Formazione industriale e professionale

Active filters

Percorsi per la professione musicale

ZeroBook

Non disponibile

20,00 €
I conservatori in Italia, pur nel loro essere un'istituzione culturale e formativa importante, rimangono "appartati" forse per la natura stessa della disciplina musicale così poco rilevante nella definizione dell'uomo di cultura nel nostro tempo. Essi hanno svolto e continuano a svolgere un ruolo estremamente significativo nell'ambito dell'educazione musicale con particolare riferimento all'attività professionale, ma nonostante le riforme degli ultimi anni di essi si sa poco. Vengono qui presentati alcune riflessioni di carattere sociologico, storico, comparativo, corredati dai risultati di uno studio pilota condotto in tre distinte realtà italiane. Il tutto è completato in appendice da alcune testimonianze dirette.

Somministrazione e commercio di...

De Filippo Maria Pina
Maggioli Editore

Disponibile in libreria

36,00 €
Il manuale è rivolto principalmente a coloro che frequentano un corso professionale e devono prepararsi adeguatamente al superamento dell'esame finale, ma può essere al contempo un valido strumento di conoscenza per coloro che, in qualità di consulenti o a titolo personale, vogliono saperne di più sui requisiti da possedere e sui principali obblighi di diversa natura legati all'apertura di un'attività di commercio o di somministrazione di alimenti e bevande.

La fabbrica delle competenze. Come...

Fiorentino Pietro
Luiss University Press

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Se l'apprendimento il cuore dell'attivitproduttiva, la competenza il risultato di quella attivitrealizzata in un'immaginaria "fabbrica" dove la materia prima per eccellenza, quella "grigia", viene trasformata durante la produzione/apprendimento grazie alla fusione di conoscenze ed esperienza. Questo processo di "fabbricazione" si compone di numerosi e differenti elementi che contribuiscono alla costruzione delle nostre competenze: dalla tenera etcon la fantasia del gioco del bambino e attraverso numerosi stimoli, all'istruzione scolastica e universitaria che orienta e si integra con i primi impulsi giovanili, dal contesto di lavoro che produce una gran parte di quella competenza ed incide nella nostra esistenza relazionale, all'innovazione che ormai travolge la quotidianitdi ogni nostro atto. La ricerca di una formazione completa molto picomplessa oggi che nel passato: il sapere formale certificato diventato indispensabile per accedere alle alte cariche dirigenziali, mentre l'esperienza diretta lavorativa non riveste la stessa importanza. Connettere conoscenze e competenze rappresenta perciuna delle pigrandi sfide del nostro futuro. Un percorso necessario per la creazione di una classe dirigente piautonoma e responsabile. Prefazione di Giovanni Lo Storto.

Giulio Pastore e il sindacato...

Lauria F.
Edizioni Lavoro

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Giulio Pastore (Genova 1902-Roma 1969), primo segretario generale della Cisl, una figura preziosa, da riscoprire. I testi qui pubblicati sono incentrati prevalentemente sull'opera di Pastore nella costruzione del sindacato nuovo attraverso la formazione sindacale e sul suo sostegno al Mezzogiorno e alle aree depresse. Essi ci restituiscono il ritratto di un protagonista centrale del sindacalismo italiano, attivo anche nell'associazionismo cattolico e nelle istituzioni. Pastore fu guida autorevole nella coraggiosa, quasi incosciente, scommessa della nascita della Cisl: innovare profondamente cultura e pratica delle relazioni industriali per dare risposte concrete, attraverso il sindacato, alle lavoratrici e ai lavoratori. Il volume raccoglie interventi e testimonianze - rielaborate e ampliate - presentate alla giornata di storiografia e cultura sindacale organizzata, a cinquant'anni dalla scomparsa del fondatore della Cisl, presso il Centro studi nazionale Cisl di Firenze. Contributi di: Giuseppe Acocella, Marisa Baroni, Aldo Carera, Sergio D'Antoni, Annamaria Furlan, Giuseppe Gallo, Ettore Innocenti, Francesco Lauria, Mariarosaria Lo Re, Bruno Manghi, Franco Marini, Luigi Sbarra, Vincenzo Scotti, Francesco Scrima. Prefazione di Annamaria Furlan. Postfazione di Luigi Sbarra.

L'impresa formativa. L'esperienza...

Franco Angeli

Non disponibile

12,00 €
Questo volume è il frutto di un percorso nato dall'esigenza di mappare e sistematizzare le esperienze di impresa formativa attive in diverse realtà territoriali della rete CIOFS-FP. Il processo di mappatura, realizzato in una logica di co-produzione a partire dal coinvolgimento degli attori di ciascuna delle realtà interessate, ha portato alla rilevazione di fattori-chiave che hanno caratterizzato le diverse sperimentazioni di impresa formativa. Ne risulta un modello poliedrico, capace di conformarsi elasticamente alle diverse specificità ambientali pur conservando un nucleo di valori e fattori comuni che costituiscono la visione del CIOFS-FP. La sistematizzazione degli apprendimenti originati dalla sperimentazione costituisce un passaggio propedeutico alla disseminazione dell'esperienza del CIOFS-FP, nell'ottica di una diffusione di buone pratiche provenienti da progettualità con alto impatto sociale. Alla luce dei recenti sviluppi legislativi che interessano, inter alia, le forme giuridiche cui tali tipologie di sperimentazioni gestionali possono ricorrere, l'impresa formativa si pone come una delle possibili declinazioni dell'impresa sociale poiché particolarmente adatta a coniugare attività di interesse generale, come la formazione, con assetti organizzativi di tipo imprenditoriale.

Rapporto sulla maturità digitale...

Sabella Paola
Meta (Treglio)

Non disponibile

12,00 €
Una formazione sul tema del digitale non potrebbe prescindere dalla disamina delle tre dimensioni: cognitiva, tecnologica ed etica.Solo se tali sfere saranno ben alimentate ed equilibrate, allora il digitale potrà diventare uno strumento di facilitazione dell'incontro tra domanda di lavoro e offerta di lavoro finalizzato al miglioramento del benessere sociale ed allo sviluppo economico.L'obiettivo della ricerca, partendo dalla fotografia quali-quantitativa del grado di digitalizzazione delle imprese della provincia di Crotone, è stato quello di comprendere lo stato dell'arte e valutare le criticità evidenziate per attivare futuri percorsi di miglioramento per le aziende del territorio.

La palestra della formazione

Lanza Stefano
AIESiL

Non disponibile

10,00 €
Il testo ha come scopo quello di divulgare la figura del Formatore, come uomo di sapere, uomo che grazie alla sua dialettica riesce a svolgere la propria attività coinvolgendo le persone che lo circondano.

Sui banchi del Salento. La passione...

Greco Negro Giuseppe
Rubbettino

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
«Cosa è questo racconto? Il racconto di una vita come opera sociale e civile. Nelle vite-opera il racconto si sovrappone, l'opera diventa quel che meglio racconta sinteticamente l'insieme infinito di preoccupazioni, di problemi, di desideri, di dolori, di amori, di ferite che un uomo porta con sé vivendo. (...) Credo che valga la pena leggere questo libro dove trovate spunti di riflessione interessanti per chi si occupa di lavoro e di formazione giovanile in un momento in cui queste sono le due urgenze capitali del nostro smandrappato e meraviglioso Paese, sempre avvilito da una burocrazia cieca, da una cultura malata di astrazione, come diceva Pasolini, e da ideologie che si sostituiscono alla "rugosa realtà", come diceva Rimbaud, il loro progetto parziale e stupido. Infatti questo libro, momento di surplace, di riflessione, questo strano libro non vanitoso né stupidamente soddisfatto, raccoglie pagine che vengono dal fronte. Dalla vera e difficile trincea che in molti modi in tanti stiamo combattendo. La cosa più difficile, diceva un santo, è sostenere la speranza degli uomini. E non c'è modo più efficace che farlo aiutando i giovani a entrare nella vita con speranza e desiderio, mostrando con opere, parole e segni che il destino e la vita non sono avversari».

La sperimentazione duale in Italia....

Franco Angeli

Non disponibile

28,00 €
Questo volume riprende gli interventi del XXVIII Seminario di Formazione Europea, dedicato al tema della sperimentazione destinata ad aprire la cosiddetta via italiana al Sistema Duale nel momento strategico di avvio. La scelta di metodo, la progettualità collegiale, la rete con le imprese del territorio, l'accompagnamento e l'inserimento lavorativo, la prospettiva di una filiera lineare fino all'Istituto Tecnico Superiore (ITS), con possibilità di ingressi e uscite laterali, sono già una realtà sperimentata e visibile con dati di successo documentati. Si tratta della realtà presente in alcune parti significative del territorio nazionale. Cosa serve allora perché questa realtà di servizio, fortemente richiesta dalle famiglie e da molti giovani, diventi accessibile a tutti e costituisca sistema strutturato per l'inserimento lavorativo? La Sperimentazione Duale in avvio può costituire l'elaborazione di una risposta di sistema a questa domanda. La partecipazione del sistema di IeFP (Istruzione e Formazione Professionale) alla sperimentazione ha portato l'attenzione sul necessario rilancio della stessa in tutto il territorio italiano e ne ha valorizzato le potenzialità in termini di integrazione tra formazione e lavoro, di alternanza qualificata, di forte spinta sull'apprendimento per competenze, riconoscendo il valore formativo del lavoro. La condizione perché questo laboratorio non diventi un progetto temporaneo o un contenitore che accoglie strutture e risorse giustapposte risiede nell'impegno per la realizzazione di un processo costruttivo verso un sistema di Formazione Professionale - Servizi al Lavoro per il Paese. Di fatto la IeFP costituisce già a tutti gli effetti un servizio di collegamento al lavoro di qualità e di attenzione al cittadino e all'economia del territorio. Il seminario ha voluto dare vita, valorizzare e allargare il dialogo fattivo coinvolgendo le strutture e le risorse in campo. Scritti di: A. Razionale, V. Giuliani, S. Costa, C. Grieco, L. Valente, P.A. Varesi, M. Pellerey, C. Tucci, V. Aprea, I. Ca-vo, F. Roccisano, E. Rondi, E. Formosa, G. Pentenero, C. Grieco, M. Del Conte, P. Vacchina, L. Bobba, P. Bianchi, A. Salatin, A. Petrangeli, R. Ricci, G. Grondoni, A. Cantini, L. Simoncini, E. Peretti, S. d'Agostino, M. Frisanco, R. Linuesa Montero, A. Edwards, J. Kruk, E. Gotti, A. Scuotto, A. Salvini, P. Cesana, E. Perulli, G. Montalbano, F. Ruggiero.

Manuale per l'esperto dei processi...

Alessandrini Giuditta
Carocci

Non disponibile

24,60 €
Questo manuale intende offrire allo studioso di scienze della formazione o a quanti devono confrontarsi, anche temporaneamente, con l'attività formativa un percorso di conoscenze strutturate utili alla progettazione e allo sviluppo di interventi, con particolare riguardo al contesto specifico della formazione nelle organizzazioni. Il lettore troverà nel libro tre tipi di strumenti: una "mappa concettuale" per orientarsi, un quadro delle "prospettive emergenti" e infine un "laboratorio" di casi studiati e descritti da giovani studiosi ed esperti del settore.

Analisi e innovazione dei processi...

Fausto Lupetti Editore

Non disponibile

18,00 €
FQTS è un progetto di formazione, innovazione e trasformazione, che vuole valorizzare le competenze del Terzo Settore e fornire appropriati strumenti di creatività ed economia sociale per costruire benessere e crescita per lo sviluppo del Paese. Il progetto intende valorizzare il ruolo di corpo intermedio del Terzo Settore per renderlo un protagonista della coesione sociale nelle comunità in Italia, in Europa e nel mondo. I promotori del progetto FQTS, Forum Terzo Settore, CSVnet con l'Università di Roma TRE e la Fondazione Con Il Sud, consapevoli che l'apprendimento permanente sia la rivoluzione copernicana del ventesimo secolo, hanno voluto affrontare il tema con lo sguardo rivolto ai propri quadri e dirigenti: un disegno per l'individuazione e messa in trasparenza delle competenze al fine di mettere in valore gli Enti di Terzo Settore. Nel Paese è necessario cercare le strategie per la formazione permanente, per questo abbiamo affrontato la categoria concettuale di "competenza strategica" intesa "come capacità di mobilitare in modo significativo un ampio affresco di modelli di conoscenza e di azione".

L'università per lo sviluppo di...

Terzaroli Carlo
Aracne

Non disponibile

26,00 €
Il volume affronta il tema del rapporto tra università e mondo del lavoro attraverso il costrutto pedagogico di employability e le principali evoluzioni dei modelli di career service a livello nazionale e internazionale. La riflessione poggia su un caso di studio, di tipo qualitativo, volto a analizzare i fattori che determinano le scelte di carriera e la transizione al lavoro dei laureati. I risultati restituiscono un carotaggio sui vissuti dei giovani adulti in riferimento alla filiera dell'alta formazione nella prospettiva dell'ingresso nel mondo professionale. Sullo sfondo, si rintracciano le sfide dell'università del futuro, di un modello di higher education capace di sostenere i giovani affinché possano diventare agenti trasformatori per la società del domani.

Formazione territorio lavoro. La...

Valente
Franco Angeli

Non disponibile

25,00 €
Il volume riprende gli interventi della XXX edizione del Seminario Europa, "Formazione - Territorio - Lavoro", un incontro nel quale si sono trovate a confronto le istituzioni più rappresentative della realtà formativa del nostro Paese. Il CIOFS-FP, in collaborazione con FORMA, ha condotto cinque incontri che hanno coinvolto Tecnostruttura, Anpal, Inapp, Confindustria, Confartigianato, con l'obiettivo di rafforzare il dialogo tra i soggetti chiamati a consolidare la rete strutturale della filiera formativa e a ragionare sull'espansione e sull'organizzazione territoriale del sistema. Il Seminario Europa, con la sua storia trentennale, dimostra che le reti formative esistono di fatto; di diritto sono già codificate alcune tipologie di reti, come le reti territoriali che comprendono l'insieme dei Servizi di istruzione, formazione e lavoro collegati organicamente alle strategie per la crescita economica, il Sistema nazionale di certificazione delle competenze, il Repertorio nazionale dei titoli di istruzione e formazione e delle qualificazioni professionali, la Rete nazionale dei servizi delle politiche del lavoro, il Sistema duale, fino alla Rete delle scuole professionali, prevista dalla legge ma non ancora strutturata. La normativa che riguarda questi aspetti richiede una riflessione sistemica sulla configurazione dell'interazione tra tutti i soggetti che, a vario titolo, concorrono allo svolgimento dei servizi al lavoro e sul loro raccordo all'attuale filiera formativa.

Noi protagonisti! Formazione...

Broggian Giancarlo
Podresca

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Essere protagonisti nel lavoro è un'esperienza che ogni persona dovrebbe sperimentare. Certo, serve compiere una vera e propria ricerca per trovare il proprio peculiare modo di vivere il giusto protagonismo, ma non dovremmo rinunciare. Essere protagonisti significa sentire passione per il proprio lavoro e avere il coraggio di esporsi. Richiede una grande competenza nel proprio ruolo e la capacità di conquistare l'approvazione degli altri. Serve affrontare e superare ostacoli perché nessun grande risultato viene ottenuto senza tutti questi ingredienti. Essere protagonisti nel lavoro è un concetto immediato che racchiude in sé una grande complessità. Tante sono le implicazioni per coinvolgersi in modo autentico, per affrontare le diverse esperienze con un atteggiamento collaborativo e per portarle a compimento valorizzando le persone. Oltre all'essere protagonisti, un'altra parola è decisiva: noi! Nella nostra azienda abbiamo bisogno di conquistare il "noi": l'appartenenza, la sinergia, il senso di unione nella squadra e la certezza di collaborare al massimo per realizzare i fini comuni.

Educare nel lavoro. Una proposta...

Macale Carlo
Aracne

Non disponibile

28,00 €
Sul piano storico-pedagogico, la svalutazione dei percorsi formativi professionali all'interno della pedagogia scolastica è stata causata da un'esaltazione continua di una cultura classica, che ha visto nella licealizzazione dei saperi la più alta finalità educativa dei percorsi di istruzione. Il volume mette in luce come, nel panorama educativo nazionale, la formazione professionale iniziale in Italia, in realtà, abbia rivestito un ruolo importante sia rispetto alla scolarizzazione della popolazione giovanile, sia rispetto ad alcune emergenze di carattere sociale.

Le formazioni possibili. Esperienze...

Franco Angeli

Non disponibile

22,00 €
È ormai generalmente accettato che la formazione continua costituisca per le imprese una leva di indubbia efficacia in termini di competitività, di sviluppo e di innovazione. In un'epoca in cui gli scenari economici sembrano attraversati da correnti evolut

La lezione nella formazione degli...

Castagna Maurizio
Franco Angeli

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Dopo oltre vent'anni, durante i quali La lezione nella formazione degli adulti ha rappresentato un solido supporto all'attività professionale di migliaia di lettori, che dal libro hanno potuto attingere preziosi suggerimenti operativi, con questa nuova edizione interamente rivista, aggiornata e ampliata, l'autore offre un ulteriore significativo contributo alla comprensione del quadro delle attività che impegnano il formatore nelle organizzazioni lavorative. Accanto a temi quali la preparazione di una lezione, la creazione e la presentazione di slide, il comportamento in aula e la gestione delle domande e delle obiezioni, già al centro delle precedenti edizioni, il lettore troverà affrontate alcune nuove problematiche: come gestire l'ansia e il tempo? quale atteggiamento tenere mentre si insegna a un gruppo di adulti? perché si creano situazioni di conflitto in aula? come gestirle? Il taglio del testo è rimasto quello originale: da manuale operativo, pratico, destinato: a chi, magari all'inizio della sua carriera di formatore, intende acquisire le tecniche di base per la realizzazione di una lezione; a chi, esperto di una certa materia, è chiamato saltuariamente a insegnarla ad altre persone internamente alla sua organizzazione; a chi, formatore già esperto, vuole confrontare le sue personali esperienze con quelle di un collega.

Apprendimento e tutela del lavoro

Ciucciovino Silvia
Giappichelli

Non disponibile

28,00 €
Sempre più spesso si parla della valenza strategica dell'apprendimento nell'attuale società della conoscenza, quale premessa per la piena inclusione sociale e lavorativa degli individui e fattore strategico della crescita economica. Eppure sono ancora pochi gli studi dei giuslavoristi volti ad indagare la portata reale e sistematica del valore giuridico dell'apprendimento come forma di tutela dei lavoratori, tanto nella relazione contrattuale con i datori di lavoro, quanto nelle diverse condizioni soggettive - di inoccupazione, disoccupazione, transizione lavorativa - in cui essi si possono venire a trovare nel mercato del lavoro. A tale scopo è dedicato questo volume che muove dalla prospettiva dell'apprendimento permanente, perché è quella accolta negli ultimi anni dalle istituzioni europee ed italiane, ma anche perché si presta a rappresentare in chiave attuale l'istanza di accrescimento del patrimonio di competenze professionali degli individui e dei lavoratori. Lo studio va alla ricerca delle basi costituzionali e dei fondamenti normativi del bene giuridico dell'apprendimento, mettendo in luce le criticità che la relativa regolazione pone sul piano dell'assetto delle fonti e del riparto di competenze Stato Regioni, pervenendo alla proposta di un modello di disciplina cooperativo e partecipato.

Il duale per l'Italia....

Franco Angeli

Non disponibile

29,00 €
Il volume riporta gli atti della XXIX edizione del Seminario di Formazione Europea. Obiettivo dell'iniziativa fin dalla prima edizione del 1989 - come CIOFS-FP e come Organismi Nazionali impegnati nella Formazione Professionale - è quello di seguire il processo di unificazione europea dal punto di vista culturale, amministrativo e politico in rapporto alla formazione e all'inserimento dei giovani al lavoro. Gli eventi seminariali di questi ultimi due anni hanno prestato particolare attenzione alla sperimentazione del Sistema Duale per l'Italia. L'iniziativa ha offerto alle diverse organizzazioni formative la possibilità di confronto, di collaborazione e di ottimizzazione delle risorse comuni, traguardando la dimensione istituzionale della Rete Formativa nel nostro Paese. Gli atti di questa XXIX edizione - attraverso gli interventi proposti - fanno il punto su questa prospettiva. Gli aspetti analizzati vanno da quello pedagogico-didattico a quello organizzativo e gestionale. Inoltre, attraverso gli interventi di alcune personalità politiche e tecniche, è stata presa in esame la normativa in essere e le possibilità applicative. Scritti di: V. Aprea, E. Beccio, L. Bobba, G. Bordone, M. A. Buendia Vas, I. Cavo, P. Cesana, F. Chiaramonte, E. Crispolti, A. D'Arcangelo, M. Del Conte, C. Donati, M. Drezzadore, A. Elicio, D. Fea, V. Fedeli, R. Giovani, E. Gotti, C. Grieco, S. Griffith, A. Grimaldi, S. Leo, A. Lobosco, F. Malandrucco, T. Mandato, G. Negro, M. Pellerey, E. Peretti, M. Peron, T. Piacentini, F. Porrà, A. Razionale, R. Ricci, M. Robazza, F. Roccisano, F. Ruggiero, M. Sabbadini, A. Salatin, G. M. Salerno, F. Santoro, L. Stefanini, M. Tonini, P. Vacchina, L. Valente.

La didattica del design in Italia

Gangemi

Non disponibile

28,00 €
La complessità del nostro tempo richiede alle scuole di Design un aggiornamento continuo della didattica e un costante esercizio critico nell'approccio alla molteplicità dei processi di cambiamento di natura sociale, culturale ed economica. Si impone pertanto la ricerca di una didattica che affronti con consapevolezza i processi di innovazione tecnologica, sapendone valutare le frontiere più avanzate ma anche le problematiche correlate, legate all'impatto ambientale, al degrado e al depauperamento delle risorse naturali. Per confrontarsi su questi temi e sullo sviluppo della formazione del design in Italia, docenti che svolgono la propria attività di insegnamento negli ISlA, nelle università, nelle accademie di Belle Arti e in numerose scuole private di Design, si sono incontrati a Firenze in due giornate di studio promosse dal Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca. Una iniziativa organizzata dall'lSIA di Firenze in collaborazione con la Conferenza Universitaria Italiana del Design (CUlO), la Società Italiana del Design (SID) e la Conferenza dei Presidenti e dei Direttori degli ISlA. Questa pubblicazione, inserita nella collana "Teoria e cultura del design" di Gangemi editore, ne raccoglie gli atti. Prefazione di Marco Bazzini (Presidente ISlA) e di Maria Letizia Melina (Direttore generale MIUR). Postfazione di Tonino Paris.

Come avviare e gestire gli affitti...

Apollonio Rita
Franco Angeli

Disponibile in libreria

24,00 €
Gli Affitti Brevi sono in piena ascesa, sia nelle destinazioni di villeggiatura, che nelle località caratterizzate dal turismo d'affari, di studio, sanitario e degli eventi. In questo manuale pratico, di facile lettura e di immediata applicazione, troverete subito le risposte ai vostri quesiti grandi e piccoli. Ogni giorno constatiamo un disorientamento notevole in tema di Affitti Brevi: non solo sono spesso confusi con i B&B gestiti da privati o persino con strutture ricettive imprenditoriali come gli Affittacamere, ma anche all'interno della loro stessa categoria non sono sempre chiare le differenze tra le Case e Appartamenti Vacanze e le Locazioni Turistiche/Locazioni Brevi. È necessario quindi avere le coordinate giuste per non commettere errori. In questo manuale pratico, di facile lettura e di immediata applicazione, troverete subito le risposte ai quesiti grandi e piccoli di chi già esercita l'attività e ancor più di chi intende intraprenderla. Tra le tante domande: esiste una normativa? qual è l'iter burocratico per avviare l'attività? devo aprire la partita IVA? devo stipulare un contratto? In caso affermativo, cosa devo scrivere? che obblighi ho in materia di Pubblica Sicurezza? cosa rilascio all'ospite a fronte del pagamento? devo/posso erogare la colazione e/o gli altri pasti? come devo dichiarare le entrate? E per rendere il manuale ancor più chiaro e concreto, ogni capitolo si chiude con il paragrafo Fai così, che contiene le copie già compilate dei documenti richiesti per il corretto svolgimento di questa attività "dalla A alla Z". Edizione ampliata e aggiornata con le più recenti e importanti leggi regionali e nazionali.

Formazione professionale, didattica...

Postiglione Rocco M.
Anicia (Roma)

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Lavoro, adulti, università. Grandi sfide per l'educazione e la pedagogia. Si cerca qui, in primis, di sistemare le definizioni concettuali di quel versante del mercato del lavoro che è la formazione professionale, mettendo in luce le proprietà fondamentali della nozione principale di cui si occupa: la qualifica professionale. Una serie di schemi concettuali, chiarificano il funzionamento di questi ambiti delle società umane e offrono spunti per un'analisi delle politiche formative che tengono conto di dati e informazioni statistiche ed euristiche esistenti ma non si fermano a essi: l'intento è anzi di favorire l'avvio di indagini empiriche su basi ipotetiche più solide e la costruzione di set di dati in grado di integrare quelli oggi disponibili. In secondo luogo, si affronta un'intersezione tra le più importanti e feconde: quella tra formazione professionale e vita adulta. Si tratterà soprattutto di definire differenzialmente l'educazione degli adulti come campo di studio, e di intendere a quali fenomeni e a quali pratiche concrete esso si rivolga e possa contribuire. Rifiutando quell'identificazione tra studi di educazione degli adulti e metodologia didattica delle attività formative rivolte ad adulti, che prevale nella letteratura sul tema. Si prova a ripartire ab imis, identificando i fenomeni e, tramite la loro definizione, si mostra l'estensione e la problematicità di un campo di studi che interroga la frontiera aperta dell'umano in questo crinale tra intelligenze meccanizzate e collettive e fragili individualità. Infine, si tenta un'applicazione di quanto elaborato al caso della didattica accademica. Campo interessante quant'altro mai per i pedagogisti, messi alla prova più dura: mostrare coerenza tra quanto professano e quanto realizzano. La sfida è di applicare dottrine e teorie sull'insegnamento, sulla formazione e sull'educazione, a quanto si fa e si realizza concretamente nell'attività quotidiana con gli studenti. Senza compromessi che attenuino la forza teoretica e metodologica dei concetti, e senza velleitarismi che ne metterebbero a rischio la preparazione agli studi, al lavoro, alla vita. Assumendo infine, come punto d'attacco concreto e come terreno di proposta, il tirocinio, vero banco di prova per i corsi di studio pedagogici.

L'ecosistema della formazione....

Nacamulli
EGEA

Disponibile in libreria in 3 giorni

39,00 €
La rivoluzione digitale ha mutato profondamente il mondo della formazione manageriale. La possibilità di percorsi «fai da te», con l'accesso a risorse gratuite come MOOC, talk, video, blog e tutorial, si è ampliata a dismisura, accrescendo le opportunità per soddisfare il diritto ad apprendere che è la base della società della conoscenza. Questo però non ha comportato un declino della formazione, ma ha aumentato come mai prima d'ora la richiesta di iniziative di formazione e sviluppo di qualità. In un contesto in cui i confini tra formazione, autoformazione, sviluppo organizzativo e comunicazione si fanno labili, porosi e incerti, assistiamo quindi da un lato a un ritorno del learning by doing e della formazione informale, dall'altro alla diffusione di nuovi approcci come la formazione on demand e il digital social learning. Sul piano delle metodologie, invece, l'adozione di nuovi format di formazione-intervento (come il business model canvas o il design thinking) si coniuga allo sviluppo di competenze per l'innovazione e la flessibilità organizzativa (si pensi allo smart working o ai nuovi sistemi di performance management centrati sul feedback) attraverso il coinvolgimento delle persone. A fronte di un panorama così articolato - un ecosistema, come recita il titolo - il libro illustra i modelli di formazione emergenti e affronta nel dettaglio le leve di analisi e d'intervento più efficaci. Intorno alle 3P di People, Power e Place si delinea il quadro di una formazione che include sia soggetti interni all'organizzazione sia attori esterni; che mobilita risorse sociali per entrare in contatto con una varietà di mondi organizzativi differenti; che mette in rilievo le potenzialità di un ambiente phygital per la costruzione di una employee experience positiva, coinvolgente e significativa.

Grande squadra. Formazione...

Brunelli Silvano
Podresca

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
"Grande Squadra" descrive un progetto pilota per l'innovazione in azienda, ideato con originalità e realizzato con entusiasmo, competenza e coraggio. Il progetto, basato sullo sviluppo delle abilità personali, ha conquistato grandi risultati segnando una direzione nuova per il progresso nel mondo del lavoro. La collaborazione è stata affrontata come abilità di relazione da studiare, da applicare in team, da assumere consapevolmente e da interpretare con le proprie eccellenze. Servizi CGN ha scelto di porre la persona al centro e di puntare sulla formazione e sullo sviluppo di relazioni collaborative come fattori centrali della filosofia aziendale. Il Laboratorio "Grande Squadra" si distingue per la sua forza innovativa che si esprime nell'impostazione di fondo, nella sinergia tra azienda e ricercatori-formatori, nel metodo di lavoro, nell'approccio basato sullo sviluppo delle abilità umane e risalta per i numerosi risultati conseguiti. Rappresenta un esempio di crescita personale e professionale nel valorizzare ogni persona, nel far emergere la squadra e nel rendere efficace l'azienda; un esempio di ricerca del miglioramento continuo e di una speciale forma di impegno: fare sino al risultato. Straordinario è il connubio tra il continuo perfezionamento professionale che si eleva verso standard sempre più alti e l'umanità che si manifesta con il sorriso, con l'abbraccio, con mille espressioni imprevedibili e sempre autentiche. Per il suo apporto innovativo e per le conquiste maturate, il progetto "Grande Squadra" pone le basi per un nuovo modello organizzativo.

Giovani, università e azienda: il...

Pinto D.
Pearson

Disponibile in libreria in 5 giorni

18,00 €
Il modo in cui prepariamo i giovani ad affrontare il mondo del lavoro di oggi è spesso inefficace e anacronistico. Le radicali trasformazioni tecnologiche e le conseguenti sfide che l'attuale scenario economico, sociale e culturale apre per l'umanità mettono in discussione il sistema formativo nel suo complesso e richiedono nuove risposte. I modelli educativi di impronta illuministica, legati a una concezione di sapere teorico da trasmettere secondo processi di insegnamento/apprendimento che hanno riprodotto caratteristiche della produzione di massa (grandi numeri, lezioni trasmissive, standardizzazione, testing) non sono più adeguati da soli a sostenere Le attuali esigenze di partecipazione sociale e civile, di produzione e consumo, di condivisione e collaborazione, di rinnovata cittadinanza. Serve sviluppare capacità di pensiero critico - per mettere in questione e modificare tradizionali equilibri esistenti - e di pensiero divergente e creativo, in grado di costruire risposte plurali a un medesimo quesito o problema. Molto raramente avviene che gli studenti vengano allenati a esercitare questo tipo di pensiero e di conseguenza raramente sono preparati ad affrontare la complessità dei contesti organizzativi di oggi. Non solo, spesso ai giovani mancano gli strumenti per costruire un robusto percorso professionale che consenta loro di trasformare le idee in progettualità, attraverso un impegno orientato verso traguardi concreti e misurabili. Per colmare questa carenza, è necessario disegnare e costruire un nuovo perimetro formativo: il mondo accademico, il mondo imprenditoriale/aziendale e il mondo dei giovani-adulti devono agire in modo integrato all'interno di un paradigma formativo in continua evoluzione. La Project & People Management School ha il merito di portare nelle università il mondo delle aziende nel suo complesso. Il valore di questa iniziativa è dato dal fatto che i giovani si possono confrontare con i valori di concretezza e pragmaticità, tipici del mondo delle organizzazioni. All'interno di un percorso internazionale possono quindi sviluppare la propria capacità gestionale, intesa come capacità di gestire il business e di gestire le persone, e tutti gli aspetti legati ai comportamenti, allo stare in azienda, al relazionarsi con gli altri, al saper gestire il proprio tempo, ecc. L'esperienza descritta nel volume evidenzia la possibilità concreta di rilanciare e rigenerare un dialogo tra mondo accademico e mondo imprenditoriale/aziendale, nella quale i giovani-adulti diventano il terzo attore indispensabile per un'azione formativa congiunta. Il libro ripercorre la genesi della Project & People Management School, narra esigenze e caratteristiche degli attori coinvolti e si sofferma su alcune tipiche situazioni di apprendimento, che costituiscono il setting formativo proposto nelle sue caratteristiche di strutturazione e articolazione operativa e che confluiscono all'interno di un modello coerente. Pur nella distintività peculiare riferita ai tre attori - l'Università Cattolica del Sacro Cuore, l'azienda Comau e i giovani neolaureati/neoassunti che hanno partecipato alle edizioni della PPM School - il lettore potrà riconoscere modelli, architetture e format trasferibili all'interno della propria realtà organizzativa.