Finanza pubblica

Filtri attivi

La concorrenza fiscale tra stati

Boria P. (cur.)
CEDAM - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €
Il volume contiene gli atti di un convegno tenuto alla Sapienza Università di Roma in data 9.2.2017 sul tema della "concorrenza fiscale tra Stati" che costituisce uno dei temi di maggiore attualità e rilevanza nel panorama di politica tributaria internazionale. La concorrenza fiscale tra Stati costituisce, infatti, una forma recente di competizione tra le diverse sovranità nazionali, ispirata dall'obiettivo di attrarre capitali ed imprese sul territorio dello Stato attraverso l'utilizzo (anche disinvolto) della leva tributaria.

Corso di scienza delle finanze

Bosi P. (cur.)
Il Mulino - 2019

Disponibilità Immediata

39,00 €
Il manuale offre una trattazione della scienza delle finanze, sotto il profilo sia degli strumenti teorici, sia dell'esposizione critica delle istituzioni di finanza pubblica del nostro paese. In questa nuova edizione è stata integralmente aggiornata e ampliata la presentazione delle molteplici innovazioni intervenute nell'ultimo triennio in materia di bilancio, federalismo fiscale, patto di stabilità ed evoluzione delle istituzioni comunitarie, programmi del welfare state.

Professionisti e fisco 2019

Delladio Carlo; Coser Roberta
Il Sole 24 Ore - 2019

Disponibilità Immediata

37,00 €
La Guida completa e di agevole consultazione dedicata ai professionisti per affrontare tutte le problematiche legate alla scelta e alla gestione dei regimi fiscale e contabile. Aggiornata con le ultime novità normative (in particolare la L. 145/2018, Legge di Bilancio 2019, ed il D.L. 34/2019, conv. con L. 58/2019, «Decreto crescita») e di prassi. Il volume affronta tutte le principali voci con le quali ogni professionista ha a che fare quotidianamente, dalla gestione dello studio professionale agli immobili in generale, dall'auto alle dotazioni informatiche, fornendo per ciascuna di esse utili indicazioni operative per il corretto trattamento fiscale e contabile.

Lo scambio di dati a livello internazionale....

Errico Vincenzo
Hoepli - 2019

Disponibilità Immediata

27,90 €
Lo scambio dati a livello internazionale fra le autorità fiscali dei vari paesi, finalizzato al contrasto dell'evasione e dell'elusione delle imposte, coinvolge significativamente gli intermediari finanziari quali banche, assicurazioni, società di gestione del risparmio, società fiduciarie, holding finanziarie, ecc. nonché intermediari del fisco quali, in particolar modo, commercialisti e notai. Il volume affronta i principali modelli di scambio dati a livello internazionale, con riferimento all'inquadramento giuridico degli stessi e agli adempimenti in capo agli intermediari che comprendono non solo banche, società di assicurazione, società di gestione del risparmio, SIM, fiduciarie, holding finanziarie, ma anche commercialisti, notai e altri professionisti del settore.

Compendio di contabilità di Stato

Monorchio Andrea; Mottura Lorenzo G.
Cacucci - 2018

Disponibilità Immediata

38,00 €
Dal punto di vista giuridico, per contabilità pubblica s'intende il sistema delle norme che regolano le attività di acquisizione, conservazione e impiego delle risorse da parte delle amministrazioni pubbliche, l'insieme delle procedure di formazione dei documenti di bilancio nonché i relativi criteri di contabilizzazione e controllo delle operazioni. Il termine "contabilità", dunque, non viene assunto nel significato di "tenuta dei conti", ma nel senso di "dare conto" che la gestione delle risorse pubbliche avvenga nel rispetto delle procedure e, più in generale, delle norme previste dall'ordinamento. In quest'ottica, il campo d'indagine del presente Compendiosi estende: alla individuazione dei soggetti destinatari delle disposizioni in materia di contabilità pubblica (capitolo I); alla gestione del bilancio e quindi all'esame dei modelli contabili a contenuto finanziario e con funzioni previsionali ed autorizzatone (capitolo V); alla gestione economica, intesa come sistema di contabilità economica per centri di costo, che consente di seguire l'andamento dell'azione amministrativa e di valutarne i risultati in termini di efficienza, efficacia ed economicità (capitolo VI); ai vincoli economici e finanziari derivanti dall'ordinamento dell'Unione europea, con riguardo al Patto di stabilità e crescita, alla procedura nei casi di disavanzi eccessivi, al «Fiscal Compact», agli altri strumenti europei di coordinamento ex onte delle politiche economiche e di bilancio degli Stati membri e al Meccanismo Europeo di Stabilità (capitolo III). Viene altresì esaminato il conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche (capitolo VII), il cui saldo è assunto quale parametro di riferimento per l'obiettivo che gli Stati membri devono assumere per assicurare l'equilibrato sviluppo dell'economia europea; al debito pubblico e alle garanzie pubbliche, con particolare riferimento a quelle concesse a favore del sistema del credito e a salvaguardia della stabilità della moneta unica (capitolo Vili); alla gestione del patrimonio, con riguardo sia alla redazione degli inventari dei beni pubblici e alla relativa rappresentazione nel conto generale del patrimonio, sia all'amministrazione degli stessi (capitolo IX); all'attività contrattuale che la pubblica amministrazione pone in essere per perseguire gli interessi pubblici, nel rispetto di procedure che garantiscano la concorrenzialità, la non discriminazione, l'imparzialità nella scelta della controparte e, più in generale, il buon uso del denaro pubblico (capitolo X); ai controlli necessari per verificare che l'azione amministrativa sia svolta nel rispetto della legge e dei canoni dell'efficienza, dell'efficacia e dell'economicità (capitolo XI); alle responsabilità e i conseguenti obblighi di risarcimento del danno patrimoniale causato dai soggetti cui è demandata la gestione di risorse pubbliche (capitolo XII); all'ordinamento contabile e finanziario degli enti diversi dallo Stato, alle disposizioni in materia di coordinamento ed armonizzazione dei sistemi contabili di regioni ed enti locali (capitolo XIII). Raccogliere gli argomenti sopra accennati, coordinare l'universo delle disposizioni che li disciplinano e tracciarne i fondamenti è quanto si è cercato di fare con il presente Compendio; un compito che continua ad entusiasmarci ed a sedurci e che, senza alcuna pretesa di esaustività, sottoponiamo agli studenti e a quanti vogliano esplorare i fenomeni oggetto di indagine.

Manuale di contabilità e finanza pubblica

Santoro Pelino; Santoro Evaristo
Maggioli Editore - 2018

Disponibilità Immediata

59,00 €
L'ottava edizione del Manuale, aggiornata e arricchita, garantisce un'analisi completa di tutte le materie che rientrano nella contabilità pubblica, costituendo un supporto per chi si accinge a operare professionalmente o intenda acquisire le nozioni necessarie per la partecipazione ai concorsi. Nell'ultimo triennio non sono mancate le novità: il testo è stato scrupolosamente aggiornato con gli opportuni richiami dottrinari e giurisprudenziali oltre che normativi. L'introduzione del principio della competenza finanziaria potenziata (l. n. 163/2016) ha sconvolto una secolare metodologia scritturale basata sulla ortodossia della nozione di impegno correlata alla nascita di un'obbligazione giuridicamente perfetta. È cambiata la struttura del bilancio dello Stato (d.lgs. n. 90/2016) ed è stato riordinato il bilancio di cassa (d.lgs. n. 93/2016 e n. 29/2018). La legge rafforzata, attuativa del principio di equilibrio dei bilanci pubblici, è stata riscritta (l. n. 164/2016), con l'adozione del nuovo criterio del saldo non negativo, in termini di cassa e di competenza, tra le entrate e le spese finali. Sul fronte delle autonome territoriali sono stati aggiornati e riscritti i principi contabili ed è stato consolidato il sistema di controllo e la giustiziabilità delle relative pronunce, se lesive di situazioni giuridiche soggettive. Infine è stata aggiornata e sistemata tutta la disciplina processuale con l'adozione del nuovo Codice della giustizia contabile (d.lgs. n. 174/2016), ivi compresa la prima regolazione dei giudizi c.d. sanzionatori, mentre è stato definito, a parte, il quadro normativo del danno erariale riferibile alle società pubbliche (T.U. n. 175/2016). L'inevitabile riscrittura del testo ha fornito una buona occasione per una meditata ristrutturazione, con una diversa sistemazione ed articolazione, sviluppata per settori tematici e argomenti di maggiore impatto conoscitivo, per agevolarne lo studio e la conoscenza.

Dalle Alpi alle finanze

Salsano Fernando
Il Mulino - 2019

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Quintino Sella è stato il protagonista della lotta per il risanamento finanziario che accompagnò la nascita del Regno d'Italia. Per tre volte ministro delle Finanze, perseguì strenuamente il riequilibrio dei conti pubblici e per questo il suo nome è rimasto associato a due opposti stereotipi: lo spietato torchiatore dei contribuenti da un lato e il salvatore della patria dall'altro. Nella definizione di tali appellativi un ruolo cruciale fu giocato dalla pubblicistica coeva e in particolare dalla stampa satirica, che nell'Italia postunitaria conobbe una stagione di straordinaria fioritura. Sella divenne uno dei bersagli preferiti dei caricaturisti, che amavano ritrarlo nell'atto di imporre sacrifici ai cittadini. Il volume presenta una scelta di 100 vignette, realizzate da importanti disegnatori italiani e pubblicate da giornali satirici come «Pasquino», «Lo Spirito folletto», «Il Diavolo», «Il Lampione». Ogni vignetta è accompagnata da un commento che illustra il contesto politico, il ruolo di Sella, l'orientamento del giornale, il significato del disegno, i personaggi raffigurati, l'ironia dell'autore. Spesso sottovalutata dalla storiografia, la satira si rivela una fonte per cogliere particolari del passato altrimenti impalpabili: gli umori dell'opinione pubblica, i «luoghi comuni», il rapporto tra élite e lettori, la percezione dei problemi del Paese. Il risultato è una fotografia dell'Italia postunitaria, che tra mille sacrifici costruisce la propria identità anche attraverso la desacralizzazione della politica.

Finanza e controllo nelle autonomie locali

Longoni Paolo; Poliso Rosario
Phasar Edizioni - 2018

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
La pubblicazione raccoglie gli scritti pubblicati dagli Autori nel biennio 2016-2017 su riviste specializzate in materia di Enti Locali e di Pubblica Amministrazione. Pur affrontando argomenti diversi (bilancio, personale, programmazione, revisione economico-finanziaria) il filo rosso che unisce tutti gli interventi è quello dell'approfondimento sulle tematiche in continua evoluzione sulla complessa ed articolata materia.

La crisi economica e il macigno del debito

Mazziero Maurizio; Lawford Andrew
Hoepli - 2018

Disponibile in 3 giorni

24,90 €
Crisi economica 2007-2018: si può ancora definire crisi dopo oltre dieci anni? Oppure siamo di fronte a un cambiamento strutturale generato da scelte che hanno privilegiato la finanziarizzazione dell'economia e l'impiego esteso del debito per controbilanciare un calo della produttività e un lassismo nel varare adeguate riforme di sviluppo? Il libro descrive tutti gli aspetti che hanno portato alla crisi di questi anni e le misure di sostegno delle banche centrali. Crisi bancaria e debito sovrano vengono posti sotto la lente di ingrandimento; grande risalto viene riservato alla situazione del nostro paese attraverso un esame delle sofferenze bancarie e della composizione della spesa pubblica, individuando gli elementi di criticità e le ragioni per cui l'Italia cresce meno degli altri. Il testo si conclude con le strategie di autodifesa per imprenditori e investitori.

Economia del settore pubblico. Fondamenti...

Stiglitz Joseph Eugene; Rosengard Jay K.; Gastaldi F. (cur.); Pisauro G. (cur.)
Hoepli - 2018

Disponibile in 3 giorni

49,00 €
La terza edizione italiana dell'ormai classico manuale di Joseph E. Stiglitz contiene una trattazione chiara e accessibile sul piano espositivo, ma rigorosa nell'approccio e aggiornata nei contenuti, delle basi teoriche dell'intervento pubblico nell'economia e delle forme concrete in cui esso si realizza. Nel volume sono presentati i fondamenti dell'economia del benessere (la nozione di efficienza paretiana, i teoremi dell'economia del benessere e i limiti del mercato, la funzione del benessere sociale) e le motivazioni dell'intervento pubblico attraverso programmi di spesa, sistema tributario e regolamentazione dell'attività dei privati. In questo contesto assumono rilievo temi quali la spesa per i beni pubblici, gli interventi correttivi delle esternalità, la produzione pubblica e la regolamentazione dei monopoli naturali. Un'attenzione particolare è dedicata alla teoria della tassazione: i principi generali che dovrebbero governare il sistema tributario, gli effetti delle imposte sull'efficienza economica e sulla distribuzione del reddito, il bilanciamento tra considerazioni di efficienza e di equità nel disegno delle imposte e la scelta della base imponibile tra reddito e consumo. Approfondimenti specifici sono inoltre dedicati allo studio delle forme concrete con cui si realizza l'intervento pubblico nell'economia: sono analizzati i principali programmi di spesa pubblica (sanità, previdenza e assistenza) e le più importanti imposte (sulle persone fisiche e sulle società di capitali). Sono infine discusse le ragioni economiche che guidano la divisione delle responsabilità per l'intervento pubblico tra livelli di governo diversi. Il volume è scaricabile in versione digitale da leggere, sottolineare e annotare, su tablet e computer.

Chiamata alle armi. I veri costi della spesa...

Caruso Raul
EGEA - 2018

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Quali sono le vere cifre della spesa militare in Italia? Quale la sua composizione e quali le scelte che la guidano? Fino a che punto è vero che la spesa militare può trainare la crescita di un paese? Quale ambigua relazione intercorre tra ricerca, sviluppo tecnologico e corsa agli armamenti? Relativamente al nostro paese, il libro prova a fornire una risposta a questi interrogativi, anche attraverso l'analisi del caso Leonardo (ex Finmeccanica), uno dei leader mondiali dell'industria della difesa. Allargando poi lo sguardo all'Europa, dove spesso la proprietà delle aziende del settore è pubblica, due sono i temi su cui si concentra la riflessione: da un lato, il rapporto tra gli obiettivi di business delle imprese e il perimetro degli accordi internazionali sottoscritti dagli Stati-azionisti; dall'altro, la necessità di una difesa comune europea come elemento imprescindibile di analisi del contesto competitivo. In questo quadro, l'autore avanza due proposte concrete. La prima per la creazione di un'agenzia indipendente per il controllo del commercio internazionale di armamenti. La seconda per l'introduzione di un nuovo parametro su cui basare le scelte di politica economica, e cioè il rapporto tra spese per l'educazione e spese militari: un indicatore di questo tipo metterebbe a diretto confronto un investimento per lo sviluppo, rivolto dunque al futuro, con una spesa corrente, che costituisce invece un freno alla crescita, e nella sua semplicità coniugherebbe le esigenze strategiche di oggi con un'attenzione più responsabile al domani.

Il bilancio è un bene pubblico. Potenzialità e...

Degni Marcello; De Ioanna Paolo
Castelvecchi - 2017

Disponibile in 3 giorni

17,50 €
I bilanci sono in generale un bene pubblico, siano essi privati o pubblici; questi ultimi sono, tra questi beni, i più pubblici, perché posti al cuore dell'incrocio tra produzione della ricchezza e funzionamento delle istituzioni politiche; la verità e affidabilità dei bilanci pubblici resta alla base della fiducia che muove e sostiene la partecipazione democratica e la ricerca dell'innovazione e del benessere collettivo.

Economia e finanza pubblica

Campa Giuseppe
UTET Università - 2017

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
In continuità con le precedenti edizioni, il testo ha conservato la sua struttura di base senza perdere di vista i cambiamenti che interessano l'evolversi della realtà. Il testo affronta la sempre attuale tematica dell'intervento pubblico nell'economia, offrendo un ampio panorama dei modi in cui agisce lo Stato. Il benessere sociale si pone spesso tra interessi contrastanti e difficilmente conciliabili: i danni prodotti dall'agire dei singoli e l'impossibilità di organizzare in modo efficiente e collettivamente utile le attività economiche esigono un intervento dello Stato. Abbandonata da decenni, nonostante alcune recenti resistenze, la concezione di uno Stato terzo e imparziale rispetto agli agenti economici, l'intervento pubblico si è consolidato e sviluppato in modi diversi al fine di correggere, sostenere e se necessario supplire all'economia privata per mezzo dell'economia pubblica. L'obiettivo che si intende raggiungere con l'azione pubblica è, innanzitutto, la stabilizzazione dell'economia attenuando le fluttuazioni che la caratterizzano e che alternano periodi di eccessiva espansione a periodi di crisi, senza però perdere di vista i problemi dell'efficienza allocativa delle risorse nell'ambito del processo produttivo e dell'equa distribuzione dei suoi risultati tra i cittadini. La realizzazione di questi tre risultati, tuttavia, si scontra con le distorsioni che l'intervento pubblico può generare e le inefficienze che alle volte accresce per effetto non solo dello spiazzamento dei privati, ma anche a causa di scelte errate o di cattiva gestione delle risorse disponibili. Ciò non distoglie né impedisce la realizzazione degli obiettivi primari dello Stato quali la giustizia sociale e la lotta contro la povertà, cui questo testo dedica molta attenzione. L'equità sociale garantisce, infatti, un tessuto sociale stabile e un contesto in cui può svilupparsi un mercato concorrenziale ed equo. L'economia e la finanza pubblica, in sostanza, perseguono la realizzazione di uno stato del mondo migliore possibile ossia, come dice John Rawls (A Theory of justice, 1971), quello che chiunque sceglierebbe stando dietro un velo d'ignoranza che cela le sorti effettive di quando si viene al mondo: quello in cui i più poveri vivono in condizioni migliori rispetto a qualunque altro luogo nel mondo.

Il debito e i bilanci dello Stato. La gestione...

Mastrodomenico Pasquale
Edizioni Effedì - 2015

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Con un'analisi che si è estesa agli ultimi vent'anni, l'autore individua due serie di cause - per così dire tecniche - che determinano l'incremento del debito, esponendole con un linguaggio semplice e accessibile.

Le «analogie» tra ragioneria pubblica e...

De Nicola Manuel
Carabba - 2014

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Nel presente lavoro ci si propone di analizzare in che modo sono state condotte le ricerche sulla ragioneria pubblica e sulla contabilità di Stato all'interno della teoresi bestana, con particolare interesse verso le problematiche affrontate e le relative soluzioni proposte. Adottando la prospettiva kuhniana si farà riferimento alla teoresi bestana considerandola secondo il concetto di "paradigma" , inteso come l'insieme delle conoscenze condivise che accomunano i membri di una comunità scientifica, laddove quest'ultima, all'inverso, individua l'insieme degli scienziati che seguono un certo paradigma.

Le catene del debito. E come possiamo spezzarle

Gesualdi Francesco
Feltrinelli - 2013

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Il debito pubblico italiano è enorme. L'intera Europa teme il collasso degli stati più fragili. Nessuna delle democrazie occidentali sembra avere più le risorse necessarie per reggere sui mercati finanziari. Ma da dove viene questo debito incombente e inestinguibile? E davvero l'unica cosa che si può fare è stringere la cinghia, obbedire ai diktat della finanza internazionale, e pagare, pagare, pagare? Francesco Gesualdi ricostruisce anzitutto la storia del fenomeno, mostrando come il debito non nasca da una serie di sfortunate circostanze e di errori di pianificazione, ma da una precisa e per lungo tempo condivisa strategia, orientata a contenere il conflitto sociale e a rafforzare la posizione di rendita di un apparato bancario e finanziario dall'appetito insaziabile. Alla lunga quella strategia ha mostrato la corda, com'era prevedibile e previsto. A quel punto le forze della finanza globale l'hanno denunciata come la disinvolta iniziativa di governi inclini allo sperpero. E soprattutto l'hanno duramente sanzionata, imponendo il ricorso a misure di austerity destinate a impoverire ulteriormente larghi strati della popolazione. Se le cose stanno così, che senso ha chiedere alla gente di onorare questo debito? Non si tratta di un ricatto che il più forte impone al più debole, dopo averlo costretto a indebitarsi in nome delle proprie ragioni e dei propri interessi? Non sarebbe ora di ristrutturare, anziché onorare ciecamente, il debito degli stati sovrani?

Lezioni dalla crisi

Amato Giuliano
Laterza - 2013

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Lezioni dalla crisi è una guida d'autore alla crisi economico-finanziaria. E un racconto che con linguaggio semplice e divulgativo aiuta a capire le ragioni delle difficoltà che tutti ci troviamo ad affrontare: dalle loro origini lontane agli impatti che più direttamente interessano tutti gli italiani. Giuliano Amato, che nel '92 ha affrontato una precedente crisi da Presidente del Consiglio salvando - secondo molti - l'Italia, dà il suo punto di vista, ma soprattutto - con il vicedirettore del "Sole 24 Ore" Fabrizio Forquet - spiega, racconta, rende chiaro. Lo spread, i Btp, il fondo Esm perdono la loro sacralità astratta e scendono tra noi. Il lettore viene portato a capire e a volte a sorridere. La crisi viene spiegata come quella di un matrimonio che sta saltando, la finanza speculativa viene raccontata nei suoi meccanismi in fondo elementari. "Pinocchio", dice Amato, "passò da babbeo quando, credendo al Gatto e la Volpe, seminò zecchini d'oro sperando di trovarne di più. Oggi con la finanza del nostro tempo sarebbe al vertice di una grande banca d'affari americana".

Ci vorrebbe una Thatcher

Caprarica Antonio
Sperling & Kupfer - 2013

Disponibile in 3 giorni

8,90 €
Al centro di questo libro c'è un Paese considerato il "grande malato d'Europa": la sua industria è in declino, il costo della vita minacciosamente cresciuto, il debito pubblico incontenibile, tanto che il governo è sul punto di chiedere l'aiuto del fondo monetario internazionale. Sembra una fotografia dell'Italia di oggi, e invece è il ritratto della Gran Bretagna alla fine degli anni Settanta, poco prima che a Downing Street arrivasse la più intransigente esponente dei conservatori britannici, Margaret Thatcher. Con una fede incrollabile nel liberismo, la Lady di Ferro somministrò al Regno una medicina amarissima, fatta di tagli alla spesa, privatizzazione delle aziende statali e deregulation. Una cura che sembrò, sulle prime, ammazzare il paziente, ma che al contrario lo guarì in breve tempo. Perché ricordare oggi la dura lezione dell'inflessibile Maggie? Innanzitutto per paragonarla con la sorte toccata alle misure proposte dal governo dei tecnici, con le liberalizzazioni "al ragù" e i provvedimenti sulla spesa pubblica tutti pesantemente ridimensionati dalle resistenze di corporazioni e caste in rivolta. E poi per scoprire come si vive in una nazione dove l'economia è governata dalle regole del mercato e della concorrenza e le istituzioni operano in modo trasparente. Un confronto, a tratti provocatorio, che Antonio Caprarica tratteggia in agili capitoli cercando di rispondere a una questione annosa: perché è così difficile fare dell'Italia uno Stato europeo moderno?

Centocinquant'anni di finanza pubblica in...

Tanzi Vito
IBL Libri - 2012

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
C'è una sola costante nei primi centocinquant'anni di storia dell'Italia unita: il ciclico ripresentarsi di crisi fiscali, che talora hanno lambito il rischio del fallimento sovrano. Da che cosa origina il perenne "disordine fiscale" del nostro Paese? Come mai proprio l'assenza di rigore nelle finanze pubbliche unisce momenti storici e classi dirigenti tanto diverse? Quali sono i "peccati originali" che l'Italia porta con sé, sin dalla sua nascita? Sono queste le grandi domande esplorate, con la curiosità dello storico ed il rigore dell'economista, da Vito Tanzi nella II Lectio Marco Minghetti dell'Istituto Bruno Leoni.

Individuo, famiglia e società. Salute, fisco e...

Corbi Mariagrabriella
Tabula Fati - 2012

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
In un mondo che è in continuo divenire è diventata una necessità migliorare la vita di relazione, dare spazio ai sentimenti, rivalutare il significato della cultura e delle culture, e comprendere ciò che condiziona e dà luogo a comportamenti di singoli o gruppi. Nella quotidianità frenetica e incalzante manca spesso l'opportunità di soffermarsi a riflettere su quello che accade intorno a noi, di darne un'interpretazione che poggi su un'analisi approfondita e non banale delle cause e degli effetti di ciascun evento. L'autrice cerca di offrire una duplice lettura della casistica presentata e delle problematiche connesse, tanto da un punto di vista psico-pedagogico che giuridico-fiscale. Ne nasce un manuale facilmente fruibile, ricco di spunti che permettano di elaborare visioni più oggettive, e di capire meglio la persona in sé e alcuni dei rapporti che intrattiene con l'ambiente sociale e fiscale.

Economia del settore pubblico. Vol. 1:...

Stiglitz Joseph E.
Hoepli - 2003

Disponibile in 3 giorni

41,00 €
Il primo volume della seconda edizione italiana dell'ormai classico manuale di Joseph E. Stiglitz contiene una trattazione chiara e accessibile sul piano espositivo, ma rigorosa nell'approccio e aggiornata nei contenuti, delle basi teoriche dell'intervento pubblico nei mercati e dei principi della tassazione.Il testo presenta in modo articolato i teoremi fondamentali dell'economia del benessere e i principali casi di fallimento del mercato (beni pubblici, esternalità, monopolio naturale). Questi ultimi, unitamente ai rimedi possibili, vengono esaminati uno per uno in maniera approfondita, affiancando sempre alla teoria esempi tratti dalla realtà istituzionale statunitense o italiana; in questo modo, per esempio, l'analisi del concetto di monopolio naturale e dei costi che esso arreca alla collettività si accompagna allo studio dell'evoluzione e del mutamento delle strategie poste in atto per rimediarvi, dalla produzione pubblica alla regolamentazione.L'opera include anche una dettagliata esposizione dei più rilevanti temi della teoria della tassazione (le caratteristiche ideali di un sistema tributario, l'incidenza delle imposte, la tassazione ottimale) e una trattazione introduttiva dei principali strumenti microeconomici. Il volume è quindi sostanzialmente autonomo e adatto anche a corsi di Scienza delle finanze che non presuppongano una pregressa preparazione economica.

Lezioni

Palma G. (cur.)
Edizioni Scientifiche Italiane - 2020

Non disponibile

97,00 €

Il settore del vaping in Europa. Tra...

Marzioni Stefano; Pandimiglio Alessandro; Spallone Marco
Minerva Bancaria - 2020

Non disponibile

15,00 €
In questo volume si analizza lo stato corrente del mercato della sigaretta elettronica in Italia e in altri Paesi dell'Unione, con particolare riguardo alla relazione tra evoluzione della domanda e regime fiscale. La scelta del regime fiscale sui prodotti elettronici del tabacco, e in particolare sulle e-cig, presenta molte criticità. Da un punto di vista industriale, infatti, il mercato delle sigarette elettroniche è molto più frammentato di quello dei prodotti tradizionali del tabacco (sia dal lato della produzione che da quello della distribuzione); da un punto di vista normativo, inoltre, non esiste ancora un quadro europeo di riferimento sulla fiscalità di questi prodotti. In caso venisse introdotta un'accisa, alle dinamiche di mercato più articolate si aggiungerebbe la maggiore complessità di gestione di un'imposta in cui i soggetti tenuti a pagarla sarebbero numerosi ed eterogenei e la distribuzione avverrebbe attraverso canali aggiuntivi rispetto alle tabaccherie, inclusa la vendita online La scelta del regime fiscale è però cruciale per il futuro del mercato.

Equitax ed equipensione. Il nuovo sistema delle...

Giovannelli Primo
Edizioni del Faro - 2019

Non disponibile

11,00 €
Partendo dallo studio della società e dalle teorie dell'equitalismo, sono stati ipotizzati due nuovi sistemi di organizzazione della società civile che garantisce l'equità: il sistema delle tasse e quello delle pensioni. Sono questi, infatti, i pilastri su cui poggia qualsiasi società civile. Questa visione del mondo si contrappone a quella guidata dall'egoismo e dalla falsa equità. Costruisce qualcosa di nuovo, in modo semplice, che può portare a un cambiamento radicale in breve tempo. Non è una ristrutturazione di ciò che già c'è, ma è una "cosa nuova". Non è, inoltre, di secondaria importanza l'ultimo capitolo che parla del PIL e del nuovo sistema di calcolo del PIL che misura con molta più precisione la crescita o la decrescita economica vera di un Paese.

Amianto. Guida ai benefici previdenziali e...

Di Monde Giovanni
Univers - 2019

Non disponibile

30,00 €
Uno strumento di approfondimento dedicato a operatori, professionisti e cittadini che desiderano conoscere nel dettaglio il sistema di accesso a previdenze, tutele e riconoscimenti per le malattie professionali asbesto correlate. Un'analisi ricca di dati esclusivi che vengono resi pubblici dall'INPS attraverso gli autori che analizzano gli aspetti di carattere giuridico sanitario e l'impatto delle previsioni sulla spesa pubblica, delineando le onerosità connesse all'esposizione all'amianto, sia in termini previdenziali, sia in termini di perdita di vite umane. Si potranno riscontrare le analisi dei costi relativi alle prestazioni previdenziali e sanitarie, per una completa contezza della complessità del fenomeno e della sua evoluzione nel tempo. Conclude l'opera ricca di dati e documenti esclusivi forniti dall'INPS l'appendice documentale offerta dall'istituto, di sicura utilità per tutti gli operatori attivi nell'assistenza ai cittadini in un ambito così articolato e complesso. Introduzione di Pasquale Tridico, prefazione di Gabriella Di Michele, con contributi di Giulio Cristiano, Massimo Piccioni e Tito Boeri.

La Banca d'Italia e l'economia. L'analisi dei...

Carli F. (cur.); Ciocca P. (cur.)
Aragno - 2019

Non disponibile

400,00 €
Nel 1947 l'annuale relazione del governatore della Banca d'Italia all'assemblea dei partecipanti al capitale dell'istituto si arricchisce delle "Considerazioni finali". Da allora queste pagine danno al governatore l'opportunità di esprimere con personale linguaggio la propria visione degli accadimenti, dei problemi, delle soluzioni. L'oggetto delle considerazioni finali è in primo luogo la moneta, ma si estende agli aspetti più generali dell'economia italiana e internazionale. Il documento è fonte preziosa per la conoscenza storica e per l'analisi dei tratti di struttura da cui dipendono le difficoltà che il Paese da troppi anni vive.

Osservatorio per la finanza innovativa e la...

Amatucci F. (cur.); Pascale A. M. (cur.); Landi T. (cur.)
Delta 3 - 2019

Non disponibile

15,00 €
Il Primo Rapporto 2017 dell'"Osservatorio per la Finanza Innovativa e le Partnership Pubblico Privato nel Mezzogiorno" se pur frutto del lavoro congiunto degli autori, è stato così realizzato: Paragrafo 1: Fabio Michele Amatucci; Paragrafo 2: Anna Maria Pascale; Paragrafi 3-4-5: Tiziana Landi; Paragrafo 6: Fabio Michele Amatucci; Paragrafo 7: Tiziana Landi, Fabio Farese, Valentina Spagnuolo; Paragrafo 8: Fabio Michele Amatucci; Anna Maria Pascale.

L'imposta sul reddito. La radice di tutti i mali

Chodorov Frank
goWare - 2019

Non disponibile

11,99 €
"L'imposta sul reddito" è un classico della letteratura politica americana. Secondo l'autore l'introduzione dell'imposta sul reddito nel 1913 ha minato, più di ogni altro cambiamento legislativo, le fondamenta dell'americanismo: i diritti individuali. A seguito dell'approvazione di questo emendamento, scrive Frank Chodorov, «Gli Stati Uniti d'America non sono più la terra della Dichiarazione d'indipendenza». L'imposta sul reddito, infatti, è diversa dalle altre forme di imposizione fiscale in quanto nega, in radice, il diritto di proprietà privata e presuppone un pervasivo controllo del governo su tutte le attività umane. Oltre al saggio di Chodorov, il testo comprende l'introduzione dell'ex commissario dell'Internal Revenue Service J. Bracken Lee, un ricordo di Chodorov scritto da Murray Rothbard, e una biografia scritta da Aaron Steelman.

La finanza pubblica nei vari livelli di...

Amori Alberto; Ariatti Simone; De' Capitani Paolo; Del Federico L. (cur.); Verrigni C. (cur.)
Giappichelli - 2019

Non disponibile

23,00 €
Il volume contiene quattro contributi volti ad identificare ed inquadrare le forme di finanziamento dei diversi livelli di Governo, dai Comuni all'Unione Europea, nella prospettiva dell'ordinamento giuridico Italiano. Alberto Amori si occupa del finanziamento dei Comuni e delle Provincie, Paolo De' Capitani tratta il finanziamento delle Regioni (anche di quelle a statuto speciale), Virginia Scalera tratta il finanziamento dello Stato, Simone Ariatti si occupa infine del finanziamento dell'Unione Europea. Si tratta di ricerche svolte da un gruppo di giovani studiosi durante il loro Dottorato di Ricerca in Scienze Giuridiche, presso l'Università "G. D'Annunzio" di Chieti, Pescara.La principale preoccupazione della ricerca non è stata quella della prospettiva evolutiva Europea e/o federalista Italiana, quanto piuttosto quella di acquisire dati conoscitivi utili ai fini di un compiuto quadro del sistema di finanziamento dei diversi livelli di Governo, giacché troppo spesso sia l'analisi giuridica, sia il dibattito politico istituzionale, trascurano i dati di base.

La buona moneta. Come azzerare il debito...

Dacrema Pierangelo
All Around - 2018

Non disponibile

12,00 €
Le dimensioni del debito pubblico italiano sono un fattore di rischio che ostacola qualunque politica di sviluppo della nostra economia. Le politiche di austerità si sono rivelate inefficaci, oltre che dolorose. In un'Italia afflitta da disoccupazione occorrono provvedimenti adatti a promuovere consumi, investimenti, occupazione e reddito. E il loro ineludibile presupposto è la disponibilità di moneta. Ma come procurarsela in presenza di un debito pubblico abnorme e di regole europee che ne impongono il drastico ridimensionamento? L'unica risposta è che il nostro debito pubblico venga rimborsato con una nuova moneta nazionale a corso forzoso. In modo chiaro e convincente, questo libro mostra che il benessere della nostra nazione non sta nell'uscita dall'Euro. E che un'Italia alleggerita dal debito e dotata di una propria moneta diventerebbe più forte, a tutto vantaggio dell'Euro e dell'Europa.

Quarant'anni di spending review: l'Italia al...

Baldassarri M. (cur.)
Rubbettino - 2018

Non disponibile

16,00 €
Nella parte prima di questo volume Mario Baldassarri e Dino Pesole presentano un'analisi di quarant'anni di Spending Review in Italia, dalla Commissione Tecnica sulla Spesa Pubblica di Nino Andreatta fino alla recente stagione dei Commissari. La loro conclusione è: "L'Italia al bivio sui tagli di spesa" quindi "tagliare si deve, tagliare si può" indicando "dove e come intervenire". In tutti questi anni la spesa pubblica corrente è sempre aumentata, le tasse ne hanno seguito affannosamente e solo parzialmente il percorso e gli investimenti pubblici sono stati dimezzati. Ecco perché il Debito Pubblico si colloca oggi oltre il 130% del Pil. Segue un'analisi della Nota di Aggiornamento Def del 27 settembre 2018 dalla quale emerge che il governo Lega-M5S ha sovrastimato sia la crescita reale sia l'inflazione. Inoltre la manovra proposta nella Nota di Aggiornamento "cambia" appena il 2,2% del totale della spesa pubblica e quindi il restante 98% circa resta uguale a quello di tutti i governi precedenti. Si "muove" un modesto 1,1% del Pil e pertanto l'effetto previsto di forte sostegno alla crescita risulta non raggiungibile. Le condizioni di finanza pubblica potrebbero quindi risultare ben peggiori di quanto previsto. In sostanza il "cambiamento" non appare. Le seconda e la terza parte del volume riproducono il XII Rapporto sull'economia italiana del Centro Studi Economia Reale. La seconda parte contiene cinque Analisi. Nella prima si misurano gli effetti che si potrebbero produrre sull'Italia a seguito di un rallentamento del commercio mondiale come risultato di una forte e prolungata "guerra dei dazi", segue poi un'analisi volta a stimare l'effetto di un'eventuale uscita dall'euro sull'ammontare di interessi sul debito pubblico per i quali risulta che dovremmo pagare 66 miliardi di euro in più. La terza analisi spiega perché l'aumento dell'occupazione degli ultimi anni non si è riflesso sull'andamento dei consumi. Ciò appare in gran parte dovuto alla tipologia e alla precarietà dei posti di lavoro che si sono creati. La quarta è riferita alle Tax-Expenditure ed emerge che, a fronte dei 161 miliardi contabilizzati dal Mef, soltanto 40 miliardi sembrerebbero effettivamente eliminabili. Infine, si propone un confronto tra metodo retributivo e metodo contributivo nel sistema pensionistico italiano cercando di verificare chi e quanto ci guadagna o ci perde con i due sistemi. La terza parte infine presenta le Previsioni per l'Economia Italiana 20182022 prodotte nel mese di aprile 2018. Con i contributi di: Nicola Antonetti, Mario Baldassarri, Leonardo Becchetti, Sarina Biraghi, Claudio Borghi, Pierluigi Ciocca, Ferruccio De Bortoli, Giorgio Di Giorgio, Lamberto Dini, Stefano Feltri, Giampaolo Galli, Sandro Gozi, Barbara Lezzi, Lucio Malan, Antonio Pedone, Dino Pesole, Giuseppe Pisauro, Felice Roberto Pizzuti, Emilio Rossi, Stefania Tamburello, Giovanni Tria.

I nodi della finanza pubblica: teoria e...

Gastaldi F. (cur.); Liberati P. (cur.)
Franco Angeli - 2018

Non disponibile

22,00 €
Il volume raccoglie i contributi presentati nella giornata di studio in onore di Antonio Pedone. Il convegno si è svolto il 10 giugno 2016 a Sapienza Università di Roma, con il patrocinio dell'Accademia Nazionale dei Lincei e con il contributo di Assonime. Negli scritti di Antonio Pedone ? in un arco di tempo di quasi sessant'anni ? si ritrovano i principali "nodi della finanza pubblica" italiana, la cui analisi teorica si associa a una profonda conoscenza dei meccanismi istituzionali, e delle necessità concrete di politica economica. Il convegno ha dedicato particolare attenzione ai "nodi" della politica di bilancio e del sistema tributario. Un primo gruppo di relazioni, quindi, rivolge particolare attenzione al ruolo della politica fiscale come strumento di stabilizzazione del ciclo economico, e alla formazione del debito pubblico, nel contesto delle particolari condizioni economiche che hanno caratterizzato gli anni '80 del Novecento. Un secondo gruppo di relazioni tratta gli aspetti più dibattuti nella politica tributaria, a partire dalle riforme degli anni '70 fino a quelle più recenti ? la composizione del prelievo fiscale, la progressività dell'imposta personale sul reddito, la politica tributaria per le imprese e la questione fiscale del Mezzogiorno ? richiamando costantemente la dicotomia tra "evasori e tartassati" che tuttora caratterizza il nostro sistema tributario.

Il debito pubblico e le illusioni degli italiani

Imperiali Stefano
Youcanprint - 2018

Non disponibile

11,50 €
Questo breve libro cerca di dare una risposta ad alcune diffuse domande. Come si è formato e quali problemi comporta l'elevato debito pubblico italiano? Corriamo il rischio di una ristrutturazione del debito, cioè di un default? Avremmo una maggiore crescita economica se l'Italia uscisse dal sistema della moneta unica europea, l'euro? Dove è diretta la politica economica del nuovo governo italiano?

Il debito pubblico: buco nero nelle tasche...

Lettieri M. (cur.)
Edisud Salerno - 2018

Non disponibile

15,00 €
Il problema più grande che attanaglia la economia del nostro Paese da oltre un secolo e mezzo risiede, come tutti sanno, nel ciclopico debito pubblico; un mostro che - tra debito effettivo, interessi passivi e annessi e connessi - ingoia ogni giorno miliardi e miliardi di euro e i cui effetti negativi ricadono inevitabilmente ed inesorabilmente sulle tasche dei singoli cittadini.

Concorso MEF. 60 collaboratori orientamento...

Edizioni Giuridiche Simone - 2018

Non disponibile

39,00 €
Il volume si rivolge a coloro che dovranno affrontare la prova preselettiva del concorso, per esami, bandito dal MEF (G.U. 27-3-2018, n. 25) e diretto all'assunzione di 60 unità di personale con il profilo di collaboratore amministrativo con orientamento economico-finanziario (Codice concorso 03). Il manuale, seguendo il programma del bando, offre la trattazione delle materie professionali su cui si svolgerà la prova preselettiva, consistente in quesiti a risposta multipla, ossia: politica economica; economia internazionale; economia dei mercati e degli intermediari finanziari; diritto del mercato e degli strumenti finanziari; diritto dell'Unione europea.

Partiti «low cost?». Dieci consigli per una...

Biancu Simona
Epoké (Novi Ligure) - 2017

Non disponibile

12,00 €
Una lettura per approcciare il tema del fund raising nel campo della politica in modo più consapevole e trasparente, affrontando la sfida di una democrazia "low cost".

Il project financing e il partenariato pubblico...

Spagnuolo Massimiliano
Edizioni Giuridiche Simone - 2017

Non disponibile

28,00 €
Con il termine Partenariato Pubblico Privato (PPP) ci si riferisce, in generale, alle diverse forme di cooperazione tra settore pubblico e settore privato per determinare un'integrazione delle rispettive competenze e risorse, al fine di garantire il finanziamento, la costruzione, la manutenzione ecc. di un'infrastruttura o di un servizio. Nel corso dell'ultimo decennio il fenomeno del PPP si è sviluppato in moltissimi settori, a causa delle restrizioni di bilancio, della volontà di beneficiare del know-how del settore privato e della modifica del ruolo dell'Ente pubblico da operatore ed organizzatore a regolatore e controllore. Questo Manuale nasce con l'intento di esaminare analiticamente l'istituto del project financing- in particolare del genus più ampio del partenariato pubblico privato - che rappresenta il più conosciuto e diffuso modello di cooperazione pubblico-privata per la realizzazione di opere pubbliche. Nel libro, in particolare, si parte dalla genesi e dalla definizione - dottrinale e giurisprudenziale - del project financing, per poi passare all'esame della natura giuridica, delle caratteristiche, del procedimento e dell'attuazione dello stesso, nonché delle problematiche pratiche ad esso connesse. Particolare attenzione è rivolta, poi, anche ad altri istituti di partenariato pubblico privato, come ad esempio, la sponsorizzazione, il leasing operativo, il contratto di disponibilità, il globalservice, non trascurando altre forme di partenariato presenti nella prassi internazionale. Punto di riferimento per l'analisi del project financing è stato il Codice dei Contratti pubblici (D.Lgs. 50/2016) - così come modif. dal D.Lgs. 56/2017 (decreto correttivo) - nonché i più recenti orientamenti giurisprudenziali. Il volume è arricchito da un'ampia casistica, opportunamente evidenziata da box di approfondimento, che conferisce al testo un taglio pratico. Il libro, quindi, non si rivolge soltanto ai lettori che intendono approfondire la materia dal punto di vista teorico, ma anche a coloro che, nella prassi quotidiana ed operativa, si imbattono in tali istituti cercando di dare loro compiuta applicazione.

Il patrimonio culturale. Modelli di gestione e...

Tarasco Antonio Leo
Editoriale Scientifica - 2017

Non disponibile

20,00 €
Quanto vale il patrimonio culturale sul piano economico e quanto rende? Come si possono incrementare i ricavi della sua gestione senza attingere ulteriormente alla tassazione pubblica e mantenendo inalterata la qualità della fruizione al pubblico? È finanziariamente sostenibile l'ingresso gratuito nei musei italiani? L'autore, in sette saggi scritti nell'arco di tredici anni, aggiornati alle riforme del quadriennio 2014-2017, formula ipotesi concrete per incrementare la capacità di rendimento finanziario degli istituti e luoghi della cultura statali e ridurne i costi di mantenimento. A tanto giunge dopo aver affrontato i rapporti tra la tutela del patrimonio culturale (art. 9 Cost.) e i principi di libera iniziativa economica privata (art. 41 Cost.), buon andamento ed equilibrio dei bilanci pubblici (art. 97 Cost.), aver riflettuto sulle relazioni tra tutela del patrimonio culturale e promozione della più ampia sfera culturale (art. 9 Cost.) nonché sul problema della valorizzazione delle dinamiche culturali e - anche alla luce del diritto internazionale e comparato - della tutela dei beni culturali immateriali (intangibile cultural heritage).

Finanza pubblica e fiscalità nel Regno di...

Ostuni Nicola
Liguori - 2016

Non disponibile

12,99 €
Alla fine del Settecento, molti stati europei furono attraversati da profonde crisi finanziarie. Uno sviluppo inedito per dimensioni, che comunemente è definito Rivoluzione Industriale, per alcuni paesi, come l'Inghilterra, il Belgio e l'Olanda, l'incapacità di adeguare sistemi politici e fiscali per altri, come la Francia e alcuni stati italiani, determinarono tentativi di riforme, che sono considerate derivazione o nello stesso ambito dell'Illuminismo. In questo volume l'A., con una riflessione su alcune riforme che riguardarono la finanza pubblica del Regno delle due Sicilie, cerca di individuarne il fallimento in cause diverse dall'inettitudine del ceto dirigente e dall'impossibilità della nobiltà di proporre soluzioni a crisi che, per prima cosa, riguardavano la sua stessa capacità di svolgere un ruolo di classe dirigente del Paese.

Legge di stabilità 2016. Con aggiornamento online

Cinieri Saverio
Ipsoa - 2016

Non disponibile

30,00 €
La Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208) contiene numerose novità che interessano le materie fiscale, lavoro e previdenza, gli incentivi per le imprese e la P.A. in generale. La Guida si rivolge a imprese, professionisti e contribuenti. Grazie alla presenza di numerose esemplificazioni e schemi, permette una lettura operativa delle nuove norme, senza però trascurare la completezza e la tempestività della trattazione. Tra le principali novità fiscali si evidenziano: l'abolizione della TASI sulla prima casa e l'IMU sui terreni; il super ammortamento del 140%; la riduzione dal 2017 delle aliquote IRES; la proroga del bonus sulle ristrutturazioni, sul risparmio energetico e sui mobili. Tra le norme in materia di lavoro e previdenza si segnalano le agevolazioni sulle assunzioni e la conferma dell'aliquota del 27%, anche per il 2016, per i lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata INPS; inoltre, viene reintrodotta, in versione rivista e corretta, la detassazione sui premi di produttività. Completano il quadro le disposizioni in materia di sviluppo e incentivi, soprattutto per le imprese delle regioni del Mezzogiorno, nonché quelle a carattere più generale, quali la revisione della disciplina sul canone RAI, l'uso del contante e i sistemi di pagamento elettronici.

Guida alla legge di stabilità 2016

Brusaterra Michele; Ceroli Pierpaolo
Il Sole 24 Ore - 2016

Non disponibile

32,00 €
Tutte le novità fiscali, lavoristiche e riguardanti il mondo delle professioni e delle imprese introdotte dalla Legge di stabilità 2016, affrontate con taglio operativo. Tutti i testi di legge sono riportati integralmente e commentati comma per comma; tutte le novità fiscali sono inquadrate nel panorama normativa preesistente, con ricchezza di esempi applicativi e di riquadri di sintesi.

La riforma del bilancio dello Stato. Atti del...

Boccia F. (cur.); Della Morte M. (cur.); Palmieri G. (cur.)
Editoriale Scientifica - 2016

Non disponibile

14,00 €
Il volume raccoglie gli atti del Seminario svoltosi il 30 gennaio del 2016 presso l'Università degli Studi del Molise, nel corso del quale è stato discusso il tema della riforma della legge di bilancio, nonché, ad un tempo, quello delle procedure, dei problemi e delle possibilità aperte da tale disegno riformatore. L'incontro è stato promosso dal Centro di ricerca interdisciplinare su Governance e Public Policies dell'Università degli Studi del Molise ed è stato arricchito dalle relazioni di autorevoli giuristi, tecnici, rappresentanti delle istituzioni ed economisti che hanno fornito imprescindibili chiavi di lettura per la valutazione di un argomento destinato ad incidere in maniera significativa sull'assetto della finanza pubblica nel prossimo futuro.

L'impatto della governance economica europea...

Nugnes Francesca
Editoriale Scientifica - 2016

Non disponibile

30,00 €
La crisi finanziaria ed economica manifestatasi nel 2008 ha evidenziato ancora una volta come il tema della finanza pubblica sia intrinsecamente connesso all'ordinamento costituzionale dei pubblici poteri al punto da determinare la forma di stato, la forma di governo e le forme di integrazione con altri ordinamenti. Attraverso lo studio dell'evoluzione della decisione di bilancio, il volume evidenzia le dinamiche innescatesi sul piano istituzionale, amministrativo e procedurale per effetto della nuova governance economica europea. Il potere di bilancio già in parte assunto dall'Unione europea è stato ulteriormente europeizzato e la funzione allocativa residuata finora agli Stati è ora ancor di più condizionata dalla disciplina relativa al coordinamento delle politiche economiche verso obiettivi comuni. Si è così realizzata una unione di disciplina fiscale che è maturata sulla base dei principi appartenenti agli ordinamenti costituzionali di cui si compone l'Unione, ma che pone la stessa e gli Stati nazionali di fronte a nuove sfide.