Molestie

Filtri attivi

Il delitto di atti persecutori

De Simone Giulio
Aracne 2013

Non disponibile

14,00 €
La fattispecie di atti persecutori (c.d. stalking) ha avuto ingresso nel nostro sistema penale solo in tempi relativamente recenti, nel 2009, attraverso l'innesto nel codice dell'art. 612-bis. Con ciò il legislatore italiano si è finalmente allineato a una tendenza di politica criminale già emersa da tempo nei sistemi giuridici dei Paesi più evoluti.

Lo stalking

Tovani S. (cur.); Trinci A. (cur.)
Dike Giuridica Editrice 2009

Non disponibile

25,00 €
Negli ultimi anni l'esigenza di tutelare le vittime di abusi sessuali e di atti persecutori è stata percepita in modo sempre più palpabile, quasi drammatico. Il Governo ha inteso fronteggiare questa emergenza sociale con il varo del d.l. 23 febbraio 2009, n. 11, contenente "misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori", convertito il 23 aprile 2009 dalla legge n. 38. Si tratta di un provvedimento che apporta modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, alla legge di ordinamento penitenziario, al testo unico in materia di spese di giustizia ed al testo unico in materia di immigrazione, oltre ad alcune novità di minore rilievo. Gli autori di questo volume corale non si sono sottratti all'improbo, ma affascinante compito di cogliere il nucleo essenziale delle più significative novità che toccano le disposizioni penalistiche e processual-penalistiche, tutte accomunate dal bisogno di fornire risposta alla crescente voglia di sicurezza collettiva. Al centro del palcoscenico si staglia il reato di atti persecutori (art.612-bis), cd. Stalking, di cui si analizzano i cromosomi ed i misteri, in attesa del faro che su questa fattispecie verrà acceso dalla giurisprudenza.