vicende di Don Carlos di Borbone, ingiustamente decide di passare la frontiera ed arruolarsi nell'esercito carlista, agli ordini dell'eroico generale Tom Zumalacregui (1788-1835), un vero e proprio uomo da leggenda. Fondamentale per lui sarl'incontro con la Contessa di Rosamares, che cerca di far giungere al Re un cofanetto di gioielli donati dalla Principessa di Beira per aiutare la causa del cognato Don Carlos. Il romanzo di padre Luigi Previti, basato su un feuilleton di Albert Du Casse, ufficiale francese e storico militare, compara gli eventi della vicenda narrata, che si svolge durante la Prima guerra carlista (1833-1840) a quelli della Terza (1872-1876), che si stava svolgendo nel periodo in cui il "Il volontario di Zumalacregui" veniva redatto. I commenti dello scrittore gesuita fanno di quest'opera un importante lavoro controrivoluzionario.

Breve storia del carlismo

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
In quasi due secoli di vita il Carlismo, poichprofondamente radicato nella societspagnola, ha creato partiti e sindacati, ha pubblicato libri e periodici, ha affrontato competizioni elettorali ed ha combattuto tre guerre civili e la Cruzada contro la Repubblica. A livello internazionale, il Carlismo fa parte della "famiglia" controrivoluzionaria, come la Vandea e il Sanfedismo, il Miguelismo portoghese e il "brigantaggio" antiunitario duosiciliano, con cui il Carlismo ebbe stretti rapporti. Ma, mentre le altre insurrezioni controrivoluzionarie sono storicamente datate, il Carlismo ha permeato la societspagnola (e non solo) e, pur sconfitto militarmente e numericamente ridotto, presente anche ai nostri giorni, distinguendosi in modo netto da tutti gli altri simili movimenti europei. La sua sopravvivenza non significa perimmutabilit poichha saputo adattare alle necessitdei nuovi tempi i propri principi di fondo - questi sicuramente immutabili - sintetizzati nel quadrinomio Dio, Patria, Fueros e Re, dove i Fueros rappresentano il diritto naturale e le consuetudini locali e non a caso precedono lo stesso Re.

La socialit? fredda

Solfanelli

Non disponibile

11,00 €
Il senso di questo libro da vedersi nella cruciale importanza dell'abbraccio e del rapporto faccia a faccia che definisce la comune umanitdegli esseri umani. Le macchine possono essere definite intelligenti. Internet pucompiere operazioni complesse e difficili in pochi secondi, ma una macchina stupida perchnon puindugiare, dubitare, riflettere. Il cervello umano una macchina lenta ma insostituibile.

La teoria nel deserto. L'autonomia...

Solfanelli

Non disponibile

11,00 €
La decadenza della sinistra politica si vede dalla cancellazione della memoria della disfatta e dalla incapacitdi conquistare un terreno sul quale esperire una teoricitcapace di praticare una cesura dalla tradizione che consenta di far fronte allo stato di cose presente. Questa situazione evidente dall'abbandono di Karl Marx alla letterariet Il compito di tornare a pensare imposto dalla necessitdi liberazione delle classi subalterne, perchnon c'politica senza teoria. La condizione essenziale di un nuovo inizio costituita dall'essenza hapax della tesi di Marx sulla storia quale vicenda di lotte tra classi. La capacitdi innovazione teorica deve portare con suna resa di conti con le teorie dei nemici di Marx, Martin Heidegger e Carl Schmitt.

Le trasformazioni umane nella...

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
La natura composita di questo libro non dovrebbe far pensare ad una miscellanea gratuit La sua coerenza assicurata dalla costante preoccupazione per un cambiamento della civiltindustriale continuo e nello stesso tempo privo di disegno, determinato da una concezione puramente contabile del profitto, incapace di garantire il rispetto per le condizioni indispensabili all'equilibrio eco-sistemico della comunit Gli scambi epistolari, riportati in appendice, sono in questo senso testimonianze significative. In appendice: Scambi epistolari con F. G. Friedmann e Adriano Olivetti.

De sera numinis vindicta. Di come...

Solfanelli

Non disponibile

8,00 €
Nato come teodicea e giustificazione della divinitdall'apparente ritardo nel comminare la giusta pena ai malvagi, il "De sera numinis vindicta" di Plutarco si colloca nel piampio contesto del dibattito tardoantico sul tema del provvidenzialismo. A tale dibattito, l'opera contribuisce dando voce a una posizione che puconsiderarsi a buon diritto originale per il modo in cui rielabora le principali dottrine del tempo, dal casualismo epicureo che fa la sua apparizione fin dall'incipit al neoplatonismo dalle forti tinte stoiche che percorre carsicamente tutto il testo. Muovendosi sul doppio livello dell'etica della responsabilitindividuale e del cosmo ordinato di cui ognuno rappresenta una pedina o un tassello, Plutarco descrive un vero e proprio itinerario iniziatico che il lettore attento potrimmaginare di percorrere a sua volta, elevandosi dal punto di vista individuale a quello a parte Dei, di una divinitonnisciente. questa consapevolezza, una vera e propria cura dell'anima, della quale peraltro Plutarco ammette l'immortalit destinata a trasformare la filosofia e la giustizia, intesa nel suo senso piprofondo, nella quintessenza del divino. E dell'umano che al divino aspira.

Il brutto e il bello. La figura...

Solfanelli

Non disponibile

13,00 €
Giuliano Della Pergola, pittore e sociologo urbano, in "Il Brutto e il Bello", La figura sociale dell'artista tratta di quello stimolo che sprona ogni artista a scrivere, a dipingere, a ballare, a scolpire. Prendendo le mosse da un saggio di W. Kandinsky in questo libro si discute sulla natura dello stimolo artistico e dell'inevitabile esposizione al Brutto che l'artista, pidi altri, avverte come un'incessante minaccia. Nella dialettica tra il Brutto e il Bello si scoprir ben oltre le apparenze estetiche, che l'artista delega alla propria ricerca formale una risposta a quesiti morali piampi, quali come vivere bene, come bene morire, come sopportare la condizione di marginalitimposta dalla ricerca artistica, come riuscire a rifiutare il successo e il danaro per garantire alla propria ricerca estetica la supremazia interiore sul resto. una lettura del fenomeno artistico molto distante da altre impostazioni teoriche tese a sottolineare nell'artista solo un uomo dotato di qualitparticolari, e non invece un soggetto che pivulnerabile, pisensibile di altri all'invadenza di quel che c'di volgare attorno a lui, e quindi anche piesposto al dolore.

Una calma apparente. Vaticano, Cina...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
"Nel giugno 2019 in Hong Kong scoppiata una rivolta che gicovava da tanto tempo per via di una legge sull'estradizione che avrebbe consentito di trasferire persone giudicate colpevoli in Hong Kong anche in Cina continentale, diffondendo una paura diffusa nella societdell'ex colonia britannica. L'autore ha potuto respirare il clima della ribellione che montava. In Cina, si cerca sempre di far sembrare tutto sotto controllo, tutto calmo, ma quasi sempre una calma apparente e questo non mai stato cosevidente proprio in Hong Kong, dove la calma proprio sparita. Durante i suoi viaggi nell'ex colonia britannica ha potuto testimoniare il sorgere della protesta popolare e cerca di dare un'idea con questo testo del clima che si respirato e che si respira a Hong Kong, dove per legami familiari e professionali si reca spesso; questo un testo che contiene anche molte interviste con esperti. Un testo che, come i precedenti, fatto per amore alla Cina, certamente non per denigrarla. Ma l'amore anche richiede sincerit Questo non molto capito da alcuni ma bene ribadirlo: si vorrebbe che la Cina potesse riflettere su certi limiti che ne impediscono la vera grandezza da loro tanto cercata."

La sofferenza umana. Aspetto patico...

Solfanelli

Non disponibile

7,00 €
Lo scritto di Euge Minkowski che qui presentiamo, curato da Gianluca Valle, stato scritto nel 1955 per una conferenza di neurologia. Il testo fu poi pubblicato nel 1963 su una rivista specializzata ed stato ripreso di recente in una miscellanea di scritti clinici. merito di Silvia Peronaci, che si occupata del dolore in pioccasioni, aver indicato la valenza di queste pagine bellissime - riprese in compendio alla fine del Traitde psychopathologie - e averne promosso la pubblicazione fin dal 2016. Con una rara e inedita semplicitlessicale, ma anche con una stuzzicante riflessivit lo psichiatra si misura col tema del soffrire, visto come un aspetto patico dell'esistenza, come un elemento inalienabile e costitutivo dell'essere umano. Andando oltre la differenza, pure fondamentale, fra dolore fisico e sofferenza umana, egli si concentra in tutto lo scritto su quest'ultima, chiamata a ricomporre, nella deposizione del saggio di circostanza, un utile percorso. Da bravo fenomenologo, Minkowski fa una distinzione fra la sofferenza umana, generale e collettiva, e le sofferenze degli individui, con le diverse reazioni cui possono dar luogo, dalla nostalgia per una perdita irreparabile a un sospiro per i cari tempi andati. La sofferenza, inevitabile e necessaria, non ha niente a che vedere con i vantaggi o gli svantaggi di una visione utilitaristica del vivere. Npotrebbe essere, per l'autore, una mera addizione di sofferenze. Lo sguardo del terapeuta rivolto al futuro, verso la dimensione piimportante fra quelle che caratterizzano il tempo vissuto, visto non solo, tout court, come una pura proiezione dei cari vecchi tempi. Questo concetto del divenire bergsoniano della vita, esposto in Le temps vu, alla base della sua meditazione. La sofferenza parte integrante di questo cammino nella breccia che si apre verso l'avvenire, espressione di qualcosa che ci trascende. L'uomo fatto per avanzare penosamente nella vita.

Il mio nome ? Gabriele (D'Annunzio)

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Sciupafemmine, infedele, voltagabbana, guerrafondaio, scialacquatore. Coslo hanno definito ed anche di peggio, e non si punegare che non se lo sia meritato. Gabriele d'Annunzio stato raccontato in tanti di quei libri, celebrato in costante forme che manca solo di leggere titoli come: D'Annunzio contro Godzilla o D'Annunzio all'Isola dei Famosi. Perchancora attuale? Perchancora oggi, il suo personaggio rappresenta l'occasione per confrontare la sua figura e la sua epoca con la societcontemporanea ed un esercizio utile a comprendere meglio chi siamo e come lo siamo diventati. Conoscere la sua vita, le sue imprese senza addentrarsi nelle profonditdella critica storica e letteraria, descrivere l'uomo, il poeta, il dandy, l'amante, l'eroe di guerra, con un accento pileggero, non necessariamente rispettoso della caratura del personaggio, puessere un esercizio piacevole per conoscere quest'uomo fuori del comune.

Lettere ad un vescovo. (S. Ecc....

Solfanelli

Non disponibile

18,00 €
"Scoccano per me quest'anno le fatidiche 80 primavere e mi suonato dentro un campanello che mi avverte di mettere in ordine le mie cose prima del grande viaggio per l'Incontro. Mi confidil compianto Cardinale Giacomo Biffi, poco prima di lasciare questo mondo: Sono tanto curioso di vederlo. E i suoi occhi splendevano per il desiderio di Lui. Questo ha suggerito all'intelletto del mio amore amichevole per p. Giuseppe Ferraro, SJ, per ricordarlo e onorarlo, di fare anche a me un regalo, questo libricino, per i miei 80 anni di vita e 35 di episcopato, e di offrirlo anche a voi. Eccomi dunque a pubblicare queste "cose" di un amico, che mi rallegrarono e mi diedero luce, e che di riflesso, umilmente, diranno anche qualcosa di me allo scoccare di 80 primavere. Il tutto si riduce al Miserere mei Deus e al Magnificat anima mea Dominum."

Araba fenice. L'immortalit? dei...

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
I miti sono componente eterna di ogni forma di vita ed essenza piprofonda dell'individuo. Un viaggio dagli albori della civiltai giorni nostri illustra numerosi fenomeni sociali come trasposizione di miti del passato. Il percorso si articola attraverso aria, acqua, terra e fuoco, che sono i quattro elementi che compongono la vita quotidiana e, a loro volta, i miti che caratterizzano l'uomo. Da Icaro agli F-35, dalle Sirene ai documentari, da Cerere agli ulivi espiantati per il TAP in Salento, da Prometeo ai pannelli solari, storia, politica, cinema, musica, social network sono analizzati attraverso la loro unica matrice ancestrale: il mito.

Folklore di Calabria. Tradizioni e...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
Fra l'amara presa d'atto del fallimento degli ideali risorgimentali e la pertinace speranza in un futuro migliore, Antonio Julia si fa convinto divulgatore della cultura popolare della Calabria e, in particolare, di quella di Acri, la cittadina nella quale era nato nel 1868, assai vivace culturalmente tanto da meritare l'appellativo di Atene della Calabria, ma che, per la penuria di strade e di moderni mezzi di trasporto, sarebbe rimasta ancorata a uno stato di torpore sociale e di forzato isolamento almeno fino ai primi due decenni del Novecento. La portata e la validitdella sua ricerca, la sua competenza di studioso di tutto rispetto, unite a un atteggiamento di umana comprensione e di spontaneo senso di giustizia, si possono cogliere agevolmente in questo interessante e dettagliato lavoro di Maria Luisa Minerva, che, oltre a un esaustivo e preciso quadro della situazione degli studi di demopsicologia tra Ottocento e Novecento in Italia e al prezioso apporto dato in tale ambito disciplinare da intellettuali come Antonio Julia, contiene un ricchissimo corredo di notizie, testi e documenti, testimonianza orgogliosa e vitale di un passato dal quale, nel bene e nel male, scaturisce tutta la dignite una piprecisa forma identitaria del popolo meridionale.

Quanto degna sei d'amore

Solfanelli

Non disponibile

21,00 €
Da qualche anno l'Europa continentale in subbuglio. A causa della rivoluzione, dice la gente. A causa dei peccati degli uomini e della punizione di Dio, aveva profetizzato giqualche anno prima san Benedetto Giuseppe Labre. L'Italia sembra essere fuori dalla tempesta, ma questa preme ormai ai suoi confini. E chi putrattenerla, se nella penisola non vi nunitnazionale, nuna forza militare capace di sbarrarle la strada? Tra le realtpolitiche italiane soltanto il regno di Sardegna pufare da scudo all'invasore, ma, una volta che esso verrneutralizzato, per il predominio nella penisola combatteranno quasi soltanto eserciti stranieri: francesi, austrici, russi, inglesi, turchi. Il rivolgimento generale che ne segue, se perviene a sconvolgere l'assetto esteriore anche di regioni appartate e pacifiche come la Marca di Ancona, non giunge, per ad arrestare i sentimenti e le passioni degli uomini. Vi ancora spazio per le misteriose vie dell'amore e della fede. Per queste vie il giovane Ludovico e la giovanissima Gemma saranno condotti, attraverso i marosi della tempesta politica e militare, ad orizzonti imprevisti ed a presentire l'alba di un pisereno dper il giardino d'Europa.

L'arte delle relazioni industriali....

Solfanelli

Non disponibile

9,00 €
Felice Mortillaro stato un protagonista delle relazioni industriali in Italia negli anni caldi del conflitto sindacale e nella fase successiva in cui l'impresa privata riusca recuperare terreno rispetto al "contropotere" esercitato dagli organismi di rappresentanza dei lavoratori. "Sindacalista d'impresa", come egli usava definirsi, seppe promuovere anche nel dibattito delle idee le ragioni dell'economia di mercato, dell'efficienza e della responsabilitindividuale contro la diffusa mentalitassistenzialista e il marxismo proteiforme. Mortillaro era un liberalconservatore nel solco della tradizione di Prezzolini, una mosca bianca nello scenario politico italiano. Il suo pensiero torna d'attualitin un'epoca in cui il liberalismo posto sotto accusa in quanto sbrigativamente assimilato alla finanziarizzazione dell'economia e al capitalismo sregolato, ma nessuno in grado di proporre una valida e credibile alternativa al libero mercato.

Tempesta (dal 1246 al 1683). Il...

Solfanelli

Non disponibile

20,00 €
Non c'tregua per l'Austria, dal tradimento di Heinrich von Habsbach che la priva del suo reggitore, ultimo erede della potente famiglia Babenberger, nel 1246, fino al terribile secondo assedio turco di Vienna nel 1683. tutto un succedersi di scontri e di guerre, che coinvolgono profondamente la comunitalpina di Wiesenberg. come un'unica tempesta, provocata dalle ambizioni dei reggitori, dalle eresie e dalle aggressioni esterne, che costringono i pacifici abitanti a trasformarsi in guerrieri o in esuli, talvolta sbalestrati fino alla Germania settentrionale, dove un ramo della famiglia Adler partecipa alle alterne vicende dell'Hansa germanica. Ecco l'altro tema chiave della trilogia: l'esilio, le vicende che costringono le famiglie a dividersi e a trapiantare rami altrove. Cuore delle famiglie, anche e soprattutto nell'infuriare della tempesta, restano sempre le nonne, motivo conduttore della narrazione. Dopo le dure prove delle guerre hussite, del primo assedio turco di Vienna del 1529, della spaventosa guerra dei Trent'anni, il periodo termina con le eroiche gesta per salvare l'Europa dalla marea islamica durante il secondo assedio di Vienna.

L'isola misteriosa

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
"L'isola misteriosa", come la trilogia romana dello stesso autore, composta di tre racconti, concatenati l'uno all'altro, che ci offrono un affresco di vita e cultura siciliana prima e dopo il terremoto di Messina del 28 dicembre 1908. I protagonisti sono figure storiche, come sant'Annibale Maria di Francia, sir Alexander Nelson Hood, discendente del celebre ammiraglio, e un professore di igiene di Catania di cui l'autore non fa il nome, ma ha caro il ricordo. Parole e dialoghi sono basati su memorie e documenti autentici e le vicende umane sono giudicate alla luce della filosofia e della teologia della storia. La terra di Sicilia dischiude in queste pagine una parte del suo mistero. Siamo siciliani, caro professore, abbiamo la Sicilia non solo nel cuore, ma anche nel sangue. La nostra non l'isola sensuale e scettica che ci viene dipinta. Questi sono i nostri difetti, ma chi ci parla delle nostre virt della nostra vocazione? C'un'isola segreta, che non solo un luogo geografico, ma la terra intima del nostro cuore, quel tesoro che conserviamo nel profondo e non vogliamo svelare nagli altri na noi stessi. Riscopriamo la nostra identitattraverso coloro che nella storia hanno scoperto questo segreto, realizzando cosla propria vocazione.

Il lavoro nell'era digitale e altre...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
Si potrpur sognare un'epoca prossima ventura in cui la robotica, fedele alleata dell'elettronica applicata su vasta scala, potranno insieme rendere possibile la crescita economica senza posti di lavoro, la famosa jobless growth. Si realizzercosil droit la paresse (il diritto alla pigrizia) per primo invocato dal genero di Marx, Paul Lafargue. In questo libro ci si limita a considerare le ricadute delle mirabolanti innovazioni tecniche sul lavoro umano, in particolare la sua frammentazione, la sua insicurezza, probabilmente alla base di molti attuali disagi psicologici, per non citare la precariet(cui in altra sede l'Autore ha dedicato attenzione particolare; cfr. "La strage degli innocenti - note sul genocidio di una generazione", Roma, Armando). Sono inoltre esaminate le impostazioni teoriche di autori classici del pensiero sociologico, quali Max Weber e Georg Simmel.

Tex l'operaista. Di destra o di...

Solfanelli

Non disponibile

9,00 €
Capo dei Navajos e agente indiano della loro riserva, Tex ha settant'anni e non va in pensione. La ragione persino ovvia; non pu La storia dell'umanitsi sviluppa attraverso conflitti di classe, fra la parte "alta" e quella "bassa" della societ Non una partita di calcio fra squadre opposte che, allo scadere del primo tempo, si scambiano di campo, ma una vicenda i cui conflitti hanno sempre avuto una morfologia verticale, quella tra dominanti e dominati. In questo contesto conflittuale, Tex Willer stato pensato, disegnato, scritto e raccontato quale figura con una chiara posizione, tutta orientata verso i pideboli, dei quali raccoglie le istanze. Pur mettendo la legalitdavanti a tutto, in sua assenza egli sostiene il ricorso all'astuzia, al conflitto e alla forza. La legge stessa dimostrazione di una forza di cui lo Stato detiene il monopolio. La colt, il winchester e la guerriglia sono la risposta all'assenza dello Stato, alla corruzione e all'incapacitdei suoi funzionari. Chi nelle aule s'interroga sull'esistenza della guerra giusta putrovare in questi pensieri la traccia per una risposta, perchlottare dalla parte dei deboli, giusto lo sempre.

Arditi nel cuore da Fiume a Roma...

Solfanelli

Non disponibile

15,00 €
Franco, Luciano e Angelo. Tre ragazzi, tre amici inseparabili. Un legame nato dall'amor patrio e dalla voglia di mettersi in gioco in prima persona, soprattutto Angelo. la Roma del 1919, entusiasta per la vittoria nell'ultima guerra, fiduciosa nel nascente fascismo, desiderosa di un'Italia nuova, capace di guardare al futuro con ottimismo. Ed proprio partendo volontario per Fiume, la cittolocausta, che Angelo da timido studente diventa in breve un ardito combattente, esperienza che rinsalda li vincoli di affetto e di fedeltal suo credo politico, e che gli permetterdi fare la conoscenza dei pinoti personaggi dell'epoca, da Gabriele d'Annunzio a Guido Keller. Continue prove di coraggio lo renderanno uomo e segneranno per lui l'inizio di una vita privata appagante e di una sfolgorante carriera, che lo portera diventare stretto collaboratore di Giuseppe Bottai, e perfino un uomo fidato del Duce. Ma la passione civile spesso ha un prezzo che occorre essere disposti a pagare...

Corso di base di letteratura...

Solfanelli

Non disponibile

25,00 €
Con il presente volume l'autore si propone di analizzare la storia della letteratura italiana, dalle origini ai nostri giorni, nei suoi tratti essenziali, scartando quanto di superfluo, di ridondante, molto spesso si trova nelle letterature in uso nelle scuole e nelle universit e che appesantisce lo studio, senza giovare all'approfondimento. Egli considera la letteratura non nel suo isolamento, nella sua presunta autosufficienza e autoreferenzialit bens al contrario dei metodi critici invalsi, come storia della civiltitaliana, che inserisce l'opera letteraria nel contesto storico-politico, economico-sociale, ideologico, culturale, nell'ambito del quale essa stata concepita. Perciogni capitolo si apre con un profilo essenziale, riguardante, per l'appunto, i contesti, al quale segue la trattazione dei vari autori, individuati attraverso la loro vita e la loro personalit le opere principali che hanno prodotto, nonchgli orientamenti fondamentali della critica e notazioni relative a lingua e stile. La trattazione vuol essere chiara, senza sacrificare, nel contempo, il rigore filologico, in modo da offrire un quadro limpido e, insieme, scientificamente valido a un pubblico di lettori sia specialistico che comune. Il "Corso di base" pu cos esser letto da studenti, ma anche da docenti, nonchda uomini e donne di media cultura che intendano accostarsi alla letteratura italiana senza rimanere vittime di interpretazioni superficiali e schematiche. Il volume particolarmente adatto per la nuova universit fondata sul sistema dei crediti e sulla trasmissione dei saperi fondamentali.

Catechismo sulle rivoluzioni e Otto...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
Dopo aver pubblicato tutti i dialoghi di Monaldo Leopardi, stata naturale l'idea di riproporre assieme due opere di carattere politico-religioso: un Catechismo (1832) e un testo di Esercizi spirituali (1833). Attribuite erroneamente al Principe di Canosa, ma frutto della penna del Conte Monaldo Leopardi, queste due opere si caratterizzano per la decisione di trattare temi politici attraverso due mezzi educativi religiosi: appunto il catechismo e gli esercizi spirituali, finalizzati ad un'ascesi spirituale e, nel contempo, a chiarire quali siano i doveri politici di ogni buon cristiano. Nel Catechismo sulle rivoluzioni, attraverso una serie di domande e risposte viene messa in luce la strategia della rivoluzione e la sua tattica, consistente nel manipolare la pubblica opinione in maniera da imporre ai Sovrani la clemenza nei confronti degli attentatori all'ordine pubblico: questa la caritche nei guardiani vorrebbe il lupo: lasciar lui vivo e non curarsi della strage che reca all'ovile. Gli Otto giorni per i liberali illusi seguono il percorso degli esercizi spirituali di Sant'Ignazio: come il corpo va allenato con esercizi fisici, cosper temprare lo spirito necessario seguire un percorso ponderato. Monaldo propone otto giorni di esercizi, che possibile anche compiere da soli dedicandovi un paio d'ore quotidiane.

Quando l'amore sfid? la sorte e la...

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Il romanzo racconta le vicissitudini di un gruppo di donne e uomini durante l'estate del 1943. Protagonisti Annetta, il marito Antonio, fascista impegnato al fronte, Luisin, amore dell'adolescenza che combatte il regime e lotta per la libert e poi Ernestina, Pin, Gigliola, Vito, Micuccio, Letizia, tutti sospesi fra realte illusioni, delusioni e cambiamenti, speranza nel futuro e sogni infranti dal passato. Tra loro Antonio a incarnare l'ideale della "guerra giusta", vissuta con fermezza per la causa nazionale. Eppure, dopo l'8 settembre, durante il viaggio che lo riportera casa, vivrincontri ed esperienze che faranno vacillare ogni sua radicata convinzione e valori ritenuti sacri. A fare da sfondo l'Italia del conflitto, dentro una storia che affianca all'amore privato quello pubblico, che fa correre in parallelo i conflitti fra i popoli a quelli interiori dell'anima, che aleggia con luciditsul delicato confine fra il cuore e la ragione. In un quadro colorato da segreti mai svelati, mezze scomode verit tradimenti fisici o solo mentali, ripensamenti, dubbi, scelte di coraggio o codardia, promesse non mantenute e apparenti evidenze che non sono ciche sembrano.

Brucia ancora

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Una vacanza galante sul lago si trasforma inaspettatamente per Brenno in una rischiosa avventura. Giornalista di cronaca e investigatore per caso, il giovane attira l'attenzione di speculatori potenti e senza scrupoli che usano ogni mezzo contro di lui, da vari delinquenti alla Milizia Turistica, un corpo di pubblica sicurezza molto particolare. Il romanzo quasi-giallo si dipana tra tensione e colpi di scena, momenti da commedia dell'arte, amicizie, gelosie, amori. Ragnolini dipinge uno scenario da cui emerge uno spaccato significativo della moderna societitaliana. l'Italietta delle leggi che si aggirano grazie ai cavilli, del business che trionfa sugli ideali, di una gioventbrillante intrappolata nelle spire del "precariato". Ma anche l'Italia dei paesaggi incantevoli, degli ideali che non passano, della resilienza.

Struttura lessicale delle Fleurs du...

Solfanelli

Non disponibile

7,00 €
Il breve ma denso scritto di Pierre Guiraud ci guida alla scoperta della struttura lessicale delle Fleurs du Mal, vista non tanto come un sistema di relazioni statistiche ma come un campo di forze che mettono in luce la cosmogonia poetica di Baudelaire. Il lessico appare come un sistema gravitazionale dove l'insieme delle attrazioni reciproche determina l'orbita di ogni termine. Il linguaggio delle Fleurs viene articolato secondo i quattro punti cardinali del Cielo, dell'Inferno, della Terra e del Sogno, grazie a una schematizzazione quadripartita, a una sorta di dinamica fra poli positivi e negativi, con le sfumature assiologiche che ciimplica. L'analisi testuale, come spiega Francesco Muzzioli nella Postfazione, organizzata in base a coordinate spaziali, in modalitsimili non solo a quelle di Bachelard ma anche ai modelli che Lotman svilupperin Russia. Il metodo di Guiraud, attento a categorizzare in base a una struttura profonda, si rivela utile perchusa la stilistica come descrizione linguistica del testo letterario. Per questa ragione le pagine qui presentate possono essere considerate come un must della critica baudelairiana, insieme a quelle di Li-Strauss e Jakobson, forse fra le migliori prodotte negli anni concitati fra il 1960 e il 1970, divisi tra furore semiologico e strutturalista.

Una follia di commedia. Piero Santi...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
Personalitpoliedrica di narratore, poeta, docente, critico d'arte e cinematografico, Piero Santi, nel canone della letteratura italiana contemporanea, ha sempre stentato a trovare una collocazione stabile, forse per la preziositeditoriale delle sue opere letterarie, forse per la natura ondivaga della sua ispirazione, forse per l'esclusivitdella sua profondissima "fiorentinit, forse per la sua idiosincrasia nei confronti dei grandi sistemi filosofici totalizzanti del Novecento. Cistupisce particolarmente, se si soppesa con attenzione il valore che il suo magistero ebbe, a partire dagli anni Trenta, per diverse generazioni di intellettuali, spesso costituenti, attorno alla sua figura, circoli che annoverarono al loro interno personalitquali quelle di Franco Fortini o Alessandro Parronchi. Salvato nella memoria culturale quasi esclusivamente dall'attivismo di alcuni studiosi di letteratura omosessuale (categoria che egli sempre rifiutper la sua opera come per quella altrui), il Santi scrittore trova in questo volume la sua prima monografia organica.

Infanticidio. Violenza in una...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
Il ritrovamento del corpo di una neonata dil via alle indagini della Corte vescovile di Teramo. L'anno il 1653. La Controriforma viene applicata da alcuni decenni. I roghi delle streghe si sono spenti in Italia, ma le donne di bassa condizione sociale continuano a essere perseguite per un altro crimine tipicamente femminile: l'infanticidio. Proprio le indagini del 1653 consentono di indagare la vita di una donna: una vedova di ventisei anni. Con i metodi della microstoria, il libro segue numerosi altri personaggi che condividono con questa giovane una pesante quotidianit la neonata che mette al mondo, forse uccisa, forse abbandonata senza essere battezzata, il padre di quest'ultima, figlio di un notaio, protetto dalla sua condizione sociale. Questi personaggi si muovono sullo sfondo di una comunitdominata da rigidi rapporti di potere, percorsa da violenza e prevaricazione, incattivita da carestie ed epidemie. I verbali del tribunale trascrivono questa storia, usando gli strumenti che gli sono propri: interrogatori, indagini, perizie. La tortura l'ultimo atto a cui fa ricorso pur di accertare la verit

Legione decima

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
Come raccontare lo scontro tra Giulio Cesare, simbolo della romanit e lo suebo (o svevo) Ariovisto, quintessenza della germanit Alfredo Panzini lo fa creando una cornice "italiana" in cui allo scontro tra i due avversari del passato fa da contraltare nel presente (il 1933) l'incontro tra due mondi altrettanto contrapposti, rappresentati dal giovane avanguardista Ambrogino e dall'anziano professor Antonio, chiuso nei propri studi e avulso dalla societ Il racconto storico delle conquiste in Gallia di Giulio Cesare, grazie alle capacitaffabulatorie dello studioso, affascina il ragazzo, che giorno dopo giorno fa uscire l'altro dalla solitudine e, testimone delle sue sventure, si spinge addirittura a impegnare la propria motocicletta per evitare il sequestro dell'antica spinetta, unico bene di valore rimasto nella modesta casa del vecchio. E cosil lettore viene a conoscere, in questo romanzo breve ma accattivante, tanti dettagli sullo spirito di Roma, sull'animo di Cesare, sull'essenza romanitche forse gli erano sfuggiti quando aveva liquidato, studiandole magari di controvoglia, le vicende del "De bello gallico": probabilmente il modo pibello di imparare la storia (quella del passato remoto e quella del passato pirecente).

La saggezza di Don Chisciotte e i...

Solfanelli

Non disponibile

9,00 €
Il pifamoso personaggio della letteratura europea - e quindi mondiale - un cavaliere folle oppure un lucido visionario? I suoi sprazzi di genialit- sempre pifrequenti, nella seconda parte del romanzo - sono degni di essere presi in considerazione? Cosa fa di Don Chisciotte un "archetipo", al pari di Amleto, Don Giovanni e Faust? E cosa lo distingue invece da un altro personaggio caro alla letteratura per i pipiccoli, il Barone di Mchhausen? Ed il suo scudiero un sempliciotto o, come ogni contadino, ha le scarpe grosse, ma il cervello fino? Conosciuto da tutti come libro per ragazzi, il Don Chisciotte invece un'opera di estrema complessitche va ben oltre le disavventure di un hidalgo impazzito a furia di leggere. Paradossalmente, i numerosi adattamenti per i fanciulli impediscono, al di fuori dei Paesi di lingua castigliana, la corretta conoscenza di uno dei massimi capolavori della letteratura mondiale, considerato il libro con piedizioni al mondo dopo la Bibbia. A poca distanza dal quarto centenario della morte di Cervantes vale la pena ripercorrere le pagine del Don Chisciotte cercando di estrapolare le perle di innegabile saggezza che vi sono sparse a piene mani.

La saggezza opportunistica del...

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Fu nei primi anni '50 che lo storico americano D.J. Boorstin pubblicò le sue idee sul "Genius of American politics", volendo dire che si trattava di un pragmatismo, anche spregiudicato, ma sempre nel quadro rigido della Costituzione, e quindi non esportabile in altri Paesi. In questo libro è rappresentato da Bill Clinton, già governatore dell'Arkansas e poi presidente, per due mandati, degli Stati Uniti. Il libro documenta la breve, intensa attività giornalistica dell'autore in quegli anni, dal «Sole/24Ore» al «Corriere della Sera», «Messaggero», «Paese Sera» di Roma, «L'Unità» e «L'Ora» di Palermo al «Secolo XIX» e «Il Lavoro» di Genova. Nell'«Appendice» si dà notizia di una previsione circa il crollo dell'impero sovietico-staliniano, che sembrò temeraria, salvo poi a verificarsi nel 1992. Quando l'autore domandò a Michail Gorbaciov come avesse potuto, singlehandedly, compiere l'impresa, la risposta risultò piuttosto semplice: «Non fu difficile. Era inevitabile. Il famoso discorso di Krusciov al XX Congresso del Partito non era un'accusa; era il "mea culpa" di tutta una classe dirigente».

I fondamenti ideali del regime di...

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
A cinquant'anni dalla scomparsa, avvenuta a Lisbona il 27 luglio 1970, la figura di Antonio de Oliveira Salazar soggiace tuttora a un perverso meccanismo di facili denigrazioni e di studiate reticenze, predisposte dagli indomiti diffusori della menzogna ideologica e del suo consequenziale trasbordo nei gorghi del dilagante inganno postmoderno. Il presente saggio intende ricostruire le vigorose e disconosciute radici spirituali che improntarono la Rivoluzione Nazionale portoghese, inscrivendola nel vivace scenario culturale del primo Novecento, che vide fiorire una proficua ricerca di compagini istituzionali non inquinate dalle insanabili deficienze del naturalismo politico.

Napoli imperiale. L'Odissea dei...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
Il 9 maggio 1940, quarto anniversario della nascita dell'impero fascista, fu inaugurata a Napoli la Mostra Triennale delle Terre Italiane d'Oltremare. Aveva come obiettivo quello di celebrare i fasti imperiali con uno sguardo particolare all'economia e ai commerci con l'Africa, luogo in cui l'Italia si considerava ormai, dopo l'aggressione e la conquista dell'Etiopia, una grande potenza coloniale. La sua apertura doveva durare sei mesi, ma a causa della guerra fu chiusa dopo appena un mese e graduale fu il degrado che ne seguì fino a tutto il dopoguerra. L'autore descrive l'iter della creazione di questo complesso, architettonicamente imponente e intrigante, realizzato nell'arco di appena due anni, dalla fase progettuale alla conclusione dei lavori. Conduce, poi, il lettore attraverso una visita virtuale nei vari padiglioni espositivi fino ai villaggi indigeni. Questo spazio, un vero e proprio presepe vivente, rappresentò la carta vincente degli organizzatori, contribuendo in modo determinante al successo dell'iniziativa fieristica. I figuranti nativi che popolavano i villaggi, d'altra parte, sono i veri protagonisti della narrazione. Erano venuti con entusiasmo in Italia con un contratto di lavoro che prevedeva una retribuzione non indifferente, ma la chiusura anticipata della manifestazione e il forzato soggiorno in Italia per oltre sei anni mandarono in fumo le loro speranze. Segregati, umiliati dal razzismo fascista, con i risparmi andati in fumo a causa dell'inflazione, si ritrovarono alla fine più poveri di prima. Diversi morirono negli ospedali o nei manicomi, altri persero la vita combattendo per la libertà nelle formazioni partigiane. I sopravvissuti che nel 1947 tornarono nella loro terra erano in fondo degli sconfitti non molto diversi dai tanti italiani, militari e civili, ai quali la sconfitta aveva spazzato via i sogni imperiali.

Traduttologia. Rivista di...

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
Saggi: Michela Marroni, "La tragedia di una traduttrice: Eleanor Marx e il fantasma di Emma Bovary"; Ana López Rico, "Poesia da camera: Neruda traduttore di Joyce"; Francesca Crisante, "Una voce modernista e lo scoglio linguistico: sondaggi traduttologici e metatestuali di alcune versioni di The Waves di Virginia Woolf". Contributi: Antonio Taglialatela, "Current Trends in Multilingualism and EU Legal English Translation"; Franca Daniele, "Translation of Medical Terms by an Online Translator". Recensioni: "Traduzioni conradiane e avventure dell'emigrazione" (A. Taglialatela). Schede di traduzione a cura di Michela Marroni.

RSV. Rivista di studi vittoriani....

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Saggi: Francesco Marroni, "Lezione di anatomia: Rembrandt, George Bernard Shaw e il volto delle cose". Fabio Camilletti, "A Haunted House in Lille: Genealogy, Transmission, and Metamorphoses of a Ghost Story in the Long Nineteenth Century". Alessandra Serra, "Drama Queen: processi di transcodificazione e (ri)modellizzazione identitario-discorsiva nel linguaggio della serie televisiva Victoria". Contributi: Caterina Colomba, "Questioning Master Narratives of 'Civility' and 'Savagery': Robert Louis Stevenson's "The Beach of Falesá" and The Ebb-Tide". Federica Di Addezio, "Naturalismo e strategie dell'incipit in Esther Waters di George Moore". Recensioni di Raffaella Antinucci, Francesca Crisante, Federica Di Addezio.

Nati per la radio

Solfanelli

Non disponibile

18,00 €
Sedici conversazioni immaginarie con altrettanti personaggi del passato a firma di quattordici autori contemporanei. Si tratta di testi originali realizzati espressamente per la Radio Vaticana ed allestiti per la messa in onda fra il 2009 e il 2014 nella serie "Faccia a faccia improbabili"; diretta da Laura De Luca. La formula, tipicamente radiofonica, di immutata attualità, nasce nella radio italiana negli anni settanta del secolo scorso e viene ripresa dall'emittente pontifica nel secondo decennio di questo secolo. Nella stesura dei dialoghi, si sono succeduti autori qualificati di diversa età, provenienza e formazione. In molti casi questi testi "nati per la radio", sono stati poi esportati anche in teatro con sorprendente successo di pubblico, a testimoniare quanto la formula dialogica risponda a un bisogno tutto contemporaneo di ritorno a un autentico confronto e scambio di idee.

Da piazza San Sepolcro a Fiume...

Solfanelli

Non disponibile

15,00 €
Il milanese Alessandro Pozzi, detto Sandro, classe 1901, è legionario a Fiume con Gabriele d'Annunzio, ma è anche un fascista della prima ora, un sansepolcrista, un diciannovista inserito vitalmente nel magmatico mondo rivoluzionario di quest'anno: l'anno degli albori, in cui la giovinezza irrompe come categoria dello spirito consacrata dalla guerra. Lo troviamo infatti il 23 marzo 1919 a Milano alla storica adunata di San Sepolcro fondativa dei Fasci di combattimento. Nella città di vita, invece, Pozzi è un giovanissimo ardito protagonista della singolare stagione fiumana con Comisso, Furst, Kochnitzky e, naturalmente, Guido Keller, cui è legato da una strana amicizia. A Fiume prende parte attiva alla festa della rivoluzione ed è tra i firmatari dell'incendiario appello "Ai fiumani!", di sapore futurista, che invita a "rendere tutto possibile in atmosfera di genialità-follia incandescente". Torna a Milano nel novembre del '19, latore di un messaggio del Comandante per "Il Popolo d'Italia", e si tuffa nella competizione elettorale, nel "pantano cartaceo", tra le teste di ferro inviate da Fiume a supporto e protezione della lotta civica, combattuta per l'appunto "sul terreno fiumano dalmatico anticagoiesco". A novembre Sandro è arrestato con Mussolini e processato. Uscirà in dicembre.

La scelta. Le opzioni in Alto Adige

Solfanelli

Non disponibile

9,00 €
Nel 1939, a seguito di un accordo tra Italia e Germania, agli altoatesini di lingua tedesca fu intimato di scegliere, entro il 31 dicembre dello stesso anno, se volessero rimanere cittadini italiani oppure assumere la cittadinanza del Terzo Reich e trasferirsi in Germania. Dopo una subdola e menzognera campagna propagandistica operata dai nazisti, la gran parte dei tedescofoni optò per la Germania, mentre chi decise di rimanere in Alto Adige venne considerato un traditore dai "sudtirolesi", emarginato all'interno della comunità di lingua tedesca e perseguitato dai filonazisti.

Quantità e qualità nella ricerca...

Solfanelli

Non disponibile

13,00 €
Questo libro si occupa, in primo luogo, dell'ampliamento degli studi storici, tanto da poter dire che anche le biografie e in generale i resoconti autobiografici sono materiali e parte legittima del racconto storico. Ciò significa, in secondo luogo, che la storia e la sociologia sono più che mai vicine nel loro studio dell'uomo in società. Ma le due scienze non vanno confuse. La chiave interpretativa della storia è legata all'imputazione causale, per cui «ogni fenomeno è un ghenómeno». Per la sociologia, la chiave interpretativa è comparativa-condizionale. In particolare si fa evidente che l'oggetto della sociologia non è un oggetto. È una persona. L'impostazione quantitativa ha il suo ruolo nell'analisi del contesto storico specifico. All'interno di esso, testo e condizioni oggettive sono in rapporto dialettico e l'esperienza umana viene quotidianamente svolgendosi.

Dopo la guerra c'è solo la pace. Il...

Solfanelli

Non disponibile

13,00 €
Ricordare e far conoscere ciò che è avvenuto durante la seconda guerra mondiale a Trieste, Gorizia, Pola e Fiume, in tutta l'Istria e la Dalmazia, oltre a dare una sorta di giustizia all'immane tragedia accaduta nel periodo 1943-1947 - riconosciuta dalla legge del 30 marzo 2004 n. 92 che ha istituito, ogni 10 febbraio, il "Giorno del Ricordo" -, diventa monito per le giovani generazioni a costruire un futuro di pace. Questo libro propone una ricostruzione storica degli eventi che stravolsero e colpirono molte famiglie istriane, in particolare la famiglia Cossetto, che è stata segnata dal cruento sacrificio del suo primo fiore che stava per sbocciare in tutto il suo splendore: Norma. Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, vittima a ventitré anni di inaudite violenze, il cui coraggio ci insegna che la guerra, per qualsiasi ragione venga combattuta, causa danni immensi, in particolare sui civili inermi. Ieri come oggi, in molte altre parti del mondo: dalla Siria, all'Iraq allo Yemen. L'Istria alla fine della Seconda guerra mondiale diventa teatro della tragedia del Confine Orientale italiano, dove sono attestati i partigiani del maresciallo Tito, appartenenti al IX Corpus sloveno. Nell'avanzata di Tito i civili saranno i primi bersagli: i "titini" compiono violenze su migliaia di persone, che hanno la sola colpa d'essere e di sentirsi italiani, come ha detto nel 2007 il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Dal 1947 in poi circa 350 mila donne, uomini e bambini saranno costretti all'esodo dalle proprie terre.

Parola di Václav Havel. Teatro,...

Solfanelli

Non disponibile

15,00 €
Il libro fotografa un periodo assolutamente decisivo per la trasformazione della società occidentale, ovvero l'arco temporale compreso tra 1968 e il 1989, con la caduta del Muro di Berlino. In primo piano, la figura di Václav Havel come drammaturgo e le vicende oscure che hanno investito le sue opere. Sullo sfondo, personaggi straordinari come Tom Stoppard, Kenneth Tynan, Joe Papp, Klaus Junker o Vera Blackwell, la prima traduttrice di Havel in lingua inglese. Ne viene fuori un quadro da spy story, in una Praga kafkiana dove agiscono gli agenti della StB (la polizia segreta cecoslovacca) e gli operatori della DILIA (l'agenzia addetta alla censura). In un tale sistema, scrittori, editori e traduttori diventano figure sospette e vengono trattate come vere e proprie spie internazionali. Ma se era possibile "bruciare" i libri e chiudere i teatri, più difficile era fermare la musica e le onde radio. Havel intuì subito che la battaglia per la libertà e per la democrazia passava anche tramite la musica rock...

I racconti del Mala bar. Diario di...

Solfanelli

Non disponibile

14,00 €
La raccolta di brevi novelle "I racconti del Mala bar. Diario di un viaggiatore in Thailandia", è la narrazione di fatti, e dei personaggi che li hanno vissuti, raccolti a Chiang rai, capoluogo della Thailandia settentrionale, a confine con Myanmar e il Laos. Chi racconta, il Viaggiatore, incontra in un bar di questa cittadina gli espatriati che vi vivono e ne riporta le avventure, a volte tragiche, a volte comiche. Ne nasce un ritratto dei farang, come i thailandesi chiamano gli occidentali, visti nella loro molteplice tipologia, ma anche di quelle donne thai che a loro si accompagnano, donne a volte fedeli a volte infedeli, ma sempre dolci e umane. "I racconti del Mala bar" ci conducono in un Paese esotico, ma sono al tempo stesso un itinerario nel desiderio dell'uomo di evadere dalla propria realtà quotidiana, per ritrovare, nel fascino dell'Oriente, una nuova ragione di vita.

I fondamenti della persona in san...

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Con san Tommaso il pensiero medievale ha toccato veramente una profonda sintesi fra Filosofia e Teologia, scrivono H. Fiers e G. Kretschmar e pucontinuare ad esercitare grande fascino, sempre nuovo, anche oggi. Queste parole motivano il presente lavoro, tra l'altro molto limitato, su una questione di non poco rilievo all'interno degli scritti del dottore d'Aquino: il concetto di persona. Tale concetto, all'interno della tradizione cristiana, stato, per cosdire, prodotto dal "dogma". Essa ha definito il valore della persona umana, basandosi sul fatto che egli, l'uomo, il destinatario della Rivelazione di Dio. Il dottore angelico presuppone tutto ci anzi la sua definizione ricavata - come ho cercato di evidenziare -, alla luce della teologia, gli scritti di San Tommaso rilevano peruna grande armonia tra fede e ragione, Teologia e Filosofia.

Storia dei d'Avalos

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
Il presente volume tratta in modo chiaro e rigoroso la storia dei d'Avalos nel periodo compreso fra il Quattrocento e la fine del Settecento. Ne viene fuori un quadro sorprendente del ruolo politico ed economico svolto nel corso di quattro secoli da questa nobile famiglia di origine spagnola stabilitasi nel meridione d'Italia al seguito di re Alfonso V d'Aragona. La fedeltà assoluta verso il proprio sovrano e il suo sistema di potere, le capacità militari dimostrate sui campi di battaglia durante il lungo conflitto fra Spagna e Francia e l'accorta politica matrimoniale costantemente perseguita consentono alla famiglia d'Avalos di conquistare, nel giro di poche generazioni, le più prestigiose cariche di corte e la titolarità di numerosi feudi in Abruzzo, Molise, Puglia e Campania. Nel libro vengono rievocate le grandi figure della famiglia, dai condottieri del Cinquecento che consumarono le loro vite sui campi di battaglia al servizio della Spagna, ai marchesi del Vasto che tra il Seicento e il Settecento svolsero una preminente funzione politica nel Mezzogiorno italiano e non solo. Non mancano infine riferimenti a quelle figure femminili destinate a lasciare un segno soprattutto per il loro contributo in campo culturale.

La rerum novarum tra sindacato e...

Solfanelli

Non disponibile

11,00 €
Questo studio di Giulio Alfano è una riflessione sui momenti iniziali e fondanti della presenza dei cattolici, in quanto tali, nella vita politica ed economico-sociale dell'Italia che va dall'ultimo quarto dell'800 fino agli eventi che precedettero l'esperienza fascista. La dottrina sociale della Chiesa (in particolare, la Rerum Novarum), il movimento operaio, la presenza dei cattolici, le tesi marxiste costituiscono quattro riferimenti essenziali della problematica storica che Alfano affronta nel suo studio. La lettura di tale studio consente stimolanti riflessioni - non poco attuali - su tre aspetti: la centralità dell'insegnamento della Chiesa; la diversità di approccio dei cattolici presenti in politica e dentro il movimento operaio, rispetto alla impostazione della Chiesa; talune peculiarità del movimento operaio italiano.

RSV. Rivista di studi vittoriani....

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Saggi: Shirley Foster, "Scheherazade as Traveller: Generic Diversity in Some of Elizabeth Gaskell's Shorter Works"; Mariaconcetta Costantini, "Professionisti della censura: la letteratura popolare vittoriana e il dibattito sui recensori"; Michela Marroni, "John Ruskin, William Morris and the Making of the Ecological Mind". Contributi: Roberto Baronti Marchiò, "I need more past": Poor Things di Alasdair Gray"; Fabio Ciambella, "Look out for the small of your back": (Im)politeness in Swinburne's The Statue of John Brute"; Sylvia Handschuhmacher, "Sprachkritik und Sprachreinigung im 19. Jahrhundert: Der "Allgemeine Deutsche Sprachverein". Recensioni di Marco Canani, Francesca Crisante, Francesco Marroni, Francesca Vinci.

La discesa del Tevere e altre...

Solfanelli

Non disponibile

20,00 €
Il Tevere è Roma e Roma è il Tevere. Sulle sue sponde verdeggianti nascono i miti dell'Urbs quando vuol darsi una leggenda: i gemelli Romolo e Remo, allattati da una lupa e salvati dal fiume, benevolo, dal pastore Faustolo che raccoglie la cesta restata impigliata ad una pianta di Ficus ruminalis i cui discendenti, piace pensare, siano le tante piante di fico che ancora oggi, nonostante i muraglioni, ne ornano le rive. All'Isola Tiberina nasce il mito di Esculapio e della salute e subito dopo le infrastrutture per i commerci. Sull'isola si curano i corpi e le anime, i primi al Fatebenefratelli, le seconde a San Bartolomeo all'Isola, la storica chiesa nata sul fiume e per il fiume, non a caso scelta dalla Confraternita dei molinari. "La discesa del Tevere e altre storie di fiumara", ripercorre un mondo impastato di secoli e di millenni che non ha una memoria viva, movimentata, seria e divertente insieme, che, in un grande museo, racconti ai più giovani cos'è stata la vita animatissima di questo fiume. Questo libro, raccontando sapidamente una ormai lontana discesa del Tevere in gommone, dalla Villa di Plinio il Giovane ad Anghiari alla foce, vuol porre due problemi: questo di un museo vivo del Tevere, da realizzarsi magari nel già restaurato Arsenale Clementino sulle rive trasteverine, con il concorso delle Soprintendenze e dei circoli nautici presenti in forze sul fiume, e quello di una sua più accurata depurazione che coinvolga l'intero bacino, soprattutto l'Aniene. Altrimenti perché avremmo disceso questo difficile fiume?

Il solito niente

Solfanelli

Non disponibile

17,00 €
Un bambino solo, in una notte fredda e senza luna. La madre è una ragazza serba. Libera da vincoli. Il padre è un uomo in carriera, forse con una doppia vita. Due esistenze diverse, in apparenza incompatibili. Immersa in una sua personale ricerca della verità, sospesa in una storia d'amore intermittente, afflitta da un cancro che non le concede tregua, Camilla Valdimares, ispettrice di larghe intuizioni e anarchia professionale, indaga su un delitto crudele e inspiegabile. E scopre un microcosmo di rancori e di infelicità, e una voragine di criminalità sommersa. Attorno a lei si muovono personaggi già incontrati in "Bassa marea". L'amato Ferré, il collega Adamberti - omaggio al commissario Adamsberg di Fred Vargas - il fratello Vladi. Tra mogli annegate nell'alcol, ragazze che si vendono per disperazione, uomini malati di seduzione e le atmosfere noir di una provincia piovosa e piena di segreti, Alessandra Zenarola disegna una nuova storia di passioni e di miserie umane.

La destra e la strategia della...

Solfanelli

Non disponibile

12,00 €
Questo libro si propone di riunire in unico testo tutti i tentativi di colpo di Stato ufficialmente conosciuti in Italia. Lungi dal trattarsi di una mera operazione storico-archeologica, l'intento è piuttosto quello di ripercorrere i sentieri che hanno portato tanti giovani, della destra ufficiale e non, nella costellazione delle più disparate realtà ideologiche radicali. L'ipotesi del libro è che tale radicalizzazione sia l'esito di tentativi di reazione e di rivolta, anche molto differenti nelle forme e nei modi, provocati a loro volta da uno sforzo generalizzato nel panorama politico italiano di soffocare la voce della destra radicale. Le questioni che si pongono diventano, allora, due: da una parte ripristinare il progetto originario d'instaurare un nuovo tipo di civiltà, con il realizzare un nuovo costume di vita e il favorire l'affermarsi di una nuova Weltanschauung sull'uomo e sulla società. Dall'altra, indagare i rapporti che intercorrono tra quest'intento iniziale e il caleidoscopio di realtà che, senz'avere su di esse uno sguardo normativo e giudicante, l'Autore prende in considerazione. Obiettivo finale del libro risulta una disamina che permetta al lettore di discriminare esperienze e realtà qualitativamente costruttive da quelle che, contro ogni vanto, in effetti non lo sono.

La mutazione. Paesaggio, società,...

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
Un viaggio in Italia attraverso la descrizione dei grandi cambiamenti subiti dal suo patrimonio più prezioso, rappresentato dal paesaggio e dalla cultura, in cui sono racchiuse la memoria e la creatività della nazione per cercare di comprendere le metamorfosi ambientali e sociali che hanno trasformato l'immagine e l'imprinting del nostro paese. Un saggio-pamphlet che attraverso un percorso in dieci tappe ci mostra come il consumo irresponsabile del suolo, l'espansione incontrollata delle città, la cementificazione dei litorali, l'inquinamento, lo spopolamento delle montagne e l'avvento di un turismo fuori controllo abbiano causato una vera e propria mutazione antropologica. Salvare quello che è rimasto del paesaggio e dei luoghi abitati deve quindi diventare la priorità sia a livello nazionale sia regionale e locale per tutelare gli ecosistemi e fermare la "disneylandizzazione" che svuota i centri storici e cancella le identità formatesi nei secoli. Solo con una profonda trasformazione a livello culturale, economico, politico e legislativo si può modificare l'attuale modello di sviluppo e abbandonare un itinerario non più percorribile e senza futuro.

Essenza della poesia

Solfanelli

Non disponibile

7,00 €
Questo dittico hölderliniano sull'«essenza della poesia», che comprende Fondamento dell'Empedocle e Sul procedimento dello spirito poetico, fu liberamente tradotto da Rosario Assunto nel 1948 e viene qui riproposto nella versione aggiornata di Gianluca Valle, autore di un utile Poscritto, per il suo valore storico-documentario. Fu l'estetologo italiano, infatti, a far conoscere l'attività teorica del poeta tedesco prima che i due scritti divenissero oggetto di un'attenzione specifica da parte di critici letterari e filosofi. La strada su cui s'incammina Assunto è diversa da quella di Heidegger. Se il secondo vuole uscire dai confini dell'estetica perché la considera interna agli orizzonti della metafisica, il primo integra l'analisi degli scritti teorici con quelli poetici, soffermandosi sui processi di creazione e di ricezione dell'opera d'arte. Assunto ri-colloca giustamente l'opera hölderliniana all'interno della temperie culturale del Romanticismo e dell'Idealismo tedeschi. Lo scopo dell'arte, secondo Hölderlin, consiste nel «rendere presente l'infinito», una cosa possibile solo se l'opera è una «forma vivente», un «punto fermo» da cui irradiano alternanze armoniche e opposizioni risonanti. La tesi che si ricava da questa interessante operazione editoriale si può così riassumere: la poesia fornisce un accesso privilegiato alla verità perché procede in modo diverso dalle filosofie dell'intelletto o della ragione. Si tratta di pagine illuminanti, pur nella loro tortuosità, dove la questione che assilla Hölderlin è quella dell'«oggettività» del linguaggio in generale e di quello poetico in particolare. La sua lezione, nella misura in cui richiede l'oggettività della poesia, risulta preziosa in quanto avverte che tale oggettività non è quella degli oggetti empirici ma è quella che si rivela, assai più alta, nel linguaggio, dove si saldano esteriorità e interiorità. La poesia è fondazione di un valore ontologico e non meramente fenomenico.

Scala B

Solfanelli

Non disponibile

15,00 €
La scala B del condominio è quella di livello più modesto, come B è il piano che si mette in atto quando il primo fallisce, la risorsa che inaspettatamente si profila quando la prima sfuma, la soluzione che non avevamo neanche ipotizzato. Il mélange di storie e microstorie, calate nel contesto milanese del '77, restituisce il sapore di anni tesi e violenti, quegli anni di piombo che segnarono in modo indelebile l'Italia. La vicenda si dispone in una struttura a spirale su due piani che si intersecano di continuo: il versante pubblico, costellato di eventi di cronaca realmente accaduti, in cui la protagonista, Nicla, una ragazza catapultata a Milano dalla Sicilia, vive intensamente le sue esperienze, e la dimensione privata, più intima e raccolta, in cui si snoda la sua trama di rapporti con uomini molto diversi tra loro. Il luogo da cui scaturiscono queste storie è il condominio in cui la giovane è venuta ad abitare, popolato da personaggi curiosi e singolari, figure semplici e schiette che alloggiano nel palazzo occhieggiando dietro le quinte, come in un teatro cittadino dove ogni giorno si recitano atti consueti e scene di ordinaria follia.

Nidi di rondini. Roma: dalle...

Solfanelli

Non disponibile

10,00 €
L'autrice, romana, di ottantadue anni, testimone della tragedia che coinvolse Roma dal 1940 al 1945, ha inteso richiamare l'attenzione e fare memoria sul periodo storico più burrascoso, affinché la presente generazione conosca la verità sul reale vissuto dell'epoca citata, indelebile in chi ne ha subito gli eventi, in particolare il popolo romano. Dell'epoca ha voluto anche ricordare tutti quei giovani, non certo impegnati politicamente ma obbedienti al volere dello Stato, inviati al fronte russo nella seconda guerra mondiale, con tutte le false rassicurazioni, dove invece hanno lasciato gli anni più importanti della loro vita, strappati alle famiglie, che ancora oggi si dicono orfane di un loro amato congiunto. Inoltre, un ricordo particolare lo rivolge al papa Pio XII, che, con trepidazione, intelligenza ed elevata spiritualità, ha condotto la battaglia a difesa della santa Chiesa cattolica e di tutto il popolo, di fronte a regimi distruttivi e disumanizzanti.

Note di viaggio e pagine sparse....

Solfanelli

Non disponibile

17,00 €
Adriano Olivetti resta, nel panorama socio-politco e culturale italiano, un illustre sconosciuto. Forse bisognerebbe dire misconosciuto, almeno nel senso che di lui si è parlato e si parla spesso, ma senza riuscire a individuarne l'intento profondo. Si possono invocare, legittimamente, delle attenuanti. La personalità è indubbiamente complessa: ingegnere che va al di là del calcolo numerico; industriale che vede nell'industria una risorsa per la comunità extra-aziendale; un capitalista che non crede e trascende il capitalismo; un riformista, certamente, ma quali riforme? Siamo alle soglie dell'intento vero, profondo: riforme che non si limitino a cambiare gli statuti giuridici, ma giungano a trasformare il vissuto quotidiano.

Note di viaggio e pagine sparse....

Solfanelli

Non disponibile

13,00 €
È forse venuto il tempo per rendersi conto del «peccato originale», per così dire, della grande tradizione filosofica europea occidentale. Dalle sue origini, con Platone che sceglie l'epistème contro la dóxa, incurante dell'impoverimento dell'esperire umano quando venga meno il legame con la conoscenza ordinaria, a René Descartes, che cancella la memoria a favore dell'«imperialismo della logica», acquista in essa una posizione di predominio l'impostazione del pensare che nega la memoria e fa coincidere il progresso con la cancellazione della tradizione. In realtà gli esseri umani, che per una volta nascono e passano sul pianeta Terra, non sono nulla in senso assoluto. Sono ciò che sono stati e, anzi, più precisamente, ciò che ricordano di essere stati. Non «cogito, ergo sum», bensì «reminiscor, ergo sum» (mi ricordo, dunque sono).