Etica legale e condotta professionale

Filtri attivi

Commentario del codice deontologico...

Caiafa A. (cur.)
Dike Giuridica Editrice 2019

Disponibilità immediata

39,00 €
L'opera compie una esegesi delle norme, di cui offre una lettura in relazione agli orientamenti consolidatisi, attraverso le pronunce del Consiglio Nazionale Forense e della Suprema Corte di Cassazione, mediante l'individuazione dei problemi e la ricerca delle possibili soluzioni. L'interpretazione delle singole disposizioni, frutto del confronto tra i vari autori, si traduce in una fonte di conoscenza privilegiata, per una comprensione delle norme disciplinari e ha suggerito una esposizione essenziale e semplice, al fine di permettere l'esercizio di una consapevole riflessione sulle varie tematiche. L'opera offre un quadro completo e approfondito della materia e ricostruisce, con particolare attenzione, gli ambiti applicativi nella consapevolezza della difficoltà di conciliare una adeguata trattazione dei fondamenti di essa, alla luce dei più recenti arresti interpretativi, ed è utile per tutti gli avvocati e i giovani che dovranno affrontare l'esame di abilitazione. Presentazione di Luciano Panzani.

Etica professionale e...

Alpa G. (cur.); Mariani Marini A. (cur.)
Pisa University Press 2013

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
L'avvocatura è stata sollecitata a riflettere sui principi della Responsabilità Sociale dell'Impresa (RSI) dalla fine degli anni Ottanta quando talune clamorose violazioni dei diritti umani da parte di imprese transnazionali hanno imposto alla pubblica opinione il problema di un richiamo all'etica nella finanza e nel mercato. La professione forense non poteva infatti restare insensibile a tale fenomeno per la sua storica vocazione alla difesa dei diritti e perché l'attività dell'avvocato nella società moderna si svolge sempre più in contiguità con le attività dell'impresa. Si è così affermata la convinzione che accanto alla RSI sussista una responsabilità sociale dell'avvocato, non solo nel promuovere nel processo il rispetto dello Stato di diritto e dei valori su cui si fondano le Carte europee dei diritti umani e fondamentali, ma anche per stabilire quale finalità dell'attività professionale, accanto alla tutela degli interessi e dei diritti della parte assistita, la tutela dei diritti umani della persona, degli altri, della collettività. Gli atti della III Conferenza europea di Roma rappresentano un messaggio agli avvocati per la presa di coscienza di questa nuova frontiera dell'etica professionale.

Etica bibliotecaria. Deontologia...

Ridi Riccardo
Editrice Bibliografica 2011

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
La proprietà e la libertà intellettuali, il diritto alla riservatezza degli utenti, la professionalità e la responsabilità sociale dei bibliotecari, la lotta ad ogni forma di censura e i dubbi sull'applicazione di filtri alle postazioni internet riservate ai minorenni, sono solo alcuni fra i temi "caldi" al centro del dibattito sulla deontologia professionale più appropriata per chiunque organizzi e gestisca servizi bibliotecari. Si tratta di argomenti che, sebbene ancora poco presenti nella letteratura biblioteconomica italiana, sono ormai imprescindibili anche per i nostri bibliotecari e studenti di biblioteconomia che non vogliano limitarsi a dominare gli strumenti tecnici della professione, ma comincino a interrogarsi sui suoi valori fondamentali, riflettendo quindi non solo sul come ma anche sul perché dell'intermediazione documentaria. Il volume fornisce una chiara e aggiornata introduzione ai principali concetti e problemi dell'etica generale e dell'etica professionale bibliotecaria, applicandoli a casi concreti di conflitti morali che possono sorgere nelle biblioteche e suggerendo alcuni metodi utili per tentare di risolverli.

Professional ethics and the social...

Alpa G. (cur.); Mariani Marini A. (cur.)
Pisa University Press 2014

Disponibile in 5 giorni

16,00 €
L'avvocatura è stata sollecitata a riflettere sui principi della Responsabilità Sociale dell'Impresa (RSI) dalla fine degli anni Ottanta quando talune clamorose violazioni dei diritti umani da parte di imprese transnazionali hanno imposto alla pubblica opinione il problema di un richiamo all'etica nella finanza e nel mercato. La professione forense non poteva infatti restare insensibile a tale fenomeno per la sua storica vocazione alla difesa dei diritti e perché l'attività dell'avvocato nella società moderna si svolge sempre più in contiguità con le attività dell'impresa. Si è così affermata la convinzione che accanto alla RSI sussista una responsabilità sociale dell'avvocato, non solo nel promuovere nel processo il rispetto dello Stato di diritto e dei valori su cui si fondano le Carte europee dei diritti umani e fondamentali, ma anche per stabilire quale finalità dell'attività professionale, accanto alla tutela degli interessi e dei diritti della parte assistita, la tutela dei diritti umani della persona, degli altri, della collettività. Gli atti della III Conferenza europea di Roma rappresentano un messaggio agli avvocati per la presa di coscienza di questa nuova frontiera dell'etica professionale.

Etica delle professioni legali

Trujillo Isabel
Il Mulino 2013

Disponibile in 5 giorni

17,50 €
Nell'ambito delle professioni legali una grande rilevanza sta acquistando il tema dell'etica. Avvocati, giudici, notai, dipendenti pubblici, forze dell'ordine si pongono il problema di rinvigorire nella coscienza degli individui che appartengono a tali categorie professionali il senso del ruolo sociale che svolgono, sia per reagire ad una fondamentale prevalenza delle leggi del profitto su ogni altra istanza, sia per riguadagnare la fiducia del cittadino. Le virtù dei giuristi - integrità, lealtà, imparzialità, giustizia, tra le altre - sono quelle che esprimono il significato complessivo dei doveri che i codici professionali e il diritto disciplinare delle professioni stabiliscono.

Etica e deontologia giudiziaria

Visintini G. (cur.); Marotta S. (cur.)
La Scuola di Pitagora 2013

Disponibile in 5 giorni

43,00 €
Il volume raccoglie gli atti del convegno internazionale svoltosi a Roma presso la sede dell'Accademia Nazionale dei Lincei nel gennaio del 1999, che ha visto la partecipazione di numerosi relatori appartenenti al mondo accademico e a quello forense e giudiziario. Nonostante i quattro anni trascorsi dai lavori del convegno, gli scritti raccolti nel volume mantengono intatta l'attualità del loro significato e soprattutto mantengono vivo il loro interesse in un momento in cui se, da una parte, si stanno per produrre i primi risultati dei cambiamenti intervenuti nella formazione dei giuristi sia in seguito alla riforma dell'insegnamento universitario sia per l'introduzione delle Scuole di specializzazione per le professioni forensi -, dall'altra, ferve un serrato dibattito sui progetti di riforma della magistratura e soprattutto sulla proposta di introduzione della separazione delle carriere tra pubblici ministeri e magistrati giudicanti.

I requisiti morali e professionali...

Fiore Elena; Manzione Antonella
Maggioli Editore 2020

Non disponibile

44,00 €
L'idea di una trattazione monografica avente ad oggetto i requisiti morali e professionali per l'esercizio delle attività commerciali e di somministrazione nasce dalla constatazione che molte delle domande inerenti il legittimo insediamento sul territorio delle stesse hanno ad oggetto proprio la tematica in questione. Il legislatore dà infatti per scontata una cultura giuridica ad ampio spettro da parte degli uffici ed utilizza, peraltro non sempre in maniera coerente, la terminologia propria del linguaggio penalistico o processualpenalistico "ribaltandone" gli effetti sulla possibilità di attivazione di un esercizio commerciale, con ciò imponendo scelte operative rilevanti in termini di procedimento e di eventuali sanzioni. L'opera, con spirito pratico, propone una sintesi, esaustiva e di facile consultazione, delle questioni che astrattamente si pongono con maggiore frequenza e lo spunto per un loro ulteriore approfondimento, ove le prime nozioni non si rivelassero sufficienti a risolvere il problema. Una sorta di dizionario giuridico dei requisiti morali e professionali per l'esercizio delle attività commerciali arricchito da modulistica, casi risolti, giurisprudenza, circolari e risoluzioni ministeriali per affrontare i problemi della pratica quotidiana ed aiutare a muoversi con maggiore disinvoltura in una materia particolarmente delicata e complessa.

La giustizia disciplinare nelle...

Mezzasoma L. (cur.); Ruggeri L. (cur.)
Edizioni Scientifiche Italiane 2020

Non disponibile

33,00 €
Il volume analizza la giustizia disciplinare nelle professioni legali avendo specifico riguardo alle problematiche poste dalla magistratura, dall'avvocatura e dal notariato. I saggi contenuti nel volume offrono un panorama completo e aggiornato degli illeciti disciplinari e delle procedure avendo particolare riguardo alle innovazioni apportate di recente in taluni àmbiti nonché alle prospettive di riforma: si pensi al codice deontologico forense o al sindacato disciplinare sui provvedimenti adottati dai magistrati nonché alle regole deontologiche operanti nel notariato. Pur nella diversità e peculiarità dei sistemi di giustizia disciplinari adottati per magistrati, avvocati e notai, il volume offre una lettura unitaria del tema della giustizia disciplinare che costituisce uno strumento determinante per il buon funzionamento della giustizia e per l'attuazione di fondamentali princípi costituzionali, europei ed internazionali.

L'avvocato e le sue quattro...

Tenore V. (cur.)
Edizioni Scientifiche Italiane 2020

Non disponibile

60,00 €
Mancava nel pur vasto panorama editoriale dedicato alla professione forense una monografia a tutto tondo sulle quattro responsabilità dell'avvocato e delle società tra avvocati. Difatti, gli studi editi si sono di solito soffermati sulla responsabilità civile per errori professionali o su quella disciplinare per violazione di regole deontologiche. Molto poco era stato scritto sulla responsabilità penale del difensore e mai nulla era stato pubblicato su quella amministrativo-contabile per talune attività dell'avvocato. Il volume colma, dunque, questa lacuna scientifica con uno studio organico, approfondito, aggiornato alla riforma forense della l.n. 247 del 2012, ancorato al basilare referente normativo e, soprattutto, ricco di giurisprudenza (anche del CNF) e di dottrina, che hanno scandagliato diversi profili della patologia comportamentale del peculiare professionista legale.

Le macchie sulla toga. Psicologia...

Bentini Genunzio; Scerbo A. (cur.)
Rubbettino 2019

Non disponibile

13,00 €
Nel corso del ventennio fascista l'abituale immagine dell'avvocatura priva di ogni nobiltà d'arte si riveste di una connotazione politica, sicché diventa prioritario ridimensionarne il valore e comprimerne il significato all'interno delle complesse dinamiche giuridiche. Lo scopo è perseguito attraverso una sostanziale attività di controllo, che culmina nell'imposizione di regole procedurali e di schemi fissi comportamentali. L'avvocatura risponde a questi attacchi mediante l'avvio di un processo di autoregolamentazione, indirizzato alla formulazione di un complesso di principi deontologici. La configurazione di regole e modelli comportamentali è attuata con il contributo della riedizione dei più importanti galatei ottocenteschi e la pubblicazione delle difese degli avvocati più rinomati, ma anche con la realizzazione di diversi manuali di argomento deontologico. Uno dei più noti e diffusi è il testo che qui si riproduce, "Le macchie sulla toga. Psicologia dell'avvocato", di Genuzio Bentini, che ha il merito di definire i caratteri peculiari, tecnici e spirituali, necessari per l'individuazione di un modello di avvocato penalista. Scava nella profondità dei pensieri e dei sentimenti dell'avvocato e offre un'interpretazione del modo di intendere la professione forense e di affrontare le fasi più emblematiche del suo materiale dispiegarsi.

Il codice deontologico forense. Con...

Crisafi Marina; Izzo Lucia; Trunfio Eugenia
Key Editore 2017

Non disponibile

20,00 €
Le norme di comportamento alle quali l'avvocato è vincolato nell'esercizio dell'attività professionale compongono il codice deontologico forense. Essenziale per la realizzazione e la tutela dell'affidamento della collettività e della clientela, della correttezza dei comportamenti, della qualità ed efficacia della prestazione professionale, esso rivela la funzione sociale dell'avvocato che è quella di prevenire ed evitare i conflitti e di garantire che gli stessi si risolvano secondo diritto. Il volume si occupa di illustrare le norme di comportamento contenute nel codice deontologico e di evidenziare i comportamenti che l'avvocato ha il dovere di tenere nell'esercizio della professione, tenendo conto della giurisprudenza del Consiglio Nazionale Forense, di legittimità e di merito. Il testo è rivolto in particolare agli appartenenti all'avvocatura ma può essere un valido ausilio anche per gli altri soggetti con i quali l'avvocato si interfaccia: clienti, magistrati, periti, testimoni, ecc.

Attività processuale e...

De Palma A. D. (cur.)
Cacucci 2015

Non disponibile

20,00 €
La soluzione del "problema giustizia": la responsabilità dei magistrati. Dopo anni interminabili di denuncia, a più voci, di crisi della giustizia. Dopo una serie, quasi infinita, di "riforme a costo zero". Dopo l'accorpamento di vari uffici giudiziari, segnato talvolta dall'eliminazione di uffici utili e talaltra dall'accresciuto disservizio degli uffici "concentrati". Qualcuno, semplificando, ritiene di avere finalmente scoperto la causa di tutti i mali della giustizia: i magistrati; i quali lavorano poco e godono di troppe ferie, mantenendo vergognosamente chiusi gli uffici dal 1° agosto al15 settembre di ogni anno. E sono gli stessi che continuano a sbagliare ed a non pagare, ai danneggiati, per le conseguenze dannose del loro operato. Donde l'idea di una nuova riforma della giustizia. Anzi, più esattamente, l'idea di una riforma dei magistrati. Condotta, per di più, come "caso straordinario di necessità ed urgenza", ai sensi del c. 2 dell'art. 77 Cost. e nonostante la chiara lettera dell'art. 76 Cost.

Il nuovo procedimento disciplinare...

Tocci Mario
Filodiritto 2015

Non disponibile

15,00 €
Il sistema disciplinare degli avvocati è cambiato profondamente, essendosi dotato di nuove regole atte a garantire l'effettiva persecuzione degli illeciti deontologici di tali professionisti attraverso l'elisione di qualsivoglia collegamento tra controllat

La coscienza dell'avvocato. La...

Bianchi Riva Raffaella
Giuffrè 2015

Non disponibile

39,00 €
Il volume ricostruisce il processo di elaborazione delle regole della deontologia forense nei secoli dell'età moderna, evidenziando elementi di continuità e di discontinuità nel lento cammino che ha condotto alla promulgazione dell'attuale codice deontologico e ai dibattiti che lo hanno accompagnato, relativi in particolare alla qualificazione, morale o giuridica, delle norme di condotta professionale. Nonostante la progressiva separazione fra diritto e morale delineatasi a partire dal Cinquecento, norme giuridiche e norme morali continuarono, come nel medioevo, a integrarsi reciprocamente nella disciplina della professione forense. Ben distinte erano, invece, le conseguenze derivanti dalla violazione delle regole professionali sul piano morale (peccato) e giuridico (responsabilità civile, penale e disciplinare). A causa della difficoltà di inquadrare alcune fattispecie deontologiche in norme giuridiche, la minaccia del peccato rappresentò, in molti casi, un 'rimedio' più efficace rispetto alle sanzioni giuridiche per imporre al ceto forense il rispetto delle regole professionali: in caso di contrasto fra norme giuridiche e norme morali, erano dunque queste ultime a prevalere. Questo spiega anche il rilievo assunto dal concetto di coscienza nell'orientare le scelte professionali dell'avvocato nel costante bilanciamento fra la collaborazione all'amministrazione della giustizia e la tutela degli interessi del cliente: un concetto che è sopravvissuto sino al codice deontologico attuale.

Commentario del codice deontologico...

Caiafa A. (cur.)
NEU 2015

Non disponibile

20,00 €
I componenti della struttura deontologica dell'ordine forense capitolino, in numerose riunioni, hanno avuto l'occasione di confrontarsi sul contenuto del nuovo testo del codice deontologico che hanno esaminato sotto vari profili di teoria generale, con l'esegesi delle norme in relazione agli orientamenti consolidatisi e con riferimento al precedente codice e, dunque, alle prassi ed alle scelte operate nel tempo dal Consiglio Nazionale Forense e dalla Suprema Corte di Cassazione. È stata un'occasione importante per quanti si sono impegnati in questa difficile opera di ricognizione e sintesi dei problemi, di ricerca delle soluzioni e di approfondimento degli orientamenti. L'opera intende mettere a disposizione dei colleghi e dei giovani che dovranno affrontare l'esame di abilitazione una fonte di conoscenza privilegiata delle dinamiche e degli orientamenti, per una comprensione delle nuove norme disciplinari.

Il nuovo codice deontologico...

Danovi Remo
Giuffrè 2014

Non disponibile

48,00 €
Il nuovo codice deontologico dell'Avvocatura, approvato dal Consiglio nazionale forense pubblicato nella G.U. del 16 ottobre 2014, n. 241, sostituisce il codice già esistente, aggiornandolo e integrandolo con la previsione di specifiche sanzioni per ogni violazione. Tuttavia, non è il sistema sanzionatorio che deve essere evidenziato, quanto il principio etico, cioè lo spirito stesso della deontologia che viene racchiuso in un corpo unitario di precetti (appunto, il Codice), quale forma di protezione e affermazione delle qualità professionali, per garantire l'affidamento della collettività e la migliore efficacia del processo. Il volume è strutturato come un commentario, con un saggio introduttivo sulla Storia della deontologia e con l'analisi dei singoli articoli. Seguono le tavole di concordanza tra le nuove e le vecchie regole, per sottolineare la continuità della deontologia, quale fonte necessaria per la dignità della professione forense e la credibilità della legge e della giustizia.

Il nuovo procedimento disciplinare...

Danovi Remo
Giuffrè 2014

Non disponibile

18,00 €
Dal 1° gennaio 2015 prende inizio il nuovo procedimento disciplinare, con le regole stabilite dalla legge professionale. È un modello diverso dal passato, con un nuovo Consiglio distrettuale di disciplina, che costituisce l'anno zero della nuova generazione di giudici e giudizi. Da questo dobbiamo partire non solo per sanzionare le violazioni deontologiche, ma anche per riaffermare il valore dell'etica e il rispetto dei principi che regolano la professione e la vita. È augurabile che il nuovo procedimento realizzi questi obiettivi e una nuova coscienza professionale si affermi per tutelare l'affidamento delle persone e attuare più compiutamente la giustizia.

Il nuovo codice deontologico...

Vanni Alessia
Dike Giuridica Editrice 2014

Non disponibile

28,00 €
La concomitante entrata in vigore del codice deontologico, approvato nella seduta del Consiglio nazionale forense del 31 Gennaio 2014, e del decreto del Ministero della Giustizia n. 55 del 2014, recante i nuovi parametri per la liquidazione dei compensi per l'attività forense, ha fornito alle autrici l'occasione per una trattazione approfondita ed unitaria di due testi fondamentali per l'esercizio della professione forense esaminati con un linguaggio semplice ed un taglio moderno e pratico. Il nuovo codice deontologico è commentato articolo per articolo e con ampi riferimenti alla disciplina previgente, in modo da orientare il lettore nell'evoluzione delle norme deontologiche, che mutano col mutare dei tempi, con l'avvento delle nuove tecnologie, col mutare del sentire comune. Le numerose problematiche relative all'individuazione delle condotte suscettibili di sanzione disciplinare sono affrontate attraverso il richiamo della più autorevole dottrina in materia e, soprattutto, delle principali pronunce della giurisprudenza di legittimità, di merito e del Consiglio nazionale forense.

La responsabilità disciplinare dei...

Di Amato Sergio
Giuffrè 2013

Non disponibile

68,00 €
Il volume esamina, con un approccio sistematico, l'intera normativa sulla responsabilità disciplinare dei magistrati, dettata dal d.lgs. 23 febbraio 2006, n. 109, curando di unire sempre all'approfondimento scientifico la ricerca della soluzione dei numerosi nodi interpretativi che caratterizzano la disciplina. In questa prospettiva, una particolare attenzione è riservata alla giurisprudenza della Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura e delle Sezioni unite della Corte di cassazione, che è stata oggetto di una completa analisi, critica e non meramente espositiva, su tutti gli orientamenti maturati prima e dopo la riforma del 2006.

L'utilità dei diritti. Diritti...

Ferraro Francesco
ETS 2013

Non disponibile

23,00 €
Una delle accuse più gravi e più frequenti, rivolte a quella forma di etica consequenzialista che è l'utilitarismo, è quella di non poter riconoscere ai diritti un ruolo adeguato al suo interno: in base a esso - si sostiene - nulla vincolerebbe al rispetto dei diritti delle persone, che potrebbero sempre essere violati legittimamente qualora ciò promettesse di massimizzare valori come il benessere sociale o la generale soddisfazione delle preferenze. Questo libro si propone di smentire tale luogo comune filosofico. Tanto nel linguaggio morale quanto in quello giuridico, l'analisi dei diritti mostra come questi svolgano funzioni importantissime che l'utilitarismo è perfettamente in grado di riconoscere e giustificare. Non solo: una prospettiva utilitarista permette di affrontare i problemi posti dall'affermazione dei diritti individuali nel linguaggio morale e giuridico, meglio di quelle teorie etico-politiche che si pretendono "fondate su diritti". Valori come la dignità umana e il rispetto delle persone e della loro autonomia, espressi dal linguaggio dei diritti, trovano agevolmente spazio nell'utilitarismo. Tale teoria, inoltre, riesce a giustificare la rilevanza dei diritti giuridici come garanzia degli interessi dei loro titolari. Nel caso dei diritti fondamentali, l'utilitarista apprezzerà tra l'altro la loro capacità di mediare tra posizioni etiche diverse nelle odierne società pluraliste, sebbene al prezzo di una notevole indeterminatezza.

Un giudice partigiano. Diritti,...

Albano Vincenzo M.
Guida 2013

Non disponibile

8,00 €
"Ma dove sta scritto che un giudice debba rinunciare a esprimere le sue idee politiche? 'Sono un giudice e ho delle idee politiche'. La bellezza di Enzo Albano sta nella naturalezza con la quale rivendica ciò che molti altri contestano, rimuovono, negano, a destra come a sinistra. È stata una scelta sapiente e profonda quella di raccogliere i suoi articoli in materia di giustizia insieme a quelli più strettamente legati alla attualità politica. Non esiste l'uomo togato scisso dall'uomo senza toga. Esiste l'uomo. C'è chi vorrebbe ridurre il giudice a una sorta di automa depoliticizzato. Enzo Albano ha resistito a questa de-umanizzazione e si è liberamente espresso sulla politica e sui politici italiani, sulla pace e sulla guerra, su Cuba e sulla Palestina, sulla democrazia e sullo stato di eccezione. La vita è qualcosa di ben più complesso rispetto al diritto." (Dalla Prefazione di Patrizio Gonnella)

Gli illeciti disciplinari dei...

Fimiani Pasquale; Fresa Mario
Giappichelli-Linea Professionale 2013

Non disponibile

49,00 €
Il volume, frutto di una pluriennale attività di studio, didattica e giurisdizionale, costituisce una riflessione organica sui profili sostanziali della responsabilità disciplinare dei magistrati ordinari, a circa sette anni dalla entrata in vigore del d.lgs. 23 febbraio 2006, n. 109 (incisivamente modificato dalla legge 24 ottobre 2006, n. 269). È aperto dalla presentazione del Procuratore generale della Cassazione e si chiude con una serie di proposte conclusive su possibili modifiche di un sistema ancora imperfetto e caratterizzato da lacune e imprecisioni. L'esame teorico-pratico delle singole figure di illecito è svolto sia attraverso il riferimento ai principi generali che regolano la materia, sia mediante l'analisi delle varie fattispecie di cui si è occupata la giurisprudenza, molte delle quali sono state oggetto della cronaca e del dibattito politico degli ultimi anni. In tal modo, l'opera si presenta di interesse non soltanto per il giurista, ma anche per quanti desiderino comprendere le regole fondamentali che disciplinano l'attività dei soggetti ai quali lo Stato affida una delle funzioni fondamentali di un'organizzazione statuale: lo jus dicere.

Professione giustizia. Giuristi tra...

Pellegrini Stefania
CEDAM 2013

Non disponibile

15,00 €
Nel testo si propone una dimensione della responsabilità delle professioni marcatamente sociale che vada quindi a valutare il ruolo che le stesse rivestono nel sistema sociale. I professionisti, infatti, rivestono un ruolo, ed è per questo che sono responsabili per il buon soddisfacimento delle aspettative che gli altri nutrono verso il ruolo stesso.

Deontologia e nuovo procedimento...

Tenore Vito
Giuffrè 2012

Non disponibile

35,00 €
La centralità della deontologia e del conseguente procedimento disciplinare è stata valorizzata dal legislatore che, con l'art. 3, co.5, l. 14 settembre 2011, n. 148 (di conversione del d.l. 13 agosto 2011, n. 138), ha imposto una rivisitazione dei profili sostanziali e procedurali per tutti gli Ordini professionali. La novella normativa del d.P.R. 7 agosto 2012, n. 137 occasiona questo volume, esplicativo ma anche volutamente critico su taluni aspetti della minimale (e troppo scarna) riforma degli organi disciplinari locali e nazionali (i c.d. Consigli di disciplina territoriali e nazionali), che però non sono stati più lasciati, come una volta, nella piena gestione dei soli Ordini professionali (sovente buonisti e perdonisti), ma anche a esperti esterni nominati dal Presidente del Tribunale. Aggiornato al d.P.R. 20 luglio 2012, n. 140 sulla liquidazione dei compensi, il testo offre a studiosi, professionisti, Consigli degli Ordini, magistrati, avvocati un quadro chiaro, completo e approfondito della normativa, della più recente giurisprudenza e della più autorevole dottrina su tutti gli aspetti deontologici, gestionali e contenziosi del complesso procedimento disciplinare. Vengono inoltre proposte soluzioni giuridiche tese a prevenire errori e contenziosi, nonché segnalati spunti per una corretta e doverosa revisione dei regolamenti disciplinari dei vari Ordini e dei rispettivi Codici deontologici, per recepire correttamente le più recenti novità legislative.

L'avvocato non difende cause...

Bianchi Riva Raffaella
Giuffrè 2012

Non disponibile

30,00 €
Il libro individua alcuni presupposti dell'attuale deontologia forense e ripercorre l'evoluzione della regola professionale nella quale si compendia il ruolo dell'avvocato nell'amministrazione della giustizia. Nell'età del diritto comune, tale regola venne ricondotta al divieto di difendere cause ingiuste. La riflessione sul tema era stata preceduta dal dibattito sull'obbligo del giuramento, che richiamava l'avvocato al rispetto dei doveri fondamentali della professione e che era imposto, in forme diverse, sia dalla compilazione giustinianea, sia dalle legislazioni canonica, regia e statutaria. La generalizzata inosservanza dell'obbligo del giuramento da parte del ceto forense indusse la dottrina giuridica e teologica non solo a denunciare gli abusi della prassi giudiziaria, ma anche ad elaborare autonomamente il contenuto del divieto di difendere cause ingiuste. Ad impegnare la dottrina fu soprattutto la definizione del concetto di causa ingiusta, su cui si fondava la regola e dalla quale dipendeva la possibilità dell'avvocato di assumere il mandato difensivo, che oscillò fra soluzioni che limitavano la categoria alle cause giuridicamente infondate a soluzioni che, invece, vi ricomprendevano anche quelle sostanzialmente ingiuste.

Gli illeciti disciplinari dei...

Cavallini Daniela
CEDAM 2011

Non disponibile

37,00 €
Questo volume si propone di esaminare, sul piano formale e applicativo, il passaggio dal sistema disciplinare in vigore con la legge delle guarentigie a quello introdotto con il d.lgs. n. 109 del 2006. La prima parte illustra le caratteristiche del controllo disciplinare e le principali novità introdotte dalla riforma del 2006. La seconda è dedicata all'analisi diacronica della giurisprudenza della sezione disciplinare del Csm rispetto alle principali tipologie di illecito (ritardi, mancanza di diligenza, di indipendenza, ecc.). Questa è la parte più innovativa dell'opera, frutto dell'esame di oltre 750 sentenze disciplinari, pronunciate in un arco di tempo di più di dieci anni.

La consistenza del diritto. Limiti...

Leardini Flavio
CEDAM 2011

Non disponibile

16,50 €
La consistenza del diritto si propone di individuare gli elementi essenziali del problema "che cosa può essere regolato attraverso il diritto", intervenendo nell'inteso dibattito in corso su quali siano i ragionevoli confini della possibilità di regolazione dei rapporti sociali. Del resto, la domanda su quali siano le capacità regolative del diritto appare sempre più essenziale anche ai fini della stessa interpretazione delle norme costituzionali e dei principi generali dell'ordinamento giuridico. Il lavoro si propone di cercare una risposta, riducendo il problema ai suoi termini basilari, ossia concependo il diritto come un linguaggio ed analizzandone i limiti come soglie critiche di tale linguaggio. L'opera si indirizza non solo allo studioso, ma anche al giurista operativo che avverta l'esigenza di dotarsi sempre più di un quadro di riferimento di fondo sulle dinamiche della sua disciplina.

La cognizione e la competenza del...

Baccari G. Marco
Giuffrè 2011

Non disponibile

55,00 €
L'autore affronta lo scottante tema della cognizione e competenza del giudice nel processo penale, partendo necessariamente dal principio di autosufficienza giurisdizionale e dalle questioni pregiudiziali. Ampio spazio viene poi dato alla nozione di competenza sia nei suoi aspetti più generali, sia nelle sue specifiche: per materia, per territorio ed, infine, per connessione. La trattazione prosegue logicamente trattando il tema della riunione e separazione dei processi, per concludere con le problematiche della competenza del giudice, attraverso i concetti di difetto e di conflitto di giurisdizione.

La posizione di garanzia degli...

Dodaro G. (cur.)
Franco Angeli 2011

Non disponibile

26,50 €
Il testo affronta da due diverse angolazioni - cliniche e giuridico-penali il tema della responsabilità professionale degli operatori psichiatrici dei servizi territoriali. L'argomento, di drammatica attualità, ha assunto negli ultimi anni grande rilevanza a causa di non poche sentenze, anche della Corte di cassazione, che hanno condannato psichiatri e infermieri per il suicidio o i reati del paziente. Il volto della professione appare infatti ancora oggi caratterizzato, a livello sociale, nelle decisioni della magistratura e nei modelli proposti dalla psichiatria accademica e dei servizi, da alcuni profili di ambiguità in un costante e precario equilibrio tra i due poli della cura del malato psichiatrico e della prevenzione di comportamenti devianti. Il libro, che presenta un insieme organico di contributi autorevoli di psichiatri e giuristi nonchè alcune importanti sentenze inedite, si rivolge a quanti, operando in ambito psichiatrico - medici, psichiatri, infermieri, psicologi -, vogliano approfondire le tematiche giuridiche e i profili di responsabilità.

La responsabilità disciplinare...

Giuffrè 2010

Non disponibile

90,00 €
Il volume esamina, alla luce delle più recenti modifiche normative, della più recente giurisprudenza e della più autorevole dottrina, la tematica piuttosto complessa del procedimento disciplinare nelle carriere magistratuali. Non solo per i magistrati ordinari (giudicati dal CSM) ma per tutte le restanti magistrature (amministrativa, contabile, militare, onoraria) e per gli Avvocati dello Stato, vengono analizzate tutte le problematiche gestionali e contenziose, con un taglio teorico-pratico assai utile per magistrati, avvocati e studiosi. Ogni profilo dei procedimenti disciplinari riguardanti le varie magistrature viene analizzato tenendo conto di tutta la giurisprudenza intervenuta. Il testo è completato da un capitolo sulla responsabilità civile, penale e amministrativo-contabile dei magistrati e da una utile appendice normativa comprensiva dei codici etici delle varie magistrature. Un testo indispensabile nella biblioteca di qualsiasi giurista: magistrato, avvocato, professore e per ogni ente, centrale o locale a cui fanno capo le numerose carriere magistratuali.

Seminari del consiglio nazionale...

Ist. Poligrafico dello Stato 2010

Non disponibile

25,00 €
Il volume raccoglie le relazioni svolte ai convegni e seminari organizzati dal Consiglio Nazionale Forense che investono tre settori di particolare interesse per l'avvocatura: la disciplina contrattuale, campo in cui si misura l'avvocato che si dedica alla consulenza; il diritto privato europeo nella prospettiva della comparazione, argomento privilegiato nella formazione; e la deontologia professionale, collegata all'evoluzione dei comportamenti e all'adeguamento del codice deontologico alle nuove realtà.

Gli anni delle toghe. Appunti di un...

Franchini Antonio
Marsilio 2009

Non disponibile

15,00 €
"Anche se l'incipit potrebbe farlo pensare, il libro non appartiene al genere memorialistico. Spesso, avvocati di grande successo hanno ceduto e cedono a una simile tentazione, pericolosamente contigua a una autocelebrazione di tipo narcisistico. Non è questo il caso. Perché non sono i successi professionali a costituire l'oggetto della narrazione, bensì l'esperienza o meglio, le esperienze, che progressivamente, quasi impercettibilmente, si condensano su un valore che ogni penalista riconosce immediatamente: la dignità della toga che indossa. Ed è valore che non è in vendita, anche se, come Franchini ha cura di precisare, la remunerazione economica da parte del cliente sembra qualche volta offuscare la prevalente componente di servizio reso nell'interesse del cittadino. Chi dell'Avvocatura ha autentica consapevolezza, sa bene che non potrà mai separare impegno tecnico e lealtà professionale da genuina passione civile. E Antonio Franchini, in questi appunti, offre appunto esemplare testimonianza di una vita professionale che si è svolta all'insegna di questa necessaria congiunzione. Se la si trascura, si può fare l'avvocato (magari di grande successo), ma non si è mai Avvocati. Franchini lo ha ben presente, e lo sottolinea in uno dei capitoli più intensi del suo lavoro. "È come si porta la toga che segna la differenza". Si potrebbe aggiungere: è anche a chi la si lascia. Ma Antonio Franchini, oltre all'amatissima Sarah, ha tanti altri degni eredi." (Marco Zanotti)

Ordinamento forense e deontologia....

Bartolini Carlo
Giappichelli 2009

Non disponibile

23,00 €
Il volume si articola in due parti. La prima è dedicata all'ordinamento forense. Nei dodici capitoli che la compongono vengono trattati altrettanti argomenti connessi tra di loro attraverso un filo conduttore ideale (fonti normative, soggetti dell'ordinamento forense, i consigli dell'Ordine, la pratica forense e l'esame, l'albo degli avvocati, il Consiglio Nazionale Forense, la disciplina, le tariffe forensi, l'esercizio in forma associata della profes¬sione, la formazione continua, la privacy e l'antiriciclaggio). La seconda parte riguarda la deontologia che si snoda attraverso il commento dei sessanta articoli del Codice Deontologico Forense Entrambe le parti sono arricchite da richiami alla giurisprudenza della Corte di Cassazione nonché dalle massime delle sentenze e dai più importanti pareri del Consiglio Nazionale Forense. Il volume è rivolto sia ai praticanti avvocati, in particolare a quelli che si accingono a sostenere l'esame orale, sia agli avvocati che intendano approfondire i singoli aspetti, attraverso l'esame degli orientamenti giurisprudenziali, con riferimento ai casi concreti. Il volume è rivolto sia ai praticanti avvocati, in particolare a quelli che si accingono a sostenere l'esame orale, sia agli avvocati che intendano approfondire i singoli aspetti, attraverso l'esame degli orientamenti giurisprudenziali, con riferimento ai casi concreti.

La responsabilità del...

Cassano Giuseppe
Linea Professionale 2008

Non disponibile

68,00 €
Il volume ricostruisce i più recenti percorsi giurisprudenziali che hanno condotto alla maturazione di quelle opzioni interpretative tese a garantire una effettiva tutela del cliente che nel rapportarsi con il professionista subisca un pregiudizio dall'errore di questi. Il volume affronta il tema della responsabilità del professionista muovendo dalle figure tradizionali (si pensi al medico, all'avvocato, al notaio) per addivenire a quelle che sono andate emergendo negli ultimi anni (si pensi all'Internet Service Provider). L'ampia raccolta di sentenze, che si affianca alla parte teorica del testo, offre una prospettiva completa delle modalità di applicazione, nelle aule di giustizia, della normativa di settore. A completamento un formulario con modelli prontamente personalizzabili, riportati anche su Cd-rom.

Oggetto ed attività delle società....

Ipsoa 2008

Non disponibile

30,00 €
Il volume raccoglie le relazioni presentate al convegno tenutosi a Napoli nel settembre 2007 sul tema "Oggetto ed attività delle Società: ruolo e responsabilità del Notaio"

L'emergenza deontologica....

Sartea Claudio
Aracne 2007

Non disponibile

14,00 €
Il volume cerca di mettere in luce l'attualità dei rapporti tra deontologia professionale, etica e diritto ai nostri giorni, e l'esigenza che crediamo di avvertire di una riflessione meno pragmatica di tante altre che sono state proposte.

Frammenti di identità ed etica...

Mosca Carlo
Rubbettino 2006

Non disponibile

15,00 €
In questo volume le vicende dei prefetti e delle prefetture si intrecciano con la storia del nostro Paese. Ne viene fuori un libro quasi pedagogico che insegna il valore della legalità e della responsabilità.

Biodiritto

Arnò Francescopaolo
Tipografia Editrice Pisana 2006

Non disponibile

18,00 €

Etiche della professione legale. Un...

Hazard Geoffrey C.
Il Mulino 2005

Non disponibile

30,00 €
Come gli avvocati si comportano nella pratica e come si dovrebbero comportare: il tema dell'etica della professione legale viene qui affrontato in una prospettiva comparata che tiene conto delle esperienze sia di common law sia di civil law, con una particolare attenzione per il ruolo cruciale che l'avvocatura riveste nel funzionamento delle democrazie di modello occidentale. Una delle questioni ricorrenti riguarda l'interazione della figura del giudice con quella dell'avvocato. La funzione di quest'ultimo e le sue confliggenti responsabilità - fra interesse della clientela e perseguimento di obiettivi di giustizia sostanziale - vengono discusse in relazione ai problemi posti dalla realtà della pratica professionale.