Letteratura, storia e critica: letteratura dal 1900

Filtri attivi

La moda nella letteratura contemporanea

Baroncini Daniela
Mondadori Bruno - 2020

Disponibilità Immediata

18,00 €
il volume esplora la presenza della moda nella letteratura contemporanea, analizzando in maniera specifica un intreccio perlopiù trascurato, e tuttavia fondamentale per definire il senso di una modernità segnata dal profondo rapporto con il corpo e con l'effimero. In un orizzonte non solo italiano, ma anche europeo, l'autrice rilegge opere e scrittori attraverso il tema degli abiti, scoprendo dietro l'apparente frivolezza una sorprendente complessità simbolica e significativi riferimenti socioculturali. Si definisce così una vera e propria letteratura della moda, con un panorama polimorfo di interpreti: da Leopardi e Baudelaire a Wilde, Mallarmé, d'Annunzio e Proust, dai futuristi ai crepuscolari sino a De Pisis, da Pirandello a Joyce e Moravia, da scrittrici come Irene Brin e Gianna Manzini ad attenti indagatori del costume quali Pasolini e Arbasino, capaci di rappresentare le inquietudini e le contraddizioni della contemporaneità anche attraverso la descrizione dell'apparire.

You never had it. Una serata con Bukowski. DVD....

Borgardt Matteo
Feltrinelli - 2019

Disponibilità Immediata

14,90 €
Charles Bukowski nella sua casa di San Pedro, in California. Una lunga serata trascorsa fumando sigarette, bevendo vino e parlando di tutto: scrittori, sesso, amore, umanità. Questa preziosa intervista girata nel 1981 dalla giornalista Silvia Bizio è stata montata assieme a delle riprese in Super 8 della Los Angeles di oggi e a poesie lette dallo stesso Bukowski. Così scrive il regista: «Ho cercato la maniera più unica e originale per presentare al pubblico questi videotape ritrovati, questo "reperto storico". L'intenzione era quella di lasciare lo spettatore libero di farsi la propria idea di chi Bukowski fosse, semplicemente ascoltandolo parlare. Volevo che il pubblico potesse sentirsi lì, quella sera, seduto sul divano accanto a Bukowski, mentre beveva e parlava». Nel booklet: immagini e curiosità dal film.

Kurt Vonnegut

Schembri Pascal
Odoya - 2019

Disponibilità Immediata

16,00 €

Il principe delle nubi. Hugo Ball e le forme...

Padularosa Daniela
Mimesis - 2019

Disponibilità Immediata

24,00 €
Erede del pensiero di Nietzsche e dei poeti romantici, Hugo Ball è stato un autore eclettico, un dandy e un provocatore. Personaggio della klassische Moderne tedesca, è una figura del confine, del trapasso e della contraddizione e pertanto non si lascia catalogare in nessun particolare movimento artistico o letterario, pur avendo contribuito in modo fondamentale alla cultura del primo Novecento e alla diffusione "europea" delle nuove tendenze e delle nuove modalità espressive nate in seno ai movimenti d'avanguardia. Dal dada all'attivismo politico-rivoluzionario fino al ritiro ascetico in Ticino e all'interesse per la psicoanalisi e per la pratica dell'esorcismo antico, questo libro cerca di ripercorrere le tappe del percorso artistico e intellettuale di Hugo Ball, analizzando non solo le sue opere più conosciute, i versi sonori o gli appunti diaristici, ma anche i suoi scritti inediti, le sue opere saggistiche e le sue poesie meno note, come i "Sonetti schizofrenici".

Figure dell'anomalia. La costruzione del...

Berré A. (cur.); Spinelli M. (cur.)
Pendragon - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Punto di arrivo di un percorso di ricerca durato tre anni, i saggi qui riuniti indagano la costruzione dei personaggi letterari considerati eccentrici, deviati o malati. Sono le Figure dell'anomalia, irriducibili alle norme dominanti e per questo additate come pericolose. Partendo dal personaggio del criminale-folle, legato alla nascita del romanzo giudiziario italiano alla fine dell'Ottocento, le analisi condotte si snodano lungo tutto il Novecento, allargandosi ad altri personaggi la cui anomalia non è definibile esclusivamente nel settore medico e giuridico. Senza mai rinunciare alla prospettiva interdisciplinare, Figure dell'anomalia mette in evidenza la complessità di una nozione polisemica come quella di personaggio, interrogando la dimensione culturale che lo accompagna e i suoi rapporti con la società che lo produce e lo giudica.

Diacronia di un romanzo: Uomini e no di Elio...

Brigatti Virna
Ledizioni - 2019

Disponibilità Immediata

32,00 €
Il rapporto di Elio Vittorini con il proprio romanzo Uomini e no (Bompiani, 1945) è stato senza dubbio problematico e caratterizzato da continui ripensamenti e revisioni. Questo volume spiega le ragioni della complessa relazione tra autore e testo, a partire dai primi momenti della genesi del romanzo, documentati da carte autografe inedite, conservate nel Fondo Elio Vittorini del Centro Apice dell'Università degli Studi di Milano e qui studiate per la prima volta, insieme ai materiali di lavorazione redazionale della prima edizione. La ricostruzione delle ulteriori trasformazioni del testo è testimoniata poi dalle successive stampe e da altri documenti archivistici inediti che ne spiegano il progetto letterario e editoriale. Il percorso tracciato copre dunque un arco cronologico che va dal 1944 al 1966 - anno della morte dell'autore e dell'ultima edizione riconducibile alla sua volontà - e racconta quali siano state le ragioni poetiche, etiche e politiche che hanno avviato la scrittura del romanzo e che hanno motivato le successive continue rielaborazioni.

I sortilegi della parola. Studi su Gesualdo...

Zago Nunzio
Euno Edizioni - 2019

Disponibilità Immediata

15,00 €
A vent'anni dalla sua scomparsa, è il caso di riconoscere a Gesualdo Bufalino narratore, poeta, saggista, traduttore, autore di aforismi, un posto di assoluto rilievo nel canone letterario, non solo italiano, del Novecento.

Le asine di Saul. Saggismo e invenzione da...

Fichera Gabriele
Euno Edizioni - 2019

Disponibilità Immediata

16,50 €
La nostra epoca è segnata da un evidente scacco: mentre un mondo muore, un nuovo cosmo stenta a nascere. In termini lukacsiani, si vive ancora una volta in un frangente storico tipicamente "demonico". Ma è possibile rintracciare i contorni perpetuamente oscillanti di una forma artistica che, senza alcuna pretesa di esaustività, raccolga almeno i tratti essenziali di questo incerto trapasso? Questa raccolta di scritti vuole fornire un contributo allo studio del saggismo letterario inteso come modo espressivo centrale di un dato momento storico. Posto sotto il segno ironico di quel Saul, che per Lukács, al pari del saggista, "era partito per cercare le asine di suo padre e trovò un regno", il volume esplora i felici "pretesti" del saggio, mettendosi alla ricerca delle asine di Manzoni, De Roberto, Palazzeschi, Ungaretti, Cassola, Longhi, Tomasi di Lampedusa, Sciascia, Fortini, Volponi e Pasolini.

Dal Parco «letterario» al Parco produttivo....

Moreno D. (cur.); Quaini M. (cur.); Traldi C. (cur.)
Oltre Edizioni - 2019

Disponibilità Immediata

21,00 €
Un'area priva di forti connotazioni paesaggistiche - una classica "terra di mezzo" o se si preferisce un "paesaggio ordinario" secondo la Convenzione europea del Paesaggio o una "area interna" secondo il noto progetto nazionale - è al centro di un progetto locale di valorizzazione che coinvolge numerosi partner, differenti strumenti istituzionali e soprattutto diverse metodologie disciplinari. La scommessa, assistita dalla Compagnia di San Paolo, dal Comune di San Biagio della Cima e dall'Associazione Amici di Francesco Biamonti e sviluppata dai ricercatori dell'Università di Genova, affronta una ricerca multidisciplinare sulla storia e il paesaggio rurale di San Biagio della Cima (IM), al fine di mettere in luce elementi utili alla valorizzazione "produttiva" del paesaggio stesso e delle produzioni locali in esso inserite, saggiando virtù e limiti del contenitore "parco". Tutelare per produrre / produrre per tutelare è la chiave proposta per costruire un'idea di "parco" alternativa a quella di stampo naturalistico e vincolistico. Un "parco produttivo" che si propone di superare i limiti del concetto di "parco letterario" proprio partendo della ricchezza dell'eredità di ...

Scrittori e trincee. La grande guerra degli...

Brunazzi M. (cur.)
Edizioni SEB27 - 2019

Disponibilità Immediata

15,00 €
Gran parte degli intellettuali italiani prese intensamente posizione sulla grande guerra e il confronto investì il terreno letterario e artistico non meno di quello politico. Crescente era infatti la consapevolezza, pur variamente e non di rado contraddittoriamente argomentata, che l'imminente guerra sarebbe stata una svolta epocale, la fine di un mondo. I termini stessi della discussione intellettuale prefigurarono le linee di un dibattito che si sarebbe misurato in seguito sulla fine dell'ordine politico, sociale, civile e culturale della vecchia Europa. È significativo che tali intuizioni e premonizioni fossero appunto di scrittori, artisti, poeti ben più che di politici e statisti. Il presente volume sintetizza alcune di queste voci nell'uno e nell'altro schieramento, interventisti o neutralisti, a partire naturalmente dalle posizioni espresse da Carlo Emilio Gadda nei suoi "Giornale di guerra e di prigionia" e "Taccuino di Caporetto".

Portami con te. L'«Opera dei tabernacoli...

Grita Vera
Elledici - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Vera Grita (1923-1969), insegnante e salesiana cooperatrice, fu chiamata dal Signore a essere nella famiglia Salesiana e nella Chiesa "voce" di Gesù eucaristia che, attraverso il dono delle locuzioni interiori, le dettava l'"Opera dei Tabernacoli Viventi" per la salvezza delle anime. A partire dal messaggio di cui Vera fu l'ispiratrice, in Italia in questi anni si sono formati gruppi composti da persone che hanno scelto di approfondire il mistero dell'eucaristia e di conformare la propria vita spirituale e la propria attività apostolica in relazione alla chiamata ricevuta. Nel 50° del primo messaggio riportato da Vera, questo volume pubblica in edizione integrale i suoi 13 quaderni manoscritti. Prefazione di François-Marie Léthel e Roberto Carelli.

Nel «Giardino del Mondo». Saggi su diari e...

Fabbri Maurizio
Panozzo Editore - 2019

Disponibilità Immediata

14,50 €
I saggi raccolti nel presente volume riguardano alcuni viaggiatori spagnoli e ispanoamericani che, nel corso dei secoli XVIII-XX, hanno percorso la Penisola offrendo nei loro diari una visione insolita, concreta e di prima mano della complessa realtà italiana descritta nei suoi aspetti artistici e paesaggistici con dovizia di notizie su personaggi, avvenimenti, consuetudini, luoghi spesso sfuggiti alle cronache storiche. Il lettore potrà così riannodare relazioni da tempo neglette e confrontarsi con modelli politici e sociali in grado di suggerire ancora utili confronti con la realtà attuale.

Sotto questo cielo che passa. Ricordo di Vito...

Gambacorta S. (cur.)
Tabula Fati - 2019

Disponibilità Immediata

7,00 €
Vito Moretti aveva annotato in un appunto l'idea di questo libro. Aveva indicato anche quali materiali inserirvi. Voleva mettere insieme testi su di lui e alcuni suoi versi per ricavarne un piccolo "quaderno di occasioni", un taccuino di pagine sparse uscite sul quotidiano teramano "La Città". "Sotto questo cielo che passa" aduna materiali che contribuiscono a definire la sua figura di poeta, di narratore, di critico letterario, di saggista. Il volumetto, che purtroppo vede la luce dopo la sua morte, vuol essere un omaggio a un intellettuale che si è speso con rara generosità per la crescita culturale del suo Abruzzo.

Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo

Zweig Stefan
Mondadori - 2019

Disponibilità Immediata

14,00 €
Molto più che semplice autobiografia, «Il mondo di ieri» è il ritratto di un'epoca scomparsa, la suprema epopea di quella "Felix Austria" che tanto segnò la storia e la cultura europea, quel mondo nel quale «ognuno sapeva quanto possedeva e quanto gli era dovuto, quel che era permesso e quel che era proibito: in cui tutto aveva una sua norma, un peso e una misura precisi». Al centro di tutto sta la Vienna imperiale, simbolo di un'epoca indimenticabile che Zweig - esponente di una generazione che «ha imparato a fondo l'arte preziosa di non rimpiangere il perduto» - descrive in tutto il suo splendore e in tutte le sue contraddizioni. Pubblicato postumo, «Il mondo di ieri» è segnato da un'atmosfera autunnale che imprime all'intera opera il severo suggello della modernità.

Yukio Mishima. Ultimo samurai

Goglio Federico
Ferrogallico - 2019

Disponibilità Immediata

25,00 €
La sera del 24 novembre 1970, Yukio Mishima consumò una cena di addio insieme a quattro membri del Tatenokai (l'Associazione degli scudi) con cui il giorno seguente avrebbe portato a termine il suo eclatante suicidio pubblico. Gli uomini mangiarono al Suegen, un piccolo ristorante del quartiere di Shimbashi, Tokyo. Poi Mishima andò a trovare i suoi genitori. Fu una visita breve, apparentemente consueta e ordinaria. Rientrato a casa, raggiunse il suo studio e, come faceva abitualmente, cominciò a lavorare nel pieno della notte. Firmò l'ultima versione de "Lo specchio degli inganni", il quarto volume della tetralogia del "Mare della fertilità", apponendovi la data del 25 novembre 1970. Scrisse poi una breve frase su un foglio di carta, lasciato sulla scrivania: "La vita umana è così breve e io vorrei vivere per sempre". Ebbe così inizio l'ultima notte del grande scrittore giapponese del Novecento, dell'uomo che poche ore dopo sarebbe diventato definitivamente l'ultimo, autentico samurai. Una notte di ricordi, fantasmi, tormenti raccontata nel fumetto dedicato a Yukio Mishima. Un viaggio tra le pieghe segrete e più autentiche della sua vita. Prefazione di Mario Vattani.

Come brace accesa

Woolf Virginia; Sackville-West Vita; Munafò E. (cur.)
Donzelli - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €

Diffido dell'immortalità. Conversazione con...

Borges Jorge L.; Heker Liliana
Castelvecchi - 2019

Disponibilità Immediata

12,00 €
«La parola "morte"? Mi suggerisce... una grande speranza. La speranza di smettere di essere. Sono sicuro, come mio padre, di morire corpo e anima. A volte mi sento un po' sfortunato - capita a tutti noi, soprattutto a un uomo che è solo, che è cieco, che ha senza dubbio alcuni cari amici, ma non molti, un uomo timido come me; a volte, mi sento triste». Così confessa nel 1980 Jorge Luis Borges, alla soglia degli ottant'anni, alla scrittrice argentina Liliana Heker che lo aveva incontrato per intervistarlo sulla vita e sulla morte. Borges ci parla con intimità di Dio, del suicidio di Gesù, della bellezza del buddismo, della vita segreta delle piante e del vero motivo della sua avversione per gli specchi, confida anche i suoi ricordi e racconta la vecchiaia, la speranza che gli suscitava il morire e la frustrazione che presagiva nel suo sogno di immortalità.

Nella casa dell'interprete

Ngugi Wa Thiong'o
Calabuig - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
«Come ha potuto un intero villaggio, la sua gente, la sua storia, tutto, svanire in questo modo?» Se lo chiede il giovane Ngugi wa Thiong'o, di ritorno nell'aprile 1955 dal college britannico vicino Nairobi che frequenta, quando scopre che il suo paese natale è sparito, e la sua casa di famiglia rasa al suolo. Lo scrittore rievoca con commozione le esperienze che lo trasformarono in un autore, più volte candidato al premio Nobel per la letteratura, e, in quanto dissidente politico, in un esempio morale per tutti. "Nella casa dell'interprete" è il feroce racconto della storia di un uomo e di una nazione.

Modernismo

Bradbury Dominic
Mondadori Electa - 2019

Disponibilità Immediata

90,00 €

Colette, vita di una donna anticonformista

Iacuzio Raffaella
Guida - 2019

Disponibilità Immediata

10,00 €
Sidonie Gabrielle Colette (1873-1954) ha celebrato l'apoteosi dell'adolescenza creando indimenticabili figure di adolescenti piccanti, sensuali, amorali come giovani bestie ma pervasi da una tenerezza struggente che ce li rende senz'altro simpatici come: Claudine (suo alter ego), Cheri, Gigi etc. La sua vicenda di scrittrice e attrice divisa da un marito despota e la passione per gli uomini e per le donne è così straordinariamente attuale da ispirare un recente film di successo con una protagonista perfetta: Keira Knightley.

Viaggi nella scrittura postmoderna

Zangrilli Franco
Homo Scrivens - 2019

Disponibilità Immediata

16,00 €
Nel mondo letterario contemporaneo è risaputo che i libri nascono dai libri. Jorge Luis Borges ci fa notare che ogni scrittore deve avere un "padre", uno scrittore da imitare e se non lo possiede è importante che se lo inventi. Il "piacere della lettura" fa scattare in letterari e scrittori l'entusiasmo e lo stimolo di parlare, di aggiungere qualcosa di significativo sul testo dell'autore ammirato. Così il testo diventa uno specchio paterno anche per il critico letterario. Anche i saggi in questo libro si sono fatti da sé attraverso gli anni, l'uno dopo l'altro. Sono stati il frutto della passione di rileggere le opere degli scrittori postmoderni, dai più noti come Bonaviri, Tabucchi, Pennacchi a nuovi autori emergenti come Putignano e tanti artisti nati dal laboratorio creativo di Homo Scrivens.

L'amicizia è la vera patria

Roth Joseph; Zweig Stefan
Castelvecchi - 2019

Disponibilità Immediata

12,50 €
Joseph Roth e Stefan Zweig ebbero un intenso rapporto epistolare, che consolidò la loro amicizia. A partire dagli anni Trenta, l'incalzare degli eventi politici invade inevitabilmente la sfera privata e professionale dei due scrittori, che sono costretti ad affrontare l'asprezza del nuovo clima intellettuale imposto da Hitler, verso cui anche molti editori e autori ebrei mostrano un'ingenua quanto fatale indulgenza. In lettere sincere e appassionate, mai tradotte in italiano, i due amici si scambiano giudizi, impressioni e commenti, dove la condizione privata si intreccia alla situazione generale. A un Roth caustico e rabbioso, che esorta l'amico fraterno a reagire con più decisione all'incombere della barbarie, risponde uno Zweig più rassegnato e disilluso, che ha iniziato il tormentato peregrinare in giro per il mondo, alla ricerca di un isolamento artistico e umano. Leggere queste lettere significa immergersi in uno dei periodi più bui della civiltà europea, attraverso lo sguardo di due testimoni che vissero quegli anni con intatta dignità e commovente sofferenza.

A San Francisco con Ferlinghetti

Campofreda Olga
Perrone - 2019

Disponibilità Immediata

13,00 €
Viaggio letterario all'interno della San Francisco della beat generation.

Il mondo antico negli scritti di Antonio Gramsci

Fonzo Erminio
Paguro - 2019

Disponibilità Immediata

15,00 €
Che ruolo ha avuto il mondo antico nella formazione intellettuale di Antonio Gramsci? In che modo e in che misura le sue conoscenze dell'età greco-romana hanno influito sull'elaborazione del suo pensiero politico? Sono queste le domande alla base del libro. Si consideri che Gramsci, sia durante la militanza politica giovanile, sia nella più approfondita riflessione dei Quaderni del carcere, fece spesso cenno alla storia e alla letteratura dell'età greco-romana, che menzionò a proposito di alcuni dei principali temi sui quali rifletteva: la «questione politica degli intellettuali», la cultura nazionale-popolare, il cesarismo, la coscienza di classe dei ceti subalterni. Le considerazioni sul mondo antico in genere erano frammentarie e disorganiche, ma non erano mai fini a sé stesse e rientravano nella più generale elaborazione teorica gramsciana. Il libro si sofferma soprattutto su alcuni temi: i cenni al mondo antico degli scritti giovanili, la metodologia e la filosofia della storia, le considerazioni sul latino e sul greco, l'origine del carattere non nazionale-popolare degli intellettuali italiani, il cesarismo, le origini del cristianesimo e il crollo dell'impero, ecc.

Il periodo Francavillese di Gabriele d'Annunzio...

Di Tizio Franco
Ianieri - 2019

Disponibilità Immediata

48,00 €
Il periodo dell'avventurosa vita di d'Annunzio che in questo volume viene ricostruito è quello da lui trascorso con la Gravina a Francavilla al mare, un periodo punteggiato da frequenti viaggi e permanenze in altre località e, nell'ultima fase, dominata da un nuovo legame amoroso, quello con l'inquieta Eleonora Duse. Non gli mancarono, anche in questi anni come già in quelli precedenti vissuti a Napoli, difficoltà economiche, nuove esperienze - particolarmente interessante la crociera in Grecia e affatto inaspettata la candidatura parlamentare -, ma la vena creativa di d'Annunzio non cessò di produrre nuove opere: nacquero infatti in quel tempo il "Trionfo della morte", "Le vergini delle rocce", "La città morta", il "Sogno di un mattino di primavera" e il "Sogno di un tramonto d'autunno". Quello che inoltre risalta dalla puntuale ricostruzione dell'autore è l'affermazione in Francia dell'opera letteraria e della stessa figura del Poeta, soprattutto grazie all'incessante mediazione del traduttore Hérelle. Ma in questo stesso periodo anche in altri paesi europei cresce la conoscenza della produzione dello scrittore. Tutto ciò viene ricostruito in un itinerario di vita quotidiana da Franco Di Tizio, con l'intento precipuo di offrire ai cultori dell'opera dannunziana e in genere della storia letteraria italiana uno strumento di conoscenza, di riflessione e di ulteriori approfondimenti. Ogni lavoro critico, infatti, deve valere come stimolo per altre ricerche e per nuovi giudizi, in una ideale catena che possa produrre, nel tempo, la storia della lettura di un'opera poetica.

«Cara Nerissa...». Lettere di Gabriele...

Giacon Maria Rosa
Carabba - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €
Muovendo dalle lettere di Gabriele d'Annunzio a Zina Hohenlohe, dal poeta ribattezzata Nerissa, il saggio lascia intravedere nuovi "frammenti" di vita dannunziana, l'ufficiale quanto la privata, lungo il periodo compreso tra il 1907-1908, quando lo scrittore dimorava alla Capponcina, e il 1921, anno del doloroso rientro da Fiume. Nel mezzo, il cruciale 1915 che vede d'Annunzio prender stanza a Venezia e installarsi alla Casetta rossa, l'affascinante dimora sul Canal Grande degli amici Zina e Friedrich Hohenlohe Waldenburg Schillingsfürst, ora esuli a Lugano. All'interno d'una tipologia d'analisi incrociata, il saggio si è avvalso di tutte le fonti utili a ricostruire la vicenda del poeta e tanto bene quella dei proprietari della Casetta rossa.

La parola in azione. Poesia e prassi...

Laneri Salvatore
Sicilia Punto L - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
Questo studio ricostruisce la parabola storica dell'Antigruppo siciliano attraverso il doppio filtro della produzione letteraria e della pratica culturale. La poiesis e la praxis risultano infatti talmente connesse nelle vicende Antigruppo da suggerire i metri di giudizio utili a un esame critico che di questo fenomeno prenda in considerazione, oltre al carattere prettamente letterario, anche quello politico.

«Secolo che ci squarti... secolo che ci...

Saccone Antonio
Salerno - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €
Il libro esamina episodi cruciali della tradizione del moderno quale si è venuta configurando nel Novecento italiano. Al centro dell'indagine la Grande Guerra, l'intreccio tra letteratura e scienza, la fusione tra le arti, le nuove percezioni dello spazio e del tempo, il modo in cui importanti autori del 'secolo breve', commentando classici del passato remoto e prossimo, interrogano se stessi. Sul proscenio Comisso e la sua avventura fiumana, l'antibellicismo di Palazzeschi, i futuristi interessati a coniugare apocalisse e rigenerazione dell'arte, a celebrare l'instantaneità del cinema, a proclamare una scienza che amplifichi l'ignoto, ad intensificare la creatività dell'avanguardia attraverso le invenzioni dello "scugnizzo" Cangiullo. E poi Quasimodo che discute del dualismo tra politica e poesia, Domenico Rea e La Capria, severi interpreti di Eduardo, il Dante letto da Montale, il racconto-saggio di Sciascia sulla scomparsa dello scienziato Majorana, Calvino che analizza gli 'scienziati' della letteratura latina, Primo Levi narratore della chimica e Luzi che rideclina, attraverso un confronto con i suoi maiores, una prospettiva della modernità su «conquiste altissime» e «abissi spaventosi».

La vita anteriore. Storia famigliare e...

Veglia Marco
Il Mulino - 2019

Disponibilità Immediata

28,00 €
Nel 1911, quando il filosofo Thomas E. Hulme definì Bologna «una perfetta città», non sapeva di rendere un tributo all'ambiente dov'era nato e cresciuto Riccardo Bacchelli. Il padre avvocato, a lungo presidente della Deputazione provinciale, poi deputato, fu uno dei pubblici amministratori più illuminati della città dello Studio. Il nonno materno, emigrato dalla Svizzera, governava la Società Nazionale del Gas in accordo col Comune. La dimora di famiglia, aperta e cosmopolitica, era una «casa civile d'alta coltura», dove Giuseppe Bacchelli e Anna Bumiller, al vertice della classe dirigente cittadina, crescevano i cinque figli in un clima autenticamente libero e liberale, umano e umanistico. «La vita anteriore» ricostruisce così la formazione di Riccardo Bacchelli fino alle soglie della Grande Guerra, tra l'esordio romanzesco con «Il filo meraviglioso di Ludovico Clò», gli scritti giornalistici affidati alla «Patria» e alla «Voce» fiorentina, per giungere ai «Poemi lirici». La storia amministrativa ed economica di Bologna viene perciò evocata nelle sue relazioni con la famiglia: i genitori, i fratelli Mario (un importante pittore della generazione di Giorgio Morandi), Beatrice, Giorgio, Guido, assumono via via il giusto rilievo accanto alla centrale figura del futuro demiurgo del «Mulino del Po». A esserne illuminata è un'intera stagione della nostra più alta cultura, capace di coniugare la solida raffinatezza della sua formazione con l'autentica responsabilità civile della modernizzazione del Paese.

Il narratore di Rifredi. Massimo Acciai...

Menzinger di Preussenthal Carlo
PSEditore - 2019

Disponibilità Immediata

14,90 €
Rifredi, un antico quartiere da scoprire seguendo uno scrittore che ci vive, Massimo Acciai Baggiani; amante del fantastico, ma con i piedi ben radicati nel territorio, che siano Firenze, il Casentino, il Mugello o le amate Dolomiti. Acciai da anni si muove con prolifica verve, affrontando i temi più disparati, collaborando con riviste e altri autori, realizzando opere a più mani, curando antologie e riviste. Il presente volume, curato da Carlo Menzinger di Preussenthal, ospita oltre all'analisi delle opere di Acciai e una sua intervista, alcuni racconti, poesie e testimonianze di chi lo ha conosciuto.

Eterotopia dell'identità nelle scene narrative...

Augieri Aldo
Milella (Lecce) - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
Ciò che soprattutto caratterizza questo libro di Aldo Augieri è la sua tessitura dialogica, che coinvolge il lettore, come è accaduto a me scrivendo questa introduzione, in un rapporto di comprensione rispondente, in cui la lettura diventa rinvio, rinvio ad altre parole, ad altri autori, ad altri testi: una "mistidiscorsività contagiosa di saperi", per usare un'espressione impiegata dallo stesso autore, a proposito di Roberta stasera di Klossowski. Potremmo parlare anche - nuovamente usando un'altra parola ricorrente nel libro - di "ospitalità": "ospitalità non indifferente". La persistenza dell'altro, dell'altro da sé e dell'altro di sé, che sfida continuamente l'"io delimitato come identità-idem, identità conclusa tra identificazione e medesimezza", comporta che la comprensione rispondente si ponga inevitabilmente in termini di responsabilità, non solo come dover rispondere di sé tramite gli alibi che offre la propria identità, ma anche come dover rispondere senza alibi all'altro e dell'altro, in un rapporto di differenza non-indifferente.

Per Primo Levi

Mengaldo Pier Vincenzo
Einaudi - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il saggio più antico, "Ciò che dobbiamo a Primo Levi", è del 1989; il più recente, "Il canto di Ulisse", è del 2018. Sono esattamente trent'anni che Pier Vincenzo Mengaldo, noto critico e storico della lingua italiana, studia i testi di Primo Levi, ne analizza la scrittura, ne individua il senso più profondo. La «lunga fedeltà» sfocia ora, in occasione del centenario della nascita di Levi, in questo volume, che tutti quegli studi raccoglie dalle sedi diverse dove sono stati originariamente pubblicati, dando loro una veste organica. La lingua di Primo Levi è classica e chiara, ma solo apparentemente semplice: in realtà procede per contrasti, con un lessico ricco di ossimori e di termini tecnici. Mengaldo, alternando momenti più dettagliatamente analitici ad altri di grande sintesi, la scompone e la ricompone per scoprirne i più riposti meccanismi, sempre in relazione con la necessità espressiva di cui è di volta in volta strumento. Ovviamente "Se questo è un uomo" è al centro delle indagini, ma molto spazio è dato alla "Tregua", forse il romanzo di Levi prediletto da Mengaldo, che ben individua le diverse strategie linguistiche dei due libri contigui. Non manca poi l'analisi linguistica dei testi più letterari e meno testimoniali di Levi, in particolare gli splendidi racconti del "Sistema periodico".

Bassani in redazione. Il carteggio con Italo...

Spila C. (cur.)
Giorgio Pozzi Editore - 2019

Disponibilità Immediata

15,00 €
Nei primi anni Cinquanta Giorgio Bassani, redattore della rivista «Botteghe Oscure», era una figura piuttosto nota nell'ambiente letterario. Italo Calvino gli scrisse e riuscì a pubblicare sulla rivista uno dei suoi primi racconti, "La formica argentina". Da quel momento, e fino alla metà degli anni Sessanta, la loro fu un'amicizia tutta letteraria: Calvino segue come redattore dell'Einaudi la prima raccolta narrativa di Bassani, "Cinque storie ferraresi", mentre Bassani pubblica su «Botteghe Oscure» il primo racconto lungo di Italo Calvino, "La speculazione edilizia". Le lettere qui raccolte - annotate e commentate da Cristiano Spila - non rappresentano solo uno spaccato dell'attività svolta dai due scrittori nelle rispettive case editrici (Giorgio Bassani sulla rivista «Botteghe Oscure» e in Feltrinelli, Italo Calvino all'Einaudi), ma gettano una nuova luce sul clima intellettuale dell'epoca e sul laboratorio creativo di due protagonisti assoluti della letteratura del Novecento.

Margutta 70

Petrollo Cetta
Zona - 2019

Disponibilità Immediata

16,00 €
In questo memoir, Cetta Petrollo racconta "una storia che era normale mentre la vivevo, ma adesso, nei miei ricordi e nel confronto con questi anni e con incontri più recenti, mi sembra straordinaria". Nel cuore di Roma, nella strada degli artisti e degli antiquari, l'affascinante e pittoresca Via Margutta, Cetta andò a vivere con il marito, il poeta, nonché critico teatrale e letterario, Elio Pagliarani. Erano gli effervescenti anni Settanta e quella casa - di cui appare l'ingresso in copertina, nella bella foto di Dino Ignani - divenne non solo il centro della loro vita intima e familiare, ma anche il fulcro di un'esperienza intellettuale e collettiva dalla quale nacquero cenacoli, riviste e laboratori di poesia. Lo sguardo in soggettiva dell'autrice si muove tra l'una e l'altra, inquadrando momenti privati e pubblici nei quali si respira il clima di quell'epoca rivoluzionaria e al tempo stesso drammatica, dalla quale presero vita importanti movimenti culturali e conquiste civili che il tempo, purtroppo, ha spento: prima nel cosiddetto "riflusso", poi nella lunga stagione di retroguardia che arriva fino ai giorni nostri.

Dov'è finito il pellegrino? Storie e vicende di...

Varnai Massimiliano
Pequod - 2019

Disponibilità Immediata

16,00 €
Massimiliano Varnai per due anni, dal 2016 al 2018, ha curato la rubrica "A pesca nel maremagnum" per maremagnum, il più importante portale italiano di libri antichi e fuori catalogo. Concentrando la sua ricerca sui libri che non sono più in commercio, ha pescato fra saggi non più ristampati, romanzi accantonati in fretta, prime edizioni, curiosità e strampalate operazioni editoriali del Novecento. In questo volume vengono dunque riproposte cento brevi storie di altrettanti libri da riscoprire e di cui andare in cerca. Passando da un suggerimento all'altro, ci si ritrova presto a familiarizzare con un'idea di libro curiosa, talvolta caustica e sospettosa, poco incline ad agevolare il collezionismo sfrenato ma attenta a inquadrare e valorizzare quanto l'uomo può aver, più o meno consapevolmente e per un breve attimo, fatto di buono attraverso una pubblicazione. Una nuova divertente poetica del libro.

La mia vita con Virginia

Woolf Leonard
Lindau - 2019

Disponibilità Immediata

24,00 €
Questo libro è la storia di un matrimonio narrata dal coniuge superstite, che con lo sguardo spregiudicato della vecchiaia ripercorre trent'anni di vita in comune. L'incontro, l'innamoramento, il primo affrontarsi di due identità molto diverse, e poi il fare comune, la tela di ragno dei giorni, le case, le cose, gli amici, i viaggi, l'esperienza di due guerre. Un matrimonio intessuto di fitti dialoghi e di silenzi, di contrasti e di complicità, quotidiano e tragico, concluso dal suicidio di lei. Forse lo si potrebbe leggere anche solo così, come un romanzo coniugale, se i due sposi non fossero, lei soprattutto, tra i protagonisti della cultura del '900; se la loro esistenza non fosse scandita dalla scrittura e dalla pubblicazione dei libri di lei, "Al faro", "La signora Dalloway", "Le onde"; se insieme non avessero avviato, a margine del loro lavoro di scrittori, una fortunata attività editoriale, la Hogarth Press, pubblicando T. S. Eliot, Katherine Mansfield, Freud, Gor'kij, Robert Graves e la stessa Virginia Woolf; se i loro amici non fossero stati J. M. Keynes, Lytton Strachey, Roger Fry, E. M. Forster: in breve, il leggendario gruppo di Bloomsbury. Il racconto di Leonard Woolf, con la sua «passione socratica per la verità» e la sua tenace volontà di «disseppellire i fatti», ha il potere di restituirci intatti il sapore di un'epoca e l'intimità di due grandi intellettuali.

Carolina Maria de Jesus. Una biografia ai...

Ciotta Neves Rita
Alpes Italia - 2019

Disponibilità Immediata

13,00 €
Questa biografia della scrittrice Carolina Maria de Jesus (1914-1977) vuole ripercorrere la vita e la produzione letteraria di una singolare protagonista della letteratura brasiliana e raccontare alcuni momenti fondamentali della storia del grande paese sudamericano: dal periodo coloniale fino alla sua affermazione come paese moderno e la prima industrializzazione negli anni '50, quando inizia la grande urbanizzazione e nascono le prime favelas. Carolina, nera, nubile e madre di tre figli, vive nella favela Canindé, alla periferia di São Paulo, quando nel 1960 viene scoperta da un reporter brasiliano, che le permette di pubblicare il suo primo libro, "Quarto de Despejo", un diario della durissima vita dei favelados. Il libro le darà un inatteso e straordinario successo letterario, anche se effimero. L'avvento della dittatura militare in Brasile e l'abbandono dei media, la respingeranno, infatti, nell'oblio e nella miseria. Carolina non smetterà mai di scrivere: diari, un romanzo, poesie, testi teatrali. Considerata tra i primi e più significativi esempi di Letteratura Nera brasiliana, Carolina è una delle protagoniste della Letteratura Marginale.

Passato prossimo. Letteratura, storia e politica

Muraca Giuseppe
Ombre Corte - 2019

Disponibilità Immediata

14,00 €
In più di quarant'anni di attività Giuseppe Muraca ha collaborato ad almeno una cinquantina di testate giornalistiche e di riviste, più o meno importanti. Dal suo esordio tanto tempo è passato: dall'egemonia del marxismo si è passati all'egemonia del pensiero unico e l'intellettuale ha perso la sua vecchia identità ed è diventato "massa". In questi articoli e in queste interviste l'autore scrive, tra l'altro, di alcuni degli scrittori e degli studiosi più rappresentativi del Novecento: da Aldo Palazzeschi a Ardengo Soffici, da Carlo Muscetta a Franco Fortini, da Luciano Della Mea a Luciano Bianciardi, da Alberto Asor Rosa a Romano Luperini ecc., fino ad arrivare a Carmine Abate, un narratore del nostro tempo. I principali nodi affrontati sono il rapporto fra avanguardia e tradizione e tra politica e cultura. In tutto questo lungo arco di tempo la domanda che offre molteplici risposte è sempre la stessa: il ruolo dell'intellettuale, il suo peso nella società e il suo ruolo nel cambiamento. Temi attuali, ieri come oggi. Passato prossimo è quindi un libro da leggere, per capire il passato e il presente e per pensare a un futuro migliore, per tutti.

Nati nel 1900

Saladino Valeria
Altromondo Editore di qu.bi Me - 2019

Disponibilità Immediata

10,00 €
L'idea della raccolta nasce da un episodio curioso in cui la scrittrice intervista un bambino: riferendosi a degli attori teatrali, usò l'espressione "loro sono nati nel 1900", non per collocarli in un'epoca diversa ma per testimoniare la sua vicinanza al loro modo di esprimersi. La complessità di questo pensiero accende in lei delle riflessioni su cosa rappresenta la poesia, facendo risvegliare anche la passione per la scrittura.

La parola agganciata all'immagine e altri saggi...

Sirangelo Emilia
Macabor - 2019

Disponibilità Immediata

7,00 €
In questo gruppo di saggi brevi di Emilia Sirangelo viene trattata l'opera di quattro autori del secolo scorso, visti da un dato punto di vista, che può essere per alcuni il diletto per una forma d'arte che esula dalla scrittura, come nel caso di Buzzati; che può essere un'opera, come nel caso di Rosetta Loy e Dacia Maraini; che può essere un dato modo di vedere, percepire il mondo, testimoniato da alcuni brani poetici, come nel caso di Alfonso Gatto. Quattro autori del nostro tempo, quattro angolature da cui sbirciare il Novecento letterario italiano, da cui osservare come le cose stavano cambiando, in quegli scorci di secolo.

Le autobiografie della Grande guerra. La...

Giannantonio Valeria
Società Editrice Fiorentina - 2019

Disponibilità Immediata

26,00 €
Se la storia è molto spesso insegnamento, stimolo alla riflessione, esempio per la costruzione di un futuro migliore, la prima guerra mondiale, scoppiata a conclusione del Risorgimento italiano, si configurò come lo sbocco di sedimentazioni ideologiche radicatesi negli anni anteriori. Alle sentite e contingenti ragioni patriottiche, comprese tra le istanze liberali del governo giolittiano, le spinte nichiliste, rivoluzionarie, bellicistiche, eroiche degli irredentisti, e l'indole pacifista di certi intellettuali, si unì il disincanto delle masse e di quanti furono chiamati alle armi soprattutto per rimpinguare le linee di frontiera e popolare le orribili trincee. Il libro, attraverso la rilettura della memorialistica di guerra, scritta "a caldo" o dopo il conflitto, per non dimenticare ed esorcizzare il futuro, si concentra sulle testimonianze di autori come Gadda, Fenoglio, Pastorino, Palazzeschi, D'Annunzio, Prezzolini, o meno noti, come Scarpa, Monelli, Frescura, Stanghellini, Scortecci. Più che sulle ragioni contingenti (la questione, cioè, delle terre irredente), si è preferita operare una ricostruzione dall'interno dei sentimenti, degli stati d'animo, delle reazioni psicologiche degli scrittori, estendendo l'esegesi anche ad alcuni testi ispirati al secondo conflitto mondiale, nel quadro di una considerazione vichiana della storia, fatta di "corsi" e "ricorsi". Entro il comune registro di coordinate interiori, desolanti e rovinose, si è inteso così delineare il profilo identitario dell'uomo del cosiddetto "secolo breve", che ha ancora oggi raggiunto una stabilità definitiva in termini di pace e di libertà.