Bernagozzi G.

Bernagozzi G.

Crescita e sviluppo economico nel...

Bernagozzi G.
Lint Editoriale

Non disponibile

18,00 €
Il volume raccoglie gli atti del convegno "Crescita e sviluppo economico nel 5° anno della crisi: come cambiare" organizzato della Fondazione Manlio Resta onlus a Trieste, in occasione del 30° anniversario della scomparsa dell'economista Manlio Resta (1908-1983), che nella locale Università aveva insegnato dal 1954 al 1965, dirigendo anche l'Istituto di economia. Nei suoi anni "triestini", Resta fu incaricato di curare un numero monografico della rivista dell'ABI "Bancaria" (fascicolo n. 5 del 1955) dedicato all'economia della città, che fornì un contributo fondamentale per la conoscenza dell'economia triestina rappresentando, nel contempo, anche una tappa fondamentale per i suoi studi sui problemi strutturali dei territori. La scuola dello "strutturalismo", tuttavia, non ha avuto grande diffusione, ed è difficile non supporre che la mancata soluzione dei "problemi strutturali" evidenziati dall'attuale crisi - a cui sono dedicati i contributi raccolti nel presente volume - non dipenda anche da questa scarsa diffusione.

Lo sviluppo di Verona, del Veneto e...

Bernagozzi G.
CEDAM

Non disponibile

32,50 €
Nei giorni 16/17 giugno 2011, presso l'Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona si è svolto il convegno dal titolo "Nord Est - Veneto Verona. Quale sviluppo?", che è stato organizzato della Fondazione Manlio Resta Onlus nella Città scaligera anche per ricordare che, nei primi anni '60, l'economista Manlio Resta (1908 - 1983) contribuì all'avvio della "Libera Università di Verona" e fu anche il coordinatore del "Gruppo di lavoro per lo sviluppo economico della Provincia di Verona". Gli atti del convegno sono raccolti in questa opera, la seconda pubblicata dalla Fondazione dopo gli "Scritti in onore di Manlio Resta" (CEDAM, 2010), nel cui titolo la domanda è stata però ribaltata ne "Lo sviluppo di Verona, del Veneto e del Nord Est: un modello esportabile all'intero Paese?" perché, come le risultanze del convegno hanno vieppiù sottolineato, la "ricetta" del modello di sviluppo del Nord Est si basa su molti "ingredienti", ma fra questi ce n'è uno senza il quale anche il più sapiente dei cuochi si rifiuterebbe perfino di entrare in cucina, ed è la propensione all'innovazione e al cambiamento.