Responsabilità degli stati e di altre entità

Filtri attivi

Reato transnazionale e...

Chiarelli Elisabetta
Aracne 2018

Non disponibile

12,00 €
Il volume approfondisce il rapporto intercorrente tra criminalità organizzata transnazionale e impresa. A partire dalla definizione di reato transnazionale stabilita nella Legge n. 146/2006, attuativa della Convenzione di Palermo del 2003, si esamina poi la disciplina prevista nel D.lgs. n. 231/2001 sulla responsabilità da reato dell'ente. L'obiettivo è analizzare gli ultimi interventi normativi realizzati sulla scorta dell'input proveniente dall'ordinamento sovranazionale. L'opera riconsidera, inoltre, l'estrema funzionalità degli istituti normativi già previsti nell'ordinamento interno. Essi non sono mai obsoleti e si palesano idonei a contrastare la capillare diffusione del crimine organizzato.

Colpe di stato. I crimini di guerra...

Veronesi Paolo
Franco Angeli 2017

Non disponibile

32,00 €
La sentenza costituzionale n. 238/2014 è una pronuncia "storica". In essa si afferma che non può avere applicazione, in Italia, la consuetudine internazionale che esclude la responsabilità civile degli stati per i danni derivanti dai crimini di guerra e contro l'umanità compiuti da loro funzionari. Tale norma - afferma la Corte - è in radicale contrasto con i principi supremi della nostra Costituzione (i c.d. "controlimiti"). In Italia è dunque ora possibile convenire in giudizio gli stati stranieri responsabili di simili violazioni dei diritti fondamentali (si pensi ai processi sui crimini nazisti compiuti dopo l'8 settembre). Tante sono però le perplessità che la sentenza ha suscitato. Per molti osservatori, ad esempio, la decisione della Corte non rispetterebbe importanti cardini del processo costituzionale: a questa analisi è dedicata la parte centrale del libro. Ci si chiede inoltre se sarà davvero possibile che le vittime ottengano i risarcimenti loro dovuti (nonostante le sentenze di condanna che cominciano a fioccare e che nel libro sono riportate). Si teme altresì che l'Italia - per "ritorsione" - possa essere chiamata a rispondere dei crimini compiuti dalle sue truppe durante il fascismo. In quale contesto di "globale" rimessa in discussione delle immunità statali si colloca poi questa pronuncia? E potrà essa contribuire alla formazione di una diversa consuetudine internazionale valida per tutti i paesi? Queste, in sintesi, alcune delle questioni affrontate nel libro, il quale distingue l'"anatomia", il "contesto" e il "seguito" ancora in corso di questa importante sentenza costituzionale.

Modelli organizzativi e organismo...

Valenzano Anna S.
Aracne 2007

Non disponibile

11,00 €
Di recente il nostro legislatore ha introdotto - con il d.lgs. 231/01 - un innovativo sistema che mira alla prevenzione dei reati che possono innestarsi nel tessuto dell'impresa. In particolare, è stata prevista la possibilità per gli enti di dotarsi di un sistema di modelli organizzativi specificamente orientati alla prevenzione, che, se effettivamente idonei, li esonerano dalla responsabilità "da reato". Protagonista della prevenzione degli illeciti penali è, senz'altro, l'organismo di vigilanza, che opera in veste di "custode" della correttezza dei modelli organizzativi e dunque del sistema di legalità preventiva nell'impresa. Il volume approfondisce perciò un tema di assoluta novità, fornendo precise coordinate per l'istituzione, la struttura e il funzionamento dell'organismo di vigilanza medesimo.