Proprietà e organizzazione delle imprese

Filtri attivi

Il socio occulto

Caramazza
EGEA 2019

Disponibile in libreria  
MANUALI ECONOMIA

19,00 €
«La corruzione è un furto di democrazia» (Sergio Mattarella). «La corruzione ruba il futuro» (Raffaele Cantone). In questi due moniti sta tutta l'urgente necessità di dare una risposta - morale e civile - alla sfida inaccettabile che le mafie lanciano allo sviluppo del nostro Paese. Con questo spirito, il libro affronta il tema delle infiltrazioni criminali nelle imprese e, in pagine ricche di dati, fatti, testimonianze, conoscenze ed esperienze dirette, ricostruisce il contesto delle attività di penetrazione di 'ndrangheta, Cosa nostra e camorra nei tessuti economici e sociali del Nord Italia, rilevandone caratteristiche e meccanismi di potere e di affari. Storia e indagine socio-economica vanno oltre i luoghi comuni e s'intrecciano con un'analisi approfondita di elementi tratti da inchieste giudiziarie che hanno svelato e colpito la fitta rete di relazioni tra boss delle mafie e uomini della cosiddetta «area grigia» della complicità, della connivenza e della convergenza d'interessi distorti. Una grande responsabilità investe imprenditori, manager e decisori: sta a loro alzare la guardia, prima di tutto conoscendo il fenomeno e i rischi connessi e poi determinando modalità di prevenzione e difesa. Compiendo un ulteriore passo avanti, il libro avanza dunque proposte concrete per accrescere sensibilità e informazione e favorire interventi di contrasto ai comportamenti illeciti. Lungo tutta la catena del valore individua quello che le imprese devono fare per non ritrovarsi sotto attacco da parte di 'ndrine calabresi e cosche siciliane sviluppatesi e affermatesi in ambienti disattenti o, peggio ancora, carichi di un silenzio complice.

Project management organizzativo....

Antonelli Stefano
Flaccovio Dario 2019

Disponibile in 3 giorni

48,00 €
L'interoperabilità digitale, l'automazione dei processi produttivi dell'industria 4.0, l'emersione di nuove professioni e il declino di quelle tradizionali, sono tra le tematiche più critiche entrate di prepotenza nel mondo dell'industria, delle opere civili, dei lavori pubblici e dei processi di innovazione delle amministrazioni pubbliche. I tradizionali comportamenti del project manager non sono più in grado di dare risposte adeguate; anche questa professione, tra le più promettenti in Italia e nel mondo, deve imporsi un radicale svecchiamento degli approcci e degli orientamenti mentali. Solo la riconciliazione tra il linguaggio del project manager con quello del manager d'impresa sarà in grado di aggredire con successo le sfide delle organizzazioni private e pubbliche. Più che mai i project manager dovranno comportarsi da manager d'impresa. Questo testo chiarisce e orienta il comportamento operativo richiesto al moderno project manager; mai più gestore ma guida dell'innovazione.

Lean production per le aziende a...

Cogliati Davide
Guerini Next 2019

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Le produzioni a commessa sono caratterizzate da volumi spesso limitati con prodotti talvolta specializzati sulle specifiche esigenze del cliente e tali da prevedere per ogni macchina o impianto una specifica ingegneria di sviluppo. Si tratta di realtà che vivono di un know how proprio e produzioni difficilmente replicabili, condizioni che, nel tempo, hanno condotto a uno stato di sostenibilità e di sviluppo dell'azienda stessa. Il mondo tuttavia sta cambiando velocemente e in particolare la possibilità di condivisione delle conoscenze rende oggi possibile delocalizzare lo sviluppo di prodotti anche tecnologicamente avanzati e con ampia caratterizzazione sul cliente. La concorrenza, tipica di comparti industriali inerenti produzioni di massa, si sta spostando progressivamente verso prodotti a elevato contenuto ingegneristico e complessità costruttiva via via crescente. È allora indispensabile per tali aziende continuare a mantenere un vantaggio competitivo concentrandosi sull'ottimizzazione delle proprie modalità di gestione ovvero sui processi aziendali attraverso la lean production. Il volume tratta dell'applicazione delle lean nelle produzioni a commessa coinvolgendo in ottica di project management, tutte le aree dell'azienda: ufficio tecnico, pianificazione, supply chain, produzione, qualità, testing, commissioning e service. Prefazione di Mariacristina Galgano.

Le mafie nell'economia legale....

Sciarrone Rocco
Il Mulino 2019

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone di insediamento tradizionale sia in quelle di nuova espansione. In particolare, risulta in crescita la loro presenza nell'economia legale, favorita da situazioni in cui si ravvisa una "confusione" tra lecito e illecito. Il libro affronta questi temi, approfondendo i rapporti e gli scambi tra mafiosi e imprenditori. Viene quindi analizzata l'area grigia, intesa come un campo organizzativo in cui prendono forma relazioni di collusione e complicità. Essa costituisce oggi il fronte più avanzato - e anche più problematico - del contrasto alle mafie. Per disfare il nesso tra mafia ed economia sono necessari - secondo gli autori - strumenti di azione differenziati, non solo di tipo repressivo, ma anche di tipo preventivo e "curativo".

Il lavoro che serve. Persone...

Magone A.
Guerini e Associati 2018

Disponibile in 3 giorni  
MANUALI ECONOMIA

19,50 €
"II lavoro che serve" è quello che le macchine trasformano, ma non eliminano. Mentre la tecnologia ci cambia, a volte con il vento dell'innovazione disruptive, più spesso come un'onda lunga e graduale, la via italiana all'industria 4.0 ha un dato certo - prima vengono le persone con le loro capacità di far camminare le imprese, ciascuna nel proprio ruolo. "Il lavoro che serve" sono storie di ordinaria bravura, annodate al paradigma digitale, dove il cambiamento non è più una ipotesi, ma un orizzonte sul quale ciascuno di noi si trova a dovere riflettere anche su se stesso.

Guida alle organizzazioni non...

Visconti Gianfranco
Maggioli Editore 2018

Disponibile in libreria  
NO PROFIT

65,00 €
Un'opera che illustra, in modo completo ed integrato, la disciplina civilistica e fiscale delle organizzazioni non profit, di recente denominate ETS - Enti del Terzo Settore, a seguito della recente riforma. La trattazione è condotta con un taglio molto operativo, pur senza tralasciare approfondimenti dedicati agli aspetti civilistici (costituzione e struttura, capacità giuridica), fiscali (imposte dirette ed indirette, tributi locali) e attinenti alle attività che gli ETS possono svolgere, soprattutto nel campo turistico (ricettività, organizzazione e vendita di viaggi) e nella somministrazione di alimenti e bevande. Al termine di ogni capitolo è presente un questionario riepilogativo, che aiuta a fissare i punti chiave della disciplina. Questa edizione è aggiornata con: - Decreti Legislativi n. 117, 112 e 111 del 2017 (Riforma del terzo settore, dell'impresa sociale e del cinque per mille); - Legge n. 205/2017 (Legge di bilancio per il 2018); - Decreto Legislativo n. 1/2018 (Codice della protezione civile). Gianfranco Visconti, Consulente di direzione aziendale e formatore nelle aree marketing, organizzazione e diritto dell'impresa per aziende private, amministrazioni pubbliche ed enti non profit. Collabora con numerose riviste cartacee e digitali di questi settori. Con Maggioli Editore ha pubblicato, nel 2008, "Guida alle organizzazioni non profit e all'imprenditoria sociale", (seconda edizione, 2010, e terza edizione, 2014). Per www.fiscoetasse.com ha pubblicato gli e-book "La mediazione delle controversie civili e commerciali" (decima edizione, 2017), "Le agevolazioni fiscali per le organizzazioni non profit" (settima edizione, 2017), "La tutela delle piccole imprese" (seconda edizione, 2015), "Il regime fiscale delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche" (sesta edizione, 2018), "La disciplina delle società di mutuo soccorso" (seconda edizione, 2018), "La disciplina della società cooperativa" (quinta edizione, 2018), "La disciplina delle società cooperative sociali" (quinta edizione, 2018) e "La disciplina delle crisi da sovra indebitamento" (seconda edizione, 2016).  

Sì bella ed utile impresa. La...

Fondaz. Museo Storico Trentino 2018

Disponibile in 3 giorni

7,50 €
Pubblicazione che ricostruisce un pezzo di storia trentina attraverso la valorizzazione dell?Archivio della Società di Mutuo Soccorso artieri di Trento. Una lunga storia di impegno a favore dei più deboli durata 145 anni.

Imprese di comunità. Innovazione...

Mori
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
Alternativa sia all'impresa capitalistica sia all'impresa pubblica e alla pubblica amministrazione, l'impresa di comunità poggia su due pilastri: la partecipazione della società civile alla produzione e alla gestione di beni e servizi; il perseguimento dell'interesse generale per una determinata comunità locale. In Italia queste nuove imprese svolgono un ruolo importante, perché contribuiscono alla rivitalizzazione di aree rurali a rischio spopolamento, nonché al recupero di aree urbane degradate oppure segnate da fenomeni di marginalità sociale. Come funzionano le imprese di comunità e quali sono i loro tratti fondanti? A partire da un'analisi empirica condotta da Euricse, il volume ne illustra le principali caratteristiche - governance, forme giuridiche, aspetti finanziari, rapporti con gli enti pubblici locali - e ne esamina l'efficacia come strumento di sviluppo locale.

Lettere dal futuro. Generazioni di...

Cuneo G.
EGEA 2016

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
"Salire sulle spalle di giganti" avrebbe potuto essere il titolo di questo libro. Perché non è facile per le generazioni successive prendere in mano le redini dell'azienda e proseguire nel solco della tradizione imprenditoriale di famiglia. Eppure le lettere di questo libro testimoniano che quello che fa grande il capitalismo familiare italiano è la capacità di continuare a generare e tramandare lo spirito imprenditoriale. Questo non vuol dire che non si compiano errori, che non ci siano attriti in famiglia, che a volte non sia necessario cercare appoggi all'esterno. Anzi. Ma spesso questo nostro capitalismo familiare ha la grande capacità di reagire, di fare di più e meglio. Non ci sono regole e precetti che possano essere applicati in maniera indistinta a tutte le imprese familiari, ma queste lettere contengono spunti interessanti su come realizzare in modo efficace la transizione nella gestione dell'azienda o del patrimonio familiare, su strategie e azioni per garantire il futuro dell'impresa. Sui valori che devono essere alla base di ogni attività. Certo, gli esempi riportati nel libro riguardano un'anomalia, un gruppo fortunato ma decisamente minoritario di aziende ben gestite, sopravvissute a periodi di crisi, che oggi crescono, investono e guardano al futuro senza ansia. Ma, in un paese in declino strutturale come l'Italia, abbiamo da imparare da queste imprese se vogliamo che "l'anomalia" si allarghi. Presentazione di Elena Zambon.

Organizzazione aziendale. Mercati,...

Costa Giovanni
McGraw-Hill Education 2016

Disponibile in 3 giorni

49,00 €
Il testo presenta un quadro concettuale snello ma efficace per avviare il lettore allo studio dell'organizzazione aziendale, con particolare attenzione alla progettazione organizzativa e agli strumenti operativi di cui la prassi aziendale si avvale. Anche in questa terza edizione rinnovata e ampliata, oltre che semplificata nello stile e nell'approccio per rendere il manuale ancora più chiaro, il percorso seguito coniuga il rigore scientifico con un approccio operativo: partendo dai problemi, gli autori attivano le principali teorie organizzative in grado di spiegarli e di fornire un contributo per risolverli. Il linguaggio piano, il ricorso continuo a minicasi aziendali ed esemplificazioni in una nutrita tipologia di box di approfondimento a supporto del testo, le glosse inserite a lato dei paragrafi rendono il volume particolarmente adatto per la didattica. Il testo si rivolge ai corsi di Organizzazione aziendale a Economia e Ingegneria gestionale.

Corporate governance. Con...

Zattoni Alessandro
EGEA 2015

Disponibile in 3 giorni

33,00 €
Il dibattito sulla corporate governance si è per lungo tempo concentrato sul fenomeno della separazione tra proprietà e controllo che caratterizza le grandi public company anglosassoni. Secondo questa "impostazione ristretta", il buon governo delle imprese si ottiene progettando un consiglio di amministrazione indipendente dal management e, quindi, in grado di guidare il comportamento dei manager verso la massimizzazione del valore azionario dell'impresa. In questo lavoro si adotta una "impostazione allargata" secondo cui: la corporate governance assume rilevanza in tutti i tipi di imprese; il management deve considerare gli interessi che convergono nell'impresa; il consiglio di amministrazione non è l'unico meccanismo di governance, ma numerosi altri processi contribuiscono a incentivare un'efficiente creazione e un'equa distribuzione di valore tra i vari stakeholder. Seguendo questa impostazione, la prima parte introduce il tema della corporate governance, presentando le teorie e i modelli che permettono di comprenderlo e di analizzarlo con padronanza. La seconda parte descrive i principali sistemi capitalistici e analizza i principali meccanismi di corporate governance, evidenziando le caratteristiche che essi assumono nelle imprese italiane e straniere di grandi dimensioni.

Dialogo sul sistema dei controlli...

Abbadessa P.
Giappichelli 2015

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
In qualsiasi libro, anche se frutto dell'opera di autori diversi, il titolo non è mai un dettaglio insignificante. Anche il titolo di questo libro Dialogo sul sistema dei controlli nelle società - già di per sé contiene alcune indicazioni significative su quanto può attendersi il lettore che si accinge a scorrerne le pagine. I contributi da cui l'opera è composta, frutto della penna di studiosi del diritto commerciale la cui notorietà non abbisogna di essere in alcun modo sottolineata, pur affrontando aspetti diversi del tema cui il titolo allude, ruotano intorno ai medesimi nodi problematici, che da sempre rendono quel tema particolarmente spinoso. Non una semplice collana di scritti, posti l'uno di seguito all'altro, ma, per l'appunto, un dialogo, in cui l'attento lettore, pur in assenza di espliciti rimandi reciproci, non mancherà di scorgere i momenti di convergenza e quelli di divergenza nell'impostazione e nella soluzione dei tanti problemi che punteggiano la materia.

Lavoro e impresa: la partecipazione...

Zoli C.
Giappichelli 2015

Disponibile in 5 giorni

15,00 €
Questo volume raccoglie la rielaborazione delle relazioni tenute in occasione del Convegno, svoltosi a Bologna il 18 giugno 2014, organizzato dal Centro Studi in Diritto del lavoro "G. Ghezzi e F. Mancini" in collaborazione con l'Associazione di Diritto pubblico comparato ed europeo. Il volume si propone di ricostruire l'intenso dibattito che, dall'immediato secondo dopoguerra ad oggi, sia pure specie in Italia in modo non continuativo, ha riguardato il tema della partecipazione e, in un'accezione più ampia, il coinvolgimento dei lavoratori tanto nella gestione, quanto nei risultati delle imprese. In un'ottica interdisciplinare e comparata, che si fonda sul confronto tra costituzionalisti, giuscommercialisti e giuslavoristi, si ricostruiscono l'evoluzione della normativa europea e le esperienze partecipative maturate in alcuni Paesi europei, sino ad esaminare i recenti disegni di legge presentati in Italia e, da ultimo, la delega prevista dall'art. 4, comma 62, I. n. 92/2012, che peraltro non hanno per ora avuto successo. Tuttavia, sia pur nel confronto dialettico tra opinioni diverse, emerge la perdurante attualità del tema affrontato, che la crisi economica e lo spostamento del baricentro delle relazioni industriali verso l'impresa hanno inevitabilmente favorito.

Il trust in agricoltura. Profili...

Gazzani Massimo
EGEA 2014

Disponibile in 5 giorni

40,00 €
Oltre alla sempre fondamentale passione per il lavoro della terra, della trasformazione dei prodotti e dell'allevamento, l'azienda agricola del terzo millennio non può non innovare nella ricerca e nello sviluppo ed essere pronta alla competizione e alla globalizzazione. L'azienda agricola è anche una realtà aziendale e deve quindi rispondere non solo alle logiche dell'agro-dinamica, ma anche a quelle della disciplina generale civile dell'azienda. È e rimane sempre un complesso di beni organizzati per l'esercizio dell'impresa agricola. Il codice civile tutela l'imprenditore, l'azienda, i familiari dell'imprenditore, i soci, il fondo, i creditori e la terra, ma non sempre ciò è sufficiente. L'evoluzione delle aspettative e la conciliazione degli interessi possono consigliare anche il ricorso a istituti più evoluti e flessibili. In questo contesto si inserisce perfettamente il trust che, dopo lunga esperienza e attività nel sistema anglosassone, trova riferimenti e applicazioni anche tra i nostri campi e tra le nostre aziende agricole. Il trust è lo spartiacque ideale tra il patrimonio della famiglia, dei familiari e dell'azienda agricola, proponendosi sia quale regolatore degli interessi complessivi che come anche facilitatore delle situazioni più complesse. Non è solo la famiglia Antinori a introdurre un trust fra campi e vigne. Le opportunità offerte dal trust sono varie e numerose...

L'imprenditore scugnizzo. La mia...

Lettieri Gianni
Iuppiter 2014

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
"Gianni Lettieri è ciò che in America chiamerebbero un self-made man. Un uomo che si è fatto da solo. Uno che ha cominciato da ragazzo, nel ramo commerciale in cui lavorava il padre, e con l'ingegno e anche la furbizia tipica di un napoletano, si è trasfor

Competenze culturali e...

Calvelli Adriana
Giappichelli 2013

Disponibile in 5 giorni

33,00 €
Nell'ambito delle strategie di sviluppo internazionale delle imprese, lo studio delle caratteristiche culturali del contesto in cui si intende operare, quale chiave di lettura per la gestione delle relazioni tra imprese di paesi diversi e per l'inserimento delle imprese in uno o più sistemi cognitivi di natura "globale", può diventare un valido strumento di supporto alle analisi strategiche di internazionalizzazione. La conoscenza della cultura dominante nei diversi contesti può contribuire a ridurre l'incertezza insita negli approcci a mercati non familiari e può, inoltre, aiutare a trovare le soluzioni più idonee per il superamento dei conflitti che possono generarsi nei rapporti inter-organizzativi. I manager delle multinazionali sono consci dell'importanza di acquisire una competenza culturale per il raggiungimento di migliori posizionamenti competitivi, vale a dire, di acquisire una capacità di riconoscere e combinare le diversità e di aprirsi ad esse per cercare di appropriarsi di nuove idee e di nuove conoscenze. In un'ottica di completamento degli studi sul management internazionale, il lavoro, sistematizzando i risultati di un percorso di ricerca, approfondisce il ruolo che le cultural competence hanno nei processi di internazionalizzazione delle imprese e punta alla comprensione delle culture dei diversi contesti, delle determinanti ad esse sottese e dell'impatto che le culture hanno su comportamenti, pratiche e stili di leadership delle imprese locali.

I sistemi produttivi locali....

Omiccioli M.
Carocci 2013

Disponibile in libreria  
MANUALI ECONOMIA

27,00 €
L'Italia si caratterizza tuttora, nel confronto internazionale, per la presenza di sistemi produttivi locali di piccole e medie imprese. Come stanno reagendo questi ultimi ai colpi della globalizzazione e della crisi? Il libro vuole rispondere a tale quesito esaminando le trasformazioni delle piccole e medie imprese alla luce dei mutamenti nell'organizzazione della produzione e degli scambi internazionali, dove la frammentazione globale dei processi produttivi tende a sostituire quella locale, tipica dei distretti industriali.

Le società tra professionisti....

Consiglio nazionale degli ingegneri
DEI 2013

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
La Legge di Stabilità 2012 ha aperto la possibilità di costituire società per l'esercizio delle attività professionali regolamentate nel nostro sistema ordinistico. La volontà di creare soggetti professionali in forma societaria si è, però, sempre scontrata con la necessità di evitare la "spersonalizzazione" della prestazione che, seppur svolta in forma societaria, deve essere comunque riferibile ad un professionista incaricato, ai sensi dell'art. 2232 del codice civile il quale prevede che il prestatore dell'opera debba eseguire "personalmente" l'incarico assunto. L'attività, quindi, potrà essere esercitata dalla società tra professionisti, ma la sua esecuzione dovrà essere affidata esclusivamente a un professionista abilitato. Lo scopo di questa guida è quello di dare al lettore un primo inquadramento sulla nuova normativa e su come la stessa si coniuga con le norme già in vigore sotto diversi profili (civilistici, fiscali, deontologici).

Franco Tozzi. Qualcosa abbiamo fatto

Cavallari Fabio
Itaca (Castel Bolognese) 2013

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
"Franco Tozzi. Qualcosa abbiamo fatto" narra l'avventura personale e imprenditoriale di una famiglia che ha saputo andare oltre i limiti della dimensione domestica e geografica per divenire protagonista di un contesto ben più ampio, quello della comunità degli uomini. Tradizione e innovazione, senso dei rapporti umani e approccio tecnologico. Il ruolo dell'impresa come soggettività capace di creare progresso e sviluppo, emancipazione individuale e resurrezione collettiva. Investimenti nella ricerca, scommesse nei popoli ancora oppressi dalla povertà, come viatico lungimirante per il futuro. Franco Tozzi, un imprenditore illuminato che alla stregua di un traghettatore utilizza la sua forza dinamica per condurre con sé squadra di lavoro e organizzazione, promuovendone il cambiamento e attivandone la volontà. Non semplicemente una biografia, ma un'esperienza viva, un esempio virtuoso dell'Italia che lavora."

Collaborare e competere per un...

Borgonovi E.
Il Mulino 2011

Disponibile in 3 giorni

51,00 €
Può esistere, e quali caratteristiche deve avere, un sistema economico responsabile e solidale nei confronti di un numero sempre più elevato di persone e di paesi? E quali sono i principali attori di un simile sistema? Nato dal XXXIII Convegno AIDEA - 2010, Università Bocconi - il volume affronta queste domande, di drammatico interesse dal momento in cui la crisi economico-finanziaria mondiale ha smascherato la debolezza delle teorie e politiche che postulano uno sviluppo basato sull'autoregolazione dei mercati. Di fatto, la globalizzazione ha generato un aumento della ricchezza complessiva, ma al tempo stesso una sua concentrazione: paesi tradizionalmente ricchi si impoveriscono rispetto a paesi in rapida crescita; tanti paesi restano confinati alla povertà. E analoga forbice si riproduce all'interno delle singole società. Una necessaria inversione di tendenza - con l'obiettivo di favorire un ordinato sviluppo della società e dell'economia - esige un più efficace ruolo di regolazione e controllo delle istituzioni pubbliche, una più efficiente erogazione di servizi a persone, famiglie, imprese, la valorizzazione del contributo delle istituzioni non profit, delle imprese cooperative e mutualistiche, delle imprese sociali. E che si promuovano forme di collaborazione pubblico-privato in grado di generare e distribuire ricchezza non solo economica, di diffonderla, di favorire più elevati livelli di solidarietà.

Le organizzazioni complesse....

Zan Stefano
Carocci 2011

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
I tradizionali modelli di analisi organizzativa, centrati sulle caratteristiche delle imprese private o delle burocrazie pubbliche, non consentono di cogliere appieno le specificità di quei sistemi organizzativi particolarmente complessi definiti in letteratura "sistemi a legame debole". Il libro cerca di descriverne, con un linguaggio accessibile anche ai non addetti ai lavori, le caratteristiche strutturali e comportamentali, nonché le relative logiche d'azione.

Mani bucate. A chi finiscono i...

Cobianchi Marco
Chiarelettere 2011

Disponibile in 3 giorni

15,90 €
Un fiume di soldi alle imprese e l'Italia va a picco. Perché? Questo libro entra nell'incredibile mondo delle aziende mantenute dallo Stato. Per la prima volta racconta, facendo nomi e cognomi, decine di storie di società, banche e multinazionali che hanno incassato miliardi di euro pubblici spesso senza produrre né crescita né occupazione. Fiat, Pirelli, la Saras dei Moratti e le industrie sarde (Portovesme, Vinyls, Ila, Alcoa). Ma anche giornali, radio e tv; tutto il mondo del cinema, compresi cinepanettoni e film in 3D; agricoltura e allevamento (8 milioni dei contribuenti sono serviti ai grandi marchi per farsi pubblicità), compagnie aeree, hotel e perfino skilift. Banca d'Italia e Corte dei conti sono netti: gli aiuti sono inutili. Tutti i soldi a favore del Sud hanno generato un aumento del Pil di appena lo 0,25 per cento all'anno. Poche eccellenze, molti miliardi buttati via. Eppure ogni cosa è sussidiata. Tutto quello che compriamo l'abbiamo pagato due volte, alla cassa e già prima con le tasse. Quello che gli italiani versano alle aziende è un contributo invisibile, fatto di migliaia di leggi che concedono agevolazioni fiscali, soldi a fondo perduto, garanzie sui prestiti. Con le tasse si alimentano clientele e basi elettorali. Negli ultimi dieci anni sono state avviate dall'Unione europea quasi 40.000 pratiche per aiuti italiani potenzialmente illegali. Perfino la mafia è sussidiata dallo Stato. I soldi pubblici vengono usati dalle aziende per pagare i debiti....

La corporate governance...

Fortuna F.
Il Mulino 2010

Disponibile in 3 giorni

32,00 €
La corporate governance, il governo delle corporation, le imprese societarie, è materia della più stringente attualità. È intenso, in particolare, il dibattito presso gli studiosi di economia aziendale. Questo volume offre sul tema preziosi contributi di informazione e di riflessione. Muovendo dall'esperienza italiana, il lavoro è arricchito da analisi comparativa e da riferimenti e connessioni al contesto internazionale. La ricerca è tanto più significativa nel momento in cui sulle grandi imprese si concentrano, anche nell'opinione pubblica, e nello scenario della crisi economico-finanziaria con cui il mondo sta facendo i conti, apprensioni, aspettative, interrogativi. Fra gli altri, quelli delle legioni di stakeholder, dei soggetti che a vario titolo, e fra essi i risparmiatori, sono interessati agli andamenti gestionali: i risultati di pratiche in apparenza misteriose, che una tecnocrazia di amministratori sembra svolgere in un sopramondo lontano da quello dei comuni mortali, e che tuttavia possono condurre a vicende i cui effetti si allargano a macchia d'olio nel mercato, come nei casi Enron e World-com, o - a casa nostra - Cirio e Parmalat. Questo volume, indagando quelle pratiche, nei loro aspetti tradizionali e innovativi, getta opportuna luce sul funzionamento di soggetti economici che, nell'economia di un mondo oramai globale, sono di fatto attori di primo piano.

Hard e soft intangibles di mercato....

Renoldi Angelo
EGEA 2010

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
In un contesto economico tendente alla globalizzazione, la ricerca del vantaggio competitivo fa assegnamento necessariamente sulla leva strategica degli intangibili, nei differenti ambiti che li caratterizzano, segnatamente la creazione-gestione, la misurazione dell'impatto sulla performance aziendale, la valutazione economica e, non ultima, la tutela. Il lavoro si focalizza sugli intangibili di mercato, nelle due manifestazioni hard e soft, inquadrandone i caratteri qualificanti, i criteri di valutazione economica più avanzati (quali le opzioni reali) e le metodologie di stima del danno economico da contraffazione del marchio. Il testo abbina al rigore metodologico il riferimento a talune esemplificazioni e si rivolge a studenti universitari di corsi specialistici delle Facoltà di Economia e di Giurisprudenza, a manager di imprese intangible-intensive nonché a operatori professionali in campo economico (consulenti aziendali, dottori commercialisti) e in campo giuridico (avvocati, magistrati).

Corpi del re. Condannati e condanne...

Farge Arlette
QuiEdit 2010

Disponibile in 3 giorni

9,40 €
Ladri, truffatori, mendicanti, soldati, violenti, assassini, disertori, banditi, bestemmiatori, uomini e donne: una rappresentazione sintetica e appassionante di una città in ebollizione, violenta, pronta a esplodere, incline alla rissa come alle manifestazioni di gioia. Su tutto questo, l'ombra di un potere che celebra la forza monarchica attraverso l'orrore del supplizio, che colpisce corpi, imprigionandoli e straziandoli. Una guida inconsueta fra caffè, taverne, piazze, mercati, sagrati della Parigi dell'età dei Lumi, e insieme una riflessione sul diritto moderno, le pratiche giuridiche, il percorso storico della giustizia.

Proprietà e governo delle grandi...

Profumo Giorgia
Giappichelli 2008

Disponibile in 5 giorni

19,00 €
Il presente volume affronta il complesso tema dei rapporti tra proprietà del capitale apportato nelle imprese e titolarità del potere di controllo. In particolare, sono state approfondite le relazioni tra le diverse articolazioni degli assetti di governo adottate dalle grandi imprese e le condizioni di competitività e sviluppo delle imprese stesse, cogliendole nei loro aspetti evolutivi, al fine di giungere a valutare le specificità del caso italiano. Le grandi imprese italiane costituiscono, in questo senso, un contesto di analisi privilegiato. Il tradizionale sistema di governo di tali imprese, basato su un'elevata concentrazione proprietaria e su un modello di finanziamento incentrato sul sistema bancario, è attualmente in fase di evoluzione, dopo che i processi di globalizzazione dei mercati e di progressiva apertura dei mercati dei capitali ne hanno fatto emergere i limiti connessi, in particolare, alla scarsa crescita dimensionale delle imprese e alla tendenziale rigidità nei trasferimenti di controllo. Il lavoro analizza, quindi, l'evoluzione degli assetti proprietari e di controllo delle grandi imprese italiane, a partire dall'introduzione delle nuove normative a tutela degli investitori di minoranza, al fine di comprendere se nel tempo siano emerse nuove forme di governo in grado di sostenere meglio lo sviluppo e la competitività delle imprese.

Cultura politica e piccola impresa...

Bordandini Paola
Bonanno 2006

Disponibile in 5 giorni

22,00 €
In che maniera viene socialmente visto il legame tra politica e piccola impresa? Quali sono le politiche che gli imprenditori richiedono alla classe dirigente? Qual è la reale cultura politica della piccola imprenditoria italiana? A queste ed altre domande cerca di rispondere il libro di Paola Bordandini, attraverso un'indagine all'interno della struttura della piccola impresa italiana.

L'impresa. Sistemi di governo,...

Azzone Giovanni
Etas

Non disponibile

31,00 €
L'impresa, la sua strutturazione, la sua organizzazione è oggetto in questo volume di una lettura a largo spettro. L'impostazione è quella tipica della Scuola di Ingegneria Gestionale: attenta agli aspetti dinamici e alla complessità e orientata all'uso di

Architettura di business. L'asso...

Pandolfi Luca
Youcanprint 2019

Non disponibile

16,90 €
L'architettura del tuo business è la migliore risorsa esistente. Ed è a tua disposizione fin da subito. Puoi lavoraci immediatamente, applicando i pratici consigli che trovi in questo libro. L'architettura di business è il tuo asso nella manica per non fallire. Fanne il tuo alleato migliore e, allo stesso tempo, la tua arma più potente contro i tuoi concorrenti. Crea un'organizzazione aziendale adattiva, allo scopo di: palesare il tuo posizionamento sul mercato; aumentare la tua leadership; conquistare sempre più quote di mercato; accaparrarti poco alla volta tutti i clienti più importanti dei tuoi concorrenti. Lavora senza sosta sul tuo modello di business per migliorare e ottimizzare tutte le procedure interne all'azienda. Sfrutta al massimo tutte le risorse a tua disposizione, rimuovendo per sempre tutto ciò che è inefficace e improduttivo e che crea soltanto problemi, come i blocchi dei flussi operativi che tengono la tua azienda per il collo, impedendole di crescere e fare quel grande salto di qualità che tanto desideri compiere.

Le SPAC in Italia. Stato di un...

Gigante
EGEA 2019

Non disponibile

15,00 €
La «SPAC», acronimo di Special Purpose Acquisition Company, è un veicolo di investimento quotato, la cui raccolta sul mercato dei capitali è destinata ad una o più operazioni di investimento/integrazione in aziende «target» (la "business combination"), entro un termine prestabilito, generalmente compreso fra 18 e 24 mesi. Dal 2011 al 2018 le SPAC hanno contribuito positivamente allo sviluppo dei mercati finanziari italiani, concorrendo a sviluppare una cultura finanziaria più evoluta e moderna. Al 2018 sono state quotate 28 SPAC, per una raccolta complessiva superiore a 3,8 miliardi di Euro, e 17 di queste hanno completato la business combination. Il 2017 è stato l'anno di maggior diffusione in Italia con 10 SPAC ammesse alla quotazione e più di 1,7 miliardi di Euro raccolti, complici fra l'altro l'elevata liquidità a disposizione degli investitori istituzionali e un più favorevole contesto normativo per lo sviluppo del mercato dei capitali. Questa monografia si propone di fornire un quadro di sintesi delle principali caratteristiche che connotano il modello di investimento delle SPAC in Italia, sul piano tanto economico-finanziario quanto giuridico, al fine di giungere ad una valutazione complessiva, per quanto necessariamente provvisoria, di un fenomeno estremamente rilevante per le imprese italiane alla ricerca di capitali. L'analisi viene condotta anche nel confronto con alcuni modelli di investimento alternativi, in particolare la partecipazione in fondi di investimento di private equity.

L'Italia al contrario

Basile Felice
Gruppo Albatros Il Filo 2019

Non disponibile

16,50 €
Questo libro, opera prima di Felice Basile, è il racconto della sua vicenda imprenditoriale, coincisa con uno dei momenti economicamente più difficili per il nostro paese e conclusasi con una vendita all'asta del suo patrimonio.

Oltre la responsabilità sociale di...

Padova University Press 2019

Non disponibile

30,00 €
Mettere i territori (al plurale) al centro della responsabilità sociale per lo sviluppo è una scelta importante, che ha il senso di orientare tutti gli attori dello sviluppo verso un'assunzione di responsabilità. Significa insomma considerare non solo le singole imprese, i singoli attori, ma soprattutto le interazioni e le relazioni che legano le imprese e gli altri attori strategici alle dinamiche di sviluppo del territorio: dall'ente locale e regionale, alle associazioni di rappresentanza degli interessi; dalle banche, alle Università. Significa insomma andare oltre i vecchi schemi "compensativi" della Corporate Social Responsability (CSR) e cogliere soprattutto il sistema di relazioni che lega l'impresa al contesto territoriale di riferimento. La chiave di lettura e di analisi dovrebbe spostarsi allora dalla CSR della singola impresa, alle dinamiche in grado di generare valori condivisi, coniugando la responsabilità sociale con l'innovazione sociale e la sostenibilità dello sviluppo entro un dato territorio.

Guidare le imprese sull'onda della...

Marsilio

Non disponibile

17,00 €
Il volume raccoglie i contributi di vari docenti di CUOA Business School che riflettono su come imprenditori e manager possano navigare nella complessità competitiva e condurre in porto le navi delle loro imprese. Gli autori affrontano l'evoluzione dei modelli di business e manageriali secondo tre direttrici: strategica, tecnologica e organizzativo-gestionale. L'obiettivo è rispondere in modo efficiente ed efficace a contesti competitivi che mutano in modo sempre più rapido, turbolento, confuso e imprevedibile, ambienti indicati spesso in letteratura con il termine VUCA (Volatile, Uncertain, Complex, Ambiguous). Le onde della complessità che le imprese devono affrontare sono molteplici, dalla globalizzazione alla digitalizzazione, dal networking al worldmaking. Bisogna saper intercettare le onde che alimentano la transizione e sfruttare la loro energia, come fanno i surfisti che si mettono sulla cresta dell'onda. A monte dell'onda c'è troppo ordine (morte per fossilizzazione), a valle dell'onda c'è troppo disordine (morte per disintegrazione), sulla cresta dell'onda c'è il punto di massima energia (l'area della vita intermedia tra ordine e disordine). Per scivolare sulle onde del cambiamento, la sfida per le organizzazioni è rimanere sul punto di massima energia, tra ordine e disordine, all'orlo del caos, nella zona della distruzione creatrice, nella regione dell'innovazione, nell'area della complessità della vita.

Cambia vita con la tua V.I.T.A....

Iovino Caterina
Mind Edizioni 2018

Non disponibile

11,90 €
Spesso la quotidianità, il lavoro e gli eventi inaspettati della vita ti costringono in un percorso che sembra obbligato e dal quale non riesci più a svincolarti. Ti senti in gabbia e nulla di ciò che vivi ti rappresenta davvero. Eppure hai in te stesso il potere di cambiare vita: impara a valorizzarti, a individuare i tuoi mezzi, a trasformare quello che non ti serve più e ad agire consapevolmente per realizzare i tuoi sogni! Il percorso V.I.T.A. (Valorizza -Individua - Trasforma - Agisci) è uno strumento di coaching ideato dall'autrice che. attraverso quattro fasi ben precise, ti guiderà nel cambiamento che desideri per te stesso e per la tua vita. Piccoli passi necessari che partono dall'attenzione e dalla consapevolezza verso la tua vera identità: imparare a conoscere chi sei, quali sono i tuoi valori e quale prezioso bagaglio di esperienze porti con te da quando sei al mondo è fondamentale per poter lavorare sulla tua trasformazione. Realizzarsi o realizzare un sogno significa proprio questo: organizzare le idee e pianificare tutte le azioni necessarie a renderlo reale e concreto, avendo ben presente una visione d'insieme precisa e dettagliata. Fai a te stesso le giuste domande e scopri i mezzi con cui puoi soddisfare i tuoi veri bisogni. Liberati dalle convinzioni e dagli schemi mentali che ti bloccano e ostacolano il tuo agire. Mantieni lo sguardo fisso sull'obiettivo e agisci di conseguenza. Non rimandare la tua felicità e permettiti di vivere al meglio la tua vita!

La dimensione intangibile della...

Papa Armando
Eurilink 2018

Non disponibile

20,00 €
Il presente volume fonda le proprie radici nella branca della letteratura manageriale concentrata sui sistemi di governance in Italia, stabilito che sia difficile convogliare gli studiosi (sia in accademia che in management) verso un itinerario di path-dependence poiché diverse sono le criticità e divergenti sono gli approcci. Il presupposto di quest'impostazione, se vogliamo, annunciava una dimensione "patologica" della corporate governance, poiché presagiva rapporti basati sulla fonda (arm's lenght), sul potere contrattuale, sui conflitti e sull'ostilità che dedicavano scarsa attenzione al molo della famiglia come meccanismo endemico di funzionamento del sistema impresa. Di fatto, non sempre nelle realtà imprenditoriali, soprattutto quelle complesse come i family business questo accade: anzi, spesso, il simbiotismo e la collaborazione tra chi gestisce e chi controlla sono alla base di un'efficiente gestione dell'organizzazbne. Parallelamente, gli studiosi di management convinti hanno sottolineato la necessità che l'azione di governo aziendale prendesse in considerazione altri elementi dell'impresa, ascrivibili alla natura più squisitamente intangibile della stessa, quali: la reputazione, l'immagine, l'organizzazione, il brand, i processi produttivi, il territorio. Tutti questi elementi sono attribuibili non più alla sola dimensione capitalistica della governance bensì ad una emozionale, la quale coinvolge un parterre di portatori di interesse ben più ampio, in primis la famiglia di controllo che diventa il punto di congiunzione al rapporto biunivoco con l'ambiente estemo. Attraverso un'analisi a due livelli della letteratura derivante dagli studi sociali e manageriali (Hirschman, 1970; Roethlsberger, 1977; Potter & McKibbin, 1988; Leavitt, 1989; Mintzeberg & Gosling, 2002; Pfeffer & Fong, 2002; Donaldson, 2002), viene esaminato l'impianto di governo dell'impresa familiare enfatizzandone una nuova modularità che richiama i contenuti di proprietà emotiva ed affettiva che coinvolgono la sopravvivenza dell'azienda nel lungo periodo. Richiamando la teoria della complessità sistemica (Golinelli & Gatti, 2001; Maggioni, 2007; Dezi, 2010), il ruolo di governo e di gestione aziendale in carico alla famiglia di controllo (Le. la governance) si prospetta come uno dei fattori intangibili più influenti sulle strategie e le performance dell'impresa. La novità di questa prospettiva interpretativa, rispetto agli studi prevalenti sulla tematica, deriva dalle numerose domande di ricerca che emergono quando si analizzano i meccanismi di gestione dell'impresa, nel dialogo tra organo di governo e struttura operativa e nell'interpretazione cognitiva della performance. Il modello alla base del presente studio supporta la tendenza a dover riconsiderare la gestione ed il governo dell'impresa, non soltanto in funzione di elementi "hard" legate alla performance quanto l'introduzione di elementi di intangibilità: quali l'emozionalità ed il clima aziendale da parte del manager-imprenditore di script cognitivi che favoriscano il processi di successione familiare negli assetti proprietari dell'impresa, la cui combinazione tacita e nascosta con la sua proprietà racchiude le vere fonti del vantaggio competitivo, quindi della performance di lungo periodo del family business.

Networks, knowledge and complexity....

Dagnino G. Battista
Giappichelli 2018

Non disponibile

31,00 €
Il volume "Network, knowledge and complexity. An inquiry into the architectural dynamics of strategic networks" è una monografia scientifica che sintetizza l'attività di ricerca dei tre autori finalizzata a indagare le dinamiche sottese alla formazione e allo sviluppo dei network strategici tra imprese e della loro architettura connettiva multilivello. Nel volume viene elaborato e applicato un framework concettuale, interdisciplinare e multilivello, che chiarisce il funzionamento e le dinamiche dei network strategici e il potenziale di creazione di valore ad essi associato. Nonché, esplicita i driver (interni ed esterni, deliberati ed emergenti) che guidano tali dinamiche. Il volume "Network, knowledge and complexity. An inquiry into the architectural dynamics of strategic networks", scritto in lingua inglese, è principalmente rivolto agli studiosi di economia e gestione delle imprese. Tuttavia, si ritiene che esso possa supportare le decisioni di governo dei manager le cui imprese operano nell'ambito di network strategici.

Le startup innovative in Italia....

Matricano Diego
Giappichelli 2018

Non disponibile

22,00 €
Partendo della Legge n. 221 del 18 dicembre 2012 che, per la prima volta, disciplina le startup innovative in Italia, il volume intitolato "Le startup innovative in Italia. Gli aspetti manageriali e il loro impatto sulla performance" rilegge in modo critico alcuni requisiti richiesti dal governo affinché una startup possa essere definita tale. Questi riguardano il sostenere una determinata spesa in R&S, l'assumere una certa percentuale di addetti alla ricerca e l'essere titolare o licenziataria di un brevetto. Attraverso l'analisi dei dati diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico sono state ricostruite le performance - non sempre soddisfacenti - che le startup innovative hanno conseguito in Italia. Alla luce di ciò, il volume "Le startup innovative in Italia. Gli aspetti manageriali e il loro impatto sulla performance" invita i policy makers, gli studiosi e gli esperti del settore a valutare e proporre misure capaci di migliorare la performance delle startup innovative in Italia.

Il passaggio generazionale: da...

Amici
Franco Angeli 2018

Non disponibile

30,00 €
Il volume, frutto dell'attività di ricerca sostenuta dal Centro Studi Nazionale Cinzia Dabrassi in collaborazione con l'Associazione Industriale Bresciana, la Macro Area Territoriale "Brescia e Nord Est" di UBI Banca e la Fondazione EULO, affronta il passaggio generazionale nelle imprese familiari. Il tema, pur oggetto da tempo di numerosi contributi e di un vivace dibattito nella letteratura economica ed aziendale, resta un momento della vita di un'impresa connotato da elementi di forte discontinuità e di grande incertezza, specie per la sua gestione e per gli effetti sull'operatività organizzativa. Le dinamiche emozionali ad esso connesse hanno ripercussioni ancor più evidenti sulle imprese familiari, dove la commistione tra elementi familistici e necessità imprenditoriali può talvolta essere di impedimento alla serena impostazione di strategie di lungo termine, alla risoluzione di eventuali conflitti e alla positiva ricomposizione delle divergenze. Il volume, nei suoi tre capitoli, oltre a dar spazio ad un'ampia e articolata ricognizione della tematica, offre un interessante contributo specifico su alcuni casi di successo dell'imprenditoria bresciana. Nel primo contributo, Paolo Prandi e Giovanna Morelli, dopo un'analisi critica delle peculiarità dell'impresa familiare nel contesto italiano ed europeo, approfondiscono la rischiosità connessa al ricambio generazionale per la continuità operativa dell'impresa. Oltre ad offrire una cornice di riferimento anche metodologico dell'intero processo, ne evidenziano le particolarità rispetto all'orientamento dei più diffusi codici di autodisciplina adottati in Italia, utili quale guida nei processi di crescita e di maturazione della governance aziendale. Nel secondo, Massimo Lodi individua nel trust un possibile moderno strumento tecnico per affrontare la prima fase del passaggio generazionale: il trasferimento di proprietà dei pacchetti azionari. Nel terzo, Aldo Amici presenta le testimonianze raccolte presso alcuni imprenditori bresciani "trasmettitori" e "continuatori" che stanno avviando o hanno completato con successo il processo di ricambio generazionale, al fine di riportare la loro "sensibilità" al tema, cogliere e tradurre a sistema le metodologie utilizzate, condividere la bontà delle loro scelte. In sintesi, i risultati dei singoli contributi mostrano come il passaggio generazionale non sia ad oggi per le imprese familiari, al di là della loro dimensione, una scelta facile, scevra da incertezze e dinamiche emozionali. Si tratta piuttosto di un progetto che va meditato nel tempo, che non ammette margini di errore per il bene dell'impresa. Molte imprese bresciane lo hanno compreso e si stanno organizzando.

La società di mutuo soccorso....

Aracne 2018

Non disponibile

9,00 €
Lo studio approfondisce il profilo economico-aziendale della società di mutuo soccorso quale specifica tipologia di ente del terzo settore. Si tratta di una realtà poco conosciuta che nei prossimi anni dovrà affrontare le sfide più impegnative per il proprio sviluppo e forse anche per la propria sopravvivenza, almeno nella sua formulazione originaria. Il percorso di analisi trova ispirazione nella concezione sistemica dell'azienda, con l'auspicio che una più approfondita e diffusa conoscenza delle dinamiche aziendali che caratterizzano la mutualità possa contribuire al superamento dei suoi punti di fragilità e all'innesco di un circolo virtuoso di crescita.

Trasparenza nelle società...

Gitto Antonio
Franco Angeli 2018

Non disponibile

30,00 €
Il presente volume evidenzia come i più recenti provvedimenti emessi (dal legislatore, dal Ministero per la pubblica amministrazione e la semplificazione e dall'ANAC) in materia di trasparenza ampliano il campo di applicazione soggettivo ed oggettivo delle disposizioni previste dal D. Lgs. 33/2013, ritenendo che le società pubbliche debbano soggiacere "all'applicazione totale delle regole di trasparenza", innestando quindi regole pubblicistiche in aziende organizzate in modo assai diverso rispetto alle amministrazioni pubbliche. Tuttavia, dal punto di vista aziendalistico, soprattutto nel settore delle public utility, adeguati meccanismi di accountability (esterna ed interna) possono favorire una migliore allocazione delle risorse, con conseguente miglioramento dell'efficienza. Inoltre, la cultura della legalità e l'etica diventano patrimonio aziendale, contribuendo a migliorare l'ambiente nel quale l'azienda opera. Infine, il sistema di regole ed i modelli organizzativi connessi, introdotti per specifici controlli, divengono, ove debitamente correlati e integrati, strumenti di miglioramento delle performance aziendali.

Come avviare una frutteria. Drink...

Incubatore Creaimpresa 2018

Non disponibile

39,00 €
Già diffuse all'estero, le frutterie stanno cominciando ad affermarsi con successo anche da noi. Un'innovativa formula di locale che va incontro alle crescenti richieste di mangiar sano e che propone un'ampia gamma di bevande e spuntini a base di frutta e verdura, anche biologici, frappè, succhi, centrifugati... Da consumare in loco, per una pausa veloce e stuzzicante, ma anche per il take away. I ricarichi applicabili sui preparati sono elevati e i risultati economici potenzialmente interessanti, tanto più se ci si affida ad una gestione familiare. Il kit Start up (guida-business plan + cd-rom) consente di non perdere tempo e di non commettere errori. Il kit contiene tutte le informazioni per progettare, valutare, realizzare e lanciare con successo l'attività: i prodotti/servizi che si possono offrire, come trovare i clienti, come organizzare l'attività, ecc. Il cd contiene un foglio di calcolo per analizzare investimenti, ricavi e costi e prevedere quanto si può guadagnare, tutti gli adempimenti necessari, contributi a fondo perduto e altre agevolazioni, legislazione, forme giuridiche possibili, oltre a molte foto sull'attività.

L'impegno sociale delle aziende in...

Orsi R.
Osservatorio Socialis 2018

Non disponibile

30,50 €
Il volume pubblica i dati sul fenomeno della CSR (Corporate Social Responsibility) e l'impegno delle imprese sui terreni sociali e della sostenibilità ambientale. Vengono rappresentati il volume degli investimenti, i criteri di sceltale previsioni per il futuro, e i trend collegati allo sviluppo dell'economia e del businness. La statistica viene realizzata su un campione rappresentativo di aziende italiane con più di 80/100 dipendenti.

Crescita e controllo del Retail tra...

Fanizzi Angelo
Edizioni Dal Sud 2018

Non disponibile

12,00 €
Nel 2008 è cominciato un periodo molto complicato per tutti gli operatori economici. Molti hanno parlato, parlano e continueranno a parlare di crisi. In questo libro e in questa collana, invece, si intende far riferimento a un contesto competitivo complesso. Esistono operatori economici in tutte le parti del mondo che hanno creato la loro fortuna proprio operando in contesti di questo tipo. La letteratura ne è piena. Certamente, per poter crescere e sviluppare un'azienda di qualsiasi tipo in un contesto come quello di questi anni, occorre avere a disposizione i migliori strumenti che possano permettere agli stessi operatori economici di navigare con sicurezza in questo mare tempestoso. Il testo è diviso in due parti per agevolarne la lettura: la prima sullo Sviluppo commerciale e il marketing del punto vendita e la seconda sull'Analisi dei numeri per la gestione del punto vendita. Gli autori credono fortemente nell'idea che questi aspetti siano due facce della stessa medaglia: la crescita del Retail.