Arte e architettura del paesaggio

Active filters

Nel giardino cinese della...

Zangheri Luigi
Olschki

Disponibile in libreria

38,00 €
Incredibile avventura, tanto lirica che delirante, nel 1977, stata considerata da Fernand Pouillon l'architettura dei Padiglioni Europei che vennero commissionati dall'imperatore Qianlong ai gesuiti nel Giardino della LuminositPerfetta. Furono realizzati in tre fasi distinte tra il 1747 e il 1783 sotto la guida di Giuseppe Castiglione con l'intervento di Ferdinando Moggi e Ignaz Sichelbarth per l'architettura e di Michel Benoist per l'idraulica. Danneggiati gravemente durante la Seconda Guerra dell'Oppio dalle truppe del Regno Unito e di Napoleone III, ne sono state musealizzate le rovine.

Progettare nel paesaggio naturale....

Marzano Pia
Quodlibet

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
L'architettura cilena si sempre dovuta confrontare con un territorio di grande scala, accogliente e includente, un paesaggio naturale percepito come remoto e vergine. A differenza dell'Europa, dove il monumentale viene stabilito dall'architettura, in America il riferimento principale dato dalla geografia. Questa visione culturale del paesaggio porta a concepire l'architettura a partire da un dialogo costante con la natura. Fondare costruzioni sul territorio e umanizzare il paesaggio diventano i due cardini della relazione tra Uomo e Natura e queste due azioni di definizione dei luoghi rappresentano anche i due paradigmi dell'architettura cilena contemporanea. In questo libro l'autrice svolge una disamina degli ultimi vent'anni della produzione architettonica cilena con l'intento di rivelare i meccanismi che ne regolano il rapporto uomo-natura-architettura, facendo particolare attenzione all'influenza della dimensione territoriale nel processo di progettazione.

IFAU '18. Territori fragili....

Gangemi

Non disponibile

140,00 €
"IFAU 2018 - 2nd International forum on architecture and urbanism" ha lo scopo di portare a confronto docenti, ricercatori e studiosi per condividere e scambiarsi le proprie esperienze e risultati di ricerca su tutti gli aspetti legati a paesaggi_città_architetture all'interno di territori fragili. Ha anche lo scopo di offrire un foro interdisciplinare per ricercatori, professionisti e docenti per presentare e discutere le innovazioni e i trend più recenti, problemi e sfide affrontate e le soluzioni adottate per i territori fragili nelle città in transizione. Il forum concentrerà la propria attenzione su paesaggi, città e architetture localizzati all'interno di contesti e territori che rivelano una loro fragilità. La seconda edizione ampia i propri orizzonti tramite una serie di sguardi incrociati attraverso l'euro regione adriatica-ionica, da poco istituzionalizzata ed estesa oggi anche alla regione balcanica. La fragilità di contesti e territori è infatti di molteplice natura. Esiste una fragilità dei territori dovuta a fenomeni naturali (terremoti, frane, alluvioni, incendi, siccità, ecc.) che creano situazioni di rischio sismico, idrogeologico ed ambientale che caratterizzano gran parte dell'Italia centrale e della regione adriatica e dei Balcani. Esiste una fragilità economica e sociale soprattutto nei territori interni dove si riscontrano condizioni di vita e di lavoro precarie dovute allo spopolamento, all'emigrazione e alla generalizzata crisi economica. Esiste una fragilità politica e sociale in quei territori che non hanno ancora raggiunto una stabilità e che sono stati interessati, anche recentemente, da fenomeni bellici e terroristici. Esiste una fragilità di quei territori attraversati da grandi flussi di migranti che si spostano da luoghi di conflitto verso luoghi dove ricercano una vita ordinaria e pacifica. Esiste una fragilità religiosa, linguistica ed etnica a seguito di tensioni ataviche e storiche laddove non si è ancora creata armonia e condivisione tra persone simili ma provenienti da credi, idiomi ed origini diverse. Esiste una fragilità del territorio agricolo che spesso non è più in grado di essere competitivo rispetto a produzioni industrializzate e non riesce a mantenere l'antico equilibrio tra paesaggio e produzione. Esiste una fragilità ambientale a seguito dell'inquinamento, della dispersione di rifiuti, di emissioni dannose che compromettono in maniera irreversibile il nostro habitat, sia naturale che antropizzato. Esiste una fragilità culturale nei luoghi dove la modernizzazione e globalizzazione non sono riuscite a svilupparsi in armonia con le tradizioni e le storie locali. Ma soprattutto tutte le nostre città sono interessate da fenomeni di abbandono e dismissione di aree centrali, periferiche e periurbane che creano una fragilità che diventa sempre più evidente e determina uno stravolgimento del senso dei luoghi e delle città. A questa si accompagna una dismissione di edifici, fabbriche, officine, magazzini e costruzioni di vario genere, che hanno perso la loro primaria funzione e sono abbandonati o in attesa di una nuova vita.

Sulla costa. La forma del costruito...

Antoniadis Stefanos
Anteferma Edizioni

Non disponibile

24,00 €
Con questo libro si intende proporre una lettura possibile del costruito litoraneo meno considerato del Sud d'Europa, che modelli e strumenti positivistici hanno spesso, e continuano a farlo, in qualche modo rifiutato. Oggetto della ricerca è pertanto quel paesaggio contemporaneo dei segmenti costieri del Mediterraneo fatto di geografia e di objets trouves, forme e materiali ordinari, architetture "non accreditate" esito di pratiche dopotutto non sempre trasparenti - tratti di città informali litoranee, prodotti di autocostruzione, abusivismo e ambiguità normativa - ma che possono interessare non poco chi si occupa di territorio antropizzato odierno.

Torino. Guida all'architettura

Chiorino Cristiana
Dom Publishers

Disponibile in libreria in 3 giorni

38,00 €
Torino, la company town italiana per eccellenza, legata durante tutto l'arco del XX secolo allo sviluppo dell'industria automobilstica e della Fiat, da circa venti anni ha avviato un profondo processo di trasformazione alla ricerca di una nuova identità urbana. La città è diventata un laboratorio per la riconversione del patrimonio postindustriale, anche in occasione dei Giochi Olimpici Invernali del 2006. Questi mutamenti hanno lasciato tracce significative nel tessuto urbano. Oltre alla sua storia industriale, Torino sorprende anche con la sua architettura barocca, che ha portato la città alla ribalta della popolarità internazionale tra gli architetti e oggi diffusamente restaurata, e con capolavori dell'architettura moderna italiana, come le opere di Pier Luigi Nervi e di Carlo Mollino. Questa guida presenta una sequenza di 150 edifici, dal 1900 ai giorni nostri. Presentati secondo una serie di itinerari che partono dal centro del quadrilatero romano e barocco e si dirigono verso le aree esterne della città metropolitana, fino a Ivrea - la città industriale costruita intorno alla Olivetti - e alle Langhe, recentemente riconosciute dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'Umanità.

Torino. Guida all'architettura....

Chiorino Cristiana
Dom Publishers

Non disponibile

38,00 €
Torino, la company town italiana per eccellenza, legata durante tutto l'arco del XX secolo allo sviluppo dell'industria automobilstica e della Fiat, da circa venti anni ha avviato un profondo processo di trasformazione alla ricerca di una nuova identità urbana. La città è diventata un laboratorio per la riconversione del patrimonio postindustriale, anche in occasione dei Giochi Olimpici Invernali del 2006. Questi mutamenti hanno lasciato tracce significative nel tessuto urbano. Oltre alla sua storia industriale, Torino sorprende anche con la sua architettura barocca, che ha portato la città alla ribalta della popolarità internazionale tra gli architetti e oggi diffusamente restaurata, e con capolavori dell'architettura moderna italiana, come le opere di Pier Luigi Nervi e di Carlo Mollino. Questa guida presenta una sequenza di 150 edifici, dal 1900 ai giorni nostri. Presentati secondo una serie di itinerari che partono dal centro del quadrilatero romano e barocco e si dirigono verso le aree esterne della città metropolitana, fino a Ivrea - la città industriale costruita intorno alla Olivetti - e alle Langhe, recentemente riconosciute dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'Umanità. Introduzione di Michela Rosso.