Industrie per la produzione dell’energia elettrica

Active filters

Nel 2018 avrebbe compiuto...

Del Togno Rinaldo Luigi
Solidago

Non disponibile

30,00 €
L'autore descrive, nel campo delle misure dell'energia elettrica, la quasi centenaria attività del Laboratorio Contatori di Borgomanero, nato nel 1928 in seno alla società Dinamo. Inizia raccontando il contenuto specialistico delle sue attività in modo quanto più possibile semplice e, nel contempo, cercando di far risaltare i fatti, i personaggi e l'umanità varia che hanno caratterizzato i periodi della sua esistenza. E il racconto si sviluppa a cerchi concentrici toccando una infinità di altri aspetti anedottici e curiosi.

La luce residua delle stelle....

Maggioli Editore

Disponibile in libreria in 5 giorni

28,00 €
Una storia, tante storie. Quella del più grande Gruppo indipendente nella produzione di alternatori; quella di un ragazzo di vent'anni al comando dell'azienda di famiglia; quella di un uomo con mezzo secolo d'ininterrotta vita imprenditoriale alle spalle. Mario Carraro, il fondatore, concepì la vita come un grande gioco di squadra da condurre con una buona dose di lealtà, altruismo e coraggio. Fascino personale, velocità e conoscenze tecniche anche, così che a dispetto della miseria del dopoguerra diede forma, dal nulla, ad una delle più innovative imprese elettromeccaniche del Paese. Appartenne al tempo che visse e a nessuno in particolare, perché se mai si appartiene a qualcosa o qualcuno durante l'esistenza questo fu per lui, prima dell'età matura, lo strazio della prigionia in Germania e il riscatto da una condizione che urlava alla coscienza come avremmo dovuto essere. Lo tradì la passione per il volo e la nebbia che gli si parò davanti sui cieli della Toscana: proprio lui a cui la morte aveva già concesso un "tempo supplementare" quando il suo aereo fu abbattuto durante la guerra tra le nuvole delle coste libiche! Diego, il figlio, trasformò l'azienda in uno dei più importanti gruppi industriali d'Italia, facendone guadagno nella reputazione e perdita negli "anni passeggeri della giovinezza". Lo convinse al ruolo imprenditoriale il desiderio di perpetuare l'azione del padre e il sogno di "lasciare questo mondo un po' migliore di come l'aveva trovato" perché sempre, come Frost nel bosco, prese le strade meno battute e con esse il vantaggio della differenza. Ogni "fatto pubblico" s'intreccia nel libro al passato privato che Diego svela con la virtù della mente saggia, da cui emerge il dispiacere per un mondo che non riconosce agli altri di esser bravi e primi; proprio lui che la volontà d'essere artefice del cambiamento l'ha proiettata sul futuro e sulle azioni dei figli Mario e Paolo. Quasi che dal fondatore continuasse a giungere un soffio vitale a guidare il cammino dei successori: al modo della luce residua di una stella quando si estende nell'universo ad illuminare la notte.

Maledette bollette

Cristiano Francesco
Blu Synergy

Non disponibile

17,00 €
Le 7 strategie segrete riservate agli addetti ai lavori, che non vogliono farti scoprire, per abbattere i costi di luce e gas della tua Azienda dal 10 al 38%. (Anche se non sai leggere una bolletta, non ti fidi più di nessuno e non vuoi cambiare Fornitore).

Il mago dei mix

Finzi Beatrice
Autopubblicato

Non disponibile

47,00 €
Quanti anni di storia - e di vita - ci sono dietro a un lamierino? Lagor ha aperto i battenti nel 1971, ma di fatto la sua storia affonda le radici molto più in là: negli anni dell'immediato dopoguerra e in una scommessa sul futuro vinta grazie alla capacità di marciare sempre al passo con i tempi. La storia della Lagor scorre sul filo - intricato, denso di colpi di scena - della storia del nostro paese... ed è anche la storia di una famiglia. È la vèrve inventiva di Giorgio Finzi, il "mago dei mix" che ha saputo approfondire la conoscenza della materia prima con il rigore di uno scienziato e la magia di un alchimista... ed è la passione di sua figlia Beatrice, la scommessa (giocata sul filo del rasoio) di traghettare l'azienda oltre la crisi puntando in toto sulla qualità della produzione e su una conoscenza della materia prima che oggi rappresenta il vero cavallo vincente dell'azienda. Ecco perché la storia della Lagor è anche un paradigma: un modello da cui prendere esempio per imbastire strategie nell'ambito di un mercato che è cambiato e continua a cambiare. E per capire come tutto (persino la crisi!) può essere trasformato in volano di crescita.

Concessioni idroelettriche....

Masera Rodolfo
ETS

Disponibile in libreria in 10 giorni

21,00 €
Il comparto idroelettrico ha rivestito un ruolo strategico per il progresso industriale e lo sviluppo sociale nel nostro Paese, avviato alla sua rapida modernizzazione grazie alla prima legislazione di settore risalente all'inizio del secolo scorso. La concessione di grande derivazione a scopo idroelettrico ha rappresentato un importante strumento in tale processo. Dalla legislazione in materia emergono le finalità perseguite, dapprima di sviluppo dell'industria idroelettrica e, poi, di programmazione del settore elettrico nell'interesse della collettività. Lo studio, tramite l'analisi della più recente normativa sulla grande derivazione a fini idroelettrici, conseguente alla liberalizzazione del mercato elettrico, si propone di indagare le linee evolutive della materia, nella quale posizione centrale è, nella fase attuale, occupata dalla procedura di gara per l'assegnazione delle concessioni idroelettriche. Vengono così approfondite le implicazioni delle scelte legislative sui criteri di selezione del concessionario, le quali esprimono precise indicazioni in ordine agli obiettivi oggi prefissati con l'esercizio delle derivazioni a fini idroelettrici. La particolare attenzione rivolta dal legislatore all'interesse del cliente finale alla riduzione del prezzo dell'energia elettrica rappresenta, dunque, un ulteriore momento di passaggio nella suindicata evoluzione. E induce a interrogarsi sul regime della proprietà dei beni strumentali all'esercizio della derivazione, anch'essi destinati, come la risorsa idrica, alla produzione di energia; ciò nel contesto del più ampio dibattito riguardante le ragioni dell'appartenenza pubblica di beni suscettibili di utilizzo a scopo produttivo nell'interesse della collettività. Le riflessioni finali che l'indagine sulla legislazione di settore esaminata consente di svolgere si inseriscono in uno sfondo connotato dagli interrogativi sul ruolo dello Stato (e sulla riemersione di inclinazioni interventiste per effetto della crisi finanziaria dell'ultimo decennio), nonché sulla posizione del cittadino, nella veste di cliente finale dell'energia elettrica.

ASM 50 anni al servizio della città...

Thyrus

Non disponibile

15,00 €
Quella dell'ASM è stata una storia lunga cinquant'anni, una storia che l'ha vista nascere come azienda municipalizzata e arrivare oggi a società per azioni. Tale percorso si è caratterizzato per il susseguirsi di cambiamenti in parte legate alle mutate condizioni di contesto e in parte a scelte operate dall'Azienda stessa. Questa pubblicazione rappresenta una sguardo sul passato di un'Azienda che ha fatto del dialogo ininterrotto con i cittadini la sua forza, e che affronta le sfide del presente con lo stesso laborioso entusiasmo degli operai e degli amministratori dal 1961. Solo fermando lo sguardo sulla propria memoria si può considerare il presente non come un punto di arrivo, ma come un nuovo punto di partenza.

Enrico Mattei. L'uomo della rinascita

Bovo Filippo
Anteo (Cavriago)

Non disponibile

12,00 €
Probabilmente Enrico Mattei è stato uno degli ultimi patrioti che l'Italia abbia avuto. Partito da umili origini, ha creato dapprima una piccola ma solida impresa personale, quindi ha partecipato alla Resistenza e nel Dopoguerra ha salvato dalla liquidazione l'AGIP, imponendola come grande realtà energetica non soltanto a livello nazionale ma anche internazionale, proiettandola verso il varo dell'ENI, l'Ente Nazionale Idrocarburi. Alla testa dell'ENI ha messo in discussione gli interessi consolidati delle "Sette Sorelle" e soprattutto gli equilibri geopolitici mondiali, grazie alla sua mentalità pratica e priva di paraocchi ideologici, che lo portava anche a fremere di sdegno di fronte ai soprusi e alle ingiustizie del colonialismo economico. Con lui, nell'attentato di Bascapè del 1962, è morto soprattutto un uomo giusto, un eroe dei nostri giorni, il cui messaggio ed esempio, tanto per i giovani quanto per i meno giovani, è più valido che mai.

Smart grid. Strategia per le...

De Santoli Livio
Editoriale Delfino

Non disponibile

28,00 €
Il futuro in campo energetico si basa su una programmazione a medio-lungo termine che promuova l'uso intelligente delle nuove tecnologie e la consapevolezza e la responsabilità delle istituzioni e degli individui. Questa programmazione deve, tra l'altro, dettare le forme di una transizione verso un modello diverso, che affronti in modo innovativo l'interazione tra consumi e produzioni e che permetta una coerente penetrazione delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica nel tessuto industriale, civile e dei trasporti. Cambiare il modello energetico significa cambiare la società, perché si definisce un ruolo nuovo per l'individuo, positivamente e volontariamente portato a un atteggiamento più consapevole e attivo sia come consumatore (smart users), sia come produttore (prosumers). Il testo affronta il tema delle Comunità dell'Energia dal punto della loro realizzazione con una certezza di fondo: le tecnologie esistono e possono essere implementate subito. Quello che manca è una strategia a medio e lungo termine capace di costruire una road-map per la transizione. I contributi del testo propongono uno scenario tecnico per un modello di decarbonizzazione dell'energia, le tecnologie e la regolamentazione, le valutazioni tecnico-economiche, l'innovazione delle reti elettriche. In questa rassegna sono stati coinvolti i principali attori tecnico-scientifici italiani: le Università, il MiSE, RSE, l'ENEA, l'ENSIEL.

Introduzione alla economia e...

Gilardoni A.
Agici Publishing

Non disponibile

28,00 €
Questo lavoro - aggiornato al febbraio 2014 - offre una visione complessiva del settore dei servizi pubblici. I comparti su cui si focalizza il testo sono cinque: l'ambiente, l'idrico, il gas, l'elettricità e, anche se in misura limitata, i trasporti pubblici locali; settori di grande rilievo per le implicazioni sociali, economiche, competitive e di sviluppo del paese. La prospettiva di analisi è economico-gestionale. I temi trattati sono molti: vanno dall'analisi delle filiere produttive nei comparti indicati, all'evidenziazione delle strategie seguite dalle imprese nazionali ed internazionali; dagli aspetti di finanziamento delle infrastrutture e degli impianti produttivi, alle principali questioni di marketing e di comunicazione. Attenzione è anche dedicata al tema della regolazione, che assume rilevanza centrale non solo per l'impatto sul fatturato e sui costi ma anche perché determina le scelte tecnologiche e di investimento. Infine, si discutono alcuni aspetti essenziali di governance che devono coniugare logiche privatistiche e vincoli ed obiettivi dettati dalle esigenze di pubblico servizio.

La centrale idroelettrica di Caolo....

Petrocelli Vincenzo
Il Giardino di Azimonti

Non disponibile

15,00 €
Il presente lavoro racconta le vicende storiche della centrale idroelettrica Caolo di Tramutola, in Basilicata, paese famoso soprattutto per i ritrovamenti di petrolio registratisi agli inizi del secolo scorso. Attraverso documenti d'archivio e fotografie d'epoca, risultato di un'appassionata ricerca svolta presso archivi pubblici e privati, il presente lavoro offre un percorso di ricerca sulle fondamentali trasformazioni avvenute nella storia dell'industria idroelettrica locale, iniziata nei primi decenni del Novecento. L'acqua è stata, forse, la prima fonte energetica rinnovabile usata dagli esseri umani; è da millenni, infatti, che l'energia idraulica contribuisce ad alleviare la fatica dell'umanità. Tessiture, filature, mulini, segherie hanno sempre trovato la loro ubicazione lungo i fiumi e verso la fine dell'800 la forza dell'acqua in caduta venne usata per produrre l'energia idroelettrica. Negli anni venti, una nuova fonte di energia rinnovabile venne valorizzata in Val d'Agri, con la realizzazione della Centrale Caolo. Qualche anno più tardi, però, in zona si puntò molto sull'estrazione petrolifera.

Il mercato elettrico italiano

Zorzoli G. Battista
Barbera

Non disponibile

14,00 €
Dal 1° luglio 2007 anche le famiglie hanno facoltà di cambiare fornitore di energia elettrica. Apparentemente, si tratta dell'ultimo atto di un processo di liberalizzazione che ha trasformato il sistema elettrico italiano da un monopolio esercitato attraverso un ente pubblico integrato a un mercato aperto a più operatori. Consumatori elettrici dunque non più utenti, ma clienti, con possibilità di scelta tra differenti prodotti e società fornitrici. Tuttavia molte questioni restano aperte: dalla reale competitività di un mercato con operatori ancora in posizione dominante, ai rischi legati alla struttura italiana del sistema di approvvigionamento di combustibili. Il saggio di Zorzoli ripercorre la storia del settore elettrico nazionale, descrive il recente processo di liberalizzazione ed entra nei meccanismi normativi in rapida evoluzione. Un contributo alla comprensione della questione energetica italiana e un utile supporto per chi voglia approfondire le opportunità del nuovo mercato liberalizzato.

Il business dell'efficienza...

Di Palma Diego
Franco Muzzio Editore

Non disponibile

20,00 €
La promozione del risparmio energetico di elettricità e gas attraverso la diffusione di tecnologie più efficienti è stata introdotta in Italia come obbligo per le imprese distributrici. Questi obblighi possono essere raggiunti sia direttamente che attraverso l'acquisto di Titoli di efficienza energetica detti "certificati bianchi". La caratteristica peculiare, e per certi versi rivoluzionaria, dei "certificati bianchi" italiani rispetto ad altre esperienze è che le tipologie di progetti di efficienza energetica che possono essere riconosciuti sono in linea di principio infinite. I distributori di energia, obbligati in Italia al risparmio di quantità fissate di energia primaria, stanno superando l'iniziale scetticismo attraverso la rimodulazione di parte del loro core-business nel campo dei servizi energetici. La presenza delle ESCo - società di servizi energetici - sul mercato non è ancora capillare e diffusa ma può contare su un apparato normativo quale quello dei Decreti Ministeriali 20 luglio 2004, oltre a una radicata esperienza dalle aziende nel campo dei servizi e di un'assidua attività normativa di supporto svolta dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas. Il mercato dei "certificati bianchi" offre all'Italia un'occasione di rilancio nel campo del risparmio e dei servizi energetici, a patto che si dia continuità all'azione intrapresa da numerose istituzioni pubbliche e private, Enti di Ricerca e Università per ottimizzare ed espandere questi nuovi meccanismi

Il mercato elettrico. Dal monopolio...

Zorzoli G. Battista
Franco Muzzio Editore

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
La accresciuta sensibilità ambientale ha posto l'esigenza di un ruolo crescente delle fonti rinnovabili e ha indotto significative modifiche nelle tecnologie di generazione e di trasporto dell'energia elettrica. Un uso più razionale dell'energia elettrica si impone per motivi sia ambientali sia di riequilibrio fra domanda e offerta. Alla luce della sua evoluzione storica, il testo analizza le innovazioni, soprattutto tecnologiche, che stanno adeguando il sistema elettrico ai suoi nuovi compiti.

La questione energetica. Economia,...

Paganetto L.
Donzelli

Non disponibile

12,00 €
In questo agile e "denso" volume politici ed economisti, studiosi dell'ambiente ed esperti di relazioni internazionali - da Enrico Letta a Brunetta, da Fitoussi a Baldassarri a De Michelis - discutono le questioni essenziali connesse allo scenario energeti

Avremo l'energia dai fiumi. Storia...

De Bartolini A.
50,00 €
Lo sfruttamento dei bacini idroelettrici è un tema che da tempo la Fondazione Museo storico del Trentino segue con interesse, nell'ambito di un filone di ricerca legato alla storia del territorio, alle sue trasformazioni, al suo rapporto con la popolazione e con le comunità che lo hanno abitato. In tale quadro si inserisce la pubblicazione di quest'opera sulla storia dell'industria idroelettrica in Trentino, suddivisa in due volumi. Il primo raccoglie una miscellanea di saggi che analizza l'argomento da punti di vista differenti. Il secondo è una descrizione di tutte le grandi derivazioni idroelettriche presenti in Trentino suddivise per asta fluviale e per impianto.