Storie vere: guerra e combattimento

Filtri attivi

Storia generale dei pirati. Vol. 1:...

Defoe Daniel
Haiku 2019

Disponibile in 3 giorni

8,50 €
La storia generale dei pirati, sia essa veramente opera del celeberrimo Daniel Defoe (autore di "Robinson Crusoe") oppure del fantomatico capitano "Charles Johnson", è un testo controverso che rappresenta un caposaldo della letteratura di genere, un documento essenziale per la comprensione degli usi e costumi dei marinai nell'età dell'oro della pirateria. L'opera originale (1724) fu un successo sensazionale. La storia generale rinasce quindi in una veste nuova, come una serie di volumi dedicati a ciascuno dei protagonisti che l'opera racconta, con una moderna traduzione del testo e approfondimenti biografici e bibliografici. Henry Every, considerato all'epoca il "Re dei pirati", riuscì mettere in crisi il dominio britannico in India. A bordo della sua Fancy inaugura il viaggio di Settemari.

Educazione americana

Gatti Fabrizio
La nave di Teseo 2019

Disponibile in libreria  
NOVITA NARRATIVA

20,00 €
"Educazione americana" racconta la vera storia di una squadra clandestina della CIA, al servizio del governo degli Stati Uniti per condizionare le democrazie in Europa: sono sbirri in borghese dalla doppia e tripla vita, fanatici del crimine o semplici mercenari in cerca di emozioni. Hanno ucciso, finanziato partiti, favorito stragi. Se un solo istante delle loro vite avesse imboccato una strada diversa, il mondo come lo conosciamo non sarebbe esistito. Dalla Francia a Israele, dal Belgio all'Italia. L'elenco delle loro operazioni attraversa trent'anni di delitti. Interferiscono nella rivoluzione giudiziaria che con l'inchiesta Mani pulite ha cambiato la storia del nostro paese, ma non impediscono i successivi attentati della mafia. Rubano codici di comunicazione della Russia di Putin, con un'operazione internazionale in cui un agente americano viene ucciso a Roma, e il suo corpo abbandonato nel Tevere. A Bruxelles partecipano all'omicidio di Gerald Bull, il progettista canadese del Super Cannone di Saddam Hussein. A Parigi buttano nella Senna un giovane passante, Brahim Bouarram. La loro attività comprende il furto di segreti bancari in Svizzera, il sequestro di imam islamisti, tra cui Abu Omar a Milano, le trattative per il rilascio degli ostaggi rapiti nel deserto del Sahara. E, ai giorni nostri, il traffico di informazioni finanziarie e industriali, sottratte quotidianamente dai computer di ignari ministri, manager e imprenditori. In un romanzo in cui tutto è reale, Fabrizio Gatti ricostruisce la storia segreta che i documenti non possono raccontare.

Niente e così sia

Fallaci Oriana
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2018

Disponibile in libreria  
STORIA CONTEMPORANEA

11,25 € 15,00 € -25%
"La vita cos'è?" Alla vigilia della partenza per il Vietnam come inviata de "L'Europeo", nell'autunno del 1967, Oriana Fallaci tenta di rispondere alla domanda della sorellina Elisabetta: "La vita è il tempo che passa tra il momento in cui si nasce e il momento in cui si muore". Ma la risposta le sembra incompleta e l'interrogativo la accompagna durante il lungo viaggio. All'arrivo a Saigon l'atmosfera è sospesa, surreale. L'agenzia France Press diretta da Francois Pelou sembra l'unico tramite con il resto del Paese ed è da quella base che la Fallaci si muove per testimoniare l'insensatezza della guerra: dalla battaglia di Dak To all'offensiva del Tet e all'assedio di Saigon, gli orrori del conflitto sono annotati giorno dopo giorno nel suo diario. C'è il rifiuto: "Perché quasi niente quanto la guerra, e niente quanto una guerra ingiusta, frantuma la dignità dell'uomo". Quando, dopo un anno, la Fallaci torna nella sua Toscana e ritrova la piccola Elisabetta, una risposta per lei ce l'ha. "La vita è una condanna a morte. E proprio perché siamo condannati a morte bisogna attraversarla bene, riempirla senza sprecare un passo, senza addormentarci un secondo, senza temer di sbagliare, di romperci, noi che siamo uomini, né angeli né bestie, ma uomini." Pubblicato nel 1969, "Niente e così sia" è considerato un classico della letteratura, un romanzo di guerra che è un inno alla vita." (Prefazione di Lorenzo Cremonesi)

Il silenzio dei colpevoli. Libia:...

Pollicardo Gino
Ugo Mursia Editore 2017

Disponibile in 3 giorni  
INCHIESTE

14,00 €
«Certe prigionie non finiscono mai, se non c'è verità. Questo libro è come un biglietto d'accusa mite e doloroso, per noi che non sapevamo e per quelli che sapevano e sanno.» (Toni Capuozzo). Il 19 luglio 2015 Gino Pollicardo, insieme ad altri tre colleghi, viene rapito durante il viaggio per raggiungere il posto di lavoro in Libia. Sono quattro padri di famiglia che hanno accettato un lavoro lontano da casa, in un Paese pericoloso, per necessità non per voglia d'avventura. Queste pagine raccontano la prigionia di quei quattro italiani, per 228 giorni in balia di uomini violenti e crudeli che si scopriranno essere militanti dell'Isis. Sette mesi e mezzo di paura, fame, percosse, speranze e soprattutto silenzio e tante domande senza risposta. Chi tratta per la loro liberazione? Chi sono i rapitori? Che sta succedendo fuori dalla loro prigione? Che cosa fanno i mass media? Un memoriale che con parole pacate chiama in causa gli apparati dello Stato italiano che non hanno salvato Salvatore Failla e Fausto Piano e hanno lasciato gli altri due, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, al loro destino di sopravvissuti, senza assistenza, senza notizie, senza risposte. Un silenzio colpevole che non è ancora finito.

Abbiamo quaranta fucili, compagno...

Kopácsi Sándor
E/O 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
La Storia diventa un romanzo poliziesco nel racconto del capo della polizia di Budapest durante la rivolta del 1956. Il giovane operaio Sándor Kopácsi si distingue tra le file della Resistenza contro i tedeschi, finché l'intervento delle truppe sovietiche segna per lui l'inizio di una folgorante carriera nel nuovo Stato socialista. Appena trentaduenne e già questore di Budapest, nel 1956 deve affrontare la rivolta popolare, questa volta dall'altra parte della barricata. Kopácsi si muove nelle strade di una città inquieta, dove coloro che sono bollati come "controrivoluzionari fascisti" sono in realtà colpevoli solo di volere la fine di un regime totalitario che si macchia di delitti tanto atroci quanto incomprensibili. Tra bombe molotov, invasioni di carri armati, raffiche di mitra, il protagonista agisce come in un giallo, alla ricerca della verità, sempre incerto sulle intenzioni dei suoi interlocutori: insorti, soldati dell'esercito, consiglieri russi e politici ungheresi tramano per la conquista del potere. Gradualmente il questore di Budapest passerà dalla parte dei ribelli e resterà al loro fianco. Un documento unico e avvincente sui fatti realmente accaduti nei dieci giorni dell'insurrezione di Budapest, scritto da un uomo che fu al centro della mischia e che solo vent'anni dopo ha potuto prendere la parola, dopo essere sfuggito alla condanna a morte.

L'infanzia di Alan. Dai ricordi di...

Guibert Emmanuel
Coconino Press 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Dopo i suoi ricordi di guerra l'anziano Alan Ingram Cope torna con la memoria alla california anni 30, rivissuta con lo sguardo incantato dell'infanzia. Il ritratto di un'altra america: povera, innocente, poetica. Un diario intimo che illumina la straordinarietà e gli attimi di magia nell'esistenza di ciascuno di noi.

Niente e così sia

Fallaci Oriana
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2010

Disponibile in libreria  
STORIA CONTEMPORANEA

8,25 € 11,00 € -25%
"La vita cos'è?" Alla vigilia della partenza per il Vietnam come inviata de "L'Europeo", nell'autunno del 1967, Oriana Fallaci tenta di rispondere alla domanda della sorellina Elisabetta: "La vita è il tempo che passa tra il momento in cui si nasce e il momento in cui si muore". Ma la risposta le sembra incompleta e l'interrogativo la accompagna durante il lungo viaggio. All'arrivo a Saigon l'atmosfera è sospesa, surreale. L'agenzia France Press diretta da Francois Pelou sembra l'unico tramite con il resto del Paese ed è da quella base che la Fallaci si muove per testimoniare l'insensatezza della guerra: dalla battaglia di Dak To all'offensiva del Tet e all'assedio di Saigon, gli orrori del conflitto sono annotati giorno dopo giorno nel suo diario. C'è il rifiuto: "Perché quasi niente quanto la guerra, e niente quanto una guerra ingiusta, frantuma la dignità dell'uomo". Quando, dopo un anno, la Fallaci torna nella sua Toscana e ritrova la piccola Elisabetta, una risposta per lei ce l'ha. "La vita è una condanna a morte. E proprio perché siamo condannati a morte bisogna attraversarla bene, riempirla senza sprecare un passo, senza addormentarci un secondo, senza temer di sbagliare, di romperci, noi che siamo uomini, né angeli né bestie, ma uomini." Pubblicato nel 1969, "Niente e così sia" è considerato un classico della letteratura, un romanzo di guerra che è un inno alla vita. (Prefazione di Lorenzo Cremonesi)

Banda di fratelli

Ambrose Stephen E.
TEA 2010

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Banda di fratelli è la ricostruzione delle vicende militari dei 147 volontari che durante la seconda guerra mondiale, formarono la compagnia Easy, 506° reggimento fanteria paracadutista della celebre 101a divisione aviotrasportata dell'esercito americano.

Eravamo noi

Balestra Carlo
Danilo Zanetti Editore 2007

Disponibile in 3 giorni

18,00 €

Quei giorni di Pola. Ricordo di un...

Belci Corrado
Libreria Editrice Goriziana 2007

Disponibile in 3 giorni

11,00 €
Per un incidente informatico scopriamo che una città non esiste più: cancellata, scomparsa con ogni segno del passato, svaniti i volti e i luoghi che affollano i nostri ricordi. Ma la nostra memoria si ribella, esige di restituire vita, tempo e spazio ai personaggi, agli eventi, alle cose. Così l'assurdo irrompe nel preambolo al racconto, annunciandosi come seme di una metafora che dichiara l'assenza di una "logica" nella Storia. Per l'autore, l'urgenza è il recupero della sua esperienza vissuta a Pola, la "città scomparsa", dai primi anni Trenta del Novecento sino al tumultuoso biennio postbellico. Il risultato è la narrazione passionale di una voce pacata, un crescendo che, dall'elegia dell'infanzia, trascorre all'epica dell'impegno politico, fino all'inevitabilità tragica dell'esodo istriano: la millenaria Pola non sarà salvata dall'iniquità della Storia. Libro di riconciliazione della memoria con i luoghi della giovinezza, Quei giorni di Pola come osserva Arrigo Levi nella prefazione, è anche la storia "di come un ragazzo diventa un uomo", un viaggio e un apprendistato sentimentali che ne fanno un prezioso unicum nella letteratura di confine.

Junio Valerio Borghese e la 10ª...

Bordogna M.
Ugo Mursia Editore 1995

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
Questo diario di Junio Valerio Borghese fa perno su due momenti. Il primo inquadra quella che rimase sempre una divergenza acuta e di fondo tra Mussolini e Borghese. Il duce vedeva nel comandante della Decima una seria concorrenza alla sua persona, in particolare riguardo al fascino e alla "presa sulle masse e sul partito". In secondo luogo, il principe romano si difende con calore dall'accusa che lui e i suoi uomini siano stati dei criminali di guerra al soldo dei nazisti. La Decima, secondo Borghese, è stata di fatto costretta ad inserirsi in una guerra civile dalla quale avrebbe dovuto restare fuori.

Il comandante e gli squali

Stanton Doug
TEA

Non disponibile

13,00 €
Il 16 luglio 1945 l'Indianapolis salpa da San Francisco per una missione verso Tinian, nell'arcipelago delle Marianne. Neanche il comandante Charles McVay sa che il carico da consegnare è nientemeno che "Little Boy", la bomba atomica che sarà sganciata su Hiroshima. Compiuta la missione, McVay e i suoi uomini fanno rotta verso Leyte, nelle Filippine. Ma la notte del 29 luglio 1945 l'Indianapolis viene colpita dal sommergibile giapponese I-58: in soli quindici minuti cola a picco. Inizia così la tremenda odissea di circa quattrocento uomini, abbandonati nell'Oceano: per cinque giorni, senza bere né mangiare, essi si ritrovano a lottare contro le forze della natura e soprattutto contro gli squali che azzannano i vivi e i morti.

Una nave per l'inferno

Sinoué Gilbert
BEAT

Prossima uscita

11,00 €
Qualche mese dopo la Notte dei Cristalli, Adolf Hitler autorizzò gli Ebrei che ne avessero fatto richiesta a lasciare la Germania. Ad Amburgo la Saint-Louis, una nave battente bandiera nazista, partì con a bordo 937 passeggeri, di cui 550 femmine e bambini. Erano tutti ebrei tedeschi, tutti muniti di visto e con destinazione La Havana. Speravano di soggiornare a Cuba, prima di ricevere il permesso d'entrata negli Stati Uniti. Ma né il governo cubano, o statunitense, o canadese e neppure quelli dei diversi paesi dell'America latina accolsero i profughi e la Saint-Louis visse una tragedia qui ricostruita grazie alle testimonianze dei sopravvissuti e a documenti d'archivio.

Io resto! Il sacrificio del...

Zanier Claudio
Aviani & Aviani editori 2017

Non disponibile

24,00 €
L'eroico sergente mitragliere Àngiolo Zampini da Città di Castello (PG) rappresenta, meglio di ogni altro, lo specchio di quella che fu per l'Italia la tragedia della Prima Guerra Mondiale. In un grigio e piovoso giorno dell'ottobre 1917, mentre si consumava il disastro di Caporetto, al cospetto della Patria prostrata, il giovane contadino umbro, che il vortice della Grande Guerra aveva spinto sino al lontano Friuli, rimasto solo ad arginare l'irruenza del tedesco invasore, non esitò a immolarsi fieramente per la salvezza d'Italia. A distanza di un secolo dall'eroico sacrificio dell'umile figlio prediletto di una Patria irriconoscente, questo saggio vuole essere un tangibile omaggio alla memoria di chi, in nome del riscatto di un intero popolo battuto, seppe trovare il coraggio estremo per opporsi alla mala sorte e per indicare saldo ai posteri l'esempio che getterà le basi della riscossa di Vittorio Veneto.

La guerriera dagli occhi verdi

Rovelli Marco
Giunti Editore 2016

Non disponibile

16,50 €
Avesta ha ventidue anni quando sale in montagna seguendo le orme di Harun, l'adorato fratello. Lascia Mezri, lascia Turgut Reis, i villaggi curdi dove con la famiglia è cresciuta e ha imparato a conoscere le cose, ad amarle. imbraccia il fucile per dare il suo contributo alla lotta per un Kurdistan libero, e la sua forza è così grande, l'energia che mette in tutto così viva, che presto le chiedono di entrare nel gruppo speciale, e altrettanto presto diventa comandante della sua squadra. Tante ragazze, come lei, hanno scelto quella vita sui monti del Qandil, tra le foreste, nella neve. Non si poteva lasciare che il governo turco strozzasse le voci in gola, spegnesse i fuochi di festa, negasse la vita, come ora non si può soccombere ai missili e alle bombe delle milizie islamiche. Contro il Daesh, Avesta combatterà una battaglia esemplare. Sarà, con la squadra che ovunque la segue, baluardo di resistenza e testimonianza di chi propone una vita comunitaria radicalmente democratica. Nel suo grido di battaglia le voci di un popolo intero, un coro che chiama da tempi lontani ma che oggi, come sempre, chiede solo libertà.

Generation Kill. Da Nasiriyah a...

Wright Evan
Gremese Editore 2011

Non disponibile

14,00 €
Descrivere una guerra, bisogna averla vissuta. Questo secondo volume della serie "Generation Kill" racconta la vera storia del primo battaglione esploratori dei Marines - che ha guidato l'offensiva nella guerra lampo in Iraq nella sua fase più complessa e sanguinosa -, dalla liberazione di Nasiriyah fino alla conquista di Baghdad e la conseguente caduta del regime di Saddam Hussein. Con un ritmo incalzante, il libro ripercorre le atrocità del conflitto, le bizzarrie dei superiori, la ricerca di un senso di identità e di appartenenza, ricostruite attraverso le parole di Evan Wright, l'inviato embedded della rivista "Rolling Stone" che ha accompagnato i soldati in ogni operazione militare a bordo dell'Humvee più avanzato, mettendo a rischio la sua stessa vita. Un ritratto inquietante, toccante e allo stesso tempo avvincente, da cui è stata tratta negli Stati Uniti un'acclamata serie televisiva, approdata con grande successo anche in Italia, su Steel TV.

Generation Kill. Il vero volto...

Wright Evan
Gremese Editore 2009

Non disponibile

14,00 €
I Marines del First Recon Battalion, il primo battaglione esploratori, hanno guidato l'avanzata nella guerra lampo in Iraq e sono stati tra le prime unità combattenti a conoscere gli orrori della guerriglia. Presuntuosi, coraggiosi, ostinati e per la maggior parte impreparati alle atrocità fisiche e psicologiche che avrebbero affrontato, i membri del "primo battaglione suicida", come sono stati soprannominati, rappresentano una nuova razza di soldati, cresciuti con l'hip-hop, la pornografia via Internet e i videogames. Un gruppo eterogeneo di ex giocatori di football, ex fumatori di marijuana, buddhisti e seguaci della New Age che trae ispirazione dai film di kung fu e dai talk show di Oprah Winfrey. Questo volume racconta la vera storia dei Marines entrati per primi in Iraq, fino alla liberazione di Nasiriyah, attraverso le parole del giornalista embedded Evan Wright, inviato della rivista "Rolling Stone", che li ha seguiti a bordo dell'Humvee più avanzato.

E se Fuad avesse avuto la dinamite?

Mujcic Elvira
Infinito 2009

Non disponibile

12,00 €
Visegrad, Bosnia settentrionale, 1992. Un gruppo di musulmani bosniaci asserragliati nella diga che domina la città minaccia in diretta Tv di farla esplodere se i paramilitari serbi non cesseranno di sgozzare esseri umani e gettarli nella Drina. Il giovane Zlatan, 15 anni dopo, ripercorre la vicenda, intrecciando le sue vicende con quelle del protagonista, ancora vivo. Una storia vera, dall'autrice di "Al di là del caos".

Il cedro e la croce. Jocelyne...

Duplan Nathalie
Marietti 2008

Non disponibile

20,00 €
Nell'aprile 1975, in Libano scoppia la guerra. Jocelyne Khoueiry, che allora aveva appena vent'anni, imbraccia il fucile per difendere il suo paese minacciato dai palestinesi che hanno instaurato uno Stato nello Stato. Una delle poche donne a lottare contro i reparti scelti, diventa una figura della resistenza cristiana e si ritrova ben presto alla testa di un migliaio di soldatesse. La notte del 6 maggio 1975, da sola con sei giovani compagne, riporta una vittoria decisiva contro trecento combattenti palestino-siriani. Nasce così la leggenda di "Jocelyne e le sue ragazze". A quella data corrisponde anche un cambiamento: la conversione della giovane donna, che fino allora aveva professato un cristianesimo esclusivamente di consuetudine, da quella vittoria, non cesserà di comunicare la sua fede al gruppo delle forze libanesi. Per dieci anni, fino al 1985, si troverà su tutti i fronti per portare la speranza nel cuore del conflitto. Negli anni sucessivi la sua lotta per la vita non è mai cessata. Al fine di portare il suo aiuto ai bambini, alle famiglie e ai bisognosi, ha fondato il Centro Giovanni Paolo II, nelle vicinanze di Beirut. È inoltre membro dell'Accademia mariana pontificia internazionale e rappresentante dei laici del Medio-Oriente in Vaticano. Attraverso il ritratto di questa donna fuori dal comune, si ricostruisce un tratto della storia dolorosa e complessa del Libano, che prelude ai tragici fatti della cronaca odierna.

Odissea di un sommergibilista

Rapalino Patrizio
Ugo Mursia Editore 2008

Non disponibile

17,00 €
Il guardiamarina Elio Sandroni è stato l'ufficiale di rotta del sommergibile Macallé. All'inizio delle ostilità ha partecipato alla prima e ultima missione dell'unità perduta in Mar Rosso il 15 giugno 1940. Dopo aver salvato l'equipaggio con una rocambolesca impresa, passò sul Perla, battello costiero che, alla vigilia della sconfitta italiana in Etiopia, dal 1° marzo al 20 maggio 1941 effettuò il periplo del continente africano raggiungendo Bordeaux. L'attuale contrammiraglio Sandroni ha raccontato quei drammatici ed emozionanti avvenimenti a Rapalino e Schivardi che li hanno inquadrati nel contesto geostrategico dell'Africa Orientale Italiana integrandoli con la consultazione di documenti d'archivio.

Albania. Racconti di un cavalleggero

Volterrani Ermanno
ETS 2008

Non disponibile

13,00 €
"Si tratta di una serie di racconti, uditi direttamente dalla voce di mio padre, di quando faceva parte del 13° regg. cavalleggeri "monferrato", durante il secondo conflitto mondiale. Tra Voghera, sede del reggimento, e l'Albania, egli è stato lontano da casa per più di 43 mesi di cui 19 senza inviare notizie e tanto meno riceverne. Nel libro, mia madre, già promessa sposa, inizia la storia, poi interviene al momento in cui si perdono le tracce e di nuovo alla fine del libro allorché l'episodio del ritorno è narrato da entrambi." (Ermanno Volterrani)

Non tornerò col dubbio e con il...

Medici senza frontiere
Il Pensiero Scientifico 2008

Non disponibile

10,00 €
Questo libro è una raccolta di testimonianze degli operatori umanitari di Medici Senza Frontiere. Diamo semplicemente una mano - nel modo che sentiamo più consono - a chi è meno fortunato, a chi è malato ed ha bisogno; prendiamo la difesa di chi è più debo

L'uomo che doveva uccidere Mao

Alighiero Barbara
Excelsior 1881 2008

Non disponibile

16,50 €
Abbandonati in Cina dopo la caduta di Mussolini, un manipolo di fascisti italiani, spalleggiati da un giapponese al servizio della CIA, progettano uno spettacolare attentato conto il presidente Mao Zedong. Un episodio oscuro, censurato dai libri di storia, che grazie alla ricostruzione dell'autrice, per vent'anni corrispondente da Pechino, attraverso le rocambolesche avventure dell'ufficiale dell'aviazione Antonio Riva, asso della Grande Guerra incaricato da Galeazze Ciano di fondare una scuola di pilotaggio nella provincia dello Henan, getta una nuova luce sulla presenza italiana in Cina all'inizio del secolo scorso. Un inedito e affascinante affresco della turbolenta Cina degli anni Quaranta, popolata da spie doppiogiochiste e trafficanti d'armi, fantomatiche società di import-export e avventurose missioni aeronautiche,fascisti e rivoluzionari, uomini d'affari e avventurieri, gangster e cortigiane.

Cooperante. Un mondo mille guerre

Perlotto Franco
Bevivino 2008

Non disponibile

14,00 €
In questo suo diario, Franco Perlotto racconta la decennale attività di cooperazione allo sviluppo svolta in giro per il mondo. Storie vissute in prima linea durante le tante operazioni umanitarie tra grandi e piccoli sconvolgimenti del pianeta. Un'idea di cooperazione priva di quella visione 'colonialista' che caratterizza ancora oggi molti interventi internazionali. La ricerca di uno sviluppo sostenibile, rispettoso delle persone e dell'ambiente, per un giusto sfruttamento delle risorse. L'autore ci porta dal Brasile ai territori palestinesi, dall'Africa al Sud Est asiatico e ci fa scoprire, con suggestioni da romanzo, luoghi e popolazioni dell'Amazzonia, Bosnia, Ciad, Congo, Sudan, Sri Lanka. Testimone di immani tragedie, di lotte disperate contro fame e malattie, Perlotto svela come dietro agli intenti ufficiali di solidarietà spesso si nascondano cinici giochi di potere e di interessi, tesi ad aumentare sempre più lo scollamento tra popoli ricchi e popoli poveri, tra Nord e Sud del mondo.

Cinquemilaottocento passi. Storie...

Tassoni Settimio
Del Bucchia 2008

Non disponibile

11,00 €
"Dedico queste pagine ai miei amici soldati che sono stati deportati come me in Germania. Anzi, le dedico a tutti i soldati di ogni parte del mondo e di ogni tempo che sono stati deportati in un altro paese. Eravamo giovani e di colpo siamo invecchiati di cent'anni. I piú non hanno mai fatto ritorno a casa e i loro parenti non hanno potuto fare altro che piangere. Abbiamo provato sulla nostra pelle la malvagità umana e dopo questo accadimento nulla è stato piú normale. Ci hanno rubato la giovinezza e la vita. Ci hanno rubato tutto." (Settimio Tassoni)

Borovnica '45. Al confine orientale...

Barral Gianni
Paoline Editoriale Libri 2007

Non disponibile

16,00 €
Borovnica '45 racconta le vicissitudini di guerra di un ufficiale dell'esercito italiano inviato al confine orientale d'Italia durante la seconda guerra mondiale.

Foibe rosse. Vita di Norma Cossetto...

Sessi Frediano
Marsilio 2007

Non disponibile

12,00 €
Norma Cassetto venne gettata ancora viva nella foiba di Villa Surani nella notte tra il 4 e il 5 ottobre del 1943. Aveva ventitré anni ed era iscritta al quarto anno di lettere e filosofia, all'Università di Padova. I suoi assassini, partigiani di Tito, che dopo il crollo del regime fascista tentano di prendere il potere in Istria non hanno pietà della sua giovinezza e innocenza e, prima di ucciderla, la violentano brutalmente. L'assassinio di Norma Cossetto e di tutti quegli uomini e quelle donne che furono infoibati o morirono a causa delle torture subite, annegati in mare per mano dei "titini" mostra verso quale orizzonte ci si dirige "quando si ritiene che la verità della vita è lotta, e che non tutti gli esseri umani sono provvisti della medesima dignità".

Baracche. Appunti di prigionia...

Dietrich Alessandro
Sironi 2007

Non disponibile

14,50 €
"Dopo l'8 settembre Papà era nel nord d'Italia, si era rifiutato di firmare per la Repubblica Sociale Italiana, era ricercato e fu catturato a Cantù. Fu processato e condannato a morte ma ebbe la pena tramutata e fu deportato in Germania, prima a Dachau poi nel campo di Wietzendorf. Nel campo mio Padre ha iniziato a scrivere, appunti sparsi, una sorta di diario, riflessioni, quadretti paradossali e pensieri profondi, poesie e canti di dolore. Con mezzi di fortuna come è ovvio immaginare, con matite e carta impossibili da trovare. Una volta a casa, ha ripreso gli appunti e li ha trascritti in bella copia con la sua penna stilografica, correggendoli dove era da correggere, modificandoli, aggiungendo ulteriori memorie e immagini rivissute da ricordare. L'intero manoscritto poi l'ha regalato alla sua giovane moglie, sposata nel dicembre del 1949. "Te li regalo, sono tuoi, ma tu non raccontare a nessuno cosa c'è scritto. Perché c'è scritto di morte, di fame e di dolore". Mamma ha rispettato questo suo volere, per sempre. Si è tenuta da conto quel manoscritto, come una reliquia, e non ne ha parlato mai con nessuno. Poi, dopo la morte di Papà, avvenuta nel luglio del 1985, ha voluto sciogliere quella promessa, ha ripreso questi fogli, e con pazienza e con passione li ha trascritti uno ad uno..." (dall'Introduzione di Nanni Dietrich)

Il fiore di Stéphanie

Mujawayo Esther
E/O 2007

Non disponibile

17,00 €
Dodici anni dopo il genocidio in Ruanda, Esther Mujawayo, la cui famiglia è stata in gran parte sterminata durante i massacri del 1994, scrive una testimonianza eccezionale sulla sua vita e sulla grande politica di "riconciliazione nazionale" che il governo ruandese cerca di mettere in atto. Racconta i momenti spietati e quasi irreali del confronto tra le vittime e gli assassini durante i "gacaca", tribunali tradizionali creati per affrontare lo spinoso problema della giustizia del dopo genocidio. In cambio di riduzioni della pena, viene chiesto agli assassini di rivelare la verità sugli ultimi momenti di vita delle loro vittime così come sui luoghi dove i corpi sono stati abbandonati. Nella seconda parte del libro Esther Mujawayo e Souâd Belhaddad danno la parola ai sopravvissuti che lavorano ogni giorno con gli autori del genocidio per cercare di sensibilizzarli alla pace e alla ricostruzione di una nazione ruandese.

Il costo della libertà. Memorie di...

Di Francesco Nunzio
Bonanno 2007

Non disponibile

16,00 €
Questo è il racconto della lunga e drammatica odissea di un soldatino siciliano dopo l'otto settembre 1943. Al momento dell'armistizio e dello sbandamento del Regio Esercito Nunzio Di Francesco presta il servizio militare in Piemonte: è un giovane di diciannove anni con alle spalle l'esperienza di lavoro agricolo nel paesino etneo da cui proviene; si trova improvvisamente a dover compiere scelte, a doversi confrontare con un mondo nuovo e diverso dal suo. La scelta di non collaborare con i tedeschi e con i fascisti di Salò sarà agevolata dalla solidarietà che gli offre la popolazione locale. Nel clima di confronto con il mondo rurale piemontese matura la decisone di raggiungere le formazioni partigiane che si vanno formando sulle montagne circostanti. La militanza nelle Brigate Garibaldi verrà interrotta dopo circa un anno dalla cattura e dalla deportazione a Mauthausen.