Musica medievale e rinascimentale (dal 1000 al 1600)

Filtri attivi

Carlo Gesualdo e il suo tempo. Atti...

Terebinto Edizioni 2019

Disponibile in libreria  
MUSICA

20,00 €
L'idea di questo volume nasce dalla volontà di pubblicare gli Atti del Convegno Internazionale di Studi su tema Carlo Gesualdo e il suo tempo (Gesualdo-Salerno, 16-18 novembre 2013), promosso dalla Fondazione Gesualdo in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università degli Studi di Salerno in occasione delle celebrazioni del quarto centenario della morte del principe di Venosa. Apre il volume la prolusione di Glenn Watkins, ospite nella serata del 16 novembre 2013 a Gesualdo insieme a Salvatore Sciarrino per la consegna del premio internazionale Carlo Gesualdo a Claudio Abbado. Il testo di Watkins, principalmente autobiografico, fa il punto sugli studi e sulle ricerche intorno a Gesualdo, partendo dagli anni Cinquanta e dai primi interessi per Gesualdo portati avanti insieme a Stravinsky e Robert Craft.

Con dolce forza. Donne...

Donati L.
Polistampa 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
"Con dolce forza imprimeva ne' cuori qualunque affetto": così Jacopo Cicognini descriveva nel 1619 l'esibizione di Arcangela Paladini nella cappella privata dell'arciduchessa Maria Maddalena d'Austria. Siamo nel periodo di transizione tra l'epoca nella quale per le donne la musica è una disciplina basilare dell'educazione, da frequentare esclusivamente in ambienti familiari o conventuali strettamente privati, a quella in cui diviene attività professionale con risvolti pubblici di grande prestigio, con figure come la compositrice Francesca Caccini o le cortigiane cantanti Checca e Margherita Costa. Il catalogo della mostra allestita dall'8 marzo al 13 maggio 2018 nell'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote a Bagno a Ripoli (Firenze) presenta, accanto a queste figure di donne musiciste, anche delle pittrici che per varie ragioni amavano raffigurarsi accanto a strumenti musicali, come Lavinia Fontana e Marietta Robusti, figlia del celebre Jacopo Tintoretto. Affronta inoltre il tema del mecenatismo musicale femminile, come fenomeno emblematicamente rappresentato alla corte dei Medici da personaggi come Cristina di Lorena e Vittoria della Rovere.

I trovatori. Musica e poesia. I...

Schembri Marcello
Zecchini 2018

Disponibile in 3 giorni

33,00 €
Un manuale che offre un quadro essenziale ed esauriente dei temi fondamentali inerenti ai talentosi poeti-compositori-esecutori di lingua d'oc, artefici di una magica alchimia di parole e suoni, artisti a tuttotondo, illustri avi degli odierni cantautori. Per ristabilire il giusto equilibrio (sempre invocato e mai attuato negli studi ad essi dedicati) tra le due componenti fondanti della loro arte - la musica e la poesia - al fine di riguardarla non come fenomeno poetico e musicale ma bensì, più propriamente, poetico-musicale. Per comprendere appieno, anche attraverso inedite letture comparate tra la loro esperienza artistica e il mondo musicale moderno (assai prossimo, mutatis mutandis, a quello dei trovatori), un universo culturale straordinario e un'epoca tra le più affascinanti della storia dell'Occidente.

Musica medievale

Viret Jacques
Simmetria Edizioni 2018

Disponibile in 3 giorni

23,00 €

Musique, censure et création. G.C....

Piéjus Anne
Olschki 2017

Disponibile in 3 giorni

54,00 €
Il Tempio armonico, la più vasta edizione di musica italiana del sedicesimo secolo, riunisce i madrigali revisionati da Ancina, censore ufficiale della Chiesa. Lo studio di questo caso eccezionale aggiorna la storia della parodia spirituale collegandola alla censura ecclesiastica, musicale e pastorale, dalla Riforma cattolica. Lo studio del processo di creazione, permette di capire come la censura, basata sulla lettura critica, la memoria e l'invenzione, abbia potuto essere considerata come un'opera vera e propria.

La poetica musicale nel Decameron

Gallina Francesco
Helicon 2015

Disponibile in 3 giorni

11,00 €
In questo saggio, Francesco Gallina dimostra con un'attenta analisi quanto il Decameron costituisca una ricca miniera di testimonianze sul panorama musicale del Trecento, secolo contraddistinto dal rivoluzionario sviluppo della polifonia e del contrappunto. Guidandoci attraverso la cornice, le novelle e le ballate, l'autore analizza le molteplici funzioni che la musica, il canto e la danza rivestono nel capolavoro del Boccaccio.

La memoria musicale di Dante

Terni Clemente
LoGisma 2015

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
"La memoria musicale di Dante" è un omaggio postumo al lavoro manoscritto e inedito di Clemente Terni, e anche un modo per renderlo fruibile a musicisti e studiosi che vogliano approfondire questo aspetto peculiare del Sommo Poeta: ovvero le sue conoscenze e frequentazioni musicali. Il lavoro coniuga le competenze musicali di Terni con quelle letterarie e poetiche sue e di Francesco Mazzoni, esimio e compianto dantista, che sollecitò la composizione dell'opera terniana quando era Presidente della Società Dantesca. La commissione ebbe luogo nel 1988 e ha avuto varie esecuzioni sia da parte del Quintetto Polifonico Italiano, fondato e diretto dallo stesso Terni, sia, in anni più recenti, dal rinnovato Quintetto Polifonico, ora denominato "Clemente Terni". Scientificamente e musicalmente alto è il risultato di questo seppur breve lavoro compositivo, che l'Istituto "Clemente Terni" è lieto di dare alle stampe in occasione del 750° anniversario dalla nascita del Sommo Poeta.

Atlante storico della musica nel...

Minazzi V.
Jaca Book 2011

Disponibile in 3 giorni

85,00 €
Si può capire il Medioevo senza la musica? Davvero l'arte, l'architettura, la cultura, la filosofia, la poesia e la letteratura medievali sono comprensibili amputando da esse l'universo sonoro che le ha attraversate? La musica è la grande assente, in genere, dalle ricostruzioni storiografiche del Medioevo, sebbene essa sia profondamente radicata nelle matrici dell'Occidente. L'assenza della musica dalle abituali pubblicazioni storiche e di storia dell'arte medievale è peraltro ben comprensibile se si pensa alla rarità delle fonti e alla difficoltà di ricostruire realmente il "suono" medievale. Sul versante musicologico, gli specialisti si trovano di fronte al compito non facile di integrare il fenomeno sonoro con le altre espressioni artistiche e con la vita medievale in generale. Lo scopo di questo atlante è quello di proporre tale integrazione e di fornire al lettore, anche non musicologo, una immagine articolata, piana, godibile, e tuttavia scientificamente rigorosa, della musica nel contesto della vita medievale. Per realizzarla, sono stati coinvolti in un'ottica multidisciplinare molti dei più importanti musicologi, noti internazionalmente, insieme con archeologi, studiosi dell'acustica e dell'architettura, filosofi e storici del pensiero medievale. Quarantacinque autori per comporre un atlante storico complesso ma di facile lettura, anche perché ogni capitolo può essere consultato direttamente, senza aver letto i precedenti.

La monodia nel Medioevo. Vol. 2

Cattin Giulio
EDT 2011

Disponibile in 3 giorni

9,90 €
Il volume affronta i seguenti argomenti: "Le origini del culto cristiano: liturgia e canto", "Il canto cristiano a Bisanzio e nelle chiese d'Occidente", "Il canto gregoriano", "Le innovazioni liturgico-musicali dei secoli IX-X e il loro sviluppo. Canti monodici profani in latino", "La monodia nelle lingue nazionali. Gli strumenti. L'ars musica".

«Giovinetta peregrina». La vera...

Durante Elio
Olschki 2010

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Ricerche d'archivio permettono di collocare nel 1563 la nascita della famosa cantatrice e arpista Laura Peperara, cancellando l'ipotesi di Solerti che in quel tempo ella sia stata la 'seconda fiamma' del Tasso, destinataria di un canzoniere amoroso; è così possibile ricostruire sotto una diversa angolatura la vicenda artistica della Peperara, e riordinare un importante settore della produzione lirica tassiana.

Dagli Incurabili alla Pietà. Le...

Moretti Laura
Olschki 2008

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
L'intensa attività musicale che si sviluppò negli Ospedali Grandi veneziani tra Cinque e Settecento ebbe nelle chiese annesse ai quattro istituti i principali luoghi di esecuzione. Quale fu il segno lasciato dalla musica su questi edifici? Quali le trasformazioni cui vennero sottoposti per adeguarli alle crescenti necessità della musica? Il volume ripercorre la storia architettonica delle quattro chiese con l'obiettivo di individuare, in momenti particolarmente significativi delle vicende costruttive, le tracce lasciate dalla musica sull'architettura.

Filosofia della musica. Tarda...

Panti Cecilia
Carocci 2008

Disponibile in 3 giorni

23,50 €
I rapporti fra musica e filosofia nell mondo antico furono profondi. La matematica musicale pitagorica fornì la chiave per interpretare la struttura dell'ordine cosmico. Trasmessa al Medioevo da Sant'Agostino e da Boezio, essa innestò un fecondo e complesso dialogo con la nascente teoria musicale. All'avvio del XII secolo la riscoperta della filosofia aristotelica, la nuova concezione della scienza e le complesse innovazioni del linguaggio polifonico concorsero ad aprire la strada all'affermarsi del principio di autonomia del comporre musicale, gettando le basi per la moderna scienza acustica. L'esposizione storica di questo volume coniuga la musica, la filosofia e la scienza, considerando il pensiero musicale come luogo privilegiato per delineare elementi di continuità tra mondo antico, medievale e moderno.

La musica medievale e l'arte della...

Busse Berger Anna M.
Fogli Volanti 2008

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
È un'audace sfida alla visione tradizionale della musica medievale quella lanciata in questo libro: l'immagine di una cultura puramente alfabetizzata scolora a favore di una visione più complessa in cui scrittura e oralità interagiscono. Interrogandosi su questioni fondamentali, come ad esempio in quale modo i cantori riuscissero a memorizzare una così grande quantità di musica, e in quale modo la musica composta mentalmente anziché sulla pergamena informasse lo stile musicale, Anna Maria Busse Berger indaga l'impatto dell'arte della memoria sulla composizione e sulla trasmissione della musica medievale. Il suo studio innovativo mostra che l'avvento della scrittura non solo non soppiantò la consuetudine dei compositori di elaborare i brani a mente, ma - al contrario - offrì addirittura nuovi strumenti mnemonici. Gli studiosi hanno creduto per lungo tempo che la musica medievale fosse composta e trasmessa in forma scritta semplicemente perché dal XII secolo buona parte della produzione polifonica fu fissata sulla pergamena. La musica medievale e l'arte della memoria, invece, dimostra con chiarezza che, anche se un brano fu messo per iscritto, non necessariamente fu concepito e tramandato attraverso la scrittura. Il nuovo modello proposto dalla Busse Berger esalta l'interazione fra scrittura e oralità nella composizione e nella trasmissione, approfondendo e arricchendo l'odierna concezione della musica medievale, e aprendo altresì la strada a nuove interpretazioni.

Otto studi sul sonetto. Dai...

Facini Laura
libreriauniversitaria.it

Non disponibile

19,90 €
Questo libro affida a otto giovani studiosi altrettanti capitoli sulla storia del sonetto, il genere metrico più diffuso nella tradizione lirica italiana ed europea. Ciascuno degli autori si occupa di un poeta o di una stagione di quella vicenda, dai Siciliani al Manierismo, e mette a fuoco la fisionomia della forma sulla base di parametri coerenti e omogenei. In tal modo la "grammatica" del sonetto individuata in un canzoniere, o in un gruppo di canzonieri, finisce per diventare un fatto storicamente rilevante, un singolo punto che prende senso perché parte di un sistema in divenire, che lo ingloba e insieme lo trascende, e che coincide, appunto, con la tradizione storica di questo metro. Tanto che il disegnare quel sistema per intero, nello spazio e nel tempo, potrebbe essere indicato come l'orizzonte ideale cui questo tipo di ricerche tende.

La caccia nell'ars nova italiana....

Sismel 2019

Non disponibile

105,00 €
Il volume consiste nell'edizione critica dell'intero corpus di cacce attualmente note (22 testi e 19 intonazioni), introdotta da uno studio che, in prospettiva interdisciplinare, permette di orientarsi di fronte alle numerose questioni sollevate da un genere minoritario rispetto al madrigale e alla ballata, ma di grande rilevanza nella tradizione poetico-musicale del Trecento italiano.

Storia della musica antica....

Raneri Eugenio
Edizioni del Faro 2019

Non disponibile

24,00 €
Alle incerte notizie che riguardano l'Antichità e le prime civiltà storiche fanno seguito, con l'ingresso della Grecia classica nel panorama musicale, informazioni sempre più ricche e dettagliate dalle quali si deduce il ruolo di prima grandezza esercitato da quella cultura anche sul piano educativo ed estetico. L'improvviso vuoto verificatosi quindi con la caduta dell'Impero Romano viene ben presto colmato dal canto gregoriano che nei primi secoli dell'era cristiana si impone come novità assoluta e accanto ad esso, benché in modo più sotterraneo, si sviluppano repertori profani che sfociano nella produzione musicale dei Trovatori e dei Trovieri. Il decisivo salto di qualità è tuttavia la nascita della Polifonia tra il XII e il XIII secolo. Elaboratasi ulteriormente durante il Trecento in Francia e Italia, la polifonia rappresenta l'espressione del più alto artigianato allorché, sotto l'effetto di profonde trasformazioni, entra a far parte delle scuole musicali del Quattrocento franco-fiammingo per ravvivarsi grazie al sorgere dell'Umanesimo nelle corti rinascimentali italiane...

Codici per cantare. I libroni del...

LIM 2019

Non disponibile

40,00 €
I Libroni preparati per la cappella musicale del Duomo sotto la direzione di Franchino Gaffurio sono fra le più preziose testimonianze della vita culturale a Milano fra Quattro e Cinquecento. Imponenti per dimensioni, seppur non esteticamente ricercati, i manoscritti tramandano il variegato repertorio di polifonia che risuonò fra le arcate della cattedrale ancora in cantiere in un periodo particolare e decisivo nella storia della città. Gli anni, infatti, in cui il maestro di cappella Gaffurio (in carica dal 1484) allestisce i quattro Libroni, includendovi composizioni per la messa e i vespri di autori come Compère, Weerbeke, Josquin e Isaac, oltre alle proprie, sono quelli dell'ascesa di Ludovico il Moro, della sua drammatica caduta e poi del primo dominio francese sul ducato di Milano. Gli anni, insomma, che chiudono l'epoca e l'epopea dei Visconti e degli Sforza (a prescindere dalle successive effimere restaurazioni) e riconfigurano il destino della città su orizzonti geopolitici diversi.

Mecenatismo musicale dei Della...

Brumana Biancamaria
Morlacchi 2019

Non disponibile

12,00 €
Il mecenatismo musicale ebbe un ruolo determinante nella creazione dell'identità nobiliare dei signori del Rinascimento. Le occasioni celebrative dei Della Corgna, titolari del marchesato e poi ducato di Castiglione del Lago dal 1563 al 1647, organizzate nel 2016, hanno offerto lo spunto per indagini musicali che si sono rivelate di notevole interesse. Si prendono in considerazione gli intermedi della commedia "Honesta schiava" di Girolamo Pico, editi nel 1601 e dedicati ad Ascanio II Della Corgna. Tali intermedi, esemplati sugli analoghi spettacoli fiorentini del Cinquecento, sono stati presentati in una forma parzialmente scenica al festival di Corciano del 2016 con la giustapposizione di musiche d'epoca e di brani commissionati a compositori contemporanei. Presso la corte di Ascanio II trascorse i suoi ultimi anni il poeta Cesare Caporali, già al servizio del cardinale Fulvio I e di Ascanio I. Alcuni suoi testi poetici furono messi in musica da Nicolò Dorati, Stefano Felis, Rinaldo Del Mel, Alessandro Striggio, Aurelio Bonelli. La lettura del volume offre un esempio concreto delle diverse forme attraverso le quali venne esercitato il mecenatismo musicale tra '500 e '600.

Orazio Colombano (1554 ca.-post...

Silano D.
Il Prato 2018

Non disponibile

60,00 €
Nel 1579, una tradizione plurisecolare, confluita in preziose testimonianze codicologiche ed archivistiche, accoglieva il giovane Orazio Colombano al suo arrivo nella cattedrale di Vercelli, in qualità di moderatore della musica, al seguito del grande vescovo riformatore Francesco Bonomi. La raccolta Harmonia super vespertinos omnium solemnitatum psalmos sex vocibus, pubblicata in quello stesso anno da Gardano a Venezia - opera sontuosa e magniloquente, prima fatica editoriale dell'autore nonché prima stampa a noi nota di un musicista attivo nell'istituzione vercellese - viene qui offerta in trascrizione moderna con attenzione agli aspetti filologici. È preceduta da uno studio che indaga la presenza dell'autore a Vercelli, la storia, i protagonisti e la prassi di una Cappella sabauda in epoca post-tridentina e le caratteristiche formali quali il linguaggio, la struttura e la semiografia della raccolta. L'edizione inaugura la Serie Bibliotheca Musicalis Ecclesiae Vercellensis, dedicata allo studio e alla pubblicazione del ricchissimo fondo liturgico-musicale del Capitolo Metropolitano della città eusebiana e delle opere dei compositori attivi dal XVI secolo ad oggi nell'istituzione vercellese. Mons. Denis Silano, direttore di coro e studioso di musica antica, è Maestro di Cappella della Cattedrale e direttore della Scuola Diocesana di Musica Sacra di Vercelli.

Gesualdo dentro il Novecento. Atti...

Tortora D.
Edizioni S. Pietro a Majella 2017

Non disponibile

25,00 €
Il volume, introdotto da Daniela Tortora e con una premessa di Elsa Evangelista, direttore del Conservatorio di San Pietro a Majella, accoglie i contributi di Roman Vlad, Glenn Watkins, Dinko Fabris, Massimiliano Locanto, Patrizia Veroli, Mila De Santis, Giovanni Guanti, Matteo Sansone, Vincenzo De Gregorio, Renato Di Benedetto, Daniela Tortora, Ivanka Stoianova, Pietro Misuraca, Stefano Lombardi Vallauri, Bo Holten, Enrico Renna. Il volume fa il punto della situazione sulla più recente bibliografia gesualdiana e su quei musicisti che si sono rivelati più sensibili al fascino del grande madrigalista. Al volume è allegato un CD-Rom contenente le musiche eseguite durante il concerto intitolato Dialoghi con Gesualdo, musiche di Francesco d'Avalos e degli allievi del laboratorio di composizione tenuto da Enrico Renna, eseguite dall'orchestra di fiati del Conservatorio di Napoli diretta da Paolino Addesso.

L'officium S. Miniatis...

Alpigiano Giovanni
Pagnini 2016

Non disponibile

30,00 €
La leggenda di San Miniato, il suo culto, la storia della basilica romanica di San Miniato al Monte (Firenze) che ne onora la memoria, in una erudita trattazione insieme alla trascrizione dell'ufficio di San Miniato secondo l'antifonario dell'Archivio Arcivescovile di Firenze. Al libro è allegato un CD, in una suggestiva esecuzione, dell'Officium Sancti Miniatis (coro Viri Galilaei, Ensemble San Felice).

Carlo Gesualdo da Venosa. Per una...

Cogliano Annibale
Giuseppe Barile 2016

Non disponibile

60,00 €
"Nel 1960 Igor Stravinsky scrisse un omaggio intitolato Monumcntum pro Gesualdo ad CD annum, pensando che Carlo Gesualdo fosse nato nel 1560; il grande compositore si era sbagliato sulla data, ma a quel tempo nessuno sapeva quale fosse l'anno giusto: solo in seguito si è accertato che Gesualdo fosse nato nel 1566. La data della morte, invece, non era mai stata posta in dubbio, poiché Gesualdo morì l'8 settembre 1613, ed è per questo che ho compiuto il mio ultimo viaggio a Gesualdo, per il IV centenario, nel novembre del 2013. L'intera rinascita di interesse per Carlo Gesualdo è iniziata grazie a Igor Stravinsky (con l'assistenza di Robert Craft) e io fui pienamente coinvolto in quella riscoperta pionieristica agli inizi della mia carriera. Nel lontano 1953 ero studente all'Università di Oxford e a quei tempi non esisteva ancora una edizione completa della sua opera e solo pochissime notizie biografiche erano conosciute. Pochi anni più tardi comparvero le mie pubblicazioni sulla musica sacra di Gesualdo, che divennero parte della prima edizione completa delle sue opere, condotta con Wilhelm Weismann. La pubblicazione dei Responsoria nel 1959 mi mise in contatto con Stravinsky che conobbi a New York proprio nel 1960, l'anno del Monumentum, e subito dopo ebbe luogo il mio primo viaggio nella cittadina di Gesualdo, occasione per visitare il castello e per ammirare la celebre Pala del Perdono nella chiesa di Santa Maria delle Grazie..." (Dalla Prefazione di Glenn Watkins)

Giovanni Maria Nanino. «Cantor...

Pastori Maurizio
Ist. di Bibliografia Musicale 2016

Non disponibile

45,00 €
Risultati di una ricerca riguardante uno dei massimi esponenti della Scuola Polifonica musicale romana. Con cataloghi, bibliografie e appendici documentarie.

Puta/Putana. Donne, musica, teatro...

Altese M. P.
Il Palindromo 2016

Non disponibile

18,00 €
Il volume traccia un percorso attraverso la rappresentazione del femminile nell'universo artistico e musicale tra Cinque e Settecento, a partire dalle fanciulle orfane o indigenti che già dal XVI secolo vivevano negli Ospedali veneziani: le "pute" o "putte" alle quali veniva impartita una rigida istruzione musicale. Una emblematica oscillazione semantica della parola "puta" conduce ad una delle più segrete e profonde ambivalenze dell'immagine femminile nella storia della cultura: "puttana" è infatti l'accusa reiterata e violenta che Otello, protagonista dell'omonima tragedia shakespeariana, rivolge a Desdemona. Gli spazi indagati vanno dalla scena teatrale, affrontando l'articolata questione storica ed interpretativa del costume per la scena, fino al teatro musicale e alla costruzione del personaggio femminile nelle forme della cantata e dell'opera del Sei-Settecento. Nonostante il legame con precisi codici rappresentativi, il racconto del femminile appare sempre percorso da nodi simbolici e ambiguità ed emergono così ritratti di donne artiste che, come Maddalena Lombardini, hanno affermato eccezionalmente la propria professionalità nel campo della musica.

Vivacità e contrappunto nella...

Longo Claudio G.
Youcanprint 2015

Non disponibile

6,00 €
Il saggio traccia l'evoluzione delle forme poetiche musicali minori negli anni a cavallo tra i secoli XVI e XVII. Con dovizia di particolari e un saldo aggancio alle fonti si ripercorre lo sviluppo e la diffusione nel periodo esaminato di canzoni, canzonette e villanelle.

Missa papae Marcelli

Berrini Marco
Youcanprint 2015

Non disponibile

12,00 €
Tra il 1575 e il 1579 Giovanni Francesco Anerio (Roma, ca. 1567-1630) è cantore della Cappella Giulia sotto la guida di Palestrina, che in quegli anni ne era il maestro. Durante questo periodo di formazione, si consolida nel futuro compositore la conoscenza e la familiarità con il più osservato stile contrappuntistico della musica sacra del suo tempo. Tra il 1613 e il 1620, Anerio lavora a Roma presso la basilica di Santa Maria dei Monti: nel 1619 dà alle stampe la sua versione a 4 voci della palestriniana "Missa papae Marcelli": un evidente tributo al suo maestro e a una delle sue opere più famose. Il volume presenta l'edizione moderna di questa singolare "Missa papae Marcelli" a 4 voci di Anerio, a cura di Marco Berrini.

Carlo Gesualdo. L'uomo, il suo...

Tarantino Fraternali Orsola
Terebinto Edizioni 2015

Non disponibile

15,00 €
Coronando con questo lavoro anni di lunghe e appassionate ricerche, Orsola Tarantino Fraternali offre un contributo di prim'ordine alla ricostruzione delle spesso complesse e tormentate vicende dei Gesualdo, e soprattutto di Carlo. L'originalità del volume

Il primo libro de' madrigali a...

Saggio F.
ETS 2014

Non disponibile

45,00 €
L'importanza del Primo libro de' madrigali a quattro voci di Philippe Verdelot (Venezia 1533) è stata da tempo riconosciuta dalla storiografia musicale che si occupa del madrigale cinquecentesco, vuoi per la novità della pubblicazione, è la prima silloge madrigalistica monografica, vuoi per l'incidenza che esso ha avuto nella genesi e nella diffusione del madrigale vero e proprio. La fortuna editoriale di cui ha goduto è esemplare: quattordici edizioni complessive, tre singole e undici insieme al Secondo libro a quattro voci sempre di Verdelot. Ma la ricezione veneziana in qualità di 'classico' è solo una parte della sua tradizione. Si tratta di documenti che, come ha dimostrato Francesco Luisi, testimoniano il passaggio cruciale dalla frottola aulica, alla canzone vocale fino alle soglie del madrigale propriamente detto. Questo studio prende avvio da una disamina "storico-analitica" dei fenomeni musicali qui sintetizzati, per procedere a un'edizione critica complessiva dei ventotto madrigali raccolti nel Primo libro di Verdelot. I dati critici raccolti riflettono la centralità della tradizione manoscritta, luogo privilegiato in cui è tuttora custodita la volontà d'autore, ma evidenziano al contempo la funzione decisiva di divulgazione su larga scala che l'edizione intagliata da Andrea Antico e stampata da Scotto ha avuto nel panorama musicale cinquecentesco.

Renaissance then and now: danza,...

Baldassarri S. U.
ETS 2014

Non disponibile

15,00 €
Ricordando il modello di mecenatismo che rese possibile la straordinaria produzione culturale del Rinascimento fiorentino, il simposio internazionale su danza, musica e teatro promosso da ISI Florence a Palazzo Rucellai sottolinea l'opportunità di promuovere una rinascita delle arti performative all'inizio del terzo millennio. Oltre a illustrare, da diverse prospettive, come queste discipline sono state percepite e promosse in epoca rinascimentale o nel XX secolo, i contributi qui raccolti ribadiscono il ruolo fondamentale che esse sono chiamate a svolgere nella società contemporanea.

Regole per ben suonare e cantare....

Acciai Giovanni
ETS 2014

Non disponibile

23,00 €
In questo numero dei Quaderni del Conservatorio la ricerca musicologica viene finalizzata alla didattica. I primi due saggi sono il frutto dell'esperienza nell'ambito della prassi esecutiva dei docenti Giovanni Acciai, musicologo e direttore di cori, ed Enrico Gatti, specialista del violino barocco. Il saggio di Giovanni Acciai si propone di fare chiarezza sulla trasformazione del concetto di ritmo e di metro nella musica vocale e strumentale del primo Seicento, attraverso la lettura e l'interpretazione delle fonti teoriche più autorevoli dell'epoca. Quello di Enrico Gatti si concentra invece sull'arte dell'ornamentazione, partendo dalle intavolature medievali fino ad arrivare alle fonti del primo Ottocento, per mostrare i mutamenti nella prassi esecutiva. All'arte dell'ornamentazione, considerata da Giuseppe Tartini una componente essenziale del buon gusto, fa riferimento anche Konrad Tavella, che studia una copia manoscritta, recentemente riscoperta, delle Regole per ben suonare il violino del famoso violinista e compositore. I tre lavori sono rivolti a musicologi, docenti, allievi e interpreti che potranno far tesoro degli insegnamenti e consigli in essi contenuti.

Giovanni Gabrieli compositore ed...

Buono Michela
Edizioni del Faro 2014

Non disponibile

11,50 €
Viene presentata la musica di Giovanni Gabrieli, inquadrandola nel particolare contesto politico e culturale della Venezia del Rinascimento. Giovanni Gabrieli, un personaggio in parte dimenticato, ma che resta un gigante della musica italiana ed europea, anticipatore della musica barocca, fondatore della musica strumentale pura. È il musicista con cui la musica acquista una espressività autonoma: egli infatti ha la capacità di superare il testo scritto di una canzone o sonata, dispiegando, così, la propria immaginazione e creatività di artista e creando delle intense tonalità emozionali che scaturiscono dal proprio personale tessuto emotivo.

Storia cromatica della musica...

Nardella Giampaolo
Armando Editore 2014

Non disponibile

8,00 €
La storia cromatica è la narrazione, costruita secondo la libera forma del saggio-racconto, delle vicende di personalità e di aspetti della musica antica e medioevale rivisitate attraverso il nesso, tanto problematico quanto realistico, di armonia e di metafisica, cioè nella prospettiva che il mondo moderno, nella sua temperie laicistica e specialistica, considera affatto perenta. I valori espressi dal pensiero musicale e filosofico della civilitas classico-cristiana rappresentano invece un riferimento imprescindibile non soltanto per l'Occidente, ma per l'humanitas d'ogni epoca e luogo.

Itinerari storico-musicali a Napoli...

Ambrosio M. Adele
LIM 2014

Non disponibile

23,00 €
Scopo di questo libro è stato quello di offrire un ampio spaccato della vita musicale della Napoli dei secoli XVI, XVII e XVIII attraverso la storia di istituzioni particolari quali le cappelle musicali, organismi peraltro molto diffusi, in quei secoli, no

Musica e madrigali al tempo di...

Lanzo Stefania
Sometti 2014

Non disponibile

30,00 €
Nell'aprile del 1588, a pochi mesi dall'ascesa al potere di Vincenzo I Gonzaga, ventiquattro musici di origine mantovana, per volontà del nobile Alfonso Preti, si prestano ad un progetto compositivo comune realizzando una pubblicazione dal titolo "L'amoros