Trattati internazionali

Filtri attivi

Uscire dall'Unione Europea. Brexit...

Savastano Federico
Giappichelli 2019

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
Il volume "Uscire dall'Unione europea. Brexit e il diritto di recedere dai Trattati" vuole analizzare e dare una lettura critica degli aspetti giuridici di Brexit. Nel libro si descrivono i difficili rapporti tra Regno Unito e Unione europea, i modi in cui è nata l'ipotesi della separazione e in cui poi si è realizzata. Il volume si propone di dare un inquadramento giuridico alla vicenda del recesso, ripercorrendone comunque le tappe a partire dal referendum, passando per la sentenza Miller, continuando con l'apertura dei negoziati e le difficoltà incontrate in fase di trattativa. Uscire dall'Unione europea. "Brexit e il diritto di recedere dai Trattati" si propone inoltre di osservare Brexit come un fenomeno di diritto europeo da leggersi con gli strumenti tipici del diritto costituzionale e del diritto federale, proprio perché anche un evento traumatico come il recesso/secessione rappresenta un momento decisivo per la prosecuzione del federalizing process europeo.

Stati d'emergenza e trattati a...

Sommario Emanuele
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

42,00 €
Conflitti armati, campagne terroristiche, disastri naturali, sono fenomeni capaci di mettere seriamente a repentaglio la sicurezza dello Stato. In tali frangenti, i governi sono soliti introdurre misure emergenziali, che spesso prevedono restrizioni eccezionali ad alcuni diritti fondamentali. Stati d'emergenza e trattati a tutela dei diritti umani è un lavoro monografico, che ha per oggetto l'analisi della prassi degli Stati che hanno proceduto a sospendere gli obblighi codificati in convenzioni internazionali sui diritti umani per poter adottare misure straordinarie volte a contrastare o ad arginare gli effetti dell'emergenza. Esaminando le pronunce della Corte europea dei diritti umani e di altri organi internazionali preposti al monitoraggio delle convenzioni, il volume si prefigge di identificare le situazioni nelle quali gli Stati possono validamente derogare ai trattati, e di individuare i limiti che incontrano nell'esercizio di tale prerogativa. Stati d'emergenza e trattati a tutela dei diritti umani si rivolge a coloro che sono interessati a comprendere le regole di diritto internazionale che disciplinano l'utilizzo di poteri emergenziali e l'efficacia dell'operato degli organi di supervisione internazionali nell'arginare possibili abusi di tali poteri.

Europa. Dal Trattato di Roma al...

Visentini Bruno
Marsilio 2015

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
"Di Bruno Visentini, la persona più intelligente che io abbia conosciuto, ho sempre ammirato lo sguardo lungo. La capacità sua peculiare di leggere i dati concreti della realtà dandone una lettura dinamica, tale da anticipare i problemi e, laddove possibile, prevenirli. Rileggendo queste sue pagine sull'Europa, la prima impressione è stata proprio la conferma di questo mio ricordo. 'Anche questo va tenuto presente per l'avvenire, rimeditando su Weimar', scriveva Bruno nel 1988. Trent'anni fa. E mi chiedo se quell'avvenire su cui lui proiettava, con preoccupazione, l'esperienza drammatica di Weimar, non sia appunto l'oggi in cui ci troviamo a vivere. Con un'Europa che ha conosciuto prima il problema dell'inflazione e poi quello della deflazione. Un continente che è alle prese con la più profonda e lunga stagnazione della sua storia e che vede affermarsi ovunque partiti populisti, pericolosi demagoghi, deliri xenofobi e, in alcuni casi, veri e propri 'rigurgiti di fascismo'. Sarebbe molt

Il nuovo trattato europeo

Ziller Jacques
Il Mulino 2007

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Il libro spiega al lettore il contenuto del "Trattato che modifica il Trattato sull'Unione europea e il Trattato che istituisce la Comunità europea" nonché le ragioni delle scelte compiute dal Consiglio europeo del 21 e 22 giugno 2007, che ne ha deciso l'elaborazione. Dal punto di visto dei contenuti, il "trattato modificativo", preparato sotto la presidenza portoghese dell'Unione europea nel secondo semestre 2007, dovrebbe permettere di salvare la sostanza del trattato costituzionale, congelato nel 2005 dai referendum negativi di Francia e Olanda e dalla decisione britannica di fermare sine die il processo di ratifica del trattato costituzionale firmato a Roma il 29 ottobre 2004.

Rescissione unilaterale del...

Morganti Carlo
Booksprint 2019

Non disponibile

19,90 €
Dal testo originario inglese: "L'Italia si è arresa senza condizioni anche se Essa ha usato il termine di Armistizio", "Il Governo e il popolo italiano eseguiranno prontamente ed efficacemente tutti gli ordini delle Nazioni Unite". "L'Italia sarebbe stata priva di qualsiasi libertà e potere in materia di politica estera, essendo un Paese sconfitto, ogni suo atto internazionale sarebbe stato soggetto al beneplacito dei vincitori". Tutte le clausole furono dall'Italia accettate.

Lasciare l'Unione Europea....

Mariani Paola
EGEA 2018

Non disponibile

35,00 €
Il 23 giugno 2016 la maggioranza dei cittadini del Regno Unito si è espressa a favore dell'uscita del loro Stato dall'Unione europea. L'inaspettato esito del referendum britannico ha segnato l'inizio di una nuova era nel processo d'integrazione, predisposto geneticamente ad allargamenti ed adesioni di nuovi Stati, cogliendo tutti impreparati. Il Regno Unito in primis, che si trova oggi ad affrontare l'uscita da un'organizzazione sovranazionale che dal 1973 esercita molte funzioni statali, con conseguenti nuove questioni giuridiche di natura domestica di incerta soluzione. Ma anche l'Unione europea e i suoi Stati membri, per i quali l'uscita di un importante partner qual è il Regno Unito prospetta molti dubbi di natura giuridica, oltre che incertezza in termini politici ed economici. Se si guarda alla Brexit da una prospettiva dell'Unione e del suo diritto, si evidenziano due piani di analisi: il primo è quello più esterno e riguarda le modalità attraverso le quali il Regno Unito cesserà di essere una della Alte Parti contraenti dei Trattati fondativi dell'Unione. Il secondo livello è di natura interna e riguarda le modalità con le quali l'ordinamento giuridico dell'Unione regola l'uscita di uno Stato membro ed è in grado di tutelare cittadini e imprese, oggi titolari di posizioni giuridiche protette dal diritto dell'Unione, per i quali il radicale cambiamento del quadro giuridico avrà un forte impatto nella loro vita. Il volume si propone di dare al lettore un inquadramento giuridico del recesso di uno Stato dall'Unione attraverso le categorie del diritto internazionale e dell'Unione europea. Un'analisi giuridica del lungo e complesso processo che dovrebbe portare all'uscita definitiva dall'Unione e che aiuti a cogliere tutte le implicazioni di un evento epocale che, se non mantenuto nell'alveo della dialettica giuridico-diplomatica, rischia di riportare le relazioni internazionali ad un puro esercizio di forza degli Stati, ciò a cui l'integrazione europea con le sue regole giuridiche si è sempre posta come alternativa.

La democrazia diretta nei trattati...

Mezzanotte Massimiliano
CEDAM 2015

Non disponibile

20,00 €
Quanto è democratica l'Unione europea? Quali strumenti sono previsti per favorire l'avvicinamento dei cittadini agli organi comunitari? Per permettere ciò, si è cercato di valorizzare e rafforzare, soprattutto negli ultimi anni, altre forme di "cittadinanza europea", differenti da quelle che presuppongono una logica elettiva, come il diritto di iniziativa e di petizione. Ci si è resi conto che la partecipazione popolare deve manifestarsi in modo più diretto, coinvolgendo i cittadini nella vita politica dell'Unione, al fine di favorire la nascita di un senso di attaccamento ai valori comunitari. E' questo un processo tuttora in fieri, al cui successo però si lega sicuramente la credibilità e la fiducia nelle istituzioni comunitarie e nella relativa azione di governo.

Il controllo preventivo dei...

Zanon N.
Giuffrè 2015

Non disponibile

22,00 €
Il volume tratta di un tipo di controllo di costituzionalità che, nell'ordinamento italiano, non è previsto: ovvero un controllo preventivo sui trattati internazionali, o meglio sulle leggi di autorizzazione alla ratifica di questi ultimi, in particolare di quelli che autorizzano cessioni di sovranità dell'Italia ad organismi sovranazionali, ai sensi dell'art. 11 Cost. Argomento delicato poiché riguarda direttamente i trattati che hanno dato vita e scandito le tappe del processo di integrazione europea, e che hanno condotto l'Italia all'interno di tale dimensione.

Storia dei trattati e politica...

De Leonardis Massimo
EDUCatt Università Cattolica 2015

Non disponibile

7,00 €
L'edizione aggiornata del volume Storia dei trattati e politica internazionale di Massimo de Leonardis tratta le fonti e la metodologia della Storia dei trattati e politica internazionale e la nascita e lo sviluppo della diplomazia permanente e della carriera diplomatica. Fornisce un sintetico ma preciso approccio alla conoscenza sia di una disciplina tra le più antiche nelle università italiane sia dell'evoluzione delle regole e delle prassi della diplomazia nelle fasi storiche dal Medioevo ad oggi. Riguardo alla diplomazia, ossia la tecnica o l'arte di attuare una politica estera e di operare nella politica internazionale, il volume è particolarmente attento a mostrarne i molti elementi di continuità pur nel profondo mutamento dei sistemi internazionali.

Codice civile. Leggi complementari....

Maggioli Editore 2015

Non disponibile

16,00 €
Il volume è aggiornato a tutti i più recenti provvedimenti legislativi, tra i quali si segnalano: L. 23 dicembre 2014, n. 190 (G.U. 29 dicembre 2014, n. 300), recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di s

La gabbia dei trattati. Per una...

Bortolon Matteo
Dissensi 2015

Non disponibile

10,90 €
WTO, CAFTA, TISA, TTIP: sigle ignote all'uomo della strada, trascurate nei talk show, disertate dai giornali, se non come necessità inaggirabili perché garantiscono il "libero commercio". Sigle dietro le quali esiste un formidabile potere, il progetto di una società fondata sul profitto e sul consumo, in mano alle multinazionali e alle forze a loro asservite. Sigle che designano i Trattati di libero mercato. Accordi negoziati la cui opacità e segretezza è proporzionale alla forza di piegare le sovranità democratiche alle implacabili regole del commercio globale. Accordi che estendendosi sull'intero pianeta costituiscono una vera gabbia d'acciaio per i popoli e gli Stati, sovvertendo dall'interno le costituzioni democratiche e piegando le politiche agli interessi forti. Merci, servizi pubblici, energia, alimentazione ambiente; nessuna sfera della vita pubblica ne risulta immune. Partendo dall'ondata liberoscambista degli anni Novanta, si vede come nel decennio successivo i Trattati da un lato concretizzino l'avanzata dell'agenda corporativa, dall'altra suscitino proteste e opposizioni da parte dei popoli tanto da intralciarne seriamente il cammino. Dopo aver visto il sostanziale fallimento dei grandi accordi globali a favore di una vera e propria proliferazione di accordi bilaterali nel primo decennio del XXI secolo, si presentano i nuovi accordi dell'epoca della Grande Crisi (TTIP, TPP, CETA) nel segno di un nuovo progetto strategico di dominazione egemonica.

Commentario breve ai trattati...

Pocar Fausto
CEDAM 2014

Non disponibile

150,00 €
La nuova edizione del Commentario vede la luce a distanza di 13 anni dalla prima, a seguito di eventi importanti come la sostituzione dell'Unione alla Comunità europea, l'avvento della moneta unica, il mutamento dell'assetto istituzionale, gli ulteriori allargamenti che hanno portato a ventotto il numero dei paesi membri, l'entrata in vigore, il 1° dicembre 2009, del Trattato di Lisbona.

Trattati dell'Unione Europea

Tizzano A.
Giuffrè 2014

Non disponibile

185,00 €
La seconda edizione dell'opera, curata dal prof. Antonio Tizzano ed aggiornata alle più recenti evoluzioni normative (da ultimo, le modifiche risultanti dall'ammissione della Croazia all'UE, il 1° luglio 2013) e giurisprudenziali (recentissima la sentenza della Corte di giustizia dell'UE C-583/11 P, del 3 ottobre 2013), offre una visione chiara e completa del quadro normativo e istituzionale europeo, profondamente mutato nell'arco degli ultimi anni. L'opera raccoglie la versione consolidata (in GUUE C 326, del 26 ottobre 2012) dei due Trattati fondamentali dell'Unione (il TUE e il TFUE), e della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. I commenti ai singoli articoli forniscono un'analisi approfondita della materia, tenendo conto delle numerose correnti dottrinarie e con richiami alla più recente giurisprudenza nazionale e europea. Completano l'opera due ulteriori sezioni, dedicate l'una all'elenco di protocolli, dichiarazioni e allegati ai suddetti Trattati, l'altra alle Tavole di corrispondenza, che contengono un raffronto della numerazione dei vecchi e dei nuovi articoli, offrendo una lettura ancor più rapida e agevole dei radicali cambiamenti apportati negli ultimi anni all'assetto giuridico e istituzionale dell'Unione europea.

Verso la federazione europea? Tappe...

Padoa Schioppa Antonio
Il Mulino 2014

Non disponibile

38,00 €
Il volume riunisce una serie di saggi composti nell'arco di un trentennio, che hanno come elemento comune la valutazione degli aspetti costituzionali del processo di unificazione europea. Dalla prima elezione del Parlamento europeo a suffragio universale nel 1979 sino al presente, l'evoluzione istituzionale dell'Unione europea è seguita e valutata segnando le trasformazioni delle strutture e delle regole via via introdotte per la messa in opera del mercato unico e per la creazione dell'euro: un processo legato anche alla progressiva loro estensione ai nuovi paesi entrati nell'Unione. L'esame critico dei trattati - da Maastricht ad Amsterdam a Nizza, dal progetto di Trattato costituzionale a Lisbona e oltre, sino al presente - si accompagna alla valutazione degli ostacoli ideologici e politici che tuttora frenano il processo verso una vera unione federale, dotata di un governo limitato ma efficace e democraticamente legittimato. La gravità della crisi economica e sociale in atto da oltre sei anni e non ancora risolta impone ormai all'Europa di affrontare alcune scelte fondamentali di natura politica, economica e istituzionale. In tale prospettiva il Parlamento europeo può svolgere un ruolo cruciale.

La previdenza in regime...

Misci Rossella
Ediesse 2014

Non disponibile

15,00 €
Questa Guida affronta il vasto e ancora poco esplorato mondo della previdenza in regime internazionale, analizzando la condizione giuridica dei lavoratori migranti che si trovano ad essere soggetti, nel corso della loro vita, ad una pluralità di ordinamenti nazionali e sovranazionali, molto complessi e spesso difficili da conoscere ed interpretare. Il nostro lavoro si articola in una prima parte dedicata alle Convenzioni Bilaterali stipulate dall'Italia con altri Paesi, in una seconda parte relativa ai Regolamenti comunitari di sicurezza sociale nella loro più recente redazione, e in una terza parte che tratta la misura delle prestazioni pensionistiche, intese sia come calcolo sia come benefici ad esse correlati. La Guida non si limita ad esaminare le varie Convenzioni Bilaterali singolarmente prese, ma si è preferito evidenziare rispetto ad alcuni istituti - quali ad esempio il campo di applicazione, la totalizzazione dei periodi assicurativi, le prestazioni pensionistiche - le caratteristiche simili e le differenze sostanziali che devono essere conosciute per poter garantire un'effettiva tutela dei diritti.

Diritto delle politiche e delle...

Ziller Jacques
Il Mulino 2013

Non disponibile

40,00 €
Il manuale offre un panorama chiaro e completo del diritto applicabile all'elaborazione e all'attuazione delle politiche europee come pure al funzionamento delle istituzioni dell'Unione. In questo modo fornisce gli strumenti necessari alla comprensione del diritto vigente, nonché delle proposte di modifiche o di integrazione nelle materie di competenza dell'Unione, come lo spazio di libertà, sicurezza e giustizia, il mercato interno e le politiche di complemento, l'unione economica e monetaria e l'azione esterna dell'Unione europea.

Salvare l'Europa salvare l'euro

Guarino Giuseppe
Passigli 2013

Non disponibile

24,00 €
Tre Paesi euro, Francia, Germania, Italia, sono stati i primi nel mondo per lo sviluppo (media del 4%) nei quattro decenni dal 1950 al 1990. Con il 1991 si è posto mano alla creazione, completata nel 2004 con l'adesione di ventisette Paesi, del più ricco mercato del mondo, terzo per popolazione. Le previsioni per il 2013 danno una crescita di appena qualche decimale superiore allo 0% per l'Europa occidentale, mentre un buon numero di Paesi supererà il 7% e popolazioni di parecchi miliardi supereranno il 10%. Come ha fatto l'Europa a cadere così in basso? Le cause individuabili sono almeno tre. L'avere immaginato che ventisette Paesi con strutture consolidate, simili ma diverse, potessero essere tenuti insieme con regole astratte, rinunciando alla formula storica di un governo politico, democraticamente eletto, con poteri estesi all'intera area comune. L'avere abbandonato il disegno originario di un'unica moneta per l'intero mercato. Nel mercato UE le monete sono undici, l'euro comune a diciassette Stati, dieci gli Stati con moneta nazionale. Dati statistici dimostrano che l'euro è entrato in fase depressiva a partire dal 1° gennaio 1999, data di lancio dell'euro, ma non a causa dell'euro. All'opposto. Per quanto possa sembrare inverosimile, con un regolamento, il n. 1466/97, quasi del tutto sconosciuto, si è modificato il TUE (Maastricht). Al parametro dell'indebitamento annuo del 3% si è sostituito il vincolo del pareggio del bilancio, pari all'indebitamento annuo dello 0%...

Le relazioni euro-mediterranee

Cafaro S.
Edizioni Scientifiche Italiane 2013

Non disponibile

40,00 €
Il volume ricostruisce dal punto di vista giuridico il mosaico delle relazioni euromediterranee: politica europea di vicinato, accordi di associazione, politica estera e di sicurezza comune, passate e presenti esperienze di partenariato fino alla più recente Unione per il Mediterraneo. L'atteggiarsi delle relazioni tra le diverse sponde del Mare nostrum emerge in tutta la sua complessità, fatta di continue oscillazioni tra la dimensione bilaterale e quella multilaterale. Sarebbe riduttivo, oltre che geograficamente improprio, definirlo un rapporto tra una sponda nord ed una sponda sud. Non solo si escluderebbe la sponda orientale, ma si semplificherebbe eccessivamente un quadro fatto di realtà eterogenee. Forse la distinzione che meglio si attaglia è quella tra una sponda integrata - l'Unione - ed una fortemente disgregata, percorsa soprattutto a sud da fortissime tensioni sia all'interno dei singoli Paesi che tra di loro.

Le regole di «governance» economica...

Ioppolo Anna
Rubbettino 2013

Non disponibile

12,00 €
L'opera si prefigge il modesto intento di fornire un quadro giuridico del sistema di governance economica creato all'interno del Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union (TSCG), le cui norme sono entrate formalmente in vigore il 1° gennaio 2013, all'interno di una parte degli Stati, non essendo ancora intervenute le ratifiche di tutti i 28 Paesi dell'Unione europea. L'analisi del Trattato, è stata condotta principalmente sulle disposizioni contenute nel Titolo V relativo alla Governance della zona euro, appunto, consentendo in tal modo di mettere in luce i profili più specificamente giuridici del TSCG, la cui natura è essenzialmente intergovernativa e le cui norme vanno a collocarsi all'esterno del sistema giuridico dell'Unione. Il nuovo Trattato, infatti, è stato negoziato e stipulato al di fuori delle procedure previste per la modifica dei trattati (ai sensi cioè degli artt. 48 e 136 TFUE). Inoltre, poiché la conseguenza immediata dell'adozione di un trattato intergovernativo - il TSCG - per l'attuazione di misure per il coordinamento di bilancio e delle politiche economiche, consiste nella creazione di differenti regimi giuridici tra gli Stati aderenti e quelli che non vi partecipano, si è tentato di spiegare che tipo di integrazione differenziata si è venuta a configurare con il TSCG.

La Costituzione per l'Europa. Dalla...

Rozo Acuña Eduardo
Aras Edizioni 2011

Non disponibile

20,00 €
Questo studio analizza comparativamente i due trattati, quello firmato a Roma nel 2004 che promulgava la Carta Costituzionale dell'Unione Europea e il suo sostituto, il Trattato di Lisbona, cercando di presentare le concordanze e le differenze in modo di a

Storia dei trattati e politica...

De Leonardis Massimo
EDUCatt Università Cattolica 2011

Non disponibile

6,00 €
Gli appunti qui raccolti riguardano le fonti e la metodologia della storia dei trattati e politica internazionale e la nascita e lo sviluppo della diplomazia permanente e della carriera diplomatica. Essi forniscono un sintetico ma preciso approccio alla co

Le scommesse dell'Europa....

Bronzini G.
Ediesse 2009

Non disponibile

20,00 €
La sorte del Trattato di Lisbona, dopo la bocciatura referendaria del 13 giugno 2007, è oggi legata alle iniziative del Consiglio europeo per superare la nuova impasse nel processo di riforma istituzionale dell'Unione, mentre la realtà sociale, economica e tecnologica continua ad alimentare quel processo di unificazione che ha fatto dell'Unione un laboratorio "sovranazionale" di sperimentazione e di confronto istituzionale innovativo ed originale, ben oltre la sfera del mero coordinamento e della mediazione tra gli Stati membri. Il percorso di strutturazione dell'inedito soggetto politico sovranazionale punta ora alla sfida "razionalizzatrice" del nuovo Trattato, mostrando soprattutto in questo momento di grave crisi economica internazionale - la necessità di ridefinire e aggiornare continuamente lo stesso "progetto europeo". Il libro valuta l"impatto del Trattato di Lisbona sul funzionamento delle istituzioni e sulle condizioni di vita dei cittadini europei, offrendo un"ampia panoramica dei temi e dei problemi che attraversano l"attuale fase di costruzione europea, con l"intento al contempo di rendere omaggio al sessantennale della Dichiarazione universale dei diritti dell"uomo.

Il ventennio costituzionale...

Cangelosi Rocco A.
Marsilio 2009

Non disponibile

16,00 €
Il Ventennio Costituzionale ripercorre il faticoso e travagliato cammino delle riforme delle Istituzioni Comunitarie dal Progetto di Trattato Spinelli fino alle recenti vicissitudini che hanno contrassegnato la ratifica del Trattato di Lisbona, dopo il fallimento del Trattato Costizionale europeo. L'autore fornisce, attraverso la raccolta di interventi pubblicati a ridosso della conclusione dei più importanti negoziati, dei quali egli è stato molto spesso parte attiva, una testimonianza viva e fedele sui protagonisti e sulla dinamica negoziale delle fasi salienti del processo di integrazione europea. Si tratta di un'accurata ricostruzione storica di un periodo caratterizzato da grandi entusiasmi, speranze e cocenti delusioni, nel tentativo di portare l'Europa ad essere a pieno titolo quel "global player'sulla scena internazionale, che molti auspicano. Il positivo risultato del referendum in Irlanda e la ratifica della Polonia fanno ben sperare in una rapida entrata in vigore del Trattato che conclude una lunga fase di negoziati e schiude nuovi orizzonti per l'Unione Europea.

Il trattato di Maastricht

Saulle M. R.
Edizioni Scientifiche Italiane 1995

Non disponibile

20,66 €
Di fronte alla normativa vasta ed eterogenea contenuta nel Trattato di Maastricht è apparso opportuno all'autrice offrire un contributo alle tematiche introdotte in modo innovativo da esso o ivi modificate. Si è voluto, pertanto, dare la preferenza alla trattazione di alcuni temi istituzionali, dopo aver affrontato il complesso argomento della sussidiarietà, ed alle innovazioni introdotte dal Trattato in materia di cittadinanza europea e delle forme di tutela dei cittadini europei. Le relazioni esterne della Comunità o dell'Unione ed il recente allargamento di essa hanno formato oggetto di considerazione, senza trascurare, però, altre questioni, collegate con problemi di carattere economico quali quelle inerenti allo spazio economico europeo e all'antitrust.