Luconi Stefano

Luconi Stefano

La «nazione indispensabile». Storia...

Luconi Stefano
Le Monnier Università

Disponibile in libreria in 3 giorni

26,00 €
Sviluppo di colonie europee fondate nel Seicento in America Settentrionale a ridosso dell'Atlantico, gli Stati Uniti sono assurti alla primazia mondiale in meno di quattro secoli. Mentre hanno esteso i propri confini fino al Pacifico e al golfo del Messico nel corso dell'Ottocento, si sono trasformati da Paese agricolo in potenza industriale che ambiva non solo alla conquista dei mercati internazionali, ma anche a propagare all'estero il proprio modello sociale, politico ed economico in nome della diffusione di ideali di libertà che, a causa del radicamento della schiavitù fino al 1865 e della successiva discriminazione degli afroamericani, hanno rappresentato una conquista sofferta e osteggiata perfino sul piano nazionale. Arrogatisi la rappresentanza della democrazia contro l'autoritarismo e il totalitarismo nel Novecento, gli Stati Uniti hanno goduto di un decennio di egemonia apparentemente incontrastata alla fine del secolo per poi assistere al ridimensionamento della propria leadership in seguito all'emergere di nuove sfide globali e al manifestarsi di un senso di stanchezza verso gli impegni internazionali, ribadito sotto l'amministrazione Trump.

L'ombra lunga del fascio: canali di...

Luconi Stefano
M & B Publishing

Disponibile in libreria in 5 giorni

17,00 €
Negli anni precedenti lo scoppio della seconda guerra mondiale, il regime fascista godette di un vasto seguito nelle comunità italiane degli Stati Uniti. Questo fenomeno è stato documentato e studiato nelle sue motivazioni, ma scarso rilievo ha invece ricevuto l'analisi dei mezzi propagandistici che contribuirono a renderlo possibile. Sulla base di una documentazione in larga parte inedita, questo volume analizza l'uso degli strumenti attraverso i quali il fascismo incoraggiò e coltivò tale consenso, privilegiando quei canali che più si addicevano a raggiungere un gruppo etnico caratterizzato da un diffuso analfabetismo, in un contesto che stava vedendo l'affermazione di nuovi mezzi di comunicazione di massa.

L'immigrazione negli Stati Uniti

Luconi Stefano
Il Mulino

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Gli Stati Uniti sono stati a lungo meta privilegiata per quanti erano costretti ad abbandonare il proprio paese per ragioni religiose, politiche ed economiche, e l'immigrazione è uno dei tratti costitutivi della società americana. Questo volume ripercorre le vicende di tali flussi migratori dall'epoca coloniale alla controversia riguardante la riforma della legislazione sull'immigrazione durante la campagna per le elezioni presidenziali del 2008. Particolare attenzione viene conferita ai fattori d'attrazione offerti dalla realtà americana, a quelli d'espulsione dai luoghi di provenienza dei nuovi arrivati e al loro mutamento nel tempo, all'interazione dei neoamericani con la patria d'adozione, all'atteggiamento di quest'ultima verso i suoi nuovi membri, alle implicazioni sociali, economiche e politiche dell'immigrazione, alle misure legislative che l'hanno regolamentata nonché al suo contributo al processo di nation building e alla definizione della natura multietnica, multirazziale e multiculturale dell'odierna società statunitense.

Le relazioni tra Italia e Stati...

Ducci Lucia
Carocci

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
Il volume ricostruisce i rapporti fra l'Italia e gli Stati Uniti dagli anni del Risorgimento alle ripercussioni degli attentati dell'11 settembre 2001, con particolare attenzione alla dimensione politico-istituzionale ma senza trascurare aspetti come i flussi migratori e la diplomazia culturale. Evidenzia come, partendo da una situazione di sostanziale indifferenza, le relazioni si siano poi intensificate dal primo conflitto mondiale, fino a quando, con la Guerra fredda, il governo italiano ha reso gli Stati Uniti l'interlocutore privilegiato, in parte abdicando alla sua sovranità e assoggettando la propria politica estera agli orientamenti americani, per perseguire una ricerca di status internazionale che ha continuato a fare affidamento su Washington anche dopo la fine del conflitto tra i blocchi.

L'anima nera degli Stati Uniti....

Luconi Stefano
CLEUP

Non disponibile

28,00 €
Questo volume ricostruisce le vicissitudini dei neri negli Stati Uniti e le loro iniziative per superare il relegamento ai margini della nazione dalle colonie all'amministrazione Trump. I primi africani giunsero in America del Nord quasi contemporaneamente alla colonizzazione europea. Le vicende dei neri, quindi, sono un aspetto centrale della storia statunitense, anche perché essi costituirono la minoranza più numerosa del Paese fino all'inizio del XXI secolo. Inoltre, gli afro-americani subirono la schiavitù fino al 1865 e la segregazione nel Sud nei cent'anni successivi. Ancora oggi sono vittime di discriminazioni. Esaminare la loro esperienza permette di valutare quanto gli Stati Uniti si siano dimostrati all'altezza degli ideali di eguaglianza e libertà sui quali hanno fondato la propria esistenza e la pretesa di esportare il loro modello politico, economico e sociale.

Il sistema istituzionale degli...

Luconi Stefano
goWare

Non disponibile

10,99 €
Conoscere la storia, il funzionamento, le relazioni tra i poteri dello Stato sovrano e i principi fondamentali del sistema istituzionale americano, è oggi qualcosa che va al di là della semplice curiosità, alla luce della globalizzazione del mondo e del ruolo che vi stanno svolgendo gli Stati Uniti d'America. È qualcosa di indispensabile per capire quello che sta accadendo intorno a noi. In questo saggio, agile e scorrevole, Stefano Luconi, studioso di storia americana, delinea le principali caratteristiche delle istituzioni degli Stati Uniti, prendendo in considerazione non solo il loro assetto odierno ma anche la loro trasformazione nel corso del tempo, dall'indipendenza del Paese alla presidenza di Donald Trump. Pur senza trascurare la dimensione locale, approfondisce la sfera federale, analizzando le prerogative del potere esecutivo, di quello legislativo e di quello giudiziario. Nell'esaminare i rapporti e le interazioni tra tali poteri nell'ambito degli sviluppi del federalismo, ricostruisce il complessivo rafforzamento delle competenze del presidente dell'Unione e illustra gli strumenti ideati per mantenere l'equilibrio tra le tre maggiori istituzioni.

Gli afro-americani. Quattro secoli...

Luconi Stefano
CLEUP

Non disponibile

24,00 €
La popolazione di origine e ascendenza africana ha costituito la minoranza più numerosa nella nazione americana dal momento della nascita degli Stati Uniti come paese sovrano nel 1776 fino alla prima decade del terzo millennio. Anche da un solo punto di vista quantitativo, le vicende di questo gruppo si configurano come un tassello significativo e imprescindibile per ricostruire e comprendere la storia degli Stati Uniti. Inoltre, l'esperienza degli afro-americani ha presentato elementi peculiari per riflettere sul modello di società elaborato dagli Stati Uniti e proposto da Washington al resto del mondo nel corso del tempo. Soggette in misura preponderante alla schiavitù fino al 1865 e alla segregazione razziale nelle regioni del sud nell'arco dei successivi cent'anni, oltre che a forme di discriminazione che si sono mantenute in parte fino ai nostri giorni, le condizioni di vita dei neri hanno rappresentato una contraddizione palese con gli ideali di eguaglianza e di libertà in base ai quali gli Stati Uniti hanno legittimato la propria esistenza e hanno motivato l'ambizione di esportare e diffondere il proprio sistema politico, economico e sociale.

Gli afro-americani dalla guerra...

Luconi Stefano
CLEUP

Non disponibile

18,00 €
L'elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti nel 2008 sembra aver costituito la tappa finale del cammino degli afro-americani verso l'integrazione. Il fatto che una persona di colore sieda alla Casa Bianca appare una prova incontrovertibile del superamento della discriminazione di cui i neri sono stati a lungo vittime nonché della fine dei privilegi di cui hanno goduto i bianchi nella società statunitense. Buona parte degli afro-americani, però, si sente ancora penalizzata dal colore della pelle in campo economico, sociale e giudiziario. In effetti, a danno dei neri permangono sperequazioni nel reddito, nell'amministrazione della giustizia e nella qualità della vita. Per capire in quale misura il successo politico di Obama rappresenti una svolta reale nella questione razziale, questo volume ripercorre la condizione degli afroamericani e i loro rapporti con i bianchi dalla guerra civile a oggi, ponendo in risalto i limiti e le contraddizioni del processo di integrazione.

La questione razziale negli Stati...

Luconi Stefano
CLEUP

Non disponibile

16,00 €
La candidatura di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti sembra la tappa finale del cammino degli afro-americani verso l'integrazione. La possibilità che una persona di colore sieda alla Casa Bianca appare una prova incontrovertibile del superamento della discriminazione di cui i neri sono stati a lungo vittime. Però, buona parte degli afro-americani si sente ancora penalizzata dal colore della pelle in campo economico, sociale e giudiziario. In effetti, a danno dei neri permangono sperequazioni nel reddito, nell'amministrazione della giustizia e nella qualità della vita. Per capire in quale misura l'emergere di Obama rappresenti una svolta reale nella questione razziale, questo volume ripercorre la condizione degli afro-americani e i loro rapporti con i bianchi dalla fine della guerra civile a oggi, ponendo in risalto i limiti e le contraddizioni del processo di integrazione.

La «nazione indispensabile». Storia...

Luconi Stefano
Mondadori Education

Non disponibile

19,00 €
Sviluppo di colonie europee fondate nel Seicento in America Settentrionale a ridosso dell'Atlantico, gli Stati Uniti sono assurti alla primazia mondiale in meno di quattro secoli. Mentre hanno esteso i propri confini fino al Pacifico e al golfo del Messico nel corso dell'Ottocento, si sono trasformati da Paese agricolo in potenza industriale che ambiva non solo alla conquista dei mercati internazionali, ma anche a propagare all'estero il proprio modello sociale, politico ed economico in nome della diffusione di ideali di libertà che, a causa del radicamento della schiavitù fino al 1865 e della successiva discriminazione degli afroamericani, hanno rappresentato una conquista sofferta e osteggiata perfino sul piano nazionale. Arrogatasi la rappresentanza della democrazia contro l'autoritarismo e il totalitarismo nel Novecento, gli Stati Uniti hanno goduto di un decennio di egemonia apparentemente incontrastata alla fine del secolo per poi assistere oggi al ridimensionamento della propria leadership per l'esplodere di contraddizioni interne e l'emergere di nuove sfide internazionali.