Responsabilità di impresa e corporate governance

Filtri attivi

Total responsability. Dalla...

Armigliati Roberto
Guerini e Associati 2012

In libreria in 10 giorni

25,00 €
L'intrinseco legame tra responsabilità e lavoro fa da sfondo alla total responsibility. E tuttavia opinione diffusa che, sebbene il mondo aziendale si mostri sensibile alla sostenibilità e alla corporate social responsibility (CSR), tale attenzione si traduca prevalentemente, nella pratica, in un'azione filantropica e di mero sviluppo dell'immagine. Non si è infatti ancora assistito a un orientamento dell'impresa nel suo complesso verso una cultura organizzativa di responsabilità. Anzi, in alcuni casi importanti si è verificato l'esatto contrario e ciò non ci conforta. La situazione attuale sembra favorevole al dispiegamento della responsabilità d'impresa, collettiva e individuale. Occorre però ridefinire, alla luce della crisi strutturale del nostro sistema economico e produttivo, il senso della parola responsabilità e individuare le cause del suo distorto utilizzo anche nel linguaggio corrente. Per la responsabilità d'impresa occorre intervenire su alcuni fattori organizzativi: una strategia d'impresa di responsabilità (anziché di sola profittabilità); politiche mirate alla gestione di tutti gli stakeholder, prassi comportamentali che aiutino le persone a cambiare, performance focalizzate sugli effetti e non solo sui risultati, strumenti e processi innovativi di management (Carta degli effetti, Capacità per la responsabilità ecc.), una politica di gestione delle persone. Prefazione di Giuliano Pisapia. Postfazione di Renato Grottola.

Oltre la CSR. L'impresa del Duemila...

Ferrari Luigi
ISEDI 2009

In libreria in 10 giorni

24,00 €
La CSR (Corporate Social Responsibility) è oggi un concetto ambiguo e talora può avere risvolti negativi: rimanda infatti a sociale nel senso di assistenza in presenza di svantaggio, e spesso viene interpretata come una pratica utilizzata dalle imprese per "compensare" in qualche modo i danni che esse stesse arrecano alla società e all'ambiente in cui operano in conseguenza del loro modo di produrre e di fare profitti. CSR come "restituzione", quindi, spesso accompagnata da una certa dose di opportunismo. Alla base di questa concezione sta il convincimento che, poiché gli obiettivi dell'impresa sono antagonisti e inconciliabili con quelli delle altre parti sociali, è buona cosa per l'impresa e per la sua reputazione "riparare", "compensare", concedere qualcosa, in un gioco tipicamente a somma zero. La questione decisiva, di cui tratta questo volume, sta nel superare decisamente la tradizionale accezione della CSR - legata alle "buone azioni" - per intraprendere la via della Stakeholder Vision, consistente nel gestire l'azienda avendo presenti, fin dall'inizio, gli interessi di tutti gli attori-stakeholder che sono interessati, direttamente o indirettamente, dall'attività e dai risultati dell'azienda stessa.

Etica, economia e lavoro....

Acocella Giuseppe
Edizioni Lavoro 2007

In libreria in 10 giorni

10,00 €
Il condizionamento crescente dell'economia sulle decisioni collettive esige che la riflessione etica rimetta al centro l'"umanità" dell'azione economica e del lavoro. Ma il lavoro riveste ancora un ruolo centrale nella vita sociale? Proprio sulla responsabilità sociale dell'impresa si concentrano oggi le questioni più significative della democrazia economica. Grazie al marketing d'immagine si rischia persino di sbandierare come "etica" anche l'azione più cinica, tesa al solo conseguimento del profitto, o di mascherare sotto forme nuove un "paternalismo sociale" di ritorno, che spazia dall'antico filantropismo di Owen e Fourier al "capitalismo compassionevole" dei nostri giorni. Il problema vero, invece, è quello della partecipazione dei lavoratori alle sorti dell'impresa, che coniughi orizzonti sociali dell'etica pubblica e sostanza della democrazia economica.

La responsabilità sociale delle...

Balluchi F. (cur.); Furlotti K. (cur.)
Giappichelli 2019

In libreria in 3 giorni

30,00 €
La sostenibilità e la Responsabilità Sociale d'Impresa (RSI) rappresentano un tema di profondo interesse da parte delle imprese e degli operatori economici, politici e sociali. Per le realtà aziendali, è ormai di tutta evidenza che un successo economico duraturo non può prescindere dall'ottenimento e dal mantenimento del consenso dei propri stakeholder. È necessario quindi contemperare i molteplici interessi dei soggetti coinvolti e interessati all'attività svolta, in una prospettiva che abbraccia le istanze di natura reddituale e quelle di natura etico-sociale e ambientale. Nella definizione delle strategie aziendali è fondamentale valutare le attese di diversa natura e i differenti livelli di partecipazione e coinvolgimento che qualificano il rapporto fra azienda e stakeholder, radicando profondamente l'assunzione di responsabilità sociale nella governance aziendale. Nondimeno, gli aspetti di comunicazione della RSI rivestono un ruolo fondamentale sia per quanto attiene all'adempimento dei doveri assunti dall'azienda nei confronti dei propri stakeholder, sia con riferimento alla legittimazione che da una trasparente e attendibile comunicazione può derivare. Alla luce di quanto osservato, il volume si propone di offrire una lettura dei principali elementi di analisi in ambito di responsabilità sociale, con particolare riferimento agli aspetti di governance e di comunicazione. Sono quindi trattati i concetti fondamentali in tema di sostenibilità, responsabilità sociale d'impresa ed etica d'impresa considerandoli in una prospettiva strategica di governance aziendale. Successivamente il lavoro si concentra sulla comunicazione aziendale, con particolare riferimento agli strumenti di accountability diretta e di gestione della RSI. Il libro è il frutto della riflessione e dell'esperienza maturata da un gruppo di docenti e ricercatori che da tempo si occupano di sostenibilità, etica e responsabilità sociale di impresa; ogni contributo nasce dall'elaborazione personale dei diversi autori, sia pure collocandosi in un comune e condiviso quadro di riferimento.

Il sistema delle deleghe di...

Negri Clementi A. (cur.)
EGEA 2013

In libreria in 3 giorni

58,00 €
Un'efficiente "corporate governance" deve essere veicolata da un sistema articolato di deleghe che sia in grado di ripartire adeguatamente l'esercizio di quelle decisioni strategiche che consentano all'impresa il miglioramento della posizione competitiva. Il volume risponde a questa esigenza di analisi e, partendo dalla valutazione dei requisiti di validità ed efficacia della delega di potere gestorio, illustra il sistema anche in relazione ai rapporti tra consiglio di amministrazione e organi delegati e regime di responsabilità. Tratta di società aperte (quotate, aziende pubbliche, a capitale diffuso) e di società chiuse (piccole e medie imprese, aziende familiari), di norme del codice civile e di settore (D. Lgs. n. 231/2001, deleghe in materia di sicurezza sul lavoro e ambiente, normativa Unbundling, disciplina dei gruppi). Rivolto ad operatori del diritto, imprenditori, amministratori, soci e a quanti sono chiamati ad attribuire deleghe, il volume offre, sulla base degli sviluppi della best practice, soluzioni operative rispondenti a sempre più crescenti richieste imprenditoriali.

Corporate governance. Un cardine...

Goglio Alessandro; Goldstein Andrea
Il Mulino 2020

In libreria in 5 giorni

11,00 €
Che cos'la corporate governance e perchimportante? Come si governa l'impresa moderna, grande o piccola, privata o statale, locale o multinazionale? Quali sono le relazioni tra proprietari, dirigenti e amministratori? Qual il ruolo degli azionisti e dei mercati finanziari nel monitorare i comportamenti dei dirigenti? Gli autori del volume rispondono a queste domande spiegando i benefici della corporate governance per l'economia ed esaminando anche alcuni degli scandali pinoti degli ultimi anni in Italia e all'estero. Uno snodo fondamentale per capire l'economia contemporanea, le differenze tra sistemi economici e ridurre il rischio di una nuova crisi globale.

Ruoli di corporate governance....

Riva P. (cur.)
EGEA 2020

In libreria in 5 giorni

75,00 €
Il volume aggiornato alle indicazioni del Codice di Corporate Governance 2020 e approfondisce in modo sistematico i profili economici del governo di impresa. La materia in esame ha subo una notevole evoluzione divenendo sempre pidefinita e articolata. Situazioni drammatiche di discontinuite di crisi affrontate recentemente da molte aziende hanno paradossalmente permesso di comprendere come sia indispensabile, anche per le realtminori, dotarsi di strumenti di governance. Argomenti che sino a poco tempo fa potevano essere solo studiati perchconsiderati di frontiera - quali il sistema dei controlli nelle PMI, l'introduzione dei modelli organizzativi e di gestione dei rischi o ancora la comunicazione di informazioni non finanziarie e la diversity - sono divenuti negli ultimi anni fondamentali per la gestione della continuitaziendale. Solo valutare per tempo quale possa essere la prevedibile evoluzione della propria attivitnel futuro, individuare i rischi rilevanti e i mezzi necessari per fronteggiarli permette di gestire le difficoltche tutte le attivitimprenditoriali prima o poi incontrano evitando, o quanto meno riducendo, le probabilitdi default. A questo fine il volume approfondisce, da un lato, le buone prassi e i modelli di comportamento, che costituiscono i benchmark di riferimento, in quanto utilizzati dalle aziende capaci di perseguire sistematicamente il successo sostenibile e, dall'altro, i compiti affidati a chi assume in azienda specifici ruoli di governance.

Il buon governo. Insegnamenti dalle...

Minoja M. (cur.)
EGEA 2016

In libreria in 5 giorni

28,00 €
Questo libro presenta i risultati della ricerca dell'lSVI (Istituto per i Valori d'Impresa) sul tema "Bene comune e comportamenti responsabili nelle imprese e nelle istituzioni". Tale ricerca si proponeva l'obiettivo di identificare gli elementi alla base del buon governo e della buona gestione di organizzazioni produttive diverse - imprese, enti locali, aziende sanitarie, istituti non profit -, nonché i valori imprenditoriali che ne sono all'origine. I contributi e le riflessioni che vi sono contenute attingono soprattutto alle undici "storie di imprese e di istituzioni" raccontate nel primo libro scaturito dalla ricerca, ma valorizzano anche altre esperienze e casi conosciuti dagli autori. Il libro vuol essere un contributo per promuovere e praticare la cultura del buon governo e della buona gestione in ogni ambito produttivo, evidenziando i valori che ne sono alla base e il loro concreto esplicarsi, nella consapevolezza che il perseguimento del bene comune - inteso come sviluppo armonico, integrale e sostenibile delle persone, dei territori e dell'intero Paese - è frutto dell'azione corale di tutti i tipi di organizzazioni produttive che vi sono insediate.

Internal auditing. Chiave per la...

Dittmeier Carolyn A.
EGEA 2011

In libreria in 5 giorni

45,00 €
L'Internai Auditing è attività di assurance e di consulenza interna, volta al miglioramento continuo dell'impresa, in grado di penetrare trasversalmente i processi aziendali integrati e di raggiungere l'essenza dei fenomeni, tenendo sempre presenti gli obiettivi di alto livello, di business e di governo. In quanto tale, è professione che coniuga in sé arte e scienza, alta espressione aziendale della sintesi tra metodologia e comunicazione: scienza per la molteplicità delle tecniche che conosce e utilizza (analisi di processo, valutazione dei rischi, misurazione degli impatti) e arte per la consapevolezza di dover e saper cogliere le esigenze dell'impresa e sintonizzarsi con la sua cultura. In questa nuova edizione, tutti i capitoli sono stati reimpostati per fornire nuovi elementi di lettura e interpretazione affinché modelli, metodologie, tecniche e tendenze presentati siano maggiormente declinabili nell'operatività e nei contesti organizzativi in cui si muovono oggi le funzioni di internai audit e gli attori del sistema dei controlli interni aziendali.

Ikea. Che cosa nasconde il mito...

Bailly Olivier
Anteprima Edizioni 2007

In libreria in 5 giorni

14,00 €
IKEA è socialmente responsabile. IKEA è impegnata nella difesa dell'ambiente. IKEA è al servizio del maggior numero possibile di persone. IKEA vuole migliorare il nostro quotidiano. IKEA ci ama. Così vuole apparire agli occhi del grande pubblico la multinazionale del prêt-à-habiter. Ma la sua immagine di azienda etica è frutto di pratiche effettivamente responsabili o solo di un'ottima strategia di comunicazione? L'ONG belga Oxfam-Magasins du monde ha voluto saperne di più e ha avviato un'inchiesta per far luce sulle modalità di lavorazione dei prodotti IKEA, sul sistema di approvvigionamento del legname e sull'applicazione delle norme di rispetto ambientale, sulle condizioni di lavoro dei suoi dipendenti diretti e di quelli dei suoi subappaltatori. La conclusione è che gli impegni assunti da IKEA, per quanto lodevoli e concreti, sono insufficienti a garantire soluzioni accettabili per la salvaguardia dell'ambiente e dei diritti dei lavoratori. Tanto più che, nell'ottica di un riserbo portato all'estremo, i suoi bilanci e i controlli effettuati in base al codice di condotta interno all'azienda (IWAY) non sono accessibili al pubblico. Questo libro però non parla soltanto di IKEA, ma anche (soprattutto?) di noi. Il modello di sviluppo che, direttamente o indirettamente, è incoraggiato dalle pratiche del gruppo - acquistare sempre più cose, a un prezzo sempre più basso, da conservare per un tempo sempre più breve - è incoerente con un discorso sociale ed ecologico credibile.

Mercato dei capitali e corporate...

Barucci Emilio
Carocci 2006

In libreria in 5 giorni

17,30 €
Questo volume si propone di valutare empiricamente l'efficacia del disegno del sistema finanziario e di governance delle imprese costruito nel corso degli anni Novanta in Italia collocando il tema all'interno del dibattito su convergenza e path dependence dei sistemi finanziari. Le "risposte" vengono quindi cercate nei dati e non nell'aneddotica o in teorie precostituite. Sono molte le domande cui l'autore cerca di dare una risposta, tra le più significative ricordiamo: nel corso degli anni Novanta la struttura proprietaria è divenuta meno concentrata? La corporate governance, i codici di autodisciplina sono operazioni di marketing o sono strumenti efficaci? il processo delle privatizzazioni ha contribuito ad un effettivo recupero di efficienza delle imprese? l'intreccio banca-impresa è virtuoso o è solo un coacervo di conflitti di interesse? l'elevata remunerazione degli amministratori ha una sua ragione economica? esiste un mercato per il controllo societario in Italia? gli investitori istituzionali svolgono un ruolo attivo? i recenti scandali finanziari sono il sintomo che i meccanismi di controllo interno all'impresa non funzionano?