Diritto penale minorile

Filtri attivi

Dallo scontro all'incontro,...

Bonanno Maria Assunta; Mercantini Alessandra
La Rondine Edizioni 2020

In libreria in 3 giorni

9,90 €
Maria Assunta Bonanno, sociologa, e Alessandra Mercantini, pedagogista e counselor, sono mediatori penali, esperte esterne del Servizio di mediazione penale minorile del Centro Giustizia Minorile di Catanzaro sin dalla sua costituzione nel 2002.

Il giudice dei minori. I nostri...

Fadiga Luigi
Il Mulino 2020

In libreria in 3 giorni

11,00 €
Chi sono e cosa fanno i giudici che giudicano i minorenni? Di tanto in tanto si parla di loro, e non sempre in senso favorevole. Talvolta li si accusa di tutto e del contrario di tutto: troppo lassisti quando scarcerano la piccola nomade borseggiatrice; insensibili e crudeli quando allontanano da casa il bambino vittima di gravi abusi; pigri burocrati quando non trovano bambini da adottare. Il volume ripercorre l'evoluzione della giustizia minorile in Italia, dalle origini fino alle riforme dei nostri giorni, attraverso le turbolenze del mondo giovanile e la lenta, progressiva affermazione dei diritti del minore.

L'istituto della messa alla prova...

Trenta Lidia
Phasar Edizioni 2020

In libreria in 3 giorni

12,00 €
Una breve disamina di uno degli istituti giuridici pifiduciosi e carichi di aspettative nel campo penale minorile italiano: la c.d. messa alla prova. Il confronto con altre realteuropee ci fa realizzare come nel nostro paese l'istituto ex art. 28 O.P. venga esaltato ed osannato come una panacea penal-paternalistica ma, a ben vedere, esso stesso segni il passo quando si tratta della sua applicazione ai minori stranieri o portatori di particolari problematiche.

Autodeterminazione e minore et?....

Senigaglia R. (cur.)
Pacini Giuridica 2020

In libreria in 3 giorni

22,00 €
Il volume offre una riflessione sulle tecniche e i principi di definizione dello spazio di autodeterminazione e autonomia che puoggi riconoscersi al soggetto minore di et La rimeditazione della capacitdel minorenne di compiere atti giuridici operata alla luce delle istanze provenienti dalla realtsociale, dall'evoluzione normativa e dalla ridefinizione degli assetti assiologici ordinanti il diritto minorile. E questo sia nei rapporti familiari sia nelle relazioni sociali, spaziando dall'ambito pistrettamente personale a quello patrimoniale. Al fine di delineare il contesto valoriale del discorso sull'autodeterminazione del minore di et nel volume si voluto far precedere la parte pispecificamente dedicata a talune espressioni dell'autonomia del minore (salute, privacy, nuovi media, contratto) da un inquadramento generale dei diritti, dell'interesse del minore e delle misure di protezione degli uni e dell'altro. La parte terza, poi, affronta, con l'esperienza della giurisprudenza pratica, alcune questioni legate al ruolo del minore nel processo, i cui esiti implicano i suoi diritti e il suo best interest.

La nuova esecuzione penale minorile

Macrillò Armando
Maggioli Editore 2019

In libreria in 3 giorni

20,00 €
Il volume affronta in maniera sistematica l'esecuzione penale a carico di imputati minorenni alla luce della recente riforma introdotta dal d.lgs. 2 ottobre 2018, n. 121 in attuazione dell'art. 1, commi 82, 83 e 85, lett. p), della legge delega 23 giugno 2017, n. 103. Trattasi di un'organica disciplina dell'esecuzione delle pene nei confronti dei minorenni la quale, dopo trent'anni dal varo delle disposizioni sul processo minorile avvenuta col d.P.R. 22 settembre 1988, n. 448 e a distanza di oltre quaranta dall'entrata in vigore della l. 26 luglio 1975, n. 354, giunge a colmare la grave lacuna legislativa rimarcata in plurime occasioni dalla dottrina e dalla giurisprudenza. Il testo, partendo dai princìpi cardine della riforma e dalla struttura del d.lgs. n. 121 del 2018, esamina partitamente le misure penali di comunità ed il procedimento di sorveglianza deputato all'applicazione, alla sospensione ed alla revoca delle stesse, soffermandosi sui temi più dibattuti, primo fra tutti quello afferente i reati c.d. "ostativi" e le relative preclusioni. Sono di seguito esaminate le ulteriori misure alternative alla detenzione fruibili dai minorenni e, infine, il volume affronta il regime penitenziario minorile intra moenia sul presupposto che la detenzione in istituto - proprio alla luce della riforma del 2018 - deve essere considerata quale extrema ratio applicabile temporaneamente sino al ricorrere dei presupposti per la concessione di misure extracarcerarie. Corredata da schemi ed appendice normativa, l'opera è aggiornata alla più recente giurisprudenza di legittimità e merito.

Manuale di giustizia riparativa e...

Ciambrone Maria Cristina; Esposito Maria
Santelli 2019

In libreria in 3 giorni

15,90 €
Il testo presenta una disamina sulla devianza in relazione all'età evolutiva permettendo ai destinatari (soggetti con formazione giuridica, psicologica, sociale e pedagogica) di sviluppare un'analisi psicologica e sociologica del fenomeno e del conseguente, ove accade, passaggio ad atti di criminalità. Una forma di prevenzione alle varie forme di devianza che si sviluppano fra i minori è la mediazione penale, che si sta divulgando capillarmente come strategia di riparazione alle conseguenze che i crimini, perpetrati in età evolutiva, possono generare nella vittima, ma anche nell'autore del reato. La prima parte è dedicata alla mediazione penale ed alla giustizia riparativa con casi reali di laboratori tenuti con soggetti detenuti e non. La seconda parte ha per oggetto la devianza minorile, analizzata non solo da un punto di vista psicologico, ma anche sociale e con un particolare accento posto sulle dipendenze in età evolutiva, spesso segno e sintomi di forme di devianza nascenti.

La messa alla prova minorile e...

Moyersoen J. (cur.)
Franco Angeli 2018

In libreria in 3 giorni

25,00 €
Nel presente volume vengono analizzate la teoria e le prassi applicative dell'istituto della sospensione del processo per messa alla prova minorile (art. 28 del DPR 448/1988), forma di "probation processuale", a trent'anni dalla sua entrata in vigore, dedicando un focus ai minori che hanno commesso reati di gruppo o reati associativi anche in contesti di criminalità organizzata, secondo le esperienze e le testimonianze di vari Tribunali per i Minorenni (Catania, Milano, Napoli e Reggio Calabria). Con le sue peculiarità di grande flessibilità e programmaticità e con i suoi obiettivi di cambiamento, questo istituto ha notevolmente contribuito ad abbattere il tasso di recidiva dei minorenni autori di reati. In merito alla casistica dei minori coinvolti in reati di gruppo o in reati associativi, il volume offre un aggiornamento sulle nuove prassi operative in materia di interventi di recupero psico-sociale, nonché una griglia realizzata da un gruppo di lavoro dell'Ufficio GUP del Tribunale per i Minorenni di Milano, fruibile dagli operatori psico-socio-educativi come guida agli aspetti diagnostici e trattamentali che la magistratura minorile ritiene imprescindibili nell'applicazione dell'istituto. I contributi pubblicati in questo volume contengono concetti fondamentali e innovativi applicati in questo ambito, come bellezza, empatia, contenimento psichico e mentale, rito di passaggio, stimolo al cambiamento e relazioni transferali istituzionali a vari livelli. Alcuni ragazzi hanno accettato di esprimere liberamente e in forma scritta la loro esperienza in sede di udienza finale di messa alla prova; le loro riflessioni riportate nel testo lasciano trasparire il travaglio sotteso e l'impegno profuso nel faticoso percorso maturativo e di cambiamento svolto durante il periodo di prova. Il presente volume è rivolto principalmente agli operatori della giustizia minorile, in particolare magistrati togati e onorari, avvocati, operatori dei servizi psico-socio-educativi del Ministero della Giustizia, del territorio e delle strutture residenziali penali, ma anche a tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questo importante settore della Giustizia tesa all'applicazione del principio riabilitativo, che sottende la ripresa dei processi maturativi nella mente del minore che delinque, ritenendo l'intervento a ciò mirato necessario e proficuo per far evolvere la personalità in formazione verso migliori destini e per recuperare risorse preziose alla società.

La giustizia penale minorile. Il...

Di Tullio D'Elisiis Antonio
Nuova Giuridica 2016

In libreria in 5 giorni

34,00 €
Scopo del libro è esaminare la figura del minorenne autore di reato in tutte le sue implicazioni processuali. Con questo scritto non si vuole dunque esaminare il codice di procedura penale minorile attraverso una disamina di ordine manualistico, quanto piuttosto analizzarlo in relazione alla posizione che il minorenne riveste in qualità di indagato prima, e imputato poi. Per perseguire questo obiettivo, sono state analizzate: le disposizioni del c.p.p. che maggiormente afferiscono alla posizione del minore come autore di reato; le disposizioni di attuazione del c.p.p. alla luce di quanto sancito dall'art. 1 delle disposizioni attuative del c.p.p.m.; le disposizioni afferenti le norme attuative del c.p.p.m. e quelle previste dal R.D.L. 20 luglio 1934, n. 1404 ossia le norme concernenti l'istituzione e funzionamento del tribunale per i minorenni. Infine, sono state prese in considerazione altre tematiche giuridiche connesse con il tema in argomento quale ad esempio, i diritti riconosciuti al minore in sede penitenziaria.

La recidiva nei percorsi penali dei...

Gangemi 2013

In libreria in 5 giorni

24,00 €
Da qualche anno il Dipartimento per la Giustizia Minorile ha avviato una riflessione sul tema della "recidiva", fenomeno relativo ai rientri nel circuito penale di molti adolescenti, non solo con lo sguardo rivolto al significato giuridico del termine - commissione di un nuovo reato dopo una precedente condanna definitiva - ma anche in termini di monitoraggio dell'intervento operato dalle Istituzioni nei confronti dei minorenni autori di reato. In particolare si è approfondito lo studio della recidiva, campo a tutt'oggi ancora poco esplorato, per individuare le caratteristiche personali del minore, il contesto socio-familiare-etnico e le risposte trattamentali e giudiziarie della Giustizia minorile che vengono messe in atto, anche in termini di politica di prevenzione. Nel corso della presente ricerca si evidenzierà più volte che la recidiva costituisce un buon parametro per la misurazione del successo dell'attività rieducativa ed è proprio questo l'aspetto che più interessa e che ci coinvolge direttamente. Uno degli obiettivi principali dell'intervento penale, ancor più specificamente per i minorenni, è quello di ridurre i rischi di "ricaduta" nel reato; pertanto le Istituzioni, ed in particolare la nostra, devono valutarne il rischio sia sotto il profilo dello studio della personalità del minore, cosí come viene richiesto dal Codice di procedura penale minorile (DPR 448/88), sia sotto l'aspetto dei fattori protettivi del minore.

Ragazzi alla prova. Un'indagine sui...

Santagata B. (cur.)
Forum Edizioni 2005

In libreria in 5 giorni

12,00 €
Il volume presenta i risultati di un'esperienza di monitoraggio dell'istituto della "messa alla prova" (art. 38 D.P.R. 448/88) condotta attraverso lo studio e l'analisi di casi concreti presso le quattro sedi di Servizi Sociali per i Minorenni (USSM) del Triveneto nel corso dell'anno giudiziario 2000-2001. Dopo un'analisi teorica dell'istituto con particolare riferimento ai principi ispiratori del "probation" in Italia e alle linee guida normative, vengono presentati i dati raccolti presso le sedi USSM relative ai minori messi alla prova e ai progetti che li riguardano, cercando poi di cogliere le peculiarità sia di metodo che di contesto di ciascuna realtà considerata. Nell'ultima parte del volume si affrontano infine i nodi critici emersi dall'esame dei provvedimenti di messa alla prova e si effettua una verifica circa l'entità del fenomeno dei minori che, in seguito alla conclusione del processo, commettono nuovamente reato.