Diritto sulle informazioni confidenziali

Filtri attivi

Sicurezza delle informazioni....

Bonacina Stefano
Ipsoa 2014

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Il fattore umano, non la tecnologia, è la chiave per fornire un adeguato e appropriato livello di sicurezza in azienda. Dati e applicazioni danneggiati da malware o altri incidenti tecnici, furto o divulgazione dolosa o colposa di informazioni sensibili, sanzioni per mancata compliance a causa di eventi imprevisti, sono inconvenienti nei quali può incorrere un'azienda per colpa di una cattiva gestione della sicurezza delle informazioni al proprio interno. Un programma efficace di Awareness e formazione a livello aziendale è fondamentale per assicurare che le persone comprendano le proprie responsabilità di sicurezza e le policy organizzative, ed è importante perché imparino a usare e proteggere, in modo adeguato, le risorse a esse assegnate. Questo libro è una guida per costruire, attuare e mantenere un programma innovativo e completo di Awareness e formazione. Le linee guida sono presentate in forma di approccio a ciclo di vita: partono dalla progettazione di un programma di Awareness e training; passano poi al suo sviluppo e alla sua implementazione; arrivano infine alla valutazione ex-post del programma stesso. Il libro spiega anche come i manager della sicurezza possono identificare le necessità di Awareness e training, sviluppare un piano formativo e ottenere i finanziamenti adeguati.

Informativa societaria e abusi di...

Petracci Barbara
Carocci 2007

Non disponibile

18,00 €
Nell'acceso dibattito sull'informativa societaria sviluppatosi dopo gli scandali finanziari di Enron, Tyco e Worldcom, l'attenzione di legislatori e operatori economici si è focalizzata sui cosiddetti abusi di mercato, categoria che comprende sia l'insider trading che la manipolazione di mercato. La prima locuzione indica la negoziazione di valori mobiliari da parte di soggetti detentori di informazioni privilegiate. La seconda è relativa all'attività di chi turba l'ordine del mercato divulgando notizie false, esagerate o tendenziose. L'entrata in vigore nel 2005 in Europa della Market Abuse Directive ha determinato il rinnovamento delle norme in materia anche in Italia. Dalla descrizione dei diversi contributi teorici sulla materia e sullo sviluppo della normativa, questo studio analizza la facoltà di stabilire black out periods riconosciuta alle società quotate italiane per l'anno 2003, al fine di verificarne l'osservanza e di indagare la validità della scelta del legislatore nazionale di rendere obbligatoria l'adozione degli stessi a partire dal 2007.