Sistema legale: costi e finanziamenti

Filtri attivi

Il patrocinio a spese dello Stato....

Montinaro Daniele
Key Editore 2019

Disponibile in libreria  
DIRITTO

12,00 €
L'opera vuole essere una guida per gli operatori della Giustizia affinché lo strumento del patrocinio a spese dello Stato, oggi derivante da un complesso intricato di norme, sia di facile lettura ed accesso e, conseguentemente, possa svolgere effettivamente il ruolo sociale per il quale fu pensato in origine, e cioè dare tutela e parità di diritti ai più deboli e meno abbienti innanzi agli Organi giudicanti affinché, quantomeno l'accesso alla Giustizia sia realmente uguale per tutti.

Il patrocinio a spese dello Stato....

Bellucci Gianluca
Giappichelli 2019

Disponibile in libreria  
DIRITTO

25,00 €
L'opera tratta del patrocinio a spese dello Stato in relazione alle norme di applicazione generale e alla disciplina speciale riferita ad ogni singolo tipo di processo. Ogni aspetto, procedurale e non, dalla presentazione dell'istanza e sino alle fasi successive alla liquidazione del compenso, viene illustrato tenendo presenti i vari filoni interpretativi e identificando l'interpretazione maggiormente in uso. La trattazione non si limita al testo unico n. 115/2002, ma si estende alle norme che completano o derogano al testo unico stesso (ad esempio, in tema di extracomunitari o vittime del terrorismo). Il libro, aggiornato alla legge 1 dicembre 2018, n. 132, è rivolto agli operatori del diritto e a chi voglia comprendere la materia anche nei lati più ostici, attraverso una lettura semplice, rapida e al tempo stesso esauriente.

L'art. 238-bis t.u. Spese di...

Quarta Elena
Key Editore 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO

14,00 €
Il neo-articolo 238-bis t.u. Spese giustizia può essere definita come una norma nata sotto il segno della Corte Costituzionale. In tal senso, infatti, la constatazione che la disciplina inerente la conversione delle pene pecuniarie è stata da sempre sottoposta al vaglio della Consulta e le perplessità che suscita il neo-articolo 238-bis t.u. Spese giustizia costituiscono il leitmotiv tra il passato ed il presente. In particolare, stante l'inattivazione della procedura esecutiva decorsi inutilmente 24 mesi dalla presa in carico del ruolo, l'ufficio del concessionario incaricato della riscossione investe il PM (perchè attivi la conversione presso il M. d.S. Competente), attestando l'omessa notifica della cartella esattoriale dovuta ad una generica irreperibilità o, peggio ancora, non trasmettendo alcun atto. Ne derivano una serie di problemi che si pongono a livello di coordinamento tra la Procura e l'Ufficio di Sorveglianza, e che sovente sfociano nell'avvio di una inutile attività istruttoria presso l'Ufficio di Sorveglianza. Un nuovo intervento della Consulta, sembra essere la spada di Damocle, di Ciceroniana memoria, sullo sfortunato destino della tormentata disciplina.

Responsabilità per le spese e...

Lupano Matteo
Giappichelli 2013

Disponibile in 5 giorni

35,00 €
La materia delle spese processuali nell'ultimo decennio è stata oggetto di grande attenzione da parte del legislatore. Le riforme si sono susseguite, spaziando dalla disciplina della responsabilità aggravata a quella delle proposte conciliative, intervenendo sui presupposti per disporre la compensazione, sancendo ampi margini di irripetibilità nelle liti previdenziali ed in quelle di scarso valore economico. Da ultimo sono state soppresse le tariffe forensi ed adottati nuovi parametri per la liquidazione dei compensi, sui quali deve essere fondata anche la liquidazione delle spese. Il volume analizza, in una prospettiva comparata, la disciplina delle spese processuali e l'influenza che le regole per il loro riparto esercitano sulla condotta delle parti. La prima parte dell'opera esamina la natura della responsabilità per le spese ed il suo fondamento sistematico; si sofferma quindi sull'estensione del diritto, sul rimborso e su come essa incida sulla scelta di agire in giudizio, operando anche un raffronto con le soluzioni adottate in altri ordinamenti. La seconda parte analizza la risposta dell'ordinamento all'illecito processuale: la disciplina della responsabilità aggravata della parte ed i possibili profili di responsabilità per illecito del difensore e del terzo. Segue l'esposizione delle norme introdotte, nel nostro ed in altri paesi, per indurre la parte a comporre la lite, con particolare attenzione per quelle di natura sanzionatoria.

La rifusione delle spese legali...

Parlato Lucia
CEDAM 2018

Non disponibile  
PROCEDURA PENALE

27,00 €
A prescindere dai suoi esiti, il processo penale può generare per chi ne è il protagonista una serie di conseguenze pregiudizievoli. Le dinamiche che esso sottende originano, in certi casi, un sacrificio capace persino di snaturare le funzioni dell'accertamento, trasformandolo da strumento per l'applicazione della sanzione in elemento, esso stesso, afflittivo. Nel quadro dei "danni da attività giudiziaria" - riconducibili al noto paradigma del "processo come pena" - si inscrivono le spese sostenute dall'accusato per la propria difesa tecnica. Rese più onerose dalla durata e dalla struttura del rito penale, tali spese rimangono a carico della persona sottoposta al procedimento, anche qualora risulti innocente. Possono essere coperte, in alcune ipotesi, dagli "antagonisti" privati dell'assolto, senza che tuttavia in favore di quest'ultimo sia contemplato un intervento pubblico in chiave "riparatoria". Ne deriva una contraddizione che non può essere risolta sul piano del patrocinio a spese dello Stato, necessariamente riferito a un ambito circoscritto. Andrebbe, invece, affrontata alla luce di diversi canoni costituzionali, tra i quali spicca il principio di solidarietà. Il peso economico del processo, per molti versi inevitabile, in caso di proscioglimento dovrebbe, infatti, essere distribuito anche parzialmente sulla collettività. Una lacuna del nostro ordinamento, evidenziata negli ultimi anni da un crescente dibattito, può essere colmata traendo spunto dalle scelte normative adottate in vari Paesi, dove sono regolati strumenti di rifusione delle spese ad opera dello Stato. Il confronto con la disciplina di altri sistemi processuali, in particolare quelli tedesco e austriaco, si rivela prezioso per assumere maggiore consapevolezza del problema e prospettarne de iure condendo possibili soluzioni.

L'art. 238-bis t.u. Spese di...

Quarta Elena
Key Editore 2018

Non disponibile  
PROCEDURA PENALE

7,00 €
Il presente contributo di studio si pone in linea di continuità rispetto al precedente saggio "L'art. 238-bis T.U." Spese di giustizia: Una nuova spada di Damocle sulla disciplina inerente la procedura di conversione delle pene pecuniarie?" In particolare, l'applicazione della complessa equazione dell'art.238-bis, nella prassi degli Uffici di Procura, ha fatto emergere una vexata quaestio che si può sintetizzare in un interrogativo: qual è il pubblico ministero deputato a procedere all'attivazione della procedura inerente la richiesta di conversione? Nel corso del presente lavoro si è quindi proceduto all'analisi di varie soluzioni, provando ad enucleare la soluzione che appare preferibile.

Il procedimento di conversione...

Quarta Elena
Key Editore 2018

Non disponibile  
PROCEDURA PENALE

26,00 €
"In definitiva, l'accuratezza e l'acume con cui sono scandagliati i nodi problematici della disciplina, in un quadro sistematico attento a cogliere le implicazioni che la "trasmutazione" della pena può determinare nel percorso di risocializzazione del condannato, rendono il contributo della giovane studiosa uno strumento di comprensione per tutti coloro che a vario titolo sono chiamati ad occuparsi del delicato procedimento di riscossione e conversione delle pene pecuniarie". (Prof. Rossano Adorno- Prof.ssa Rossella Mastrototaro)

La notificazione tra conoscenza...

Lupano Matteo
Ledizioni 2018

Non disponibile

18,00 €
La notificazione è volta a provocare la conoscenza, come si evince dal suo stesso nome, derivante dal latino notum facere. Nell'istituto tuttavia - osservava Minoli in uno dei più rilevanti studi sul tema dello scorso secolo - il ruolo preponderante è svolto dal facere, dalle attività da svolgere, e non dalla notitia: l'effettivo conseguimento della conoscenza non è essenziale affinché il procedimento si perfezioni. Nel corso degli anni questa sensibilità è mutata. La tutela costituzionale accordata al diritto di difesa e l'influenza di altri modelli, in particolare quello tedesco, hanno reso più sentita la necessità che le regole della notificazione assicurino al destinatario concrete chances di apprendere il contenuto dell'atto a lui indirizzato, così da determinare per tempo il proprio comportamento.

La cooperazione internazionale in...

Marino Raffaele
Edizioni Giuridiche Simone 2017

Non disponibile

21,00 €
Con il D.Lgs. 3 ottobre 2017, n. 149 è stata approvata la Riforma del Libro XI del c.p.p. in materia di rapporti giurisdizionali con autorità straniere. Il decreto legislativo contiene modifiche alla normativa in materia di assistenza giudiziaria, in tema di cooperazione penale internazionale volta a disciplinare la raccolta delle prove. La riforma del Libro XI, oltre che per adeguare l'apparato normativo di assistenza giudiziaria a fronte di una criminalità organizzata sempre più transnazionale, costituisce una priorità anche in relazione alle significative modifiche alla disciplina dell'assistenza giudiziaria penale introdotte a livello di Unione europea, essenzialmente finalizzate all'acquisizione probatoria. L'intervento intende sia rafforzare la cooperazione giudiziaria penale all'interno dell'Unione sia regolare i rapporti con le autorità giudiziarie dei Paesi extra UE con i quali sono in vigore plurime convenzioni e accordi internazionali; i rapporti con tali Paesi andranno, infatti, regolamentati in maniera diversa rispetto a quelli con i Paesi membri dell'Unione europea. Va ribadito in questa sede il carattere sussidiario della riformata disciplina del Libro XI. Nei rapporti con i Paesi dell'Unione europea si applicano prioritariamente le norme dei Trattati (Trattato sull'Unione europea e Trattato sul funzionamento dell'Unione) e dei relativi atti normativi di attuazione nonché, se tali norme mancano o non dispongono diversamente, le convenzioni internazionali e le norme di diritto internazionale generale. Nei rapporti con Paesi che non facciano parte dell'Unione europea si applicano prioritariamente le norme delle convenzioni internazionali in vigore per lo Stato e le norme di diritto internazionale generale. Nei rapporti con Paesi diversi, manchino le norme indicate o non sia diversamente disposto, si applica il Libro XI c.p.p.

Il patrocinio a spese dello Stato

Vaccari Massimo
Giuffrè 2015

Non disponibile

18,00 €
Criteri di liquidazione del compenso del difensore dopo la riforma parametri. Presupposti per la revoca del provvedimento di ammissione. Patrocinio a spese dello Stato e mediazione. Criteri di liquidazione del compenso per CTU e CTP. Patrocinio a spese del

Analisi finanziaria e modelli di...

Panunzi Gian Matteo
Edizioni del Faro 2014

Non disponibile

13,00 €
Il nostro lavoro sui modelli di servizio per la sostenibilità economica delle cooperative della pesca nasce dalla considerazione che solo un "efficientamento" dei presidi territoriali, siano essi pubblici o privati, può aiutare il movimento della piccola pesca marittima prima alla stabilizzazione e poi alla sua crescita. I dati in nostro possesso sono più che preoccupanti, ci portano a considerare che la posta in palio è la sopravvivenza della tradizione economica e culturale più che millenaria della pesca italiana. Le politiche europee che hanno come obiettivo il sostegno integrato della tutela delle risorse biologiche con la redditività delle attività d'impresa, la salvaguardia dell'occupazione e la coesione territoriale nelle realtà costiere, fino a ora non si sono dimostrate particolarmente efficaci. Se da una parte, in quest'ultimo decennio, c'è stato un cospicuo rinnovamento delle imbarcazioni, con l'effetto di razionalizzare il sistema, dall'altra il settore della pesca marittima ha pagato un prezzo altissimo in termini di diminuzione delle imprese e degli equipaggi.

Il compenso dell'avvocato nel...

Spinzo Antonio
Maggioli Editore 2014

Non disponibile  
DIRITTO

45,00 €
L'opera, con schemi e formule, vuole essere uno strumento operativo aggiornato agli ultimi parametri forensi previsti dal DM 55/2014. Questi costituiscono, oggi, i criteri di riferimento per la determinazione e conseguente liquidazione giudiziale dei compensi in favore del difensore che abbia prestato la propria attività professionale a difesa di soggetti ammessi al patrocinio a spese dello stato e/o che nel processo penale abbia assistito l'indagato e l'imputato in qualità di difensore d'ufficio. Si propone una dettagliata disamina dei singoli articoli riguardanti il T.U. sulle spese di giustizia con richiami alle prassi giurisprudenziali e ai contrasti e difficoltà interpretative riguardanti le previgenti norme e quelle in vigore. Si è ritenuto opportuno riservare anche una più approfondita trattazione alla tematica della determinazione e liquidazione dei compensi del difensore, ed in particolare ai risvolti altrettanto problematici sotto il profilo interpretativo ed applicativo, che la menzionata novella legislativa comporta nella materia di nostro interesse.

Patrocinio a cura dello Stato....

Mirra Vittorio
Giuffrè 2013

Non disponibile

32,00 €
Il volume si compone di due sezioni, la prima è dedicata all'esame della normativa in tema di patrocinio a spese dello Stato alla luce degli orientamenti giurisprudenziali, civili e penali, più recenti e significativi nonché delle posizioni dottrinali di maggiore interesse. Aggiornata all'individuazione delle interferenze che, sul corpo normativo originario, si vengono a determinare per effetto di recenti novelle legislative (semplificazione dei riti, spending review), la sezione si conclude con l'approfondimento di una particolare ipotesi applicativa della disciplina in tema di patrocinio a spese dei non abbienti, relativa alle controversie transfrontaliere. Nella seconda il volume approfondisce le problematiche relative al recupero dei crediti per le prestazioni e servizi resi dall'avvocato nell'esercizio dell'attività professionale. Vengono esaminate le scelte legislative succedutesi nel tempo fino alla abrogazione delle "tariffe professionali" ed alle modifiche introdotte dalla nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense. Entrambe le sezioni sono corredate dalle principali decisioni giurisprudenziali, nella forma di risposta alle questioni di maggiore rilievo, per offrire agli operatori del diritto un concreto sostegno nell'esame e risoluzione dei casi pratici.

In mare altrui. Pesca e...

Bulian G.
Aracne 2013

Non disponibile

20,00 €
L'attuale stato di profonda crisi globale della biodiversità marina è un problema ecologico che si riverbera anche sui sistemi sociali e culturali. Ciò appare particolarmente evidente nel settore della pesca dove alla crisi ambientale si associa la perdita

Manuale pratico sul patrocinio a...

Spinzo Antonio
Maggioli Editore 2012

Non disponibile

42,00 €
L.opera, aggiornata alla L. 183/2011 (Legge di stabilità 2012), al D.L. 138/2011 convertito con modifiche in Legge 148/2011 (Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo), al D.L. 98/2011 convertito con modifiche in Legge 111/2011 (Disposizioni per la stabilizzazione finanziaria), propone una dettagliata disamina dei singoli articoli riguardanti il T.U. sulle spese di giustizia con richiami alle prassi giurisprudenziali e ai contrasti e difficoltà interpretative riguardanti le previgenti norme e quelle in vigore. Si analizzano nel dettaglio, con schemi riepilogativi e formule/modelli, gli articoli che regolano il gratuito patrocinio nei vari settori del diritto. Oltre ai modelli e alle formule come ausilio utile ai soggetti (giudici, avvocati, consulenti, cancellieri) che quotidianamente esercitano e partecipano alla giurisdizione, per la materia penale è stata inserita un'apposita tabella, con le competenze distinte da diversa colorazione, in cui si indica la media degli onorari da applicare.

Le spese processuali

Giuffrè 2011

Non disponibile

15,00 €
È uno strumento di lavoro e di studio pensato per arricchire le proprie conoscenze giuridiche attraverso un sistema di lettura strutturato su più livelli: uno più immediato che consente di focalizzare i concetti "guida" di una precisa fattispecie giuridica con l'utilizzo di esempi, tavole sinottiche, schemi, formule, quesiti, mappe giurisprudenziali, e un altro più approfondito che illustra organicamente la materia e nel quale si rinvengono informazioni puntuali e chiarimenti mirati di pronta fruibilità. Le spese processuali è un'opera che consente di approfondire il tema della responsabilità delle parti e dei possibili danni che possono derivare da un'incauta o fallimentare azione giudiziaria. In particolare si focalizza l'attenzione sul principio della soccombenza, sulle conseguenze che ha in materia di spese processuali la mancata accettazione della proposta conciliativa, sulla natura giuridica della condanna per lite temeraria alla luce delle recenti pronunce giurisprudenziali di merito (Trib. Varese 22.01.2011), sulla prova del danno "da processo", sulla ripartizione delle spese processuali oltre il principio della soccombenza.

Formulario annotato del patrocinio...

De Simone Paolo E.
Experta 2011

Non disponibile

42,00 €
Il formulario si compone sia degli atti degli avvocati che dei provvedimenti del giudice, tutti aggiornati alle numerose novità apportate dalle riforme legislative susseguitesi negli ultimi anni (v., ad es., i cd. pacchetti sicurezza). Ogni singola formula è annotata e corredata da numerose avvertenze così da consentire all'operatore del diritto di predisporre correttamente Patto, nel rispetto del suo contenuto minimo, delle regole poste in tema di competenza e dei termini processuali; la rapida visione dei riferimenti normativi e delle più recenti indicazioni giurisprudenziali rende l'opera utile per il professionista e per chi si accinge alla preparazione di esami e concorsi.

Le spese legali. In sede civile,...

Anceschi Alessio
CEDAM 2010

Non disponibile

45,00 €
Il presente volume analizza i temi legali alla condanna alle spese di lite, in qualsiasi tipo di procedimento giudiziario (civile, penale, amministrativo, contabile, tributario, canonico), la disciplina sul compenso professionale, sui danni processuali (lite temeraria, sanzioni pecuniarie giudiziali, responsabilità per le espressioni sconvenienti ed offensive) e sulla responsabilità per l'esercizio dell'attività giudiziale (responsabilità dei magistrati e degli ausiliari di giustizia, giusto processo, errore giudiziario, ingiusta detenzione), cercando di far emergere traguardi e lacune della giurisprudenza e della prassi giudiziaria. Vengono inoltre approfonditi tutti gli istituti particolari ed eccezionali connessi a tali argomenti, come la distrazione delle spese di lite, la responsabilità degli amministratori e dei curatori ed il patrocinio a spese dello Stato, in rapporto alla molteplicità dei procedimenti giudiziari, alle varie fasi e gradi del giudizio ed alle diverse modalità di definizione della causa. Il presente volume tiene conto degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali più attuali, nonché delle recenti riforme legislative, tra le quali, la della l. 18 giugno 2009 n. 69 (riforma del processo civile), la l. 23 dicembre 2009 n. 191 (finanziaria 2010) ed il d.lgs. 4 marzo 2010 n. 28 (mediazione in materia civile e commerciale). Quest'opera rappresenta pertanto un utile strumento di consultazione tanto per il legale, quanto per il magistrato.

Le spese nel processo civile. Per...

Lazzaro Fortunato
Giuffrè 2010

Non disponibile

95,00 €
In un panorama molto ampio e difficoltoso, gli Autori di questo lavoro hanno esaminato la materia attraverso l'enucleazione ordinata della disciplina e l'inquadramento sistematico di tutto quanto inerisce alla voce "spese del processo", con esame minuzioso di tutti gli "addendi" che tale voce compongono, alla luce degli arresti giurisprudenziali, di legittimità e di merito. La trattazione è completata con l'esame del patrocinio a spese dello Stato che, in attuazione dell'art. 24 della Costituzione (per il quale sono assicurati "ai non abbienti [...] i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione"), pone una disciplina articolata e complessa. Sono offerte, così, accanto ad inquadramenti teorici, le soluzioni che la giurisprudenza ha dato a tante questioni, agevolando, anche operativamente, chi cerca dati maggiormente concreti nel quadro incerto, accompagnandolo per mano, secondo i criteri che ispirano la presente Collana, verso la soluzione più probabile.